Torna a Surriento

805 views

Published on

La famosa canzone napoletana non è una canzone d'amore, ma di ... contestazione.

Published in: Entertainment & Humor
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
805
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Torna a Surriento

  1. 1. Torna a Surriento Di Giambattista ed Ernesto De Curtis. 1902 Torna a Surriento è una canzone alquanto particolare, ascoltatela sino alla fine.
  2. 2. Eseguita dai tre Tenori: Luciano Pavarotti, Placido Domingo, Josè Carreras Los Angeles, Coliseum, California, USA , 1994
  3. 3. Avanzamento automatico. Non cliccare.
  4. 4. Vide 'o mare quant'è bello! Spira tanto sentimento .
  5. 5. Comme tu a chi tiene a mente Ca scetato 'o faje sunnà.
  6. 6. Guarda, qua chistu ciardino; Siente sie‘, sti sciure ‘e arance.
  7. 7. Nu profumo accussì fino Dinto 'o core se ne va...
  8. 8. E tu dice "Ie' parto, addio!" T'alluntane da stu core…
  9. 9. Da sta terra dell'ammore... Tiene 'o core 'e nun turnà
  10. 10. Ma nun me lassà Nun darme stu turmiento! I
  11. 11. Torna a Surriento, Famme campà!
  12. 12. Vide 'o mare de Surriento, Che tesoro tene 'nfunno.
  13. 13. Chi ha girato tutto 'o munno Nun l'ha visto comm'a ccà.
  14. 14. Guarda attuorno sti ssirene, Ca te guardano 'ncantate
  15. 15. E te vonno tantu bene... Te vulessero vasà.
  16. 16. E tu dice "Ie' parto, addio!" T'alluntane da stu core…
  17. 17. Da sta terra dell'ammore... Tiene 'o core 'e nun turnà
  18. 18. Ma nun me lassà Nun darme stu turmiento! I
  19. 19. Torna a Surriento, Famme campà!
  20. 20. Sorrento agli inizi del ‘900 .
  21. 21. Sembrerà strano, ma questa non è una canzone d’amore come tante canzoni napoletane, è dedicata invece ad un uomo politico. Nel Settembre del 1902 il Presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli si recò in visita ufficiale a Sorrento ospite del Grand Hotel, l'albergo in cui lavorava come affreschista Giambattista De Curtis. A quei tempi la situazione a Sorrento era catastrofica: strade sconnesse, case diroccate, servizi inesistenti. Per invogliare il Presidente Zanardelli a fare qualcosa al più presto, Guglielmo Tramontano, il proprietario dell'albergo, cerca di convincerlo a fare aprire in paese almeno un ufficio postale. Per essere ancora più convincente, chiede ai fratelli Giambattista ed Ernesto De Curtis di scrivere una canzone per l'illustre ospite. E così il giorno dopo, al momento della sua partenza da Sorrento, Zanardelli si sente dedicare un'improvvisata "Torna a Surriento". Dopo un paio d'anni, riveduta e corretta, la canzone partecipa alla festa di Piedigrotta e diventa un grande successo internazionale. E Sorrento ebbe un bell'ufficio postale. By Sal . . Fine .

×