“Le genti del bel paese là
dove ‘l sì no suona”
La democrazia partecipativa
I cittadini partecipano al governo della cosa
pubblica in assemblee e incontri pubblici,
contr...
I vantaggi
● Autorappresentazione della società
● Diffusione del potere
● Ripresa di fiducia nell’azione pubblica
● Valori...
dibattito pubblico in Svizzera sui Minareti
Partire dal basso per “sedersi in alto”
In Francia
Il débat public
● Si istituisce e si codifica tra l’inizio degli anni novanta e i
primi anni del duemila. Prevede:
○ l’ist...
La CNDP
● La Commissione nazionale per il dibattito pubblico, autorità
indipendente, istituita nel 1995, viene rafforzata ...
La struttura del dibattito
● Fase di predisposizione dei materiali
● Incontri preparatori
● Campagna informativa
● Calenda...
In Gran Bretagna
● I principali progetti di infrastrutture di mobilità
vengono delineati negli obiettivi e nelle prime
ipotesi allocative d...
● La Highway Agency si occupa della rete
stradale strategica (principali tratte interurbane
e importanti tratte urbane, co...
Le consultazioni
● La consultazione a livello locale è legata alla definizione
del progetto esecutivo e al suo inserimento...
Code of Practice on Consultation
● E’ un documento che regola le forme di consultazione per le
principali opere pubbliche....
Finalità del Code of Practice on
Consultation
● Dare indirizzi per migliorare le forme di
consultazione per le principali ...
Negli Usa
Grassroot lobbying
● Attività di lobby svolta attraverso l’attivazione di
terze parti che sollecitano l’opinione pubblica ...
Strumenti
● campagne di mailing
● telefonate ai politici
● class action
● manifestazioni
● campagne di
comunicazione
Il Consensus Building
● Indica la mediazione dei conflitti per costruire
scelte condivise. E’ applicato nelle politiche
pubbliche e nella proget...
● E’ stato sperimentato per la bonifica
ambientale di un deposito di scorie nucleari, e
per la definizione delle specie da...
Come funziona
● Convocazione e istituzione del tavolo
● Esplorazione
● Mediazione
● Costruzione di un accordo di mutuo int...
E in Italia?
● Una depressione lunga 20 anni.
● L’indecisionismo della seconda
repubblica.
● Il “cambio di paradigma”
Il contesto
Siamo tutti Nimby
I 354 no del 2012
Tipologie di impianti
contestati
Numero %
Produzione di energia
elettrica
192 54,2
Rifiuti 46 13,0
Termovalorizzatori 28 7...
Tipologie dei contrari
Soggetti %
Comitati di cittadini 24,4
Soggetti politici locali 20,7
Comuni 18,3
Associazioni ambientaliste locali 8,1
Orga...
Le motivazioni
Motivazioni %
Impatto sull’ambiente 37,3
Carenze procedurali 15,5
Effetti sulla qualità della vita 13,3
Inquinamento 8,7
E...
Forme di comunicazione
Strumenti %
Comunicazioni alla stampa 26,7
Incontri pubblici 22,0
Manifestazioni/Sit-in 18,1
Internet e social media 12,5
...
● Il MOSE (modulo
sperimentale
elettromeccanico) di
Venezia è una delle
poche grandi opere
che il paese sta
portando a ter...
Che cos’è il MOSE ?
● Il MOSE difenderà Venezia dalle acque alte,
isolando la laguna di Venezia dal mare
Adriatico. E’ cos...
I numeri del MOSE
● 2003 - inizio lavori
● 2013 - nell’anno stanziati 4,987 miliardi di euro
● 2016 - fine prevista dell’o...
Come si esce dall’impasse?
Lo stato dell’arte: le proposte in
discussione.
● 30 ottobre 2012- approvato DDL Passera che
introduce in Italia la consul...
No Tav , No Ilva , No Expo
● Dopo la grande manifestazione dello scorso
week end, resta da capire se nonostante le
354 ope...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Fattore nimby e débat public

343 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
343
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Fattore nimby e débat public

  1. 1. “Le genti del bel paese là dove ‘l sì no suona”
  2. 2. La democrazia partecipativa I cittadini partecipano al governo della cosa pubblica in assemblee e incontri pubblici, contribuendo con proposte e osservazioni alle scelte e alle decisioni. Le proposte dei cittadini vengono discusse e vagliate attraverso procedure normate.
  3. 3. I vantaggi ● Autorappresentazione della società ● Diffusione del potere ● Ripresa di fiducia nell’azione pubblica ● Valorizzazione delle particolarità ● Composizione dei conflitti ● Capacitazione (empowerment): democrazia dei giovani e delle minoranze
  4. 4. dibattito pubblico in Svizzera sui Minareti Partire dal basso per “sedersi in alto”
  5. 5. In Francia
  6. 6. Il débat public ● Si istituisce e si codifica tra l’inizio degli anni novanta e i primi anni del duemila. Prevede: ○ l’istituzione di una Commission Nationale du Débat Public (CNDP) ○ la formalizzazione delle modalità di intervento della CNDP per ogni singola opera (tempi di svolgimento, prodotti del processo, forme di trasparenza e pubblicità)
  7. 7. La CNDP ● La Commissione nazionale per il dibattito pubblico, autorità indipendente, istituita nel 1995, viene rafforzata nel 2002 dalle Commissions particulières (Cpdp), incaricate di istruire ciascun dibattito. ● La CNDP ha il compito di garantire la partecipazione del pubblico al processo di elaborazione dei progetti di pianificazione di interesse nazionale. Valuta le eventuali ricadute socio-economiche e gli impatti significativi che possono avere sull’ambiente. ● La CNDP stabilisce se un’opera dovrà essere sottoposta a débat public.
  8. 8. La struttura del dibattito ● Fase di predisposizione dei materiali ● Incontri preparatori ● Campagna informativa ● Calendario di incontri pubblici
  9. 9. In Gran Bretagna
  10. 10. ● I principali progetti di infrastrutture di mobilità vengono delineati negli obiettivi e nelle prime ipotesi allocative dal Governo ● A livello locale il sistema della rete ferroviaria viene gestito dal Department for Transport in collaborazione con il Network Rail e le Passenger Transport Authorities
  11. 11. ● La Highway Agency si occupa della rete stradale strategica (principali tratte interurbane e importanti tratte urbane, come quelle di connessione con porti e aeroporti). Sul piano regionale svolge una funzione di indirizzo strategico, in particolare per la connessione tra le politiche dei trasporti e le politiche di promozione e sostegno dello sviluppo economico.
  12. 12. Le consultazioni ● La consultazione a livello locale è legata alla definizione del progetto esecutivo e al suo inserimento all’interno della pianificazione locale. ● Di norma, il processo di consultazione o di public inquiry a livello locale può durare da un minimo di 12 (requisito di legge) a un massimo di 30 settimane. Accoglie pareri per iscritto, anche se prevede anche numerosi momenti di confronto dal vivo (incontri, assemblee, audizioni).
  13. 13. Code of Practice on Consultation ● E’ un documento che regola le forme di consultazione per le principali opere pubbliche. ● Rende più rapidi i processi decisionali, salvaguardando allo stesso tempo i diritti di tutte le parti interessate. ● Ha il pregio di tenere insieme in modo sinergico elementi di natura tecnica (analisi e valutazioni economiche, come l’Analisi Costi Benefici, analisi degli impatti ambientali e sociali) e i contributi derivanti dal confronto con i portatori di interesse e le popolazioni locali
  14. 14. Finalità del Code of Practice on Consultation ● Dare indirizzi per migliorare le forme di consultazione per le principali opere pubbliche, tra cui le infrastrutture. ● Ministeri, Dipartimenti e Agenzie governative lo hanno sottoscritto, vincolandosi in questo modo ad utilizzarlo per la conduzione dei propri percorsi decisionali.
  15. 15. Negli Usa
  16. 16. Grassroot lobbying ● Attività di lobby svolta attraverso l’attivazione di terze parti che sollecitano l’opinione pubblica e gli stakeholder rilevanti ● Il Grassroot lobbying è portato avanti da cittadini e non da politici o consulenti politici. ● La caratteristica principale del grassroot lobbying è stimolare comunità specifiche.
  17. 17. Strumenti ● campagne di mailing ● telefonate ai politici ● class action ● manifestazioni ● campagne di comunicazione
  18. 18. Il Consensus Building
  19. 19. ● Indica la mediazione dei conflitti per costruire scelte condivise. E’ applicato nelle politiche pubbliche e nella progettazione territoriale per raggiungere decisioni democratiche, al fine di garantire un senso di comune appartenenza basato sulla capacità di prendere decisioni.
  20. 20. ● E’ stato sperimentato per la bonifica ambientale di un deposito di scorie nucleari, e per la definizione delle specie da tutelare nelle foreste canadesi. ● Negli anni ‘90 è stato regolamentato con leggi che ne prevedono la possibilità di utilizzo da parte del Governo Federale. ● L’ Agenzia nazionale per l’ambiente ha uffici dedicati alla mediazione dei conflitti in ogni dipartimento statale.
  21. 21. Come funziona ● Convocazione e istituzione del tavolo ● Esplorazione ● Mediazione ● Costruzione di un accordo di mutuo interesse ● Formalizzazione degli accordi
  22. 22. E in Italia?
  23. 23. ● Una depressione lunga 20 anni. ● L’indecisionismo della seconda repubblica. ● Il “cambio di paradigma” Il contesto
  24. 24. Siamo tutti Nimby I 354 no del 2012
  25. 25. Tipologie di impianti contestati Numero % Produzione di energia elettrica 192 54,2 Rifiuti 46 13,0 Termovalorizzatori 28 7,9 Discariche rifiuti urbani 26 7,3 Energia 23 6,5 Infrastrutture (stradali, generiche,ferroviarie) 27 7,6 Rigassificatori 7 2,0 Altro (impianti afferenti al comparto industriale) 5 1,4 *fonte - Osservatorio Media Permanente Nimby Forum - anno 2012
  26. 26. Tipologie dei contrari
  27. 27. Soggetti % Comitati di cittadini 24,4 Soggetti politici locali 20,7 Comuni 18,3 Associazioni ambientaliste locali 8,1 Organizzazioni no profit 6,1 Singoli cittadini 6,0 Province 4,1 Associazioni di categoria/Sindacati 3,3 Soggetti politici nazionali 2,4 Regioni 2,4 Associazioni ambientaliste 2,1 Enti territoriali 1,7 Amministrazioni estere 0,6
  28. 28. Le motivazioni
  29. 29. Motivazioni % Impatto sull’ambiente 37,3 Carenze procedurali 15,5 Effetti sulla qualità della vita 13,3 Inquinamento 8,7 Effetti sulla salute 12,0 Mancanza di sostenibilità economica 4,2 Interessi economici/illeciti 3,8 Viabilità 2,7 Motivazioni estetiche 2,5 *fonte - Osservatorio Media Permanente Nimby Forum - anno 2012
  30. 30. Forme di comunicazione
  31. 31. Strumenti % Comunicazioni alla stampa 26,7 Incontri pubblici 22,0 Manifestazioni/Sit-in 18,1 Internet e social media 12,5 Raccolta firme 12,2 Campagne di comunicazione 6,7 Convegni tecnici 1,8 *fonte - Osservatorio Media Permanente Nimby Forum - anno 2012
  32. 32. ● Il MOSE (modulo sperimentale elettromeccanico) di Venezia è una delle poche grandi opere che il paese sta portando a termine. (Un’eccezione)
  33. 33. Che cos’è il MOSE ? ● Il MOSE difenderà Venezia dalle acque alte, isolando la laguna di Venezia dal mare Adriatico. E’ costituito da schiere di paratoie mobili a scomparsa, poste alle bocche del porto di Lido di Malamocco e di Chioggia. ● L’esecuzione dei lavori è affidata al Consorzio Venezia Nuova, che opera per conto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.
  34. 34. I numeri del MOSE ● 2003 - inizio lavori ● 2013 - nell’anno stanziati 4,987 miliardi di euro ● 2016 - fine prevista dell’opera ● 4.000 gli occupati coinvolti nella realizzazione del sistema di difesa
  35. 35. Come si esce dall’impasse?
  36. 36. Lo stato dell’arte: le proposte in discussione. ● 30 ottobre 2012- approvato DDL Passera che introduce in Italia la consultazione pubblica per le opere di interesse strategico. ● 9 maggio 2013 - presentata proposta di legge Realacci per istitutizione del Débat Public Italia. ● 10 giugno 2013 - Il Ministro Orlando rilancia la proposta di introdurre il Débat Public.
  37. 37. No Tav , No Ilva , No Expo ● Dopo la grande manifestazione dello scorso week end, resta da capire se nonostante le 354 opere incompiute, l’Italia possa permettersi ulteriori falle nel suo sistema economico industriale.

×