Successfully reported this slideshow.

Un Taglio Tutto Irlandese

382 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Un Taglio Tutto Irlandese

  1. 1. SCENARI FINANZIARIJOHN MAULDINSTHOUGHTS FROM THE FRONTLINENewsletter settimanale - Versione Italiana a cura di Horo CapitalUn Taglio tutto Irlandesedi John Mauldin | 08 ottobre 2011 - Anno 2 - Numero 40In questo numero:Due Approfondimenti dallIrlandaLa Camera di Commercio IrlandeseUn Taglio tutto IrlandeseNew York, South Africa, ritorno in Irlanda .... e flessioniSono appena passati solo quattro brevi anni da quando è iniziato il problema deiSubprime, poi cè stata la crisi del credito, e ora tocca allEuropa. (Quando) la Grecia faràdefault e quali saranno le banche che imploderanno di conseguenza? Ci sarà unaltra crisibancaria nel nostro futuro? Sono appena tornato da una veloce visita di quattro Paesi inEuropa e cercherò così di offrirvi alcune considerazioni raccolte direttamente sul campo.Questa settimana iniziamo con lIrlanda, per spostarci poi sul problema dellEuropa ingenerale e, se non siamo fuori tempo in termini di lunghezza (e della vostra pazienza!),andremo ad esaminare alcuni dati dellultimo minuto. Cè molto da esaminare, quindipartiamo immediatamente!Due Approfondimenti dallIrlandaQuesta è stata la mia prima volta che sono andato in Irlanda, ma non sarà lultima. In unmodo strano, mi sono sentito molto più a mio agio in Irlanda, rispetto a come mi trovo inalcune città degli Stati Uniti. E un punto di vista! E sono stato molto affascinatodallaccettare di tornare il prossimo mese a parlare in uno dei più insoliti "festival"economici. Non ci sono mai stato, anche se lultima cosa che voglio fare è prendere unaltro aereo. Ulteriori dettagli alla fine della lettera.Prima di tutto, anche se pensiamo allIrlanda come paese, è in realtà rappresentato dacittà di buone dimensioni. LIrlanda ha un po meno di 4,5 milioni di abitanti (con ulteriori1,8 milioni nellIrlanda del Nord). Sono stato fortunato, nel senso che ho un certo numerodi lettori in Irlanda, che mi hanno offerto di presentarmi a delle persone. Ricordate ilvecchio gioco dei sei gradi di separazione (da Kevin Bacon, lattore)? In Irlanda questo èpoco più di due gradi. Si scopre che tutti avevano cugini o compagni e che conoscevanoqualcuno che avrei dovuto vedere. Nessuno non era raggiungibile, se non al di là di unpaio di presentazioni.Ho passato una grande quantità di tempo andando da una riunione allaltra, raccogliendoimpressioni e dati. Letteralmente decine di incontri. Ho avuto incontri con funzionari deifondi pensione del governo, il nuovo presidente della Anglo-Irish Bank, ex primi ministri,politici di tutti i tipi (sia passati che attuali), economisti affermati ed economisti poco dibuono, uomini daffari a tutti i livelli, gente normale nei pub, investitori, e il mitico irlandesebuono a nulla. E sono riuscito a fare solo una frazione dei potenziali incontri. Avendoincontrato un pot-pourri di persone, si potrebbe pensare che sarebbe stato difficile trarredelle conclusioni, ma invece me ne sono venuto via con due principali considerazioni (e unsacco di più piccole), che ho pensato di suddividere tra considerazioni sul mondo e sullesituazioni europee in generale.
  2. 2. Ma prima di arrivare a queste considerazioni, passiamo in rassegna un po di storia.LIrlanda è nota in tutto il mondo per i suoi problemi e per la diaspora. Carestie, rivolte, eracconti di grossi guai. Gli irlandesi sono emigrati quasi ovunque. Il pub irlandese è statocreato con lobiettivo di far si che le persone potessero raccogliersi in pubblico quandoerano contro le leggi. E hanno esportato il loro modello di pub in tutto il mondo. In qualecittà potreste andare a visitare e non trovare un pub irlandese? (Beh, alcune in Asia, forse,anche se il mio editore mi dice che cè ne un grande numero a Kyoto.) E in ognuna diqueste canteranno una canzone su un ragazzino che è stato ucciso in guerra, che èavvenuto ovviamente nel 1618, o quando successo.Ho sempre amato la musica celtica, così mi ha fatto piacere quando sono andato in alcunipub e locali, ero abbastanza sicuro che avrei sentito della musica con la quale ero cosìfamiliare, completata con delle voci con cadenza Irlandese. Gli irlandesi sono di fatto unapopolazione molto sociale, ovunque essi si riuniscano. E il pub locale è ancora un centrodi comunicazione locale (ne riparleremo più avanti).La prima sera che sono arrivato lì, ho avuto la fortuna di essere invitato da DavidMcWilliams a partecipare alla serata di apertura di una classica e molto amatarappresentazione Irlandese di Sean Casey, presso lAbbey Theatre, la prima è statamessa in scena nello stesso teatro per il loro premier nel 1924. La rappresentazione èambientata tra la classe operaia nelle case popolari di Dublino durante la guerra civileIrlandese dei primi anni del 1920. Si tratta di una commedia comica su così tanti livelli, edè stata un interessante introduzione su lIrlanda.Trattava di quei secoli di sventure, che però hanno posto le basi per la recente crisieconomica in Irlanda. Per una serie di motivi, lIrlanda ha iniziato un periodo di "miracolo"economico nel 1980 e divenne molto presto "la Tigre celtica." Lumore del paese eracambiato dallessere un popolo oppresso ad uno ottimista. E questo si è tradotto in unboom edilizio. E alla fine hanno terminato per credere che "this time is different" e cosìsono impazziti nel costruire ed acquistare case. I cui valori ora sono scesi di circa il 65%.LIrlanda è un interessante contrasto con la Grecia. La Grecia ha utilizzato il suo accessoai bassi tassi di interesse che sono arrivati con leuro per aumentare il debito e farcrescere i salari dei dipendenti pubblici, fino a quando il sistema ferroviario greco, peresempio, è arrivato ad avere 100 milioni di € di fatturato e € 400 milioni in stipendi, conulteriori 300 milioni € di spese. Con un governo che aveva inoltre sostenuto un piano dipensionamento, disponibile a partire dai 50 anni di età, per circa 600 tipologie di posti dilavoro considerati "pericolosi" (come il parrucchiere e il lavoratore radiofonico).Le banche greche stanno per andare in bancarotta, non perché hanno prestato i soldi perfinanziare le troppe case, ma perché hanno prestato i soldi a il governo greco. Questo èlopposto di quello che hanno fatto le banche irlandesi, che, pur con modeste quantità diacquisto di debito pubblico irlandese, hanno favorito un boom edilizio di proporzioni epiche- una bolla che è implosa.Ho scritto molte volte sulle disgrazie delle abitazioni irlandesi. Hanno costruito 300.000case di troppo, il che corrisponderebbe a circa 15 milioni di troppe case negli Stati Uniti(che invece è “solamente” sovradimensionato di 2,5 milioni di case). Il conseguente“crollo” del mercato immobiliare è stato un peso mostruoso per leconomia irlandese. E lostesso è successo per le costruzioni di carattere commerciale - un autista di taxi si è presoalcuni libertà, una volta che ha saputo che ero uno scrittore finanziario, mi ha fatto notare
  3. 3. gli edifici che erano vuoti. "Ma che ora sono probabilmente una buona opportunitàdacquisto!"E il boom edilizio ha contribuito a finanziare e a dare una forte spinta alle entratepubbliche. Nel 2004, la Irish Home Builders Association ha calcolato che il 40% del prezzodi una casa è andato dritto al governo in tasse. Potete trovare i dettagli sui loro calcoli inquesto articolo di giornale. Il governo di quel periodo ha protestato dicendo che la cifra erasolo del 28%!E gli irlandesi si sono volentieri assunti il debito delle banche che sono fallite. Se la AngloIrish Bank fosse stata un istituzione americana, il debito equivalente sarebbe stato di circa$ 3,5-4 trilioni (a seconda del tasso di cambio). Potete immaginare che cosa avrebbesignificato cercare di ottenere un piano di salvataggio per UNA banca per un importo cosìelevato? E in Irlanda ci sono state tre banche in quella situazione (!), anche se le altre dueerano un po più piccole. Il governo irlandese ha poi garantito il debito bancario per iprestiti della BCE, i cui soldi sono poi andati alle banche europee che avevano prestato isoldi, in primo luogo, alle banche irlandesi.Michael Lewis, nel suo libro che ha appena pubblicato Boomerang! (Ho visto moltepersone che lo stavano leggendo in volo mentre tornavo – e presto verrà reso scaricabilesul mio iPad), ho osservato che ha sottolineato che fosse interessante il fatto che il popoloirlandese non sembrava del tutto consapevole della natura piuttosto impressionante deldebito che avevano assunto. Ed egli ha anche commentato questo in unintervista conCharlie Rose. Ulteriori dettagli su questo debito bancario di seguito.Prima di arrivare alle mie due considerazioni sullIrlanda, vi dico un paio di cose chedovremmo tenere a mente. In primo luogo, ho sentito più e più volte che lIrlanda è diversadalla Grecia e da altri paesi del Mediterraneo. Gli irlandesi hanno intrapreso in modoconsenziente un programma di austerità, senza grandi proteste pubbliche, e hannoeffettivamente iniziato le riforme. Hanno tagliato gli stipendi pubblici (di circa il 15%), lepensioni, e altre cose "intoccabili". (Proviamo a fare questo anche negli Stati Uniti! IlWisconsin è andato su tutte le furie per dei tagli che sono stati una frazione rispetto aquello che gli Irlandesi hanno fatto.) Ed anche altri budget pubblici sono stati tagliati. E lororiconoscono il bisogno di effettuare ancora più tagli. Detto questo, una chiara reazione stainiziando a costruire maggiori tagli ai programmi sociali dei governi. (Vorrei sottolineareche anche se questo è legato agli irlandesi, sento questa richiesta ovunque in Europa enegli Stati Uniti.)Questo è da un giornale irlandese The Independent:"Un senatore dei LABURISTI ha posto la questione sulleffettivo bisogno di questi massiccipagamenti come sostegno a molte famiglie, dopo aver sottolineato che alcune stannoricevendo oltre 90.000 € lanno. Il senatore Jimmy Harte ha evidenziato il caso di unafamiglia alla quale vengono pagati 1.763 € alla settimana. Una coppia di disoccupatisposati, che hanno quattro figli e vivono a Dublino, e che ricevono una serie di beneficisociali."Mr. Harte, che ha ricevuto le informazioni dai funzionari del Dipartimento della ProtezioneSociale, ha detto che 50.000 € sono più che sufficienti per sopravvivere per una famiglia. Ilsenatore basato a Donegal ieri ha detto allIrish Independent che riteneva la cifra era
  4. 4. troppo elevata per essere data ad una famiglia come contributo di sostegno."La famiglia non sta facendo nulla di illegale, ma il sistema è sbagliato quando una coppiaè in grado di ricevere 90.000 € allanno non facendo nulla. Non penso che questo tipo disostentamento sia accettabile nemmeno nei periodi di crescita, per non parlare delpessimo periodo nel quale ci troviamo ora .... Ci sono coppie sposate in questo paese condue buoni posti di lavoro, che lavorano molto duramente e che non ricevono nulla disimile. Oltre a ricevere € 90.000, questa famiglia non dovrà pagare limposta fondiaria o iconsumi dellacqua. Questo è semplicemente sbagliato. Sarebbe necessario guadagnarequasi € 140.000 per portare a casa quella quantità di soldi al netto delle imposte."Questa è una famiglia che vive a Dublino, ma so che ci sono famiglie in altre contee chepercepiscono fino a € 85.000. Non prendono molto come indennità di alloggio, ma hannoancora il diritto a tutti gli altri pagamenti [ha detto il senatore]."Secondo i dati ottenuti da Mr. Harte, questa è la ripartizione settimanale dei pagamentiper il sostegno sociale ricevuti da una famiglia: padre con assegno di invalidità, € 322;pensione per il tutore per un bambino preso in carico, € 286; supplemento affitto, € 276;madre - assegno di cura, € 380 e assegni familiari, € 288; figlia (17) con esigenzeparticolari, € 211. Mr. Harte ha detto che ha trasmesso tutte queste informazioni alMinistro della Protezione Sociale Joan Burton e vuole mettere un tetto sui pagamentisociali".E per quanto io capisco, questo viene prima della sanità. Che è unaltra cosa, che è statodetto che ha bisogno di essere riformata. Che ovviamente si sente dire negli Stati Uniti e intutto il mondo sviluppato, per cui gli irlandesi hanno messo in un angolo i politici cheamano gestire un sacco di benefici quando i tempi sono buoni. Ma ora cè la resa deiconti.Nota: Lunica cosa è che gli irlandesi hanno un sacco di politici. Il Dail (pronunciato "doil")è il loro parlamento. E ha 150 membri. E la loro camera ha 60 membri. Che significa unmembro del parlamento per ogni 30.000 elettori. Peter Mathews, un nuovo membro delparlamento, è stato così gentile da farmi vedere ledificio del Parlamento, aprendomi lecamere di sera. Questo è un qualcosa che non vedrete mai fare ad un membro delCongresso degli Stati Uniti.Quindi, lIrlanda non è priva di problemi che devono essere affrontati. Ma io me ne sonovenuto via con alcuni punti di vista positivi. Absolute Return Partners di Niels C. Jensen - www.arpllp.com - è la società partner di John Mauldin per il mercato Europeo. Horo Capital - www.horocapital.it - è il partner di Absolute Return Partners per il mercato Italiano. Tel. 02 89096674 - rcarraro@horocapital.itLa Camera di Commercio Irlandese
  5. 5. Come ho detto, ho incontrato persone di tutti i tipi e di inclinazioni politiche, dai socialistidichiarati ai liberali. Quando mi chiedono chi altro vedrò (o ho visto), quasi sempresussultano e mi dicono: "Non farti influenzare sullIrlanda" oppure "Non capiscono iproblemi reali", o qualcosa di simile.Non si vergognano a esprimere opinioni. David McWilliams è visto come una sorta di gurunegli ambienti politici. Quando McWilliams ha cominciato a suggerire che il mercatoimmobiliare irlandese era in una bolla e che poteva essere devastante qualora si fosserotta, il primo ministro ha detto che la gente come lui dovrebbe solo suicidarsi.(Seriamente!)Sono stato coinvolto negli ambienti politici per molti anni, anche se ultimamente più omeno mi sono "ritirato" dalla mia attività politica. Nella mia esperienza, niente è più forte opiù divisa della politica locale. Cè più coinvolgimento diretto a livello locale, e questosignifica molte opinioni e personaggi coinvolti.Ricordate quando ho detto che lIrlanda era una bella e raccolta città? Questo è ciò che laloro politica mi ha ricordato. Quando tutti conoscono tutti, e quando tutti possono arrivareai politici con le loro opinioni, è davvero un piccolo mondo.Ma dopo aver condiviso le loro opinioni con me, una cosa strana è accaduta in quasi tuttele riunioni. Lho fatto notare anche ad un amico, Phil Harkin, che ha organizzato tantiincontri e mi ha aiutato ad arrivare nei luoghi degli appuntamenti. Ha iniziato a prendereconfidenza, ed è diventato la spalla per il nostro umorismo.Sembrava che tutti quelli che incontravo fossero membri della Camera di Commercio. Midicevano perché lIrlanda aveva bisogno di adottare una politica o unaltra, quali erano leloro opinioni, e poi alla fine tiravano fuori un opuscolo e mi dicevano perché avrei dovuto"comprare lIrlanda." Portate lì i vostri affari. Aprite un negozio. Assumete la gente delposto, che sono flessibili, educati e disposti a lavorare, ecc. Parlano linglese. E sonolavoratori qualificati.Gli irlandesi apparentemente hanno capito. Mentre tutti (sinistra, destra e centro) voglionoche il governo adotti un particolare insieme di politiche che essi preferiscono, tuttiriconoscono che questa è la via per la crescita e loccupazione dove le imprese possonoprosperare. E vogliono di più di questo! Le virtù dellIrlanda si manifestano a tutti, se soloprestate attenzione. Ed erano più che felici di mostrarmi dove guardare.Gli irlandesi possono litigare tra loro e lamentarsi, ma di fronte al mondo, si abbracciano esi uniscono al coro. "Buy Ireland", cantano. E davvero sorprendente sentirlo dire a tutti inuna volta sola.LIrlanda ha più investimenti diretti dagli Stati Uniti che tutti i BRIC messi insieme.Pensateci. Più di Cina, Brasile, Russia e India. Questo mi ha sbalordito. Ci sono oltre 600società americane in Irlanda, che impiegano 100.000 persone. Google ha 2.700dipendenti provenienti da oltre 40 paesi ed è in crescita. La tecnologia è ovunque. Biotech,dispositivi medici, tutti i tipi di servizi informatici. Gli irlandesi sembrano avere un talentoper la ricerca e lo sviluppo. Gli imprenditori sono più veloci che possono nelle consegne.Ho sentito storie incredibili, sugli affari che sono fioriti in terra irlandese.Non è solo a senso unico. Le aziende irlandesi hanno un sacco di dipendenti negli Stati
  6. 6. Uniti. Ci sono oltre 82.000 persone impiegate negli Stati Uniti in 227 attività irlandesi, tantiquanti sono impiegati da imprese americane in Irlanda. Questo è un grido lontano per idipendenti degli Stati Uniti in aziende cinesi.Di conseguenza, lIrlanda si trova nella posizione invidiabile di avere una bilanciacommerciale positiva, che è necessaria se si vuole bilanciare il budget in un paese dove ilsistema bancario sta implodendo e le persone sono in deleveraging. Ecco perché laGrecia diventa un caso disperato e invece lIrlanda ha un modo per superare la sua crisi.Quando la Grecia farà default, anche se non lasceranno leuro e torneranno alla dracma,saranno in depressione per una massiccia deflazione. Alla fine della giornata, devi avereuna "moneta forte" per acquistare petrolio, medicine e altri elementi essenziali, o trovarequalcuno disposto a prestarti il denaro. Grecia, Portogallo e Spagna non esportanoabbastanza da farcela senza un qualche tipo di svalutazione. LIrlanda si. Questa è unadifferenza fondamentale.E tutto questo ci porta al mio prossimo take-away, che avrà conseguenze gravi perlEuropa.Un taglio tutto IrlandeseMichael Lewis ha notato durante il tempo trascorso in Irlanda che il governo irlandeseapparentemente si sia fatto carico del debito bancario. La grande maggioranza non era aconoscenza della natura della crisi imminente. Negli ultimi anni, tutto questo è cambiato.Ho scritto molto in passato su come gli irlandesi hanno capito che si stavano facendocarico del debito delle banche che nessun governo avrebbe mai voluto toccare. E statodavvero troppo. E aritmetica semplice: gli irlandesi non possono rimborsare il debito neitermini attuali (anche dopo che la BCE e lEuropa hanno dato loro tassi dinteresse piùbassi che a luglio) e sperare di uscire dal debito nei prossimi 30 anni. Hanno consegnatose stessi e ai loro figli decenni di duro lavoro per ripagare le banche inglesi e tedesche efrancesi (tra laltro).E questo è ciò che è successo. Hanno votato contro il governo che si è fatto carico diquesto debito. E stato un messaggio chiaro, ma il governo non ha ancora fatto nulla perliberarsi del debito.Ci sono quelli come McWilliams che vogliono semplicemente ripudiare il debito. "Nonavrebbe mai dovuto essere stato contratto, in modo da non doverlo ripagare." Lui non è ilsolo, questa visione sta diventando sempre più il punto focale ora.Quando si fa pressione sui politici per stabilizzare la situazione (e lho fatto anche io) esono contrari unilateralmente al disconoscere il debito, succede una cosa strana.Continuavo a chiedermi: "Ma gli elettori sembrano voler rinunciare al debito. E lamatematica suggerisce che lIrlanda non può ripagare questi banchieri stranieri senza faregrandi sacrifici. "Innanzi tutto, ricordiamo che lIrlanda sta facendo ciò che deve esserefatto: tagliare la spesa e gli stipendi. Non siamo in Grecia, dicono:è necessario per essere"rispettati". Ma aggiungono anche: "Sì, lIrlanda farà un taglio.". La differenza è nelpercorso per il taglio. Mentre per la questione politica, la destinazione è sempre lastessa.Qualche favore lo hanno fatto a titolo definitivo. Altri credono veramente che ci sarà un
  7. 7. taglio, quando la Grecia e il Portogallo lo faranno a loro volta. Lo stanno aspettando. In unincontro con un economista, che era al tavolo quando il primo contratto è stato fatto, hadetto che cera un accordo implicito con il FMI (e la BCE) e che tutto ciò che sarebbe statoofferto alla Grecia, avrebbe dovuto essere disponibile anche per lIrlanda. Così in Irlanda èarrivato il piano di salvataggio per evitare di far implodere leuro e scongiurare una crisiche sarebbe stata di proporzioni bibliche. Il futuro delleuro non è ora nelle loro mani,perché assumendosi il debito hanno permesso che leuro non saltasse per aria. Tutto ciòavrebbe potuto aver successo, perché i politici europei non erano pronti per una tale crisi.Quindi, piuttosto che aprirsi a calci la porta del taglio, aspettano che la porta venga apertaper loro dal FMI e dalla BCE. Un percorso molto più rispettabile per coloro che sono moltopro-zona euro. Ma i leader irlandesi sanno che gli elettori si aspettano che qualcosa saràfatto. Hanno tempo, in quanto ci sono ancora tre e più anni prima delle elezioni. Per allora,la crisi sarà completamente evoluta e si sarà risolta, per quanto riguarda ciò che interessail politico. E i politici prenderanno i meriti, come sempre e dovunque fanno.Ma qui cè il problema per lEuropa. La quantità di denaro necessaria per lIrlanda saràmolto di più di quella che ora pensano sia necessaria, o almeno sono disposti adammetterlo. Quando i politici dellEurozona si preoccupano del "contagio", o che un paesevoglia la riduzione del debito, è una preoccupazione molto reale. E giustamente, come glielettori in Portogallo o in Spagna o (gasp) in Italia che sono gravati dal debito, che èapparentemente intrattabile, vorranno anche essere aiutati. Non è solo una condizioneirlandese, è una caratteristica umana.E i soldi di cui avrà bisogno lEuropa supereranno i 440 miliardi di € di fondi dellESFS.Stratfor ed altri pensano che ci vorranno almeno 2 trilioni di euro. Il Boston ConsultingGroup ha pubblicato un report in cui indica il numero totale, che sarà necessario (rullo ditamburi) oltre 6 trilioni di euro. Non mi piacciono le loro soluzioni, ma la loro analisi deldebito ci impone una riflessione.Qualunque sia la cifra, è sconcertante. E nessuno della zona euro è disposto a pagarla, inquesto momento. Quando la crisi colpirà, chi lo sa? Ma fino ad ora, molto cose non sonoancora sul tavolo. Si parla di sfruttare lESFS fino a € 2 trilioni, ma sembra strano,normalmente si deve avere più equità nello sfruttare la leva del debito. Il debito dellESFSè creato da promesse di pagamento da parte dei governi membri. Siamo ora al punto incui abbiamo bisogno di sfruttare la nostra leva? Mi sembra che questa, intanto perincominciare, sia quella che ha portato i problemi.La Francia è a rischio di perdere il suo rating AAA. Penso che sia quasi una certezza,come la quantità di soldi che dovrà stanziare per le banche francesi. Bisogna aggiungereun altro centinaio di miliardi di euro per i fondi di salvataggio per la Spagna e lItalia, elidea della AAA per il debito delleuro zona esce fuori dalla finestra. Per mantenerelattuale AAA, la maggior parte delle garanzie deve essere data da paesi con AAA. E untema molto delicato in questo momento.Leggete la seguente citazione di Angela Merkel, Cancelliere della Germania che qualcunocrede essere forte e unita. Questo è a sostegno dellEuropa, tienilo ben a mente."Mentre si intensifica il suo rifiuto di un default greco, lei [Merkel] ha detto che lemissionedi debito condiviso da parte dei paesi euro non è la soluzione al problema della fuoriuscitadalla Grecia, anche se alcuni sono propensi per il big bang per terminare la crisi del
  8. 8. debito. Qualcuno crede che non ci sia alcun indirizzo nelleconomia. Nessuno può direcon certezza che cosa accadrebbe in caso di insolvenza della Grecia. Prima di fare unpasso verso questa avventura, mi chiedo se possiamo veramente gestire tutto questo e sesi può controllare quello che stiamo facendo?"Merkel ha detto che il suo intero consiglio di consulenti economici, afferma che il debitogreco dovrebbe essere ristrutturato, consiglio che lei non è disposta a prendere in esame."Se diciamo a un paese" Noi cancelliamo la metà del tuo debito, " questo avrebbe ungrande impatto, ha detto. Poi il tizio accanto immediatamente direbbe che vuole la stessacosa."È possibile aprire un qualsiasi giornale e vedere che cè un ampio dibattitointernazionale. Non sono un economista o un teorico. Io e il governo tedesco dobbiamoconsiderare le conseguenze di ciò che facciamo."Merkel, parlando allultima delle sei conferenze regionali della sua Democrazia cristiana,prima della festa del convegno nazionale che si terrà il prossimo mese, ha detto che eraprofondamente convinta che lEuropa e i suoi problemi possono essere risolti solocongiuntamente."La solidarietà è sempre più conveniente rispetto al fatto di dover andare da soli e finirecon il problema della Svizzera - che ha la valuta ad un livello così alto che non è possibileesportare nessun prodotto. Oggi, landare da soli non è un percorso per un futuro migliore."(Bloomberg)Si sta facendo tardi e questa lettera è già abbastanza lunga, ancora alcune note e il restoper la prossima settimana.Alla Grecia verranno date sempre più promesse e più fondi fino a quando la Merkelriceverà una telefonata dai suoi contabili, che le diranno che le banche hanno bisogno difondi governativi. Il giorno dopo lei chiamerà Papandreou e gli dirà di tenere unaconferenza annunciando il taglio che la Grecia farà.Da quello che ho sentito, le banche europee sono peggiorate anche dagli articoli che sileggono sui giornali. Gli spread si allargano e la liquidità si sta prosciugando. Dexia è lapunta di un iceberg. Cè davvero da chiedersi quanto la Francia potrà fare in relazione aisuoi debiti bancari. La BCE darà a loro i soldi a sufficienza? La risposta è sì. Ma stiamoparlando di una grande quantità di debito per un paese con gravi deficit di bilancio e in cuila spesa pubblica è già il 55% del PIL, con laumento di assistenza sanitaria e costipensionistici. Pensate che i politici francesi cercheranno di ottenere dai loro sindacati e dailavoratori pubblici le risorse per fare un taglio del 15%? Il francese non è civile, come gliirlandesi. Andranno in strada.Siamo ora al finale del Endgame. La Grecia è probabile che farà default non oltre la fine diquestanno, se non entro la fine di questo mese. Se non è possibile ottenere sul mercato ilrifinanziamento, il che significa che non è possibile pagare le bollette senza la gentilezzadegli estranei. Se la Grecia fosse un individuo o unazienda, sarebbe già in procedureconcorsuali. Ora è solo una questione di tempo.Leuro potrà sopravvivere? La risposta nel breve è sì, ma non senza un sacco di dolore da
  9. 9. parte di un sacco di gente. Limpulso ad una Europa unita è forte. Io in realtà lo spero. Manon si potrà farlo senza un sacco di sacrifici. Penso che la valutazione delleuro è in gravepericolo. E mentre i mercati europei guardano alla valutazione a buon mercato su baserelativa e storica, si ha la necessità di chiedersi, rispetto a cosa? Le borse europee, leuronel breve? Forse, soprattutto se i tedeschi girano a piede libero nella BCE alla ricerca diun modo per conservare (e pagarne il prezzo) lUnione europea.Non ho sentito alcun consenso. Ci sono dozzine di piani, abbastanza per fare girare latesta a tutti i politici. Restate sintonizzati.New York, South Africa, ritorno in Irlanda .... e flessioniIo sarò a Houston Venerdì e lascerò la conferenza StreetTalk(https://www.webinstinct.com/streettalkadvisors/) per andare a New York per il SingularitySummit durante il fine settimana (www.singularitysummit.com, poi alcuni appuntamentiLunedì e Martedì a New York, a Cape Town, Sud Africa, per due giorni, e una notte perparlare alla Conferenza Momentum. Poi a casa, dove farò una serie di conferenze perWealth Advisor, in collaborazione con i miei soci di Altegris Investment. Maggiori dettagli inseguito.Mi ha convinto (McWilliams) a tornare in Irlanda per la seconda festa annualesulleconomia a Kilkenny. Dal loro sito: "Se come noi vi trovate in uneconomia complicatae spaventosa, allora mettete un po di pensatori economici a livello mondiale in una classeinsieme ad alcune delle migliori menti comiche disponibili e vediamo se non riusciamo arendere tutto questo più facile da capire in un modo che sia divertente e informativo?"E tempo di premere il pulsante di invio. Questo fine settimana tutti i ragazzi saranno quiper festeggiare il mio compleanno (che è stato Martedì scorso). Forse ci saranno anche lefrittelle per il pranzo. E tempo di indulgere. Io in realtà ho fatto 65 flessioni per il miocompleanno, e una volta ne ho fatte 73. Invecchiare significa solo migliorare. Almenoquesto è quello che mi dico! Abbiate una grande settimana.Il tuo analista dal sangue Irlandese,John Mauldin John@FrontLineThoughts.comCopyright 2011 John Mauldin. All Rights ReservedCopyright 2011 Horo Capital. Tutti i Diritti RiservatiDisclaimer: La presente pubblicazione è distribuita da Horo Capital srl. Pur ponendo lamassima cura nella traduzione della presente pubblicazione e considerando affidabili isuoi contenuti, Horo Capital srl non si assume tuttavia alcuna responsabilità in meritoall’esattezza, completezza e attualità dei dati e delle informazioni nella stessa contenutiovvero presenti sulle pubblicazioni utilizzate ai fini della sua predisposizione. Diconseguenza Horo Capital srl declina ogni responsabilità per errori od omissioni. HoroCapital srl si riserva il diritto, senza assumersene lobbligo, di migliorare, modificare ocorreggere eventuali errori ed omissioni in qualsiasi momento e senza obbligo di avviso.
  10. 10. La presente pubblicazione viene fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, noncostituendo in nessun caso offerta al pubblico di prodotti finanziari ovvero promozione diservizi e/o attività di investimento né nei confronti di persone residenti in Italia né dipersone residenti in altre giurisdizioni, a maggior ragione quando tale offerta e/opromozione non sia autorizzata in tali giurisdizioni. Le informazioni fornite noncostituiscono unofferta o una raccomandazione per effettuare o liquidare un investimentoo porre in essere qualsiasi altra transazione. Esse non possono essere considerate comefondamento di una decisione dinvestimento o di altro tipo. Qualsiasi decisionedinvestimento deve essere basata su una consulenza pertinente, specifica eprofessionale. Tutte le informazioni pubblicate non devono essere considerate unasollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma dinvestimento néraccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza trattandosiunicamente di informazione standardizzata rivolta al pubblico indistinto. Né Horo Capitalsrl né John Mauldin potranno essere ritenuti responsabili, in tutto o in parte, per i danni(inclusi, a titolo meramente esemplificativo, il danno per perdita o mancato guadagno,interruzione dell’attività, perdita di informazioni o altre perdite economiche di qualunquenatura) derivanti dall’uso, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, dei dati e delleinformazioni presenti nella presente pubblicazione. Ogni decisione di investimento edisinvestimento è pertanto di esclusiva competenza del Cliente che può decidere di darvi omeno esecuzione con qualsivoglia intermediario autorizzato; qualsiasi eventuale decisioneoperativa presa dal Cliente in base alle informazioni pubblicate è, infatti, da considerarsiassunta in piena autonomia decisionale e a proprio esclusivo rischio. Il Contenutopresente nella pubblicazione può essere riprodotto unicamente nella sua interezza edesclusivamente citando il nome di Horo Capital srl e di John Mauldin, restandone in ognicaso vietato ogni utilizzo commerciale. Si intende per Contenuto tutte le analisi, grafici,immagini, articoli i quali sono tutti protetti da copyright. Horo Capital srl ha la facoltà diagire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi elemento sopra esposto e/o di qualsiasiinformazione a cui tale materiale si ispira ovvero è tratto anche prima che lo stesso vengapubblicato e messo a disposizione della sua clientela. Horo Capital srl puòoccasionalmente, a proprio insindacabile giudizio, assumere posizioni lunghe o corte conriferimento ai prodotti finanziari eventualmente menzionati nella presente pubblicazione. Innessun caso e per nessuna ragione Horo Capital srl, sarà tenuta, ad agireconformemente, in tutto o in parte, alle opinioni riportate nella presente pubblicazione.Ogni violazione del copyright in qualsiasi modo si esprima ai danni di Horo Capital srl eJohn Mauldin, sarà perseguita legalmente.Per iscriversi alla newsletter GRATUITA settimanale SCENARI FINANZIARI cliccare qui:www.scenarifinanziari.it/Registrazione.aspxPer modificare il proprio indirizzo email di invio della newsletter, effettuare il login suwww.scenarifinanziari.it e andare sulla pagina di registrazione.Per cancellare liscrizione alla newsletter scrivere una mail a:info@scenarifinanziari.itThoughts from the Frontline3204 Beverly DriveDallas, Texas 75205Horo CapitalIndependent Financial Advisory FirmVia Silvio Pellico, 1220121 Milano
  11. 11. Tel. 02 89096674

×