Stanno giocando d\'azzardo in casa?

250 views

Published on

L\'ultimo scandalo du jour sembra essere quello chiamato LIBORgate. Ma è uno scandalo o è in realtà come sempre solo un business?

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
250
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Stanno giocando d\'azzardo in casa?

  1. 1. SCENARI FINANZIARIJOHN MAULDINSTHOUGHTS FROM THE FRONTLINENewsletter settimanale - Versione Italiana a cura di Horo CapitalStanno giocando dazzardo in casa?di John Mauldin | 28 luglio 2012 - Anno 3 - Numero 30In questo numero:Cè qualcuno che sta giocando dazzardo in casa? Sono scioccato ......Opacità e Credit Default SwapsNessun Accesso per la SpagnaDenver, Maine e CarlsbadRick: Come puoi rinchiudermi? Su quali basi?Capitano Renault: Sono scioccato, sono sconvolto nello scoprire che qui si sta giocandodazzardo!- Dalla classica scena del film Casablanca, realizzato nel 1942Lultimo scandalo du jour sembra essere quello chiamato LIBORgate. Ma è uno scandaloo è in realtà come sempre solo un business? E se non sappiamo quale sia dei due, checosa possiamo dire sullorganizzazione del mondo finanziario e dei relativi $300-800trilioni, più o meno, sui quali si basa il LIBOR? Questo è in realtà solo la seconda strofadella vecchia canzone dei derivati è solo un mercato molto più grande. Naturalmentequesto è un problema che non è stato risolto dalla Dodd-Frank e che ha il potenziale percreare ancora una volta il caos nei mercati, mentre solo il LIBOR può costare qualchemiliardo qua e là. (Il sarcasmo è voluto.)Il problema è la mancanza di trasparenza. Perché le banche dovrebbero rivelare laquantità di profitto che stanno facendo? Lultima cosa che vogliono è la trasparenza.Questa settimana offro un approccio diverso sul LIBOR, che potrebbe infastidire alcunilettori ma che invece spero provochi una riflessione su come dobbiamo organizzare ilnostro mondo finanziario.Cè qualcuno che sta giocando dazzardo in casa? Sono scioccato ....Diamo un rapido sguardo a ciò che rappresenta il LIBOR. Le iniziali stanno per LondonInterBank Offered Rate (tasso di prestito interbancario). E il tasso che viene definito inbase a quello che dicono, a Thomson Reuters, 16 banche con sede a Londra (alcune dellequali sono americane) su quanto si aspettano di pagare per i prestiti overnight. ThomsonReuters pubblica i quattro numeri più alti e i quattro più bassi e poi fa una media di tutto ilresto. Poi quel numero medio viene trasformato in circa altri 150 "tassi", a partire da quelloovernight fino a quello ad un anno e per diverse valute. Il punto chiave è che il numero inoggetto non è quello che le banche effettivamente pagano per i prestiti ma è quello che siaspettano di pagare. Inoltre si tenga presente che lAssociazione bancaria britannica sulsuo sito ufficiale chiama questo un prezzo "fixing".Per la maggior parte del tempo il numero è probabilmente abbastanza vicino a quelloreale, o abbastanza vicino a quello che serve al governo. Ma poi, ci sono altre voltequando al massimo lo si potrebbe definire un ipotesi e nel peggiore dei casi una
  2. 2. manipolazione.Dietro al settore bancario e alla crisi del credito del 2008 cè stato il prosciugamento delmercato interbancario. Nessuna banca accordava un qualsiasi prestito alle altre banche.Questo faceva si che il LIBOR non rappresentasse nulla di reale ma solo un qualcosa dipuramente fittizio. Chi non era a conoscenza di questo semplicemente non stavaprestando attenzione al problema.Le autorità su entrambi i lati dellAtlantico certamente lo sapevano. Ci sono stati dei chiarisegnali e noi ora abbiamo capito che i banchieri stavano dicendo alla FSA (FinancialServices Authority) che avevano dei problemi. Le autorità erano preoccupate per quantostava accadendo ma hanno visto che cera un grande buco nella nave mentre questa giàstava imbarcando acqua e non volevano far si che questo diventasse ancora più grande.Timothy Geithner, allora Presidente della Federal Reserve Bank di New York (ed orasegretario al Tesoro) aveva scritto una lettera alla FSA, suggerendo la necessità dimigliorare la prassi applicata.Alcune banche evidenziavano dei tassi più bassi per far credere che stavano meglio diquanto fossero in realtà, mentre altre potrebbero aver segnalato dei tassi più elevati peraltri motivi. Ricordatevi che questo era un numero dellAssociazione Bancaria Britannica.Sia che voi personalmente abbiate guadagnato o perso soldi in base alle informazioni suiprezzi probabilmente sbagliati questo è dipeso solo dal fatto di aver ricevuto o richiesto unprestito e dal fatto che si voleva davvero far apparire lintero mercato peggiore di quelloche era.Questo è stato lequivalente di un libro aperto con le soluzioni in bella vista. E dovremmoessere scioccati che potrebbero esserci stati degli interessi nellavere qui e là delle cattive"aspettative" da parte dei banchieri che agivano nel proprio interesse personale con iltacito consenso delle autorità? La cosa più sorprendente è che in un momento di crisi ilnumero non ha avuto alcuna influenza sulla realtà. Chiamatemi scettico, ma non riesco acapire come dovremmo essere sorpresi di tutto questo.La domanda più importante che davvero abbiamo bisogno di porci è come in nome di tuttociò che è sacro si sia arrivati al punto dove centinaia di trilioni di dollari di transazioni intutto il mondo siano basate su un numero la cui provenienza non è chiaramentetrasparente. Certo la metodologia sulla definizione del numero che le banche chiamano laloro "aspettativa" è chiara, ma il processo per arrivare a quel numero non eraevidentemente ben compreso ed è ancora più nebuloso per la mia comprensione piuttostocinica.Sembra che ci sarà una moltitudine di politici e autorità che faranno pressione sulle variebanche per pratiche scorrette. Ed in questo momento sono dei facili bersagli in quanto noncè proprio nessun modo per poter spiegare questa cosa.Siete un grande banchiere. Il mondo sta cadendo davanti ai vostri occhi. Nessuno si fida dinessuno. Se tirate fuori un numero negativo (qualsiasi cosa significhi “negativo” in unmomento di puro panico totale) i mercati vi uccideranno ancora di più di quello che giàhanno fatto e potreste perdere anche il vostro lavoro. Avete modo di far crescere quelnumero in dieci minuti.
  3. 3. "Ciao Nigel, cosa pensi dovremmo dire a Tommie [Thomson Reuters]?""Non lo so Winthorpe, forse Mortimer ha unidea chiediamolo a lui."Semplicemente lincolpare alcuni banchieri non sta risolvendo problema : cioè lamancanza di trasparenza per la maggior parte dei mercati finanziari. Una metodologiamolto chiara ha bisogno di essere sviluppata, insieme con delle linee guida su cosabisogna fare nei momenti di crisi quando il mercato interbancario è congelato e non cèdavvero alcun numero. Non avere il numero potrebbe essere peggio che avere un numeroche rappresenti una congettura. Ma avere un numero che può essere usato da parte dellebanche a loro beneficio è chiaramente contro linteresse pubblico.Il dovere delle regole, in uno stato di diritto, è quello di rendere omogeneo il campo dagioco. Ma Stato di diritto significa avere un processo molto trasparente con regole moltochiare e con delle linee guida e sanzioni per chi infrange le regole.Ho cenato con il Dr. Woody Brock questa sera a Rockport. Stavamo discutendo sullaquestione e mi ha detto che lui aveva fatto uno studio basato sullanalisi di ciò cheunistituzione dovrebbe prendere in considerazione, come ad esempio: quanto sia facileavviare unattività in un paese, le tasse e le strutture aziendali di un business, i livelli dilibero commercio e di libero mercato, il sistema giuridico e così via. Ha scoperto chelelemento che è maggiormente correlato alla crescita del PIL e un forte sistema di regole.E questo è anche uno dei fattori principali che Niall Ferguson cita nel suo libro Civilizationcome il motivo che ha determinato la supremazia dellOccidente negli ultimi 500 anni ecome fattore che aiuta a spiegare perché la Cina riesca nuovamente ad emerge dal caos.Uno dei problemi reali che dobbiamo affrontare è la crescente sensazione che il sistemasia truccato a sfavore delle persone normali e a favore dei "banchieri" o del1%. E sesiamo onesti con noi stessi, dobbiamo ammettere che non vi è motivo per non averequesta sensazione. Così come il LIBOR è stato strutturato per essere potenzialmentemanipolato. Quando lo si scopre, cè solo un motivo in più per non fidarsi del sistema. E senon cè fiducia, non esiste un sistema. Absolute Return Partners di Niels C. Jensen - www.arpllp.com - è la società partner di John Mauldin per il mercato Europeo. Horo Capital - www.horocapital.it - è il partner di Absolute Return Partners per il mercato Italiano. Tel. 02 89096674 - rcarraro@horocapital.itOpacità e Credit Default SwapsIl che mi porta al punto successivo. Siamo entrati in una crisi nella quale i derivati sonostati una parte importante del problema, ed in particolar modo il rischio della contropartenei derivati over the counter (OTC).I contribuenti sono stati costretti ad intervenire per coprire i danni provocati dai derivativenduti dalle banche (ed in particolare da AIG), che erano chiaramente sottocapitalizzate.
  4. 4. Tutto questo è costato decine di miliardi. Ma nonostante ciò le commissioni e premigenerati dalla vendita di questi dannosi strumenti sono stati comunque corrisposti. Leudienze che si sono tenute al Congresso hanno esternato una forte indignazione, ma allafine la Dodd-Frank non ha avuto un seguito."Gli sforzi per creare un contratto future sui credit default swap liberamente trattato non haancora visto la luce dopo 18 mesi di trattative, e le banche che operano nel mercatoprivato dei multi-trilioni di dollari dei derivati credono che questi contratti alla finearriveranno per il semplice motivo che attireranno nuovi giocatori."I Credit default swap funzionano come un assicurazione sulle obbligazioni e sui prestiti.Gli investitori li usano per coprirsi o per speculare sullaffidabilità del debitore. Se chi hacontratto il prestito fa default coloro che hanno venduto la protezione ripagano gliacquirenti."Gli swap – vengono scambiati tramite telefono o direttamente a video, a prezzi che sononoti a coloro che fanno parte del network, e quindi questi restano ad appannaggio dei soligestori e degli hedge fund che hanno la capacità e i mezzi finanziari per assumersi deirischi complessi."I Futures al contrario, sono strumenti normalmente più utilizzati sia dalle istituzioni chedagli investitori "retail" e singoli. I prezzi dei future sono disponibili in forma pubblica nellaborsa dove sono trattati e i clienti li possono scambiare direttamente con altri investitori, adifferenza del mercato degli swap dove invece lintermediario è parte attiva nel rendereeffettiva la transazione."Gli intermediari per lungo tempo hanno ferocemente protetto il mantenimento dello statusquo nel mercato dei credit-default swap o dei CDS in quanto hanno potuto fare grossiprofitti sui clienti poiché questi non erano in grado di vedere direttamente le condizioniofferte dalla controparte." (Market Watch)E questo è il problema. I banchieri non vogliono la trasparenza perché questa taglierebbefortemente i loro profitti. E mentre anchio come tutti desidero fare profitto, il partnerimplicito in ogni transazione è il contribuente e anche lultima volta che ho esaminato ilproblema non era colui che aveva effettuato la transazione. Durante lultima crisi delcredito i derivati negoziati nelle borse non erano parte del problema; invece lo erano iderivati OTC.Una piattaforma elettronica di scambio rende molto chiaro dove si trova il rischio dicontroparte e faciliterebbe quel meccanismo della creazione dei prezzi. Si creano delleregole trasparenti che mettono il rischio sulle spalle di chi acquista e vende i derivati e nonsul contribuente. Gli strumenti derivati che vengono negoziati in borsa non costituisconouna potenziale minaccia per le economie del mondo, mentre noi non sappiamo la realeportata in termini di minaccia rappresentata dal settore delle transazioni OTC. JPMorganha perso circa 6 miliardi di dollari negli scambi al "London Whale." Se Jamie Dimon e ilboard di JPM non sono in grado di garantire una ragionevole corporate governance, alloraperché non dovremmo pensare che in una nuova crisi non troveremo un altra AIG?La Dodd-Frank deve essere abrogata e sostituita. Lultima volta, questo processo è statochiaramente troppo nelle mani di coloro che vengono regolati e ha contribuito solo a
  5. 5. migliorare i loro profitti. E tutto questo mi sembra già abbastanza.I credit default swap e qualsiasi altro derivato mi sembrano sufficienti per mettere a rischioil sistema e quindi devono essere negoziati in un mercato trasparente al fine di renderechiari quali siano i rischi della controparte.Nessun Accesso per la SpagnaPermettetemi di chiudere la lettera rilevando che la Spagna ha chiaramente persolaccesso al mercato obbligazionario in mancanza di un intervento da parte del restodEuropa e più precisamente della BCE. I tassi Spagnoli a 10 anni sono arrivati ad oltre il7,5%. Poi Super Mario Draghi ha detto che la BCE avrebbe fatto di tutto per difendereleuro e il mercato a quel punto è rimbalzato. Anche se questa notizia non è stata cosìchiara, ma a volte il mercato ha bisogno di qualcuno che lo guidi.Ora la BCE sarà costretta a dare seguito a quello che ha detto oppure dovrà affrontareuna violenta correzione del mercato, ovviamente verso il basso. Sarà interessante vederequanta pazienza avranno i mercati prima che venga mostrato da parte della BCE unchiaro programma, mentre la Germania ovviamente preferirebbe che non si facesse nullafino a quando non sarà pronunciata il 2 settembre la sentenza da parte della Cortecostituzionale.Ci stiamo avvicinando al momento in cui i leader europei saranno costretti ad agire. LaSpagna avrà bisogno di un salvataggio e non solo delle sue banche. La Germania e lealtre nazioni del nord però non hanno ancora concordato un percorso.Approfondiremo ulteriormente la situazione Europea nel corso delle prossime settimane.La situazione sta diventando sempre più problematica. In questo momento non vi è alcunpiano e la zona euro rischia di sbandare da una crisi ad un altra. Un paese dopo laltrostanno cadendo in recessione e in depressione. Lausterità senza default (o lamonetizzazione cugina del default) produce miseria.Penso che entro pochi mesi la Francia rischi di essere declassata mettendo la Germania, iPaesi Bassi e la Finlandia in una posizione molto difficile. Tutto questo potrebbe mettere arischio i loro bilanci e i loro rating? Questo è quello che dovrà succedere se si desiderache la zona euro rimanga insieme. Restate sintonizzati.Denver, Maine e CarlsbadQuesta sera sono a Gloucester nel Massachusetts, per passare la notte nel museo che ilmio amico economista Woody Brock chiama la sua residenza estiva dislocata alla fine diuna strada sterrata e circondata da alberi e rocce di granito enormi. La base della casa èstata fatta sopra una vecchia cava di granito. Ci sono inoltre un insieme di bellissimeopere in pietra mescolate tra gli alberi, che di notte sono magnificamente illuminate. I laghidella cava sono cristallini e il riflesso degli alberi, delle pietre e dei fiori si fondono insiemecome un qualcosa di fantasticamente epico. Tutto questo ti fa quasi venire voglia dicrescere e diventare un economista come lui, se questo poi ti permettesse di vivere così.Gloucester è una città di pescatori dove hanno girato il film La tempesta perfetta. Woodymi ha portato in giro e mi ha mostrato la casa dove è cresciuto e dove tuttora vivono suasorella e suo marito. La città è un interessante contrasto con Newport, dove i veri ricchi di
  6. 6. New York hanno costruito enormi palazzi e ancorato i loro yachts. Le case per le vacanzedi Gloucester sono meravigliose.La settimana scorsa ero a Newport per un simposio per conto del Dipartimento dellaDifesa. Lufficio del Net Assessment ha riunito il più eclettico ed eterogeneo gruppo dipersone che siano mai state messe assieme per sviluppare alcuni scenari alternativi alfine di pensare quello che potrebbe essere necessario in futuro. La mia mente è ancorascossa. Sto elaborando quello che ho imparato al fine di poter scrivere qualcosa su quantoho ascoltato.Per me è stato interessante sentire che alcune delle mie preoccupazioni del passato circapotenziali aree problematiche sono state cancellate. Viceversa la maggiorepreoccupazione si trova invece in altre zone. Cinque giorni di fila dalla mattina presto finoa tarda notte mi hanno un po stancato - così questa sera lettera sarà breve.Domani torno a Dallas e poi partirò di nuovo nel pomeriggio di Lunedi per Denver, perstare con i miei partner di Altegris Investment alla conferenza strategica organizzata dallarivista Financial Advisor sugli investimenti alternativi. Tornerò indietro Martedì sera, soloper cambiare le valigie e andare subito a New York e poi nel Maine con mio figlio Trey, perlannuale "Shadow Fed" una splendida battuta di pesca organizzata da David Kotok. Cisaranno tanti buoni amici. Credo che questo sia il sesto anno per Trey. Ci sarà DavidRosenberg, come anche Barry Ritholtz (The Big Picture), Martin Barnes, John Silvia (capoeconomista di Wells) e alcuni personaggi della Fed. Ci sarà anche Bloomberg TV (MikeMcKee), ed io ho in programma un veloce intervento con Tom Keene per fare un paio dicommenti sul dato delloccupazione di Venerdì mattina.Poi resto a casa per alcune settimane prima di andare a Carlsbad, California, perpartecipare ad un importante convegno di Casey Research dal titolo Navigare in unEconomia Politicizzata. Maggiori informazioni sono disponibili suhttp://www.caseyresearch.com/V-2012-fall-summit.E arrivato il momento di premere il pulsante di invio. Abbiate una grande settimana. Equesta sera dopo aver ripensato a Trading Places (forse questo è il mio film preferito)penso di andare a comperarmi il DVD e di guardarlo ancora una volta!Il tuo analista che "si sente in forma come Louis",John Mauldinsubscribers@mauldineconomics.comCopyright 2010-2012 John Mauldin. All Rights ReservedCopyright 2010-2012 Horo Capital. Tutti i Diritti RiservatiDisclaimer: La presente pubblicazione è distribuita da Horo Capital srl. Pur ponendo lamassima cura nella traduzione della presente pubblicazione e considerando affidabili isuoi contenuti, Horo Capital srl non si assume tuttavia alcuna responsabilità in merito
  7. 7. all’esattezza, completezza e attualità dei dati e delle informazioni nella stessa contenutiovvero presenti sulle pubblicazioni utilizzate ai fini della sua predisposizione. Diconseguenza Horo Capital srl declina ogni responsabilità per errori od omissioni. HoroCapital srl si riserva il diritto, senza assumersene lobbligo, di migliorare, modificare ocorreggere eventuali errori ed omissioni in qualsiasi momento e senza obbligo di avviso.La presente pubblicazione viene fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, noncostituendo in nessun caso offerta al pubblico di prodotti finanziari ovvero promozione diservizi e/o attività di investimento né nei confronti di persone residenti in Italia né dipersone residenti in altre giurisdizioni, a maggior ragione quando tale offerta e/opromozione non sia autorizzata in tali giurisdizioni. Le informazioni fornite noncostituiscono unofferta o una raccomandazione per effettuare o liquidare un investimentoo porre in essere qualsiasi altra transazione. Esse non possono essere considerate comefondamento di una decisione dinvestimento o di altro tipo. Qualsiasi decisionedinvestimento deve essere basata su una consulenza pertinente, specifica eprofessionale. Tutte le informazioni pubblicate non devono essere considerate unasollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma dinvestimento néraccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza trattandosiunicamente di informazione standardizzata rivolta al pubblico indistinto. Né Horo Capitalsrl né John Mauldin potranno essere ritenuti responsabili, in tutto o in parte, per i danni(inclusi, a titolo meramente esemplificativo, il danno per perdita o mancato guadagno,interruzione dell’attività, perdita di informazioni o altre perdite economiche di qualunquenatura) derivanti dall’uso, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, dei dati e delleinformazioni presenti nella presente pubblicazione. Ogni decisione di investimento edisinvestimento è pertanto di esclusiva competenza del Cliente che può decidere di darvi omeno esecuzione con qualsivoglia intermediario autorizzato; qualsiasi eventuale decisioneoperativa presa dal Cliente in base alle informazioni pubblicate è, infatti, da considerarsiassunta in piena autonomia decisionale e a proprio esclusivo rischio. Il Contenutopresente nella pubblicazione può essere riprodotto unicamente nella sua interezza edesclusivamente citando il nome di Horo Capital srl e di John Mauldin, restandone in ognicaso vietato ogni utilizzo commerciale. Si intende per Contenuto tutte le analisi, grafici,immagini, articoli i quali sono tutti protetti da copyright. Horo Capital srl ha la facoltà diagire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi elemento sopra esposto e/o di qualsiasiinformazione a cui tale materiale si ispira ovvero è tratto anche prima che lo stesso vengapubblicato e messo a disposizione della sua clientela. Horo Capital srl puòoccasionalmente, a proprio insindacabile giudizio, assumere posizioni lunghe o corte conriferimento ai prodotti finanziari eventualmente menzionati nella presente pubblicazione. Innessun caso e per nessuna ragione Horo Capital srl, sarà tenuta, ad agireconformemente, in tutto o in parte, alle opinioni riportate nella presente pubblicazione.Ogni violazione del copyright in qualsiasi modo si esprima ai danni di Horo Capital srl eJohn Mauldin, sarà perseguita legalmente.
  8. 8. Per iscriversi alla newsletter GRATUITA settimanale SCENARI FINANZIARI cliccare qui:www.scenarifinanziari.it/Registrazione.aspxPer modificare il proprio indirizzo email di invio della newsletter, effettuare il login suwww.scenarifinanziari.it e andare sulla pagina di registrazione.Per cancellare liscrizione alla newsletter scrivere una mail a:info@scenarifinanziari.itThoughts from the Frontline3204 Beverly DriveDallas, Texas 75205Horo CapitalIndependent Financial Advisory FirmVia Silvio Pellico, 1220121 MilanoTel. 02 89096674

×