Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0:
verso un nuovo modello di comunicazione
Docente: Roberto Polillo
Università di Milano Bicoc...
Perché le ONG sul Web?
• Per farsi conoscere
• Per spiegare che cosa si fa e si è fatto
• Per raccogliere volontari
• Per ...
Il Web oggi
• È molto cambiato rispetto a pochi anni fa (Web 2.0)
• Non solo il sito istituzionale, ma una presenza
moltep...
La presenza web tradizionale
(Profilo 1: Web 1.0)
Sito web
Visitatore
Navigazione
8 novembre 2010
Le ONG dal Web 1.0 al We...
La presenza web tradizionale
(Profilo 2: Web 1.n)
Sito web
Visitatore
Interazione col sito
8 novembre 2010
Le ONG dal Web ...
La presenza web, oggi
(Profilo 3: Web 2.0)
8 novembre 2010
Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0
Con la collaborazione di:5
PROFIL...
Il visitatore come megafono
8 novembre 2010
Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0
Con la collaborazione di:6
La situazione oggi in Italia per le ONG
• Essenzialmente siti “vetrina”, in gran parte
rudimentali
• No interattività, no ...
Una indagine
9
Una valutazione della qualità
dei siti delle ONG riconosciute
dal Ministero Affari Esteri
(circa 240)
(Fran...
Che cosa si può fare
• I siti si costruiscono in fretta (site builder Web 2.0, social
network builder); la loro gestione n...
Per la prossima volta…
• Segnalare best practices dai siti web delle
ONG italiane e/o americane, relativamente a
sezioni e...
Letture
I seguenti documenti sono estratti da alcune tesi di laurea svolte nel 2010 presso il
laboratorio TangoLab (Techno...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0

5,620 views

Published on

Slides della lezione di R.Polillo al corso in e-learning "Web 2.0: nuovi strumenti gestionali per il non profit", organizzato dal Cestas (www.cestasformazione.org).

Published in: Education, Technology, Design

Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0

  1. 1. Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0: verso un nuovo modello di comunicazione Docente: Roberto Polillo Università di Milano Bicocca 8 novembre 2010 Con la collaborazione di:
  2. 2. Perché le ONG sul Web? • Per farsi conoscere • Per spiegare che cosa si fa e si è fatto • Per raccogliere volontari • Per raccogliere fondi • Per restare in contatto con la propria comunità COMUNICAZIONE – INTERAZIONE – COLLABORAZIONE - FINANZIAMENTO 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:1
  3. 3. Il Web oggi • È molto cambiato rispetto a pochi anni fa (Web 2.0) • Non solo il sito istituzionale, ma una presenza molteplice e distribuita • La comunicazione non è solo unidirezionale, ma bidirezionale • I visitatori contribuiscono alla diffusione dei messaggi (“marketing virale”) • È facile da usare • Costa poco – o nulla 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:2
  4. 4. La presenza web tradizionale (Profilo 1: Web 1.0) Sito web Visitatore Navigazione 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:3 SEZIONI TIPICHE: • Chi siamo • Missione • Attività/Progetti • Gallerie di documenti [multimediali] • Notizie • Come aiutarci • Raccolta fondi • Motore di ricerca • [Newsletter] • [Download di documenti] ESEMPI: Partecipanti: www.cies.it (2)  www.icei.info (2) www.terranuova.org (3) http://www.cric.it (1) http://www.disvi.it (1) http://www.mais.to.it/ (2) www.arci.it (2) http://www.cocis.it (3) http://www.acsitaly.it http://xoomer.virgilio.it/mcortimi/index.html http://www.reteong.org/ http://www.peacegamesuisp.org/ http://www.ongrc.org http://www.neaculture.it/ Altri: www.africa70.org (2)  www.oafi.org (3)  www.abcsverona.it (2) www.africamission.org (1) www.puntoapunto.org (1) www.iahm.org www.icsitalia.org (2)  www.lvia.it (1)
  5. 5. La presenza web tradizionale (Profilo 2: Web 1.n) Sito web Visitatore Interazione col sito 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:4 FUNZIONI AGGIUNTIVE: • Donazioni online via terze parti (es.Paypal) • Form per offerte di collaborazione • Feed RSS per le notizie • Share buttons • Area riservata per collaboratori e volontari ESEMPI: Partecipanti: Altri: www.emergency.it (3) www.actionaid.it (3)  www.aifo.it (3)  www.icu.it (3) 
  6. 6. La presenza web, oggi (Profilo 3: Web 2.0) 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:5 PROFILO 2, PIU’: • Profili sulle social network (tipicamente, Facebook, Flickr, Youtube, Twitter), collegati da social button • Integrazione fra i diversi profili (es. foto e video) • Donazioni online più articolate (es.per progetti) • Blog / forum • Intranet ESEMPI : Partecipanti: www.cospe.it (2)  www.arci.it (2) www.cissong.org  Altri: www.amref.it (3) www.informaticisenzafrontiere.org  www.manitese.it (3) www.savethechildren.it (3,blog)  www.soleterre.it (3, donazioni, non social) www.wwf.it (3)
  7. 7. Il visitatore come megafono 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:6
  8. 8. La situazione oggi in Italia per le ONG • Essenzialmente siti “vetrina”, in gran parte rudimentali • No interattività, no community, no donazioni online • Presenza Web 2.0 quasi inesistente • Sostenibilità problematica (no CMS diffusi) • Incertezza e diffidenza verso la tecnologia 8 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:7
  9. 9. Una indagine 9 Una valutazione della qualità dei siti delle ONG riconosciute dal Ministero Affari Esteri (circa 240) (Francavilla e Polillo, dic 2009 http://www.tangonet.it/valutazione -dei-siti-delle-ong-italiane ) 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:8
  10. 10. Che cosa si può fare • I siti si costruiscono in fretta (site builder Web 2.0, social network builder); la loro gestione non richiede competenze tecniche; • Non servono infrastrutture hardware e tecnici in casa (hosting gratuiti o a basso costo) • I costi di realizzazione e gestione sono modestissimi • Le applicazioni social sono gratuite (Facebook, Youtube, Flickr, Twitter, …) • Indispensabile grande attenzione alla comunicazione (grafica e multimedialità, testi, usabilità) 10 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:9
  11. 11. Per la prossima volta… • Segnalare best practices dai siti web delle ONG italiane e/o americane, relativamente a sezioni e funzionalità specifiche. 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:10
  12. 12. Letture I seguenti documenti sono estratti da alcune tesi di laurea svolte nel 2010 presso il laboratorio TangoLab (Technology Assistance to NGO Lab, www.labtango.wordpress.com ) dell’Università di Milano Bicocca: – D.Francavilla, Best practices dei siti web delle ONG italiane http://dl.dropbox.com/u/6177139/Francavilla/PDF/ONGbestpractices.pdf – D.Francavilla, Valutazione dei siti delle ONG italiane accreditate al MAE http://www.tangonet.it/valutazione-dei-siti-delle-ong-italiane – P.Magosso, Best practices per le donazioni online http://www.tangonet.it/best-practices-per-le-donazioni-on-line – P. Magosso, Best practices per i siti web delle charities USA http://www.tangonet.it/best-practices-nei-siti-web-delle-charities-usa – P.Magosso, Design patterns Web 2.0 per i siti web del non profit http://www.tangonet.it/design-patterns-per-i-siti-web-del-non-profit – F.Maggioni, Profili e template per i siti Web delle ONG http://www.tangonet.it/profili-e-template-per-i-siti-web-delle-ong (i template sono accessibili da qui: http://www.tangonet.it/templates-per-siti-web-per-ong ) Si veda anche il sito www.tangonet.it per utili riferimenti sull’argomento. 8 novembre 2010 Le ONG dal Web 1.0 al Web 2.0 Con la collaborazione di:11

×