19. La presenza delle organizzazioni sul Web delle aziende (II)

1,107 views

Published on

Slides delle lezioni del corso di Strumenti e applicazioni del Web - Università di Milano Bicocca - Prof.R.Polillo - A.A.2012-2013 - 23 maggio 2013
La registrazione della lezione è disponibile su YouTube:
- Parte I: http://youtu.be/mqBZa4fehjw
- Parte II: http://youtu.be/YHnSa9AY1_I

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,107
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
469
Actions
Shares
0
Downloads
44
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

19. La presenza delle organizzazioni sul Web delle aziende (II)

  1. 1. Edizione 2012-13Università degli Studi di Milano BicoccaDipartimento di Informatica, Sistemistica e ComunicazioneCorso di Strumenti e applicazioni del Web18. La presenza sul Webdelleorganizzazioni(Parte Seconda)Roberto Polillo
  2. 2. Sintesi della puntata precedente• I siti web (anche quelli più semplici) sono entità complesse• La loro qualità è il risultato delle attività di molti attori, edipende da numerosi fattori, che sono variabili nel tempo• Questi fattori vanno “governati” in modo sistematico, sia infase di progetto che in fase di esercizio del sito• Per questo, è indispensabile disporre di un modello diqualità adeguato• È possibile individuare un modello base ("core") dapersonalizzare in funzione della tipologia di sitiR.Polillo - Marzo 20133
  3. 3. Il diagramma della qualitàR.Polillo - Marzo 20134
  4. 4. Il diagramma della qualitàR.Polillo - Marzo 20135
  5. 5. Le sottocaratteristiche (I)ArchitectureInformation architectureNavigationCommunicationHome pageBrand identityVisual designTypographyStruttura dei menu•Tassonomia•Labelling•Profondità vs ampiezza•Percorsi di navigazione vs casi duso
  6. 6. Le sottocaratteristiche (I)ArchitectureInformation architectureNavigationCommunicationHome pageBrand identityVisual designTypographyLegibility:•Font senza grazie•No corsivo, meglio print font•Almeno 10-12 punti•Contrasto di colore carattere/sfondo•Caratteri scuri su fondo chiaro•Uso attento dello spazio bianco•Parole chiave in evidenza
  7. 7. Le sottocaratteristiche (II)ContentInformation qualityData qualityContent currentnessLocalizationStyle guide complianceLinee guida redazionali•Stile adatto al Web•Formati•Testo vs multimedia
  8. 8. Stile adatto al Web• Conciso• Scansionabile• OggettivoCome leggiamo sulWeb:Video: eye tracking nellalettura di una paginaWeb:http://www.youtube.com/watch?v=O6DRl6tTjCU
  9. 9. Questo testo non è statopensato per il web!10R.Polillo -Marzo2013
  10. 10. R.Polillo - Marzo 201311Principi della scrittura per il WebFORMA CONTENUTOFrasi brevi Unidea per frasePoche frasi subordinate Mettere in ordine le ideeFrasi di forma positiva Piramide capovoltaFrasi di forma attiva Utilizzare il capoverso comeunità di base del testoOrdine preferito: fraseprincipale + frase subordinataCurare il collegamento fracapoversiEvitare impersonale Elenchi puntati o numeratiCapoversi di 20 righe Parole chiave in evidenzaLessico OggettivitàEvitare metafore e linguaggiopoetico, evocativoSintesiStile oggettivo Tenere docchio la trovabilitàdei contenutiDa: G.Fiorentino, Frontiere della scrittura – Lineamenti di web writing(Carocci Ed.)
  11. 11. R.Polillo - Marzo 201312Principi della scrittura per il WebFORMA CONTENUTOFrasi brevi Unidea per frasePoche frasi subordinate Mettere in ordine le ideeFrasi di forma positiva Piramide capovoltaFrasi di forma attiva Utilizzare il capoverso comeunità di base del testoOrdine preferito: fraseprincipale + frase subordinataCurare il collegamento fracapoversiEvitare impersonale Elenchi puntati o numeratiCapoversi di 20 righe Parole chiave in evidenzaLessico OggettivitàEvitare metafore e linguaggiopoetico, evocativoSintesiStile oggettivo Tenere docchio la trovabilitàdei contenutiDa: G.Fiorentino, Frontiere della scrittura – Lineamenti di web writing(Carocci Ed.)
  12. 12. Stile a piramide capovoltaSINTESIDETTAGLIOMATERIALEAGGIUNTIVOlinklink13R.Polillo -Marzo2013
  13. 13. Esempi da discutere Il sito del Gruppo Assicurazioni Generalihttp://www.generali.com Il sito della Presidenza del Consigliohttp://www.governo.it/index.asp Il sito della Casa Biancahttp://www.whitehouse.gov Alcuni magazine:http://www.techcrunch.comhttp://www.theverge.comR.Polillo - Marzo 201315
  14. 14. Post: esempi da discutere http://vincos.it/2013/05/02/foursquare-visualizza-i-tuoi-check http://vincos.it/2013/04/14/le-trasmissioni-tv-di-magg http://vincos.it/2013/04/14/le-trasmissioni-tv-di-maggior-successo-in-rete-primo-trimestre-2013/ http://blog.debiase.com/2013/05/forli-con-linnovazione-responsabile/R.Polillo - Marzo 201316
  15. 15. FunctionalityFunctional adequacyBack-office adequacyFunctional correctnessSecurityLe sottocaratteristiche (III)
  16. 16. PlatformFunctional suitabilityEfficiencyMaintainabilityCompatibilityData centreAdequacyPerformanceAvailabilityLe sottocaratteristiche (IV)Software codeFunctional suitabilityEfficiencyMaintainabilityReliabilityCompatibility
  17. 17. UsabilityEffectivenessEfficiencySatisfactionFreedom from riskContext coverageAccessibilityCompatibilityBandwidth requirementsUsers with disabilitiesLe sottocaratteristiche (V)Da valutare con test diusabilità (prove dusostrutturate con utenticampione)
  18. 18. utente osservatorefacilitatoresistemain provaappuntithinkaloudistruzioniTest di usabilitàR.Polillo-Marzo201320
  19. 19. Market presenceVisibilityUser engagementConversion rateConversion countCommunityUser relationsCommunity managementLe sottocaratteristiche (VI)MISURE!
  20. 20. La presenza in rete come sistema Non solo il sito, ma un ecosistema… … un ecosistema di informazioni, servizi,conversazioni, punti di contatto
  21. 21. La presenza in rete come "sistema"Sito Profili suisocial mediaServizionlineIstituzioniPartner Directory,WikipediaBlogE-newsletteradadBanneradssu altrepaginewebadSearch adssu searchengines
  22. 22. La presenza sui social mediaR.Polillo - Marzo 201324Indagine sulluso dei social media da parte di un campione di aziende italiane (ANVED, eCircle, CRIBIS D&B,gennaio 2013:http://www.socialmediaeasy.it/blog/2013/03/06/quanto-sono-social-le-aziende-italiane-i-risultati-dellindagine-2013-di-ecircle/
  23. 23. R.Polillo - Marzo 201325Fonte: Indagine di Anved con eCircle e CRIBIS D&B, Feb2013
  24. 24. La e-newsletter Inviata per e-mail Il suo scopo è di essere aperta e letta open rate: 20-25% click-through rate: 10-15% conversion rate: 2-4% Quindi deve essere breve: messaggi essenziali, noridondanze e decorazioni inutili Rinvia al sito istituzionale per approfondimenti Le newsletter migliori sono una sorta di "micro-siti" inviati per email1R.Polillo - Marzo 201326
  25. 25. PrivacyD.lgs.2003/196 "Codice in materia di protezione deidati personali"Lindirizzo di email è un dato personale, lutentedeve dare il suo consenso allusoIl consenso deve essere "informato" → lutentedeve esplicitamente approvare uninformativacontenente le informazioni prescritte dalla normaR.Polillo - Marzo 201327
  26. 26. R.Polillo - Marzo 201328Esempio
  27. 27. Gestire la presenza WebSitoProfili suisocial media3.Pubblicazione1. Obiettivi dicomunicazione2. Strategia dicomunicazioneAdvertisingAutomatico (?)Dashboard4.Raccoltadati(tools)6. Feedback5.AnalisirisultatiAnalytics
  28. 28. Corporate site: esempi http://www.armani.com/ http://www.prada.com/ http://www8.hp.com http://www.apple.com/ http://www.fiat.it http://www.unicreditgroup.eu https://www.unicredit.itR.Polillo - Marzo 201330
  29. 29. Per approfondire… Per una versione del modello di qualità disponibile inrete si veda:R.Polillo, "Quality models for Web sites: amethodologycal approach and a proposal", 2011,http://gplsi.dlsi.ua.es/congresos/qwe11/fitxers/QWE11_Polillo.pdfR.Polillo - Marzo 201331

×