Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

16. Principi e linee guida

775 views

Published on

Slides delle lezioni del corso di Interazione Uomo Macchina per il corso di laurea in Informatica - Università di Milano Bicocca - Prof.R.Polillo - A.A.2012-13
Lezione del 14 maggio 2013
Vedi anche www.rpolillo.it

Published in: Education
  • Be the first to comment

16. Principi e linee guida

  1. 1. Corso di Interazione Uomo MacchinaAA 2012-2013Roberto PolilloCorso di laurea in InformaticaUniversità di Milano BicoccaDipartimento di Informatica, Sistemistica e ComunicazionePRINCIPI E LINEE GUIDA1Ρ.Πολιλλο − Μαρζο 2013Edizione2012-13
  2. 2. Indicazioni per il design: tipologiaR.Polillo - Marzo 20134coercitivitàgeneralitàstandardregoledi progettolineeguidaprincipibassabassaaltaalta
  3. 3. Indicazioni per il design: autorevolezza4 livelli:A: Completamente supportate da risultati di ricerca edati empiriciB: Basate su pratica generalmente accettata (in mododocumentato)C:Non ben documentate, ma supportate dall’opinione diprofessionistiD: Opinione individualeStandard: solo livelli A e BR.Polillo - Marzo 20136
  4. 4. Gli standard per la usabilità7 Situazione complessa: gli standard sono in continuaevoluzione (www.iso.org; www.uninfo.it) Ci sono standard di prodotto e standard di processo I principali: ISO 13047 “Human centred design processes for interactivesystem” ISO 9241 ““Ergonomic requirements for office work withvisual display terminals” ISO 14915 “Software ergonomics for multimedia user-interfaces”R.Polillo - Marzo 2013
  5. 5. Part 1: General introductionPart 2: Guidance on task requirementsPart 4: Keyboard requirementsPart 5: Workstation layout and postural requirementsPart 6: Guidance on the work environmentPart 9: Requirements for non-keyboard input devicesPart 11: Guidance on usabilityPart 12: Presentation of informationPart 13: User guidancePart 14: Menu dialoguesPart 15: Command dialoguesPart 16: Direct manipulation dialoguesPart 17: Form filling dialoguesPart 20: Accessibility guidelines for ICT equipment and servicesPart 100: Introduction to standards related to software ergonomicsPart 110: Dialogue principlesPart 129: (DIS) Guidance on software individualizationPart 151: Guidance on World Wide Web user interfacesPart 171: Guidance on software accessibilityPart 210: Human-centred design for interactive systemsPart 300: Introduction to electronic visual display requirementsPart 302: Terminology for electronic visual displaysPart 303: Requirements for electronic visual displaysPart 304: User performance test methods for electronic visual displaysPart 305: Optical laboratory test methods for electronic visual displaysPart 306: Field assessment methods for electronic visual displaysPart 307: Analysis and compliance test methods for electronic visual displaysPart 308: Surface-conduction electron-emitter displays (SED)Part 309: Organic light-emitting diode (OLED) displaysPart 400: Principles and requirements for physical input devicesPart 410: Design criteria for physical input devicesPart 420: (DIS) Selection procedures for physical input devicesPart 910: (DIS) Framework for tactile and haptic interactionPart 920: Guidance on tactile and haptic interactionsISO 9241:Standardpubblicati(marzo 2010)8R.Polillo - Marzo 2013
  6. 6. Principi9 Possono essere formulati in molti modi Nel seguito, esamineremo i sette principi deldialogo secondo lo standard ISO 9241 (Parte110)R.Polillo - Marzo 2013
  7. 7. I 7 principi del dialogo secondo la ISO 9241-110:2006101. Adeguatezza al compito2. Autodescrizione3. Conformità alle aspettative dell’utente4. Adeguatezza all’apprendimento5. Controllabilità6. Tolleranza verso gli errori7. Adeguatezza alla individualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013
  8. 8. Un “modello di qualità”1100,511,522,533,54Adeguatezzaal compitoAuto-descrizioneConformità alleaspettative dell’utenteAdeguatezzaall’apprendimentoControllabilitàTolleranzaverso gli erroriAdeguatezza allaindividualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013
  9. 9. Confronto12R.Polillo - Marzo 2013
  10. 10. I 7 principi del dialogo secondo la ISO 9241-110:2006131. Adeguatezza al compito2. Autodescrizione3. Conformità alle aspettativedell’utente4. Adeguatezza all’apprendimento5. Controllabilità6. Tolleranza verso gli errori7. Adeguatezza alla individualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013La funzionalità delsistema e ildialogo sonobasati sullecaratteristiche delcompito, piuttostoche sullatecnologia sceltaper effettuarlo
  11. 11. Adeguatezza al compito: esempio14R.Polillo - Marzo 2013
  12. 12. Adeguatezza al compito: raccomandazioni15 Passi Informazioni Dispositivi di I/O Formati di input Dialogo essenziale Default tipici Compatibilità con i documentiR.Polillo - Marzo 2013adeguati al compito
  13. 13. Passi adeguati al compito16R.Polillo - Marzo 2013
  14. 14. Dialogo essenzialeR.Polillo - Marzo 201317
  15. 15. I 7 principi del dialogo secondo la ISO 9241-110:2006181. Adeguatezza al compito2. Autodescrizione3. Conformità alle aspettativedell’utente4. Adeguatezza all’apprendimento5. Controllabilità6. Tolleranza verso gli errori7. Adeguatezza allaindividualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013Agli utenti risultaevidente, in ognimomento, in chedialogo si trovano,a che punto sitrovano all’internodel dialogo, qualiazioni possonocompiere e comequeste possonoessere effettuate
  16. 16. Autodescrizione: raccomandazioni19 Guida all’utente Interazione evidente Manualistica minima Stato visibile Descrizione dell’input atteso Formati descrittiR.Polillo - Marzo 2013
  17. 17. Interazione evidente: esempioR.Polillo - Marzo 201320Pagina web conmenu le cuiscritte appaionocome roll-over:da evitare!
  18. 18. R.Polillo - Marzo 2013
  19. 19. R.Polillo - Marzo 2013http://www.brigaderia.com.br
  20. 20. R.Polillo - Marzo 201323
  21. 21. 7° giornataInter-LazioMilan-AtalantaJuventus-ParmaBari-lecceUdinese-RomaIndietro Ok24R.Polillo - Marzo 2013
  22. 22. I 7 principi del dialogo secondo la ISO 9241-110:2006251. Adeguatezza al compito2. Autodescrizione3. Conformità alle aspettativedell’utente4. Adeguatezza all’apprendimento5. Controllabilità6. Tolleranza verso gli errori7. Adeguatezza alla individualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013Il dialogocorrisponde allenecessità dell’utente,prevedibili in base alcontesto e aconvenzionicomunementeaccettate
  23. 23. Conformità alle aspettative dell’utente26 Linguaggio familiare Aderenza alle convenzioni Organizzazione abituale Dialogo consistente Tempi di risposta conformi alle aspettative Feedback conforme alle aspettative Messaggi adeguati al contesto Output in posizione appropriata Input in posizione attesa Stile dei messaggi coerenteR.Polillo - Marzo 2013
  24. 24. Aderenza alle convenzioni27R.Polillo - Marzo 2013
  25. 25. 28Link interni al sito Link esterni al sito Link alla home pageSearch engine interna Banners pubblicitari Login /registrazioneShopping cart Help Links ai prodottiBernard, 2001Organizzazione abitualeR.Polillo - Marzo 2013
  26. 26. Dialogo consistente29R.Polillo - Marzo 2013
  27. 27. 30 R.Polillo - Marzo 2013
  28. 28. 31 R.Polillo - Marzo 2013
  29. 29. 32 R.Polillo - Marzo 2013
  30. 30. 33 R.Polillo - Marzo 2013
  31. 31. Es. di incoerenza: menu che si trasformano34 R.Polillo - Marzo 2013
  32. 32. 1. PowerPoint 20072. Word 20073. Excel 200721335R.Polillo - Marzo 2013
  33. 33. Tempi di risposta conformi alle aspettative36R.Polillo - Marzo 2013
  34. 34. Messaggi in posizione appropriata37R.Polillo - Marzo 2013
  35. 35. 38R.Polillo - Marzo 2013
  36. 36. Input in posizione attesa39Da Word 2007R.Polillo - Marzo 2013
  37. 37. Stile dei messaggi coerente: esempio40R.Polillo - Marzo 2013
  38. 38. R.Polillo - Marzo 2013
  39. 39. R.Polillo - Marzo 2013
  40. 40. I 7 principi del dialogo secondo la ISO 9241-110:2006431. Adeguatezza al compito2. Autodescrizione3. Conformità alle aspettativedell’utente4. Adeguatezza all’apprendimento5. Controllabilità6. Tolleranza verso gli errori7. Adeguatezza alla individualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013Il dialogo supportae guida l’utentenell’apprendimento del sistema
  41. 41. Adeguatezza all’apprendimento: raccomandazioni Aiuto alla familiarizzazione Bassa soglia di apprendimento Feedback intermedi Sperimentazione sicura Modello concettuale evidente Riapprendimento facilitatoR.Polillo - Marzo 201344
  42. 42. Bassa soglia di apprendimentoR.Polillo - Marzo 201345
  43. 43. ΑΒΧR.Polillo - Marzo 2013Da PowerPoint 2007
  44. 44. Aiuto alla familiarizzazioneR.Polillo - Marzo 201347
  45. 45. Aiuto alla familiarizzazioneR.Polillo - Marzo 201348
  46. 46. R.Polillo - Marzo 2013
  47. 47. R.Polillo - Marzo 2013
  48. 48. Feedback intermedi: esempio51www.trenitalia.itR.Polillo - Marzo 2013
  49. 49. Aiuto onlineR.Polillo - Marzo 201352Da PowerPoint 2007
  50. 50. Modello concettuale evidenteR.Polillo - Marzo 201353
  51. 51. I 7 principi del dialogo secondo la ISO 9241-110:2006541. Adeguatezza al compito2. Autodescrizione3. Conformità alle aspettativedell’utente4. Adeguatezza all’apprendimento5. Controllabilità6. Tolleranza verso gli errori7. Adeguatezza allaindividualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013L’utente è in gradodi iniziare e teneresotto controllare ladirezione e i tempidell’interazionefino alraggiungimentodell’obbiettivo
  52. 52. Controllabilità: esempio di dialogo noncontrollabileR.Polillo - Marzo 201355(1) Patient’s name: (first-last)**FRED SMITH(2) Sex:**MALE(3) Age:**55(4) Have you been able to obtain positive culturesfrom a site at which Fred Smith has an infection?**YES(5) What is the infection?**PRIMARY-BACTEREMIA(6) Please give the date and approximate time whensigns of symptoms first appeared(Mycin)
  53. 53. Controllabilità: raccomandazioni56 Tempi dell’interazione controllati dall’utente Proseguimento del dialogo controllato dall’utente Punto di ripartenza controllato dall’utente Disponibilità di undo Disponibilità dei dati originali Modalità di visualizzazione dei dati controllata dall’utente Dispositivo d’interazione controllato dall’utente Personalizzazione dei valori di defaultR.Polillo - Marzo 2013
  54. 54. Punto di ripartenza controllato dall’utenteR.Polillo - Marzo 201357
  55. 55. I 7 principi del dialogo secondo la ISO 9241-110:2006581. Adeguatezza al compito2. Autodescrizione3. Conformità alle aspettativedell’utente4. Adeguatezza all’apprendimento5. Controllabilità6. Tolleranza verso gli errori7. Adeguatezza alla individualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013Nonostanteevidenti errorinegli input, irisultati desideratipossono essereottenuti senza ocon minime azionicorrettive
  56. 56. I 7 principi del dialogo secondo la ISO 9241-110:2006601. Adeguatezza al compito2. Autodescrizione3. Conformità alle aspettativedell’utente4. Adeguatezza all’apprendimento5. Controllabilità6. Tolleranza verso gli errori7. Adeguatezza alla individualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013Lutente puòmodificarel’interazione e lapresentazionedell’informazione peradattarle alle proprienecessità e capacitàindividuali
  57. 57. Adeguatezza alla individualizzazione:raccomandazioni Adattamento al profilo dell’utente Scelta di rappresentazioni alternative Scelta del livello delle spiegazioni Vocabolario personalizzabile Personalizzazione dei tempi di risposta Scelta del metodo di interazione Personalizzazione del dialogo Ripristinabilità dei valori precedentiR.Polillo - Marzo 201361
  58. 58. Scelta di rappresentazioni alternativeR.Polillo - Marzo 201362MacOS Finder 10.6
  59. 59. R.Polillo - Marzo 201363MacOS Finder 10.6Scelta di rappresentazioni alternative
  60. 60. Vocabolario personalizzabileR.Polillo - Marzo 201364Ning, 2009
  61. 61. Scelta del metodo d’interazioneR.Polillo - Marzo 201365
  62. 62. 66Microsoft Word 2008 per MacR.Polillo - Marzo 2013
  63. 63. Personalizzazione dei tempi di rispostaR.Polillo - Marzo 201367MacOS Finder 10.6
  64. 64. Personalizzazione del dialogo68Microsoft Word 2008 per MacR.Polillo - Marzo 2013
  65. 65. 6900,511,522,533,54Adeguatezzaal compitoAuto-descrizioneConformità alleaspettative dell’utenteAdeguatezzaall’apprendimentoControllabilitàTolleranzaverso gli erroriAdeguatezza allaindividualizzazioneR.Polillo - Marzo 2013
  66. 66. Le euristiche di Nielsen1. Visibilità dello stato del sistema2. Corrispondenza fra il mondo reale e il sistema3. Libertà e controllo da parte degli utenti4. Consistenza e standard5. Prevenzione degli errori6. Riconoscere piuttosto che ricordare7. Flessibilità ed efficienza d’uso8. Design minimalista ed estetico9. Aiutare gli utenti a riconoscere gli errori, diagnosticarli e correggerli10. Guida e documentazione(Vedi J.Nielsen, How to conduct a Heuristi Evaluation, inhttp://www.useit.com/papers/heuristic/heuristic_evaluation.html )70

×