Il laboratorio on line di scrittura a Scienze della Comunicazione 2002-2005

733 views

Published on

Esperienze di didattica on line della scrittura presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione 2002-2005

Published in: Education, Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
733
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il laboratorio on line di scrittura a Scienze della Comunicazione 2002-2005

  1. 1. Il laboratorio di scrittura on line FSC 2002 – 2005 di Roberto Spirito
  2. 2. Nel 2002 i frequentanti di FSC erano 16000 e dovevano dividere i ristretti spazi di Via Salaria con gli studenti della Facoltà di Sociologia. I grandi numeri non erano compatibili con la tradizionale impostazione seminariale dei corsi universitari e nel 2002 per soddisfare tutti gli studenti che si erano iscritti a FSC l’offerta didattica in aula avrebbe dovuto almeno moltiplicarsi per tre. Troppi studenti?
  3. 3. Il laboratorio di scrittura è istituzionalmente presente in tutti i corsi di laurea in Scienze della comunicazione come idoneità di lingua. La svolta on line viene operata per decisione del professor Mario Morcellini e grazie alla collaborazione di giornalisti, metodologi, copywriter e informatici . Il laboratorio di scrittura di FSC
  4. 4. Venivano intaccati una serie di presupposti basilari della didattica seminariale in aula: •la metodologia della lezione orale •la sincronia degli appuntamenti in aula • il rapporto verticale ed esclusivo insegnante-studente •Il libro come unico supporto asincrono all’apprendimento La crisi della didattica tradizionale
  5. 5. Le prospettive di una didattica web avanzata L’apprendimento basato sul web permette di costruire di costruire nuovi ambienti formativi capaci di stimolare tutti gli studenti ad un conseguimento completo delle proprie potenzialità individuali, in un rapporto stretto di collaborazione e di cooperazione con il gruppo di pari e di professionisti che si occupano della formazione. Le prospettive di una didattica web avanzata
  6. 6. Una buona pratica L’esperienza del laboratorio di scrittura on line non è soltanto una risposta a un’emergenza, ma appare sempre più distintamente come un’esperienza generalizzabile per assicurare a tutti gli studenti un’esperienza formativa che possa fornire strumenti adeguati a raggiungere livelli adeguati di alfabetizzazione. Il ricorso a strumenti di formazione a distanza costituisce un valido contributo a garantire gli spazi per esercitarsi e per testare le competenze acquisite.
  7. 7. Di lato trovate i risultati tipici di una sessione di esame al laboratorio di scrittura. Il campione è un gruppo di una cinquantina di studenti. I grafici mettono a confronto le valutazioni dei docenti su vari tipi di testo, confrontano poi le valutazioni magistrali con quelle fra colleghi. Le condizioni degli studenti 1 2 3 4 5 6 3 14 34 37 11 0 0 11 35 40 11 1 Valutazioni magistrali di diversi tipi di testi relazioni di sintesi saggi brevi
  8. 8. La metodologia didattica Per migliorare le competenze degli studenti abbiamo portato sul web i metodi che già P. Elbow aveva testato in classe intorno alla metà degli anni Settanta. I momenti che caratterizzano in maniera specifica la metodologia adottata sono due: lettura reciproca e scrittura collaborativa. Ogni testo realizzato dagli studenti è letto da due colleghi che lo analizzano fornendo valutazioni e suggerimenti. Sulla base dei commenti ricevuti ogni studente elabora un seconda bozza del testo prodotto e ringrazia in forma scritta i colleghi per la collaborazione, al fine di simulare i procedimenti reali di stesura testuale nelle realtà lavorative.
  9. 9. La scheda di lettura messa a disposizione degli studenti- lettori era stata discussa con la prof.ssa Emanuela Piemontese e si articolava in due parti: • una valutazione olistica basata su una scala a sei gradini; • un settore di commenti e suggerimenti, dove si stimolavano gli studenti ad essere il più particolareggiati possibile nei loro interventi. Gli strumenti di valutazione
  10. 10. Le nuove sfide davanti ai sistemi formativi La crisi della scrittura, messa di fronte ad altri codici di rappresentazione meno astratti come il linguaggio multimediale, ha determinato l’indebolimento comunicativo del manuale scientifico e del libro di testo. I successi delle industrie dell’informazione e della comunicazione spingono verso la predisposizione di nuovi ambienti formativi disponibili per ogni età ed in ogni luogo. Lo sviluppo di un sistema formativo di massa con l’incremento della scolarità, ha messo in crisi gli strumenti tradizionali della mediazione didattica: la lezione orale, la lezione in aula. Le nuove sfide davanti ai sistemi formativi
  11. 11. Nuovi spazi cibernetici di apprendimento Per conservare i suoi punti di forza tradizionali la scuola ha bisogno di nuovi spazi di apprendimento, in cui esercitarsi e testare le competenze acquisite. I laboratori on line sono un buon esempio di nuovi spazi di apprendimento a livello cibernetico.
  12. 12. Quando si parla di gruppi di self- help alcuni citano automaticamente la battuta del “cieco che guida altri ciechi”. Nel nostro caso avevamo a disposizione dati di ricerca che mostravano chiaramente ampi gap di abilità tra gli studenti, specialmente per quanto riguarda la macro-scansione del testo e la capacità di usare le convenzioni del codice della lingua scritta. Lo scarto di qualità tra il terzo superiore degli studenti e il terzo inferiore sembrava autorizzare chiaramente l’uso del gruppo per il sostegno reciproco tra gli studenti. I prosumer nella classe piatta
  13. 13. Senza la rete i processi di lettura e scrittura sarebbero franati da tempo L’uso della rete può servire per conservare i punti di forza tradizionali del sistema scuola: •la valorizzazione della dimensione formale esplicita; •Il confronto assiduo con gli impegni cognitivi; •Le attività di socializzazione, cioè il confronto con i pari; •La diffusione di modelli di azione retorica; •La condivisione di un bagaglio culturale comune che accresce le possibilità comunicative. E per aggiungere i vantaggi dei nuovi sistemi di scrittura elettronica: •L’ipertesto con l’apertura di nuovi spazi e funzionalità della mente •L’ipermedia con la valorizzazione degli stili cognitivi degli studenti •Apprendimento collaborativo in una rete di interazioni

×