Usare Moodle come sistema di valutazione interna degli apprendimenti

1,133 views

Published on

Presentazione tenuta al Moodle Moot Settembre 2013 presso UNIVPM Ancona. Come utilizzare moodle come sistema interno di valutazione degli apprendimenti. In particolare l'uso per la valutazione formativa, sommativa e autentica

Published in: Education, Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,133
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11
Actions
Shares
0
Downloads
39
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Usare Moodle come sistema di valutazione interna degli apprendimenti

  1. 1. UN SISTEMA DI VALUTAZIONE INTEGRATO TRAMITE MOODLE MOODLEMOOT 2013 UNIPVM Ancona Roberto Baldascino rbaldascino@alice.it rbaldascino@alice.it Pagina 1
  2. 2. Non valutare se non vuoi essere valutato rbaldascino@alice.it Pagina 2
  3. 3. La valutazione in una scuola che cambia: • • • • la didattica personalizzata il curricolo per competenze la valutazione dei DSA la valutazione nella scuola digitale rbaldascino@alice.it Pagina 3
  4. 4. La complessità: 1. Valutare è una delle azioni più complesse. Costituisce un fattore di crescita e di sviluppo per gli studenti perciò: • Trasparenza nei criteri • non come “un’arma” minacciosa e pregiudiziale. • Giudizi riferiti alla performance e non alla persona. Altrimenti: • atteggiamenti di evitamento (della prova) • di disimpegno (nei confronti del lavoro scolastico) • di chiusura (sul piano relazionale) 2. la valutazione come uno strumento ad alto potenziale formativo : • guida metacognitiva, per orientarsi nell’ apprendimento • risorsa conoscitiva per il docente, per promuovere forme di didattica personalizzata. rbaldascino@alice.it Pagina 4
  5. 5. Soggettività e oggettività questo è il problema!: 1. valutazioni discordanti, se non opposte, su una stessa consegna aperta 2. prove oggettive. Viste come “aleatorie” e riduzioniste, non evidenziano le capacità cognitivo-emozionali, esperienziali ed il valore aggiunto. 3. Teaching to the test 4. Sistemi di valutazione alternativi – valutazione autentica Grant Wiggins «I sistemi tradizionali di valutazione cercano di evidenziare ciò che lo studente conosce, la valutazione autentica verifica ciò che lo studente è capace di fare e di sviluppare con le conoscenze acquisite» rbaldascino@alice.it Pagina 5
  6. 6. Valutazione autentica: Non si tratta più di valutare il grado di correttezza nella riproduzione di ciò che il docente ha spiegato, ma di misurare l’autonomia nel costruire procedure e artefatti cognitivi. La finalità è risolvere situazioni problematiche assegnate. L’oggetto della valutazione allora è, non solo il prodotto finale ma anche il processo che lo ha generato. le (rubriche e portfolio) rbaldascino@alice.it Pagina 6
  7. 7. La valutazione nella scuola digitale tra BYOD e Flipped Classroom: La complessità dei processi di valutazione cresce ulteriormente quando alle attività svolte in classe si aggiungono le attività innovative svolte con l’apporto delle tecnologie digitali, che richiedono un nuovo orizzonte valutativo: la presenza e la distanza, nonché la reciproca relazione rbaldascino@alice.it Pagina 7
  8. 8. IL GIUSTO MIX VALUTARE CON MOODLE rbaldascino@alice.it Pagina 8
  9. 9. Quale valutazione? 1. Mix tra i sistemi di valutazione tradizionale: strumenti di verifica aperti, strutturati e semi-strutturati. 2. I sistemi alternativi autentici (eportfolio) 3. I sistemi innovativi digitali. Le valutazioni artefatti digitali compiute in classe, blended o a distanza. 4. Valutazione dell’informale: badge rbaldascino@alice.it Pagina 9
  10. 10. Moodle come sistema integrato di valutazione che cosa permette di fare 1. Creare scale di valutazione qualitative e quantitative standard, personalizzabili per ogni attività. 2. Creare sistemi di valutazione per prove aperte compiute in classe, a distanza o blended, siano esse cartacee o i digitali (compito). 3. Utilizzare sistemi di valutazione progressive, per feedback continui e scambi interattivi con il docente, per arrivare a migliorare e rifinire progressivamente la performance dello studente (consegne aperte). rbaldascino@alice.it Pagina 10
  11. 11. Che cosa permette di fare: 4. Impiegare valutazioni per accessi condizionati a risorse (learning path). Secondo la percentuale di correttezza, per accedere a livelli superiori di attività e/o per percorsi personalizzati o di supporto. 5. Utilizzare sistemi di valutazione formante tramite E-portfolio e bilancio delle competenze. Si può procedere o all’interno di Moodle, con l’installazione dei seguenti plugin: • Exabis portfolio, Exabis competencies o connessione con l’esterno: • Mahoodle che rappresenta la fusione tra Mahara – un sistema stand alone per sviluppare E-portfolio – e Moodle accessibile tramite SSO (Single Sign On). rbaldascino@alice.it https://mahara.org/ Pagina 11
  12. 12. Che cosa permette di fare: 6. Utilizzare sistemi di monitoraggio online tramite tracciamento delle attività e dei tempi (si possono impiegare plugin aggiuntivi come Attendance e/o Gismo). 7. Utilizzare l’ampia strumentazione presente nel sistema per creare sondaggi con classificazione e tabulazione delle risposte in tempo reale (Questionario, Scelta, Sondaggio, Colles). 8. Impiegare i vari registri e i sistemi di report per esternare le valutazione (report completi, report singoli, registro del valutatore). rbaldascino@alice.it Pagina 12
  13. 13. Che cosa permette di fare: 7. Impiegare diverse tipologie di testing per prove oggettive che si autocorreggono automaticamente. Implementare sistemi di valutazione tramite rubriche e matrici di osservazione. 8. Implementare strutture valutative basate sulla gamification, (punteggi, classifiche e badge). 9. Impiegare la valutazione tra pari (workgroup). 10.Implementare strumenti di autovalutazione e autoriflessione (test formativi, blog journal, domande aperte). rbaldascino@alice.it Pagina 13
  14. 14. Moodle come ecosistema formativo rbaldascino@alice.it Pagina 14
  15. 15. Circolo virtusoso dell’ecosistema formativo rbaldascino@alice.it Pagina 15
  16. 16. Obiettivi curriculari: rbaldascino@alice.it L’area di Moodle in cui si inseriscono gli obiettivi curricolari che che saranno in seguito connessi ad una scala di valutazione, la quale a sua volta sarà connessa con uno dei tanti strumenti di verifica. Pagina 16
  17. 17. Scale di valutazione: Le scale personalizzate e le scale standard. In entrambe è possibile inserire (e inventare) qualsiasi scala di valutazione necessita un docente rbaldascino@alice.it Pagina 17
  18. 18. Strumenti di valutazione: Un esempio limitato solo alla varietà dei test oggettivi e semi-oggettivi rbaldascino@alice.it Pagina 18
  19. 19. Moodle Item analysis rbaldascino@alice.it Pagina 19
  20. 20. Analisi statistiche di Moodle riguardo i test Moodle dispone di un ampio sistema di analisi statistici riguardanti le prove strutturate o semi strutturate. Per un qualsiasi test svolto si possono ottenere i seguenti dati: Nome quiz Nome corso Geografia II D Numero totale dei tentativi completi valutati 26 Voto medio 60,26 Mediana dei voti 62,50 Deviazione standard 18,00 Asimmetria della distribuzione dei voti 0,5804 Curtosi della distribuzione dei voti 0,0075 Coefficiente di consistenza interna 56,06% Quoziente d'errore 66,29% Errore standard rbaldascino@alice.it Test comprensione del testo 11,93% Pagina 20
  21. 21. Gli indici statistici espressi per ogni singola domanda presente nel test (domande 3,5,9,11) rbaldascino@alice.it Pagina 21
  22. 22. Efficienza discriminativa del test domande 3,5,9,11 rbaldascino@alice.it Pagina 22
  23. 23. Istogramma dei risultati del test: rbaldascino@alice.it Pagina 23
  24. 24. Item analysis Il quesito era: Con il termine Gentryfication si intende che…; le risposte date dagli studenti rispetto alle quattro possibili risposte sono evidenziate nell’immagine sottostante. La domanda mostrata nella immagine non rappresenta un buon esempio di discriminazione tra i bravi e i meno bravi . I 10 studenti (su un totale di 26) che hanno risposto correttamente, non rappresentano, il gruppo di studenti che è andato meglio complessivamente nel test. Le loro risposte mostrano di fatto una certa fortunata casualità di scelta dell’item corretto. Contrariamente una parte consistente di coloro che hanno segnato la risposta errata, alla fine risultano tra coloro che hanno ottenuto un buon risultato nella verifica. rbaldascino@alice.it Pagina 24
  25. 25. Jmetrik http://www.itemanalysis.com/index.php Gli strumenti di Item analysis presenti in Moodle possono essere ampliati da software esterni in grado di compiere ancora più sofisticate osservazioni psicosometriche e di Item Response Theory (IRT) rbaldascino@alice.it Pagina 25
  26. 26. Embedded Assessment: valutare con il tracciamento: rbaldascino@alice.it Pagina 26
  27. 27. Grazie! rbaldascino@alice.it Pagina 27

×