01 social report federmanager marche 2012

419 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

01 social report federmanager marche 2012

  1. 1. SocialReport2012-2013
  2. 2. 3PresentazioneQuesto primo Social Report, pubblicatol’8 giugno 2013, rappresenta il seguitodi un processo di responsabilità socialed’impresa iniziato nel 2012 con la re-dazione del Social Plan 2012-2014.Mentre il Social Plan, partendo dalla di-chiarazione della mission e dagli obiet-tivi strategici focalizza la sua attenzioneprincipalmente sulle azioni e sui progettiche Federmanager Marche si è impegna-ta a realizzare nel triennio di riferimento,il Social Report rendiconta i risultati con-seguiti nell’anno.I fatti più rilevanti che hanno caratter-izzato questo periodo sono stati: il raf-forzamento dell’aggregazione delle treterritoriali che attualmente formanoFedermanager Marche (Unione Marchi-giana dei Dirigenti delle Aziende Indus-triali) attraverso un rilevante incrementodel numero degli incontri dei tre Presi-denti e dei membri del Direttivo; il coin-volgimento di altre professionalità nellavita associativa; l’erogazione di nuoviservizi e la predisposizione di nuoviprogetti volti a rispondere alle esigenzeemergenti dei dirigenti.Infine, con lo scopo di coinvolgere mag-giormente i dirigenti nelle iniziative pro-mosse dalla Federazione e raccogliere leloro opinioni sulla gestione complessivadell’organizzazione e i suggerimenti perun miglioramento continuo, è stato invi-ato loro un questionario anonimo. I risul-tati dell’indagine sono pubblicati nellaquarta parte di questo report.Buona lettura a tutti!!!
  3. 3. 54Sommario Nota metodologicaFINALITÀ E APPROCCIOAttraverso questo Social Report, l’Unione Marchigiana Dirigenti Aziende Industriali (Federmanager Marche)vuole render conto in maniera chiara e trasparente dei risultati raggiunti nel periodo in relazione agli obiet-tivi dichiarati dal Social Plan 2012-2014 e sviluppare uno scambio continuo con i principali interlocutori, alfine di una comprensione reciproca ed un miglioramento continuo dell’attività.Il perimetro del report riguarda tutte le attività realizzate da Federmanager Marche nel periodo che va damaggio 2012 ad aprile 2013, mentre il bilancio d’esercizio fa riferimento all’anno solare.NOTA METODOLOGICA....................................................................................................................................................................................51. LA NOSTRA IDENTITÀ..............................................................................................................................6 Chi siamo ....................................................................................................................................................................................................7 Contesto di riferimento e Vision.....................................................................................................................................................8 Mission e linee strategiche................................................................................................................................................................9 I servizi offerti .......................................................................................................................................................................................10 Gli associati.............................................................................................................................................................................................11 Gli organi statutari ..............................................................................................................................................................................12 Gli interlocutori.....................................................................................................................................................................................132. LE ATTIVITÀ REALIZZATE NEL PERIODO E GLI OBIETTIVI FUTURI........................................................... 15 Assistenza Legale.................................................................................................................................................................................16 Assistenza FASI e FASI GSR..............................................................................................................................................................17 Assistenza PREVINDAI .......................................................................................................................................................................17 Assistenza ASSIDAI .............................................................................................................................................................................18 Polizza assistenza legale PRAESIDIUM .....................................................................................................................................18 Progetto “TEAM” ..................................................................................................................................................................................19 Progetto “SCENA - Sviluppare Competenze Eccellenti Nell’Apprendimento” .....................................................20 Progetto “Federmanager Marche” ..............................................................................................................................................22 Progetto “ Rinnovo contrattuale 2014-2016”.......................................................................................................................23 Progetto “ Federmanager siete voi!” .........................................................................................................................................24 Progetto “Accendiamo i riflettori su Federmanager”.........................................................................................................25 Progetto “PERLIMPRESA” .................................................................................................................................................................26 Progetto “L’altra via della seta” ....................................................................................................................................................27 Obiettivi futuri ......................................................................................................................................................................................283. IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO..................................................................................................... 29 Conto Economico 2012-2011 ......................................................................................................................................................30 Situazione Patrimoniale 2012-2011 ........................................................................................................................................304. LE OPINIONI DEGLI INTERLOCUTORI..................................................................................................... 31 Le modalità di coinvolgimento......................................................................................................................................................32 Le opinioni dei dirigenti associati ..............................................................................................................................................33 Le opinioni dei dirigenti iscritti al FASI e non a Federmanager....................................................................................34 Le opinioni dei responsabili delle risorse umane ..............................................................................................................365. LA TUA OPINIONE................................................................................................................................ 37 La tua opinione......................................................................................................................................................................................38RIFERIMENTINella rendicontazione è stato fatto riferimento a:* Linee guida per il reporting di sostenibilità GlobalReporting Initiative – GRI, Sustainability ReportingGuidelines, 2000-2011, version 3.1;* Principi di redazione del bilancio sociale delGruppo di studio per il bilancio sociale – GBS,Principi di redazione del bilancio sociale (2001),Giuffrè 2005, 2007; documento di ricerca n. 10, Larendicontazione sociale per le aziende non profit,Giuffrè 2009;Standard della serie AA1000 AccountAbility – Ac-countAbility, AA1000 Series, 2008, 2011.PROSPETTIVE EVOLUTIVE DEL REPORTINGA nostro parere i risultati raggiunti attraverso questaprima esperienza di reporting sociale esprimonoimportanti elementi positivi, ma anche alcunielementi di migliorabilità, come di seguito illustrati.Elementi positivi:* ­Creazione di un numeroso team di lavorocomposto da soggetti interni ed esterni allaFederazione per l’erogazione di servizi gratuiti, losvolgimento delle attività e la realizzazione deiprogetti* ­Rendicontazione di tutte le attività svolte edichiarazione degli obiettivi futuri* ­Raccolta delle opinioni dei manager attraverso lasomministrazione di questionari anonimiElementi di migliorabilità:* Migliorare il coinvolgimento della struttura internanel processo di rendicontazione sociale* Dettagliare maggiormente gli obiettivi futuri erenderli più misurabiliDIFFUSIONE DEL SOCIAL REPORTIl Social Report sarà diffuso dall’organizzazione at-traverso le seguenti modalità:* Pubblicazione online nel sitowww.marche.federmanager.it* Comunicazione per e-mail a:­• Iscritti a Federmanager di tutte le Marche• Iscritti FASI Marche• Presidente e Direttore Generale FEDERMANAGER Nazionale• Presidente e Direttore Generale FASI• Tutti coloro che ne mostreranno interesse* Messa a disposizione di alcune copie cartaceepresso la sede
  4. 4. 7Chi siamoFEDERMANAGER...Fondata nel 1945 Federmanager, la Federazione Nazionale Dirigenti di Aziende Industriali, è l’organizzazi-one che rappresenta in modo unitario ed esclusivo i dirigenti industriali italiani.Gli iscritti alle Associazioni territoriali che costituiscono Federmanager sono dirigenti di piccole, mediee grandi imprese che operano in tutti i settori dell’industria privata, a partecipazione statale e pubblico-economica; nei servizi privati e pubblici e nelle attività ausiliarie e complementari dell’industria, nonché idirigenti in pensione.Federmanager è una delle sei federazioni che costituiscono la Confederazione Italiana dei Dirigenti e dellealte professionalità, CIDA. La CIDA è uno dei soci fondatori della Conféderation Européenne des Cadres CEC.L’EVOLUZIONE DI FEDERMANAGERImpegnata costantemente nel far evolvere il proprio ruolo di rappresentanza sindacale e sociale, oggiFedermanager diventa punto di riferimento non solo per i dirigenti, ma anche per i quadri apicali e le alteprofessionalità, diventando la Federazione Dirigenti e Quadri Apicali di Aziende Industriali.FEDERMANAGER NELLE MARCHENelle Marche l’Unione Marchigiana Dirigenti Aziende Industriali (Federmanager Marche) conta attualmentecirca 300 iscritti provenienti da alcune delle maggiori realtà industriali della zona, ma in maggioranza dallepiccole e medie imprese che caratterizzano il territorio marchigiano.“Il Dirigente Marchigiano, è schietto e pragmatico, aperto alle novità, a volte troppo chino sul suo lavoro per poter apprez-zare il valore che può derivare dalle relazioni tra colleghi, in questo la FEDERMANAGER deve lavorare, nel permettere ainostri Dirigenti di conoscersi e di farsi conoscere, perché questa cultura Manageriale Marchigiana è una leva fondamentaleper rilanciare l’economia”Lanostraidentità
  5. 5. 98Contesto di riferimento e VisionAndamento delle imprese marchigiane nel 2012Secondo l’Unioncamere Marche, nel 2012 hanno cessato l’attività 11.606 aziende. Nello stesso periodosono nate 10.429 nuove imprese. Il saldo negativo è dunque di 1.177 imprese con la scomparsa di oltre 3mila posti di lavoro. Nel 2011, che è stato pur sempre un anno di crisi, le imprese marchigiane erano inveceaumentate di 100 unità.«Peggio delle Marche - sostiene ilpresidente di Unioncamere MarcheAdriano Federici - hanno fatto soloVeneto, Piemonte ed Emilia Romagna,tutte regioni con una forte e diffusapresenza di piccole e medie imprese.Sono quelle che più hanno risentito dellacrisi per il crollo del mercato interno,solo parzialmente contenuto grazie allabuona domanda internazionale.Con la chiusura di oltre 11 mila impresenelle Marche si sono persi anche migliaiadi posti di lavoro, per non parlare dicompetenze e tradizioni importanti. Oral’obiettivodeveesserequellodirimettereal centro dell’azione politica l’impresa eil lavoro, riducendo su entrambi i fronti lapressione fiscale e favorendo la nascitadi nuove imprese ad elevato contenutooccupazionale e tecnologico».La nostra visionIn questo contesto Federmanager Marche vuolepotenziare il proprio ruolo di rappresentanza sindacale esociale diventando punto di riferimento e aggregazionedel mondo delle alte professionalità operanti nelleimprese, con l’obiettivo di favorire la diffusione di unacultura basata sui principi del merito, della competenzae della responsabilità, che ponga la “persona” comeelemento centrale e stimoli i processi di modernizzazionee innovazione per la crescita del territorio, in un clima dicoesione sociale.Mission e linee strategicheLa nostra MissionFedermanager unisce al proprio ruolo sindacale, quello di attore sociale e culturale nell’interesse delPaese e lo fa:* mettendo a disposizione della società una categoria consapevole dei propri doveri e delle proprieresponsabilità;* promuovendo, anche in rapporto con le altre componenti sociali, lo sviluppo di relazioni tese aperseguire l’interesse comune;* fornendo il contributo della categoria allo sviluppo attraverso valutazioni e proposte da condividerecon gli interlocutori istituzionali, politici e sociali;* partecipando al processo di modernizzazione e di crescita economico - sociale del Paese e delterritorio, anche favorendo la formazione permanente sia professionale che in senso culturale piùampio.Obiettivi strategiciCome illustrato nel Social Report 2012-2014 pubblicato nel nostro sito www.marche.federmanager.it, i nos-tri obiettivi strategici per il triennio sono:* Ampliare la base associativa ed incentivare l’aggregazione di Dirigenti (e Quadri apicali) industrialidel territorio marchigiano al fine di rafforzare la rappresentanza della categoria e il suo ruolo attivo neiconfronti delle istituzioni pubbliche e private* Migliorare la visibilità dell’organizzazione, valorizzare l’immagine del dirigente e incrementare il sensodi appartenenza* Incrementare l’assistenza moralmente e materialmente degli associati nella risoluzione di specificheproblematiche* Favorire lo sviluppo delle competenze degli iscritti al fine di creare un’organizzazione di personequalificate che mettano le proprie professionalità a disposizione per lo sviluppo industriale del territorioe del Paese* Favorire l’impiego delle esperienze e delle energie dei dirigenti pensionai nel mondo del lavoro e nellaSocietà* Tutelare gli interessi degli appartenenti alla categoria in ambito sindacale, previdenziale e di assistenzasanitaria
  6. 6. 1110I servizi offertiI servizi offerti da Federmanager Marche ai propri associati sono i seguenti:* Consulenza e tutela sindacale deldirigente* Assistenza per contenziosi sul lavoro(conciliazioni di fine rapporto, gestionelicenziamenti, supporto nella fase dinuova assunzione)* Consulenza previdenziale (INPS,PREVINDAI)* Assistenza nella richiesta di pensionee nel collegamento con istitutiprevidenziali locali (ipotesi di calcolipensionistici e verifica posizionisingole, pratiche di reversibilità)* Assistenza nelle pratiche FASI, FASIGSR, ASSIDAI e altri enti di assistenzasanitaria, anche per i familiari(compilazione pratiche di rimborso, verifica stato avanzamento pratiche)* Banca dati di curricula manageriali* Outplacement* Attività di formazioneTali servizi sono gratuiti e sono usufruibili da tutti gli associati a Federmanager.Nel 2013 si è cercato di incrementare l’efficienza della segreteria:* Incremento del numero delle ore di apertura della sede al pubblico, passando da 16 ore (4 mezzegiornate) a 24 ore (6 mezze giornate) la settimana* Trasferimento della sede ad Ancona da Corso Mazzini a Piazza Roma (edificio più agevole con affitto piùcontenuto)* Inserimento di una stagista* Dotazione di un telefono cellulare per permettere alla segreteria di essere disponibile anche in oraridiversi da quelli dell’apertura della sede* Dotazione di un computer portatile per poter offrire il servizio di assistenza FASI e FASI GSR anche al difuori della sedeGli associatiPossono iscriversi alla Federazione i Dirigenti in servizio, in cerca di occupazione opensionati delle aziende industriali.Con le modifiche statutarie apportate nel 2013, possono ora associarsi anche i QuadriApicali e le Alte Professionalità.Ciò comporta delle prospettive di crescita dell’associazione molto interessanti, so-prattutto considerando che dai dati CIDA emerge che nel 2012 nelle Marche eranopresenti 1.466 Dirigenti e 6.799 Quadri. Probabilmente la chiusura di molte aziendeper effetto della crisi economica avrà ridimensionato in parte questi valori, ma si trat-ta comunque di numeri importanti per una Regione caratterizzata da una forte pre-senza di piccole imprese.È stata inoltre istituita la figura del “Supporter”, rappresentata da tutti coloro che, purnon rientrando nella categoria dei manager associabili, vogliono in qualche modosostenere la Federazione nello svolgimento dell’attività.Il grafico mostra l’andamento del numero degli iscritti nel triennio 2010-2012. Pur se con una leggera riduz-ione rispetto al 2010, negli ultimi due anni il valore è rimasto pressoché costante.Iscritti al 31/12/2010 Iscritti al 31/12/2011 Iscritti al 31/12/2012ServizioPensioneTotaleServizioPensioneTotaleServizioPensioneTotaleFedermanager AN-PS 73 118 191 76 107 183 83 103 186Federmanager AP 14 26 40 14 26 40 16 21 37Federmanager MC 25 34 59 25 32 57 26 32 58UMDAI (Federmanager Marche) 112 178 290 115 165 280 125 156 281Nei primiquattro mesidel 2013 si sonoiscritti:* 18 dirigenti(di cui 14 inservizio e 4pensionati)* 1 quadro* 4 supporter
  7. 7. 1312Gli organi statutariASSEMBLEA GENERALEL’Assemblea generale è formata da tutti gli iscritti ai Sindacati soci dell’Unione, per-tanto da tutti i soci Federmanager delle Marche. Ciascun iscritto può farsi rappresen-tare all’Assemblea da un altro iscritto mediante delega. In ogni caso ciascun iscrittonon potrà essere portatore di più di cinque deleghe.CONSIGLIO DIRETTIVOIl Consiglio Direttivo Regionale è costituito dai Presidenti dei Sindacati Provincialie dai Consiglieri eletti da detti Sindacati in ragione di uno ogni 30 iscritti a ciascunSindacato o frazione di 30. Nella tabella si riportano gli iscritti al 31/12/2012 e i rap-presentanti spettanti a ciascun Sindacato.Nome Consistenza al 31/12/2011 Rappresentanti spettantiAncona, Pesaro e Urbino 163 7 + PresidenteAscoli Piceno 40 2 + PresidenteMacerata 57 2 + PresidenteNominato con delibera del 24/09/2012, l’attuale Direttivo Regionale in carica per il triennio 2012-2015, ècomposto dai seguenti membri:Nome Carica ProvenienzaAntonio Santi Presidente MacerataRoberto Rocchegiani Vice Presidente AnconaRosalba Piero Segretario Jesi (AN)Bartolucci Marco Maria Consigliere AnconaBorsini Rodolfo Consigliere Castelfidardo (AN)Mais Monica Consigliere Senigallia (AN)Maurizi Enzo Consigliere Jesi (AN)Pignatelli Giuseppe Consigliere Falconara M.ma (AN)Tabocchini Doriano Consigliere Fabriano (AN)Carrieri Guido Consigliere Ascoli PicenoPanichi Ivo Consigliere Ascoli PicenoTicchiarelli Maria Teresa Consigliere Folignano (AP)Camilletti Angelo Consigliere Recanati (MC)Carone Fernando Consigliere Recanati (MC)De Angelis Gioacchino Consigliere Tolentino (AN)Gli organidell’UnioneMarchigianasono i seguenti:* AssembleaGenerale* ConsiglioDirettivo* PresidenteGli interlocutoriPer interlocutori si intendono tutti quei soggetti o categorie di soggetti che sono in qualche modo influen-zati o influenzano le scelte strategiche ed operative di un’organizzazione.Attraverso il Social Report che verrà redatto alla fine di ogni esercizio, Federmanager Marche vuole rendereconto ai propri interlocutori, in maniera chiara e trasparente della propria mission e linee strategiche, delleattività realizzate e della loro coerenza con la mission istituzionale, dei risultati raggiunti e delle risorse imp-iegate, al fine di intraprendere con essi un dialogo volto al miglioramento continuo.Come si può vedere dal grafico che segue diversi sono gli interlocutori di Federmanager Marche (interni,esterni, pubblici e privati) ciascuno con specifici interessi e tutti importanti per la vita stessa dell’organiz-zazione.Mappa degli interlocutoriAssociati epotenziali associatiSistemaFedermanagerDipendenti ecollaboratoriAziende delterritorioEnti contrattualiEnti territorialiEnti collegatiParti sociali
  8. 8. 14Analisi degli interlocutoriCategoria Tipologia interlocutori InteresseAssociatiPotenzialiassociatiSono rappresentati da tutti i Dirigenti di aziendeindustriali e pensionati delle Marche che, versan-do annualmente la quota associativa, sono iscrittia Federmanager.Sono tutti i Dirigenti di aziende industriali delleMarche che non sono ancora iscritti alla Federazi-one, ma che potrebbero iscriversi.Sono interessati a conoscere la tipologia e la qualità delservizio offerto dall’organizzazione e la sua capacità di ri-spondere ai bisogni.Il loro contributo è fondamentale per conoscere punti diforza e di debolezza del servizio e come orientare il mi-glioramento.Imprese Si fa riferimento a tutte le imprese del territorioche hanno al loro interno Dirigenti che potrebbe-ro averne bisogno per migliorare la gestione dellapropria azienda. Si fa inoltre riferimento al siste-ma di rappresentanza delle imprese del territorio:CONFINDUSTRIA, CONFAPI, CONFSERVIZI, ASTRA,ACLI, ecc.Durante gli incontri al Ministero dello Sviluppo Economi-co, in merito al Business Act, abbiamo verificato l’esigen-za di fornire Management per permettere la crescita di-mensionale delle nostre PMI. Con ManagerItalia abbiamosottoscritto congiuntamente un protocollo: “Manager diRete” . Per questo fabbisogno vorremmo proporre il nos-tro contributo.Dipendentie collaboratoriColoro che con il proprio lavoro retribuito permet-tono il perseguimento della strategia. Si tratta inparticolare della segreteria che operano regolar-mente con l’ente per fornire assistenza agli asso-ciati.Il dipendente desidera comprendere la struttura dell’orga-nizzazione e la dinamica di gestione per accrescere cons-apevolezza del proprio ruolo e sentirsi parte integrante diun progetto comune.Il suo contributo è fondamentale per monitorare i bisognidegli associati e migliorare sia la gestione che la qualitàdei servizi offerti.SistemaFedermanagerÈ la federazione costituita da tutte le Associazi-oni territoriali che eleggono gli Organi di Governodella Federazione che ha sede a Roma.Le Associazioni territoriali comprese nel territo-rio di una Regione sono tenute a raggrupparsi inUnioni Regionali.È interessato a conoscere come le risorse vengono impie-gate e con quali risultati.Il suo contributo è importante per la condivisione degliobiettivi e il miglioramento l’attività.EnticontrattualiSono tutti quegli enti con i quali Federmanager haaccordi al fine di fornire ai suoi associati soluzioniin grado di soddisfare le proprie esigenze, in lineacon la mission ed obiettivi associativi.Tra questi si fa principale riferimento a: FASI,FASIGSR, FEDERMANAGER ACCADEMY, INTOO, FONDI-RIGENTI, FONDO DIRIGENTI PMI, PRAESIDIUM.La Federazione si avvale di molti strumenti per soddis-fare le esigenze dei Dirigenti, lo sviluppo a livello localeè molte volte trascurato per mancanza di strutture idoneenell’organizzare eventi o promuovere fidelizzazioni.Parti sociali Si fa riferimento ai sindacati dei lavoratori. Il dialogo con i sindacati, su tematiche concernenti la ges-tione della formazione, al sicurezza e salute dei lavoratori,l’occupazione, ecc. è una leva fondamentale per permet-tere al sindacato di confrontarsi con cognizione di causasu temi fondamentali per la crescita del territorio.Enti Territoriali Regione Marche, Provincie, Comuni Le amministrazioni del territorio devono conoscere il po-tenziale manageriale che Federmanager rappresenta, perpoter attingere professionalità e competenza sulla basedelle necessità, e pianificare azioni idonee per lo sviluppodelle aziende del territorio.Enti collegati MANAGER ITALIA MARCHE, CIDA, #PRIORITALIA Quello che sta rinascendo è un’importante confederazi-one che riunisca le Alte Professionalità, che potranno di-alogare con la “Politica” attraverso il progetto #PRIORITA-LIA.Le Attivitàrealizzate nelperiodo e gliobiettivi futuri
  9. 9. 1716Assistenza Legale Assistenza FASI e FASI GSROBIETTIVI SPECIFICICoinvolgere nelle attività promosse dall’associazione e mettere a disposizione degli associati dei legali delterritorio altamente qualificati.PERSONE COINVOLTEAvv. Daniele ProvincialiAvv. Jacopo Casini RopaATTIVITÀ REALIZZATENel periodo indicato l’Avv. Daniele Provinciali ha prestato attività di consulenza per 12 dirigenti.* In 4 casi su 10 ha predisposto e/o controllato e comunque partecipato alla definizione transattiva dellerelative posizioni lavorative arrivando ad un accordo (si trattava di soggetti dimissionari o licenziati).In 1 di questi 4 dirigenti, essendo il dirigente assistito da un altro legale, l’intervento si è limitato ad uncontrollo di congruità e regolarità di quanto stabilito e pattuito nell’accordo redatto da altri. Negli altri 3casi c’è stata una partecipazione attiva alla predisposizione e redazione dell’accordo (agli incontri conl’azienda ecc...). 1 di questi sta attualmente chiudendo l’accordo con l’azienda.* Per 1 dirigente è stata effettuata attività di recupero credito in sede giudiziale con esito positivo al100%; il dirigente ha infatti recuperato tutto quanto gli era dovuto ( circa 32.000 euro).* In 3 casi ha fornito consulenza stragiudiziale in situazioni di rischio perdita attività lavorativa.* In 2 casi si è aperto un contenzioso ancora stragiudiziale con il FASI per il mancato riconoscimento delcontributo GSR del FASI.* Per 1 dirigente sta curando ben tre posizioni giudiziali: si tratta di un dirigente che in un breve lasso ditempo è stato alle dipendenze di tre società tutte fallite. Ha quindi predisposto l’insinuazione al fallimentoe la richiesta di intervento dell’INPS.L’Avv. Provinciali si è inoltre occupato gratuitamente di tutta la fase di trasferimento degli uffici nella nuovasede ubicata in Piazza Roma, 7.Dal 2012 è stato coinvolto nell’attività dell’associazione anche L’Avv. Jacopo Casini, che si è principalmenteoccupato delle modifiche dello Statuto per permettere alla Federazione di associare anche i Quadri Apicali.Ho inoltre dato assistenza per la verifica di un accordo raggiunto tra un associato ed il proprio datore di la-voro nella risoluzione del rapporto.Il FASI – Fondo Assistenza Sanitaria Integrata – è un’associazione di secondo livello senza scopo di lucroche opera in base agli accordi contrattuali tra Confindustria e Federmanager.Scopo del FASI è quello di erogare ai dirigenti, in servizio e pensionai, ed ai loro nuclei familiari, prestazioniintegrative dell’assistenza fornita dal Servizio Sanitario Nazionale.L’adesione da parte dei dirigenti è volontaria. Il Fondo viene finanziato da contributi che provengono dalleaziende (circa 2/3) e dagli iscritti (circa 1/3) e la cui entità viene stabilità da accordi sindacali nell’ambito deirinnovi contrattuali.Obiettivo della Federazione è assistere gli associati nelle pratiche on-line.RISULTATI DEL PERIODOPer il triennio 2011-2013 FASI e FEDERMANAGER hanno rinnovato una convenzione in base alla quale tuttele territoriali Federmanager aderenti alla convenzione, forniscono un servizio di nformazione e consulenzaa favore degli iscritti al FASI, sia sul Fondo che sulla GSR.Nelle Marche tale servizio di assistenza è reso dalla Segreteria della territoriale di Ancona - Pesaro Urbino atutti coloro che ne fanno richiesta ad personam, in maniera completamente gratuita.Alla fine del 2011 (purtroppo al momento della redazione del documento non erano disponibili dati più ag-giornati) nelle Marche gli iscritti al FASI erano 1.402 (di cui 810 dirigenti in servizio, 586 dirigenti pensionatie 6 contribuenti volontari), le strutture convenzionate 52 e le aziende versanti al 4.525.Nel 2012 hanno usufruito del servizio assistenza FASI n. 56, del servizio FASI GSR n. 18.Assistenza PREVINDAIIl PREVINDAI è un Fondo Pensionistico che ha lo scopo di provvedere a prestazioni di natura previdenzialeaggiuntive ai trattamenti pensionistici di legge nell’interesse dei dirigenti industriali iscritti e loro aventidiritto.Possono iscriversi al Fondo tutti i dirigenti industriali il cui rapporto di lavoro è regolato dal CCNLL sotto-scritto da CONFINDUSTRIA e FEDERMANAGER o da un diverso contratto, comunque sottoscritto da almenouna delle parti.Il Fondo è gestito pariteticamente dai rappresentanti delle due Associazioni di categoria.La Segreteria fornisce il servizio di assistenza gratuita verso tutti gli iscritti alla Federazione.
  10. 10. 1918Assistenza ASSIDAI Progetto “Team”ASSIDAI è un Fondo non profit che fornisce servizi sanitari integrativi rivolto a dirigenti, quadri ed alteprofessionalità e componenti dell’intero nucleo familiare.Possono iscriversi al Fondo tutti i Dirigenti e Quadri iscritti alle territoriali che aderiscono a Federmanager,ovvero associati ad altra Federazione aderente alla CIDA e i Professionisti che svolgono attività di lavoroautonoma iscritti a Federprofessional, l’associazione delle alte professionalità indipendenti.Le strutture sanitarie convenzionate comprendono: case di cura, poliambulatori diagnostici, centro di fisio-kinesiterapiaa, day hospital e day surgey.RISULTATI DEL PERIODOAl 31.12.2012 nelle Marche gli iscritti da ASSIDAI sono 53 (di cui 4 in servizio, 1 in cerca di occupazione e48 pensionati), mentre le strutture convenzionate sono 562.Polizza assistenza legale PRAESIDIUMPRAESIDIUM è un broker di assicurazioni che, dopo un’analisi dei rischi ai quali sono esposti i manager,individuano gli specifici programmi assicurativi collettivi e individuali, nonché le Compagnie Assicurativedisponibili a prestarli, che meglio soddisfano i rischi legati al mondo della salute, della professione e dellavita privata.Tale servizio è rivolto a dirigenti, quadri e consulenti, pensionati e loro familiari.PRAESIDIUM è nato dalla joint-venture fra Federmanager, (40%), ASSIDAI (10%) e AON Italia Spa (50%),gruppo di brokeraggio assicurativo nella consulenza di risk management e nell’intermediazione assicurativae riassicurativa.Nel 2012 ha stipulato la polizza con PRAESIDIUM Federmanager AN-PU. Il costo è di 12 euro per ciascundirigente in servizio o in cerca di occupazione e 6 euro per dirigenti pensionati.OBIETTIVI SPECIFICINominare dei referenti per ogni tipologia di problematica con una rappresentanza sul territorio. Individuareed incaricare per ogni progetto un referente e i membri del gruppo.PERSONE COINVOLTEMembri del Direttivo e tutti gli associati a Federmanager in quanto Dirigenti o Quadri Apicali e tutte le AlteProfessionalità che vogliono mettere a disposizione la propria competenza anche a titolo gratuito.ATTIVITÀ REALIZZATECreazione e coinvolgimento nella realizzazione delle attività dell’associazione di un team composto daiseguenti membri:Dirigenti e Quadri associati a Federmanager MarcheNome InteresseNunzia Pagliarini Assistenza FASI, PREVINDAI, ASSIDAI e assistenza a socie e nuovi iscrittiAntonio Santi Referente area Macerata + Referente Progetto “Scena”Roberto Rocchegiani Referente area Ancona + Referente ProgettoGuido Carrieri Referente area Ascoli PicenoLoredano Corsucci Referente area Pesaro + Referente ProgettoGiuseppe Pignatelli Referente Dirigenti PensionatiDario Camozzi Referente Giovani DirigentiGianni Roy Referente ComunicazioneCarlo Pietrosanti Coordinatore Progetto “PerLimpresa”Professionalità esterneNome InteresseAndrea Civolani Referente servizi assicurativi - PRAESIDIUM SpaAvv. Daniele ProvincialiAvv. Jacopo Casini RopaAvv. Emanuele GiulianiArea Legale:Assistenza associatiAssistenza agli associati e all’AssociazioneAssistenza contrattuale progetto “PerL’impresa”Tamara Capradossi Consulente del lavoro per assistenza agli associatiSebastiano Di Diego Commercialista assistenza all’AssociazionePatrizia Camilletti Consulente aziendale referente Progetto Responsabilità Sociale d’Impresa (Social Plan eSocial Report) HEPTA CONSULENZA SrlRiccardo Zuccaro Referente servizio Outplacement – INTOO SrlPaolo Belardinelli Consulente salute e sicurezza sul lavoro. Analisi dei rischi e redazione DUVRI per l’Associ-azioneFrancesco Barchiesi Organizzazione di incontri e manifestazioniFederico Pettinari Consulente Hardware e softwareProf. Danilo Scarponi UNIVPM Esperto nella valutazione degli intangibles
  11. 11. 2120Progetto “Scena” Sviluppare competenze eccellenti nell’apprendimentoOBIETTIVI SPECIFICI* Contribuire alla diffusione della cultura manageriale d’impresa mediante la promozione di piani formativiterritoriali, settoriali o aziendali finanziati da Fondirigenti, fondo interprofessionale per la formazionecontinua dei dirigenti costituito da Confindustria e Federmanager;* Proseguire la sperimentazione dell’iniziativa per la crescita manageriale delle PMI – Progetto PMI,avente durata triennale (2012-2014) volta a supportare la crescita delle PMI in termini dimensionalie di competitività attraverso la “managerializzazione” sia rispetto alle competenze che alle capacitàorganizzative e gestionali diffuse ai diversi livelli aziendaliPERSONE COINVOLTELe risorse coinvolte nelle attività formative finanziate da Fondirigenti sono:* Antonio Santi, presidente regionale e referente delegato per la condivisione di tutti i piani formativi,nonché membro del Comitato Paritetico di Pilotaggio regionale in rappresentanza di FedermanagerMarche* Angelo Camilletti, membro del Comitato Paritetico di Pilotaggio regionale in rappresentanza diFedermanager Marche* Enzo Maurizi, membro del Comitato Paritetico di Pilotaggio regionale in rappresentanza di FedermanagerMarche* Margherita Ferrero, coordinatrice regionale dei piani territoriali nonché consulente esperta per laformazione finanziata da coinvolgere per l’assistenza tecnica agli iscrittiATTIVITÀ REALIZZATENel 2012 FONDIRIGENTI ha lanciato la sperimentazione del Progetto PMI avente durata triennale (2012-2014), che ha proposto ai manager occupati un ricco programma formativo che ha riguardato diversi ambiti:* Credito e Finanza strategica* Organizzazione e Lean Production* Alleanze strategiche* InternazionalizzazioneIl Progetto PMI ha avuto come obiettivo la crescita delle piccole e medie imprese dal punto di vista delladimensione e della competitività, attraverso la “managerializzazione” in termini di cultura e capacità orga-nizzative e gestionali diffuse ai diversi livelli aziendali.Per ogni ambito è stato messo un piano formativo specialistico (piani territoriali di SCENA) comprendenteun percorso di approfondimento e un workshop finale. A questi sono stati aggiunti dei workshop mirati perlo sviluppo del personale e sugli scenari che potrebbero delinearsi nel prossimo futuro.Il piano ha visto il coinvolgimenti di autorevoli professori universitari (SDA Bocconi, Università di Bologna,Università UILM di Milano) docenti della Federmanager Academy ed altri illustri personaggi come RichardBoyatizis (USA) e Arrigo Sacchi, ex allenatore di calcio.2012 2011 2010Progetti formativi attivati 6 7 7Modalità12 seminari8 workshop5 seminari2 workshop5 seminari2 workshopAziende coinvolte 46 29 22Dirigenti partecipanti 79 66 54Tot. ore formazione 1203 1717 1114Finanziamenti utilizzati 456.000 € 130.000 € 100.000 €OBIETTIVI FUTURISviluppo del Social Media Network di SCENAProsieguo del Progetto PMI per il 2013 mediante la realizzazione di nuovi piani territoriali Maggiore sinergiae collaborazione con Federmanager Academy quale Management School di rilievo nazionale
  12. 12. 2322Progetto “Federmanager Marche” Progetto “Rinnovo contrattuale 2014/2016”OBIETTIVI SPECIFICI* Rafforzare ulteriormente l’aggregazione delle tre territoriali che compongono l’Unione Marchigiana al finedi procedere in maniera efficace verso il raggiungimento della mission dichiarata, anche attraverso fusioniche riducano il numero dei sindacati esistenti.* Individuare degli ambiti di attività da sviluppare sul territorio al fine di rivitalizzare l’organizzazione,incrementare la sua visibilità, e rafforzare la rete tra i manager.* Rafforzare la rappresentanza CIDA-Manager e Alte Professionalità nelle Marche.PERSONE COINVOLTELe persone coinvolte in questo progetto sono:* I Presidenti delle territoriali* Tutti i membri dei Direttivi e gli associati che sulla base delle loro disponibilità di tempo vogliono dare uncontributo attivo nell’organizzazione per il suo sviluppo* La segreteria* I professionisti esterni quando necessario per l’erogazione di specifici serviziATTIVITÀ REALIZZATENel periodo di riferimento è stato redatto il primo Social Plan di Federmanager Marche con lo scopo didefinire obiettivi e azioni comuni da sviluppare nel periodo 2012-2013-2014 dell’associazione e di conseg-uenza rafforzare l’aggregazione delle territoriali che compongono l’Unione Marchigiana.Questo ha incentivato i presidenti delle tre territoriali ad organizzare 2 importanti incontri nei quali sonostati trattati argomenti strategici quali una loro possibile fusione in tempi ragionevolmente brevi, ed incre-mentare il numero di riunioni del Direttivo UMDAI.L’aggregazione delle attuali Federazioni ha lo scopo sia di incrementare il numero degli associati attraversouna comunicazione più incisiva e la promozione di specifici progetti, che la riduzione dei costi di gestionedella struttura.OBIETTIVI SPECIFICI* Elaborazione di un documento di proposta per modifiche ed integrazioni del Contratto Nazionale deiDirigenti (e dei quadri apicali) in scadenza.* Organizzazione di un seminario con la partecipazione dei maggiori legali /contrattualisti della federazionee delle Rappresentanze Sindacali Aziendali nazionaliPERSONE COINVOLTE* Loredano Corsucci – Referente del Progetto Giuseppe Pignatelli* Lorenzo CatraroATTIVITÀ REALIZZATEIl gruppo di lavoro sul rinnovo contrattuale, dopo aver fornito alcuni suggerimenti al Direttivo che ha parte-cipato alla discussione sul rinnovo contrattuale a livello nazionale, oggi è impegnato con FedermanagerMarche all’organizzazione di un incontro sul Rinnovo Contrattuale con Federmanager Nazionale.Relativamente all’attività di relazioni con i colleghi su problematiche del Lavoro, Previdenza e Welfare ToWork, nel corso del 2013 è stata fornito assistenza diretta, con incontri e contatti telefonici , a 15 associatidi cui un Quadro apicale.In tale periodo, inoltre su mandato del Presidente, è stato sottoscritto un verbale di conciliazione in sedesindacale presso Confindustria Pesaro Urbino.Dei casi trattati, alcuni sono già definiti, altri sono in fase di approfondimento tra le parti.
  13. 13. 2524Progetto “Federmanager siete voi!” Progetto “Accendiamo i riflettori su Federmanager”OBIETTIVI SPECIFICI* Il primo obiettivo è quello di far conoscere maggiormente agli associati le attività che l’UnioneMarchigiana sta promuovendo nel territorio e raccogliere opinioni per il miglioramento continuoattraverso interviste, questionari, focus group, ecc.Ciò permetterà di rafforzare il livello di fidelizzazione degli associati.* Altro obiettivo è quello di contattare tutti i potenziali associati per far conoscere meglio loro la Federazione,le attività realizzate e i servizi erogati, i vantaggi che potrebbero trarre dall’eventuale iscrizione.PERSONE ATTUALMENTE COINVOLTE* Lorenzo Catraro – Responsabile di progetto* Roberto Rocchegiani* Rodolfo Borsini* Guido Artibani* Ferdinando Bertolini* Nunzia Pagliarini* Patrizia CamillettiATTIVITÀ REALIZZATEIn questo primo anno ci si è concentrati principalmente nella predisposizione ed invio di questionati aidirigenti iscritti alla Federazione e ai dirigenti iscritti al FASI, per raccogliere le loro opinioni sulle attivitàrealizzate.È stato inoltre inviato un questionario ai dirigenti di alcune aziende del territorio non iscritti, per capire seconoscevano la federazione e i servizi offerti, accompagnato da una lettera di presentazione della struttura.I risultati sono illustrati nella quinta parte di questo documento.Si è inoltre iniziato a lavorare sulla realizzazione di un database con gli indirizzi dei potenziali iscritti delleMarche per procedere nel 2013 con una comunicazione mirata.OBIETTIVI SPECIFICIAumentare la visibilità di Federmanager nel territorio attraverso l’organizzazione di iniziative volte a darrilievo sia all’associazione che ai suoi iscritti.Tale obiettivo potrà essere realizzati attraverso: l’organizzazione di eventi e creazione di occasioni di con-tatto con referenti di istituzioni pubbliche e private del territorio, la pubblicazione di articoli sulla stampalocale, la pubblicazione di notizie nel sito internet per dare maggior visibilità alle attività realizzate, ecc.PERSONE COINVOLTE* Rodolfo Borsini – Referente di progetto* Monica Mais* Sauro Bartolucci* Piero RosalbaATTIVITÀ REALIZZATEPer incrementare il livello di visibilità della Federazione sul territorio sono state realizzate le seguenti attività:* Creazione e divulgazione su TVRS (emittente televisiva della provincia di Macerata che tramette in tuttala Regione) di un video di promozione. Lo spot è andato in onda nel mese di marzo 5 volte al giorno per15 giorni* Invio settimanale di una newsletter da parte della Segreteria a tutti gli associati a per metterli a conoscenzadi tutte le attività e i progetti in corso* Aggiornamento continuo del sito www.marche.federmanager.it con le attività che si stanno svolgendo* Pubblicazione sul sito www.setupimpresa.it di due articoli, uno sul progetto PERL’IMPRESA ed un altro sulSocial Plan 2012-2014 con allegato il documentowww.setupimpresa.it www.marche.federmanager.it
  14. 14. 2726Progetto “PERLIMPRESA” Progetto “L’altra via della seta”OBIETTIVI SPECIFICIIl progetto nasce a novembre del 2012 su impulso del vice presidente Roberto Rocchegiani, con l’obiettivodi far incontrare dei manager di grande esperienza professionale con le aziende della PMI del territorio indifficoltà.Il progetto, definibile di volontariato manageriale, intende offrire supporto alla aziende a titolo gratuito alfine di fornire dei consigli ed indirizzare le decisioni da assumere in termini di efficientamento odi sviluppo strategico.Il contratto di adesione al progetto è stato predisposto dall’Avv. Emanuele Giuliani a titolo gratuito, mentreil coordinamento è stato affidato al Dott. Carlo Pietrosanti, dirigente associato di Federmanager.PERSONE COINVOLTE* Carlo Pietrosanti – Referente del Progetto* Roberto Rocchegiani* Tutti i manager che vogliono mettere a disposizione delle PMI del territorio la propria competenza edesperienza. In questo primo anno 6 sono i manager che si sono resi disponibiliATTIVITÀ REALIZZATEDopo una riunione con tutti i manager che hanno dimostrato attenzione ed interesse all’iniziativa, il Dott.Pietrosanti ha raccolto le adesioni e catalogato i curricula inviati in funzione delle esperienze maturate.È stato pubblicato un articolo sul portale editoriale www.setupimpresa.it con lo scopo di illustrare in manieradettagliato lo spirito dell’iniziativa ed il contesto nel quale questa troverà attuazione.Ad oggi i manager che compongono la squadra è composta da 6 persone con esperienze estremamentediffuse, dal marketing all’I.T., dalla produzione al controllo di gestione.Il progetto è stato presentato, in una apposita riunione, al Direttivo Nazionale che ne ha apprezzato la valid-ità ed ha anche aggiunto che è in linea con gli indirizzi di Federmanager che a tale scopo, è anche alla ricercadi fonti di finanziamento per poter rendere la attività non solo di indirizzo ma anche di supporto progettualee consulenziale vera e propria.OBIETTIVI SPECIFICIIl progetto nasce dalla collaborazione di Federmanager Marche, LiVE Intangibles1e VIS2, con la finalità dicreare una “piattaforma organizzativa” a supporto della P.M.I. nel processo di apertura ai mercati “lontani”per l’interscambio di prodotti dell’industria calzaturiera, agricola, tessile, del mobile e della cultura artigia-nale dalla quale essi provengono.Il progetto, che si basa sulla sinergia tra le P.M.I. delle Marche e le comunità religiose dell’ordine Salesianoubicate nel mondo, vuole favorire un’internazionalizzazione sostenibile e di reciproco sviluppo tecnico ecommerciale nelle aree con potenziale economico, ma nello stesso tempo fragili e facilmente aggredibilidalle multinazionali e dal loro modello fatto di regole per una esasperata globalizzazione.Attraverso la costruzione di questa “piattaforma” si vuole agire sotto due fronti:* Nella Regione Marche accogliendo piccoli artigiani ed agricoltori, che verranno organizzati in una filieraproduttiva sottoscrivendo una “politica della qualità” , che verrà certificata da un ente esterno riconosciutoa livello internazionale (BVQI, LLOYDS ecc:)* Nelle Regioni di Contatto, accogliendo piccoli distributori, che verranno organizzati in una filieracommerciale sottoscrivendo la stessa “politica della qualità” della Regione Marche, divenendo cosìsistema distributivo certificato dal medesimo ente internazionale.La “piattaforma” si baserà su sistemi di finanziamento diretto ed indiretto degli scambi mediante:* MICROCREDITO, con la creazione di un fondo di investimento finalizzato al finanziamento delle microaziende delle Regioni aderenti all’interscambio* operazioni di TRADING, scambio di merce gestito dalla PSL (materi prime per prodotti finiti, prodottiagricoli per prodotti artigianali ecc.) per evitare, ove non sia possibile l’utilizzo della moneta* FINANZIAMENTI e CONTRIBUTI Regionali, Nazionali e Comunitari o di settore, destinati a sostenere iprocessi di internazionalizzazione e di formazione.PERSONE COINVOLTELa piattaforma, ancora in fase progettuale, attualmente vede coinvolti:* Prof. Danilo Scarponi – LiVE* VIS – Don Fabrizio Di Loreto (AN)* Roberto Rocchegiani* Carlo PietrosantiATTIVITÀ REALIZZATECreazione di un gruppo di lavoro e progettazione della piattaforma.1 Spin-Off dell’Università Politecnica delle Marche2 Volontariato Internazionale per lo Sviluppo ONG
  15. 15. 28Obiettivi futuriFedermanager Marche si pone come obiettivi per il periodo 2013-2014:* Rafforzare ulteriormente l’aggregazione delle tre Federazioni territoriali che compongono l’UnioneMarchigiana* Incrementare del 20% il numero degli iscritti* Rafforzare la rete dei manager ed incrementare il loro senso di appartenenza all’associazione Incrementarela visibilità dell’associazione sul territorioIl profiloeconomico-finanziario
  16. 16. 30Conto economico 2011/2012Entrate 2012 2011 Uscite 2012 2011Contributi associativi Acquisto beni e serviziDa sindacato AN-PU 7320,00 7600,00 Telefono 1226,50 1078,50Da sindacato AP 1600,00 1600,00 Spese bancarie 172,75 169,20Da sindacato MC 2280,00 2360,00 Spese postali 1,20 1,80Cancelleria 38,00Viaggi 998,75Varie 80,00 372,90Totale 11,200,00 11560,00 Totale 2517,20 1622,40Entrate diverse Contributi diversiAttività Fondirigenti 27639,25 6500,00 Sind AN-PU per segreteria 12000,00 12000,00CIDA Uni. Reg. Marche c/affitto 0,00 200,00 CIDA Uni. Reg. finz. 2011 101,15Interessi attivi 0,58 0,45Totale 27639,83 6700,45 Totale 12000,00 12101,15Risultato di gestione 24322,63 4536,90TOTALE ENTRATE 38839,83 18260,45 TOTALE USCITE 38839,83 18260,45Situazione patrimoniale 2011/2012Attività patrimoniali 2012 2011 Passività patrimoniali 2012 2011Banca 38477,95 4247,37 Netto patrimonialeAvanzo gestione esercizio 24322,63 4536,90Avanzo gestione esercizio preced. 18819,11 14282,21Totale 43141,74 18819,11Crediti per contratti associativiSindacato AN-PU 763,79 0,00Sindacato AP 1600,00 5400,00Sindacato MC 2280,00 2360,00Totale 4643,79 7760,00Crediti diversiLavazza c/dep. cauzionale 50,00 50,00Sindacato AN-PU 0,00 6561,75CIDA UR Marche 0,00 200,00Totale 50,00 6811,74TOTALE ATTIVITÀ 43141,74 18819,11 TOTALE PASSIVITÀ 43141,74 18819,11Le opinionidegliinterlocutori
  17. 17. 3332Le modalità di coinvolgimento Le opinioni dei dirigenti associatiPer raccogliere le opinioni dei principali interlocutori della Federazione, per questa prima edizione di delSocial Report si è deciso avviare un’indagine conoscitiva attraverso l’invio di questionari così strutturati in4 parti:* 1. Individuazione del profilo del manager* 2. Conoscenza e fruizione dei servizi offerti dalla Federazione* 3. Opinioni sulla gestione* 4. Suggerimenti per il miglioramentoIn particolare nel periodo febbraio – aprile 2013 sono stati inviati per posta un totale di 968 questionari, dicui:* 287 agli iscritti a Federmanager, di cui 189 nelle province di Ancona e Pesaro Urbino, 58 nella provinciadi Macerata e 40 nella provincia di Ascoli Piceno* 258 agli iscritti al Fasi e non a Federmanager, di cui 192 nelle province di Ancona e Pesaro Urbino, 30nella provincia di Macerata e 36 nella provincia di Ascoli Piceno* 257 ai responsabili del personale delle aziende del settore metalmeccanico delle province di Ancona ePesaro UrbinoNe sono inoltre stati predisposti altri 166 che stanno per essere inviati alle aziende del settore elettronicae calzaturiero delle province di Macerata e Ascoli Piceno.Dei 287 questionari inviati ai dirigenti iscritti alla Federazione, alla fine di aprile ne sono ritornati compi-lati 86 (30%). Ciò è da considerarsi un ottimo risultato.Dalla loro analisi emerge che circa il 70% del campione è iscritto da oltre 10 anni e quasi la metà è venutoa conoscenza della Federazione attraverso il passaparola di amici o colleghi. Ciò a dimostrazione dell’im-portanza dell’associazione di saper rispondere alle esigenze dei propri associati e di conseguenza svilup-pare un rapporto di fiducia.I servizi offerti dalla Federazione più noti agli iscritti sono il FASI e FASI GSR, l’ASSIDAI, il PREVINDAI e l’at-tività realizzata dalla Segreteria volta, quando possibile, alla diretta risoluzione della problematica dell’as-sociato, o al suo orientamento verso i vari servizi offerti.Alla richiesta di fornire un giudizio da 1 (affatto) a 3 (molto) sul livello di soddisfazione dei servizi dei qualihanno già usufruito, le risposte sono abbastanza soddisfacenti.
  18. 18. 3534Le opinioni dei dirigenti iscritti al FASI e nona FedermanagerPer migliorare la comunicazione i principali suggerimenti sono stati:* Incrementare la visibilità nei giornali locali, in TV, in internet* Continuare a mandare info per e-mail* Comunicare maggiormente i servizi offerti* Fare comunicati stampa per prendere posizioni sulle attuali problematiche* Migliorare la qualità del sito* Incrementare i rapporti con la politica e le istituzioni localiPer stimolare maggiormente l’aggregazione degli iscritti è stato suggerito di:* Organizzare più incontri e momenti di condivisione (anche in sede)* Organizzare convegni e seminari* Organizzare eventi come mostre fotografiche con la storia delle aziende nelle quali i dirigenti hannolavoratoInfine, sono stati forniti alcuni suggerimenti per ulteriori servizi quali:* stipulare convenzioni commerciali per sconti* fornire conoscenza manageriale alle impresePer quanto riguarda gli iscritti al FASI, dei 258 questionari inviati alla fine di aprile ne sono ritornati com-pilati 54 (21%).Dall’analisi dei risultati emerge che tutti conoscono Federmanager, ma l’85% di questi ha deciso di noniscriversi per svariati motivi, individuati nel grafico di seguito riportato.Motivi per i quali non si sono iscrittiI principali suggerimenti per migliorare sia l’attività che la comunicazione della Federazione sono stati:* Organizzare più incontri con gli iscritti* Organizzare manifestazioni, eventi ed incontri con i manager* Valutare l’ipotesi di prevedere l’iscrizione gratuita per il primo anno per i nuovi iscritti* Comunicare maggiormente obiettivi perseguiti e servizi offerti dall’associazione attraverso la stampa,internet, invio di e-mail, newsletter, organizzazione di incontri in sede o presso le aziende Stipulareconvenzioni commerciali per sconti* Essere presenti nelle scelte politiche di pianificazione territoriale
  19. 19. 3736LeopinionideiresponsabilidellerisorseumaneLa costruzione di un database con i riferimenti di tutti i dirigenti delle Marche risulta piuttosto complicato,soprattutto per coloro che non sono iscritti né alla Federazione né al FASI.Per far conoscere anche a loro l’associazione e i servizi offerti e per cercare di raccogliere opinioni e sugger-imenti, Federmanager Marche ha predisposto un questionario accompagnato da una lettera di presentazi-one, rivolto a tutti i responsabili delle risorse umane delle aziende di alcuni specifici settori del territorio.Alla fine di aprile solo una parte di questi sono stati inviati, mentre gli altri saranno inviati nel corso del2013. I risultati sono quindi da considerarsi solo parziali (14 questionari raccolti su 257 inviati). Si è pertantoritenuto opportuno rinviare la loro analisi alla prossima edizione.LaTUAopinione
  20. 20. 38La tua opinioneRicevere impressioni e giudizi da parte di un numero elevato di soggetti interessati al miglioramento deldocumento e della nostra gestione è per noi molto importante.Invitiamo pertanto tutti i lettori a presentare osservazioni, suggerimenti e domande sia sul Social Report siasulla nostra attività.Tutte le indicazioni che ci perverranno saranno utili per migliorarci e per questo vi ringraziamo fin d’ora.Di seguito sono indicati i riferimenti da utilizzare per le vostre comunicazioni:Federmanager MarchePiazza Roma, 7 – 60121 AnconaTel.: 071.2074382 - 333 8915111E-mail: marche@federmanager.itVi ringraziamo molto per averci dedicato il vostro tempo e restiamo in attesa di indicazioni da parte vostra.Consulenza e coordinamentoPatrizia Camilletti – Hepta Consulenza SrlProgetto GraficoMoreno GiorginiStampaIl Centro FB Srl
  21. 21. Federmanager MarchePiazza Roma, 7 – 60121 AnconaTel. 071.2074382 - 333 8915111Mail: marche@federmanager.itwww.marche.federmanager.it

×