Scuola Primaria di Airasca

        Anno Scolastico 2008/09
     DAL LATTE AL GELATO
    all'Agrigelateria San Pé
        ...
Era martedì,
   siamo andati a scuola
       come sempre,
     ma quel giorno era
         particolare.
   Non vedevamo l'...
Nel parco c'era un drago molto divertente ,
c'era il ponte con lo scivolo, le altalene, le casette,
c'era la piramide,c'er...
Il signore Alfonso ,
      che è il proprietario del posto,
ci ha detto che nell' agrigelateria si coltiva
           e si...
Abbiamo visto galline,
conigli,
... e mucche.
Ci siamo
divertiti a dare
da mangiare a
un coniglietto,
.... ma c 'era il gallo
che gli rubava i fili d' erba.
C'erano i cigni.
C'erano le caprette.
C'erano alberi da
    frutto....
...per fare il
gelato alle ciliege,
    alla pesca,
  all'albicocca.
Il Signor Alfonso ci ha portati nella stalla.
Era la prima volta che
qualcuno di noi vedeva
le   mucche così   da
vicino.
Nella stalla le sbarre
mobili servono a tenere le
 mucche quando arriva il
veterinario a controllarle.
Il cartellino attaccato all'orecchio destro
è una specie di passaporto per riconoscerle
e nessun'altra mucca porta lo stes...
Il Signor Alfonso ha
preso del fieno e ci
ha invitati a darlo alle
 mucche.
Una mucca mi ha
   leccato la mano .
La sua lingua era ruvida
         e nera.
La mucca è un
ruminante e ha
quattro stomaci.
Alcune mucche erano incinte e riposavano.
Le mamme sono divise dai vitelli quando non li allattano
più.
Abbiamo anche visto
dove si deposita il
letame che serve da
concime.
Quando siamo usciti dalla stalla
siamo andati a vedere la serra delle fragole.
Erano tantissime, più di cento,ma le fragole non
c'erano ancora,c'era solo la pianta.
Quando saranno mature serviranno per...
Accanto alla serra
abbiamo giocato con il fieno.
Dovevamo passare
sotto un tunnel di fieno...
...poi salire sopra una balla di fieno
e saltare.
Poi, partendo da una fila, uno dietro l'altro,
facevamo le capriole.
Dopo Alfonso ci ha
    accompagnati nella
stanza della mungitura e
ci sarebbe molto piaciuto
    vedere mungere le
       ...
Ma Alfonso ci ha
    spiegato che la
 mungitura si fa alle 5
del mattino e alla sera.
Il latte attraverso i tubi
         arriva subito
 in un grande frigorifero,
così resta fresco e pulito.
Viene venduto crudo
   nel distributore
     automatico
     che si trova
 in questa casetta.
     La maestra
   ne ha com...
E' arrivato il momento di
vedere la trasformazione
          del latte
   in gelato “fiordilatte”
    che è il gelato base...
Quando si
 accendono tutti e
  dieci i quadratini
luminosi il gelato è
       pronto.
Prima che il gelato
sia     pronto      ci
vogliono 10 minuti.
All'ora di pranzo
  abbiamo mangiato
tutti seduti al tavolo e
  per finire ci hanno
    servito li gelato
       fiordilat...
Abbiamo assaggiato il gelato ed era squisito.
Abbiamo proprio un
  bellissimo ricordo di
    questa giornata
 interessante passata
con le maestre e con i
compagni fuori...
LA STORIA DEL GELATO

Un prodotto, un alimento amabile e rinfrescante dai mille colori e gusti ;nessuno di
voi si è mai ch...
FINE

I commenti alle diapositive sono stati tratti dai testi degli
alunni di II A e adattati alla presentazione multimedi...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Dal latte al gelato

1,773 views

Published on

Diapositive dell'uscita didattica presso l'agrigelateria di Poirino (TO) commentate dagli alunni della classe 2^A della Scuola Primaria di Airasca (TO), Anno scolastico 2008/2009.

http://www.icairasca.it/
http://www.agrigelateria.it/

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,773
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
78
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dal latte al gelato

  1. 1. Scuola Primaria di Airasca Anno Scolastico 2008/09 DAL LATTE AL GELATO all'Agrigelateria San Pé CLASSE II A Insegnanti:Bassignani e Bonaccorso
  2. 2. Era martedì, siamo andati a scuola come sempre, ma quel giorno era particolare. Non vedevamo l'ora di andare all'Agrigelateria di Poirino. Ci abbiamo messo un po' di tempo per arrivare lì. Il posto era bellissimo con un super parco giochi.
  3. 3. Nel parco c'era un drago molto divertente , c'era il ponte con lo scivolo, le altalene, le casette, c'era la piramide,c'era il ponte con le catene, i giochi per arrampicarsi, tubi e tanti altri giochi.
  4. 4. Il signore Alfonso , che è il proprietario del posto, ci ha detto che nell' agrigelateria si coltiva e si allevano animali per fare un gelato buono e natura le.
  5. 5. Abbiamo visto galline,
  6. 6. conigli,
  7. 7. ... e mucche.
  8. 8. Ci siamo divertiti a dare da mangiare a un coniglietto,
  9. 9. .... ma c 'era il gallo che gli rubava i fili d' erba.
  10. 10. C'erano i cigni.
  11. 11. C'erano le caprette.
  12. 12. C'erano alberi da frutto....
  13. 13. ...per fare il gelato alle ciliege, alla pesca, all'albicocca.
  14. 14. Il Signor Alfonso ci ha portati nella stalla.
  15. 15. Era la prima volta che qualcuno di noi vedeva le mucche così da vicino.
  16. 16. Nella stalla le sbarre mobili servono a tenere le mucche quando arriva il veterinario a controllarle.
  17. 17. Il cartellino attaccato all'orecchio destro è una specie di passaporto per riconoscerle e nessun'altra mucca porta lo stesso numero.
  18. 18. Il Signor Alfonso ha preso del fieno e ci ha invitati a darlo alle mucche.
  19. 19. Una mucca mi ha leccato la mano . La sua lingua era ruvida e nera.
  20. 20. La mucca è un ruminante e ha quattro stomaci.
  21. 21. Alcune mucche erano incinte e riposavano. Le mamme sono divise dai vitelli quando non li allattano più.
  22. 22. Abbiamo anche visto dove si deposita il letame che serve da concime.
  23. 23. Quando siamo usciti dalla stalla siamo andati a vedere la serra delle fragole.
  24. 24. Erano tantissime, più di cento,ma le fragole non c'erano ancora,c'era solo la pianta. Quando saranno mature serviranno per il gelato alla fragola.
  25. 25. Accanto alla serra abbiamo giocato con il fieno. Dovevamo passare sotto un tunnel di fieno...
  26. 26. ...poi salire sopra una balla di fieno e saltare.
  27. 27. Poi, partendo da una fila, uno dietro l'altro, facevamo le capriole.
  28. 28. Dopo Alfonso ci ha accompagnati nella stanza della mungitura e ci sarebbe molto piaciuto vedere mungere le mucche.
  29. 29. Ma Alfonso ci ha spiegato che la mungitura si fa alle 5 del mattino e alla sera.
  30. 30. Il latte attraverso i tubi arriva subito in un grande frigorifero, così resta fresco e pulito.
  31. 31. Viene venduto crudo nel distributore automatico che si trova in questa casetta. La maestra ne ha comprato una bottiglia e poi a scuola abbiamo fatto il formaggio.
  32. 32. E' arrivato il momento di vedere la trasformazione del latte in gelato “fiordilatte” che è il gelato base per tutti gli altri gusti. Seduti sulle panchine, il cuoco Federico ci ha spiegato come avviene. Si mescolano questi ingredienti: latte, zucchero e panna. Poi si mischiano e si versano nella MANTECATRICE che mescola e raffredda.
  33. 33. Quando si accendono tutti e dieci i quadratini luminosi il gelato è pronto.
  34. 34. Prima che il gelato sia pronto ci vogliono 10 minuti.
  35. 35. All'ora di pranzo abbiamo mangiato tutti seduti al tavolo e per finire ci hanno servito li gelato fiordilatte.
  36. 36. Abbiamo assaggiato il gelato ed era squisito.
  37. 37. Abbiamo proprio un bellissimo ricordo di questa giornata interessante passata con le maestre e con i compagni fuori dalla scuola.
  38. 38. LA STORIA DEL GELATO Un prodotto, un alimento amabile e rinfrescante dai mille colori e gusti ;nessuno di voi si è mai chiesto da dove e perché è nato il gelato? Si dice che gli Egizi offrissero ai lo ospiti calici d'argento divisi a metà, una piena di neve e l'altra di succhi di frutta. Ai Greci piaceva preparare bevande rinfrescanti con limone, miele, succo di melagrana e naturalmente neve e ghiaccio. Persino Alessandro Magno prendeva continui appovvigionamenti di neve da assaporare con il miele e per questo faceva costruire apposite buche scavate nel terreno. I primi a proporre una specie di gelato simile all'attuale furono i Romani mescolando ghiaccio tritato con miele e succhi di frutta. L'uso del gelato si perfezionò nel mondo arabo, infatti la parola “sorbetto” deriva dalla parola araba scherbet che significa dolce neve. I crociati contribuirono alla diffusione del gelato nel Nord Europa dove la neve certamente non mancava. Però erano preparazioni semplici vista la mancanza di frutta e aromi tipici del Mediterraneo. Ecco perchè fu la Sicilia a perfezionare , arricchire e inventare nuovi gusti. I gelatai siciliani esportarono il gelato in tutta Italia e poi in Francia, Germania ed Inghilterra. I padri del gelato moderno furono Ruggeri, Buontalenti e Procopio, grazie ai quali il gelato divenne famoso in tutta Europa e fu esportato a New York. Pare che ad inventare il cono gelato fu un gelataio che, terminati i contenitori con cui offriva i suoi gelati ai clienti, utilizzò dei wafer venduti da un negozio. Fu un successo enorme!
  39. 39. FINE I commenti alle diapositive sono stati tratti dai testi degli alunni di II A e adattati alla presentazione multimediale.

×