Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
La struttura della Busta paga           TESTA           CORPO           PIEDE
La struttura della busta paga: la                  testa• Nella testa della busta paga sono riportati tutti gli elementi (...
retribuzione lorda mensile• È la somma di tutti gli elementi definiti  dalla contrattazione collettiva (anche di  secondo ...
La struttura della busta paga: il                 corpo• Il corpo della busta paga “fotografa” la concreta  situazione lav...
La struttura della busta paga: il                corpo• Per ricavare la paga oraria devo dividere la  retribuzione lorda m...
La struttura della busta paga: il                corpo• Il primo elemento indicato nel corpo è la  retribuzione mensile:• ...
Maggiorazioni e straordinari: il               corpo• Ogni CCNL prevede delle maggiorazioni e per il lavoro  straordinario...
Il calcolo della malattia: il corpo• Solitamente i CCNL garantiscono una  integrazione rispetto a quanto erogato dall’INPS...
• La c.d. integrazione è un istituto previsto dalla  contrattazione collettiva e prevede, in caso di  assenza per malattia...
Il calcolo della malattia: il corpo• Per calcolare l’integrazione dovuta  dall’azienda occorre procedere, quindi, in  ques...
Altre voci previste dal CCNL: il                corpo• I contratti collettivi possono prevedere  numerose altre indennità/...
Mensilità supplementari• Tredicesima: una mensilità da corrispondere  entro il 20/12 (con retribuzione in vigore nel  mese...
Ferie, Rol ed ex festività• Come per le mensilità supplementari anche per  ferie, rol/PAR ed ex festività matura un rateo ...
IL TFR- Il trattamento di fine rapporto è una voce della  retribuzione che spetta a tutti i lavoratori subordinati,  matur...
Imponibile contributivo e imponibile fiscale; dal lordo al netto: il piede                (cenni)• Determinata nel corpo d...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La busta paga presentazione- dott. elia

10,158 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

La busta paga presentazione- dott. elia

  1. 1. La struttura della Busta paga TESTA CORPO PIEDE
  2. 2. La struttura della busta paga: la testa• Nella testa della busta paga sono riportati tutti gli elementi (istituti) che compongono la retribuzione lorda mensile:• Minimo contrattuale (paga base) – in questa voce sono stati conglobati, nel tempo, altri istituti.• Contingenza introdotta nel 1944 per consentire il recupero della perdita del potere di acquisto, è stata congelata con l’accordo interconfederale del 31 luglio 1992 (spesso conglobata nel minimo)• E.D.R. elemento distinto della retribuzione pari a 10,33 euro da corrispondere per 13 mensilità (introdotto dall’accordo interconfederale del 31 luglio 1992) erogato per 13 mensilità (in alcuni CCNL accorpato nella contingenza o nel minimo)• Scatti di Anzianità (solitamente “pluriennali” fino al raggiungimento di un tetto massimo); possono essere legati all’anzianità di “livello” o “aziendale”.• Superminimo (eventuale) – può essere assorbibile o meno.• Altri elementi (a carattere continuativo e fisso)
  3. 3. retribuzione lorda mensile• È la somma di tutti gli elementi definiti dalla contrattazione collettiva (anche di secondo livello) + individuale (fissa). Si definisce lorda in quanto comprende i contributi INPS e la tassazione (IRPEF) a carico del lavoratore
  4. 4. La struttura della busta paga: il corpo• Il corpo della busta paga “fotografa” la concreta situazione lavorativa del mese.• Per comprendere il funzionamento di questa parte della busta è innanzitutto necessario capire il meccanismo dei c.d. divisori (mensile e orario) o coefficienti.• I divisori vengono fissati dalla contrattazione collettiva e nel nostro caso sono: – divisore orario (esempi): 165; 168; 169; 172; 173 (cioè si suppone che ogni mese sia composto mediamente da quel numero ore); – divisore giornaliero (esempi): 26 o 22 (cioè si suppone che in ogni mese ci siano quei gg. lavorativi). Il divisore 26 è così strutturato quando nel settore i gg. teoricamente lavorabili per ogni settimana sono 6.
  5. 5. La struttura della busta paga: il corpo• Per ricavare la paga oraria devo dividere la retribuzione lorda mensile (cioè di tutti gli elementi presenti nella testa della busta paga) per il divisore orario (165;168;173 ecc);• analogamente se devo trovare la paga giornaliera devo dividere la retribuzione lorda mensile (cioè di tutti gli elementi presenti nella testa della busta paga) per il divisore giornaliero (22 o 26 ecc).
  6. 6. La struttura della busta paga: il corpo• Il primo elemento indicato nel corpo è la retribuzione mensile:• normalmente, se il lavoratore non ha fatto assenze non retribuite nel mese, troverà riportata la paga mensile lorda (della testa) e/o verrà evidenziata la seguente moltiplicazione: 26 gg. X paga giornaliera = retribuzione lorda mese.• Tradizionalmente gli operai sono/erano retribuiti ad ore e su una settimana lavorativa di 5 gg: 160 (20 gg); 168 (21 gg); 176 (22 gg); 184 (23 gg) ore.
  7. 7. Maggiorazioni e straordinari: il corpo• Ogni CCNL prevede delle maggiorazioni e per il lavoro straordinario e per compensare una prestazione lavorativa “disagevole”;• nelle buste paga tali maggiorazioni vengono “visualizzate” (e pagate) secondo il seguente schema:• Straordinari: • 26gg. X paga giornaliera (o ore mese x paga oraria) + • Numero ore straordinarie X paga oraria maggiorata • = Retribuzione lorda “effettiva” mensile• Maggiorazioni: • 26 gg X paga giornaliera (o ore mese x paga oraria)+ • Numero ore X pura maggiorazione (le ore sono già comprese nella retribuzione mensile) • = Retribuzione lorda “effettiva” mensile
  8. 8. Il calcolo della malattia: il corpo• Solitamente i CCNL garantiscono una integrazione rispetto a quanto erogato dall’INPS fino al raggiungimento di una certa quota percentuale della retribuzione “teorica” (solitamente il 100% ma ci sono CCNL con una disciplina più articolata).• I primi 3 gg. sono interamente a carico dell’azienda (c.d. carenza).• L’INPS riconosce per ogni anno solare: • Il 50% della retribuzione dal 4 al 20 gg (calendario) di malattia • Il 66,66% dal 21 al 180 gg. (calendario)
  9. 9. • La c.d. integrazione è un istituto previsto dalla contrattazione collettiva e prevede, in caso di assenza per malattia, che l’azienda si faccia carico della differenza tra quanto erogato dall’INPS e la retribuzione che sarebbe spettata al lavoratore se avesse lavorato.• Sulla “malattia INPS” il lavoratore non paga i contributi pertanto nel calcolare l’integrazione dovuta dall’azienda occorre tenere presente questo aspetto operando una lordizzazione della quota a carico INPS.
  10. 10. Il calcolo della malattia: il corpo• Per calcolare l’integrazione dovuta dall’azienda occorre procedere, quindi, in questo modo (c.d. lordizzazione):• Malattia INPS (importo) X 100/(100 – 9,19*) = Malattia INPS lordizzata• Retribuzione lorda mensile – malattia INPS lordizzata = integrazione azienda.• * percentuale di contributi a carico del lavoratore; nelle aziende con CIGS la percentuale di contributi è pari al 9,49%.
  11. 11. Altre voci previste dal CCNL: il corpo• I contratti collettivi possono prevedere numerose altre indennità/voci indicate nel corpo della busta paga. Si rinvia pertanto alla lettura dei singoli CCNL.
  12. 12. Mensilità supplementari• Tredicesima: una mensilità da corrispondere entro il 20/12 (con retribuzione in vigore nel mese). Periodo di maturazione 1/1 – 31/12• Quattordicesima (non tutti i CCNL la prevedono): una mensilità da corrispondere normalmente entro giugno (con esclusione EDR).• Per ogni mese intero lavorato (o per una frazione almeno pari a 15 gg.) matura un rateo (1/12) delle mensilità supplementari.
  13. 13. Ferie, Rol ed ex festività• Come per le mensilità supplementari anche per ferie, rol/PAR ed ex festività matura un rateo (1/12) del monte ore (o giorni) annuo per ogni mese intero lavorato (o per una frazione almeno pari a 15 gg.)• Ferie annue: numero ‘x’ di gg./anno o numero x di ore anno;• Rol o PAR (o altra voce) n. ‘x’ ore / anno (liquidati a dicembre se non goduti)• Ex festività: pagate nel mese in cui cadono o spostate alla prima domenica (4 novembre)
  14. 14. IL TFR- Il trattamento di fine rapporto è una voce della retribuzione che spetta a tutti i lavoratori subordinati, matura nel corso del rapporto di lavoro in funzione (e proporzione) della retribuzione percepita e viene erogata al momento della cessazione del rapporto stesso (sia in caso di licenziamento che di dimissioni).- Sono elementi utili per il calcolo del TFR tutte le somme corrisposte a titolo non occasionale. Il TFR si calcola sommando per ciascun anno una quota pari all’importo della retribuzione dovuta per l’anno stesso divisa per 13,5 (divisore fisso) + rivalutazione . I CCNL hanno introdotto una normativa specifica in particolare per quanto riguarda le voci computabili.
  15. 15. Imponibile contributivo e imponibile fiscale; dal lordo al netto: il piede (cenni)• Determinata nel corpo della busta paga la retribuzione lorda mensile (effettiva e non “teorica” come quella evidenziata nella testa; tale importo coincide con l’imponibile previdenziale - INPS) detta somma va assoggettata a tassazione: – dapprima vengono trattenuti i contributi (9,19% o 9,49%); – Sulla parte “restante” (imponibile IRPEF) si paga l’IRPEF sulla base degli scaglioni previsti dalla legge (dedotte detrazioni spettanti) e si arriva, finalmente, al netto.

×