Strategie e politiche europee
            per l’innovazione e la società
                   dell’informazione
            ...
PARTE PRIMA


                      Le politiche della società
                         dell’informazione:
               ...
Verso la Digital Agenda 2010-2015:
                       le sfide delle politiche per la S.I. a
                          ...
Promuovere le
                      Infrastrutture digitali
                                                   Infrastrutt...
Comuni e popolazione residente privi di
                       copertura lorda ASDL !2Mbps in Italia




                 ...
Verso la Digital Agenda
                                    2010-2015


                      •   Diffusione fibra ottica
 ...
Sostenere le imprese
                          del settore IT
                                                 Infrastrutt...
Addetti nelle unità
                 locali del settore IT




              Fonte: Eurostat, 2007

Friday, May 7, 2010
Imprese IT in Europa
                                Numero di imprese e addetti IT
                      !"#$%&'('(%))*)+...
,-
                                                                                                             .   /0    ...
Addetti in unità locali IT




                                          Fonte: Istat ASIA 2007

Friday, May 7, 2010
Fatturato settore IT 2007-2009:
                                gli effetti della crisi
                  Valori in Mln di...
Imprese settore IT in Italia
                       •   Alto numero di imprese di piccole dimensioni

                    ...
Verso la Digital Agenda
                                    2010-2015

                      •   Mercato unico on line
   ...
Promuovere
                      l’inclusione digitale
                                                  Infrastrutture di...
% Individui che
                usano Internet
                regolarmente




               Fonte: Eurostat, 2009


Fri...
!"#$%&'&%(&")*+"&",-"."&"/0"+$$&"12."$3$"2+$$3"4+&"(5+)3"($"67




              % Individui che
              non hanno m...
ICT nelle famiglie italiane

                         •    Analisi dei microdati ISTAT “Aspetti della vita
               ...
Profilazione degli utenti
                                                       !"#$%"#$&'"()$
                           ...
Attività condotte negli ultimi 3 mesi
               •       Attività internet tradizionali                         •! Alt...
Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010

Friday, May 7, 20...
Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010

Friday, May 7, 20...
Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010

Friday, May 7, 20...
Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010

Friday, May 7, 20...
% dei cittadini italiani
                            compresi nei 4 cluster

                                             ...
Regioni
        100%

           80% 45%50%
                     51%52%52%53%53%                        56%56%57%57%58%59%...
“Attuali esclusi” in Europa
                      Individui tra i 25 e i 74 anni che non hanno mai usato internet,
       ...
Verso la Digital Agenda
                                    2010-2015


                      •   Web accessibility

     ...
Promuovere l’innovazione
                        tramite la ricerca ICT
                                                  ...
=21)!$1&$!EID!()2#,1-&3K                                    QRABIB
                      =21)+&$#!"#-)#!EBR!()2#,1-&3K    ...
Verso la Digital Agenda
                                   2010-2015

                      •   Migliorare l’European pate...
Una sfida
                      (quantomeno) italiana:
                          Realizzare la
                           P...
!"!#
                                                                !"%#
                                                ...
L’offerta di servizi di
                                 e-government a livello locale
                                   ...
•   A inizio 2007, su 43 servizi di e-
                      government locale, soltanto 11,1
                      sono m...
La maggior parte dei servizi individuati sono costituiti solamente
              da moduli scaricabili da consegnare allo ...
Numero medio di servizi disponibili per territorio comunale


                      14


                      12


      ...
Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008

Friday, May 7, 2010
Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi
               di e-government a livello locale, 2008

Friday, May 7, 2010
Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi
               di e-government a livello locale, 2008

Friday, May 7, 2010
Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi
               di e-government a livello locale, 2008

Friday, May 7, 2010
Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi   !
               di e-government a livello locale, 2008

Friday, May 7, 2...
!
                      Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008

Friday, May...
Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008

Friday, May 7, 2010
Misure urgenti per la
                      realizzazione dell’e-government

                      1. Governance condivisa...
Settore pubblico:
                       ulteriori “temi caldi” per il
                      presente o il prossimo futuro...
•   Green Technologies
                                                                •   Smart cities e integrazione
   ...
PARTE SECONDA


                       Le politiche europee per
                      l’innovazione: il ruolo dei
        ...
I fondi strutturali
                           2007-13



Friday, May 7, 2010
• Il 10% della
                popolazione dell’ EU
                a 27 vive nelle
                regioni più prospere
 ...
Fondi strutturali
                      • Sono i principali strumenti finanziari tramite
                        i quali la...
Obiettivi
                      •   Convergenza (CONV): sostenere lo sviluppo e la creazione di posti di
                 ...
Convergence

                      Regional Competitiveness and Employment




Friday, May 7, 2010
Principi-chiave
                      •   Programmazione             •   Valutazione ex-ante,
                          pl...
Stanziamenti
                      complessivi per l’Italia
                      •   All'Italia sono stati          •   C...
Quadro Strategico
                               Nazionale (QSN)
                      •   Il QSN è stato originariamente ...
Friday, May 7, 2010
Finanziamenti al QSN
                                 * Stima;
                                 ** Previsione DPEF e L.F. ...
Macro-obiettivi del QSN
                                                      Priorità 1    internazionalizzare e
        ...
Le 10 Priorità del QSN
                      1. Miglioramento e valorizzazione delle risorse umane
                      2...
I Programmi
                                Operativi (P.O)
                  •  Sono il documento di riferimento per cono...
19 PROGRAMMI
           12 FINANZIATI DAL FESR – 7 FINANZIATI DAL FSE
Friday, May 7, 2010
I PROGRAMI DELL'OBIETTIVO COMPETITIVOTA' REGIONALE E OCCUPAZIONE


                                                      P...
Struttura di un P.O.
                 Elementi fondamentali del PO:                      Da dove
                         ...
I fondi strutturali per
                          l’innovazione



Friday, May 7, 2010
Community strategic guidelines on
                       economic, social and territorial
                           cohes...
Community strategic guidelines on
                       economic, social and territorial
                           cohes...
Community strategic guidelines on
                       economic, social and territorial
                           cohes...
Priorità 2 del QSN:
                          Ricerca e Innovazione
                      •   2.1.1 Qualificare in senso in...
Priorità 2 del QSN:
                           Capitale umano e
                      cooperazione interregionale
        ...
Priorità 2 del QSN:
                      Società dell’Informazione
                      •   2.1.6 Sviluppare contenuti, ...
Risorse dedicate a ricerca,
                      innovazione e S.I. dai Fondi Strutturali
                        in Ital...
Po
                                                                                                                       ...
L’attuazione degli interventi
                         per la R&I dei PO FESR
                      •   Prime misure avvia...
Fonte: Rapporto Strategico Nazionale sull’attuazione del QSN, Dicembre 2009

                                             ...
PON Ricerca e Competitività
                                 Bandi avviati
                      •   Invito per la present...
Luigi Reggi

           luigi.reggi@gmail.com
           luigi.reggi.ext@tesoro.it

           www.luigireggi.eu


Friday,...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Strategie e politiche europee per la società dell'informazione - la digital agenda 2010-2020 e i fondi strutturali comunitari

1,515 views

Published on

Le sfide per le politiche per la società dell'informazione verso la definizione della Digital Agenda 2010-2020
I fondi strutturali comunitari e il peso delle politiche per la ricerca, l'innovazione e la società dell'informazione.

Published in: Technology, Travel, Art & Photos
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,515
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
26
Actions
Shares
0
Downloads
64
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Strategie e politiche europee per la società dell'informazione - la digital agenda 2010-2020 e i fondi strutturali comunitari

  1. 1. Strategie e politiche europee per l’innovazione e la società dell’informazione Il ruolo dei Fondi Strutturali Comunitari Luigi Reggi www.luigireggi.eu Open day e-Lios, 06 05 2010 Friday, May 7, 2010
  2. 2. PARTE PRIMA Le politiche della società dell’informazione: sfide, temi, settori del prossimo futuro Friday, May 7, 2010
  3. 3. Verso la Digital Agenda 2010-2015: le sfide delle politiche per la S.I. a livello europeo Infrastrutture digitali Imprese settore IT e Diffusione ICT contenuti Ricerca su Collaborazione di massa ICT e innovazione Maggiore produttività Maggiore innovazione Inclusione digitale Politiche e regole Friday, May 7, 2010
  4. 4. Promuovere le Infrastrutture digitali Infrastrutture digitali Imprese settore IT e Diffusione ICT contenuti Ricerca su Collaborazione di massa ICT e innovazione Maggiore produttività Maggiore innovazione Inclusione digitale Politiche e regole Friday, May 7, 2010
  5. 5. Comuni e popolazione residente privi di copertura lorda ASDL !2Mbps in Italia ! Fonte: Telecom Italia, Dicembre 2009 Friday, May 7, 2010
  6. 6. Verso la Digital Agenda 2010-2015 • Diffusione fibra ottica • reducing regulatory uncertainties for new fibre investments in fibre networks • building on the new State Aid guidelines to overcome the failure of markets to investment, perhaps through the structural separation to create a neutral fibre service provider • Mobile • Non solo espansione della copertura, ma anche nuovi servizi. Friday, May 7, 2010
  7. 7. Sostenere le imprese del settore IT Infrastrutture digitali Imprese settore IT e Diffusione ICT contenuti Ricerca su Collaborazione di massa ICT e innovazione Maggiore produttività Maggiore innovazione Inclusione digitale Politiche e regole Friday, May 7, 2010
  8. 8. Addetti nelle unità locali del settore IT Fonte: Eurostat, 2007 Friday, May 7, 2010
  9. 9. Imprese IT in Europa Numero di imprese e addetti IT !"#$%&'('(%))*)+',-%(+'.,*.%( !"#$%"#&' &!!" #!!" '&!" %#!" '%!" ,--./"012345" %!!" '$!" 3667-.895:." '#!" ,--./"012345" $#!" '!!" 327.895:." ;<42.=."012345" &!" $!!" 3667-.895:." %!" ;<42.=."012345" #!" $!" 327.895:." #!" !" !" #!!'" #!!*" $'''" %!!!" %!!$" %!!%" %!!&" %!!(" %!!#" %!!)" %!!*" '(((" #!!!" #!!#" #!!)" #!!$" #!!%" #!!+" Fonte: Eurostat, 1999-2007 Friday, May 7, 2010
  10. 10. ,- . /0 !"#$"%"%& Friday, May 7, 2010 ($ "$ +$ )$ &$ !"$ -./ 1$ 2. )$ '))$ "))$ #))$ %))$ *))$ !))$ +))$ 01 -3 2 1 456 31$ 60 45 !"#$ 96 .178 75 $ !"#"$ %#%$ 5: $ 8- 1 %&&$ :7 9$ &#&$ =6 . <37 7;$ 8- ;0 >? 178 $ '#%$ 65 .1 $ </8 78 =9$ @ %'!$ #()$ '#($ -A $ @0 >? B6 137 /A 8.- 07 "%"$ '#!$ 7: $ =8 $ 15 - >C 1B$ )#&$ GE <5 2$ 5/ 1 01 A1 DE 7C6 0 )#)$ $H . F $ EF D4 -$ CC 15 0; 38 31$ A$ =8- )#!$ 67 G0 1 '*&$ ''&$ ''!$ J7 >1 ?H $ *#%$ 3>6 I .6$ JH I=.; +"$ 8$ 1>0 -3 $ K3 *#)$ 7F 31$ G4 879 8 +'$ I3> / : 5 $ ?E $ *#)$ 8- !#$ 17 K0 .8$ =3. *#($ G @ 3 1$ >/ L0 H 5 !'$ L/ 731 -5 $ *#+$ : $ 87 17 *+$ D6 31$ NH M$ (#)$ B/ .F3 E: 7 *)$ $ <70 .8$ (#,$ =8 4>1 - %($ (#+$ ME .;$ :.- 1$ @> =8 -./ 531 %%$ KH -1$ 06 $ =38 -N 731$ (#!$ ,#'$ ""$ >=4 7.8$ GE 68 O8 6 dimensione media 5/ ,#*$ O/ 7$ ")$ A1 >=4 M.8$ .1 O0 PQ $H53 78 ,#+$ 6C 67 $ P./ -.8 ''$ ?$ >1 AH $ L6 .6 8- ,#"$ Numero di imprese IT e Fonte: Eurostat 2007 AE $ .8 ')$ SE R.3C P8 $ +#%$ 7F $ /O &$ 15 QB .8$ ;$ /4 +#%$ -. +$ 8$
  11. 11. Addetti in unità locali IT Fonte: Istat ASIA 2007 Friday, May 7, 2010
  12. 12. Fatturato settore IT 2007-2009: gli effetti della crisi Valori in Mln di Euro e % 20.190 0.8% 20.343 -7.4% 18.832 0.4% -6.7% 3.4% -3.6% -2.5% -5.5% -0.2% -11.9% Fonte: Assinform / NetConsulting (settembre 2009) Friday, May 7, 2010
  13. 13. Imprese settore IT in Italia • Alto numero di imprese di piccole dimensioni • Scarso sviluppo di software, prevale l’installazione di sistemi standard o customizzazione di applicativi importati dall’estero • PA come driver di sviluppo per il settore IT • Aggregazione della domanda pubblica vs. frammentazione della spesa ICT • Smart public procurement: qualificazione della domanda (qualità non solo risparmio), convergere su progetti condivisi di largo respiro • Specializzazione intelligente della ricerca in campo ICT Friday, May 7, 2010
  14. 14. Verso la Digital Agenda 2010-2015 • Mercato unico on line • chiare regole e definizioni • risolvere le dispute internazionali tramite un sistema legale mutualmente riconosciuto • Aumentare la fiducia verso l’e-commerce • promuovere un marchio europeo di qualità • promuovere la cooperazione tra gli Stati per la lotta alle frodi informatiche • Aprire il mercato dei contenuti digitali • Promuovere la Net Neutrality Friday, May 7, 2010
  15. 15. Promuovere l’inclusione digitale Infrastrutture digitali Imprese settore IT e Diffusione ICT contenuti Ricerca su Collaborazione di massa ICT e innovazione Maggiore produttività Maggiore innovazione Inclusione digitale Politiche e regole Friday, May 7, 2010
  16. 16. % Individui che usano Internet regolarmente Fonte: Eurostat, 2009 Friday, May 7, 2010
  17. 17. !"#$%&'&%(&")*+"&",-"."&"/0"+$$&"12."$3$"2+$$3"4+&"(5+)3"($"67 % Individui che non hanno mai usato un PC Persone che non hanno mai utilizzato il computer 3,0 - 19,0 19,0 - 37,0 37,0 - 61,0 dati non presenti Fonte: Eurostat, 2009 Friday, May 7, 2010
  18. 18. ICT nelle famiglie italiane • Analisi dei microdati ISTAT “Aspetti della vita quotidiana” 2008 • Campione di quasi 20.000 famiglie e 50.000 individui • Suddivisione dei cittadini italiani in gruppi omogenei tramite Analisi delle corrispondenze multiple e Cluster Analysis di tipo gerarchico Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  19. 19. Profilazione degli utenti !"#$%"#$&'"()$ #*(+,*+(-$ /1%+*)$&*"$3)1("$%"$ ."#$ 7#8$*+91#$&1:%#$;$%+'#$ *)*$,+2+*(+%+*(+$ 4'21&')$ <&"1#$=$>&"*(+$ /0&"1+$+'21&')$ "?3#(@$A"#$ ,+2&5+,"6#1+$ B"0)-$ C')$D#$ <&"'#$*+''&*"$ C')$D#$'(,&%+*:$ '(,&%+*:$ "?3#(@$ (,"D#E#)*"1#$ "3"*E":$ 4'21&')$ C(+*(+$#*(+,*+($ ,+2&5+,"6#1+$ (,"D#E#)*"1+$ 4",1F$"D)5(+,$ Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  20. 20. Attività condotte negli ultimi 3 mesi • Attività internet tradizionali •! Altre attività 1. Spedire o ricevere e-mail 13. Scaricare software 2. Cercare informazioni su merci e 14. Usare servizi bancari via Internet servizi 3. Cercare lavoro o mandare una richiesta di lavoro •! Servizi della Pubblica 4. Leggere o scaricare giornali, news, Amministrazione riviste 5. Cercare informazioni sanitarie 15. Ottenere informazioni dai siti web della Pubblica Amministrazione •! Area comunicazione / web 2.0 •! negli ultimi 3 mesi 6. Creazione e gestione di webblog, blog •! da 3 mesi a 1 anno fa 7. Lettura di weblog , blog 16. Scaricare moduli della Pubblica 8. Caricare contenuti autoprodotti (testi, Amministrazione immagini, fotografie, ecc…) su siti •! negli ultimi 3 mesi web per condividerli (Social •! da 3 mesi a 1 anno fa Networking) 17. Spedire moduli compilati della •! Areamultimedia / games Pubblica Amministrazione 9. Scaricare e/o vedere film o video •! negli ultimi 3 mesi 10.Scaricare e/o ascoltare musica •! da 3 mesi a 1 anno fa 11.Usare il peer-to-peer per video, scambiare musica, film 12. Giocare on line con altri giocatori Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  21. 21. Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  22. 22. Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  23. 23. Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  24. 24. Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  25. 25. % dei cittadini italiani compresi nei 4 cluster Early adopters 7.4% Utenti tradizionali 11.3% Attuali esclusi 57.4% Esclusi recuperabili 23.9% Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  26. 26. Regioni 100% 80% 45%50% 51%52%52%53%53% 56%56%57%57%58%59%60%61%62% 64%65%66%67% 60% 40% 30%27%27%23%23% 26%26%25%25%23%23% 25%23%22%23%21% 22%23%20%21% 20% 17%14%13%15%15%13%13%11%13%12%12% 9% 11%10% 9% 12% 8% 6% 8% 7% 7% 8% 9% 9% 10% 8% 8% 8% 7% 8% 8% 8% 7% 7% 8% 6% 7% 6% 6% 5% 0% lzano ardia agna rento Lazio VG to gna - Vda ria na he ia zo e cata ria a ania Sicilia Molis Pugli Ligur Vene Marc Tosca Abruz Umb Calab Sarde Friuli Basili Camp a Rom P.A. T Lomb o onte P.A. B Piem Emili Early adopters Utenti tradizionali Esclusi recuperabili Attuali esclusi Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  27. 27. “Attuali esclusi” in Europa Individui tra i 25 e i 74 anni che non hanno mai usato internet, per fascia di popolazione e Paese (in %) Fonte: ForumPA, Gli italiani, internet e il digital divide, Rapporto sulla domanda di banda larga, 2010 Friday, May 7, 2010
  28. 28. Verso la Digital Agenda 2010-2015 • Web accessibility • Soluzioni per la digital literacy rivolte a: • low-skilled people,: • anziani; • persone in cerca di occupazione Friday, May 7, 2010
  29. 29. Promuovere l’innovazione tramite la ricerca ICT Infrastrutture digitali Imprese settore IT e Diffusione ICT contenuti Ricerca su Collaborazione di massa ICT e innovazione Maggiore produttività Maggiore innovazione Inclusione digitale Politiche e regole Friday, May 7, 2010
  30. 30. =21)!$1&$!EID!()2#,1-&3K QRABIB =21)+&$#!"#-)#!EBR!()2#,1-&3K BMAMBI G-#'$#% IJCAQDJ X-&(/,&#3,&-# IBIAQLR 7-,F&1'$#% MPAMPL 7&%&# LMALLD [&,/&1'$#%3 RMAMDJ 831$&' RDADLQ `$+$# RCADI Y&1*$#U! PJAPIL ^)1&$!E6&+24'-(!)?K!E7)2,/K PQAMLQ "#-,&%!7,$,&3 JBAP V23,1-$ JCAPDI G1$#(& QMALPB _&#*$1T QMAPRB 9$#$%$ QPADBI W&'5-2* QDAIRM X2@&*4)215! QQAJQB 7-#5$+)1& QBAIL "#-,&%!^-#5%)* BMALPB [)1$U BJALCD 8(&'$#% BCADJ 81&'$#% BCACBL V23,1$'-$ IPACQR :$-$# IDAIJP 8,$'U IJAIMI [&!]&$'$#% DAPLP 7')0&#-$ JAMDP 7+$-# JARJI =3,)#-$ QAQQM <)1,25$' QAIJP Z2#5$1U X$,0-$ BADMB BAJQR Numero di brevetti ICT presentati 9F&(/!6&+24'-( BAIDR Y1&&(& 9U+123 IAMDR IAMJM all'EPO per milione di abitanti, 2005 X-,/2$#-$ CALIR <)'$#% CARMM 91)$,-$ CARLL W2'5$1-$ CARP 7')0$T-$ CARQM 6233-$#!G&%&1$,-)# CADRQ 6)*$#-$ CAQBM 7)2,/!V?1-($ CAQBD :21T&U CABBL S&@-() CACPJ CACCC QCACCC PCACCC MCACCC IBCACCC IDCACCC ' Friday, May 7, 2010
  31. 31. Verso la Digital Agenda 2010-2015 • Migliorare l’European patent system • Maggiore coordinamento tra politiche per la ricerca e politiche settoriali • Maggiore supporto all’innovation piloting, field- testing and best practice tramite il Competitiveness and Innovation Programme. • Maggiori investimenti in ricerca in campo ICT e innovazione al fine di aumentare gli investimenti delle imprese. Friday, May 7, 2010
  32. 32. Una sfida (quantomeno) italiana: Realizzare la PA digitale Friday, May 7, 2010
  33. 33. !"!# !"%# !"&# !"'# !")# !"*# !"+# !",# $"!# !"$# !"(# Friday, May 7, 2010 -./01234#56#758.9# :;3<.=#><9<.?# @9;9=9# :;3<.=#73;A=5B# C.<D.829;=?# C58E9F# G.;B98H# I0?<89239# >/93;# J89;4.# >3;A9/58.### >E.=.;# K9D893;# C.E#L.929;=# M.8B9;F# K.2A30B# N9/9;# >E3<O.829;=# J3;29;=# P?<5;39# Q8.29;=# Q4.29;=# R3.4D<.;?<.3;# I0?<839# R0S.B1508A# Q?89.2# T0;A98F# United Nations R3<D09;39# >25U.;39# V92<9# @525B139# V929F?39# e-government index 2010 @O.4D#-./01234# @D32.# @859W9# :80A09F# R9<U39# Q<92F# X58<0A92# Fonte: UN, 2010 K9819=5?#
  34. 34. L’offerta di servizi di e-government a livello locale “prestazioni” o caratterisitiche del servizio INTERATTIVITA’ Stage 5 Stage 4 Precompilazione Stage 2 del modulo Accesso a Conclusione database della transazione Autenticazione tramite carte Modulistica Tracking scaricabile della pratica Autenticazione Modulistica tramite password compilabile Adeguata Guida al informazione servizio transattivo QUALI Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi TA’ di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  35. 35. • A inizio 2007, su 43 servizi di e- government locale, soltanto 11,1 sono mediamente disponibili nei 1112 territori comunali con più di 10.000 abitanti (25,6%). Di questi, in media, solo 4 su 43 risultano pienamente transattivi (9,3%). • Il sito istituzionale del Comune non rappresenta più il principale veicolo di erogazione dei servizi comunali ad alta interattività. Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  36. 36. La maggior parte dei servizi individuati sono costituiti solamente da moduli scaricabili da consegnare allo sportello % Servizi sul totale servizi unici analizzati 73,2 Solo modulistica Informazioni Interattive (18,3) 6,2 Solo info interattive 2,3 1,7 7,8 1,9 6,9 Modulistica Solo conclusione (79,1) Conclusione della transazione Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi (18,3) di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  37. 37. Numero medio di servizi disponibili per territorio comunale 14 12 10 13,5 8 9,3 6 8,0 4 6,0 4,4 4,4 3,6 4,7 5,1 2 0 10.000 - 15.000 - 14.999 20.000 - 19.999 30.000 - 29.999 40.000 - classi di popolazione (ab.) 39.999 60.000 - 59.999 80.000 - 79.999 100.000 - 99.999 > 500.000 499.999 Sito web istituzionale del Comune Altro canale web Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  38. 38. Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  39. 39. Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  40. 40. Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  41. 41. Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  42. 42. Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi ! di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  43. 43. ! Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  44. 44. Fonte: DIT-CNIPA, La disponibilità dei servizi di e-government a livello locale, 2008 Friday, May 7, 2010
  45. 45. Misure urgenti per la realizzazione dell’e-government 1. Governance condivisa, cooperazione tra livelli amministrativi 2. Integrazione dei flussi informativi (anche decisionali), interoperabilità 3. Service delivery 4. Citizen empowerment Friday, May 7, 2010
  46. 46. Settore pubblico: ulteriori “temi caldi” per il presente o il prossimo futuro Friday, May 7, 2010
  47. 47. • Green Technologies • Smart cities e integrazione • Uso efficiente delle risorse delle reti di servizio energetiche (intelligent buildings...) • Fruizione dei beni culturali, • Sistemi informativi per la in particolare tramite misurazione sistematica delle device mobili emissioni associate alle azioni della vita quotidiana • Identità federata e pagamenti • eHealth • Cloud computing • Web 2.0 e Gov 2.0 • Sicurezza • Sistemi di monitoraggio e loro integrazione • Intelligent transportation (ambientale, territoriale / urbano, sicurezza...) • Open education Friday, May 7, 2010
  48. 48. PARTE SECONDA Le politiche europee per l’innovazione: il ruolo dei fondi strutturali Friday, May 7, 2010
  49. 49. I fondi strutturali 2007-13 Friday, May 7, 2010
  50. 50. • Il 10% della popolazione dell’ EU a 27 vive nelle regioni più prospere (il 19% del totale del PIL dell’ EU-27 ) • al 10% della popolazione che vive nelle regioni meno ricche corrisponde l’1.5% del PIL GDP a prezzi correnti (2007) Friday, May 7, 2010
  51. 51. Fondi strutturali • Sono i principali strumenti finanziari tramite i quali la Comunità Europea sostiene il rafforzamento della coesione economica e sociale e la riduzione del divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni. • 2 FONDI: • FESR Fondo Europeo di Sviluppo Regionale • FSE Fondo Sociale Europeo Friday, May 7, 2010
  52. 52. Obiettivi • Convergenza (CONV): sostenere lo sviluppo e la creazione di posti di lavoro negli Stati Membri e nelle regioni meno sviluppate. TERRITORI INTERESSATI: a. le Regioni con un prodotto interno lordo pro capite inferiore al 75% della media dell'UE a 27; b. gli Stati membri con un reddito pro capite inferiore al 90% della media dell'Unione a 27 c. le Regioni con un PIL pro capite superiore al 75% della media UE a 27 ma inferiore della media UE a 15 (il cosiddetto effetto statistico dell'allargamento) alle quali è applicato un regime transitorio ("phasing out"). • Competitività regionale e occupazione (CRO): anticipare e promuovere il cambiamento al di fuori delle regioni in ritardo di sviluppo. TERRITORI INTERESSATI: a. le Regioni che non rientrano nei parametri dell'obiettivo Convergenza (PIL pro capite > 75% UE-27); b. le regioni che facevano parte dell'Obiettivo 1 nella programmazione 2000-2006 e che ora non rientrano nell'Obiettivo Convergenza, alle quali è applicato un regime particolare ("phasing in"). • Cooperazione territoriale ed europea (CTE): promuovere uno sviluppo armonioso ed equilibrato del territorio dell’Unione. Friday, May 7, 2010
  53. 53. Convergence Regional Competitiveness and Employment Friday, May 7, 2010
  54. 54. Principi-chiave • Programmazione • Valutazione ex-ante, pluriennale in itinere, ex-post • Politica placed-based • Addizionalità – le risorse EU devono • Vari livelli e strumenti essere addizionali di programmazione rispetto all’impegno nazionale – no • Partenariato: sostituzione Commissione - Stati Membri– regioni – • Regola “n + 2” altri partners Friday, May 7, 2010
  55. 55. Stanziamenti complessivi per l’Italia • All'Italia sono stati • COMPETITIVITA' assegnati 28.812 milioni phasing in (Sardegna): di euro (prezzi correnti), 972 MEUR così ripartiti fra i diversi obiettivi: • COMPETITIVITA' (tutte le altre Regioni): 5.353 • CONVERGENZA (Sicilia, MEUR Calabria, Campania, Puglia): 21.211 MEUR • COOP. TERRITORIALE (tutte le Regioni): 846 • CONVERGENZA MEUR phasing out (Basilicata): 430 MEUR Friday, May 7, 2010
  56. 56. Quadro Strategico Nazionale (QSN) • Il QSN è stato originariamente concepito come il riferimento unitario per tutta la politica di sviluppo regionale italiana 2007-2013, che definisce gli indirizzi di programmazione per • Le risorse addizionali comunitarie (Fondi strutturali) • Cofinanziamento nazionale • Fondi nazionali per la politica regionale: Fondo Aree Sottoutilizzate (FAS) Friday, May 7, 2010
  57. 57. Friday, May 7, 2010
  58. 58. Finanziamenti al QSN * Stima; ** Previsione DPEF e L.F. 2007 Friday, May 7, 2010
  59. 59. Macro-obiettivi del QSN Priorità 1 internazionalizzare e sviluppare i circuiti della modernizzare l’economia, la conoscenza società e le amministrazioni Priorità 2 Priorità 3 Priorità 4 Priorità 9 Priorità 10 accrescere la qualità della vita, la sicurezza e l’inclusione sociale nei potenziare le filiere produttive, i servizi e territori la concorrenza Priorità 5 Priorità 6 Priorità 7 Priorità 8 Friday, May 7, 2010
  60. 60. Le 10 Priorità del QSN 1. Miglioramento e valorizzazione delle risorse umane 2. Ricerca e innovazione 3. Risorse ambientali 4. Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita 5. Risorse naturali e culturali 6. Reti e collegamenti per la mobilità 7. Competitività dei sistemi produttivi e occupazione 8. Competitività e attrattività delle città e dei sistemi urbani 9. Apertura internazionale e attrazione di investimenti 10. Governance, capacità istituzionali e mercati concorrenziali e efficaci Friday, May 7, 2010
  61. 61. I Programmi Operativi (P.O) •  Sono il documento di riferimento per conoscere quali progetti vengono finanziati; •  Coprono l’intero periodo di programmazione Regioni coperte Settori coperti Gestione Periodo coperto POR Una Molti Regionale 2007-2013 PON molte uno Nazionali 2007-2013 POIN molte uno Regionale 2007-2013 Friday, May 7, 2010
  62. 62. 19 PROGRAMMI 12 FINANZIATI DAL FESR – 7 FINANZIATI DAL FSE Friday, May 7, 2010
  63. 63. I PROGRAMI DELL'OBIETTIVO COMPETITIVOTA' REGIONALE E OCCUPAZIONE Programma Fondo Risorse comunitarie Por Abruzzo FESR 139.760.495 Por Emilia Romagna FESR 128.107.883 33 Por Friuli Venezia Giulia Por Lazio FESR FESR 74.069.674 371.756.338 Por Liguria FESR 168.145.488 PROGRAMMI Por Lombardia Por Marche FESR FESR 210.887.281 112.906.728 Por Molise FESR 70.765.241 Por P.A. Bolzano FESR 26.021.981 Por P.A. Trento FESR 19.286.428 16 FINANZIATI Por Piemonte FESR 426.119.322 Por Toscana FESR 338.466.574 Por Umbria FESR 149.975.890 DAL FESR Por Valle d'Aosta Por Veneto FESR FESR 19.524.245 207.939.920 Por Sardegna ST FESR 729.291.176 Por Abruzzo FSE 127.719.591 17 FINANZIATI Por Emilia Romagna Por Friuli Venezia Giulia FSE FSE 295.929.210 120.355.589 Por Lazio FSE 368.038.775 DAL FSE Por Liguria Por Lombardia FSE FSE 147.619.048 338.017.613 Por Marche FSE 111.554.330 Por Molise FSE 37.665.371 Por P.A. Bolzano FSE 60.745.159 Por P.A. Trento FSE 61.198.969 Por Piemonte FSE 397.283.869 Por Toscana FSE 313.045.574 Por Umbria FSE 98.984.087 Por Valle d'Aosta FSE 32.911.544 Por Veneto FSE 349.019.589 Por Sardegna ST FSE 243.097.059 Pon Azioni di sistema FSE 28.680.066 Totale 6.324.890.107 Friday, May 7, 2010
  64. 64. Struttura di un P.O. Elementi fondamentali del PO: Da dove partiamo •  Ricognizione della situazione con analisi Dove punti di forza e debolezza; vogliamo •  Strategia di intervento e relativi obiettivi andare globali; •  Assi prioritari di intervento e obiettivi Cosa specifici; facciamo •  Piano finanziario; Con quali •  Disposizioni di attuazione risorse Chi e come Friday, May 7, 2010
  65. 65. I fondi strutturali per l’innovazione Friday, May 7, 2010
  66. 66. Community strategic guidelines on economic, social and territorial cohesion, 2007-2013 R&D and Innovation • Strengthening cooperation • Support for regional cross- among businesses and border and transnational between businesses and initiatives aimed at public research/tertiary strengthening research colla- education institutions, for boration and capacity example, by supporting the building in priority areas of creation of regional and Community research policy. trans-regional clusters of excellence. • Strengthening R&D capacity building, including ICT, • Supporting RTD activities in research infrastructure and SMEs and technology transfer human capital in areas with (enabling SMEs to access significant growth potential. RTD services in publicly funded research institutions). Friday, May 7, 2010
  67. 67. Community strategic guidelines on economic, social and territorial cohesion, 2007-2013 Improve access to finance • Supporting non-grant • Developing an integrated instruments such as approach that loans, secured debt simultaneously supports financing for subordinate innovation, its transfer debt, convertible into new commercial instruments (mezzanine activity and the debt) and risk capital (e.g. availability of risk capital. seed capital and venture capital). Guarantee and • Outreaching to certain mutual guarantee specific groups, for mechanisms could also example, young or be supported to facilitate female entrepreneurs or access to micro-credit by disadvantaged groups. SMEs. Friday, May 7, 2010
  68. 68. Community strategic guidelines on economic, social and territorial cohesion, 2007-2013 Information Society • Ensuring uptake of ICTs by example, improving firms and households and accessibility for disabled promoting development and elderly people), and through balanced support thus boost growth and jobs. for the supply and demand of ICT products and both • Ensuring availability of ICT public and private services, infrastructure and related as well as through increased services where the market investment in human fails to provide it at an capital. These actions affordable cost and to an should increase adequate level to support productivity, promote an the required services, open and competitive especially in remote and digital economy and an rural areas and in new inclusive society (for Member States. Friday, May 7, 2010
  69. 69. Priorità 2 del QSN: Ricerca e Innovazione • 2.1.1 Qualificare in senso innovativo l’offerta di ricerca, favorendo la creazione di reti fra Università, centri di ricerca e tecnologia e il mondo della produzione sviluppando meccanismi a un tempo concorrenziali e cooperativi, in grado di assicurare fondi ai ricercatori più promettenti • 2.1.2 Valorizzare competenze e funzioni di mediazione per superare i limiti di tipo relazionale e organizzativo tra gli attori del sistema della ricerca e dell’innovazione • 2.1.3 Aumentare la propensione delle imprese a investire in ricerca e innovazione Friday, May 7, 2010
  70. 70. Priorità 2 del QSN: Capitale umano e cooperazione interregionale • 2.1.4 Valorizzare il capitale umano per favorire processi di ricerca e innovazione, promuovendo l’attrazione di investimenti e talenti e l’assorbimento di risorse umane da parte del sistema delle imprese e favorendo una migliore e più intensa interazione fra queste ultime e le Università e i centri di ricerca e tecnologia • 2.1.5 Valorizzare la capacità di ricerca, trasferimento e assorbimento dell’innovazione da parte delle Regioni tramite la cooperazione territoriale Friday, May 7, 2010
  71. 71. Priorità 2 del QSN: Società dell’Informazione • 2.1.6 Sviluppare contenuti, applicazioni e servizi digitali avanzati e accrescerne la capacità di utilizzo, l’accessibilità e fruibilità anche attraverso adeguata promozione dell’offerta • 2.1.7 Sostenere la promozione di servizi pubblici moderni e rafforzare i processi di innovazione della Pubblica Amministrazione attorno alle nuove Tecnologie dell’Informazione e Comunicazione • 2.1.8 Garantire a cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione l’accesso alle reti, riducendo il divario infrastrutturale riguardante la banda larga nelle aree remote e rurali (aree deboli /marginali) Friday, May 7, 2010
  72. 72. Risorse dedicate a ricerca, innovazione e S.I. dai Fondi Strutturali in Italia: quota UE + cof. naz., M" Fonte: Elaborazione su dati Direzione Generale Fondi Strutturali Comunitari. Categorie di spesa UE 1, 2, 3, 4, 6, 7, 9, 11, 12, 13, 14, 15, 74 Friday, May 7, 2010
  73. 73. Po rC Friday, May 7, 2010 am 0 500 1000 1500 2000 2500 pa Po n r P ia u Po gli rS a P Po or icili r B Ca a as lab ilic ria at Po a ST rS ar de Po g n rP aS ie T m Po o r T nte Po o r L sca om na ba Po rdia Po rL r E Po az PON R&C m r V io ilia e ne R om to Po agn rL a 5.998 Altri PON e POIN 1.277 Po i g u Po r A ria rF b riu Po ruz li z Ve r M o ne arc zi he a Po Giu r U lia m Fonte: Elaborazione su dati Direzione Generale Fondi Strutturali Comunitari. Po br Po i rP rM a .A oli Capitale umano Imprenditorialità Po . Bo se r P lza Ricerca e innovazione Po .A n Società dell'informazione Risorse dedicate a R&I dai .T o Programmi Operativi FESR rV al ren le d' to Ao st a
  74. 74. L’attuazione degli interventi per la R&I dei PO FESR • Prime misure avviate: Bandi per la ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale • In fase di attuazione interventi per lo sviluppo di infrastrutture (poli, centri di competenza...) per il trasferimento tecnologico • Accordi con Infratel per la diffusione della Banda Larga nelle regioni della Convergenza • Fondi di garanzia Friday, May 7, 2010
  75. 75. Fonte: Rapporto Strategico Nazionale sull’attuazione del QSN, Dicembre 2009 ! Friday, May 7, 2010
  76. 76. PON Ricerca e Competitività Bandi avviati • Invito per la presentazione di progetti di ricerca industriale Il bando impegna 465 MEuro a valere sul PON R&C e 100 MEuro a valere sul F.I.T. per cofinanziare interventi che prevedono la realizzazione di una quota di attività al di fuori delle Regioni della Convergenza per un importo non superiore al 25% del costo complessivo del progetto di ricerca. • Bando Sportello PON - Legge 46/82 F.I.T. Mira ad agevolare programmi di sviluppo sperimentale, comprendenti eventualmente anche attività non preponderanti di ricerca industriale, riguardanti innovazioni di prodotto e/o di processo a favore di progetti proposti da imprese ubicate nelle aree dell'obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia) per i quali almeno il 75% dei costi ammissibili sia sostenuto nell'ambito delle medesime unita' produttive. Il bando impegna 200 MEuro a valere sul PON R&C • Bando Start-up - Legge 46/82 F.I.T. progetti proposti da start-up in settori di alta e medio-alta tecnologia, nell'ambito del Fondo per l'innovazione tecnologica di cui alla legge n. 46/1982. Il bando impegna 35 MEuro a valere sul F.I.T. e 20 MEuro a valere sul Programma. • Bando Reach - Legge 46/82 F.I.T. Programmi di sviluppo sperimentale riguardanti innovazioni di prodotto e/o di processo volte a sostituire e/o eliminare le sostanze chimiche "estremamente preoccupanti". Il bando impegna 80 Meuro a valere sul F.I.T. e 40 Meuro a valere sul Programma. Friday, May 7, 2010
  77. 77. Luigi Reggi luigi.reggi@gmail.com luigi.reggi.ext@tesoro.it www.luigireggi.eu Friday, May 7, 2010

×