SlideShare a Scribd company logo
1 of 23
XXXII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI



IL COORDINAMENTO TRA GLI ATTORI LOCALI COME FATTORE
     DI SUCCESSO DELLE POLITICHE REGIONALI PER L’E-
   GOVERNMENT: IL RUOLO DELLE SOCIETÀ IN HOUSE PER
              L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA




                        Luigi Reggi
                DESP, Università di Urbino “Carlo Bo”

               Chiara Assunta Ricci
                    “Sapienza” Università di Roma
OUTLINE

• Coordinamento tra attori locali e diffusione
  dell’eGovernment
• Il ruolo del coordinamento nelle politiche per
  l’eGovernment in Italia
• Le società in house regionali per l’Innovazione
  Tecnologica (IT)
• Risultati: coordinamento e performance IT degli EELL,
  quale ruolo delle società in house regionali IT?
• Discussione e conclusioni
DOMANDE DI RICERCA

• Il coordinamento tra gli attori locali migliora
  l’efficacia delle politiche per la diffusione dell’e-
  government ?

• le società IH regionali IT facilitano il coordinamento
  in tema di IT?
IL COORDINAMENTO NELLA LETTERATURA ECONOMICA
                     (1/2)
• Buon coordinamento tra i soggetti del “sistema” vuol dire,
  soprattutto:
   – Assegnazione “coerente” di compiti (task)
   – Efficace utilizzazione di competenze
   – Capacità di rapida decisione e realizzazione
   – Presenza di adeguati incentivi e sanzioni

• Coordinamento inefficiente genera costi privati e “sociali”
   – Duplicazioni, sprechi, ritardi, ambiguità,incoerenze (Milgrom e
      Roberts, 1992)

• Meccanismi del coordinamento:
  – Gerarchie/norme
  – Contratti/prezzi di mercato (Debreu, 1959)
IL COORDINAMENTO NELLA LETTERATURA ECONOMICA
                    (2/2)

• Tipologie di coordinamento:
   – sistemi centralizzati/decentralizzati, con o senza
     coordinamento ex ante

• Superamento della dicotomia centralizzazione                  vs
  decentralizzazione (Stiglitz, 1989; Bowles, 2004)
            La scelta migliore dipende dallo specifico contesto
  istituzionale di riferimento e dal costo-opportunità della scelta
     istituzionale selezionata rispetto alle alternative possibili
COORDINAMENTO e E-GOVERNMENT

Coordinamento tra gli attori locali dell’innovazione
  come gestione efficace dei flussi informativi

VANTAGGI DEL COORDINAMENTO:
• aggregazione della domanda pubblica locale di
  dotazioni e servizi di e-government (Ferro et al., 2004)
• creazione di standard amministrativi, organizzativi,
  procedurali, gestionali (Ferro e Sorrentino, 2010)
• facilità di condivisione dell'informazione tra attori
  pubblici e privati del territorio
IL COORDINAMENTO NELLE
                  POLITICHE PER L’E-GOVERNMENT IN ITALIA
                                                      2007
                                            Centri Servizio Territoriali
                                                      (CST)
                                                  Inclusione piccoli comuni
                   Reti Regionali           Flessibilità delle forme organizzative
                     (RUPAR)                  Focus su condivisione dei sistemi
                                               informativi e servizi di back end




                                                                            Dal 2008
           2002                                                         Community Network
“1o Avviso” di eGovernment                                                  Regionali
  Ampie “aggregazioni” indipendenti
                                                                         “Tavoli” o strutture permanenti
         Approccio bottom-up
                                                                     Modelli differenti tra regione e regione
  Focus su front office (servizi on line)
                                                                                     Focus su:
                                                                       - IT => condivisione rete regionale,
                                                                   interoperabilità e cooperazione applicativa
                                                                - governance => condivisione programmazione
                                                                                politiche regionali
IL RUOLO DEL COORDINAMENTO NELLE POLITICHE PER
                L’E-GOVERNMENT
• In Italia: frammentazione amministrativa, innovazione
  materia con forti prerogative regionali, fonti di
  finanziamento per l’innovazione prevalentemente a
  carattere regionale

• A livello subregionale prevale l'adesione volontaristica da
  parte di Comuni e altri Enti Locali a forme più o meno
  stabili di coordinamento, rispetto a forme di
  collaborazione imposte dall'alto e di tipo obbligatorio
  (Sorrentino et al., 2010)

• Modalità di coordinamento settoriale e multi-livello
  dedicate all’ICT si sovrappongono alle più tradizionali
  forme associative quali le Comunità Montane e le Unioni
  di Comuni (CNIPA-CRC, 2007).
LE SOCIETÀ IN HOUSE IT REGIONALI
“Aziende a partecipazione regionale a capitale interamente pubblico,
operanti nel Settore dell’informatica per la pubblica amministrazione secondo
il modello in house providing nell’ambito della ricerca e/o lo sviluppo di
tecnologie, di servizi e soluzioni, la produzione e/o l’integrazione di beni e
servizi, l’innovazione organizzativa e/o commerciale e/o distributiva, la
consulenza         e       la       formazione,        i     contenuti”
(ASSINTER, Associazione Nazionale Società In House per l’Innovazione Tecnologica)




          Società IH IT regionali oggetto di una specifica
          rilevazione nel periodo giugno-settembre 2010
          (Progetto “Costi e benefici delle forme di coordinamento tra
          gli attori pubblici a livello regionale: l’impatto economico delle
          società in-house per l’innovazione tecnologica delle Regioni
          italiane” - Dipartimento di Economia Pubblica, Sapienza -
          Università di Roma)
LE SOCIETÀ IN HOUSE IT REGIONALI
      Regioni che dispongono di una (o più) Società IT IH a giugno 2011
REGIONE                     SOCIETA’ IH                  FATTURATO          2009
                                                         (in milioni €)
Piemonte                    CSI Piemonte                             166,48
Liguria                     Datasiel SpA                            58,89
Valle d’Aosta               INVA SpA                                19,26
Lombardia                   Lombardia Informatica SpA               237,60
Prov. Aut. Bolzano          Informatica Alto Adige SpA               7,53
Prov. Aut. Trento           Informatica Trentina SpA                52,93
Friuli Venezia Giulia       Insiel SpA                              83,73
Emilia Romagna              Lepida SpA                              11,00
                            CUP 2000 SpA                            32,54
Umbria                      Webred SpA                              10,36
Lazio                       LAit SpA                                61,76
Sicilia                     Sicilia e-Servizi SpA                   35,43
Sardegna                    Sardegna IT Srl                         17,79
Puglia                      InnovaPuglia SpA                        22,20
Molise                      Molise Dati SpA                          n.d.
Abruzzo                     Abruzzo Engineering SpA                  n.d.
Fonte: Assinter, 2010
TRA STATO E MERCATO


                                  Spesa IT
      REGIONE                     regionale verso
                                  il mercato


Trasferimenti
verso l’in                                                  MERCATO IT
house
                    IN HOUSE           Quota di fatturato
                                       “buy” /
                                       esternalizzato

           Quota di fatturato                59%
           “make” / gestito
           internamente




         Fonte: Questionario ad-hoc somministrato alle società IH IT, anno 2009
UN DIVERSO RUOLO DELLE SOCIETA’ IN HOUSE?
Valore delle commesse e appalti esterni 2005-2009




        Fonte: Questionario ad-hoc somministrato alle società IH IT, 2009
AUTO-VALUTAZIONE DEI VANTAGGI DERIVANTI DALLA
          PRESENZA DI SOCIETÀ IH IT




        Fonte: Questionario ad-hoc somministrato alle società IH IT, 2010
CLUSTER
  ANALYSIS per
  dimensione
  (n. addetti) e
numero settori in
  cui l’IH opera
COORDINAMENTO, PERFORMANCE IT E RUOLO DELLE
           SOCIETÀ IN HOUSE IT
Ipotesi: la “performance IT” del settore pubblico nel
territorio regionale è funzione del coordinamento che
dipende anche dal contributo che può derivare dalla
presenza della società IH.

                      P = f(CT, Sh)

• Con P indice della performance IT
• CT indice di coordinamento territoriale
• Sh misura del contributo delle società IH.
INDICI UTILIZZATI NELL’ANALISI, VARIABILI CHE LI
            COMPONGONO E FONTE




     Fonte dei dati: ISTAT, indagine “ICT nella PA locale”, anno 2009
RISULTATI
Regioni italiane per indice di diffusione e uso delle ICT nei Comuni,
                  indice di coordinamento per l’ICT



      correlazione positiva (0,55) tra i
      due indicatori compositi
RISULTATI
        Regioni italiane per indice di diffusione e uso delle ICT nei Comuni,
indice di coordinamento per l’ICT e cluster a cui appartengono le società IH regionali
• Effetto IH risulta incerto
   – La sola presenza di una IH non è garanzia né di maggiore
     coordinamento, né di migliori performance degli enti
     coordinati.
• Migliori performance (2° quadrante) dove è minore
  l’intensità del “fenomeno IH” :
   – 2 regioni senza IH: Toscana, Veneto
   – 2 regioni in cui le società IH sono “settoriali” e “snelle”:
     Emilia-Romagna, Prov. Aut. Bolzano
     => ruolo più forte dell’Ente Regione?
• La presenza di IH di grandi dimensioni, attive da
  molti anni e di tipo multi-settoriale (cluster 3) è
  tendenzialmente associata a elevati livelli di
  coordinamento
DISCUSSIONE

Differenti modelli di governance per
  differenti contesti regionali

   – Amministrazioni regionali mostrano approcci differenti
     nel rapporto con gli EELL
      • Regioni con forte “ruolo-guida” dell’Ente Regione
      • Regioni che delegano le funzioni ad agenzie o società
        pubbliche

   – Allo stesso modo, le IH presentano ampia variabilità:
      • per storia, dimensione, caratteristiche
      • nei rapporti con l’Ente Regione
      • nei rapporti con gli EELL
CONCLUSIONI

• Crescente attenzione ai meccanismi di
  coordinamento e collaborazione tra EELL nelle
  politiche per l’e-government in Italia
• Numerosi e differenti modelli di governance
  regionali
• Società IH una delle pedine di uno complesso
  scacchiere
Grazie a…

Gruppo di ricerca del progetto “Costi e benefici delle forme di
coordinamento tra gli attori pubblici a livello regionale: l’impatto
economico delle società in-house per l’innovazione tecnologica
delle Regioni italiane”:

       Maurizio Franzini
       Dimitri Tartari
       Sergio Scicchitano
       Antonio Nicita

More Related Content

What's hot

Le tappe dal web1 al web2
Le tappe dal web1 al web2Le tappe dal web1 al web2
Le tappe dal web1 al web2
guglielmobruna
 
Napoli 14 dicembre 2011 Marcotulli
Napoli 14 dicembre 2011 MarcotulliNapoli 14 dicembre 2011 Marcotulli
Napoli 14 dicembre 2011 Marcotulli
progettoetica
 
lezione di Stefano Colarieti
lezione di Stefano Colarietilezione di Stefano Colarieti
lezione di Stefano Colarieti
raffaraffa
 

What's hot (15)

Lorenzo Broccoli a SCE 2012
Lorenzo Broccoli a SCE 2012Lorenzo Broccoli a SCE 2012
Lorenzo Broccoli a SCE 2012
 
Presentazione di Dimitri Tartari. Piter: le linee guida 2011-2013 (tagbolab f...
Presentazione di Dimitri Tartari. Piter: le linee guida 2011-2013 (tagbolab f...Presentazione di Dimitri Tartari. Piter: le linee guida 2011-2013 (tagbolab f...
Presentazione di Dimitri Tartari. Piter: le linee guida 2011-2013 (tagbolab f...
 
Le tappe dal web1 al web2
Le tappe dal web1 al web2Le tappe dal web1 al web2
Le tappe dal web1 al web2
 
Digitalizzazione 2017 - Intervento Alessandro Selam - direttore ANORC
Digitalizzazione 2017 - Intervento Alessandro Selam - direttore ANORCDigitalizzazione 2017 - Intervento Alessandro Selam - direttore ANORC
Digitalizzazione 2017 - Intervento Alessandro Selam - direttore ANORC
 
La Stanza del Cittadino - servizi on-line di nuova generazione
La Stanza del Cittadino -  servizi on-line di nuova generazioneLa Stanza del Cittadino -  servizi on-line di nuova generazione
La Stanza del Cittadino - servizi on-line di nuova generazione
 
Napoli 14 dicembre 2011 Marcotulli
Napoli 14 dicembre 2011 MarcotulliNapoli 14 dicembre 2011 Marcotulli
Napoli 14 dicembre 2011 Marcotulli
 
Percorso partecipato e collaborativo dell'Agenda digitale dell'Umbria
Percorso partecipato e collaborativo dell'Agenda digitale dell'UmbriaPercorso partecipato e collaborativo dell'Agenda digitale dell'Umbria
Percorso partecipato e collaborativo dell'Agenda digitale dell'Umbria
 
Presentazione sito del Comune di Martina Franca
Presentazione sito del Comune di Martina FrancaPresentazione sito del Comune di Martina Franca
Presentazione sito del Comune di Martina Franca
 
ABI Forum Banche e PA 2015 programma
ABI Forum Banche e PA 2015 programmaABI Forum Banche e PA 2015 programma
ABI Forum Banche e PA 2015 programma
 
Relazione convegno-poste-9-7-2015
Relazione convegno-poste-9-7-2015Relazione convegno-poste-9-7-2015
Relazione convegno-poste-9-7-2015
 
Presentazione #umbriadigitale
Presentazione #umbriadigitalePresentazione #umbriadigitale
Presentazione #umbriadigitale
 
Intervento Serena Carota
Intervento Serena CarotaIntervento Serena Carota
Intervento Serena Carota
 
lezione di Stefano Colarieti
lezione di Stefano Colarietilezione di Stefano Colarieti
lezione di Stefano Colarieti
 
Digitalizzazione 2017 - Intervento Carola Caputo
Digitalizzazione 2017 - Intervento Carola CaputoDigitalizzazione 2017 - Intervento Carola Caputo
Digitalizzazione 2017 - Intervento Carola Caputo
 
E-People At Work
E-People At WorkE-People At Work
E-People At Work
 

Similar to Il Coordinamento Tra Gli Attori Locali Come Fattore Di Successo Delle Politiche Regionali Per L’e-government: Il Ruolo Delle Società In House Per L’innovazione Tecnologica

Pileri Osservatorio Italia Digitale
Pileri  Osservatorio  Italia  DigitalePileri  Osservatorio  Italia  Digitale
Pileri Osservatorio Italia Digitale
Italoblog
 
Smau Bari 2010 Domenico Favuzzi
Smau Bari 2010 Domenico FavuzziSmau Bari 2010 Domenico Favuzzi
Smau Bari 2010 Domenico Favuzzi
SMAU
 
Circolo virtuoso open data
Circolo virtuoso open dataCircolo virtuoso open data
Circolo virtuoso open data
Ugo Bonelli
 
I fondi strutturali finanziano l'e-government: risorse, strumenti, progetti
I fondi strutturali finanziano l'e-government: risorse, strumenti, progettiI fondi strutturali finanziano l'e-government: risorse, strumenti, progetti
I fondi strutturali finanziano l'e-government: risorse, strumenti, progetti
Luigi Reggi
 

Similar to Il Coordinamento Tra Gli Attori Locali Come Fattore Di Successo Delle Politiche Regionali Per L’e-government: Il Ruolo Delle Società In House Per L’innovazione Tecnologica (20)

RAPPORTO 2009 - Toscana, la società dell’informazione e della conoscenza
RAPPORTO 2009 - Toscana, la società dell’informazione e della conoscenzaRAPPORTO 2009 - Toscana, la società dell’informazione e della conoscenza
RAPPORTO 2009 - Toscana, la società dell’informazione e della conoscenza
 
Amministrazione pubblica 2.0 - part 2
Amministrazione pubblica 2.0 - part 2Amministrazione pubblica 2.0 - part 2
Amministrazione pubblica 2.0 - part 2
 
Forum pa roma_duretti
Forum pa roma_durettiForum pa roma_duretti
Forum pa roma_duretti
 
Pileri Osservatorio Italia Digitale
Pileri  Osservatorio  Italia  DigitalePileri  Osservatorio  Italia  Digitale
Pileri Osservatorio Italia Digitale
 
Claudio Forghieri: l'E-goverment
Claudio Forghieri: l'E-govermentClaudio Forghieri: l'E-goverment
Claudio Forghieri: l'E-goverment
 
Big data e smart cities - Smart City Exhibition 2013
Big data e smart cities - Smart City Exhibition 2013Big data e smart cities - Smart City Exhibition 2013
Big data e smart cities - Smart City Exhibition 2013
 
Gli investimenti ICT in Europa - Rapporto EITO 2006/2007
Gli investimenti ICT in Europa - Rapporto EITO 2006/2007Gli investimenti ICT in Europa - Rapporto EITO 2006/2007
Gli investimenti ICT in Europa - Rapporto EITO 2006/2007
 
Forghieri Parma Convegno I Qu El 2 3 2010
Forghieri Parma Convegno I Qu El 2 3 2010Forghieri Parma Convegno I Qu El 2 3 2010
Forghieri Parma Convegno I Qu El 2 3 2010
 
Smau padova 2013 francesca belotti csi
Smau padova 2013 francesca belotti csiSmau padova 2013 francesca belotti csi
Smau padova 2013 francesca belotti csi
 
Smau Bari 2010 Domenico Favuzzi
Smau Bari 2010 Domenico FavuzziSmau Bari 2010 Domenico Favuzzi
Smau Bari 2010 Domenico Favuzzi
 
Circolo virtuoso open data
Circolo virtuoso open dataCircolo virtuoso open data
Circolo virtuoso open data
 
[Maratona Lombardia] E-Government: quale futuro?
[Maratona Lombardia] E-Government: quale futuro?[Maratona Lombardia] E-Government: quale futuro?
[Maratona Lombardia] E-Government: quale futuro?
 
La nuova Agenda Digitale del Veneto 2020
La nuova Agenda Digitale del Veneto 2020La nuova Agenda Digitale del Veneto 2020
La nuova Agenda Digitale del Veneto 2020
 
Roberto Masiero - Presentazione del Rapporto Annuale del Forum dell'Innovazio...
Roberto Masiero - Presentazione del Rapporto Annuale del Forum dell'Innovazio...Roberto Masiero - Presentazione del Rapporto Annuale del Forum dell'Innovazio...
Roberto Masiero - Presentazione del Rapporto Annuale del Forum dell'Innovazio...
 
Alta langa forumpa2017
Alta langa forumpa2017Alta langa forumpa2017
Alta langa forumpa2017
 
I fondi strutturali finanziano l'e-government: risorse, strumenti, progetti
I fondi strutturali finanziano l'e-government: risorse, strumenti, progettiI fondi strutturali finanziano l'e-government: risorse, strumenti, progetti
I fondi strutturali finanziano l'e-government: risorse, strumenti, progetti
 
Stefano Costa, Digitalizzazione, capitale e performance d’impresa
Stefano Costa, Digitalizzazione, capitale e performance d’impresa Stefano Costa, Digitalizzazione, capitale e performance d’impresa
Stefano Costa, Digitalizzazione, capitale e performance d’impresa
 
Stefano Costa, Cui prodest? Profili e performance delle imprese in rete
Stefano Costa, Cui prodest? Profili e performance delle imprese in reteStefano Costa, Cui prodest? Profili e performance delle imprese in rete
Stefano Costa, Cui prodest? Profili e performance delle imprese in rete
 
Presentazione innovapuglia settembre2017
Presentazione innovapuglia  settembre2017Presentazione innovapuglia  settembre2017
Presentazione innovapuglia settembre2017
 
Strategie e politiche europee per la società dell'informazione - la digital a...
Strategie e politiche europee per la società dell'informazione - la digital a...Strategie e politiche europee per la società dell'informazione - la digital a...
Strategie e politiche europee per la società dell'informazione - la digital a...
 

More from Luigi Reggi

More from Luigi Reggi (20)

Engage with citizens about Cohesion Policy: the case of Monithon
 Engage with citizens about Cohesion Policy: the case of Monithon Engage with citizens about Cohesion Policy: the case of Monithon
Engage with citizens about Cohesion Policy: the case of Monithon
 
Come stiamo spendendo i fondi della coesione territoriale per la digitalizzaz...
Come stiamo spendendo i fondi della coesione territoriale per la digitalizzaz...Come stiamo spendendo i fondi della coesione territoriale per la digitalizzaz...
Come stiamo spendendo i fondi della coesione territoriale per la digitalizzaz...
 
“At the School of OpenCohesion” as a case of Open Government Data ecosystem
“At the School of OpenCohesion” as a case of Open Government Data ecosystem“At the School of OpenCohesion” as a case of Open Government Data ecosystem
“At the School of OpenCohesion” as a case of Open Government Data ecosystem
 
European Policies from Open Data to Civic Engagement
European Policies from Open Data to Civic EngagementEuropean Policies from Open Data to Civic Engagement
European Policies from Open Data to Civic Engagement
 
Accountability e monitoraggio civico della politica regionale europea
Accountability e monitoraggio civico della politica regionale europeaAccountability e monitoraggio civico della politica regionale europea
Accountability e monitoraggio civico della politica regionale europea
 
Il monitoraggio civico per l’accountability dei Fondi Strutturali e di Invest...
Il monitoraggio civico per l’accountability dei Fondi Strutturali e di Invest...Il monitoraggio civico per l’accountability dei Fondi Strutturali e di Invest...
Il monitoraggio civico per l’accountability dei Fondi Strutturali e di Invest...
 
Accountability e Open Government
Accountability e Open GovernmentAccountability e Open Government
Accountability e Open Government
 
Online feedback and reputation
Online feedback and reputation Online feedback and reputation
Online feedback and reputation
 
Open Government Data Ecosystems: Linking Transparency for Innovation with Tra...
Open Government Data Ecosystems: Linking Transparency for Innovation with Tra...Open Government Data Ecosystems: Linking Transparency for Innovation with Tra...
Open Government Data Ecosystems: Linking Transparency for Innovation with Tra...
 
OpenCoesione - The Italian open government strategy on cohesion policy
OpenCoesione - The Italian open government strategy on cohesion policyOpenCoesione - The Italian open government strategy on cohesion policy
OpenCoesione - The Italian open government strategy on cohesion policy
 
Civic Monitoring - the example of the Italian open finance platforms OpenCoes...
Civic Monitoring - the example of the Italian open finance platforms OpenCoes...Civic Monitoring - the example of the Italian open finance platforms OpenCoes...
Civic Monitoring - the example of the Italian open finance platforms OpenCoes...
 
OpenCoesione Promoting transparency and civic monitoring on Cohesion Policy
OpenCoesione Promoting transparency and civic monitoring on Cohesion PolicyOpenCoesione Promoting transparency and civic monitoring on Cohesion Policy
OpenCoesione Promoting transparency and civic monitoring on Cohesion Policy
 
OpenCoesione: l’iniziativa di open government sulle politiche di coesione
OpenCoesione: l’iniziativa di open government sulle politiche di coesioneOpenCoesione: l’iniziativa di open government sulle politiche di coesione
OpenCoesione: l’iniziativa di open government sulle politiche di coesione
 
Forum pa14 collaborazione e partecipazione da opencoesione a monithon
Forum pa14   collaborazione e partecipazione da opencoesione a monithonForum pa14   collaborazione e partecipazione da opencoesione a monithon
Forum pa14 collaborazione e partecipazione da opencoesione a monithon
 
Structural Funds for regional ICT: Reality and future programming period 2014...
Structural Funds for regional ICT: Reality and future programming period 2014...Structural Funds for regional ICT: Reality and future programming period 2014...
Structural Funds for regional ICT: Reality and future programming period 2014...
 
Monithon Unplugged a #Sod14
Monithon Unplugged a #Sod14Monithon Unplugged a #Sod14
Monithon Unplugged a #Sod14
 
Monithon
MonithonMonithon
Monithon
 
Telling stories with data the experience of open coesione
Telling stories with data   the experience of open coesioneTelling stories with data   the experience of open coesione
Telling stories with data the experience of open coesione
 
Opencoesione trasparenza, collaborazione istituzionale e partecipazione civica
Opencoesione  trasparenza, collaborazione istituzionale e partecipazione civicaOpencoesione  trasparenza, collaborazione istituzionale e partecipazione civica
Opencoesione trasparenza, collaborazione istituzionale e partecipazione civica
 
OpenCoesione - Giovani Amministratori ANCI
OpenCoesione - Giovani Amministratori ANCIOpenCoesione - Giovani Amministratori ANCI
OpenCoesione - Giovani Amministratori ANCI
 

Il Coordinamento Tra Gli Attori Locali Come Fattore Di Successo Delle Politiche Regionali Per L’e-government: Il Ruolo Delle Società In House Per L’innovazione Tecnologica

  • 1. XXXII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI IL COORDINAMENTO TRA GLI ATTORI LOCALI COME FATTORE DI SUCCESSO DELLE POLITICHE REGIONALI PER L’E- GOVERNMENT: IL RUOLO DELLE SOCIETÀ IN HOUSE PER L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA Luigi Reggi DESP, Università di Urbino “Carlo Bo” Chiara Assunta Ricci “Sapienza” Università di Roma
  • 2. OUTLINE • Coordinamento tra attori locali e diffusione dell’eGovernment • Il ruolo del coordinamento nelle politiche per l’eGovernment in Italia • Le società in house regionali per l’Innovazione Tecnologica (IT) • Risultati: coordinamento e performance IT degli EELL, quale ruolo delle società in house regionali IT? • Discussione e conclusioni
  • 3. DOMANDE DI RICERCA • Il coordinamento tra gli attori locali migliora l’efficacia delle politiche per la diffusione dell’e- government ? • le società IH regionali IT facilitano il coordinamento in tema di IT?
  • 4. IL COORDINAMENTO NELLA LETTERATURA ECONOMICA (1/2) • Buon coordinamento tra i soggetti del “sistema” vuol dire, soprattutto: – Assegnazione “coerente” di compiti (task) – Efficace utilizzazione di competenze – Capacità di rapida decisione e realizzazione – Presenza di adeguati incentivi e sanzioni • Coordinamento inefficiente genera costi privati e “sociali” – Duplicazioni, sprechi, ritardi, ambiguità,incoerenze (Milgrom e Roberts, 1992) • Meccanismi del coordinamento: – Gerarchie/norme – Contratti/prezzi di mercato (Debreu, 1959)
  • 5. IL COORDINAMENTO NELLA LETTERATURA ECONOMICA (2/2) • Tipologie di coordinamento: – sistemi centralizzati/decentralizzati, con o senza coordinamento ex ante • Superamento della dicotomia centralizzazione vs decentralizzazione (Stiglitz, 1989; Bowles, 2004) La scelta migliore dipende dallo specifico contesto istituzionale di riferimento e dal costo-opportunità della scelta istituzionale selezionata rispetto alle alternative possibili
  • 6. COORDINAMENTO e E-GOVERNMENT Coordinamento tra gli attori locali dell’innovazione come gestione efficace dei flussi informativi VANTAGGI DEL COORDINAMENTO: • aggregazione della domanda pubblica locale di dotazioni e servizi di e-government (Ferro et al., 2004) • creazione di standard amministrativi, organizzativi, procedurali, gestionali (Ferro e Sorrentino, 2010) • facilità di condivisione dell'informazione tra attori pubblici e privati del territorio
  • 7. IL COORDINAMENTO NELLE POLITICHE PER L’E-GOVERNMENT IN ITALIA 2007 Centri Servizio Territoriali (CST) Inclusione piccoli comuni Reti Regionali Flessibilità delle forme organizzative (RUPAR) Focus su condivisione dei sistemi informativi e servizi di back end Dal 2008 2002 Community Network “1o Avviso” di eGovernment Regionali Ampie “aggregazioni” indipendenti “Tavoli” o strutture permanenti Approccio bottom-up Modelli differenti tra regione e regione Focus su front office (servizi on line) Focus su: - IT => condivisione rete regionale, interoperabilità e cooperazione applicativa - governance => condivisione programmazione politiche regionali
  • 8. IL RUOLO DEL COORDINAMENTO NELLE POLITICHE PER L’E-GOVERNMENT • In Italia: frammentazione amministrativa, innovazione materia con forti prerogative regionali, fonti di finanziamento per l’innovazione prevalentemente a carattere regionale • A livello subregionale prevale l'adesione volontaristica da parte di Comuni e altri Enti Locali a forme più o meno stabili di coordinamento, rispetto a forme di collaborazione imposte dall'alto e di tipo obbligatorio (Sorrentino et al., 2010) • Modalità di coordinamento settoriale e multi-livello dedicate all’ICT si sovrappongono alle più tradizionali forme associative quali le Comunità Montane e le Unioni di Comuni (CNIPA-CRC, 2007).
  • 9. LE SOCIETÀ IN HOUSE IT REGIONALI “Aziende a partecipazione regionale a capitale interamente pubblico, operanti nel Settore dell’informatica per la pubblica amministrazione secondo il modello in house providing nell’ambito della ricerca e/o lo sviluppo di tecnologie, di servizi e soluzioni, la produzione e/o l’integrazione di beni e servizi, l’innovazione organizzativa e/o commerciale e/o distributiva, la consulenza e la formazione, i contenuti” (ASSINTER, Associazione Nazionale Società In House per l’Innovazione Tecnologica) Società IH IT regionali oggetto di una specifica rilevazione nel periodo giugno-settembre 2010 (Progetto “Costi e benefici delle forme di coordinamento tra gli attori pubblici a livello regionale: l’impatto economico delle società in-house per l’innovazione tecnologica delle Regioni italiane” - Dipartimento di Economia Pubblica, Sapienza - Università di Roma)
  • 10. LE SOCIETÀ IN HOUSE IT REGIONALI Regioni che dispongono di una (o più) Società IT IH a giugno 2011 REGIONE SOCIETA’ IH FATTURATO 2009 (in milioni €) Piemonte CSI Piemonte 166,48 Liguria Datasiel SpA 58,89 Valle d’Aosta INVA SpA 19,26 Lombardia Lombardia Informatica SpA 237,60 Prov. Aut. Bolzano Informatica Alto Adige SpA 7,53 Prov. Aut. Trento Informatica Trentina SpA 52,93 Friuli Venezia Giulia Insiel SpA 83,73 Emilia Romagna Lepida SpA 11,00 CUP 2000 SpA 32,54 Umbria Webred SpA 10,36 Lazio LAit SpA 61,76 Sicilia Sicilia e-Servizi SpA 35,43 Sardegna Sardegna IT Srl 17,79 Puglia InnovaPuglia SpA 22,20 Molise Molise Dati SpA n.d. Abruzzo Abruzzo Engineering SpA n.d.
  • 12. TRA STATO E MERCATO Spesa IT REGIONE regionale verso il mercato Trasferimenti verso l’in MERCATO IT house IN HOUSE Quota di fatturato “buy” / esternalizzato Quota di fatturato 59% “make” / gestito internamente Fonte: Questionario ad-hoc somministrato alle società IH IT, anno 2009
  • 13. UN DIVERSO RUOLO DELLE SOCIETA’ IN HOUSE? Valore delle commesse e appalti esterni 2005-2009 Fonte: Questionario ad-hoc somministrato alle società IH IT, 2009
  • 14. AUTO-VALUTAZIONE DEI VANTAGGI DERIVANTI DALLA PRESENZA DI SOCIETÀ IH IT Fonte: Questionario ad-hoc somministrato alle società IH IT, 2010
  • 15. CLUSTER ANALYSIS per dimensione (n. addetti) e numero settori in cui l’IH opera
  • 16. COORDINAMENTO, PERFORMANCE IT E RUOLO DELLE SOCIETÀ IN HOUSE IT Ipotesi: la “performance IT” del settore pubblico nel territorio regionale è funzione del coordinamento che dipende anche dal contributo che può derivare dalla presenza della società IH. P = f(CT, Sh) • Con P indice della performance IT • CT indice di coordinamento territoriale • Sh misura del contributo delle società IH.
  • 17. INDICI UTILIZZATI NELL’ANALISI, VARIABILI CHE LI COMPONGONO E FONTE Fonte dei dati: ISTAT, indagine “ICT nella PA locale”, anno 2009
  • 18. RISULTATI Regioni italiane per indice di diffusione e uso delle ICT nei Comuni, indice di coordinamento per l’ICT correlazione positiva (0,55) tra i due indicatori compositi
  • 19. RISULTATI Regioni italiane per indice di diffusione e uso delle ICT nei Comuni, indice di coordinamento per l’ICT e cluster a cui appartengono le società IH regionali
  • 20. • Effetto IH risulta incerto – La sola presenza di una IH non è garanzia né di maggiore coordinamento, né di migliori performance degli enti coordinati. • Migliori performance (2° quadrante) dove è minore l’intensità del “fenomeno IH” : – 2 regioni senza IH: Toscana, Veneto – 2 regioni in cui le società IH sono “settoriali” e “snelle”: Emilia-Romagna, Prov. Aut. Bolzano => ruolo più forte dell’Ente Regione? • La presenza di IH di grandi dimensioni, attive da molti anni e di tipo multi-settoriale (cluster 3) è tendenzialmente associata a elevati livelli di coordinamento
  • 21. DISCUSSIONE Differenti modelli di governance per differenti contesti regionali – Amministrazioni regionali mostrano approcci differenti nel rapporto con gli EELL • Regioni con forte “ruolo-guida” dell’Ente Regione • Regioni che delegano le funzioni ad agenzie o società pubbliche – Allo stesso modo, le IH presentano ampia variabilità: • per storia, dimensione, caratteristiche • nei rapporti con l’Ente Regione • nei rapporti con gli EELL
  • 22. CONCLUSIONI • Crescente attenzione ai meccanismi di coordinamento e collaborazione tra EELL nelle politiche per l’e-government in Italia • Numerosi e differenti modelli di governance regionali • Società IH una delle pedine di uno complesso scacchiere
  • 23. Grazie a… Gruppo di ricerca del progetto “Costi e benefici delle forme di coordinamento tra gli attori pubblici a livello regionale: l’impatto economico delle società in-house per l’innovazione tecnologica delle Regioni italiane”: Maurizio Franzini Dimitri Tartari Sergio Scicchitano Antonio Nicita

Editor's Notes

  1. Specificità del settore IT data la forte interdipendenza nei flussi organizzativi tra i diversi enti che si trovano spesso ad utilizzare le stesse informazioni e ad integrare i propri servizi rispetto all ’utente finale.
  2. braccio operativo delle regioni in tema di innovazione nella PA nascono per la gestione dei sistemi informativi delle regioni, per poi sviluppare progetti, etc.
  3. al centro di un aspro dibattito pubblico. Da una parte, le IH vengono accusate da alcune associazioni di imprese di creare forti interferenze sul mercato IT locale distorcendo la concorrenza, nonch � di facilitare fenomeni legati al clientelismo. Altri osservatori sottolineano i vantaggi delle IH in termini, ad esempio, di maggiore continuit � degli interventi durante tutto il ciclo politico (e quindi anche nei periodi di assestamento corrispondenti tipicamente alle fase post-elettorale) e di pi � efficace aggregazione della domanda locale di beni e servizi IT, in tal modo considerando l 棚 H come virtuosa interfaccia "2" tra i bisogni degli Enti Locali e l 弛 f ferta del mercato.
  4. Effetto IH risulta incerto La sola presenza di una IH non è garanzia né di maggiore coordinamento, né di migliori performance degli enti coordinati. Migliori performance (2° quadrante) dove è minore l ’intensità del “fenomeno IH” : 2 regioni senza IH: Toscana, Veneto 2 regioni in cui le società IH sono “settoriali” e “snelle”: Emilia-Romagna, Prov. Aut. Bolzano => ruolo più forte dell’Ente Regione? La presenza di IH di grandi dimensioni, attive da molti anni e di tipo multi-settoriale (cluster 3) è tendenzialmente associata a elevati livelli di coordinamento