Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Osservazioni 30.11.2014 sul tema in oggetto

623 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Osservazioni 30.11.2014 sul tema in oggetto

  1. 1. Associazione Avvocati e Praticanti del Tribunale di Acquaviva delle Fonti (Acquaviva Cassano Gioia Santeramo) Gentile Direttore, ritengo che la querelle in atto tra maggioranza e opposizione del Consiglio Comunale di Acquaviva delle Fonti sul tema delle spese per assistenza legale meriti un contributo di riflessioni per consentire decisioni meglio ponderate da parte di tutti gli interessati. Il Presidente del Movimento Viva, con pubbliche esternazioni del 28.11.2014, ha, tra l’altro reso noto che il Movimento proporrà “come criterio guida, nel Regolamento per la disciplina degli incarichi legali. .. un abbattimento pari al 35% dei minimi tari/ fari ”. Prendo atto con piacere della volontà di proporre Pemanazione di un Regolamento che la nostra Associazione da anni ha inutilmente sollecitato, ma, sulla contemporanea manifestazione di intenti inerente il fortissimo abbattimento dei compensi da corrispondere ai legali officiati dal Comune (certamente frutto di una costante ricerca di modalità di contenimento delle spese), sento la necessità di intervenire e far considerare che ima simile scelta, se adottata, potrebbe rivelarsi molto dannosa per gli interessi del Comune. E mi spiego, innanzi tutto, portando un esempio. Che cosa fa un buon padre di famiglia che decide di effettuare importanti lavori di ristrutturazione o di manutenzione della sua casa? Cerca nel mercato degli operatori del settore esclusivamente quello che fa prezzi “stracciati” senza badare alla qualità dei lavori che gli verranno forniti, oppure, spendendo qualcosa in più, cerca di agire oculatamente e di contemperare Pesigenza di risparmiare con quella di ottenere un lavoro fatto a regola d’arte? La prima soluzione è certamente più allettante, ma forte è il rischio che, prima o poi, si evidenzino gravi vizi di realizzazione delle opere e, con rilevante darmo economico, parte dei lavori debbano essere rifatti. La seconda soluzione comporta qualche sacrificio in più in termini economici, ma conferisce maggiore possibilità di avere un lavoro ben fatto e duraturo nel tempo, senza costringere chi l’opera esegue a fare salti mortali per far quadrare i conti o, peggio ancora, a lavorare frettolosamente oppure a fornire materiali scadenti. A sommesso parere di chi scrive, imporre un abbattimento del compenso degli Avvocati incaricati della difesa del Comune nella misura del 35% dei parametri minimi attualmente in vigore potrebbe comportare, come minimo, tre ordini di inconvenienti: allontanare del tutto Pinteresse ad accettare incarichi dal Comune da parte degli Avvocati più esperti ed affermati; penalizzare ingiustamente giovani e diligenti Colleghi che hanno necessità di lavorare e che, con tantissima quotidiana fatica, cercano di farsi strada nella loro durissima ed affascinante professione; incentivare un’attività difensiva distratta e superficiale invece che un impegno professionale costante, fatto di studio e approfondimento per assicurare all’Ente la migliore difesa possibile. Vale la pena andare incontro a tutto ciò? È saggio assicurare la difesa in giudizio deIPEnte pagando prezzi “stracciati”? Le controversie che un Comune deve affrontare hanno, in alcuni casi, valori elevatissimi e, in caso di soccombenza, le pesanti conseguenze in termini economici le pagano tutti i cittadini - contribuenti! In definitiva, mi auguro che questa sia la volta buona per il varo di un Regolamento comunale che individui sia opportuni criteri di scelta per Paffidamento degli incarichi legali, sia (importantissimo) meccanismi che consentano all’Ente di essere costantemente aggiornato sull’andamento delle controversie, di ottenere previsioni sul loro possibile _esito e di promuovere, ove convenga, più economiche soluzioni transattive. Nel contempo, però, mi atigtiro che Pemanando Regolamento preveda di compensare gli Avvocati per la loro opera professionale in modo giusto e decoroso, evitando, così, di ripetere gravi e dannosi errori del recente passato (la vicenda della c. d. “167” dovrà pure insegnare qualcosa). Ringraziandola per Pattenzione, La saluto cordiahnente. r Il Preside a v. Luciano bellis U . .. ‘ CM’ Sede dell’Associazione presso il Consigliere Segretario aw. Rosa Maria Rella, via Boccaccio 2/4, Acquaviva delle Fonti segreteria. associazioneavvocati@hotm ail. it . TeL/ fax 080 761033

×