Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Recupero In Rete (2007)

2,682 views

Published on

Presentazione al seminario TEL07, Università Statale di Milano, 26 novembre 2007.
Utilizzare la rete per le attività di recupero

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Recupero In Rete (2007)

  1. 1. Dal progetto SLOOP strumenti e risorse per affrontare il nodo del recupero nella scuola T.E.L. 07 Technology Enhanced Learning ’07 26-27 Novembre 2007
  2. 2. La questione del “recupero” D’Onofrio Berlinguer Legge 352, 1995 Aboliti gli esami di riparazione. Introdotti “interventi didattici ed educativi integrativi … da destinare a coloro il cui livello di apprendimento sia giudicato, nel corso dell’anno scolastico, non sufficiente in una o più materie” Introdotta la definizione di “debito formativo”
  3. 3. Risultati insoddisfacenti
  4. 4. Le novità sul “recupero” Fioroni DM 80 - 3 ottobre 2007 Ripristinato il “rinvio a settembre”. Obbligo per le scuole di inserire nel POF il piano delle attività di recupero. OM 92 - 5 novembre 2007 Prima dell’inizio dell’anno successivo, per quegli studenti per cui si è rinviata “la formulazione del giudizio finale … il consiglio di classe, alla luce delle verifiche … delibera la integrazione dello scrutinio finale, espresso sulla base di una valutazione complessiva dello studente …” Accento su: prevenire i debiti, sostegno , flessibilità degli interventi (non solo “corsi” ma anche riorganizzazione classi, 20% monte ore annuo), innovazione , coinvolgimento degli studenti e delle famiglie, responsabilità Collegio e CdC.
  5. 5. Recupero: piano di attività Accoglienza (motivazione e prerequisiti) Sostegno (superamento difficoltà) RECUPERO Verifica Sostegno (superamento difficoltà) RECUPERO Verifica Inizio anno 1° quadr. 2° quadr.
  6. 6. Un modello NON efficace Il vecchio modello centrato sull’insegnante è spesso la causa dei problemi. Non può essere la soluzione.
  7. 7. Un nuovo modello Gruppo dei pari Materiali didattici e strumenti Docente Studente
  8. 8. I “momenti” del recupero Rielaborazione Personale (Esercizi, Applicazioni, Ricerca, Progetto, …) Studio (Seguire una lezione, vedere un video, studiare un testo, …) Autovalutazione (Controllare l’apprendimento) Interazione con l’insegnante (Individuazione problemi/necessità, sostegno alla motivazione, spiegazioni, …) Interazione con i compagni
  9. 9. Solo in presenza: è possibile? <ul><li>Esigenze: </li></ul><ul><li>Recupero contemporaneamente in più discipline (al 1° quadrimestre spesso più di 3). </li></ul><ul><li>Recupero nel periodo estivo (con impegni diversi da famiglia a famiglia, con gli esami di stato e le ferie dei docenti). </li></ul><ul><li>Recupero e sostegno lungo tutto l’arco dell’anno. </li></ul><ul><li>Personalizzazione/individualizzazione delle attività di recupero </li></ul><ul><li>E’ possibile garantire tutto questo solo con iniziative in presenza? </li></ul>No, non lo è! :-(
  10. 10. I vantaggi della rete <ul><li>Possibilità di realizzare ambienti di interazione fra persone. </li></ul><ul><li>Possibilità di mettere a disposizione materiali multimediali e interattivi. </li></ul><ul><li>Possibilità di mettere a disposizione prove di valutazione con autocorrezione. </li></ul><ul><li>Possibilità di accesso any time , anywhere. </li></ul><ul><li>Possibilità di personalizzare/individualizzare i percorsi. </li></ul><ul><li>Possibilità di riutilizzare l’ambiente e i materiali ripetutamente (aggiungendo ogni volta solo il lavoro in rete del docente) </li></ul>E scusate se è poco! :-)
  11. 11. I punti critici Gli studenti sono culturalmente preparati? Gli insegnanti sono culturalmente preparati? Gli studenti posseggono la tecnologia necessaria? Le scuole hanno la tecnologia necessaria? (o possono acquisirla a basso costo?) C’è larga disponibilità di materiali didattici adatti?
  12. 12. Il progetto SLOOP un progetto promosso da nel programma S haring L earning O bjects in an O pen P erspective
  13. 13. Free/open learning object <ul><li>Licenza copyleft (libertà di usare, modificare, distribuire) </li></ul><ul><li>Accesso al sorgente e documentazione </li></ul>Risorse per l’apprendimento in formato digitale, di diverse dimensioni (dalla singola immagine ad una lezione, fino ad un intero corso) <ul><li>riusabili </li></ul><ul><li>adattabili </li></ul><ul><li>modulari </li></ul><ul><li>trasferibili </li></ul><ul><li>interoperabili (standard) </li></ul><ul><li>descrivibili tramite metadata </li></ul>
  14. 14. LO di matematica
  15. 15. LO di inglese
  16. 16. LO di ….
  17. 17. I metaLO 8 LO in italiano, inglese, spagnolo, rumeno e sloveno LO che insegnano a sviluppare LO a standard SCORM
  18. 18. FreeLOms
  19. 19. Un processo collaborativo FreeLOms Docente estrae LO Preparazione del corso CORSO Produce LO Modifica LO Docente inserisce LO
  20. 20. Risorse e strumenti da SLOOP per il recupero FreeLOms Learning Object Corsi per docenti
  21. 21. [email_address] www.pierfrancoravotto.ilcannocchiale.it Grazie per l’attenzione www.sloopproject.eu

×