workshop Mesap 2011­_r2b

637 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
637
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
44
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

workshop Mesap 2011­_r2b

  1. 1. I Poli di innovazione: imprese e istituzioni che fanno sistema nel territorioL’esperienza del MESAP: Polo di innovazione dellaMeccatronica e dei Sistemi Avanzati di Produzione Bologna, 9 giugno 2011
  2. 2. Che cosa sono i Poli di Innovazione: la definizione europea• I Poli di innovazione sono raggruppamenti diimprese indipendenti (PMI, grandi imprese eorganismi di ricerca, start up innovatrici) attiviin un particolare settore.• La loro mission è quella di incoraggiarel’interazione tra le imprese costituenti il Polo,l’uso in comune di installazioni e lo scambio diconoscenze ed esperienze, il trasferimento ditecnologie, la messa in rete e la diffusione delleinformazioni tra le stesse imprese.
  3. 3. Che cosa sono i Poli di Innovazione: la declinazione piemontese• Sono stati costituiti dalla Regione Piemonte con un bando lanciato nel 2008, che definiva : – le caratteristiche e le modalità di individuazione dei soggetti gestori; – le tipologie di aiuto per i soggetti gestori e per i soggetti aggregati ai Poli (imprese, Atenei e centri di ricerca).• Il bando aveva una dotazione finanziaria iniziale di 60 MEuro, ai quali si sono aggiunti 27 MEuro nel 2010 e sono previsti ulteriori 30 MEuro nel 2011.
  4. 4. I Poli di Innovazione piemontesi In Piemonte ne sono stati creati 12, rappresentativi di 8 diversi ambiti: • Agroalimentare • Biotecnologie e Biomedicale • ChimicaTORINO • Creatività digitale e Mutimedialità • Energia ed Edilizia sostenibile • Meccatronica e Sistemi Avanzati di Produzione • Nuovi materiali • Tessile
  5. 5. Caratteristiche dei Poli• I Poli devono essere costituiti da un numero significativo di imprese indipendenti rappresentative del dominio tecnologico presidiato dal Polo e distribuite su tutto il territorio piemontese.• Si possono costituire in ATS o in consorzio
  6. 6. Contenuti dei PoliI soggetti aderenti vengono guidati dal Gestorenella definizione delle strategie di investimento edi sviluppo del Polo stesso.In particolare:• individuano il dominio tecnologico applicativo su cui opererà il Polo e le tematiche di interesse;• elaborano un programma di attività che tenga conto delle tipologie di aiuti previsti dalla Regione per le imprese aderenti ai Poli.
  7. 7. Finanziamenti regionali alle impreseSono finanziate prevalentemente due tipologie diintervento:1. progetti di R&D cooperativi e studi di fattibilità tecnica preliminari ad attività di ricerca industriali o di sviluppo sperimentale2. Servizi per l’innovazione delle PMI, quali: gestione della proprietà intellettuale, technology intelligence, supporto all’utilizzo del design, mobilità di personale altamente qualificato, supporto alle nuove imprese innovatrici
  8. 8. MESAP, il Polo della Meccatronica Cos’è il MESAPe dei Sistemi Avanzati diProduzione, è un’ATS che aggregaoggi 133 soggetti:• 125 imprese (PMI e grandi imprese) per un totale di circa 22.000 addetti• 8 centri di ricerca e TT operanti nei comparti della meccatronica applicata ai prodotti e ai processi e dei sistemi avanzati di produzione.È gestito dall’Unione Industriale di Torino attraverso la propriasocietà di servizi
  9. 9. 100 120 140 40 60 80 0 20apr-09 64mag-09 giu-09 lug-09ago-09 set-09 80 ott-09nov-09 dic-09 86gen-10feb-10mar-10apr-10mag-10 92 giu-10 lug-10ago-10 set-10 106 ott-10nov-10 dic-10 125 Trend di crescita del MESAP nei primi 18 mesi di vita
  10. 10. Settori industriali
  11. 11. Settori industriali
  12. 12. Settori industriali
  13. 13. Settori industriali
  14. 14. Settori industriali
  15. 15. Settori industriali
  16. 16. Settori industriali
  17. 17. Meccatronica: definizioniLa meccatronica è l’interazione sinergica emultidisciplinare di quattro settori tecnologici trasversali: Meccanica, elettronica, Ict, controllistica meccanica elettronica controllistica Ict
  18. 18. Meccatronica: esempi di applicazionemeccanica elettronicacontrollistica Ict
  19. 19. Il dominio tecnologico e i settori industriali del MESAP
  20. 20. Progetti MESAP 2009-2011 21 progetti di R&D Contributi pubblici: 12,5 Meuro Costi: 28 MEuro Partners coinvolti: circa 80 imprese, 6 operatori della ricerca Livello medio di partecipazione per Progetto: 5 soggetti Settori industriali coinvolti: • macchine utensili / Impiantistica produttiva / Automazione e Robotica (settore trasversale) • automotive e macchine operatrici mobili • aerospaziale • energetico ambientale • biomedicale-sanitario • ferroviario • chimico • stampa
  21. 21. Il MESAP come motore di crescita territoriale• Il MESAP intende contribuire efficacemente allo sviluppo territoriale delle tematiche legate alla meccatronica e ai sistemi avanzati di produzione.• A metà circa del periodo di programmazione, la valutazione regionale sull’operato del Gestore conferma che il MESAP è un soggetto capace di aggregare energie, specializzazioni, competenze, ecc. sulle tematiche più avanzate dell’innovazione nel proprio settore.• Ora occorre rafforzare in modo deciso le opportunità di natura nazionale e internazionale, facendo crescere visibilità e disponibilità delle imprese del Polo a mettersi in gioco a livello europeo.
  22. 22. La costruzione delle reti nazionali CONSORZIO INTELLIMECH METADISTRETTO MECCATRONICA E TECNOLOGIE MECCANICHE INNOVATIVE VICENZA CLUB REGIONE UMBRIA eMECCATRONICA DI CONFINDUSTRIA REGGIO EMILIA UMBRIA REGIONE ABRUZZO e CONFINDUSTRIA ABRUZZO DISTRETTO MEDIS
  23. 23. Marketing & networking
  24. 24. Grazie per l’attenzioneCristina Cuscunà –Promozione e Comunicazione Dario Scapaticci – Responsabile tecnico c/o Ufficio Studi Economici UI Torino tel. 011 5718462 mesap@ui.torino.it www.mesapiemonte.it

×