Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Marketing degli eventi

7,462 views

Published on

L'organizzazione di eventi sta diventando un'attività sempre più importante all'interno della strategia di marketing aziendale. Un evento business oriented può portare all'azienda organizzatrice numerosi vantaggi, non solo economici.

Published in: Business

Marketing degli eventi

  1. 1. Organizzareun evento • Le regoledi successo • I consigli • Il marketing Alessandro Mazzù
  2. 2. Fase Preliminare · individuazione degli obiettivi La corretta definizione degli obiettivi è uno dei momenti più impegnativi: è necessario, infatti, raggiungere un livello di definizione tale da evitare una eccessiva genericità.www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  3. 3. Fase Preliminare· individuazione del budgetTutti gli eventi, comportano costi di organizzazione e gestione. Il budget disponibile è alla base stessa della realizzazione di unevento e va definito con estrema chiarezza. Per questo è opportuno prendere in considerazione ogni singola voce di spesa eanche gli eventuali imprevisti. La messa a punto di un preventivo permette di verificare in anticipo se il budget disponibile èsufficiente a coprire l’intero ammontare dei costi o se, in caso contrario, sarà preferibile ripiegare su uno strumento dicomunicazione diverso da quello ipotizzato. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  4. 4. Fase Preliminare· individuazione della sedeÈ buona norma ricordare che il luogo dell’incontro deve essere sempre in linea con la qualità dei messaggi e con le esigenzedegli interlocutori e del pubblico previsto. Una sede adeguata, quindi, deve essere facilmente raggiungibile, possibilmenteattraente, opportunamente attrezzata.Al momento del sopralluogo:· verificare che vi sia spazio sufficiente per l’area iscrizioni, per le eventuali esposizioni, per le riunioni degli organizzatori e pertutte le altre necessità previste nel piano;· verificare che la segnaletica interna sia chiara e sufficiente e che la ventilazione dei locali sia adeguata (condizionatori,riscaldamenti...);· fare un sopralluogo degli spazi e verificare le dotazioni: impianto acustico (amplificazione, microfoni e radiomicrofoni), impiantodi videoproiezione (schermo di adeguate dimensioni, videoproiettore, videoregistratore, lettore dvd, personal computer,adeguati collegamenti elettrici ecc.). In mancanza di adeguate apparecchiature sarà necessario provvedere con congruoanticipo al noleggio delle stesse e a provvedere a trovare personale tecnico qualificato a risolvere eventuali emergenze durantel’evento;· verificare che vi sia un numero sufficiente di sedie (e possibilmente qualcuna di più); www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  5. 5. Fase Preliminare· individuazione della dataÈ importante scegliere la/le giornata/e a seconda del pubblico che si intende coinvolgere, non a caso si sostiene che “ognigiorno della settimana è adatto per ciascun pubblico”. La data di apertura, in particolar modo, deve anche essere stabilita inbase alla durata complessiva dell’evento. È utile, inoltre, evitare sovrapposizioni con eventuali altre ricorrenze (festività locali enazionali, eventi paralleli, ecc.). www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  6. 6. Fase Preliminare· individuazione dei tempiOgni evento ha i suoi tempi di realizzazione: per questo occorre pianificare attentamente ogni singolaattività di progettazione e ogni realizzazione utile al raggiungimento degli obiettivi prefissati.www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  7. 7. Fase Preliminare· individuazione dello staff organizzativoOccorre individuare le risorse umane di cui si può disporre al fine di valutare la necessità di rivolgersi anche a collaborazioniesterne. È buona norma mettere a punto uno staff operativo e che per ogni azione vengano individuati i tempi di realizzazione ele persone di riferimento. Un organigramma dettagliato, riguardante i ruoli e le funzioni attribuite, consente di verificare ilcorretto svolgimento del lavoro di ciascuno e della tabella di marcia. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  8. 8. Fase Preliminare· individuazione dei patrociniIn relazione alla tipologia dell’evento e dei suoi contenuti può essere importante valutare l’opportunità di chiedere ilpatrocinio del Comune e della Provincia di competenza, oltre che della Regione o anche di una Facoltà universitaria oaltre istituzioni.. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  9. 9. Fase Intermedia · definizione e approfondimento dei contenuti che caratterizzeranno l’evento Va redatto in funzione dell’analisi precedentemente effettuata.www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  10. 10. Fase Intermedia · calendario dei contenuti Nel dare una sequenza logica agli interventi è utile tener presenti le seguenti indicazioni sui tempi.www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  11. 11. · individuazione dei relatori Fase IntermediaUna volta messe a punto le precedenti fasi, e - in particolare - subito dopo aver stabilito il tema definitivo dell’evento, il passosuccessivo prevede la selezione e l’invito dei relatori. La presenza di relatori adeguati è fondamentale per la riuscita stessa diun convegno ed è indispensabile per la stesura ultima del programma del convegno stesso. Generalmente la scelta si basa sullivello di esperienza e di conoscenza della materia oggetto dell’incontro. In sostanza, i relatori devono possedere precisecompetenze, al di là della categoria sociale o professionale di appartenenza.Il coinvolgimento dei relatori è una delle fasi più delicate di tutta l’attività organizzativa, per questo è necessario adottaretecniche diverse, a seconda del tipo di intervento che si richiede o dei rapporti personali che si possono avere con il relatore odel ruolo che il relatore occupa nella società (ministro, assessore, professore universitario, presidente di enti pubblici o privati,ecc.). A livello indicativo, il primo approccio potrà essere telefonico: un colloquio con il relatore o con la sua segreteria permettedi aprire un dialogo diretto e di verificare la disponibilità per il giorno stabilito oltre che l’effettivo interesse a partecipare alconvegno.Nel colloquio telefonico è importante spiegare:· chi è l’ente organizzatore;· il tema del convegno;· il ruolo che l’interlocutore riveste;· le caratteristiche tecniche dell’intervento che si richiede.Verificata quindi una disponibilità di massima, si procede alla preparazione dei seguenti materiali:· una lettera di richiesta di partecipazione;· una scheda di presentazione dell’evento con indicazioni relative alla data e all’orario di inizio e di fine dei lavori;· le notizie logistiche sull’evento (mappa del luogo...);· il programma, sia esso definitivo o provvisorio;· i nomi degli altri relatori con i relativi interventi;· elencare le apparecchiature disponibili e verificare se necessitano nella presentazione dell’intervento;· richiedere un abstract dell’intervento (da distribuire ai partecipanti o da usare per i media).Una figura fondamentale - la cui importanza è pari se non addirittura superiore a quella dei relatori - è rappresentata dalmoderatore/conduttore. Tra le sue differenti funzioni, oltre a introdurre i temi che saranno oggetto di dibattito e a mitigare leposizioni apertamente contrastanti, vi è quella di regolare il tempo degli interventi dei singoli relatori e, dunque, di assicurare unritmo adeguato all’intero evento. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  12. 12. Fase Intermedia· ideazione della linea graficaLa linea grafica serve a caratterizzare l’identità di un evento. Deve quindi essere: coerente rispetto all’obiettivo comunicativo daraggiungere, rappresentativa, unica e facilmente riconoscibile. Nell’ideazione, e quindi nella realizzazione concreta, vaconsiderato il fatto che essa dovrà essere riportata sui seguenti strumenti e materiali:· inviti;· cartelline;· buste e carta intestata;· eventuali pannelli per l’arredo sala e su tutta la modulistica che verrà inoltre prodotta: schede di iscrizione, blocknotes, ecc.Un numero eccessivo di elementi, grafici e informativi, rappresenta una sorta di ridondanza comunicativa che, spesso, inficia lachiarezza e la precisione dei messaggi che si vogliono trasmettere. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  13. 13. Fase Intermedia· stesura dell’invitoIl programma di un convegno è di per sé il suo primo strumento di promozione. Oltre a dover essere graficamente gradevole,esso deve rappresentare il convegno nei suoi contenuti. Esistono diversi modi di realizzare un programma, che possono essereconiugati a seconda dei temi e dello stile che si intende seguire. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  14. 14. Fase Esecutiva· arredo della sede, servizi: segreteria, catering, servizio fotografico, ecc.Sarà utile fare un elenco del materiale che servirà. Chiedere ai responsabili della struttura ospitante il permesso di esporrebandiere, striscioni e manifesti. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  15. 15. Fase IntermediaSala· individuare eventuali supporti audiovisivi agli interventi (microfoni, computer, video, lavagna luminosa, ecc.). È bene ricordarsi,al momento della scelta della sala, che questa sia idonea all’uso di tutti quei supporti tecnici e audiovisivi necessari allepresentazioni;· progettare come disporre i posti dei relatori, degli invitati - fra cui anche le Autorità - e del pubblico. Le norme di cerimonialevanno ovviamente tenute in considerazione al fine di stabilire la disposizione sia dei posti riservati fra il pubblico, sia deiconvegnisti, sia al tavolo dei relatori. L’allestimento del tavolo dei relatori, costantemente al centro dell’attenzione, va curatoanche dal punto di vista estetico. La dotazione necessaria è costituita da:· sobri “cavalieri”, con i nomi dei relatori;· sul tavolo devono trovare posto bicchieri in vetro con relativi sottobicchieri e almeno due bottiglie d’acqua minerale, unagassata ed una naturale;· realizzare il pannello retropalco con il titolo dell’evento;· allestire l’eventuale pedana e palco. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  16. 16. Fase Intermedia Interni · Collocare bandiere e manifesti nell’ingresso della sala. · Decorare tutti i locali usati. · allestire un desk per l’accredito degli ospiti, situato fuori della sala; · allestire un eventuale desk per l’accredito stampa , anch’esso posto all’esterno della sala;www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  17. 17. Fase IntermediaI servizi· Nella lista spese è bene, quindi, ricordare che se l’evento dura tutta la giornata è assolutamente necessario includere i costi diun buffet e di un coffee break. Ciò influisce anche nella scelta della sede che deve disporre di una sala attigua a quella dove sisvolge il convegno.· Servizio fotografico. È bene rivolgersi a professionisti del settore, senza dimenticare di dare indicazioni ben precise a chirealizza il servizio su ciò che si desidera che sia fotografato.· Servizio di registrazione audio-visiva dell’evento. Anche in questo caso, come per il reperimento delle strutture audiovisive,esistono ditte specializzate a cui ricorrere.· Assistenza tecnica audiovisiva. Impianti di amplificazione, maxi schermi, videoproiettori collegati a pc, lavagna luminosa.· I servizi di segreteriaLa segreteria costituisce il centro nevralgico dell’organizzazione: l’indicazione esatta del responsabile/i, i recapiti (telefoni, fax,e-mail, ecc.) devono essere chiaramente specificati nei materiali promozionali e in particolare sugli inviti. Poco prima e durantel’evento, per allestire correttamente una segreteria è opportuno:individuare un locale idoneo, possibilmente in prossimità della sala che si è deciso di utilizzare per l’evento;predisporre quanto occorrente per la registrazione dei partecipanti.Sarà necessaria la predisposizione di attestati dipartecipazione necessari soprattutto ai partecipanti che devono presentarlo al proprio datore di lavoro. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  18. 18. Fase Intermedia· preparazione dei materiali informativi· scheda di presentazione del convegno;· testi o sintesi delle relazioni fornite dai relatori;· raccolta di altra documentazione inerente l’evento.La cartella per i partecipanti viene costruita con una filosofia simile alla cartella stampa: deve contenere tutto quanto siritiene necessario essi dispongano al fine di partecipare al meglio all’evento. Si tratta, insomma di una forma “semplificata”di cartella stampa.Attenzione:· calcolare la quantità di materiale da stampare e tenere sotto costante controllo i tempi di consegna della tipografia.· iniziare a preparare il materiale con alcune settimane di anticipo; far controllare i testi e le bozze a un “esterno” prima diprocedere alla stampa;· occuparsi del materiale d’ordinanza, badge porta nome, programmi, moduli d’iscrizione, schede e materialepubblicitario, gadget e omaggi. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  19. 19. Fase Intermedia· pubblicizzazione dell’eventoOgni evento dovrebbe coinvolgere adeguatamente l’intero sistema dei media, in particolare quelli locali. Quindi è opportuno farpervenire ai media tutte le informazioni relative al suo svolgimento affinché la cittadinanza possa essere adeguatamenteinformata. Si suggerisce di far giungere alle redazioni anche gli inviti all’evento, indirizzandoli al Direttore o al Capo redattore e aeventuali altri giornalisti con i quali si abbia già stabilito un contatto. Cercate di individuare, assieme all’incaricato allaComunicazione, gli argomenti di maggior interesse per i media. Ecco alcuni suggerimenti:· un relatore famoso;· un progetto realizzato grazie a una sovvenzione;· una ricorrenza importante;· un’attività di servizio legata al tema dell’evento.Una buona copertura mediatica, oltre a essere motivo di gratificazione per i soci, serve a far conoscere l’operato dell’ente aimembri della collettività.Un evento non si conclude nella data di chiusura stabilita: è opportuno prevedere un periodo di tempo aggiuntivo utile sia allaraccolta delle informazioni che forniranno un quadro completo di quanto è accaduto a livello organizzativo ed economico, siaper la realizzazione di futuri eventi analoghi. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  20. 20. Fase Conclusiva· verifica dei risultati, archiviazione dei materiali prodottiAl termine di ogni evento, dunque, si deve compiere:· una verifica delle spese sostenute e dell’organizzazione in generale;· un lavoro di archiviazione, consistente nella raccolta di tutti i materiali prodotti nelle varie fasi operative, oltre ai contenutiredazionali distribuiti durante lo svolgimento (sbobinatura, rassegna stampa);· una verifica degli obiettivi· stesura e invio delle lettere di ringraziamento.L’entità delle presenze registrate, l’interesse suscitato nel pubblico, l’adesione dei relatori, gli articoli apparsi sui giornali, laquantità dei materiali distribuiti, i consensi dei partecipanti, sono i fattori che determinano la buona riuscita di un evento, oltre,naturalmente, a un corretto funzionamento di tutti gli aspetti organizzativi. www.qadra.net | www.alessandromazzu.it | www.marketingwebtv.it | www.pizzamktg.it | www.webupdate.it
  21. 21. Twitter: www.twitter.com/#!/qadranetFacebook: www.facebook.com/alessandromazzuLinkedin: www.linkedin.com/in/alessandromazzuweb site: www.alessandromazzu.it

×