PEDAL-Proseguimento delle attività previste

791 views

Published on

Published in: Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
791
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

PEDAL-Proseguimento delle attività previste

  1. 1. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia 5 PROSEGUIMENTO DELLE ATTIVITA’ PREVISTE PIANIFICAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITA’ E DEI TRASPORTI (Paola Bassi Servizio mobilità urbana e Trasporto locale) Presentato a tutti gli studenti delle classi coinvolte, il modulo ha illustrato le seguenti tematiche coinvolgendo attivamente ii ragazzi durante l’esposizione: Il territorio regionale - I bacini provinciali - i comuni capoluogo Il modulo proposto parte ad una verifica con i ragazzi del gradimento del Progetto dalla fase di avvio e analizza i comportamenti più frequenti di alunni e genitori prevalentemente negli spostamenti casa scuola. Si prosegue con un’introduzione ai concetti di: -mobilità e mobilità sostenibile, pubblica e privata -sistema dei trasporti e viabilità -sistema degli spostamenti -paesaggi degli spostamenti -le infrastrutture ed i mezzi -l’organizzazione per la gestione della mobilità -la rete dei sistemi di mobilità e di trasporto che sono stati contestualizzati a livello di territorio regionale, provinciale e comunale. MODALITÀ DI SPOSTAMENTO ABITUALI Vengono inoltre effettuate alcune riflessioni sulle abitudini individuali per gli spostamenti più frequenti e le possibili alternative sostenibili collegando gli aspetti scientifici dei laboratori , gli aspetti climatici correnti ed i comportamenti individuali. PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 36
  2. 2. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia PROGRAMMAZIONE REGIONALE- MOBILITA’- VIABILITA’ E TRASPORTI (PAOLA BASSI REGIONE EMILIA-ROMAGNA) Accenni sul ruolo, competenze e coordinamento degli Enti pubblici territoriali nella gestione e programmazione dei temi della mobilità e dei trasporti: WWW.REGIONE.EMILIA-ROMAGNA.IT TIPOLOGIA DELLA VIABILITA’ E DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE -Principali normative vigenti e al loro applicazione -Tipologia della viabilità -Disciplina della circolazione -Mobilità e trasporto pubblico e privato MOBILITA’ CICLOPEDONALE E INQUINAMENTO ATMOSFERICO Il ruolo della mobilità ciclistica per il contenimento dell’inquinamento ambientale Le iniziative immediate attivate dalla Regione • Campagne informative, “domeniche ecologiche”, comunicazione ai cittadini e la diffusione periodica di risultati sviluppo delle azioni di Mobility Management quali • qualificazione delle stazioni, reti semaforiche e di sistemi di controllo del traffico e degli accessi alle zone urbane centrali sistemi innovativi per la mobilità (stazioni di rifornimento di carburanti alternativi e di ricarica per veicoli elettrici); sviluppo del Car Sharing e di sistemi alternativi di trasporto a prenotazione, ricambio dei mezzi a servizio degli enti locali, escluso gli autobus, con veicoli ecologici • qualificazione delle reti, fermate, servizio di noleggio biciclette PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 37
  3. 3. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia UNO SGUARDO ALLA CITTÀ ATTRAVERSO GLI SPOSTAMENTI •orientamento individuale, punti di riferimento, percezione del territorio •relazioni tra la scuola e la rete dei servizi presente nell’area •la percezione del paesaggio urbano e del territorio attraverso gli spostamenti •i percorsi più frequenti ed il rapporto con i quartieri •localizzazione della struttura della città e della sua articolazione (quartieri, centro-periferia) •l’assetto urbanistico del territorio REGGIO EMILIA PERCORSI CILOPDONALI PROGETTO BICI BUS PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 38
  4. 4. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia MODENA RETE PERCORSI CILOPEDONALI PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 39
  5. 5. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia MOBILITÀ’ CICLOPEDONALE E SICUREZZA • la percezione del rischio • punti e luoghi di criticità lungo i percorsi casa scuola • le soluzioni proposte I PERCORSI CASA SCUOLA E PROGETTI PARTECIPATI - ESEMPI DI BUONE PRATICHE • la progettazione e la realizzazione delle piste ciclopedonali • la progettazione partecipata Comune di Modena Comune di Reggio Emiia Comune di Ferrara Comune di Cesena www.ruotepuliter.it WWW.RUOTEPULITER.IT Il Catalogo delle Buone Pratiche Per il miglioramento della mobilità urbana sostenibile nelle città dell’Emilia-Romagna PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 40
  6. 6. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia CONCLUSIONI Molto attiva e interessante è stata la partecipazione dei ragazzi che stimolati anche dagli insegnanti presenti, hanno seguito le tematiche esposte. Nello specifico a Modena il corpo docente aveva già inserito nella programmazione scolastica alcuni temi di PEDAL. Particolarmente efficace e con un ottimo riscontro il contributo di Giuseppe Marano del Comune di Modena che ha illustrato lo sviluppo della rete ciclopedonale comunale, evidenziando i percorsi dell’ambito scolastico ed effettuando per gruppi di alunni un orientamento di percorso con particolare attenzione al tema della sicurezza ( attraversamenti, segnaletica, ecc.). Il tema territorio – mobilità inoltre consente molti riferimento e temi di discussione coerenti con la programmazione scolastica che potranno nella seconda annualità di svolgimento del progetto essere resi contestuali per definire un percorso concettuale ottimale. 5.1 MOBILITY MANAGMENT (Luca Buzzoni Servizio mobilità urbana e Trasporto locale) L’impostazione conferita alle comunicazioni svolte ha inteso perseguire, prediligendo la espressamente, una modalità comunicativa del tutto interattiva e bidirezionale, al fine di poter soddisfare, fornendo nell’immediato un concreto riscontro esplicativo, al cospicuo novero di quesiti/interrogativi/delucidazioni/approfondimenti tematici esternatisi in aula. L’esposizione è stata integrata dalla contestuale illustrazione di una presentazione e di un filmato video all’uopo realizzati, volte a sintetizzare i concetti descritti ed analizzati. Nell’intento di favorire la disponibilità al cambiamento modale dei comportamenti individuali e la diffusione di una cultura della mobilità sostenibile, i contenuti esposti hanno concisamente inerito quanto evidenziato ai punti di seguito riportati: Evoluzione del traffico urbano: contesti teorici di riferimento, cause della crisi del trasporto urbano ed aspetti attuali della mobilità; Gli impatti correlati al traffico ed ai trasporti: tipologie, effetti ed esternalità indotte; Analisi e valutazioni su entità e struttura del traffico urbano; Mobility Management: origini, stato dell’arte e relazioni con la pianificazione e la gestione della mobilità; Modalità sostenibili di trasporto e sistemi innovativi di gestione della mobilità: navette aziendali, Car Pooling, Car Sharing, Bike-Sharing, DRT (Demand Responsive Transport); Caso di studio: il Piano della Mobilita Aziendale della Regione Emilia-Romagna. Ilustrazione delle metodologie utilizzate, degli esiti conseguiti e plausibili analogie/declinazioni con il Progetto PEDAL; Disamina concernente la realizzazione di verosimili interventi finalizzati all'accrescimento dell'accessibilità ed al miglioramento delle condizioni di congestione e d’inquinamento dei territori. 5.3 L’OSSERVATORIO PER LA SICUREZZA STRADALE REGIONALE L'Osservatorio per l’educazione stradale e la sicurezza della Regione Emilia-Romagna ha fornito il proprio principale contributo al progetto PEDAL realizzando una serie di lezioni sui temi dei comportamenti sulla strada degli utenti pedone, ciclista e scooterista. Responsabili di questa attività sono stati il Presidente dell’Osservatorio, Emanuela Bergamini Vezzali e Maurizio Dall’Ara. Il modulo E’ stato progettato e realizzato con le classi coinvolte, un modulo della durata di circa 50 minuti descritto sommariamente di seguito. Modulo educazione stradale (realizzato sia a Modena che a Reggio Emilia) Consiste nella proiezione con commento di una serie di diapositive in formato power point con i seguenti temi: • differenze fra i vari utenti della strada, con particolare attenzione agli “utenti deboli” PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 41
  7. 7. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia • cenni del Codice della strada • conoscenza dell’ambito urbano rispetto agli altri ambiti • conoscenza delle caratteristiche dei veicoli (bici, moto, auto, suv) • comportamento dei pedoni • comportamento dei ciclisti • uso del casco per le due ruote (bicicletta e scooter) • comportamento del guidatore di scooter • comportamento del passeggero di automobile • uso dei sistemi di ritenuta (seggiolini e cinture) Al termine proiezione del video VHS “educando stradando – 2.a fascia” dove le situazioni filmate riprendono le tematiche illustrate in precedenza a danno spunto ad ulteriori riflessioni sui comportamenti. Il materiale Il materiale informatico e video è stato preparato e pensato appositamente per la fascia di età dei ragazzi oggetto delle lezioni. Sono stati mostrati ai ragazzi: un casco da ciclista un casco da scooter jet un casco integrale un giubbotto catarifrangente Di questi sono stati spiegati il corretto uso e le differenze fra i vari tipi. Durante le lezioni sono stati distribuiti inoltre: l’opuscolo a fumetti “voglia di bicicletta” zainetti catarifrangenti per pedone e ciclista altri gadget quali il CD – rom “drive”, portacellulari e porta cd tutti con logo e slogan sulla sicurezza stradale. 5.4 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE, RAZIONALIZZAZIONE E MESSA IN SICUREZZA NEI PLESSI SCOLASTICI Oltre ai finanziamento dei contachilometri per lo svolgimento del progetto (acquisto Contachilometri, acquisto e analisi dei campionatori passivi, predisposizione e fornitura di pannelli informativi per le scuole, la Regione con la Delibera di Giunta 2053/2006 ha stanziato ulteriori risorse per il cofinanzamento di interventi di messa in sicurezza o riqualificazione degli spazi per la sosta delle biciclette nell’ambito dei plessi scolastici i interessati. I Comuni di Modena e Reggio Emilia hanno messo a punto in accordo con le scuole i seguenti interventi: COMUNE DI MODENA Deposito protetto per biciclette (Giuseppe Marano Comune di Modena) La scuola secondaria Lanfranco (Modena, Via Valli 40) è inserita in un polo scolastico della Circoscrizione n° 3 di Modena ad alta densità abitativa che comprende anche una scuola elementare e una scuola dell’infanzia. (circa 500 studenti) con il problema della sicurezza negli spostamenti casa/scuola ,e delle difficoltà create nei momenti di entrata e uscita per il transito in arrivo e partenza di molti autoveicoli. Anche a seguito dell’attività della Circoscrizione, dei docenti e dei dirigenti scolastici il progetto “Vado a scuola con gli amici”, ha accresciuto gli utenti che praticano la ciclo pedonalità: nella sola scuola Lanfranco, si calcola in circa 100/150 l’utenza ciclistica, a cui si aggiunge una numerosa utenza pedonale. Attualmente, si stima che circa il 50% PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 42
  8. 8. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia degli utenti del polo scolastico Valli siano ciclisti o pedoni, una percentuale molto superiore alla media cittadina. In tale contesto, sulla scia del progetto Pedal il Comune ha richiesto il cofinanziamento per Deposito protetto per biciclette, dotato di una capacità di circa 120 veicoli, da localizzarsi nell’area cortiliva di competenza della scuola Lanfranco dove attualmente vengono parcheggiate le biciclette degli utenti scolastici per dare una risposta ai a causa dei frequenti furti di cui sono fatte oggetto le numerose biciclette parcheggiate in esterno. Il deposito, costituito da una struttura metallica chiusa con una rete di adeguate caratteristiche anti sfondamento, è completato da un collegamento pedonale coperto, all’ingresso dell’edificio scolastico di collegamento con l’ingresso della scuola, per una lunghezza complessiva di circa 15 metri per un costo complessivo di circa 45.000,00 Euro. . COMUNE DI REGGIO EMILIA Riqualificazione e messa in sicurezza della sosta nel plesso scolastico Lepido. Il Comune di Reggio Emilia sta predisponendo un progetto nell’ambito di PEDAL per la riqualificazione e riorganizzazione della sosta nell’area cortiliva di competenza della scuola scuola Lepido. PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 43
  9. 9. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia 6 PRESENTAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PROGETTO Il progetto PEDAL è stato presentato nell’ambito seguenti iniziative: ECOMONDO Rimini, 10 novembre 2006 Quartiere fieristico - Padiglione B1 Vetrina della sostenibilità -Area Forum MOBILITY MANAGEMENTI BOLOGNA in data 7° CONFERENZA NAZIONALE MOBILITY Regione Emilia-Romagna Bologna 02 marzo 2007 COMUNE DI MODENA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE TRASPORTI E MOBILITÀ 29 MAGGIO 2007 ORE 18:00 INCONTRO PUBBLICO SUL TEMA "MOBILITÀ SOSTENIBILE SUI PERCORSI CASA/SCUOLA: LE ESPERIENZE DELLA CIRCOSCRIZIONE N° 3 DI MODENA", ’AULA MAGNA DELLA SCUOLA LANFRANCO (VIA VALLI 40), LINK PER ULTERIORI INFORMAZIONI SUL PROGETTO PEDAL CONSULTARE: HTTP://OSSERVATORIOEDUCAZIONESTRADALE.REGIONE.EMILIA-ROMAGNA.IT/FIAB WWW.REGIONE.EMILIA--ROMAGNA.IT WW.RUOTEPULITER.IT WW.MOBILITER.IT HTTP://WWW.ARPA.EMR.IT/PUBBLICAZIONI/GENERALE/NOTIZIE_227.ASP HTTP://WWW.ARPA.EMR.IT/PUBBLICAZIONI/ARPARIVISTA/CONTENUTO_RIVISTE_440.ASP HTTP://WWW.ARPA.EMR.IT/PUBBLICAZIONI/GENERALE/NOTIZIE_227.ASPCNR PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 45
  10. 10. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia 7 CONCLUSIONI 7.1 PRIME IPOTESI DI "quick&dirty" BILANCINO DI EMISSIONI di CO2 (Marco Cervino , Paola Bassi) Sono di seguito riportati alcuni dati parziali relativi ai chilometri percorsi dai ragazzi durante il periodo ottobre 2006 –fine gennaio 2007. Questi dati presentano una evidente disomogeneità di rilievo che sarà affinata nel successivo periodo di svolgimento del progetto PEDAL. Incrociando questi dati con un valore accreditato di inquinamento di CO2 si può tentare di dare un riscontro semplice, ma non banale, di quante emissioni di CO2posono essere risparmiate utilizzando la bicicletta per gli spostamenti casa scuola e non solo. Rilevazione percorsi casa scuola A Reggio Emilia nel file della scuola Lepido sono presenti dati di percorrenza ciclistica relativi a 65 alunni su complessivi 110 (59%) relativi ai mesi da novembre 2006 fino a maggio 2007. I dati sono suddivisi in due gruppi: percorsi casa/scuola e rilevamento al contachilometri. Operando le opportune integrazioni nella seconda tabella (che è stata compilata solo parzialmente), correggendo alcuni evidenti errori e tenendo conto dei dati riportati nella prima tabella si determina che i km percorsi totali (contakm) sono ca. 11.500, di cui 8000 nel percorso casa scuola. Questo corrisponde a ca. 177 km per ragazzo complessivi di cui 123 tra percorsi tra casa e scuola. Per una sola classe di Reggio (2A) è disponibile il riepilogo della mobilità casa/scuola sui diversi mezzi da cui risulta un dato tutto sommato coerente col precedente, infatti 7 dei 18 alunni dichiarano di aver percorso 600 km in bici tra casa e scuola (86 km/alunno) e complessivi 876 km (125 km/a). Nella stessa classe 12 alunni dichiarano percorrenze casa/scuola in auto di ben 8077 km (673 km/a). Anche considerando i 466 km percorsi a piedi da 6 alunni siamo ben lontani dall’equilibrio. Bisogna comunque tenere conto come risulta sia dai questionari che dalle mappe georeferenziate posizionali che generalmente chi usa l’auto per andare a scuola abita anche molto più lontano da scuola rispetto a chi si muove a piedi o in bicicletta. A Modena i dati rilevati sono riferiti a solo 19 allievi delle classi 1A, 1B e 1F, relativi ai soli mesi di ottobre-dicembre 2006, la cui elaborazione non appare significativa. PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 46
  11. 11. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia DIARIO DEI KM PERCORSI DURANTE IL PROGETTO - DATI SPOSTAMENTI SCUOLA LANFRANCO GUIDOTTI - MODENA Dalla compilazione del Diario il percorso casa scuola ha generato km. 602.71 a piedi, 1058.92 in bicicletta, 1.139.50 in auto, 43 in moto, 577.10 con mezzo pubblico con un riscontro globale di 3214.31 Km registrati dai contachilometri installati. Fonte e modalità di rilevazione dati: Corpo insegnante e ragazzi I dati sotto riportati sono riferiti ad un campione di 20 alunni che hanno effettivamente partecipato a PEDAL. PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 47
  12. 12. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia SCUOLA LEPIDO REGGIO EMILIA Dalla compilazione del Diario il percorso casa scuola ha generato km. 4.389.10 in bicicletta, 1.452.76 a piedi, 16.121.84 in auto, 301 in moto, 1.040,00 con mezzo pubblico con un riscontro globale di 8.888.83 Km registrati dai contachilometri installati. Fonte e modalità di rilevazione dati: Corpo insegnante e ragazzi I dati sotto riportati sono riferiti a tutti gli alunni di tutte le sezioni coinvolte nel progetto PEDAL. PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 48
  13. 13. Servizio Mobilità Urbana e Trasporto loacle Osservatorio sulla Agenzia regionale Comune di Modena Sicurezza Stradale prevenzione e ambiente Istituto di Scienze Settore Pianificazione Comune di Reggio Emilia regionale dell’emilia-romagna dell'Atmosfera e del Clima territoriale Assessorato Mobilità Trasporti e Mobilità Traffico e Infrastrutture In collaborazione con FIAB-Amici della Bicicletta di Modena e Tuttinbici-FIAB di Reggio Emilia 7.1 PRIME IPOTESI DI "quick&dirty" BILANCINO DI EMISSIONI di CO2 BILANCIO CO2 Lanfranco Guidotti 300 296 200 100 kg CO2 0 EMESSA -100 (EVITATA) -200 -300 -560 -400 -500 -600 PERCORSI CLIMALTERANTI PERCORSI VIRTUOSI BILANCIO CO2 Lepido 6000 4000 4106 kg CO2 EMESSA 2000 (EVITATA) -1725 0 -2000 PERCORSI CLIMALTERANTI PERCORSI VIRTUOSI PB/PEDAL/RAPPORTO_1/07.PDF 49

×