D. Cazzaniga "Porti turistici e nuove iniziative", 17/05/2013 - Piombino

284 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
284
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

D. Cazzaniga "Porti turistici e nuove iniziative", 17/05/2013 - Piombino

  1. 1. 1-Prof. D. Cazzaniga FrancesettiInformaticaUniv. Pisa" Porti turistici e nuove iniziative“Scopo dell’intervento
  2. 2. 2-PECULIARITA’ positive dei porticcioli:Grandi fonti di reddito e occupazione diretta(cresce di 1 addetto ogni 5-6 posti barcaCensis) e indirettaPorticcioli creano:• legami barca-cantieri• legami col territorio• humus per sviluppo nautica
  3. 3. 3-I porti turistici traggono i redditi rispetto a dovesono ubicati ed i servizi che offrono.Quanti sono in Toscana? Pochi.Cinquale (Montignoso), Marina di Cala dei Medici a Crepatura(RosignanoMarittimo), Salivoli (Piombino), Etrusca Marina(Scarlino), Punta Ala (Castiglione della Pescaia), Marina di San Rocco(Grosseto), Cala Galera (Monte Argentario), San Vincenzo(LI), Viareggio, Marina di Pisa..….Es Punta Ala
  4. 4. 4-Punta Ala 893 ormeggi per motor e sailing yachts da 6 mt. a più di 30mt., massimo fondale 4,50 mt.
  5. 5. Salivoli Piombino -400pbcollegata al porto dal servizio di trasporti urbani.
  6. 6. 5-Ci sono poi gli approdi turistici e gli ormeggi o i postibarca su canali e sui fiumi o in rade o addirittura suspiagge. Molti di questi possono non avere neppure illivello minimo di servizi e attrezzature disponibili.• Una stima dice essere disponibili almeno 30.000 postibarca, ma ci sono le doppie file d’estate, le boe etcFacciamo es. con Foce del Chioma- ormeggio.D’estate viene istituito un canale di accesso segnalato da boe bianche,durante il periodo invernale non c’è nessuna assistenza in banchina.40 posti, carburante, acqua, luce, spiaggetta, scuola per sub,ristorante, parcheggio . A ridosso strada.
  7. 7. 6- Foce delchioma, ormeggio
  8. 8. 7- Dunque pochi porti turistici veri e propri. (eapprodi)• Ma anche pochi posti per i superyachts.• In particolare i super non svernano nei nostriporti turistici.
  9. 9. 8- Effetti della crisi sui porticcioli.Tra il 2007 e il 2011 le immatricolazioni di barche nuove sonopassate da 4.400 a sole 1.700,Nel 2012 le barche stanziali nei porticcioli calano in media del26%,quelle in transito crollano del 33%.Ergo i porticcioli hanno visto posti barca vuoti e non si sonocreati nuovi posti di lavoro, anzi ne sono stati distrutti circa10.000 con meno stanziali e in transito e nell’industriacostiera/indottocol fallimento dei cantieri e dei loro accessoristi si arriva a oltre20.000 licenziati. Ucina
  10. 10. 9-Effetti della crisi• I porti turistici italiani sono circa 500, hanno unfatturato medio di 2 milioni = 1 miliardo di cui300 in servizi e 700 in ormeggi. AssomarinasIl citato calo di barche stanziali e in transito neiporti fa perdere 200 milioni. Scappanosoprattutto le barche italiane, tasse, norme privedi senso etc. Cade il turismo nautico anche perl’entroterra. La crisi unisca in rete i soggetti.
  11. 11. 10-Anche la crisi dei cantieri si riflette indirettamentesui porticcioli. Nel 2008 i cantieri it. cheproducevano piccole/medie da diporto avevano il57% del fatturato in Italia. Ora sotto il 10%.• Anche per i superyachts c’è stato un forte calo: 2008ordini mondiali 916 di cui in Italia 427.• Nel 2012 ,ordini mondiali 692 di cui per l’Italia 272 .Ancora la maggioranza. Ma a ben vedere è unaproduz .in calo disastroso: gli ordini mondiali sonopoco meno della metà del 2008. Ucina.•
  12. 12. 11- Come risalire da questa situazione?• Le concessioni siano legate a veri progetti di sviluppo.• La logistica, l’urbanistica• Manca coordinazione delle informazioni fra porti e tuttigli enti legati al turismo. I raccordi fatti fin’ora risentonodi diffidenze, paura di concorrenza , disorganicità ,pochi consultano internet per una visione delleopportunità d’insieme etc… Una forte collaborazione inrete –Ancora-è necessaria che superi i singoli interessi,stimolando le migliori iniziative.
  13. 13. 12- Come rispondono marine e porticcioli a livellomondiale per resistere alla crisi?.• USA e la NMMA National Marine ManufacturersAssociation• Ruolo determinante dell’ANIMATORE DI RETE• In Australia: porto centro di attrazione turistica,+edilizia caratterizzata: è il futuro• C’è poi tutto il campo delle innovazioni da introdurrenei porticcioli….• Sviluppo della cultura nautica e appoggio alla nauticasociale
  14. 14. 13- ConclusioneCreare una comunità interessata a interagireattraverso una rete+ ANIMATORE DIRETE che dia vita futura al progetto: coigestori dei porti, i soggetti dell’entroterra(alberghi, negozi,ristor.…), Comuni,Regione, enti di formazione ma anche idistributori cioè boat dealers, le banche chesi occupano di prestiti, ovviamente ipossessori di barche, il settore della pesca… PROGETTO ANCORA
  15. 15. • L’azione comune, invece, caratterizza l’approcciointernazionale.• Per es in USA la NMMA National MarineManufacturers Association• In Australia si disegnano nuove strutture per iporti turistici volte ad una fruizione collettiva.• In Cina…

×