Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Appunti di Diritto Commerciale: i Titoli di Credito

36,717 views

Published on

Appunti universitari per l'esame di diritto commerciale: i titoli di credito

Appunti di Diritto Commerciale: i Titoli di Credito

  1. 1. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Profland- Diritto Commerciale: Titoli di credito fid Siracusa 18 mag. 03 TITOLI DI CREDITO TITOLI DI CREDITO IN GENERALE 1/21
  2. 2. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: ProflandSi ricorda che:• luso degli appunti qui presenti è consentito per solo uso personale e di studio;• la consultazione è gratuita ed ogni forma atta a ricavarne lucro è vietata!• gli appunti sono fatti da studenti che non possono assumersi nessuna responsabilità in merito;• il materiale qui presente non è sostitutivo ma complementare ai libri di testo:- devi (e ti consiglio) di consultare e comprare i libri di testo;• il materiale qui presente è distribuito con licenza Creative CommonsTi ricordo che se vuoi contribuire mandando degli appunti o quantaltro possa essere utile ad altripuoi farlo inviando il materiale tramite: http://profland.altervista.org/mail.htmSpero che ciò che hai scaricato ti possa essere utile.Profman Il file è stato scaricato/visualizzato in forma gratuita da Profland: http://profland.altervista.org sezione Profstudio http://profland.altervista.org/profstudio/profstudio.htm oppure da qualche mirror, come: www.profland.cjb.net www.profland.135.it o dalla pagina dedicata su slideshare.net: www.slideshare.net/profman 2/21
  3. 3. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Profland-PREMESSALa disciplina sulla circolazione ordinaria dei crediti non è sufficientemente rapida(è necessario perlegge l’accettazione del debitore nel trasferimento del credito e la notifica al cessionario) nesufficientemente sicura(rischi:clausole inesatte,modifica successiva delle clausole,risoluzione erescissione,cessione a più persone del credito,insolvenza del debitore).E’viceversa rapida(per l’effetto reale del trasferimento) e sicura(l’acquisto in buona fede ed ilpossesso ne garantiscono la proprietà) la disciplina sulla circolazione dei beni mobiliLa disciplina dei titoli di credito è analoga alla disciplina dei beni mobili in quanto sono analoghe leesigenze di sicurezza e rapidità nella circolazione del credito. I titoli di credito sono documentisottoscritti dal debitore costitutivi del diritto cartolare, in cui il debitore dichiara di obbligarsi adadempiere una prestazione nei confronti di chiunque alla scadenza sia possessore del documento.Nel documento si è dunque“materializzato”il diritto di credito (c.d. incorporazione) con laconseguenza che il credito diventa suscettibile di possesso analogamente a ciò che si verifica per ibeni mobili.-LEGITTIMAZIONE,AUTONOMIA E LETTERALITA’La legittimazione,l’autonomia e la letteralità sono caratteri dei titoli di credito che rendono lacircolazione di essi più rapida e più sicura-la LEGITTIMAZIONE: è legittimato a pretendere dal debitore la prestazione colui che, secondoil titolo di credito in questione e la rispettiva disciplina, sia portatore legittimo(es. nei titoli alportatore legittimato è il possessore del titolo).Il legittimato può non avere la titolarità del dirittocartolare. Chi appare portatore legittimo del titolo di credito può pretendere l’adempimento senzabisogno di provare la titolarità del diritto stesso-l’AUTONOMIA è intesa in un duplice significato: 1) il debitore cartolare non può opporre al terzo portatore legittimo le eccezioni del c.d. rapporto sottostante ne le altre eccezioni intercorrenti fra i precedenti titolari del credito (principio dell’ incorporazione del credito) 2)l’acquisto in buona fede dal non titolare del diritto di credito ed il possesso del titolo rendono l’acquirente titolare del diritto di credito-la LETTERALITA’: il debitore che ha assunto l’obbligazione deve adempierla esattamente perciò che risulta dai termini letterali del titolo,non sono quindi validi gli accordi successivi(tranne gliaccordi fra il debitore e l’attuale titolare del diritto)Il legislatore non ha garantito la posizione del terzo creditore in buona fede nei seguenti casi:- falsità della sottoscrizione del debitore- difetto di capacità o di rappresentanza nell’emissione del titoloinoltre un ulteriore rischio può essere il mancato pagamento del debitore cartolare(ma nell’assegnoe nella cambiale ,salva clausola contraria,è possibile l’azione di regresso contro l’alienante).Nel caso di furto o distruzione del titolo di credito il titolare rimane tale, ma perdendo lalegittimazione non può ne pretendere il pagamento dal debitore ne trasferire ad altri il suo credito.Per riacquistare la legittimazione,il titolare del credito cartolare deve o ridiventare portatorelegittimo o richiedere la procedura giudiziale dell’ammortamento (per i titoli di credito all’ordine enominativo).La legittimazione comporta la presunzione della titolarità del diritto di credito.-TITOLI AL PORTATORE,ALL’ORDINE E NOMINATIVIIl diritto cartolare può essere trasferito secondo la legge sulla circolazione dei titoli di credito edin questo caso l’acquirente diventa portatore legittimo ed acquista un diritto letterale ed autonomo, 3/21
  4. 4. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Proflandoppure senza rispettare le norme prescritte ed in questo caso l’acquirente subisce gli effetti dellacessione ordinaria dei crediti,l’avente causa acquista quindi lo stesso diritto di credito del dantecausa ed è soggetto alle eccezioni di quest’ultimo. Si diventa portatori legittimi del titolo di creditose il titolo è trasferito secondo la sua “legge di circolazione”,questa è differente a secondo che iltitolo sia al portatore,all’ordine o nominativo.-TITOLI AL PORTATORE : è sufficiente per essere portatori legittimi il solo possesso (art.2003)-TITOLI AL L’ORDINE : è necessario il possesso ed una serie continua di girate .La girata è unadichiarazione scritta e sottoscritta nel titolo, con cui il portatore legittimo di questo ,detto girante,ordina al debitore di adempiere nei confronti di un altro soggetto ,detto giratario. La girata ècontinua quando a tutte le girate corrisponde il nome del girante precedente ed è intesa in sensoformale (valutazione strettamente visiva). La girata in bianco è la girata che non contiene il nome del giratario o al suo posto contiene l’indicazione”al portatore” (art.2009). Per essere portatorelegittimo del titolo girato in bianco è necessario il semplice possesso. La girata di solito ha una funzione di circolazione ,serve infatti a fare diventare il giratarioportatore legittimo,ma può avere anche una funzione di garanzia ,il girante infatti deve garantire il giratario nel caso di inadempienza dell’emittente. La garanzia è ope legis nella girata dellacambiale e dell’assegno bancario,per gl’altri titoli di credito è indispensabile una clausola espressanel titolo. La girata per procura (o per incasso) è effettuata mediante una clausola nella quale ilrappresentante del girante diventa giratario senza acquisire il titolo di credito,le eccezioni vannoquindi proposte al girante. La girata a titolo di pegno fa assumere al giratario la posizione dicreditore pignoratizio-TITOLI NOMINATIVI : è necessario il possesso e l’intestazione nel titolo e nel registrodell’emittente, a suo favore (art.2021).L’emittente deve quindi tenere un registro con le intestazionidei titoli emessi. L’emittente è tenuto ad annotare il nome del titolare nel titolo e nel registro nelleseguenti ipotesi:- richiesta dell’alienante intestatario del titolo (art.2022 c.2)- richiesta dell’acquirente esibente il titolo e l’atto di acquisto (art 2002 c.2)- richiesta dell’acquirente legittimato da una serie continua di girate autenticate (art.2023)-ECCEZIONI OPPONIBILI AL PORTATORE LEGITTIMO DEL TITOLO DI CREDITOIl debitore cartolare estingue la propria prestazione adempiendo all’obbligazione nei confronti delportatore legittimo. Ciò avviene anche se il portatore non è titolare del diritto di credito ma a pattoche non vi sia ne dolo ne colpa grave del debitore (art.1992 c.2).Il debitore nei confronti del portatore legittimo può opporre solo le seguenti eccezioni(art.1993 c.1): 1) eccezioni personali al portatore legittimo 2) eccezioni di forma del titolo 3) eccezioni sul contesto letterali del titolo 4) eccezioni di falsità della firma,di incapacità di rappresentanza e di mancanza di volontà 5) eccezioni per mancanza di presupposti per l’azione giudiziaria (es.protesto)le eccezioni n° 2 e 5 sono reali,cioè possono essere opponibili a qualsiasi portatore legittimole eccezioni sui rapporti con i precedenti creditori non possono essere proposte,tranne nel solo casodell’exceptio doli ove l’ultimo creditore abbia appositamente agito a danno del debitore per fargliperdere la possibilità di presentare un eccezione.-CLASSIFICAZIONE DEI TITOLI DI CREDITO 4/21
  5. 5. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: ProflandOltre alla classificazione in titoli nominativi,all’ordine e al portatore si possono fare altreclassificazioni: -TITOLI IN SERIE e TITOLI INDIVIDUALI: i titoli in serie sono titoli uguali emessi in ununica operazione,questi possono, a spese del richiedente,essere riuniti in un titolo multiplo ed essere successivamente rifrazionati. I titoli individuali possono essere emessi insieme ma sono operazioni distinte, per questo possono avere un contenuto diverso. -TITOLI COMPLETI e TITOLI INCOMPLETI : sono titoli completi i titoli che presentano l’intera dichiarazione dell’emittente e tutte le clausole che lo regolano(es.cambiale). Sono titoli incompleti i titoli che fanno riferimento ad altri documenti. - TITOLI ASTRATTI e TITOLI CAUSALI: il titolo astratto è un titolo nel quale non risulta la causa del rapporto sottostante. Il titolo causale è un titolo nel quale rileva la causa del rapporto. Sono titoli causali i titoli di deposito ed i titoli di trasporto (titoli rappresentativi di merci) questi titoli attribuiscono al titolare il potere di pretendere la consegna della merce ed il potere di trasmettere ad altri il possesso mediante trasferimento del titolo.-AMMORTAMENTO DEL TITOLO DI CREDITOL’ammortamento è la procedura giudiziale mediante la quale il titolare del diritto di creditonominativo o all’ordine riacquista la legittimazione del titolo sottratto,smarrito o distrutto.La procedura di ammortamento di divide in due fasi,una necessaria l’altra eventuale.-fase necessaria : è necessaria la richiesta del ricorso dell’ammortamento al presidente deltribunale del luogo del pagamento del credito cartolare. Nel ricorso vanno indicati i requisiti deltitolo e per i titoli in bianco i requisiti per la identificazione. Se gli accertamenti danno esito positivoil presidente del tribunale emette il decreto d’ammortamento del titolo ,questo decreto va notificatoa cura del ricorrente al debitore. Dopo 30 giorni dalla pubblicazione nella gazzetta ufficialel’ammortamento diventa definitivo (a patto che non sia presentata l’opposizione al tribunale).Nel caso in cui il titolo sia acquistato in buona fede da un terzo entro i successivi 30 giorni dallapubblicazione,questi diventa il nuovo titolare del diritto di credito e può richiedere l’eventualesomma pagata all’ammortante dal creditore.-fase eventuale: è una fase successiva a quella necessaria e si verifica se è presentata opposizioneal decreto di ammortamento . Con l’opposizione si instaura un procedimento in contraddittorio perdefinire chi è il titolare del diritto di credito. L’opponente deve dimostrare di aver acquisito inbuona fede il diritto di credito,l’altra parte deve viceversa dimostrare la mala fede o la colpa gravedel portatore attuale e dei precedenti.Nei titoli al portatore non è ammessa la procedura di ammortamentoNei titoli al portatore sottratti o smarriti la vittima può denunciare questi eventi all’emittente edandone la prova,decorso il termine di prescrizione del titolo,può esigere la prestazione. Se duranteil termine di prescrizione qualcuno acquista in buona fede il diritto di credito,la vittima dellosmarrimento o della sottrazione perde il suo diritto a favore del possessore in buona fede.Nei titoli al portatore distrutti o deteriorati il possessore che ne dimostri la distruzione o checonsegni il titolo deteriorato ha diritto dall’emittente ad ottenere un titolo equivalente-DOCUMENTI DI LEGITTIMAZIONE E TITOLI IMPROPRIDeterminati documenti attribuiscono legittimità al titolare ma sono privi dei caratteri di letteralità edautonomia,questi documenti sono:- documenti di legittimazione: sono documenti identificativi del titolare del diritto alla prestazione(es. biglietti di viaggio) 5/21
  6. 6. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Profland- titoli impropri: consentono il trasferimento del credito ma non fanno parte dei titoli di credito(es. vaglia postale).In questi titoli l’incorporazione è imperfetta per cui se il documento è smarrito non c’è bisognodella procedura di ammortamento ma basta dimostrarne la titolarità. Quando il diritto e cedibile ildebitore può inoltre opporre all’ultimo cessionario le eccezioni personali ai creditori precedenti.-TITOLI ATIPICISecondo gli interpreti, il principio dell’autonomia privata rende possibile l’emissione di titoli dicredito atipici (artt.1322 c.2 e1324) col limite però che non possono essere emessi titoli di creditoal portatore atipici quando questi hanno per oggetto l’obbligazione di pagare una somma di denaro(art.2004).Altro limite è il controllo della Consob sull’emissione dei titoli di massa se dirette alpubblico. Non è inoltre ammissibile da parte delle imprese diverse da quelle bancarie il ricorso atitoli atipici di raccolta di risparmio fra il pubblico mediante prestiti (c.d. titoli di debito) LA CAMBIALE-NOZIONE DI CAMBIALELa cambiale è un titolo di credito solitamente all’ordine,completo,astratto,avente efficacia di titoloesecutivo,in cui l’autore del titolo assume l’obbligo di pagare ovvero di far pagare incondizionalmente una somma determinata,nel luogo e alla scadenza indicati nel titolo stesso. Le cambiali sono di due tipi:- cambiale propria: è la cambiale per cui l’emittente si impegna personalmente nell’adempimento- cambiale tratta : è la cambiale nella quale l’autore del titolo (traente) rivolge l’ordine di pagare adun altro soggetto (trattario).Il soggetto al quale va pagata la cambiale è denominato prenditore o beneficiario.Caratteri della cambiale:- titolo normalmente all’ordine:le cambiali sono titoli all’ordine e seguono la disciplina di questi se non vi è l’indicazione “non all’ordine”o altra equivalente. La cambiale non all’ordine segue ladisciplina della cessione ordinaria del credito (è necessaria la notificazione del trasferimenti delcredito o il consenso del debitore emittente o del trattario,il cessionario subentra nella stessaposizione del trasferente e quindi il debitore può opporre tutte le eccezioni dei precedenti titolari del credito)- titolo completo : è un titolo completo ,nel senso che tutte le clausole che la regolamentanodevono essere contenute tutte nella stessa cambiale.- titolo astratto : è un titolo astratto in quanto non risulta la causa ne del rapporto di valuta(emittente o traente-primo prenditore) ne il rapporto di provvista (traente-trattario)- titolo esecutivo :è possibile con essa iniziare subito la procedura esecutiva sui beni ,senzala richiesta di una sentenza di condanna e senza la richiesta di un decreto ingiuntivo di pagamento.La convenzione di Ginevra del 7 giugno 1930 ha regolamentato per molti paesi europei e per alcunidell’america latina una legge cambiaria uniforme-CONTENUTO DELLA CAMBIALE 6/21
  7. 7. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: ProflandLa cambiale è un documento stampato,dattiloscritto o manoscritto,in lingua italiana o stranierae redatto in carta bollata (per fini fiscali).La cambiale può contenere tre tipi di clausole:1) CLAUSOLE INDISPENSABILI ,sono clausole essenziali in mancanza di esse non nasce unobbligazione cambiaria ma bensi’un obbligazione di diritto comune,queste clausole sono:- denominazione, nella stessa lingua del titolo a pena di nullità, di ”cambiale”, ”vaglia cambiario” o“pagherò cambiario” nel contesto del titolo.- ordine incondizionato (cambiale tratta) o la promessa incondizionata (cambiale propria) dipagamento di una somma determinata- nome del prenditore ,cioè del primo creditore.- data dell’ emissione cambiaria- nome del trattario (per la cambiale tratta)- sottoscrizione del traente o dell’emittente autografa.2) CLAUSOLE NON INDISPENSABILI ,in mancanza di esse si applicano le norme suppletive dilegge,queste clausole sono: - indicazione della scadenza,questa può essere: - a vista , è la cambiale che può essere pagata in qualsiasi momento entro l’anno. - a certo tempo vista , è la cambiale che scade dopo un certo periodo stabilito dopo l’accettazione del trattario o dopo il visto dell’emittente - a certo tempo data, la cambiale scade dopo un certo periodo stabilito dopo l’emissione - a giorno fisso, quando è indicato un giorno determinatoSe nella cambiale non è indicata alcuna scadenza questa va considerata a vista,se nella cambiale èindicata una forma diversa da quelle sopra indicate di scadenza (l’elenco è tassativo) la cambiale ènulla(art.38 c.2 l.camb.)- indicazione del luogo del pagamento ,è il territorio del comune o il luogo del domicilio in cui vapresentata la cambiale,se non è indicato il luogo allora si terrà conto del domicilio dell’emittente,sela cambiale va presentata al domicilio di un terzo allora si avrà la cambiale domiciliata .- indicazione del luogo di emissione della cambiale ,in mancanza si considera luogo di emissioneper la cambiale propria ,il luogo indicato accanto all’emittente,per la cambiale tratta il luogoindicato accanto al trattario.3) CLAUSOLE EVENTUALI ,sono clausole accessorie e sono: - clausola “non all’ordine” - clausola “senza spese” - clausola “non accettabile” ,se apposte dall’emittente o dal traente valgono per tutti gliobbligati cambiari,se è apposta dal girante vale solo per questo. - clausola “di interessi”,indica gli interessi ( per cambiali “a vista” e a “certo tempo vista”)4) REGIME FISCALE DELLE CAMBIALI , il pagamento del bollo non è richiesto per la validitàdella cambiale,ma la sua irregolarità non attribuisce valore di titolo esecutivo al documento. Il bolloha solo un fine fiscale e varia in proporzione alla somma cambiaria.-LA CAMBIALE IN BIANCOLa cambiale in bianco è quel documento nel quale,apposta la sottoscrizione dell’autore del titoloe la dichiarazione di cambiale,manchi una restante clausola essenziale da determinaresuccessivamente (solitamente è la somma cambiaria).Non si ha cambiale in bianco per mancanzadi clausole non indispensabili o eventuali. Chi riceve una cambiale in bianco deve riempirlasecondo l’accordo di riempimento,se ciò non si verifica il debitore può opporgli l’eccezione diinosservanza dell’accordo o del rapporto. Questa eccezione può essere proposta anche ai successivi 7/21
  8. 8. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Proflandportatori cambiari che sono a conoscenza della difformità dell’accordo. L’onere della provadell’abusivo riempimento spetta al debitore proponente l’eccezione .Il riempimento dev’essereeffettuato entro 3 anni.-PLURALITA’DELLE OBBLIGAZIONI CAMBIARIELa cambiale nasce dalla dichiarazione dell’autore del titolo (traente o emittente),masuccessivamente ad esso possono essere aggiunti da altri soggetti ulteriori dichiarazioniche vincolano il sottoscrittore nei confronti del creditore cambiario. Nella cambiale trattail portatore della cambiale può richiedere al trattario l’accettazione (scrivendo e sottoscrivendo sulla cambiale una dichiarazione di accettazione),questa lo vincola facendolo diventare obbligatocambiario. La girata cambiaria fa diventare portatore legittimo il giratario(funzione ditrasferimento)ma lo rende obbligato,in caso di inadempienza del debitore,nei confronti del giratarioe dei giratari successivi(funzione di garanzia).Con la dichiarazione di avallo l’avallante si assumeinsieme al debitore(avallato)l’obbligo di pagare la cambiale(funzione di garanzia).Gli obbligaticambiari si distinguono in:- obbligati diretti (emittente,accettante e loro avallanti): il pagamento da loro effettuato estingue ilrapporto cambiario- obbligati di regresso (traente,giranti e loro avallanti):si estinguono per mancanza di protestoed il termine di prescrizione dell’obbligo è più breve. Il pagamento dell’obbligato in regresso nonestingue il rapporto cambiario in quanto egli potrà a sua volta pretendere l’adempimento dai girantiche lo precedono,dal traente o dai loro avallanti. L’ultimo giratario alla scadenza potrà richiedere ilpagamento della cambiale al debitore principale. In mancanza di pagamento potrà a sua sceltapretendere la somma da qualsiasi obbligato cambiario (diretti o di regresso).L’ordine della cambiale è il seguente: 1) accettante o emittente 2) avallanti dell’accettante o dell’emittente 3) traente 4) avallanti del traente 5) primo girante 6) avallanti del girante 7) secondo e successivi girantiin questo ordine ognuno è obbligato per chi lo segue e se ha pagato può rivalersi nei confronti di chilo precede.-INDIPENDENZA DELLE OBBLIGAZIONI CAMBIARIELe obbligazioni derivanti dalle dichiarazioni cambiarie seguono il principio dell’indipendenza,nel senso che l’invalidità di una obbligazione non comporta l’invalidità delle altre (art.7 l.camb.)Se la sottoscrizione dell’emittente o del traente è falsa,restano valide le obbligazioni dell’accettante,dell’avallante e dei giranti. Se il vizio formale riguarda le obbligazioni di un obbligato cambiario diverso dall’autore del titolo saranno nulle le sole obbligazioni di costoro rimanendo valide le altre.Un eccezione del principio dell’indipendenza riguarda l’invalidità delle obbligazioni dell’avallatoper vizio di forma ,questo comporta l’invalidità dell’obbligazione dell’avallante. Nella fattispeciedella alterazione del testo della cambiale ,chi ha firmato dopo l’alterazione si obbliga per ilcontenuto del documento alterato,chi ha firmato prima per il contenuto del testo precedente .Inmancanza di prova contraria si considerano apposte le sottoscrizioni prima dell’alterazione. 8/21
  9. 9. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Profland-REQUISITI DELLE DICHIARAZIONI CAMBIARIELa mancanza di questi requisiti rendono l’obbligazione invalida:- Sottoscrizione della dichiarazione, dev’essere apposta sulla cambiale. La sottoscrizione deltrattario vale come accettazione,la sottoscrizione di altro soggetto vale come avallo. L’accettazione e l’avallo vanno sottoscritti sul retto,la girata sul retro.- Capacità di agire, possono emettere cambiali tutte le persone capaci,compresi i minori emancipatiautorizzati all’esercizio di un impresa commerciale. Per i minori emancipati non autorizzati(incapaci relativi) e necessaria la clausola”con assistenza” e la sottoscrizione del curatore. Per iminori non emancipati e per gli interdetti (incapaci assoluti) si obbligano i rappresentanti legaliper l’esercizio del commercio ed i genitori o i tutori con l’autorizzazione del giudice tutelarenegl’altri casi. L’incapace di intendere e di volere e tutelato anche nei confronti del possessore inbuona fede,per cui la dichiarazione cambiaria è annullabile.- Rappresentanza volontaria, le dichiarazioni cambiarie possono essere compiute medianterappresentante con la formula “per procura”o “per rappresentanza di”. Il potere di rappresentanzadev’essere espresso nella procura,se ciò non avviene il falsus procurator rimane in nome proprioobbligato.- Contenuto delle dichiarazioni cambiarie ,le dichiarazioni cambiarie non possono essere sottopostea condizioni,se ciò è fatto la cambiale è nulla. Se la condizione è apposta all’accettazione oall’avallo è nulla solo l’obbligazione di questi soggetti. Se è apposta ad una girata la condizione si considera come non scritta.-ACCETTAZIONENella cambiale tratta,il trattario è debitore del traente (rapporto di provvista) ed affinché diventidebitore anche nei confronti del portatore legittimo è indispensabile una sua dichiarazione mediantela quale si renda obbligato. Questa dichiarazione si chiama “accettazione” ed avviene apponendo laclausola”accettato”o”visto”o altra equivalente seguita dalla sottoscrizione,oppure mediante lasemplice sottoscrizione del trattario sulla faccia anteriore della cambiale. Prima dell’accettazione il portatore legittimo non ha alcuna possibilità di agire nei confronti del trattario,infatti questo èobbligato solo nei confronti del traente. Accettando il trattario si obbliga nei confronti anche del portatore legittimo. L’accettazione può essere richiesta sino al giorno della scadenza dellacambiale. Per la cambiale “a certo tempo vista” dev’essere accettata entro 1 anno dall’emissione,con l’opportunità di poter essere il termine prolungato o abbreviato dal traente e solo abbreviatodal girante. Per le cambiali con diversa scadenza può essere prescritto dal traente o dai giranti untermine determinato. Se la cambiale non viene presentata entro questo termine e la clausola è stataapposta dal traente,nessuno degli obbligati di regresso è responsabile per la mancata accettazione oper il mancato pagamento della cambiale. Se la clausola è stata apposta da un girante,questi è il solo libero dalla responsabilità. Il traente può vietare l’accettazione del trattario mediante laclausola”non accettabile”o altra equivalente,non è possibile apporre la clausola in queste 3 ipotesi: 1) cambiale “a certo tempo vista” 2) cambiale ”domiciliata completa” (pagabile dal terzo) 3) cambiale “domiciliata incompleta” (pagabile dal trattario al domicilio di un terzo)Se il trattario accetta ugualmente la cambiale”non accettabile” l’accettazione è valida e quindirimane obbligato. Il traente ha facoltà di vietare l’accettazione entro un determinato terminedilatorio. Il trattario può effettuare una seconda richiesta di accettazione al fine di informarsi sullacambiale.- REVOCA DELL’ACCETTAZIONE 9/21
  10. 10. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: ProflandSe la sottoscrizione è cancellata dal trattario prima della riconsegna della cambiale, l’accettazione siconsidera non avvenuta. Se però il trattario in diverso documento ha dichiarato nei confronti di altrifirmatari di aver accettato,nei confronti di questi egli è obbligato. In caso di mancata accettazione ilportatore legittimo può emettere un protesto e dopo può esercitare l’azione di regresso per mancataaccettazione nei confronti del traente,giranti e loro avallanti detratto lo sconto. L’accettazionedev’essere fatta per tutta la somma e non prevede l’apposizione di condizioni. Se l’accettazione èfatta su una parte della somma,la restante parte è richiedibile agli obbligati in regresso. Nel caso incui sia apposta una condizione questa rende nulla l’accettazione.-AVALLOL’avallo è una dichiarazione cambiaria mediante la quale il dichiarante (avallante) assume unagaranzia ,letterale ed astratta,per il pagamento,totale o parziale,della somma indicata nella cambiale,collocandosi nella medesima posizione dell’avallato. Per dichiarare l’avallo basta o apporresemplicemente la sottoscrizione sul retto o scrivere sulla cambiale o sull’ allungamento di questa laclausola”per avallo di..”o altra equivalente seguita dalla sottoscrizione. Se non è indicato il nomedell’avallato,nella cambiale tratta si presume che sia il traente,e nella cambiale propria l’emittente.L’avallante è obbligato al pari dell’avallato,egli è un obbligato diretto o di regresso a secondo di chiè avallante. L’avallante è obbligato nei confronti degli obbligati dell’avallato,se adempie al proprioobbligo può rivolgersi,con l’azione cambiaria, contro l’avallato ed i suoi obbligati cambiari.Avallante ed avallato sono debitori solidali. L’obbligazione dell’avallante è valida anche se non lo èquella dell’avallato. Solo nel caso di invalidità del vizio di forma l’invalidità della obbligazionedell’avallato determina l’invalidità della obbligazione dell’avallante.-LA CAMBIALE DI FAVORELa cambiale di favore, come l’avallo, ha una funzione di garanzia. Il pagamento di una cambialepuò essere garantito mediante l’intervento di un terzo che mediante una convenzione di favore coldebitore del rapporto sottostante gli rilascia una cambiale (detta di favore)che la gira al creditore delrapporto sottostante,assumendo cosi’ quale girante una obbligazione cambiaria di regresso.L’emittente è denominato favorente,il prenditore-girante è detto favorito. Il favorente è obbligatonei confronti dei portatori della cambiale in base alla dichiarazione con cui si impegna. Laconvenzione di favore può essere opposta,quale eccezione personale,al favorito. Il favorenteha diritto di ripetere dal favorito le somme che eventualmente è stato costretto a pagare.-LA GIRATAIl credito cambiario si trasferisce apponendo sul titolo la girata e consegnando la cambiale(possesso). L’acquirente diventa cosi’ portatore legittimo. Nella cambiale “non all’ordine” il credito cambiario si trasferisce mediante un atto di cessione,cioèmediante un negozio di trasferimento notificato al debitore. In questa cambiale l’acquirente nonacquista un credito letterale ed autonomo,ma bensi’ lo stesso credito dell’alienante ed è soggettoalle sue eccezioni. Se la clausola “non all’ordine”è apposta dal girante,la cambiale rimane all’ordinee l’unica conseguenza è che il girante rimane responsabile solamente in via di regresso al suogiratario.La girata dev’essere scritta sulla cambiale o sull’allungamento di essa e dev’essere sottoscritta dalgirante, può essere apposta sul fronte o sul tergo del documento (nella cambiale in bianco solo sultergo). La girata dev’essere priva di condizioni,se è apposta si considera non scritta,viceversa lagirata parziale è nulla e quindi il giratario non diventa portatore legittimo. Il credito può essere 10/21
  11. 11. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Proflandtrasferito senza girata secondo i modi di diritto comune , cosi’ non si acquista un credito cartolarema bensi’lo stesso diritto del cedente ed inoltre si è soggetti all’eccezioni di quest’ultimo. Gli stessieffetti si hanno nella girata tardiva (girata posteriore al protesto per mancato pagamento o posterioreal termine utile per elevare protesto). Le girate anomale sono:- girata “per procura”- girata tardiva- girata con exceptio doli (il giratario acquista il credito con l’intenzione di far perdere il debitorecambiario delle eccezioni personali opponibili al girante).Alla girata tardiva e alla girata con exceptio doli si possono opporre tutte le eccezioni delcedente,per questo derogano ai principi di letteralità ed autonomia.La girata ha una funzione di garanzia in quanto fa nascere una obbligazione di regresso del girantenei confronti del proprio e dei successivi giratari. Per evitare l’obbligo di regresso basta apporrela clausola”senza garanzia”o”senza responsabilità” o altra equivalente. Per evitare l’obbligo diregresso solo per gl’altri giratari e non per il successivo basta apporre la clausola “non all’ordine”-LA CAMBIALE IPOTECARIACon la girata della cambiale oltre al credito si trasferiscono tutti i diritti accessori,fra cui il pegno el’ipoteca (garanzie reali). La cambiale ipotecaria è una cambiale nella quale è stata inserita unaclausola ipotecaria in garanzia del pagamento. L’ipoteca per essere costituita deve essere iscrittanei registri immobiliari a favore dell’attuale possessore della cambiale ed annotata su di essa.L’ipoteca si trasmette in modo autonomo ai successivi portatori legittimi del titolo,per cui sitrasferisce anche nell’acquisto a non domino. La cancellazione dell’ipoteca va annotata sullacambiale e può essere richiesta solo se vi è il consenso del creditore iscritto nei registri immobiliari.-LA CESSIONE DELLA PROVVISTANella cambiale tratta, il credito trasferito non è il credito del rapporto di provvista(questo può esserlo solo se vi è stata accettazione del trattario).Eccezionalmente è ammesso che iltraente possa inserire nella cambiale tratta una clausola di cessione del credito di provvista(extracartolare).Questa clausola è soggetta ai seguenti limiti:- è utilizzabile solo per le cambiali tratte che non devono essere accettate (con clausola”nonaccettabile” o rifiutate)- la cessione è valida nei limiti della provvista originaria da un rapporto di fornitura di merci- la clausola di cessione dev’essere inserita nel contesto del titolo e deve contenere la data ed ilnumero della fattura della fornitura delle merci- la cessione dev’essere notificata al debitore per essere efficace sui terzi e sul debitore cedutoDopo la notifica della cessione il credito di provvista si trasferisce con la girata e la consegnadella cambiale. Il trattario ceduto può opporre tutte le eccezioni del rapporto di provvista alcessionario.-SCADENZA E PAGAMENTOAlla scadenza il pagamento cambiario va richiesto nella cambiale tratta al trattario,nella cambialepropria all’emittente. Il pagamento va richiesto nel giorno della scadenza o in uno dei 2 giorniferiali successivi. Oltre questi giorni si perde il diritto di azione di regresso. Per la scadenza a vista,la cambiale va presentata al pagamento entro 1 anno dall’emissione,il traente può allungare oabbreviare il termine,i giranti possono solo abbreviarlo (in questo caso trascorso il termine delpagamento si perde il diritto di regresso per quel girante).La cambiale va presentata nel comune e 11/21
  12. 12. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Proflandall’indirizzo del luogo di pagamento,se questo manca il pagamento va richiesto nella residenza deltrattario (per la cambiale tratta),dell’emittente (per la cambiale propria),del domiciliatario (per lacambiale domiciliata). Legittimato a chiederne il pagamento è il portatore legittimo dellacambiale,essendo la cambiale un titolo all’ordine,è il possessore del documento che risulta ultimogiratario di una serie continua di girate. Il debitore pagante l’intera somma può apporre sullacambiale pagata la quietanza,oppure per pagamento parziale può essere fatta la menzione sul titolo.Il debitore può anticipare il pagamento,ma il creditore può rifiutarlo. Si ha mora del creditorequando la cambiale non viene presentata entro il termine di pagamento,il debitore ha facoltà didepositare la somma presso l’autorità competente a spese,rischio e pericolo del creditore.-AZIONE CAMBIARIA :DIRETTA E DI REGRESSOSe alla presentazione della cambiale il pagamento è rifiutato dal trattario o dall’emittente,ilportatore legittimo può pretendere l’adempimento da tutti gli obbligati cambiari e può agiregiudizialmente contro di essi mediante 2 azioni cambiarie a propria scelta:-Azione cambiaria diretta: è l’azione instaurata nei confronti degli obbligati diretti(accettante,emittente e loro avallanti),è sufficiente provare il rifiuto del pagamento. L’azione puòessere intentata nei confronti di chiunque degli obbligati diretti,trattandosi di obbligati solidali.-Azione cambiaria di regresso: è l’azione instaurata contro gli obbligati di regresso (traente,giranti eloro avallanti).I giranti con clausola “di garanzia”non sono obbligati cosi’ come il girante conclausola”non all’ordine”per tutti i giratari (tranne il suo successivo).l’azione di regresso può essereproposta a uno o più obbligati.-CONDIZIONI PER L’ESERCIZIO DELL’AZIONE DI REGRESSOPer poter agire contro gli obbligati di regresso sono indispensabili le seguenti condizioni:-presentazione all’accettazione: per le cambiali”a certo tempo vista”e nelle cambiali nelle quali èprescritta l’accettazione entro il termine-presentazione al pagamento: è necessaria la presentazione al pagamento nel termine prescritto-protesto: è un atto redatto da un notaio,o da un ufficiale giudiziario,o da un aiutante ufficialegiudiziario o dal segretario comunale,mediante il quale si dichiari in forma solenne il mancatopagamento. Il notaio e l’ufficiale giudiziario possono presentare il titolo al debitore principale(anche mediante presentatori).Il protesto dev’essere fatto nel comune in cui è richiesto il pagamentoo nei luoghi alternativi indicati dalla legge cambiaria. Il protesto o è riportato sulla cambiale orisulta da un documento separato nel quale è stata trascritta la cambiale. Il protesto deve indicare ildebitore,la data ed il luogo in cui è fatto,il richiedente,ecc. ecc. Il protesto,in quanto atto pubblico,fa piena prova fino a querela di falso. I protesti vengono raccolti e pubblicati in appositi registridella camera di commercio. I protesti vengono cancellati o dal decreto di riabilitazione o trascorsi 5anni. Il protesto può essere sostituito da una dichiarazione di rifiuto del pagamento. Se non si elevail protesto nei termini indicati si decade dal diritto di richiedere i crediti in regresso. Se il traente haposto la clausola “senza protesto”o”senza spese”il protesto non è indispensabile ed i crediti inregresso non si estinguono. Mediante l’azione di regresso è possibile chiedere la somma cambiariacon gli interessi (se vi è la clausola di interessi) e le spese del protesto-REGRESSO ANTICIPATO 12/21
  13. 13. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: ProflandPrima della scadenza della cambiale è possibile pretendere dagli obbligati di regresso la sommacambiaria (ma ad essa va sottratto lo sconto) ma solo nelle seguenti ipotesi: 1) rifiuto dell’accettazione del trattario (per la cambiale tratta) 2) rifiuto parziale dell’accettazione (per cambiale tratta) 3) fallimento del trattario (per cambiale tratta) 4) fallimento del traente di una cambiale”non accettabile” (per cambiale tratta) 5) insolvenza del trattario o dell’emittente o esecuzione infruttuosa sui beni del debitore-OBBLIGO DELL’AVVISOGli obbligati di regresso devono essere avvisati in tempo del rifiuto del pagamento o del rifiutodella accettazione. Il portatore legittimo deve avvisare entro i 4 giorni feriali successivi il traente e l’ultimo girante che abbia indicato il proprio indirizzo. Entro 2 giorni ogni girante deve avvisareil girante precedente.-PROCESSO CAMBIARIO: AZIONI CAMBIARIEDiversi sono i procedimenti giudiziali a disposizione del creditore cambiario che non è stato pagato:- procedimento ordinario di cognizione: la sentenza di condanna è provvisoriamente esecutiva- procedimento sommario: è emanato con esso o un decreto ingiuntivo di pagamento al quale èpossibile fare opposizione (si instaura cosi’un procedimento ordinario di cognizione) o un decretoprovvisoriamente esecutivo- procedura esecutiva :se la cambiale è fiscalmente in regola ha valore di titolo esecutivo e quindisono inutili i precedenti procedimenti. Il debitore in questo caso deve notificare l’atto di precetto,atto con cui si intima a pagare entro un termine. Se non vi è pagamento si procede a pignoramentoe vendita forzata dei beni.-PROCESSO CAMBIARIO: ECCEZIONI CAMBIARIEIl debitore contro il quale si procede giudizialmente si difende mediante eccezioni(contraddittorio,opposizione al decreto ingiuntivo,opposizione al precetto). Le eccezioni possonoessere reali (si possono opporre a tutti i creditori cartolari) e personali (si possono opporre solo adeterminati creditori cartolari)- ECCEZIONI REALI (O ASSOLUTE): 1) eccezioni di forma 2) eccezioni sulla lettera del titolo,il debitore pretende di esercitare diritti diversi dalla lettera del titolo 3) eccezioni sulla mancanza di condizioni necessarie per l’esercizio del diritto cambiario, es .si esercita l’azione di regresso senza avanzare il protesto 4) eccezione di falsità della firma,di incapacità,difetto di rappresentanza e violenza assoluta- ECCEZIONI PERSONALI (O RELATIVE): 1) eccezione per vizi della volontà (errore,dolo,violenza morale) 2) eccezione di abusivo riempimento o di tardivo riempimento di cambiale in bianco 3) eccezioni desunte dai rapporti personali 4) eccezioni di mancanza di legittimità o di mancanza di titolarità 13/21
  14. 14. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Proflandalle eccezioni si affianca, come strumento giudiziale di difesa,la richiesta di sospensione dell’esecuzione nel procedimento dell’esecuzione forzata,la sospensione può essere concessa per:- disconoscimento della firma- disconoscimento della rappresentanza del sottoscrittore- per altri motivi gravi e fondati-AZIONE CAUSALEQuando viene emessa o girata la cambiale esiste un debito derivante da un negozio giuridico(rapporto fondamentale) accanto a questo debito si affianca il debito cambiario. Per pretendere il pagamento quindi il creditore può o esercitare l’azione cambiaria o esercitare l’azione causale.Il pagamento se effettuato estingue il credito cambiario ed il credito del rapporto fondamentale.La convenienza delle due azioni consiste nell’opportunità di avere per l’azione causale un termineper agire più lungo rispetto all’azione cambiaria, cosi’ estinta l’una sarà ancora possibile agire conl’altra. Per esercitare l’azione causale sono però indispensabile le seguenti 3 condizioni: 1) Accertamento mediante protesto della mancato pagamento o mancata accettazione(non necessario nei confronti dell’emittente e del primo prenditore) 2) Offerta della cambiale al debitore mediante deposito in cancelleria (non necessario nei confronti dell’emittente e del primo prenditore) 3) Compimento degl’atti necessari per salvaguardare le azioni di regresso del debitoreL’azione causale non è esercitatile se le parti hanno convenuto che con essa si sarebbe avuto lanovazione del rapporto fondamentale (si estingue quindi il rapporto fondamentale e permane il solorapporto cambiario)-AZIONE DI ARRICCHIMENTOL’azione di arricchimento è l’azione esercitabile dal portatore legittimo della cambiale nei confrontidi chi si sia arricchito a suo danno (per perdita dell’azione cambiaria o per mancanza di azionecausale). L’azione di arricchimento è un azione extracambiaria-AMMORTAMENTOE’ la procedura alla quale può fare ricorso il portatore legittimo in caso di smarrimento,sottrazione edistruzione della cambiale (vedi pg 4)-PRESCRIZIONEI termini di prescrizione sono differenti in base al tipo di azione cambiaria.- azione contro gli obbligati diretti ,si prescrive dopo 3 anni dalla scadenza- azione del portatore contro gli obbligati di regresso ,si prescrive in 1 anno dal giorno delprotesto,oppure nel caso di clausola”senza spese” in 1 anno dopo la scadenza.- azione del girante contro gli obbligati di regresso ,si prescrivono in 6 mesi dal giorno delpagamento o dal giorno dell’esercizio su di lui dell’azione di regresso- azione di arricchimento ,si prescrive in 1 anno dal giorno della perdita cambiaria 14/21
  15. 15. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: ProflandGli atti interruttivi della prescrizione nei confronti di un obbligato,non interrompono gl’attiinterrottivi nei confronti degl’altri obbligati.La prescrizione dell’azione causale inizia a decorrere dal giorno della scadenza della cambialeo del rifiuto della accettazione. L’ASSEGNO BANCARIO-NOZIONE E FUNZIONE DELL’ASSEGNO BANCARIOL’assegno bancario è un titolo di credito mediante il quale il traente ordina ad una banca di pagarea vista una somma determinata al portatore legittimo del documento.Per usufruire degli assegni è necessario una convenzione di assegno fra il cliente e l’istituto dicredito, questa deriva da:- contratto di deposito in conto corrente- apertura di credito in conto corrente- altra operazione bancaria anche atipicaIl cliente può emettere assegni fino ad una determinata somma disponibile (c.d. provvista),se manca l’autorizzazione all’emissione o mancano i fondi(assegno a vuoto),l’assegno èugualmente valido e il traente assume un obbligazione cartolare.Gli assegni sono redatti su moduli stampati all’interno del libretto degli assegni.Gli assegni assomigliano alle cambiali tratte ma se ne differiscono per queste caratteristiche:- nell’assegno la scadenza è sempre “a vista”- nell’assegno il trattario è sempre un banchiere- nell’assegno il banchiere è un obbligato extracartolare,fino alla somma convenuta,con il traente non è quindi un obbligato del portatore legittimo(con l’accettazione nella cambiale tratta vale invece il contrario)L’assegno adempie ad una funzione di pagamento la cambiale invece adempie ad una funzione dicredito.-DISCIPLINA DELL’ASSEGNO CAMBIARIOBuona parte della disciplina dell’assegno bancario corrisponde alla disciplina della cambiale, ma sene differisce per molti aspetti. 1)REQUISITI: - la denominazione di “assegno bancario” o “chéque”. - la scadenza sempre“a vista.” - il trattario dev’essere un banchiere,l’assegno dev’essere autorizzato e dev’essere coperto. - il rappresentante può emettere assegni anche per conto di un terzo. - il luogo del pagamento,se non è indicato,è quello indicato accanto al banchiere o il luogo di emissione dell’assegno. - il traente e il trattario devono essere due soggetti diversi. - la data di emissione dev’essere apposta sul titolo ed essere vera. - la promessa di interessi si ha per non iscritta. 15/21
  16. 16. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Profland - l’assegno in bianco è invalido(tranne se riguarda il nome del prenditore). 2)LEGGE DI CIRCOLAZIONE: L’assegno può essere di 2 tipi :o “all’ordine” o “al portatore”,se nulla è indicato è“all’ordine”viceversa per essere “al portatore” deve essere inserita la dizione “al portatore”o altra equivalente. Gli assegni al portatore non possono superare la somma di £ 20.000.000,perassegni di cifra superiore deve essere indicato il nome del prenditore più la clausola”nontrasferibile”.girata:Negli assegni “all’ordine” la girata,come per la cambiale,ha la medesima funzione del trasferimentodel diritto cartolare e di garanzia del pagamento,nei titoli al portatore la girata ha solo la funzione digaranzia (norme sul regresso). La girata al trattario vale come quietanza e l’assegno non può esserepiù girato(tranne la girata per altro stabilimento) 3)ACCETTAZIONE: L’assegno non prevede l’accettazione,l’ apposizione su di esso si ha per non iscritta. Il banchiere trattario non diventa mai obbligato cartolare nei confronti del portatore legittimodell’assegno bancario. Con l’apposizione del”visto” il trattario si obbliga a bloccare i fondi dellaprovvista per la copertura dell’assegno.4)PRESENTAZIONE AL PAGAMENTO:La scadenza”a vista” è l’unica forma di scadenza per l’assegno,per cui dopo l’emissione l’assegnopuò essere presentato e pagato in qualsiasi momento,ciò vale anche per l’assegno post-datato.termine di presentazione:L’assegno deve essere presentato per il pagamento entro un termine finale,decorrente dalla data diemissione,di 8 giorni se il comune di emissione e di pagamento coincidono,di 15 giorni se noncoincidono. La scadenza del termine determina la seguenti conseguenze: 1) estinzione delle obbligazioni di regresso dei giranti. 2) obbligo del trattario di pagare anche se l’assegno è scaduto. 3) il traente può ritirare i fondi anche in presenza del”visto”. 4) per l’assegno scoperto il traente non può essere sanzionato amministrativamente.pagamento:Il banchiere trattario non è tenuto al pagamento al portatore legittimo dell’assegno,ma è tenutoextracartolarmente solo verso il traente,in forza della convenzione d’assegno. Il pagamentoestingue tutte le obbligazioni cartolari di regresso ed extracartolari,a condizione che il pagamentosia effettuato nei confronti del portatore legittimo dell’assegno, senza dolo o colpa grave deltrattario.falsificazione della firma del traente:Il trattario non è tenuto a verificare l’autenticità delle firme dei giranti.E’invece discusso in dottrina,nel silenzio della legge,come ci si debba comportare nei confrontidella firma falsa del traente. La falsificazione può prevedere la colpa o del traente o del trattario: -colpa del traente: può avvenire,ad esempio, per negligenza nella custodia del libretto degli assegni e comporta l’obbligo del pagamento al portatore legittimo. -colpa della banca trattaria:può avvenire,per esempio,se non si è fatto il controllo della firma del traente,la banca è obbligata al pagamento avverso il portatore legittimo.La colpa della banca è presunta legalmente. -colpa di entrambi:traente e trattario sono quindi corresponsabili e coobbligati. 16/21
  17. 17. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: ProflandIn assenza di colpa la dottrina è divisa nell’attribuire responsabilità al traente o al trattario.Nella convenzione d’assegno può essere inserita,per gli assegni con firma falsificata,una clausolalimitativa di responsabilità del trattario per colpa lieve.alterazione della somma dell’assegno:In questo caso è indispensabile valutare se l’alterazione era dalla banca trattaria riconoscibile.Se questa era riconoscibile,il traente non risponde della somma eccedente.Se l’assegno è presentato in una banca diversa dalla trattaria è possibile che vi sia benestaretelefonico per la conferma della sufficienza della provvista. La banca trattaria col benestare può: 1) fornire informazioni sull’esistenza della provvista:in questo caso la banca trattaria èresponsabile per le informazioni errate. 2) bloccare i fondi:la banca trattaria è responsabile se ha permesso al traente di disporre dellaprovvista. 3) dare mandato(extracartolare)di pagamento dell’assegno:la banca trattaria è responsabilesecondo le norme sul mandato.rifiuto di pagamento:Se la banca trattaria si rifiuta di pagare al portatore l’assegno,questi può rivolgersi in via di regressoal traente,ai giranti ed ai loro avallanti .Per giranti ed avallanti ci si può rivolgere solo se sonorispettati i termini di pagamento ed il mancato pagamento è stato constatato mediante protesto,odichiarazione scritta del trattario sull’assegno e registrata, o mediante dichiarazione in stanza dicompensazione .Come la cambiale,l’assegno è un titolo esecutivo.5)ASSEGNO EMESSO SENZA AUTORIZZAZIONE O SENZA COPERTURA :Se l’assegno è stato tratto senza l’autorizzazione bancaria di emissione oppure se l’assegno,presentato in tempo utile,è scoperto,senza che sia saldato nei successivi 60 giorni(con interessilegali, penale del 10% e spese di protesto), il traente è soggetto a sanzioni pecuniarieamministrative. Il prefetto può emettere nei confronti del traente dell’assegno scopertoprovvedimenti di interdizione dell’emissione di assegni. Sanzioni accessorie sono previste nei confronti di chi abbia emesso assegni scoperti per una cifra superiore a £ 100.000.000.revoca dell’autorizzazione:La revoca dell’autorizzazione ad emettere assegni e l’invito a restituire il libretto degli assegni deveessere comunicata dalla banca trattaria entro 20 giorni dal protesto o dal mancato pagamento perdifetto di provvista. In caso contrario la banca è obbligata a pagare gli assegni sino a £ 10.000.000anche nel caso di provvista insufficiente. La banca può riautorizzare all’emissione il traente dopo 3mesi dal giorno della revoca (6 mesi per revoca su assegni scoperti sopra i £ 20.000.000).6)AMMORTAMENTO:E’ la procedura alla quale può fare ricorso il portatore legittimo in caso di smarrimento,sottrazione edistruzione dell’assegno bancario,essa è analoga a quella della cambiale. (vedi pg 4)7)PRESCRIZIONE:L’azione di regresso del portatore contro il traente,i giranti e gl’altri obbligati si prescrive in 6 mesidal giorno dal termine di presentazioneL’azione di regresso contro il precedente dell’ordine cambiario,da parte di chi ha pagato, siprescrive in 6 mesi dal giorno del pagamento dell’assegno o dal giorno in cui l’azione di regresso èstata esercitata nei suoi confronti.L’azione di arricchimento si prescrive in 1 anno decorrente dal giorno della perdita dell’azionecartolare. 17/21
  18. 18. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Profland-ASSEGNO SBARRATO, ASSEGNO DA ACCREDITARE, ASSEGNO NONTRASFERIBILE:Per diminuire i pericoli di furto o smarrimento del titolo,incombenti sul portatore,è possibileapporre sull’assegno segni o clausole particolari,che rendono difficili la riscossione al ladro o alritrovatore.-assegno sbarrato: il traente o il portatore possono apporre sul fronte due linee rette parallele(c.d.sbarre),. Lo sbarramento può essere di due tipi: -sbarramento generale: se fra le sbarre non è indicato nulla o è indicata la parola “banchiere”. Il pagamento può essere effettuato dalla banca trattaria o ad un suo cliente o ad un altro banchiere -sbarramento speciale : se fra le sbarre è indicato il nome del banchiere. Il pagamento può essere effettuato dalla banca trattaria solamente al banchiere indicato o ad un proprio cliente.Lo sbarramento non impedisce la circolazione del titolo,ma l’ultimo giratario deve essere per forzaun banchiere o un suo cliente. I banchieri possono acquistare o incassare un assegno bancario solodai propri clienti o da altri banchieri,se non sono osservate le seguenti disposizioni,il banchieretrattario e gli altri banchieri,sono responsabili,nei limiti dell’assegno,del risarcimento dei dannieventualmente causati al vero creditore,facilitando la riscossione del falso creditore.-assegno da accreditare: Il traente o il portatore di un assegno bancario possono vietare che iltitolo sia pagato in contanti,apponendo sulla faccia anteriore di questo le parole”da accreditare”oaltra espressione equivalente,in tal caso il trattario può solo accreditare l’assegno nel conto che ilportatore ha presso di lui o compensarlo con un altro credito. La clausola”da accreditare”fa in modoche l’assegno può essere riscosso solamente dai clienti del trattario.-assegno non trasferibile:l’assegno con clausola”non trasferibile”o altra equivalente non puòcircolare(non è possibile girarlo).Questo assegno può essere riscosso solamente dal prenditore.In caso di furto non è necessaria la procedura di ammortamento,in quanto è possibile a propriespese richiederne un duplicato dal traente.-ASSEGNO “VADEMECUM” (A COPERTURA GARANTITA)Gli assegni a copertura garantita assicurano il prenditore dell’esistenza del fondo. Sulla cartafiligranata dell’assegno è impressa la cifra massima per cui l’assegno può essere emesso. Ilbanchiere rilascia moduli per un importo complessivo non superiore al fondo ed il cliente non puòdisporne fino a quando non abbia pagato gli assegni e restituito gli eventuali moduli non emessi.In questo modo i portatori degli assegni sono sicuri della presenza del fondo.-CARTA-ASSEGNIE’un documento rilasciato dal banchiere trattario al cliente,che lo sottoscrive nella faccia anteriore,in cui di solito sono indicati:-numero della carta-numero del conto corrente-nome del titolare del conto e della carta-data di scadenza della carta ed indicazione dell’importo massimo dell’assegnoNella faccia posteriore della carta vi è una dichiarazione del banchiere in cui questo assicura lasolvibilità dell’emissione,a condizione che il prenditore:-faccia firmare l’assegno dal traente in sua presenza-accerti la corrispondenza della firma e del numero del conto apposti sull’assegno e sulla carta-trascriva il numero della carta sul retro dell’assegno-presenti per il pagamento l’assegno al banchiere trattario entro il termine della carta-assegniGli effetti giuridici della carta-assegni sono controversi,alcuni ritengono che il banchiere si obblighi 18/21
  19. 19. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Proflandextracartolarmente a pagare il prenditore anche in assenza di provvista,alle condizioni indicate sullacarta assegni.-ASSEGNO TURISTICO(TRAVELLER’S CHECK)E’uno strumento di pagamento che garantisce i rischi del furto,dello smarrimento o della mancanzadi provvista. Sull’assegno,filigranato e indicante l’importo massimo, deve essere presente la doppiafirma conforme del prenditore.La seconda firma va apposta davanti al prenditore.L’acquirente deltitolo irregolare per non corrispondenza della firma, non diventa titolare del diritto dicredito.L’assegno turistico può non indicare il nome del prenditore,in questo caso risulta essere unassegno al portatore. ASSEGNO CIRCOLARE e TITOLI SPECIALI-ASSEGNO CIRCOLARE:E’uno strumento di pagamento all’ordine,in esso deve essere presente:- la denominazione di “assegno circolare”sul titolo.- la promessa incondizionata di pagare a vista una somma determinata.- l’indicazione del prenditore,della data e del luogo di emissione.- la sottoscrizione della banca emittente.- clausola”non trasferibile”per importi superiori a £ 20.000.000L’assegno circolare è modellato sul pagherò cambiario(o cambiale propria,vedi pg 6) ,perché vieneemesso direttamente su richiesta del cliente,che ne versa l’importo corrispondente o ne consentel’addebitamento sul suo conto,da una banca che diventa debitrice principale ,obbligandosi a pagarloa vista al portatore, presso tutti i recapiti indicati sul titolo. E’un titolo all’ordine che può esseresbarrato,da accreditare,non trasferibile e turistico. Per emettere assegni circolari la banca deveessere autorizzata dalla banca d’Italia e tenere presso essa una cauzione in proporzione ai titoliemessi. Il possessore decade dall’azione di regresso contro i giranti se non presenta il titolo dipagamento entro 30 giorni dall’emissione. L’azione contro il banchiere emittente si prescrive dopo3 anni dalla emissione. La girata a favore dello stesso emittente estingue l’assegno.-VAGLIA CAMBIARIO:Il vaglia cambiario, emesso dalla banca d’Italia,dal banco di Napoli e dal banco di Sicilia,è untitolo all’ordine con cui la banca emittente si impegna a pagare a vista una determinata somma didenaro al portatore legittimo del titolo. Corrispondono agli assegni circolari delle altre banche,ma sene differiscono per la denominazione”vaglia cambiario.Per usufruire del vaglia cambiario,come perl’assegno circolare,è necessario il versamento della somma indicata nel vaglia,somma su cui lastessa banca si obbligherà a pagare al portatore legittimo.-ASSEGNO BANCARIO LIBERO E PIAZZATO:Sono emessi dalla banca d’Italia,dal banco di Napoli e dal banco di Sicilia. Sono titoli all’ordinemodellati sul modello della cambiale tratta, pagabili a vista presso qualsiasi filiale(assegno bancariolibero)o presso una sola filiale(assegno bancario piazzato).Consentono un agevole trasmissione deldenaro da luogo a luogo.-ASSEGNO CIRCOLARE DELL’ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI: 19/21
  20. 20. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: ProflandE’l’assegno circolare,autorizzato dalla banca d’Italia, emesso da un istituto centrale raggruppantediverse banche aderenti.-FEDE DI CREDITO:E’un titolo di credito all’ordine emesso dal banco di Napoli e dal banco di Sicilia,pagabile a vistapresso qualsiasi filiale. Deve contenere:-denominazione di “fede di credito”-promessa di pagare una somma determinata-indicazione del prenditore,della data e del luogo di emissione-sottoscrizione del banco emittenteLa fede di credito può contenere:-indicazione della causa: può essere indicata la causa trasferente il diritto fra il girante ed ilgiratario.-apposizione di una condizione:il banco pagherà la somma solo in caso di dimostrazionedell’avveramento della condizione.Per ambedue i casi la girata deve essere scritta a mano (ed autenticata da un notaio per lacondizione) e sottoscritta dal girante. 20/21
  21. 21. Appunti d’esameDiritto Commerciale visto su: Profland Il file è stato scaricato/visualizzato in forma gratuita da Profland: http://profland.altervista.org sezione Profstudio http://profland.altervista.org/profstudio/profstudio.htm oppure da qualche mirror, come: www.profland.cjb.net www.profland.135.it o dalla pagina dedicata su slideshare.net: www.slideshare.net/profman 21/21

×