Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

L'educatore come consulente

1,102 views

Published on

Progetto di cooperazione tra Educatore e Consiglio di Classe

Published in: Education
  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

L'educatore come consulente

  1. 1. Proposta per una riformulazione del ruolo dell'educatore e per la creazione di un sistema di cooperazione L'educatore come consulente lunedì 12 gennaio 15
  2. 2. Cos'è un educatore? lunedì 12 gennaio 15
  3. 3. Cos'è un educatore? lunedì 12 gennaio 15
  4. 4. Cos'è un educatore? ? lunedì 12 gennaio 15
  5. 5. La legge dice... • “L’educatore professionale è l’operatore sociale e sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante, attua specifici progetti educativi e riabilitativi, nell’ambito di un progetto terapeutico elaborato da un’équipe multidisciplinare, volti a uno sviluppo equilibrato della personalità con obiettivi educativi/relazionali in un contesto di partecipazione e recupero alla vita quotidiana; cura il positivo inserimento o reinserimento psico- sociale dei soggetti in difficoltà”. lunedì 12 gennaio 15
  6. 6. Il modello attualmente in atto ALUNNO PROBLEMATICO ALUNNO ALUNNO ALUNNO ALUNNO ALUNNO INSEGNANTE EDUCATORE lunedì 12 gennaio 15
  7. 7. Il modello implicito: placcaggio SONO UN ALUNNO PROBLEMATICO E VOGLIO COMMETTERE UN ATTO DEVIANTE SONO UN EDUCATORE E TI IMPEDISCO DI COMPIERE IL TUO ATTO E DI CREARE DISORDINE lunedì 12 gennaio 15
  8. 8. LA SCUOLA HA BISOGNO DI AIUTO PER CONTENERMI, PERCHÉ SONO TROPPO FORTE Funziona? lunedì 12 gennaio 15
  9. 9. Funziona? OGGI C'È L'EDUCATORE, POSSIAMO STARE TRANQUILLI OGGI L'EDUCATORE NON C'È, SPERIAMO BENE... lunedì 12 gennaio 15
  10. 10. Funziona? OGGI C'È L'EDUCATORE, POSSIAMO STARE TRANQUILLI OGGI L'EDUCATORE NON C'È, SPERIAMO BENE... dipendenza del sistema dall'azione contenitiva dell'educatore lunedì 12 gennaio 15
  11. 11. Come evitare la dipendenza? attraverso la diffusione di competenze pedagogiche dall'educatore agli/alle insegnanti lunedì 12 gennaio 15
  12. 12. Didassi e didattica • In un approccio riflessivo un atto didassico non può essere abbandonato a se stesso come se si riferisse a qualcosa che è già passato e che non può dire nulla al presente o al futuro. L’atto compiuto è solo una parte del processo formativo, l’altra parte riguarda ciò che si costruisce in termini di consapevolezza, non solo quindi per gli aspetti strettamente cognitivi, su ciò che è effettivamente accaduto. • L’accaduto è il patrimonio da scoprire e il potenziale da sviluppare; è, in qualche modo, la fonte generativa della conoscenza e dell’apprendimento. lunedì 12 gennaio 15
  13. 13. Il consulente pedagogico • Si pone al servizio del minore a disagio per permettergli di esprimere le fonti del suo malessere • Media tra le esigenze del minore e i docenti • Mette a disposizione dei docenti le proprie competenze in modo da potenziare l'efficacia della comunicazione agli studenti lunedì 12 gennaio 15
  14. 14. Un nuovo modello ALUNNO PROBLEMATICO ALUNNO ALUNNO ALUNNO ALUNNO ALUNNO INSEGNANTE EDUCATORE lunedì 12 gennaio 15
  15. 15. PROGETTO EDUCATIVO Oltre la didassi ALUNNO PROBLEMATICO EDUCATORE INSEGNANTE FAMIGLIA COLLEGIO DOCENTI lunedì 12 gennaio 15
  16. 16. Ad esempio PROFESSORE, PUÒ DIRCI I VOTI FINALI IN PAGELLA COME HANNO FATTO TUTTI GLI ALTRI PROFESSORI? NO, PERCHÉ IO NON SONO COME GLI ALTRI PROFESSORI. PRENDETE IL LIBRO E LAVORIAMO lunedì 12 gennaio 15
  17. 17. Risultato... DAL MOMENTO CHE NON SONO RISPETTATO NON RISPETTO NEMMENO IO A MIA VOLTA SE UN PROF PUÒ ESSERE DIVERSO DAGLI ALTRI PROF ALLORA UN ALUNNO PUÒ COMPORTARSI IN MODO DIVERSO DAGLI ALTRI ALUNNI NON SONO CAPITE LE MIE ESIGENZE, PER CUI NON SONO PIÙ DISPONIBILE lunedì 12 gennaio 15
  18. 18. Dopo la consulenza PROFESSORE, PUÒ DIRCI I VOTI FINALI IN PAGELLA COME HANNO FATTO TUTTI GLI ALTRI PROFESSORI? PREFERISCO NON COMUNICARLI PERCHÉ CI SONO DELLE INSUFFICIENZE E NON VOGLIO METTERE NESSUNO IN IMBARAZZO lunedì 12 gennaio 15
  19. 19. Risultato ANCHE SE NON SONO STATO ASSECONDATO SONO STATO COMPRESO LA MOTIVAZIONE DATA HA SENSO, NON MI OPPONGO IO MI OPPORRÒ LO STESSO, MA RIMARRÒ UN CASO ISOLATO lunedì 12 gennaio 15
  20. 20. Nella complessità di una classe... • ...sono spesso le piccole sfumature a fare la differenza tra un successo e un insuccesso • il consulente pedagogico ha la funzione di lavorare su queste sfumature per permettere un cambiamento graduale, lento ma duraturo lunedì 12 gennaio 15
  21. 21. Come? • Condividendo i momenti della decisione ("Cosa ne pensa l'educatore di questa decisione presa dal consiglio di classe?") • Creando momenti di confronto e colloqui a due con insegnanti ("Oggi ho avuto difficoltà a gestire questa situazione") e con l'alunno problematico ("Ho visto che ti sei comportato così") lunedì 12 gennaio 15

×