Volantinogovernoletta berlusconi

293 views

Published on

Opponiamoci al governo Letta-Berlusconi, che affossa il cambiamento democratico-borghese ed ufficializzerà il regime neofascista, presidenzialista e federalista.
Lottiamo per cambiare L'Italia, col SOCIALISMO e col potere del proletariato

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
293
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
78
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Volantinogovernoletta berlusconi

  1. 1. OPPONIAMOCI AL GOVERNO LETTA-BERLUSCONI CHE AFFOSSA IL CAMBIAMENTO DEMOCRATICO BORGHESE E UFFICIALIZZERÀ IL REGIME NEOFASCISTA, PRESIDENZIALISTA E FEDERALISTA LOTTIAMO PER CAMBIARE L’ITALIA COL SOCIALISMO E COL POTERE DEL PROLETARIATO In base ai partiti che lo costituiscono, alla compagine governativa, al programma, agli obiettivi che si propone e al disegno politico a cui si ispira, il governo Letta-Berlusconi è un governo al servizio del capitalismo, della classe dominante borghese e dell’Unione europea imperialista. Questo mostruoso governo lo dobbiamo al presidente della Repubblica, il rinnegato Giorgio Napolitano, che ha riaperto la porta governativa al neoduce Berlusconi, come il re Vittorio Emanuele III l’aprì a Mussolini. Lo dobbiamo al PD che, dopo il diktat-ricatto di Napolitano che minacciava di dimettersi, ha clamorosamente e vigliaccamente abbandonato la linea del cambiamento e di alternativa al PDL, cedendo su tutta la linea a Berlusconi. Lo dobbiamo infine all’ambizione e all’opportunismo del nuovo presidente del consiglio Enrico Letta, un democristiano di lungo corso, esponente di prima linea dell’imperialismo italiano ed europeo, grande amico dell’imperialismo americano. Due sono i punti fondamentali che caratterizzano politicamente e storicamente questo nuovo governo. Il primo riguarda l’alleanza governativa dei due principali partiti della classe dominante borghese, quello della sua destra, il PDL, e quello della sua “sinistra”, il PD, che per venti anni si sono combattuti e dichiarati alternativi l’uno dell’altro, e che ora si sono messi insieme nel tentativo di far superare al capitalismo la peggiore crisi economica e finanziaria che da cinque anni lo dilania. Il secondo punto fondamentale che caratterizza questo governo riguarda il suo obiettivo di cambiare la Costituzione per arrivare alla Repubblica presidenziale, che era già nei piani dei fascisti storici, di Craxi e Amato, della P2 di Gelli e di Berlusconi, e che gli ultimi presidenti della Repubblica con in testa Napolitano hanno realizzato di fatto. Sarà anche completata la “riforma” federale, come ha assicurato al giornale del PD Graziano Delrio, ministro degli affari regionali e delle autonomie. Con buona pace dell’unità nazionale. Letta si vanta di aver svecchiato la compagine governativa e di avervi messo più donne. Ma da un punto di vista di classe, ciò non conta proprio nulla. La nomina di una ministra di colore è solo fumo negli occhi, non cambia la sostanza delle cose e la natura borghese, capitalista, imperialista e antipopolare del governo. Lo comprova il suo programma incentrato sulla fedeltà all’Unione europea che vuol trasformare negli Stati Uniti di Europa. Letta ha detto che il lavoro è la priorità del governo. Ma in concreto nel programma non c’è nulla di risolutivo, solo pannicelli caldi e il rilancio del famigerato apprendistato. Ma come si può pensare di risolvere questo drammatico problema quando si arriva a dire che il Mezzogiorno deve “crescere da solo”? No signori! E’ il governo nazionale e tutto lo Stato che devono intervenire con tutta la loro forza economica e finanziaria, e attraverso una lotta concreta alle mafie, di cui non c’è traccia nel discorso programmatico. Il proposito di abbattere le tasse ai padroni e di tagliare la spesa pubblica è un chiaro segnale che i lavoratori, i pensionati, i cassintegrati, i precari, i disoccupati, i giovani non avranno nemmeno le briciole del sontuoso banchetto dei capitalisti, dei borghesi, dei ricchi e dei loro tirapiedi governativi, istituzionali. Per quanto detto, il governo Letta-Berlusconi non merita alcun credito, consenso, appoggio diretto o indiretto. Esso va combattuto a viso aperto, attraverso una dura opposizione di classe e di massa nelle fabbriche, in tutti i luoghi di lavoro, nelle scuole, nelle università, nelle piazze, nelle organizzazioni di massa, specie sindacali. Contiamo in particolare sull’apporto della classe operaia, dei disoccupati, dei precari e dei giovani. Si alzi alto e forte il grido: Abbasso il capitalismo e i suoi servi! Viva il socialismo, il potere al proletariato! Si prenda coscienza che perdurando il capitalismo è impossibile cambiare veramente l’Italia. La via è una sola: acquisire al più presto la cultura del proletariato e della rivoluzione sociale e politica, ossia il marxismo-leninismo-pensiero di Mao, e capire che è possibile rovesciare cielo e terra se uniti, a milioni, sotto le bandiere rosse dei Maestri e del PMLI si dà battaglia al capitalismo e al suo governo qualsiasi sia la sua etichetta, si lotta quotidianamente per migliorare le condizioni di vita e di lavoro delle masse e si preparano le condizioni soggettive della rivoluzione socialista. Un nuovo mondo ci attende, lottiamo per conquistarlo! Avanti con forza e fiducia verso l’Italia unita, rossa e socialista! Coi Maestri e il PMLI vinceremo! (Estratti dal Documento dell’Ufficio politico del PMLI pubblicato integralmente su "Il Bolscevico" n. 18/2013 e sul sito www.pmli.it) PARTITO MARXISTA-LENINISTA ITALIANO Ufficio politico Organizzazione di Pineto (TE) e-mail:pmli.pineto@virgilio.it www.pmlipineto.altervista.org Sede centrale: via Gioberti 101, Firenze - Recapito postale: IL BOLSCEVICO – CP 477 - 50100 FIRENZE tel. e fax 055 2347272 - e-mail: commissioni@pmli.it - www.pmli.it st. in prop. 30.04.2013

×