ilbolscevico38mmxi

802 views

Published on

Crisi e Capitalismo nel mirino dei manifestanti del 15 ottobre 2011, il bolscevico n°38-2011

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

ilbolscevico38mmxi

  1. 1. Spedizione in A.P. - 45% art. 2 Comma 20/b legge 662/96 - Filiale di Firenze - Settimanale - € 1,50 Fondato il 15 dicembre 1969 Nuova serie - Anno XXXV - N. 38 - 27 ottobre 2011 A Roma sfilano in 500mila. Grandi manifestazioni in 87 Paesi. A Londra il “China Daily” di Pechino intervista un esponente del PMLI Il PMLI: un avvenimento storico, non intaccato dalle gravi, erronee e controproducenti provocazioni di via Cavour. L’interminabile corteo composto in stragrande maggioranza da giovani e giovanissimi. Asse tra il PMLI e le “Mamme Vulcaniche”. I medici di un ospedale si oppongono all’identificazione dei feriti prima della cura. La delegazione del PMLI, diretta da Branzanti coadiuvato da Di Matteo, incita ad abbattere Berlusconi sollevando la piazza RIMANE DA CAPIRE CHE L’UNICA E VERA PAG. 2 ALTERNATIVA E’ IL SOCIALISMO COMUNICATO DELL’UFFICIO STAMPA DEL PMLI Nonostante il divieto fascista della Una manifestazione questura di Roma anticapitalista storica IL CORTEO PAG. 3 FIOM DEL 21 Grazie all’“aiutino” di Napolitano, nuovo Vittorio Emanuele III, e all’imbelle e ridicola “opposizione” parlamentare IL NUOVO MUSSOLINI SI SALVA ANCORA SI DEVE COL VOTO DI FIDUCIA VA ABBATTUTO DALLA PIAZZA PAG. 8 FARE Secondo Berlusconi “la lotta di classe è tramontata per sempre” Roma, 15 ottobre 2011. In alto, una veduta parziale del corteo. I cartelli e le bandiere della delegazione nazionale del PMLI. In primo piano lo spezzone delle combattive “Mamme Vulcaniche” partenopee (foto Il Bolscevico)
  2. 2. 2 il bolscevico / manifestazione di roma N. 38 - 27 ottobre 2011 A ROma sfilano in 500mila. Grandi manifestazioni in 87 Paesi. A Londra il “China Daily” di Pechino intervista un esponente del PMLIIL CAPITALISMO E BERLUSCONINEL MIRINO DEI MANIFESTANTI Il PMLI: un avvenimento storico, non intaccato dalle gravi, erronee e controproducenti provocazioni di via Cavour. L’interminabile corteo composto in stragrande maggioranza da giovani e giovanissimi. Asse tra il PMLI e le “Mamme Vulcaniche”. I medici di un ospedale si oppongono all’identificazione dei feriti prima della cura. La delegazione del PMLI, diretta da Branzanti coadiuvato da Di Matteo, incita ad abbattere Berlusconi sollevando la piazza RIMANE DA CAPIRE CHE L’UNICA E VERA ALTERNATIVA È IL SOCIALISMO Dal nostro inviato quale si legge fra l’altro: “Avete gendo barricate e lanciando sam- Quella del 15 ottobre 2011 è rappresentato al meglio il nostro pietrini. Una camionetta dei cara-una giornata che resterà negli an- amato Partito e contribuito al suc- binieri e uffici del ministero dellanali della lotta di classe in Italia, cesso delle suddette manifestazio- Difesa vengono dati alle fiamme.perché, come ha rilevato tempesti- ni tenendo ben alte le insegne ri- La furia repressiva delle “forzevamente il comunicato dell’Uffi- voluzionarie e anticapitaliste del dell’ordine” è smisurata. Le camio-cio stampa del PMLI: “Mai dopo PMLI. nette piombano a gran velocità nelil Sessantotto e il Settantasette si è “Voi, compagne e compagni, bel mezzo del corteo, si susseguonoverificata in Italia una manifesta- siete stati coprotagonisti di una i caroselli e un manifestante vienezione di massa contro il capitali- grande e storica manifestazio- persino investito. Manifestanti iner-smo e il governo che ne cura gli ne anticapitalista (...) La coscien- mi vengono aggrediti ovunque siaffari, come quella di questo po- za anticapitalista delle masse è in trovino. Una ragazza a braccia con-meriggio a Roma”. Si è trattato di pieno sviluppo, e ciò crea miglio- serte davanti alla polizia viene man-“Un avvenimento storico, che po- ganellata e ferita al volto. Il corteo ri condizioni per porre in manieratrebbe segnare una svolta nella lot- si disperde definitivamente e anche dialettica la questione che la verata di classe nel nostro Paese”. La i marxisti-leninisti sono costretti a e unica alternativa al capitalismo è lasciare le strade, sfuggendo per unricorderemo anche come l’ennesi- il socialismo. soffio alla repressione, ma gli scon-mo episodio di violenta repressio- “Il vostro spirito di sacrificio, tri si protraggono per ore. Il bilan-ne antipopolare da parte del gover- specie da parte dei compagni si- cio è di 135 feriti (in maggioranzano neofascista di Berlusconi. La manifestazione di Roma si ciliani che hanno fatto il viaggio appartenenti alle “forze dell’ordi-è svolta in contemporanea a quel- più lungo e disagiato, il vostro ri- ne”) e 12 arresti.le per il “cambiamento globale” Parte dello spezzone del PMLI al corteo romano. Al centro il compagno Denis Branzanti, che ha diretto la delegazione spetto del centralismo democrati- A fine giornata partono i ra-in più di 900 città di 87 paesi del nazionale del Partito (foto Il Bolscevico) co e della disciplina proletaria, la strellamenti per le vie di Roma emondo (senza risparmiare le cit- la caccia al manifestante persino, Piazza della Repubblica è pie- mi. L’opportunista leader dei radi- in certi casi, in attesa dei pullmantadelle dell’imperialismo, come na fin dalle 13, tanta è la parteci- cali Marco Pannella, che cercavaStati Uniti, Giappone e Unione nelle altre città. pazione di massa. Il corteo si muo- di infilarsi nel corteo, viene cac- Da segnalare il coraggio deieuropea), dirette contro l’oligar- ve a partire dalle 14 imboccando ciato dai manifestanti.chia finanziaria che giustamente medici rifiutatisi di permettere via Cavour. Tante le realtà presen- alla polizia di identificare i mani-viene sempre più percepita come ti: FIOM, “La Cgil che vogliamo”, festanti feriti prima che potesseronemica delle masse lavoratrici epopolari. Cobas, Usb, No TAV, No Dal Mo- lin, No Ponte, ARCI, Comitati per Il PMLI ricevere le cure, e delle chiese (ba- La manifestazione è stata mol- silica di San Giovanni e S. Maria l’acqua pubblica, gli aquilani ter- Il PMLI era presente a Romato partecipata e combattiva, da tut- dei Monti) che hanno offerto rifu- remotati, i “Draghi ribelli”, “Roma con una delegazione nazionale di-ta Italia migliaia e migliaia di ope- gio e acqua ai manifestanti. bene comune”, “Uniti per l’alter- retta dal compagno Denis Bran-rai, lavoratori, precari, disoccupati, Indubbiamente l’azione degli nativa”, le “Mamme Vulcaniche”, zanti coadiuvato dal compagnopensionati, studenti sono scesi in infiltrati di Stato e degli inguaribi- PRC, PdCI, SEL, Associazioni di Franco Di Matteo e composta dapiazza con grande determinazione, li malati di avventurismo e terrori- ambientalisti e quelle di migran- compagne e compagni provenientiper nulla impauriti dalla grancassa smo di piccolo gruppo, ha favorito ti, “Femministe indignate”. Non da Lombardia, Emilia-Romagna, enormemente la repressione poli-terroristica che preannunciava di- Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo,sordini. Di sicuro la straordinaria mancano le Organizzazioni degli ziesca. Maroni e i suoi sgherri non studenti partiti dalla Sapienza. Campania, Puglia e Sicilia. aspettavano altro e hanno gravi eaffluenza e la combattività dei ma- La combattiva, disciplinata e Roma. Da sinistra, i compagni Giovanna Vitrano, Federico Picerni, Denis Bran-nifestanti hanno fatto fischiare le Fra i 500mila manifestan- zanti, Franco Di Matteo e Angelo Urgo (foto Il Bolscevico) precise responsabilità. Non è da ti l’entusiasmo, la combattività rossa delegazione portava cartel- escludere una risonanza a lungoorecchie del neoduce Berlusconi, li contro il nuovo Mussolini e le portamento de la Repubblica nei vostra combattività anticapitalistadei suoi gerarchi e dei partiti del- e la rabbia contro il capitalismo, termine, con un inasprimento ge- il governo Berlusconi e “l’Euro- bandiere rosse dei Maestri e del confronti del PMLI. Nel giorno e antigovernativa e il vostro corag- nerale delle norme repressive fa-la “sinistra” borghese che si sono Partito, diffondendo copie de Il stesso della manifestazione, in un pa delle banche” sono alle stelle. gio rivoluzionario, illuminano ed sciste, con l’agenzia AISI (infor-trovati spiazzati davanti alla po- Bolscevico e volantini che invi- grosso articolo dal titolo “Indigna- Alla partenza vengono applaudi- ispirano i dirigenti nazionali del mazioni e sicurezza interna) chetente carica anticapitalista delle tavano ad abbattere il principale ti, Roma blindata per il corteo dei ti i No TAV. Un significativo car- PMLI con alla testa il compagno afferma: “La mobilitazione delmasse, e il grado di autonomia e massacratore sociale Berlusconi. 200mila” a tutta pagina, trami- tello recita: “Uno spettro s’aggira Giovanni Scuderi e questa Com- 15 segna un punto di non ritornodi indipendenza che queste hanno I marxisti-leninisti, super-foto- te il pennivendolo Corrado Zuni- per l’Europa dal 1848” (data del missione”. e lo snodo per le future dinamicheraggiunto rispetto a loro. grafati e ripresi dalle telecamere, no scrive “C’è il Partito marxista- La manifestazione ha infatti di- Manifesto del Partito comunista contestative”. a più riprese dai megafoni hanno leninista italiano”. Il giorno dopo, In ogni caso va fatto un dovu-mostrato che il livello di coscien- di Marx ed Engels). “Non siamoza delle masse è cresciuto notevol- merce nelle mani di politici e ban- lanciato slogan e cantato Bandiera rossa e Bella ciao coinvolgendo i nella cronaca della manifestazio- ne, scritto dallo stesso Zunino, ha Gli scontri to distinguo fra i provocatori chemente, poiché hanno capito che il chieri”; “Quando l’ingiustizia di- fin da subito non hanno fatto al- manifestanti vicini, in particolare ignorato completamente la presen- Il primo fumo nero lo si vede tro che sfasciare vetrine e auto, e icapitalismo e i governi che gli reg- venta legge, ribellarsi è un dove- l’energico spezzone delle “Mam- za del PMLI. Perché mai? A pen- verso la fine di via Cavour. È la manifestanti che dopo l’inizio del-gono il sacco sono i responsabili re”; “10, 100, 1000 Tahrir”; così me Vulcaniche” che stava loro da- sar male (bene) si potrebbe dire che prima auto bruciata dai “black la repressione, dentro e fuori Sandi questa crisi, ancora più grave recitano altri cartelli e striscioni. vanti. Ricordando le comuni lotte bloc”, in realtà infiltrati di Stato e quello che interessava unicamente Giovanni, si sono legittimamentedi quella degli anni ’20 del secolo Su un cartello un grande ritratto a Napoli contro le discariche, in “ultrasinistri” che continuano im- all’organo ufficioso del “centro- difesi. Giustamente però non han-scorso, e che quindi è necessario a colori di Marx con sotto scritto accordo con esse, abbiamo lancia- perterriti a sfondare vetrine delle sinistra” era suggerire alle “forze no partecipato alla successiva bat-lottare contro di essi e contro gli “maestro unico”. Domina la paro- to insieme lo slogan: “L’immondi- banche e bruciare automobili an- dell’ordine” di tenerci d’occhio. taglia tra i cosiddetti “Black bloc”strumenti dell’oligarchia finanzia- la d’ordine “Noi il debito non lo zia non va bruciata, raccolta, rac- che nella successiva via Labicana. Come di norma, tutti i me- e le “forze dell’ordine”.ria che governa il mondo specu- paghiamo”. Tante le bandiere ros- colta differenziata”. Vengono lasciati agire indisturba- dia hanno celato la presenza dellando sulle spalle e sulle vite del- se, anche giganti, che sventolano Esponenti del PMLI sono sta- PMLI. Il direttore dimissionario ti dalle “forze dell’ordine”, mentrele masse popolari, BCE e Banca sopra i manifestanti, in stragrande ti intervistati più volte, anche da de il manifesto trotzkista, Norma i manifestanti li insultano al gri-d’Italia in testa. maggioranza giovani e giovanissi- La7, ma non ci risulta che siano Rangeri, scrive “spuntano i maoi- do di “fuori, fuori”, “fascisti, fa- Le reazioni andati in onda. sti”. Ridicola! scisti”, gli lanciano bottiglie e si dei partiti borghesi Nel corso del corteo i capetti di Il PMLI ha partecipato an- scontrano con loro nel tentativo di “Uniti per l’alternativa” hanno pro- che alle mobilitazioni di Londra cacciarli dal corteo. “Bipartisan” l’elogio alle “for- vocato verbalmente e fisicamen- e di Edimburgo. A Londra i nostri Alle 16,30 polizia e guardia di ze dell’ordine” e la condanna del- te i nostri compagni, manovran- compagni hanno rilasciato due in- finanza entrano in azione in tenu- la violenza. Tra tutti si è distinto do contro di essi anche il loro Tir, terviste, una al China Daily di Pe- ta anti-sommossa, spaccando il Vendola il quale a l’Unità del 17 nell’evidente tentativo di emargi- corteo e sparando lacrimogeni e ha dichiarato: “Bisogna dar atto al chino edito dal Partito comunista narci dal corteo. Ma non ci sono idranti. Nel giro di un quarto d’ora ministero dell’Interno di aver pro- cinese revisionista e l’altra a Na- riusciti. Anche perché non tutti la scatta la repressione violenta e in- posto un racconto veritiero… For- tional Public Radio. Successiva- pensavano allo stesso modo, come discriminata dell’intera manifesta- se ci sono stati alcuni errori nella mente sono stati attaccati, come dimostra la solidarietà portataci zione. In particolare i manifestan- comprensione di quello che sta- gli altri manifestanti, dalla polizia va avvenendo. Ma nel complesso dai tanti giovani che erano dietro che voleva cacciarli dalla piazza. ti che erano riusciti a raggiungere è stata una gestione responsabile. lo striscione di quel partito. Resta La Commissione per il lavo- piazza San Giovanni vengono cir- Non è stato un replay di Genova”. pur sempre un atto gravissimo di ro di organizzazione del CC del condati, soffocati da una pioggia Il responsabile nazionale del rottura dell’unità anticapitalista e PMLI ha inviato un messaggio di di lacrimogeni e aggrediti selvag- PD per la sicurezza, Emanuele antifascista di cui Berlusconi an- ringraziamento ai membri della giamente; alla violenza repressiva drebbe molto fiero. delegazione nazionale e alle Istan- oppongono la violenza di massa, ➫Una parte dello spezzone del PMLI. Sulla destra si nota il compagno AndreaCammilli (foto Il Bolscevico) Da segnalare lo “strano” com- ze di Londra e di Aberdeen nel difendendosi come possono, eri- SEGUE IN 3ª
  3. 3. N. 38 - 27 ottobre 2011 manifestazione di roma / il bolscevico 3 COMUNICATO DELL’UFFICIO STAMPA DEL PMLI Una manifestazione anticapitalista storica Mai dopo il Sessantotto e il producenti azioni provocatorie che e la finanza che le stanno af- Un motivo in più per farla fi- za per combatterlo. Rimane solo Ma sono proprio sicuri che stra- Settantasette si è verificata in Ita- di via Cavour non intaccano mi- famando e che tengono in pugno nita una volta per tutte col go- di capire che l’unica e vera alter- tegicamente la scelta di non dare lia una manifestazione di massa nimamente il significato e il va- gli Stati e i governi borghesi per verno del massacratore socia- nativa a esso non sono i governi alcun spazio alla voce del PMLI contro il capitalismo, e il gover- lore politico della esaltante ma- ingrassare un pugno di sangui- le Berlusconi scendendo tutti in della “sinistra” borghese, bensì il sia quella giusta? no che ne cura gli affari, come nifestazione. Fanno solo il gioco sughe. piazza. Speriamo che lo capisca socialismo, cioè il governo della La storia della lotta di classe quella di questo pomeriggio a del capitalismo, del suo governo, Le cariche in piazza San Gio- anche l’imbelle, inconcludente e classe operaia. mondiale non dice loro proprio Roma. Un avvenimento storico, delle sue istituzioni e dei politi- vanni delle “forze dell’ordine” ridicola opposizione parlamen- nulla? Eppure dovrebbero ricor- L’Ufficio stampa del PMLI che potrebbe segnare una svol- canti borghesi di destra e di “si- di Maroni non avevano alcuna tare. dare che la reazione governativa ta nella lotta di classe nel nostro nistra”. ragione di essere effettuate, se Tutti i popoli del mondo, Firenze, 15 ottobre 2011, ore 19,08 e istituzionale borghesi comincia Paese. Ne sono stati protagonisti Il fatto incontrovertibile è che non quella di dimostrare che in come dimostrano le odierne ma- ____________________ sempre a mettere al bando i co- circa 500 mila manifestanti, in le masse non vogliono assoluta- Italia comanda la classe borghe- nifestazioni in 82 Paesi, hanno Anche i media antiberlusco- munisti, ma poi, alla fine, arriva stragrande maggioranza giova- mente pagare il debito causato se e che il popolo non ha alcun preso coscienza che il capitale niani, compresi quelli in mano anche a colpire i partiti e i me- ni e giovanissimi, provenienti da dalla crisi economica e finanzia- diritto di ribellarsi al suo ordi- finanziario, ossia il capitalismo, ai falsi comunisti, hanno igno- dia democratici borghesi. Che si tutta Italia, compresa la Sicilia. ria del capitalismo. E per questo ne e alla sua politica di lacrime è il nemico comune e non han- rato questo importante e chia- sveglino, dunque, prima che sia Le gravi, erronee e contro- attaccano politicamente le ban- e sangue. no più paura a scendere in piaz- rificatore comunicato del PMLI. troppo tardi. I ringraziamenti della Commissione per il lavoro di organizzazione del CC del PMLISIETE STATI COPROTAGONISTI DI UNA GRANDE E STORICAMANIFESTAZIONE ANTICAPITALISTICA A tutti i membri Il nostro primo pensiero frater- per evitare di essere coinvolti negli montante delle masse duramente della delegazione nazionale no e solidale va alle compagne e ai scontri con le “forze dell’ordine” colpite nel salario, nel lavoro, nei del PMLI alla manifestazione compagni che a Londra sono sta- a causa di gravi azioni provoca- servizi pubblici e nei servizi socia- del 15 ottobre a Roma ti repressi dalla polizia e a quelli torie, erronee e controproducenti li, nelle libertà e nei diritti politici, che a Roma hanno direttamente avvenute all’interno del grandio- sindacali e civili a causa della crisi Alla Cellula “Stalin” di Lon- economica e finanziaria del capi- dra e all’Organizzazione affrontato alcuni antiPMLI che ci so corteo. spingevano in bocca alla polizia. Il disimpegno era inevitabile sia talismo, ancora più grave di quella di Aberdeen del PMLI del 1929. Vivi complimenti al compagno perché in generale, e in considera- che a Londra è stato intervistato zione dell’attuale forza del Parti- La coscienza anticapitalista Care compagne, cari compa- delle masse è in pieno sviluppo,gni, dal “China Daily” di Pechino e dal to, dobbiamo proteggere l’incolu- “National Public Radio” e a quel- mità dei compagni, sia perché nel e ciò crea migliori condizioni per un grazie di cuore da parte dei porre in maniera dialettica la que-dirigenti nazionali del PMLI con lo che a Roma è stato intervistato caso specifico si temeva che dopo dall’emittente televisiva La7. gli scontri avvenissero dei rastrel- stione che la vera e unica alterna-alla testa il compagno Giovanni tiva al capitalismo è il socialismo. Un momento dell’intervista de “La7” al PMLI (foto Il Bolscevico)Scuderi e della Commissione per Sotto la direzione del compa- lamenti polizieschi come accadde gno Denis Branzanti coadiuva- 10 anni fa a Genova in occasione Una proposta che noi dobbiamoil lavoro di organizzazione del CC portare dentro i movimenti che vostra combattività anticapitalista plichiamo il discorso di Scude-del PMLI per quanto avete fat- to dal compagno Franco Di Mat- del G8. hanno già maturato la necessità di e antigovernativa e il vostro corag- ri sugli insegnamenti di Mao sulto alle manifestazioni che si sono teo siete stati bravissimi per essere Noi non temiamo le battaglie lottare contro il capitalismo e per gio rivoluzionario, illuminano ed Partito!svolte il 15 ottobre a Roma, Lon- riusciti a inserirvi nel corteo in un di strada, purché siano di massa, ispirano i dirigenti nazionali del Avanti con forza e fiducia ver- abbattere il governo Berlusconi.dra ed Edimburgo contro la “ditta- punto avanzato; per aver stretto un per giusti motivi e obiettivi, quan- Il vostro spirito di sacrificio, PMLI con alla testa il compagno so l’Italia unita, rossa e socialista!tura della finanza” e per il “Cam- forte legame politico e organizza- do non ne possiamo fare a meno specie da parte dei compagni si- Giovanni Scuderi e questa Com- Coi Maestri e il PMLI vince-biamento globale”. tivo con le “Mamme Vulcaniche”; o quando sono necessarie, impie- ciliani che hanno fatto il viaggio missione. remo! Avete rappresentato al meglio per aver risolto senza danni la pro- gandovi le forze stabilite in prece- più lungo e disagiato, il vostro ri- Anche per questo vi ringrazia- La Commissioneil nostro amato Partito e contribui- vocazione dei capetti di “Uniti denza dal Partito. spetto del centralismo democrati- mo profondamente. per il lavoro di organizzazioneto al successo delle suddette mani- per l’alternativa” che ce l’hanno a Voi, compagne e compagni, sie- co e della disciplina proletaria, la Appoggiamo, studiamo e ap- del CC del PMLIfestazioni tenendo ben alte le inse- morte col PMLI; e per esservi di- te stati coprotagonisti di una gran-gne rivoluzionarie e anticapitaliste simpegnati per tempo, secondo le de e storica manifestazione anti-del PMLI. indicazioni telefoniche del Centro, capitalista, che esprime la collera L’APPOGGIO DI ALCUNI SIMPATIZZANTI ➫ DALLA 2ª i metodi di lotta, compresa la vio- mista per addolcire il capitalismo. lenza rivoluzionaria e le battaglie di strada purché siano di massa I marxisti-leninisti vi devono inve- ce lavorare praticando una larga E AMICI AL COMUNICATO DEL PMLI SULLAFiano, sullo stesso giornale ha af-fermato: “Noi dobbiamo essere la e mai di piccolo gruppo staccato dalle masse. La non violenza è la tomba della lotta di classe e l’elisir politica di fronte unito per aiutarli a crescere in senso anticapitalista, antigovernativo, antistituzionale e MANIFESTAZIONE DI ROMA Andrea, operaio toscano Roberto - anni) ma i veri motivi della mani-diga contro ogni trasformazionedella protesta in violenza. Il dis- di lunga vita della classe dominan- rivoluzionario, per far loro com- componente della Delegazione Castelvetro di Modena festazione, sì li sappiamo e li co-senso è il cuore della democrazia, te borghese. prendere, articolando e argomen- nazionale del PMLI Sono completamente d’accor- nosciamo bene dentro alle nostrela violenza il suo nemico e non tando bene la nostra proposta, che alla manifestazione do con il vostro comunicato stam- teste ma il 15 ottobre 2011 in quel- l’unica vera alternativa di socie- del 15 ottobre a Roma pa, a Roma c’ero anche io ed ho la piazza molti se li sono scordati!la supporteremo mai, in qualsiasiforma o modo”. L’unica e vera tà non sono i governi della “sini- Ringrazio il PMLI per le si- visto con i miei occhi le macchine La manifestazione pacifica non Sulla stessa lunghezza d’onda alternativa stra” borghese, ma la lotta di clas- gnificative parole espresse sia nel e i mezzi blindati delle “forze del- era la soluzione ma una rivoluzio-Liberazione che attraverso la pen- La consapevolezza che biso- se, l’abbattimento del capitalismo comunicato stampa che nei rin- l’ordine” irrompere a tutta velo- ne non si fa con un gruppo ristret-na di Eleonora Forenza, riconfer- gna farla finita col capitalismo è in e la conquista del socialismo, cioè graziamenti ai membri della De- cità in mezzo al corteo in Via La- to di persone, quello è terrorismoma la linea pacifista del PRC: “la continua crescita. Ne è una prova il governo della classe operaia, legazione. bicana incuranti del fatto di poter come ci insegna la storia delle bri-nostra scelta è e deve rimanere la lampante la manifestazione del 15 che rappresenta anche l’unica vera Ciò mi rende consapevole del- investire o meno i manifestanti e gate rosse che non ha mai portatonon violenza, proprio perché è la ottobre. Ma non si ha ben chiaro via d’uscita dalle crisi economi- l’importante compito assegnatoci. lanciare, senza alcun motivo, la- da nessuna parte se non tra le sbar-forma radicalmente più alta della come uscirne. Vecchi e nuovi vol- che capitalistiche e dalle macel- W il PMLI! crimogeni contro il corteo. Come re di una galera!violenza del potere (quindi anche poni cavalcano l’onda del cam- lerie sociali che esse comportano. al solito le “forze dell’ordine” sidel potere del proletariato, ndr)”. biamento affinché poi il cambia- Come la storia dimostra, è impos- sono schierate a fianco del Potere Adolfo - provincia di PisaE per essere sicura di essere ca- mento non avvenga. Lavorano nei sibile che nel capitalismo e sotto Emanuele - e contro coloro che dovrebbero di- Care compagne e compagni,pita, aggiunge: “Le avanguardie movimenti di massa anticapitalisti un qualsiasi suo governo ci possa provincia di Varese fendere. condivido il comunicato stampanon ci sono e non ci devono esse- per dar loro uno sbocco elettorale, essere una vera democrazia e una Ho visto in diretta tv quello che del PMLI.re. Non ci sono più Palazzi d’In- parlamentare e governativo rifor- vera libertà per le masse popolari. e successo a Roma oggi pomerig- Gianantonio - Pordenone Faccio presente che ho parteci-verno” (alludendo alla Rivoluzio- gio, i camuffatti agenti della Digos Ho letto con molta attenzione pato alle manifestazioni del 1967ne d’Ottobre)”. mettere a fiamme e fuoco la città il vostro comunicato stampa che e 1968 che si tennero in Francia Per i partiti della “sinistra” di Roma e sono vicino e solida- condivido pienamente, assieme dove mi trovavo in quell’epoca.borghese quindi il proletariato e le con tutti i manifestanti e il sin- alle vostre numerose mail che ri- Cordiali saluti a tutte le compa-le masse popolari e giovanili non dacato Fiom che si e visto vedere cevo sempre con molto piacere! gne e i compagni del PMLI, conhanno il diritto di ribellarsi, di di- colpita una pacifica manifestazio- Saluti marxisti-leninisti. sincerità.fendersi e reagire alla violenza dei ne che voleva denunciare sullagoverni e delle istituzioni borghe- piazza il massacro sociale di una “Martamega” Fabio - Biellasi. È come dire: Berlusconi e Ma- intera nazione di cui i lavoratori Gli atti violenti hanno porta- Sono contento di ciò che è suc-roni, accomodatevi pure; quando dipendenti stanno pagando sulla to solo all’annullamento del vero cesso a Roma, mi auguro che que-saremo noi al governo useremo loro pelle una politica repressiva motivo della manifestazione, sono sto sia l’inizio della rivoluzione,i vostri stessi metodi repressivi e da parte di un governo dittatoriale stati atti terroristici mirati al boi- forza compagni!liberticidi. Lo sappiamo: lo avete e antidemocratico. Con il PMLI e cottaggio di questa, e sembra chegià fatto col governo Prodi. Noi in- i Maestri ci potrà essere una giu- ci siano riusciti, non si fa altro Marco, via e-mailvece lavoreremo affinché le masse sta politica sociale e non repressi- che parlare di black bloc e “for- Bravi! Avete ragione. Cancel-capiscano sempre più che, come va, ma negli interessi della classe ze dell’ordine” (che comunque liamo il debito! Costruiamo il no-dice Mao, “È giusto ribellarsi Roma, 15 ottobre 2011. Un cartello con l’inizio del “Manifesto del Partito comu- proletaria, contro la borghesia ed sono temi importanti per far luce stro futuro!contro i reazionari”, usando tutti nista” di Marx ed Engels il capitalismo. su eventi che ormai accadono da W Marx! W Lenin! W Mao!
  4. 4. 4 il bolscevico / manifestazione di roma N. 38 - 27 ottobre 2011 Riflessioni di Manuel, membro della Cellula “Rivoluzione d’Ottobre” di Roma del PMLI, sulla manifestazione nazionale del 15 ottobreMANIFESTAZIONE STORICA CHE METTE IN LUCE I CARATTERIPOSITIVI E I LIMITI DEL MOVIMENTO DEGLI “INDIGNADOS” Mezzo milione di manifestanti gran voce canti antifascisti. per poter realizzare una lotta con-hanno invaso Roma, in quella che Una manifestazione di questa creta alla testa del proletariato, so-è stata la più partecipata iniziativa portata, sincera e numerosa, con- prattutto non ha le forze per poterdi tutto il mondo contro “la ditta- tro il capitalismo è un passo in resistere sulla lunga distanza alletura delle banche e della finanza” avanti importantissimo nella sto- proprie contraddizioni interne.sospinta e organizzata dal mo- ria della lotta di classe in Italia. Attualmente gli “Indignados”vimento internazionale (di gran Come è stato evidente, mol- agitano temi che sono alla porta-lunga spontaneo e frammentario) te sono ancora le questioni inter- ta di tutti perché sono temi reali.degli “Indignados”. Una manife- ne da risolvere, la frammentarietà La lotta alle banche è un buon ar-stazione sentitissima, per il suo ca- dei vari movimenti, la mancanza gomento da presentare alle mas-rattere strettamente anticapitalista di una direzione organizzativa ma se che stanno pagando la crisi dele antimperialista, dai giovani lavo- soprattutto ideologica unica che capitalismo. E in larga parte degliratori, studenti e precari, ma anche apra la strada ai reali obiettivi e studenti e dei giovani, che vedonodagli operai e dalle masse lavora- aumenti la forza delle masse che il futuro sempre più nero, ha an-trici, disoccupati e tante famiglie lottano per il socialismo in con- cora più presa. Non è un caso checon i loro bambini. trapposizione certamente violenta, è da loro che è partito e continua Il PMLI ha partecipato con quando saranno maturi i rapporti a svilupparsi questo movimentoquante più forze ha potuto, ha di forza, con il capitalismo. che ha proporzioni internazionalipreso posizione in un buon pun- Il movimento degli “Indigna- notevoli e che è riuscito a suscita- re sentimenti di rivolta anche doveto del corteo, sfilando per la mag- dos” è un nuovo movimento che sembrava difficile riuscire a otte-gior parte del tempo insieme alle attualmente ha preso la ribalta ed è nerne. Ne è la prova Occupy Wallcombattive “Mamme vulcaniche”, capace di coinvolgere ampie forze Street che negli USA, seppur concondividendo con forte spirito po- sociali: dai precari, agli studenti, tanta inesperienza, ha dato vita alitico unitario e di lotta le parole a settori di intellettuali. Ma è evi- delle proteste accese, subendo lad’ordine contro il regime del neo- dente che esso non basta, non ha repressione poliziesca dell’impe-duce Berlusconi e intonando a l’organizzazione politica minima rialista Obama. Questi i caratteri positivi degli “Indignados”. Allo stesso tempoUna testimonianza della i punti deboli sono enormi, come tutti i movimenti senza caratteri- stiche politiche, tanto meno ideo- Roma, 15 ottobre 2011. Manifestazione nazionale contro il capitalismo e il governo Berlusconi (foto Il Bolscevico) renderli facile oggetto di strumen- talizzazioni. Il 15 ottobre si sono esaltano il pacifismo e la non vio- lenza, allo scopo di far passare la una manifestazione immensa, for- te, combattiva e che lascia speran- provocazione di logiche, senza una struttura orga- nizzativa basata sul centralismo democratico, senza quindi un fuo- mostrati tutti i limiti di questo mo- vimento: era chiaro che una situa- propaganda e la millanteria della convivenza delle classi della cul- ze per un futuro di lotte senza tre- gua contro la borghesia.“Uniti per l’alternativa” co ampio su tutti i problemi relativi a questa “dittatura delle banche”, dove la “banca”, come la “crisi”, zione così violenta non sapevano come gestirla né prima né durante né dopo gli scontri. tura borghese. Non hanno perso l’occasione i politicanti della “sinistra” borghe- Gli stessi scontri, per quanto abbiano fatto il gioco della bor- ghesia e del suo governo, hanno contro il PMLI costituiscono quasi sempre nien- t’altro che un simbolo, un facile nemico contro il quale scagliarsi. Non è un caso che i media bor- ghesi abbiano stravolto la realtà del grandioso corteo, nascondendo se e persino i vari Montezemolo e Draghi, per coccolarsi i “pove- ri Indignati” che non hanno potuto aperto a nuove riflessioni. Le di- vergenze interne ed esterne hanno focalizzato ancora meglio la lotta Arrivati al concentramento del di “sorpassarci”. sul piano pratico. In questi punti deboli vanno per- completamente il carattere forte- esprimersi pacificamente, mistifi-corteo mi sono preparato con car- Arrivati in fondo via Cavour, La guerriglia in piazza San dendosi tutte le prospettive della mente anticapitalista, antimperia- cando ancora la realtà dell’impor-tello e corpetto e mi sono messo visto che restavamo al nostro po- Giovanni ci ha mostrato come la lotta che al momento è giustificata, lista e contro la politica di lacrime tantissima manifestazione.ad osservare il flusso dei parteci- sto, la provocazione ha raggiunto viva e pienamente appoggiata dal e sangue del regime neofascista di È naturale che la borghesia per borghesia è capace di reagire allepanti che via via stavano arrivan- l’apice: alcuni figuri si sono stac- PMLI per fare fronte unito. Berlusconi. Infatti, sui telegiornali difendere i propri interessi occupi proteste, come non lesini la for-do. Non ero molto tranquillo, ma cati da dietro lo striscione ed han- Ma come possono gli “Indigna- e poi sui giornali borghesi veniva- tutti i mezzi necessari, anche tra- za militare contro i manifestanti,il sapere di essere con i compagni no cominciato ad aggredire ver- ti” mettersi alla testa del proletaria- no contrapposte le violenze degli mite infiltrati nei cortei, provoca- come colga presto l’occasione didel PMLI mi ha dato forza. balmente (ed in un caso anche Appena entrati nel corteo ho fisicamente un nostro compagno) to? Come possono portare alta la scontri al solo pacifismo dei ma- tori prezzolati per creare disordini caricare un corteo. Vivere in piaz-notato che purtroppo eravamo da- i compagni del PMLI. bandiera del socialismo se al loro nifestanti. che possono poi criminalizzare sui za, in prima persona, il bello delvanti allo spezzone di “Uniti per I responsabili del Partito, se- interno esistono correnti di tutti i Questo a conferma che nel mo- loro organi di stampa, alimentan- corteo ma anche gli stessi momen-l’alternativa” quel gruppo che ha condo me, hanno agito con lun- tipi, addirittura avverse al sociali- vimento degli “Indignati” non pre- do di fatto la confusione generale ti di tensione con le “forze del-fra i suoi “leader” il ben noto Luca gimiranza decidendo di farsi da smo stesso, avverse al marxismo- vale una cultura proletaria e ciò e disperdendo il movimento. l’ordine” rafforza la coscienza diCasarini che però non ho visto parte anche e soprattutto (penso) leninismo-pensiero di Mao? li espone a qualsiasi strumenta- Va ripetuto però ancora una classe, riporta velocemente tutto ilpresente. per tutelare i compagni. Ciò che È proprio questo caratte- lizzazione, come si è visto, della volta che dal punto di vista pro- discorso politico sulle basi reali: Lungo via Cavour e per l’inte- è successo è la fotocopia esatta di re eterogeneo e disarticolato po- borghesia e degli “ultrasinistri”. letario, della lotta di classe e del alla “guerra alle banche” si sosti-ro suo tratto è stato un susseguirsi quanto successo ad opera dei soli- liticamente e ideologicamente a Attraverso la stampa borghese, socialismo, quella romana è stata tuisce la più giusta “guerra al re-di tentativi di “sfondamento” per ti “bravi” alla manifestazione del- gime di Berlusconi” molto più vi-estraniarci dal posto ove ci erava- la Fiom dell’ottobre 2010. cino alle necessità delle masse inmo collocati. Il tentativo di sfon- lotta. Dipenderà anche dal nostrodamento è stato fatto con l’ausilio Un simpatizzante operaio lavoro di chiarificazione, di con-del camion che avevano a loro di- della provincia di Firenze del vincimento e di fronte unito all’in-sposizione che ha tentato più volte PMLI terno del movimento degli “Indi- gnatos”. Il nuovo autunno di lotte si è aperto e sembra poter essere il più Comunicato dell’Organizzazione caldo degli ultimi anni. La mani- festazione del 15 ottobre è senza di Gabicce Mare del PMLI dubbio storica e un nuovo punto di partenza che lascia sperare in LA QUESTURA DI PESARO un’ondata di rivolte che potranno soltanto accrescere il grado di co- scienza rivoluzionaria degli ope- HA FILMATO UNO AD UNO rai, dei lavoratori e delle larghe masse popolari che non si lasce- I MANIFESTANTI Roma, 15 ottobre. Veduta del corteo degli studenti che è partito dall’Università “La Sapienza” e si è ricongiunto a quello ufficiale ranno trovare impreparati nella lotta contro il capitalismo. DI RITORNO DA ROMA Condanniamo risolutamente la grave repressione e intimidazione I ringraziamenti delle Grande manifestazione. PMLI Complimenti per Significativa giornata vi ringraziamo. Però anche il vo- L’Organizzazione di Gabicce pressione e intimidazione, che Mamme Vulcaniche al PMLI stro gruppo è forte e “Indigna- l’impeccabile organizzazione anticapitalistica Mare del PMLI esprime profon- dimostra ancora una volta che dos”. Cari compagni, Cari compagni, da solidarietà militante ai mani- viviamo in un regime neofasci- Grazie al PMLI e al suo sen- Noi ci definiamo le più inqui- scrivo per complimentarmi la mancanza di organizzazione festanti della provincia di Pesaro sta e che Berlusconi è il nuovo so civile e di protezione nei nostri nados. Grazie! con voi per l’impeccabile orga- (servizio d’ordine ha certe conse- Urbino che tornando dalla mani- Mussolini. confronti. Il rispetto è reciproco! Rosita, nizzazione del Partito nella mani- guenze, in manifestazioni tanto festazione antigovernativa e anti- Sempre grazie di tutto, siete Mamma Vulcanica festazione di Roma, era la prima grosse, vedi l’imperversare degli capitalista del 15 ottobre a Roma Organizzazione di fantastici, almeno voi siete sem- volta per me e sono molto felice spaccatori, genunini o meno che sono stati filmati uno ad uno alla Gabicce Mare (Pesaro Urbino) pre presenti, non ci abbandona- di aver scoperto che combattività Grazie a voi PMLI per tutte le essi siano, ma resta il significato fermata del pullman. del PMLI te. e sicurezza dei manifestanti pos- Condanniamo risolutamen- Venere Stanzione, vostre attenzioni. sono convivere. Grazie. della giornata anticapitalistica, te questo vile e grave atto di re- 16 ottobre 2011 portavoce delle Mamme Mina, Saluti marxisti-leninisti. certo. Vulcaniche (Napoli) Mamma Vulcanica Giuseppe - provincia di Messina Nicola - Firenze

×