Reti di impresa: Presentazione reti d'impresa

2,123 views

Published on

reti d'impresa

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,123
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
45
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Reti di impresa: Presentazione reti d'impresa

  1. 1. “ reti di impresa” <ul><li>-opportunità </li></ul><ul><li>-qualità </li></ul><ul><li>-innovazione </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  2. 2. opportunità <ul><li>“ impresa a rete” </li></ul><ul><li>Ci sono vari modi di chiamare il nuovo modello di impresa, già sperimentato in Giappone e negli Stati Uniti </li></ul><ul><li>Produzione autonoma distribuita </li></ul><ul><li>Produzione agile </li></ul><ul><li>Impresa a sistema aperto </li></ul><ul><li>Impresa olonica </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  3. 3. Contesto <ul><li>Il sistema Italia si è sviluppato fino ad oggi con l’individuazione dei cosiddetti “distretti industriali” che già di fatto operano da anni secondo il modello dell’impresa a rete. </li></ul><ul><li>Le aziende di produzione e di sub fornitura completano l’offerta , specializzandosi in maniera diversa sulla catena produttiva , legate al prodotto finale di settore. </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  4. 4. I distretti italiani PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  5. 5. Vantaggi- limiti del distretto attuale <ul><li>I vantaggi sono dati da una forte integrazione delle esperienze ed alla condivisione di risorse e processi interconnessi nell’area di riferimento al settore specifico. </li></ul><ul><li>Mancanza di competitività in tutta la filiera. </li></ul><ul><li>I limiti si sono evidenziati da quando il processo si è cristallizzato nella ricerca solo della riduzione del costo generato dalla filiera. </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  6. 6. L’esperienza dei distretti <ul><li>I distretti , concepiti come area di specializzazione verticale stanno mostrando il loro limiti. </li></ul><ul><li>La esperienza dei distretti non va dispersa , anzi potrebbe trovare nuova linfa , abbattendo le barriere tra i vari distretti con la costruzione di legami necessari a realizzare un “sistema olonico”. </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  7. 7. Impresa olonica <ul><li>L’impresa olonica è parte di un insieme di unità (imprese) operative in modo autonomo che agiscono in modo integrato e organico, nell’ambito di un sistema a rete. </li></ul><ul><li>La base strutturale dei sistemi avanzati sarà, quindi, costituita da reti di piccole unità operative autonome e disperse sul territorio mondiale. </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  8. 8. Il sistema incentrato sul CLIENTE PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  9. 9. impresa/sistema olonico <ul><li>Elementi costitutivi: </li></ul><ul><li>Un sistema di valori condivisi </li></ul><ul><li>Una gerarchia autonoma distribuita </li></ul><ul><li>Un sistema informativo che collega tutti i nodi della rete </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  10. 10. L’unione fa la forza PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  11. 11. impresa olonica/risorse <ul><li>Servono risorse con formazione culturale elevata, cui spetta il compito di mettere a disposizione gli elementi che costituiscono il core del valore generato. </li></ul><ul><li>Occorre prepararsi per una forte integrazione tra risorse umane e information technology. </li></ul><ul><li>Nuove generazioni in grado di percepire un nuovo modo di fare impresa, di affrontare i nuovi cambiamenti. </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  12. 12. Spazio ai giovani PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  13. 13. La classe giovanile <ul><li>La classe giovanile è la più penalizzata dal sistema, è la più scolarizzata, è la più motivata. </li></ul><ul><li>In europa secondo una ricerca fatta sui giovani da 20 a 35 anni il 50% preferirebbe fare una propria esperienza di impresa. </li></ul><ul><li>E’ questa la scommessa sul futuro è questo quanto dobbiamo alle nuove generazioni. </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  14. 14. Vantaggi di un sistema olonico <ul><li>Ripartizione dei costi e dei rischi </li></ul><ul><li>Sfruttamento della conoscenza per business locali. </li></ul><ul><li>Aumento della flessibilità del sistema di produzione. </li></ul><ul><li>Aumento del livello di personalizzazione del prodotto </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  15. 15. innovazione/sistema olonico <ul><li>Come tutti i contesti innovativi, portano con se un aggregato di rischio maggiore, il fare impresa oggi ha aumentato questo parametro. </li></ul><ul><li>Questo nuovo modello, nello scenario economico di inizio del nuovo millennio, può essere definita come la configurazione organizzativa più valida in grado di generare nuovo sviluppo e nuova competitività. </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  16. 16. FUTURO SVILUPPO PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  17. 17. Scenario politico istituzionale <ul><li>Nella condizione attuale una delle barriere a questo nuovo sviluppo, può essere il contesto politico di una nazione, di un area. </li></ul><ul><li>Occorre creare delle condizioni fortemente agevolate verso la nascita di imprese create dalle nuove generazioni . </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi
  18. 18. sintesi impresa olonica <ul><li>Il cliente/consumatore entra nella catena di produzione. </li></ul><ul><li>Grazie per l’attenzione </li></ul><ul><li>paolo parodi </li></ul>PMICAMP Siena 11 maggio 2010 paolo parodi

×