Online Advertising - strumenti operativi per un mondo che cambia

4,562 views

Published on

Published in: Business, News & Politics
0 Comments
9 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,562
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
152
Comments
0
Likes
9
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Online Advertising - strumenti operativi per un mondo che cambia

  1. 1. Advertising Online Master in Web Marketing & Communication - Stogea ADVERTISING ONLINE 5 Luglio 2010 Docente: Pietro Ferraris Email: pferraris@econoetica.com Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  2. 2. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  3. 3. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  4. 4. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  5. 5. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  6. 6. Advertising Online DI CHE COSA PARLIAMO OGGI? Come impostare un corretto Media Mix online: ●Media Strategy ●Media Planning ●Media Execution ●Media Analysis & Refinement Gli strumenti per la pubblicità online: ●Keyword Advertising ●Banner Advertising & rich media ●Advergaming ●Direct E-mailing ●Digital couponing ●Social Media Advertising ●Video Advertising ●Mobile Advertising Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  7. 7. Advertising Online ExactTarget Marketing Budgets 2010 Report : Sondaggio su 1000 soggetti D: “Quanta parte del budget Marketing allocate per l'advertising online?” Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  8. 8. Advertising Online L'APPROCCIO AI MEDIA: POSSEDUTI COMPRATI E CONQUISTATI Un nuovo approccio ai media vede una suddivisione equilibrata tra canali owned, bought ed earned: posseduti, comprati e conquistati. ●I media posseduti sono i propri house organ, i nostri website, blog o altro sui quali possiamo intervenire senza restrizioni o grandi vincoli di budget. ●I canali comprati sono quelli che acquistiamo attraverso la tradizionale pianificazione media, che ancora oggi nel digitale si traducono in spazi banner o annunci pay-per- click soprattutto su Google e Facebook. ●Per ultimi, ma non d’importanza, i media “guadagnati”, sono le community che parlano bene di noi o del nostro prodotto, i blogger influenti che ci promuovono spontaneamente, gli utenti che diventano nostri fan su Facebook, i commenti positivi nei forum, etc. Riguardano da vicino la nostra capacità di essere influenti e di costruire e mantenere una buona reputazione online. Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  9. 9. Advertising Online MEDIA MIX: Combinazione di differenti canali promozionali utilizzati all'interno di un piano di marketing MEDIA STRATEGY: MEDIA EXECUTION: La strategia è alla base di tutti i processi che E' la fase di esecuzione, ovvero di seguono. Qualunque azione di advertising realizzazione delle azioni stabilite. deve avere tempi, modi e obiettivi ben Ricordate: le idee valgono poco, il definiti. Le domande a cui devo rispondere in valore sta nell'esecuzione! questa fase sono: In questa fase ci chiediamo: ● Chi è il target? ● Chi fa cosa? ● Quali sono i media da utilizzare? ● Timing? ● Cosa voglio ottenere? MEDIA PLANNING: MEDIA ANALYSIS & REFINEMENT: Ovvero quali media utilizzare e come usarli. E' la fase di analisi dei risultati. Le domande a cui devo rispondere nella fase Qualunque campagna di advertising di media planning sono: online deve essere caratterizzata dalla ● Quante persone raggiungo con ciascun possibilità di essere rimodellata in media? modo rapido e dinamico. ● Con che frequenza? Non è il più forte a sopravvivere ma ● Con che budget? colui che meglio si adatta all'ambiente Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  10. 10. Advertising Online PROCESSO PER LA PROMOZIONE DI UN PRODOTTO ONLINE: ● definizione della tipologia della campagna: brand building o direct response ● definizione obiettivi della campagna: lead generation/ecommerce, market awareness, community/brand building ● identificazione del target audience online (a chi ci rivolgiamo: quanti sono, cosa fanno online, dove li posso trovare, quali siti visitano, a cosa sono interessati, analisi delle variabili demo-psico-webografiche, etc) ● definizione del budget e dei ritorni attesi (il famoso ROI o ROAS (Return On Advertising Spending) e metriche per valutare l’andamento della campagna (per es il Lifetime customer value) ● identificazione degli strumenti di marketing online e di social media e distribuzione del budget (es. 30% per keyword advertising, 20% per seo, 20 % per direct emailing, 20% per banner advertising, 10% per viral & social ) ● esecuzione della campagna/e online ● monitoraggio, analisi dei risultati e dei ritorni consesguiti (ROI nel breve ma anche CLTV nel medio-lungo termine). Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  11. 11. Advertising Online ALCUNE DEFINIZIONI: CPI = cost per impression E' il costo associato alla singola visualizzazione CPM = cost per thousand Spesso si calcola il CPM in termini di prospects (CPM-maschi 18-35) CPC = cost per click CPA = cost per action (CPL: lead generato, CPS: sale effettuata) CTR = click through rate, ovvero il tasso % di click che una certa campagna pubblicitaria è in grado di generare. Si calcola così: CTR = CLICK/IMPRESSIONS*100 CR = conversion rate, ovvero la percentuale di visitatori unici che hanno effettuato l'operazione desiderata. L'azione desiderata potrebbe essere condurre vendite, effettuare acquisti, osservare una pagina chiave del sito, o altre azioni misurabili Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  12. 12. Advertising Online ALCUNE DEFINIZIONI: GRP = Gross Rating Points È una misura della dimensione dell'audience raggiunto da una determinata azione di advertising. E' il prodotto della percentuale di utenti raggiunti all'interno dell'audience moltiplicato la frequenza con cui vengono raggiunti all'interno della campagna CLTV = customer life time value Rappresenta i soldi che un cliente genera per tutta la durata della sua “vita come cliente”. Es: Noody. Vedi anche CLTV CALCULATOR KPI = key performance indicators ●Numero di visite per visitatore unico ●Pagine viste per visita ●Costo medio per visita ●Fatturato medio per visita ●Fatturato medio per visitatore unico ●Tasso di conversione visitatore/contatto ●Tasso di conversione visitatore/cliente Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  13. 13. Advertising Online Keyword Advertising Banner Advertising & rich media Advergaming Digital couponing Social Media Advertising Video Advertising Mobile Advertising Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  14. 14. Advertising Online KEYWORD ADVERTISING... i.e. Google AdWords SEM = SEARCH ENGINE MARKETING Il marketing online con i motori di ricerca Il vantaggio principale del SEM è la misurabilità dei risultati Gli strumenti di Analytics forniscono un riscontro in tempo reale SEM: RISULTATI ORGANICI SEM: KEYWORD ADVERTISING Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  15. 15. Advertising Online KEYWORD ADVERTISING: FRUIZIONE “TIPO” DELLA HOME DI GOOGLE Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  16. 16. Advertising Online KEYWORD ADVERTISING: UNO STRUMENTO FACILE? E’ facile aprire un account... ma ottenere risultati positivi in mercati concorrenziali può essere molto più complesso! I meccanismi che non si vedono: Quality Score Le chiavi del successo: ● evitare la competizione grazie alla specificità ● massimizzare la pertinenza ● utilizzare al meglio il budget a disposizione Fattori per il calcolo della posizione relativa: ● Offerta per click (CPC) ● Tasso di click (CTR) ● Pertinenza delle parole chiave e delle landing pages Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  17. 17. Advertising Online KEYWORD ADVERTISING: METODO DI LAVORO IDENTIFICAZIONE OBIETTIVI ANALISI DEI IMPOSTAZIONE RISULTATI DEL TEST GESTIONE DELLA CAMPAGNA E MISURAZIONE Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  18. 18. Advertising Online KEYWORD ADVERTISING: METODO DI LAVORO MIGLIORAMENTO PROGRESSIVO CAMPAGNE PERMANENTI IDENTIFICAZIONE OBIETTIVI CASI DI SUCCESSO ANALISI DEI IMPOSTAZIONE RISULTATI DEL TEST GESTIONE DELLA CAMPAGNA E MISURAZIONE Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  19. 19. Advertising Online KEYWORD ADVERTISING: I 10 ERRORI PIU' COMUNI 1. Troppe keywords diverse in un solo gruppo di annunci > bassa pertinenza 2. Keywords troppo generiche (alto traffico, es. “last minute”) > cattiva gestione del budget 3. Keywords troppo specifiche > vengono disattivate 4. Più lingue mischiate nella stessa campagna > ... 5. Annunci testuali troppo tecnici (sigle, gergo tecnico) > scarso CTR 6. Nessuna sperimentazione sugli annunci testuali > nessuna ottimizzazione 7. Annunci testuali con sconti e condizioni non reali > no conversioni 8. Gestione dei bid caotica (gestita a livello di singola keyword) > impossibilità di gestione 9. Nessun uso dei sistemi di tracking > gestione “alla cieca” 10.Errore nella scelta della landing page (errata o generica) > no conversioni Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  20. 20. Advertising Online CASE STUDY: MyEstateManager.com - Google AdWords VS Facebook Ads ●10 annunci per pagina ●3 annunci per pagina ●Molti Publishers ●Pochi Publishers ●Google: 7000 impressions in un giorno ●Facebook: 7000 impressions in un giorno con CPM = $1.6. con CPM = $0.15 ●Bounce rate = 48.38% ●Bounce Rate = 41.54% ●Curva lineare ●Curva esponenziale Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  21. 21. Advertising Online Keyword Advertising Banner Advertising & rich media Advergaming Digital couponing Social Media Advertising Video Advertising Mobile Advertising Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  22. 22. Advertising Online BANNER ADVERTISING: FORMATI 1) SKYSCRAPER: 2) BANNER: Wide SkyScraper Leaderboard 160 x 600 px 728 x 90 px Half Page Bottoni 300 x 600 px Dimensioni varie 3) RECTANGLES: Medium 300 x 250 px Large 336 x 280 px Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  23. 23. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  24. 24. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  25. 25. Advertising Online BANNER ADVERTISING: Il pericolo del Banner– Blindness Gli utenti web tendono a ignorare qualunque cosa assomigli a pubblicità. Si focalizzano solo sulle parti della pagina in cui assumono debba essere la parte rilevante dell'informazione. Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  26. 26. Advertising Online BANNER ADVERTISING: OBSOLETO O ATTUALE? Nonostante molti soggetti popolano questo universo, negli ultimi anni i “banner ads” sono stati da molti screditati e le critiche tipiche sono: ●Fastidiosi per l'utente ●Cattivo CTR ●Costosi ●Performance peggiori rispetto al SEA ...MA ALLORA, SE LE CRITICHE SONO VERE, PERCHE' COSI' TANTO INTERESSE? Performance based advertising (CPC) Perchè le critiche sono in parte Pay per click utilizzando il modello delle vere, i banner difficilmente aste mutuato dal SEA: più interessante scomparirannoi, sono “congeniti” per i publishers nel concetto di pagina (web o cartacea), semmai erano da Interactive Digital advertising rivedere i Business Models: Interactive (rich) media, Video Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  27. 27. Advertising Online Performance based Display advertising Interactive Digital advertising ●Pay per click/sale/lead (CPX) ●Hanno CPM elevato ●Alto Volume ●Buona targettizzazione ●Nessuna targettizzazione ●Più complessi e gratificanti per l'utente ●Ottimi per i transaction based Website ●Usati nell'ambito della brand experience ●Basso CTR ●Modello ad asta ●Fatturati crescenti PERCHE' GLI “INTERACTIVE MEDIA” SONO VINCENTI? Modo tradizionale: Modo alternativo: - Crea un sito web per interagire con - Se lo scopo è la brand gli utenti awarness/experience perchè chiedere - Porta utenti grazie a Google agli utenti di andare sul tuo sito per fare - Mostra dei banners l'esperienza? - Convinci le persone a cliccarci - Meglio portare il messaggio a loro nei (in media CTR = 0,08 – 0,25%) posti dove sono, ovvero portali, social - Ad ogni click il 30% degli utenti se ne networks etc. va dal sito web - Non guardare solo il Click Rate, l'Interaction Rate è più importante! Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  28. 28. Advertising Online CASE STUDY #1: Special Ops Media and Universal Music : The Police Interaction Rate Totale media: 24.6% Tempo di interazione medio: 19.1 secondi La campagna ha avuto un successo enorme tra i fans CASE STUDY #2: 65 Media and Activision “Nail the Trick”con video interattivo che insegna agli utenti come giocare al gioco. “Nail The Tric” is a key and defining gameplayfeature in Tony Hawk's Project 8. An entirely new way to play the game, “;Nail The Tric” mode gives precision control over how you move your feet to flip the skateboard. Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  29. 29. Advertising Online Keyword Advertising Banner Advertising & rich media Advergaming Digital couponing Social Media Advertising Video Advertising Mobile Advertising Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  30. 30. Advertising Online ADVERGAMING «La migliore pubblicità è quella che non sembra pubblicità» I marketer oggi devono “mimetizzare” il messaggio pubblicitario in maniera che non venga rifiutato dal target oggi sempre più abile nello schivarli. Dagli innumerevoli tentativi di creare nuovi formati di pubblicità nasce, nel 1998, l’ADVERGAME. Il termine advergame è il risultato della crasi tra le parole “advertising” e “game”. Si tratta di «giochi interattivi per comunicare messaggi pubblicitari, sviluppare la brand awareness e generare traffico verso i siti Web» (Dan Ferguson, inventore degli advergame insieme a Mike Bielinski). Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  31. 31. Advertising Online ADVERGAMING: ALCUNI ESEMPI E TIPOLOGIE ASSOCIATIVI ILLUSTRATIVI DIMOSTRATIVI Mirano a creare associazioni di Il prodotto diventa il vero Si sfrutta marca collegando il brand che protagonista del gioco, l’interattività per si vuole promuovere con lo stile cioè l’oggetto da utilizzare consentire al di vita, l’ambiente o le attività o trovare per superare il consumatore di rappresentate nel gioco. livello o vincere il gioco. “provare” il prodotto. Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  32. 32. Advertising Online ADVERGAMING: OBIETTIVI Sviluppare la brand awareness: crescita della consapevolezza relativa al brand veicolato dall’advergame. Creare associazioni di marca: l’interazione consente all’utente finale di associare al brand i valori di cui l’advergame è portatore. L’utente divertendosi ha un approccio positivo alla marca e diventa più ricettivo nei confronti dei suoi messaggi. Facilitare il ricordo di marca/prodotto: l’interazione dell’utente con l’advergame fissa nella sua memoria la user experience, che incrementa il ricordo nel tempo. Costruire una relazione duratura con il target (fidelizzazione). Elevare il gross rating point: (o indice di pressione pubblicitaria), poiché l’esposizione ripetuta dell’audience al messaggio veicolato dall’adevergame aumenta l’efficacia delle azioni svolte su altri canali di comunicazione. Aumentare il traffico sul proprio sito: godendo dell’attrattività generata dal gioco e dal concorso a premi ad esso annesso. Creare un database di clienti potenziali altamente profilati: da poter sfruttare come base per future azioni di marketing one to one. Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  33. 33. Advertising Online ADVERGAMING: QUANDO USARLO Per promuovere un marchio considerando che la media di una sessione di gioco può arrivare anche a 20 minuti, l’advergame stimola il ricordo della marca attirando l’attenzione del consumatore sul marchio per un periodo di tempo di gran lunga superiore a quello di uno spot. Per lanciare un prodotto o illustrarne le caratteristiche, poiché enfatizza le sue peculiarità costruendo un gioco divertente attorno agli elementi che lo caratterizzano. Per pubblicizzare prodotti e servizi complessi, poiché è una forma d’intrattenimento educativa permette di”imparare giocando” (edutainment). Per costruire e rafforzare i valori di marca, in quanto coinvolgendo il giocatore a livello emotivo, crea una situazione favorevole alla trasmissione dei messaggi presenti all’interno del gioco. Per creare un database di utenti nuovi e vecchi, per ottenere in modo facile e poco dispendioso dei riscontri su, future o potenziali, attività di marketing. Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  34. 34. Advertising Online Keyword Advertising Banner Advertising & rich media Advergaming Digital couponing Social Media Advertising Video Advertising Mobile Advertising Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  35. 35. Advertising Online DIGITAL COUPONING I Coupons sono nati nel 1887, inizialmente introdotti da Coca Cola – chiaramente in versione cartacea – si sono rapidamente affermati come mezzo di fidelizzazione. Alcuni anni fa i coupons digitali si sono affiancati ai tradizionali coupons cartacei ed oggi la proporzione tra digitali e cartacei è di 10 a 1. L'introduzione dei coupon digitali ha consentito alle aziende di risparmiare oltre il 170% rispetto alla stampa dei coupons cartacei Nel 2008 38 milioni di americani hanno usato coupons digitali Nel 2009 45 milioni di americani hanno usato coupons digitali Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  36. 36. Advertising Online TIPI DI COUPON DIGITALI: Discount coupons (Show & Save) Permettono al cliente o di stampare il coupon da una pagina web o di mostrare il coupon direttamente dal proprio dispositivo mobile alla cassa al fine di ottenere uno sconto. Save to Card Permette al cliente di caricare lo sconto indicato dal coupon direttamente sulla propria carta fedeltà. Coupon codes Danno accesso a centinaia di migliaia di codici coupon online grazie ai quali si ottengono sconti o consegna gratuita sugli acquisti online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  37. 37. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  38. 38. Advertising Online Keyword Advertising Banner Advertising & rich media Advergaming Digital couponing Social Media Advertising Video Advertising Mobile Advertising Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  39. 39. Advertising Online GLI STRUMENTI SOCIAL Ovvero la pubblicità non come INTERRUZIONE ma come INTERAZIONE Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  40. 40. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  41. 41. Advertising Online SOCIAL MEDIA: 10 PASSI PER IL SUCCESSO 1) Ascolta le conversazioni 2) Definisci – all'interno della tua nicchia – quante conversazioni parlano del tuo brand 3) Stabilisci degli obiettivi (numero di posts, tweets, video views, etc.) 4) Trova bloggers e communities 5) Identifica gli influenzatori 6) Sviluppa una “content strategy” 7) Seleziona gli strumenti (RSS, blogs, video, podcast, tweets, etc.) 8) Crea il contenuto 9) Favorisci la creazione di nuove conversazioni 10) Misura i risultati (vedi obiettivi) Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  42. 42. Advertising Online SOCIAL MEDIA: GLI STRUMENTI “FAI DA TE”... ...E QUELLI A PROFESSIONALI Brand mentions Trends Subscription Tools Google News Alerts Google Trends Radian6 Yahoo News Google Insights for Search Trackur Moreover Trendrr Nielsen BuzzMetrics How Sociable Serph BrandsEye Socialmention Trackur RSS Reader Facebook Visible Technologies Lexicon BuzzLogic Blog Buzz Techrigy SM2 Google BlogSearch Message Boards FiltrBox IceRocket BoardTracker BlogPulse Google Groups Backtype Yahoo Groups Twitter Multi Media Twitter Search YouTube Twilert Truveo Twazzup MetaCafe TweetBeep Viral Video Chart Hashtags Flickr Twitrratr PhotoBucket Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  43. 43. Advertising Online CASE STUDY: OBAMA 08 COMUNICAZIONE/ADVERTISING ONLINE MULTICANALE Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  44. 44. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  45. 45. Advertising Online Keyword Advertising Banner Advertising & rich media Advergaming Digital couponing Social Media Advertising Video Advertising Mobile Advertising Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  46. 46. Advertising Online VIDEO ADVERTISING: Sembra proprio che – almeno negli USA – sarà la nuova frontiera dell'online advertisement Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  47. 47. Advertising Online Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  48. 48. Advertising Online VIDEO ADVERTISING: TIPOLOGIE Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  49. 49. Advertising Online VIDEO ADVERTISING: IN-STREAM VIDEO Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  50. 50. Advertising Online VIDEO ADVERTISING: IN-TEXT VIDEO Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  51. 51. Advertising Online VIDEO ADVERTISING: GLI ATTORI DEL MERCATO Le aziende che operano nell'ambito video appartengono a 7 segmenti: 1. Editing Software and Compression Tools: Adobe, Apple, Avid, JumpCut, Sorensen, On2 2. Content Producers: DECA, Eqal, Fora.tv, For Your Imagination, Funny or Die, Generate, Howcast, Katalyst Media, Machinima, Mania TV, Next New Networks, ON Networks, Revision3, VideoJug, WatchMojo. 3. Content Management System (CMS): blip.tv, Brightcove, Feedroom, Justin.tv, KIT Digital, Livestream, Ooyala, Maven, Mogulus, Permission TV, Qik, uStream, VMIX. 4. Content Aggregation, File Hosting, Sharing and Distribution: 5Min, Break, DailyMotion, Hulu, Kaltura, Metacafe, Nabbr, Revver, Vimeo, YouTube. 5. Advertising Creation and Management: Adap.tv, Auditude, Brightroll, Broadband Enterprises, Freewheel, Overlay.tv, Panache, Scanscout, Tidal TV, Tremor Media, Video Egg, Yume. 6. Content Delivery Network (CDN): Akamai, BitGravity, Edgecast, Grid Networks, Limelight Networks, Panther Express. 7. Search, Discovery and Recovery: Blinkx, Cast TV, Clipblast, Dabble, Everyzing, Google, Mefeedia, Pixsy, Truveo. Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  52. 52. Advertising Online VIDEO ADVERTISING: DISTRIBUZIONE Esistono ormai moltissimi canali che distribuiscono video online, ciascuno di essi consente di inserire l'advertisment secondo business models leggermente diversi. Vale sempre la regola che dove ci sono meno “publishers” i costi sono più bassi... ma ci sono anche meno utenti a meno di momentanei squilibri di mercato Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  53. 53. Advertising Online VIDEO ADVERTISING: DA DOVE INIZIARE? Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  54. 54. Advertising Online Keyword Advertising Banner Advertising & rich media Advergaming Digital couponing Social Media Advertising Video Advertising Mobile Advertising Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  55. 55. Advertising Online MOBILE ADVERTISING: Ad oggi esistono 2 piattaforme estremamente performanti che si dividono il mercato: ●Iad, la soluzione proprietaria di Apple e integrata con iPhone ●Admob, brillante startup recentemente acquisita da Google Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com
  56. 56. Advertising Online MOBILE ADVERTISING: VISIONI DAL FUTURO... NON LONTANO Cartelloni intelligenti: veicolano messaggi diversi a utenti diversi Tavoli intelligenti: veicolano messaggi promozionali + payment tramite i cellulari: Es: compra/affitta/accessori direttamente sul cellulare Pietro Ferraris – CEO Econoetica Srl pferraris@econoetica.com

×