Videogame Design and Programming: Conferenza d'Ateneo 18 Maggio 2011

1,596 views

Published on

Presentazione tenuta il 18 Maggio 2011 alla conferenza d'ateneo sulla didattica sull'esperienza del corso di "Videogame Design and Programming"

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,596
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Problema: 5 programmatori, ma il gioco non consiste solo in questo! Divisione in base ad esperienze precedenti e voglia di fare: - grafica: blender 3D imparato da 2 membri, grafica 2D disegnata a mano - musica fatta con LMMS, 2 membri con background musicale - game e level design “improvvisato”, lunga esperienza per via della passione per i videogames
  • Opportunità date dal corso Nuove abilità pratiche (blender, unity, lmms, javascript) Visibilità (articoli su siti e riviste specializzate, passaparola su internet, televisione (RAI)) Sviluppo futuro (continuazione dello sviluppo con Mixel, lavoro con persone specializzate) Prospettive (offerta di tesi con Unity, prospettive di lavoro con Mixel)
  • Videogame Design and Programming: Conferenza d'Ateneo 18 Maggio 2011

    1. 1. Videogame Design and Programming: Costruzione e valutazione dei gruppi Pier Luca Lanzi
    2. 2. Lavori Progettuali nei Corsi di Informatica <ul><li>Tipicamente riguardano un problema circoscritto, solitamente ben specificato dal docente, svolto da due o tre “amici” </li></ul><ul><li>Motivazioni sia pratiche che burocratiche </li></ul><ul><ul><li>Difficile individuare il contributo dei singoli </li></ul></ul><ul><ul><li>Lavori di tesi limitati a due studenti </li></ul></ul>Videogame Design and Programming costruire demo “ giocabili ” distribuibili pubblicamente un primo passo verso un prodotto commerciale gruppi di lavoro “ grandi ” , nessuna limitazione
    3. 3. Videogame Design and Programming: Creazione dei Gruppi di Lavoro <ul><li>Quali giochi? </li></ul><ul><ul><li>Tutti devono presentare un’idea di gioco (70 game concept) </li></ul></ul><ul><ul><li>Tutti votano un massimo di 5 idee di gioco </li></ul></ul><ul><ul><li>I 15 giochi con più voti vengono sviluppati durante il corso </li></ul></ul><ul><li>Creazione dei gruppi di lavoro </li></ul><ul><ul><li>Gli studenti che hanno proposto uno dei giochi selezionati diventano i “team leader” di un gruppo di lavoro </li></ul></ul><ul><ul><li>I “team leader” hanno una settimana per definire il gruppo (al più 5 studenti del corso ed esperti esterni) </li></ul></ul><ul><ul><li>Tutti gli studenti del corso possono contattare uno o più leader per poter essere inseriti nel gruppo </li></ul></ul>
    4. 4. Videogame Design and Programming: Valutazione dei lavori e dei singoli <ul><li>Quali difficoltà? </li></ul><ul><ul><li>Manca un criterio assoluto per giudicare un videogioco </li></ul></ul><ul><ul><li>Difficile giudicare il contributo del singolo studente </li></ul></ul><ul><li>Valutazione dei progetti </li></ul><ul><ul><li>Tre consegne con scadenze fissate per prototipo, demo versione beta e demo finale </li></ul></ul><ul><ul><li>Tre valutazioni durante eventi pubblici dove chiunque poteva giocare e giudicare i giochi stilando una graduatoria </li></ul></ul><ul><ul><li>Voto del progetto = 2/3 sui giudizi pubblici 1/3 dai docenti </li></ul></ul><ul><li>Valutazione dei singoli </li></ul><ul><ul><li>Questionario anonimo sul contributo dei singoli </li></ul></ul><ul><ul><li>Voto del singolo = risultato finale + suo contributo </li></ul></ul>
    5. 5. 15 giochi consegnati 5 giochi pubblicati o in via di pubblicazione 2 giochi parteciperanno a concorsi sullo sviluppo di videogiochi grande visibilità: due riviste specializzate, articoli on-line, RAI3 e Focus Junior (grazie alla comunicazione del Politecnico) per gli studenti è stato impegnativo, ma per molti ha portato belle soddisfazione (visibilità e autonomia)
    6. 6. La Nostra Esperienza nel Corso di Videogame Design and Programming Mattia Ferrari e Michele Pirovano
    7. 7. Mattia Ferrari <ul><li>Le mie aspettative sul corso </li></ul><ul><ul><li>Un'esperienza pratica che ci permettesse di confrontarci con i problemi concreti dello sviluppo di un videogioco. </li></ul></ul><ul><li>L’esperienza progettuale </li></ul><ul><ul><li>Impegnativa ma molto divertente </li></ul></ul><ul><ul><li>Avere completa libertà mi ha incentivato a dare un contributo creativo al progetto </li></ul></ul><ul><li>Benefici personali </li></ul><ul><ul><li>Utilizzo di strumenti utilizzati dall'industria videoludica </li></ul></ul><ul><ul><li>Collaborazione con un team numeroso </li></ul></ul><ul><ul><li>Suddivisione dei compiti piuttosto netta per coprire le varie necessità dello sviluppo. </li></ul></ul>
    8. 8. Michele Pirovano <ul><li>Le mie aspettative sul corso </li></ul><ul><ul><li>Grande curiosità verso il focus del corso e le modalità di svolgimento </li></ul></ul><ul><li>L’esperienza progettuale </li></ul><ul><ul><li>Molti sforzi di organizzazione e di motivazione del team </li></ul></ul><ul><ul><li>Occasione per sfruttare abilità diverse </li></ul></ul><ul><li>Benefici personali </li></ul><ul><ul><li>Pratica con software specifici e leadership </li></ul></ul><ul><ul><li>Soddisfazione personale per la buona riuscita del progetto </li></ul></ul><ul><ul><li>Prospettive future di pubblicazione e lavoro </li></ul></ul>
    9. 9. <ul><li>Nostri Obiettivi </li></ul><ul><li>Creare uno “ sparatutto ” o FPS per PC con ambientazione fantasy </li></ul><ul><li>Elemento di innovazione </li></ul><ul><ul><li>sistema di comandi basato su riconoscimento vocale in aggiunta alla solita tastiera e mouse </li></ul></ul><ul><li>Carattere “ sperimentale ” del progetto </li></ul>
    10. 10. Competenze Esterne <ul><li>Il progetto ha richiesto il coinvolgimento di persone con competenze artistiche </li></ul><ul><li>3D artist </li></ul><ul><li>2D artist </li></ul><ul><li>Musicista/sound designer </li></ul>
    11. 11. Risultato
    12. 12. Opportunità <ul><li>È possibile la vendita su internet di un gioco indipendente (indie) a costi accessibili </li></ul>www.InVerbisVirtus.com
    13. 13. <ul><li>Nostri Obiettivi </li></ul><ul><li>Creare un gioco originale e divertente </li></ul><ul><li>Bello da vedere e ascoltare </li></ul><ul><li>Con un ampio target </li></ul>
    14. 14. Organizzazione del Progetto (competenze esterne) <ul><li>Grafica, Musica, Design? </li></ul><ul><li>Soluzione: tutto fatto internamente </li></ul><ul><li>Grafica: Blender 3D </li></ul><ul><li>Musica: Guitar Pro, LMMS </li></ul><ul><li>Design: passione per i videogames </li></ul>
    15. 16. Opportunità di Crescita <ul><li>Nuove abilità pratiche </li></ul><ul><li>Visibilità </li></ul><ul><li>Nuove prospettive e di sviluppo </li></ul>
    16. 17. Grazie!

    ×