Bilancio di previsione 2012 - Comune di Piazzola sul Brenta

2,424 views

Published on

Slide di presentazione del Bilancio di Previsione 2012 del Comune di Piazzola sul Brenta, come da Consiglio Comunale del 15 marzo 2012

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,424
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
179
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bilancio di previsione 2012 - Comune di Piazzola sul Brenta

  1. 1. BILANCIO 2012 DEL COMUNE DIPIAZZOLA SUL BRENTA Consiglio Comunale del 15 marzo 2012
  2. 2. 2
  3. 3. INDICE3 COM’È FATTO IL BILANCIO IL CONTESTO LE SCELTE I NUMERI PER IL 2012
  4. 4. IL COMUNE E I SUOI FLUSSI FINANZIARI4 COMUNE TRIBUTI acquista/eroga CITTADINO SANZIONI BENI SERVIZI TRIBUTI generano TRASFERIMENTI BENEFICI
  5. 5. RIEPILOGHIAMO5IL CITTADINO: FINANZIA DIRETTAMENTE IL COMUNE mediante il pagamento delle tasse e dei servizi a domanda individuale (mense, trasporto scolastico, asilo nido, impianti sportivi, …). FINANZIA INDIRETTAMENTE IL COMUNE mediante il pagamento dei tributi allo Stato, alla Regione e alla Provincia.IL COMUNE: EROGA AL CITTADINO, che rappresenta il principale destinatario della sua attività, SERVIZI.
  6. 6. COS’È il bilancio?6Simile al bilancio di una famiglia, il bilancio dicontiene tutte le entrate e le uscite del Comune Il bilancio PREVENTIVO: indica tutte le entrate e le BILANCIO uscite che il Comune prevede DEL di sostenere nell’anno COMUNE obbligo di pareggio
  7. 7. COME È FATTO il bilancio di previsione?7 1. ENTRATE TRIBUTARIE (imposte, tasse, tributi speciali ed altre entrate tributarie dell’Ente) 2. ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI DEL SETTORE PUBBLICO 3. ENTRATE EXTRATRIBUTARIE (proventi dei servizi pubblici e dei beni dell’Ente) 4. ENTRATE DERIVANTI DA ALIENAZIONI, DA TRASFERIMENTI DI CAPITALE E DA RISCOSSIONE DI CREDITI 5. ENTRATE DA ACCENSIONE DI PRESTITI
  8. 8. COME È FATTO il bilancio di previsione?8 1. SPESE CORRENTI • PERSONALE • ACQUISTO DI BENI E SERVIZI • TRASFERIMENTI • CONTRIBUTI SPESE • INTERESSI PASSIVI 2. SPESE PER INVESTIMENTI • REALIZZAZIONE OPERE • ACQUISTO BENI DUREVOLI 3. RIMBORSO MUTUI
  9. 9. COME È STRUTTURATO il bilancio?9 Suddivisione in relazione alla TITOLI FONTE di PROVENIENZA PROGRAMMI Articolazione in base a CATEGORIE TIPOLOGIE di entrate omogenee per fonte PROGETTI RISORSE Disaggregazione per OGGETTI SPECIFICI di entrata
  10. 10. COME È STRUTTURATO il bilancio?10 Suddivisione in relazione ai TITOLI principali AGGREGATI macroeconomici PROGRAMMI Suddivisione in relazione alle FUNZIONI FUNZIONI del Comune Suddivisione in relazione ai SERVIZI singoli UFFICI che gestiscono PROGETTI un insieme di ATTIVITÀ Suddivisione in relazione alla INTERVENTI natura economica dei FATTORI PRODUTTIVI
  11. 11. IL CONTESTO LOCALE: situazione demografica11 Residenti nel Comune di Piazzola sul Brenta 1981 1991 2001 2010 Var. % 1981-2010 10.722 10.338 10.688 11.207 +4,5% CRESCITA DEMOGRAFICA DELL’ULTIMO TRENTENNIO Piazzola cresce di più rispetto ai Comuni limitrofi (IPA Medio Brenta)
  12. 12. IL CONTESTO LOCALE: la contrazione della spesa12 TOTALE COMPLESSIVO € 8.108.356,63 € 6.694.176,32 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 € 404,22 € 419,74 € 320,49 € 132,51 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 1 - Spese correnti pro capite 2 - Spese in conto capitale pro capite
  13. 13. IL CONTESTO LOCALE: crisi dell’edilizia13 154 160 153 128 87 87 87 73 64 64 54 54 2008 2009 2010
  14. 14. IL CONTESTO LOCALE: l’impatto sociale della crisi14 2008 2009 2010DESTINATARI DI INTERVENTI DI ASSISTENZAECONOMICA PER ADULTI-ANZIANI 8 32 32BENEFICIARI DI CONTRIBUTI REGIONALIAFFITTI 10 12 21 Tasso di crescita 2008 - 2010DESTINATARI DI INTERVENTI DI ASSISTENZAECONOMICA PER ADULTI-ANZIANI 300,00%BENEFICIARI DI CONTRIBUTI REGIONALI AFFITTI 110,00%
  15. 15. IL CONTESTO NAZIONALE: tagli 2008- 201115 Fonte: elaborazione su dati ISTAT
  16. 16. IL CONTESTO NAZIONALE: tagli 2008- 201116
  17. 17. IL CONTESTO: i tagli dello Stato17 ( in Milioni di €uro) Inoltre lart. 28 del D.L. 201/11 convertito in L. 214/11 “salvaItalia” prevede 1.450 milioni in meno per i comuni in proporzione al gettito IMU.Fonte: IFEL Direzione Scientifica IFEL 2011 2012 proiezione - 543.000 € - 498.000 €
  18. 18. IL PATTO DI STABILITÀ18 Saldo obiettivo per il 2012: 319.000 euro Parte corrente: entrate accertate – spese impegnate Parte investimenti: entrate riscosse – spese pagate Gestione attenta della cassa Controllo della spesa corrente Pagamenti di stati avanzamento lavori subordinati agli incassi
  19. 19. IN SINTESI19 INDICATORI FINANZIARI ED ECONOMICI GENERALI 2008 2009 2010AUTONOMIA FINANZIARIA 59,4 58,8 56,2 AUTONOMIA IMPOSITIVA 41,2 42,6 41,0 PRESSIONE TRIBUTARIA 198,2 205,4 201,0 PRO CAPITEINDEBITAMENTO LOCALEPRO CAPITE 872,1 828,0 776,4 RIGIDITÀ SPESA 49,1 47,4 46,2 CORRENTE
  20. 20. CRITICITA’: lo scenario nazionale20 Oltre ai tagli dei governi Berlusconi / Monti Minori entrate Crisi economica e disoccupazione però anche Maggiore autonomia degli enti locali almeno in apparenza (leve fiscali, revisione attesa del patto di stabilità)
  21. 21. LE NOSTRE SCELTE21 Coprire i tagli Mantenere i livelli qualitativi e quantitativi dei servizi Continuare i progetti e le realizzazioni in corso Ridurre la quota di spesa corrente finanziata con oneri di urbanizzazione
  22. 22. Per incentivare il risparmio energetico Contributi e minori introiti22 Anche per il 2012 si mantengono gli sconti sugli oneri di urbanizzazione per coloro che su nuove abitazioni si avvalgono di soluzioni tecnologiche di risparmio energetico. Minore introito di oneri 2010 = 13.100,00 €uro; 2011 = 11.931,96 €uro; Altre azioni finalizzate al risparmio energetico per la casa (solare termico e caldaia a condensazione) e rimozione amianto finanziate con contributo. Gli incentivi sono di 200 €uro, e fino al 50% della spesa con max di 400 €uro. Contributi liquidati 2010 = 4.190 €uro; richiesti nel 2011 = 4.000 €uro Vengono finanziate con contributo le conversioni ad impianti a gas (gpl e metano) per gli autoveicoli privati. Il contributo è di 250 €uro. Contributi erogati 2010 = 1.250 €uro; richiesti nel 2011 = 2.500 €uro
  23. 23. ANALIZZIAMO LE ENTRATE: entrate “correnti”23Le entrate correnti derivano dalla gestione ordinaria sotto forma ditributi, di tariffe per servizi e di proventi dei beni dell’Ente (entrateextratributarie) e di trasferimenti monetari da parte dello Stato o dellaRegione. TOT + + = ENTRATE CORRENTI Le entrate tributarie ed extratributarie determinano l’Autonomia Finanziaria, I trasferimenti 2012 subiscono che rappresenta la capacità del Comune un’ulteriore contrazione, di rendersi autosufficiente stimata a circa 325 mila euro. con proprie entrate. Il livello dei trasferimenti è Per il 2012 tali entrate sono pari al sceso del 92,8 rispetto al 2010 97% del totale delle entrate correnti.
  24. 24. ANALIZZIAMO LE ENTRATE: entrate “in conto capitale”24Le entrate in c/capitale sono entrate “straordinarie” che possonoderivare da vendite di beni del Comune oppure da prestiti. TOT ENTRATE + = IN C/CAPITALE Per il 2012: • Non si attiveranno mutui
  25. 25. RIEPILOGO PRINCIPALI VOCI ENTRATA 201225 ENTRATE Assestato 2011 Previsione 2012 % AVANZO DI AMMNISTRAZIONE 306.892 0 TRIBUTARIE 3.861.741 4.326.824 55,1 TRASFERIMENTI da STATO, REGIONE 498.772 173.886 2,2 EXTRATRIBUTARIE 1.081.365 1.199.695 15,3 ALIENAZIONI,TRASFER. CAPITALI, RISCOSSIONE CREDITI 2.097.342 2.156.600 27,4 ACCENSIONE MUTUI 0 0 TOTALE ENTRATE al netto delle partite di giro 7.846.112 7.857.005
  26. 26. LA STRUTTURA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE26 Assestato 2011 previsione 2012 % IMU (ICI) 1.040.000 2.700.000 62,4 ADDIZIONALE IRPEF 590.000 580.000 13,4 (aliquota invariata dal 2001) FONDO SPERIMENTALE 1.287.367 956.725 22,1 DI RIEQUILIBRIO IMPOSTA COM.PUBBLICITA’ 58.000 52.100 1,2 RECUPERO EVASIONE TRIBUTI 40.000 35.000 0,8 PROPRI ALTRE 3.500 3.000 0,1 COMPARTECIPAZIONE IVA 689.874 0 IMP.COM.CONSUMO EN.ELETTRICA 153.000 0 TOTALE ENTRATE TRIBUTARIE 3.861.741 4.326.824 +12%
  27. 27. DALL’ICI ALL’IMU27 Analisi delle risorse CARATTERISTICHE GENERALI DELL’IMU SPERIMENTALE Presupposto IMU = possesso di immobili Base imponibile IMU = “il valore degli immobili”, determinato a seconda del tipo Calcolo dell’imposta = valore x coefficienti moltiplicativi delle rendite catastali sempre rivalutate del 5% aumentati: da 100 a 160 Metà del gettito IMU a disciplina di base è riservata allo Stato L’aumento del gettito che deriva dall’IMU base (quota Comuni) comporta una riduzione del Fondo di riequilibrio
  28. 28. DALL’ICI ALL’IMU28 Analisi delle risorseAliquote Base ApplicataAbitazione principale e relative pertinenze 0,4% 0,6%Altri fabbricati, terreni, aree fabbricabili, aliquota 0,76% 0,85%Fabbricati rurali ad uso strumentale, aliquota 0,2% 0,2%Detrazioni Anno 2012Detrazione per abitazione principale rapportata alperiodo dell’anno e al possesso dell’immobile di uno o € 200 annuipiù soggetti passiviDetrazione per ciascun figlio di età non superiore a26 anni presente in famiglia (dimorante abitualmente € 50e residente anagraficamente nell’abitazione principale)
  29. 29. DALL’ICI ALL’IMU29 Analisi delle risorse DOVE VANNO A FINIRE I MIEI SOLDI? IMU abitazione principale COMUNE 50% IMU altri immobili COMUNE 50% STATO
  30. 30. DALL’ICI ALL’IMU30 Analisi delle risorse Previsto in 2.700.000 € + 1.000.000 rispetto all’ICI PER RECUPERARE: GETTITO Riduzione trasferimenti: € 909.000 IMU 2012 Ulteriore appesantimento del Patto di Stabilità Interno : € 100.000
  31. 31. CLASSIFICAZIONE ABITAZIONI31 Analisi delle risorse L’ 82,8% delle abitazioni sono classificate nella categoria A2 e A3 Categoria N. Abitazioni % Tipologia A2 2.085 43,0% Civile A3 1.926 39,8% Economica A4 357 7,4% Popolare A5 82 1,7% Ultrapopolare A6 16 0,3% Rurale A7 373 7,7% Villini A8 5 0,1% Ville TOTALE 4.844 100,00%
  32. 32. CLASSIFICAZIONE ALTRE UNITÀ32 Categoria N. Unità Tipologia A10 113 Studi e uffici C1 242 Negozi C2 750 Cantine e soffitte C3 158 Laboratori C6-C7 3.411 Garage e posti auto D1 70 Opifici Altro 341
  33. 33. Abitazione principale e pertinenza33 ICI 5,50 Rendita media IPOTESI IMU 0,60 ante 2008 Detrazione 200 euro Detrazione 129,11 euro 506,85 euro 310,90 euro 163,59 euro Detrazione per figli < di 26 anni 50 euro per figlio fino ad un massimo di 400 euroRientra nella normativa dell’abitazione principale anche la categoria A6 RURALE
  34. 34. Altre abitazioni34 Rendita media ICI 5,80 IPOTESI IMU 8,50 323,57 euro allo Stato 506,85 euro 308,67 euro 408,73 euro al Comune D10 RURALE Rendita media ICI IPOTESI IMU 2,00 184,69 euro 387,86 euro al Comune
  35. 35. Uffici, studi e negozi35 Uffici e studi Rendita media ICI 5,80 IPOTESI IMU 8,50 362,07 euro allo Stato 1.134,30 euro 345,39 euro 447,42 euro al Comune Negozi Rendita media ICI 5,80 IPOTESI IMU 8,50 268,35 euro allo Stato 295,921euro 253,2 euro 331,90 euro al Comune
  36. 36. Laboratori e opifici36 Laboratori artigianali Rendita media ICI 5,80 IPOTESI IMU 8,50 207,42 euro allo Stato 371,32 euro 226,13 euro 256,54 euro al Comune Opifici D1/D9 Rendita media ICI 5,80 IPOTESI IMU 8,50 1.228,06 euro allo Stato 5.129,76 euro 1.562,01 euro 1.518,93 euro al Comune
  37. 37. Se fosse stata applicata l’aliquota base...37...il gettito totale dell’IMU a favore del Comune sarebbe stato di 1.782.299 euro (oltre all’importo erariale riservato allo Stato di euro 1.115.550) che complessivamente, in base alle stime della relazione tecnica, avrebbe dovuto essere neutroIn realtà essendo il gettito ICI e le relative compensazionitrasferite dallo Stato nel 2011 pari a 1.765.000 avremmo dovuto“restituire” allo Stato: 17 mila europer la clausola di salvaguardia. Inoltre avremmo subitointegralmente i tagli della Manovra Salva-Italia mettendo a rischiol’equilibrio di bilancio.
  38. 38. ADDIZIONALE IRPEF38 Analisi delle risorse Gettito • 580.000,00 €uro Aliquota (dal 2001) • 0,5% previsto 2011 2012 • prevalentemente imposta di solidarietà • Sostegno alle famiglie e iniziative sociali 40.350 43.000 • contributi A.S.L. 15 per servizi sociali delegati 266.672 275.000 • contributi A.S.L. 15 per parco zoofilo (canile ) 7.000 6.900 Impiego • sostegno “spesa sociale” per persone bisognose • rette case riposo • contributi assistenziali 52.000 57.000 • trasferimenti iniziative sociali, spesa in c/capitale
  39. 39. ACCERTAMENTO TRIBUTI COMUNALI39 Analisi delle risorse • equità • recupero evasione • allargamento base imponibile • €uro 35.000,00 • €uro 1.200.000,00 • €uro 40.000
  40. 40. LE ENTRATE DA TRASFERIMENTI40 Analisi delle risorse 2011 Previsione 2012 %CONTRIBUTI E TRASFERIMENTICORRENTI DALLO STATO 226.093 119.786 68,9CONTRIBUTI E TRASFERIMENTICORRENTI DALLA REGIONE 256.796 38.000 21,9CONTRIBUTI E TRASFERIMENTICORRENTI DA ALTRI ENTI DELSETTORE PUBBLICO 15.883 16.000 9,2TOTALE 498.772 173.886
  41. 41. LE ENTRATE EXTRA TRIBUTARIE41 Analisi delle risorse 2011 previsione 2012 %PROVENTI SERVIZI PUBBLICI 411.145 416.545 34,7PROVENTI BENI ENTE 456.000 415.800 34,6PROVENTI DIVERSI 212.220 365.850 30,5INTERESSI SU ANTICIPAZIONI 2.000 1.500 0,2E CREDITITOTALE 1.081.365 1.199.695
  42. 42. LE ENTRATE PER INVESTIMENTI42 Analisi delle risorse 2011 previsione 2012 % ALIENAZIONI 1.117.742 895.000 41,5 CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DALLA REGIONE 559.600 861.600 40,0 PROVENTI DA PERMESSI DI COSTRUIRE 420.000 400.000* 18,5 TOTALE 2.097.342 2.156.600 * dei quali solo il 12% impiegati per il bilancio corrente ANCHE PER IL 2012 NON VENGONO ASSUNTI MUTUI LO STOCK DEL DEBITO E’ IN FORTE DECREMENTO
  43. 43. ANALIZZIAMO LE SPESE...43SPESE “CORRENTI”Sono destinate alla spesa ordinaria per le attivitàabituali dell’Ente. Esse esauriscono la loro utilitànell’anno di riferimento.SPESE “IN CONTO CAPITALE”Sono le spese per investimenti. Esse esauriscono laloro utilità in più anni.
  44. 44. BILANCIO 2012 IN SINTESI44 ENTRATE SPESE PARTE CORRENTE TITOLO I TITOLO I Entrate Tributarie 4.326.825 Spese Correnti 5.021.966 TITOLO II Trasf Stato, Regione, altri 173.886 TITOLO III TITOLO III Entrate Extratributarie 1.199.695 Spese per rimborso Prestiti 594.500 TOTALE 5.700.406 TOTALE 5.616.466 INVESTIMENTI TITOLO IV TITOLO II Entrate da alienazioni 2.156.600 Spese c/capitale 2.240.540 Trasferimenti c/capitale Entrate in c/terzi 1.055.000 Uscite in c/terzi 1.055.000 TOTALE 3.211.600 TOTALE 3.295.540 8.912.006 8.912.006
  45. 45. BILANCIO 2012 IN SINTESI45Come abbiamo visto possiamo dividere il bilancio in due grandi settori, passando oltre allepartite di giro (che per definizione movimentano risorse per c/terzi e che quindi, diciamo così,esulano dalla volontà politica dell’amministrazione).A grandi linee le due torte dovrebbero coincidere: in realtà abbiamo visto in precedenza cheper quadrare ci avvaliamo, anche se in misura via via minore, di parte degli oneri diurbanizzazione.Nella previsione 2012 questo utilizzo lo possiamo quantificare in 49.360 €uro, circa il 12%su 400.000 €uro di oneri previsti (nel 2011 54% 220.000 su 400.000).
  46. 46. CONSIDERAZIONI46
  47. 47. LE SPESA PER FUNZIONI DI BILANCIO47 Analisi delle spese Spesa Assestatto corrente FUNZIONI 2011 previsione % 2012 AMMINISTRAZIONE E GESTIONE 2.089.340 2.118.165 42,2 ISTRUZIONE PUBBLICA 370.143 370.050 7,4 CULTURA 257.050 64.050 1,3 SPORT e TURISMO 91.225 333.145 6,6 VIABILITÀ E TRASPORTI 781.584 814.250 16,2 TERRITORIO E AMBIENTE 211.771 218.800 4,4 SOCIALE 1.018.940 1.085.606 21,5 COMMERCIO 7.000 17.900 0,4 TOTALE 4.827.053 5.021.966 +4,03%
  48. 48. LE SPESA PER FUNZIONI DI BILANCIO48 Analisi delle spese Spesa in c/capitale FUNZIONI previsione 2012 %AMMINISTRAZIONE E GESTIONE 299.340 13,4ISTRUZIONE PUBBLICA 120.000 5,4SPORT e TURISMO 14.100 0,6VIABILITÀ E TRASPORTI 1.641.300 73,3TERRITORIO E AMBIENTE 152.500 6,8SOCIALE 13.300 0,6TOTALE 2.240.540
  49. 49. SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE49 BENI E SERVIZIO PERSONALE TOTALE ENTRATE % SERVIZI Asilo nido 248.031 179.835 427.866 211.500 49,43 Imp. sportivi 4.449 46.311 50.760 3.000 5,91 Sala riunioni 3.128 526 3.653 1.200 32,852012 Manif. culturali 9.924 9.500 19.424 0 0 Illuminaz. votiva 20.000 40.723 60.723 60.000 98,81 TOTALE 285.532 276.894 562.426 275.700 49,02 Asilo nido 279.516 145.148 424.664 220.000 51,81 Imp. sportivi 4.449 42.610 47.059 3.000 6,37 Sala riunioni 3.128 609 3.736 1.000 26,762011 Manif. culturali 9.924 205.000 214.924 200.000 93,06 Illuminaz. votiva 20.000 40.118 60.118 60.000 99,80 TOTALE 317.017 433.485 750.502 484.000 64,49
  50. 50. ISTRUZIONE PUBBLICA50 TOTALE ISTRUZIONE PUBBLICA Assistenza • P.O.F. (Piano dell’Offerta Formativa) scolastica • convenzione Istituto Comprensivo per 370.050 gestione servizi ausiliari ex ATA • contributi istituto comprensivo, materiale 40.500 di pulizia CONTRIBUTO Scuola • personale Scuole Paritarie dell’infanzia • spese funzionamento utenze 112.000 • interessi passivi 78.300 • contributi CONTRIBUTO LAVORI Scuole Paritarie Istruzione media • spese di funzionamento utenze 25.000 84.300 • contributi, interessi passivi • Fornitura gratuita TOTALE libri di testo Istruzione elementare • spese di COMPLESSIVO funzionamento 507.050 166.950 utenze • contributi • interessi passivi
  51. 51. CULTURA E BENI CULTURALI51 • personale 31.100 • forniture biblioteca 5.980 • prestazioni di servizio 17.470 • Prestazioni di servizio 6.500 • Contributi ad iniziative e manifestazioni 3.000
  52. 52. SETTORE SPORTIVO E RICREATIVO52 333.145
  53. 53. VIABILITA’ E TRASPORTI53 • personale, forniture e prestazioni servizio • manutenzione strade • segnaletica verticale ed orizzontale • ghiaia, sale e diserbi, scavatori • Piazza Paolo Camerini • carburanti • spazzamento strade…. • Interessi passivi • personale, • forniture e manutenzioni impianti pubblica illuminazione affidati ad ETRA • interessi passivi
  54. 54. GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE54 218.800
  55. 55. SETTORE SOCIALE55 1.085.606
  56. 56. SVILUPPO ECONOMICO56 • 1.500 • 16.400 17.900
  57. 57. SPESE IN CONTO CAPITALE57
  58. 58. Per ogni EURO di tasse che il cittadino piazzolese versa al Comune …58 OPERE ILLUMINAZIONE PUBBLICA MANUTENZIONI ORDINARIE TRASFERIMENTI CONTRIBUTO UNIONEORGANI ALTRE PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI PERSONALE

×