Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Report su Hate Speech in italia su Twitter

530 views

Published on

Il primo rapporto sull'hate speech In italia. Il report si basa sull'analisi di milioni di conversazioni dal 25 Aprile al 17 Giugno

Published in: Data & Analytics
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • DOWNLOAD THE BOOK INTO AVAILABLE FORMAT (New Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://urlzs.com/UABbn } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THE can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THE is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBOOK .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, CookBOOK, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, EBOOK, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THE Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THE the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THE Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

Report su Hate Speech in italia su Twitter

  1. 1. Report su Hate Speech in Italia su Twitter
  2. 2. DataMediaHub, e KPI6, hanno analizzato le conversazioni su Twitter dal 25 Aprile al 17 Giugno per cercare di comprendere la diffusione del fenomeno che normalmente viene raccolto nella definizione di “hate speech”. Obiettivo della desk research condotta è quello di dare una dimensione, sia quantitativa che qualitativa, all’hate speech, così da poter analizzare il fenomeno su una base il più razionale possibile anziché, come è avvenuto sin ora, lasciando spazio a discorsi generali basati su opinioni e sentimenti personali. Abbiamo deciso di sviluppare questo importante lavoro per fornire il nostro contributo ad un tema che se basato su ideologie e presupposti errati potrebbe causare danni notevoli all’ecosistema dell’informazione, nella sua accezione più ampia. Infatti, anche se, fortunatamente, pare essere caduta nel dimenticatoio, avvertiamo comunque il rischio di proposte come quella formulata non più tardi di qualche mese fa dall'onorevole Luigi Marattin. Anche se il nostro studio si focalizza sulle conversazioni in Italia, e in italiano, il nostro lavoro si inserisce anche in un quadro più ampio, come nel caso della proposta di legge francese, fortunatamente respinta dal tribunale d’oltralpe proprio in questi giorni. Così come avviene anche dall’altro lato dell’Oceano con i tentativi di Trump, dopo gli aspri scontri con Twitter, di modificare una sezione di una legge del 1996 che sostanzialmente dice che “i gestori” non sono responsabili dei contenuti postati dagli utenti. Norma per 24 anni ha fatto sì che chiunque oggi possa postare quello che vuole sui social, senza un controllo preventivo. Se cadesse questa norma, cadrebbe Internet come lo conosciamo, e la libertà di espressione in Rete sarebbe seriamente minacciata, come avviene già oggi nei Paesi con regimi totalitari. Per questo sono state esaminate sette categorie di discorsi d’odio:
  3. 3. - Generici. Comprendenti almeno uno di questi termini: Bastardo, bastardi, stronzo, stronzi, stronza, stronze, stupido, imbecille, imbecilli, "testa di cazzo", coglione, coglioni, "rotto in culo", pappone, "faccia da cazzo", "testa di minchia", rincoglionito, rincoglioniti, "faccia da culo", "mezza sega", pipparolo, "figlio di puttana", "figli di puttana", deficiente, leccaculo, sciacallo, "scarto umano", "ciccione di merda", "obeso di merda", Kitemmuort, fottiti, ciccionazzo; - Sessismo. Comprendente almeno uno di questi termini: Battona, mignotta, puttana, troia, battone, mignotte, puttane, troie, pompinara, pompinare, bagascia, bagasce, baldracca, baldracche, zoccola, zoccole; - Omofobia. Comprendente almeno uno di questi termini: Frocio, finocchio, checca, ricchione, recchione, culattone, froci, checche, culattoni, ricchioni, recchioni, busone, busoni, succhiacazzi, ciuccacazzi, "altra sponda", altrasponda, sodomizzato, pompinaro, bocchinaro, "succhia cazzi"; - Razzismo. Comprendente almeno uno di questi termini: Negro, negri, "occhi a mandorla", cinesi, neri, nero, marocchini, marocchino, islamici, islamico, albanese, albanesi, talebano, talebani, zingaro, extracomunitario, zingari, extracomunitari, africano, africani, asiatico, mulatto, tedesco, tedeschi, francesi, francese. In associazione con i seguenti termini: merda, bastardo, bastardi, “infame di minchia", infami, muori, uccidersi, uccidere, stronzo, stronzi, bastardo, bastardi, stronzo, stronzi, stronza, stronze, stupido, imbecille, imbecilli, "testa di cazzo", coglione, coglioni, "rotto in culo", pappone, "faccia da cazzo", rincoglionito, rincoglioniti, pipparolo, "figlio di puttana", "figli di puttana" deficiente, leccaculo, sciacallo, "scarto umano", "ciccione di merda", "obeso di merda", Kitemmuort, fottiti, ciccionazzo, schifo, merdaio; - Antisemitismo. Comprendente almeno uno di questi termini: Ebreaccia, ebreaccio, ebreo, ebrei, giudeo, giudei, Israele, israeliani, sionista, sionisti. In associazione con i seguenti termini: merda, bastardo, bastardi, infame,
  4. 4. infami, "devi morire" "dovete morire”, muori, sporco, sporca, lurido, lurida, maledetti, maledetto, frocio, froci, manipolatorie, manipolatori, massone, massoni, crepa, crepate; - Discriminazione Territoriale. Comprendente almeno uno di questi termini: Terrone, polentone, "Senti che puzza scappano anche i cani stanno arrivando i napoletani”, "lavali col fuoco", "forza Vesuvio", "forza Etna", napoletano, napoletani, calabresi, calabrese, emiliani, toscano, toscani, pugliesi, milanesi, veneti, piemontesi, siciliani, siciliano, romani, romagnoli romagnolo. In associazione con i seguenti termini: mafiosi, camorristi, mafioso, camorrista, bastardo, bastardi, stronzo, stronzi, stronza, stronze, stupido, imbecille, imbecilli, "testa di cazzo", coglione, coglioni, "rotto in culo", pappone, "faccia da cazzo", "testa di minchia", rincoglionito, "figlio di puttana", "figli di puttana", deficiente, leccaculo, sciacallo, "scarto umano", "ciccione di merda", "obeso di merda", Kitemmuort, fottiti; - Ideologie Politiche. Comprendente almeno uno di questi termini: Fascista, fascisti, comunisti, comunista, nazista, nazisti, "zecca rossa", "zecche rosse", "fascio bastardo", "mangia bambini". Complessivamente sono stati identificati 679mila tweet e 263mila condivisioni, da parte di 148mila utenti unici, contenenti almeno uno dei termini sopra riportati. Si tratta solamente del 3.7% dei tweet postati nel periodo sulla piattaforma social in questione. Un elemento che fornisce una prima dimensione di quanto, in realtà, i discorsi d’odio siano assolutamente marginali rispetto al volume totale delle conversazioni su Twitter.
  5. 5. Altrettanto marginali sono il numero di utenti unici considerando che, stando agli ultimi dati disponibili, Twitter conta 10.5 milioni di utenti unici in Italia, dei quali 148mila sono solamente l’1.4%. Di questi la maggior parte sono insulti “generici”, così come sopra definiti, che rappresentano quasi due terzi del totale. Altro ambito nel quale si concentrano buona parte dei pochi insulti, è legato all’ideologia politica, che ha un peso di circa un quarto del totale. Seguono con un’incidenza inferiore sessismo, omofobia, e razzismo, mentre discriminazione territoriale e antisemitismo restano assolutamente marginali, come mostra l’infografica sottostante. Entrando nel dettaglio si vede come gli insulti e i discorsi d’odio abbiano avuto un picco in concomitanza con i festeggiamenti del 25 Aprile, per le polemiche che sono seguite alle dichiarazioni di alcuni esponenti di spicco del centro-destra. Stabili e al top fra tutti gli insulti “generici”, che come abbiamo visto rappresentano la quota maggiore tra tutte le categorie di discorsi d’odio monitorate. Aspetto che approfondire nella parte della ricerca relativa specificatamente all’analisi semantica.
  6. 6. Al contrario, in crescita quelli legati a fenomeni di sessismo, anche se, come mostra l’infografica sotto riportata, si tratta di volumi di conversazioni davvero modesti, che nel periodo preso in esame arrivano massimo a mille citazioni giornaliere. Un fenomeno non per questo meno deprecabile, ma certamente molto contenuto. Davvero modesti, come era già emerso dall’infografica di sintesi dei risultati, i volumi delle altre tematiche esplorate che, al massimo, come nel caso dell’omofobia o del razzismo, raggiungono i 250 tweet/die.
  7. 7. Nel complesso i volumi delle conversazioni relative ad incitamento all’odio generico e quelli relativi alle ideologie politiche sono circa 681mila, mentre tutti gli altri poco più di 61mila. Il tasso di engagement di tutti i contenuti analizzati è del 0.26%. Possiamo dunque concludere che, non solo i contenuti di hate speech sono assolutamente minoritari rispetto al volume totale delle conversazioni, ma anche che il livello di coinvolgimento che generano è davvero ridotto. Questo non toglie che il sistematico utilizzo di violenza verbale da parte di alcuni soggetti, che talvolta arrivano addirittura a indicare il bersaglio da colpire, sia un fenomeno che richieda un’assunzione di responsabilità dalla quale nessuno può esimersi. Coloro che si rendono protagonisti di insulti e incitamento all’odio sono, per oltre due terzi, di sesso maschile e si concentrano prevalentemente nella fascia di età tra 25 e 44 anni, che complessivamente pesa il 64.4%. A proposito di omofobia e sessismo, un primato che non fa certo onore ai maschi adulti, e anche se abbiamo scelto, contrariamente ad altri, di non pubblicare i nomi, per non incorrere nella contraddizione di condannare chi indica il bersaglio per poi fare altrettanto, notiamo che molto spesso si tratta di utenti con nomi fantasiosi o di fantasia, diciamo, che fanno un uso molto intenso di Twitter ma che, come dimostrano i dati di engagement, hanno un seguito molto ridotto e, appunto, generano un livello di coinvolgimento che definire minimo è un eufemismo. Naturalmente, come ben sappiamo, nonostante puerili tentativi di dissimulare la propria identità, è assolutamente possibile risalire a che ci sia dietro un determinato account Twitter. Non c’è bisogno dunque di nuove leggi, come spesso, erroneamente, si invoca, ma di dotare la polizia postale di maggiori risorse umane e tecniche che
  8. 8. consentano di monitorare meglio, e con maggior tempestività, eventuali fenomeni che posso essere pericolosi per i cittadini. Nella bio degli “haters” il termine maggiormente ricorrente è “Italia”, che compare nel 4.8% dei casi. Tale termine viene con buona frequenza associato a “romano”, “destra”, “bandiera”, “fiero”, e “tradizioni”, per quanto riguarda la politica. Dalla combinazione dell’analisi semantica e delle emoji associate a contenuti di hate speech, abbiamo anche analizzato quali fossero i sentimenti prevalenti. Come era naturale attendersi prevalgono sentimenti di disapprovazione, che sono presenti nel 44.1% dei casi, seguiti da quelli di rabbia, che ricorrono il 30% delle volte. Le quattro aree tematiche nelle quali si concentra la maggior conflittualità sono relative a legge, governo, e politica, che pesa oltre un quarto del totale [26%]. Intrattenimento, con per oggetto dispute fuori dai limiti della discussione civile, tra gli altri, David Parenzo, Fabio Fazio, Bruno Vespa, e Fiorella Mannoia, ma anche Enrico
  9. 9. Mentana e Beppe Grillo. Quest’area di contrasti decisamente fuori dalle righe concentra poco più di un quinto [21%] del totale. Altri ambiti in cui vi è una particolare concentrazione di discorsi d’odio è quella delle news, che naturalmente danno lo spunto per discussioni tanto accese quanto, talvolta, fuori luogo. Ed è notizia di questi giorni che un tribunale australiano ha stabilito che gli editori sono responsabili dei commenti che vengono lasciati a margine dei loro post sui social. Sentenza che ribalta l’approccio attuale che invece vorrebbe scaricare sulle piattaforme social la responsabilità, rendendole pericolosamente arbitri di cosa e come si possa dire e cosa invece no, e che rappresenta la naturale conclusione di una gestione dei social da parte dei publisher di quotidiani che non è esagerato definire scellerata, come abbiamo documentato in passato. Se nell’area delle news si concentra il 19% dei discorsi d’odio, l’altro ambito nel quale vi è una forte concentrazione di hate speech [13% del totale] è lo sport, e naturalmente, come non poteva essere altrimenti, in particolare nel calcio, con alcuni calciatori bersaglio di critiche, a cominciare da Chiellini, recentemente al centro di polemiche con Balottelli, ma non solo, per i contenuti del suo libro. Se, come abbiamo visto, l’area che dà origine a maggiori controversie, e relativi eccessi, è quella relativa a legge, governo, e politica, c’è n’è davvero, quasi, per tutti. Come mostra la word cloud, si va da Matteo Salvini a Paola Taverna, passando per Giorgia Meloni e Giuseppe Conte, per citare quelli che maggiormente appaiono bersaglio di hate speech. Se per taluni, come Salvini, questo diventa un’arma, uno strumento di una comunicazione che fa ampio uso di aggressività, fortunatamente così non è per tutti, e non stupisce dunque la particolare sensibilità, diciamo, dei nostri politici rispetto all’hate speech. Sensibilità che ovviamente è naturale ma che altrettanto ovviamente
  10. 10. non può e non deve sfociare in richieste di leggi e provvedimenti che per altro, per lo più, sono già esistenti e vanno solamente applicati con maggior rigore. Rispetto ai tre soggetti maggiormente menzionati, come si vede dalla word cloud sopra riportata, Salvini, Meloni, e Conte, emergono risultati d’interesse. Per quanto riguarda il leader della Lega, seppure a prevalere siano insulti di tipo generico, quali in particolare “coglione” e “coglioni”, è forte, come era naturale attendersi, la connotazione politica. Ben presente infatti tutta l’area di conversazioni rispetto alle accuse di razzismo e fascismo, nonché di sciacallaggio. Al riguardo è interessante notare come altro termine che viene associato alla citazione di Salvini sia “Vesuvio lavali”. Si tratta evidentemente di una parte dei supporter del leader leghista che invocano a gran voce che questo accada. Che i napoletani vengano sommersi dalla lava del vulcano. Un altro aspetto di interesse riguarda Giorgia Meloni. Per quanto riguarda la leader di Fratelli d’Italia vi è una netta prevalenza di discorsi d’odio riferiti alle accuse di fascismo, e di essere fascista, che pesano circa un quarto del totale delle conversazioni contenenti elementi che la riguardano.
  11. 11. Per contro, sono davvero ridotti invece insulti a lei riferiti che siano caratterizzati da sessismo, così come lo abbiamo definito nella parte introduttiva del report. Si torna invece ad una prevalenza di insulti generici per quanto riguarda l’attuale premier, con ancora una volta i termini utilizzati nei confronti di Salvini, che costituiscono buona parte degli epiteti lanciati nei suoi confronti. Evidentemente da appartenenti alla fazione opposta rispetto a chi insulta il leader leghista.
  12. 12. Altri politici che vengono particolarmente bersagliati sono Matteo Renzi, presente nel 0.5% del totale delle citazioni analizzate. Stessa incidenza per Luigi Di Maio, mentre sia Carlo Calenda che Claudio Borghi compaiono entrambi nel 0.4% dei casi. La metà di Conte al 0.8%, un quarto della Meloni, al 1.6%, e molto al di sotto del 2.6% di Salvini. Il giornalista maggiormente insultato è Andrea Scanzi, al 0.5%, con una netta prevalenza di termini generici, in buona parte dello stesso tenore di quelli rivolti a Salvini, ma naturalmente da parte opposta. Altro giornalista che raccoglie un forte dissenso è Vittorio Feltri, al 0.4% del totale dei 679mila tweet classificati come hate speech. In questo caso, oltre, ancora una volta, ad insulti generici dello stesso genere di quelli rivolti a Scanzi, a prevalere sono le accuse di fascismo, e di essere fascista, associate a quelle di essere, citiamo testualmente, “rincoglionito”. Infine, non mancano gli attacchi ad alcuni organi di informazione. Ad essere bersagliati sono in particolare la Repubblica, il Corriere della Sera, e il Fatto Quotidiano. Repubblica guida questa poco gradevole classifica con il 0.9% delle citazioni. Corriere e Fatto si attestano entrambi al 0.5%. Per tutte le testate l’associazione più comune è quella ad insulti di carattere generico quali, ancora una volta, in prevalenza “coglione”, e “coglioni”. Se tale termine, che abbiamo visto essere il più ricorrente tra gli insulti di carattere generico, certamente non è espressione di un linguaggio ricercato o educato, altrettanto viene utilizzato diffusamente a livello colloquiale, tanto che anche Wikipedia spiega che: «Il termine è anche utilizzato in senso dispregiativo ed è entrato da tempo nel linguaggio corrente con il significato di persona inetta, poco avveduta, che non prevede le conseguenze dei propri atti per insufficiente intelligenza».
  13. 13. Del resto lo stesso Feltri, che come abbiamo visto è spesso oggetto di tale locuzione, utilizza a sua volta, spesso e volentieri tali termini su Twitter, come si può facilmente constatare scorrendo la sua timeline. Sempre al riguardo ricordiamo che anche Leopardi, tra le altre cose, già alla sua epoca scriveva «Ridiamo insieme alle spalle di questi coglioni che possiedono l'orbe terraqueo». Anche fascista, come pure comunista [che compare altrettanto nei discordi d’odio], così come razzista, seppure naturalmente vengano utilizzati con un fine che indubbiamente è di violenza verbale, senza dubbio sono constatazioni relativamente oggettive di posizioni politiche degli uni e degli altri. Se dall’analisi avessimo escluso tali termini, il cui peso all’interno delle conversazioni analizzate è riportato nell’infografica sottostante, il volume totale dei discorsi d’odio, e il loro peso rispetto al volume totale delle conversazioni, sarebbe stato di gran lunga inferiore a quel 3.7% che la nostra ricerca indica.
  14. 14. In conclusione, possiamo dunque affermare che, seppure vi sia da mantenere alta l’attenzione sul fenomeno, e senza dubbio vi siano a livello individuale pericolosi eccessi, il rapporto indica con chiarezza quanto l’hate speech sia un fenomeno ben più circoscritto e limitato rispetto a quanto la narrazione generale sul tema lasci apparire. Si tratta di un fenomeno spesso dovuto ad una scarsa alfabetizzazione digitale, e altrettanto problematica condizione psicologica, che per alcuni soggetti si traduce in una scarsa, o nulla, consapevolezza che quanto viene scritto sui social resta permanentemente, e che la mediazione attraverso lo schermo di uno smartphone non implica minore attenzione rispetto alla comunicazione de visu. Dalla nostra prospettiva, in termini di raccomandazione conclusiva, riteniamo che rispetto al fenomeno sia più proficuo intervenire a livello di educazione e acculturamento digitale, sul quale il nostro Paese presenta gravi lacune, piuttosto che ipotizzare ulteriori restrizioni rispetto alle leggi già in vigore, sia perché riteniamo che sia sempre meglio un approccio [pro]positivo che uno punitivo, che perché, visto che le leggi già esistono, un loro inasprimento troverebbe le medesime difficoltà di applicazione di quelle in vigore. Il Rapporto è il frutto del lavoro di Silvia Ciampa, PR Manager KPI6, Marco Mazza, Data Analyst KPI6, Gaetano Masi, Chief Product Officer KPI6, Pier Luca Santoro, Project Manager DataMediaHub. Estensore del rapporto Pier Luca Santoro. 22 Giugno 2020

×