Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Newsruption 2018

209 views

Published on

Evoluzione della lettura dell’informazione di
attualità online dal 2009 al 2018

Published in: Internet
  • Be the first to comment

Newsruption 2018

  1. 1. Evoluzione della lettura dell’informazione di attualità online Dal 2009 al 2018 Settembre 2018 1
  2. 2. Lo scenario dell’informazione testuale Dal 2009 ad oggi 2
  3. 3. La domanda d’informazione testuale - 2012 Sovrapposizione tra lettori di quotidiani cartacei, online e apps per l’informazione Nella ricerca del 2012 si rilevava come il 6,3% dell’utenza Internet avesse l’abitudine di leggere le notizie su dispositivi mobili attraverso App scaricate sul proprio device mobile (cellulare o Tablet). L’1,2% degli utenti Internet italiani leggeva unicamente le notizie usando questa modalità ma l’insieme dei lettori di notizie tramite device mobile era in grande maggioranza sovrapposto ai lettori dei quotidiani online. Base: totale campione utenti internet settimanali. 3 8,8% 24,6%8,9% App: 6,3% 1,2% 2,8% 2,0% 0,3% I lettori abituali I lettori abituali di un canale (Web, carta o App) dichiarano di leggere almeno quattro giorni alla settimana l’informazione sullo stesso canale. Web: 38,1%Carta: 20,1% Non lettori: non leggono mai (o solo raramente) né carta, né Web né App 22,5%
  4. 4. La domanda d’informazione testuale - 2014 Sovrapposizione tra lettori di quotidiani cartacei, online e apps per l’informazione Nel 2014 aumenta ancora la quota di utenti Internet che s’informa abitualmente via App su dispositivi mobili: il 20,4%, circa 6 milioni di individui, tra i quali si trovano 1,3 milioni che usano quasi unicamente questa modalità. L’insieme dei lettori di notizie via device mobile è in buona parte sovrapposto ai lettori dei quotidiani online. I non fruitori d’informazione di attualità sono costantemente diminuiti, passando dal 22,5% al 17,5% in due anni. 4 6,6% 22,0% App: 20,4% Web: 44,1%Carta: 19,9% Non lettori: non leggono mai (o solo raramente) né carta, né Web né App: 17,5% I lettori abituali I lettori abituali di un canale (Web, carta o App) dichiarano di leggere almeno quattro giorni alla settimana l’informazione sullo stesso canale. Base: totale campione utenti internet settimanali. 6,4% 4,3% 9,2% 6,4% 0,3%
  5. 5. La domanda d’informazione testuale - 2016 Sovrapposizione tra lettori di quotidiani cartacei, online e apps per l’informazione Nel 2016 aumenta ancora la quota di utenti Internet che s’informa abitualmente via App su dispositivi mobili: il 23,8%, circa 7 milioni e 500 mila individui, tra i quali si trovano 1,4 milioni che usano quasi unicamente questa modalità. L’insieme dei lettori di notizie via device mobile è in buona parte sovrapposto ai lettori dei quotidiani online. I non fruitori d’informazione di attualità sono stabili negli ultimi anni. 5 6,6% 21,8% 4,5% App: 23,8% Web: 46,4%Carta: 17,3% Non lettori: non leggono mai (o solo raramente) né carta, né Web né App: 18,8% I lettori abituali I lettori abituali di un canale (Web, carta o App) dichiarano di leggere almeno quattro giorni alla settimana l’informazione sullo stesso canale. Base: totale campione utenti internet settimanali, 1565 casi. 4,5% 13,1% 5,0% 1,4% Non lettori: non leggono mai (o solo raramente) né carta, né Web né App: 18,8%
  6. 6. La domanda d’informazione testuale - 2018 Sovrapposizione tra lettori di quotidiani cartacei, online e app per l’informazione Nel 2017 aumenta ancora la quota di utenti Internet che s’informa abitualmente via App su dispositivi mobili: il 26,8%, circa 8 milioni e 500 mila individui, tra i quali si trovano 2,8 milioni che usano quasi unicamente questa modalità. L’insieme dei lettori di notizie via device mobile è in buona parte sovrapposto ai lettori dei quotidiani online. I non fruitori d’informazione di attualità sono aumentati nell’ultimo anno. 6 5,0% 23,9% 3,7% App: 17,1% Web: 41,1% Carta: 13,1% Non lettori: non leggono mai (o solo raramente) né carta, né Web né App: 18,8% I lettori abituali I lettori abituali di un canale (Web, carta o App) dichiarano di leggere almeno quattro giorni alla settimana l’informazione sullo stesso canale. Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. 4,2% 8,5% 3,8% 0,6% Non lettori: non leggono mai (o solo raramente) né carta, né Web né App: 23,8% Non lettori: non leggono mai (o solo raramente) né carta, né Web né App 26,1%
  7. 7. La domanda d’informazione testuale Lettori di quotidiani nella popolazione Internet – 2009/2018 I lettori abituali di quotidiani online sono cresciuti nel corso degli anni mentre i lettori di quotidiani cartacei sono diminuiti negli ultimi due anni. La somma netta di domanda di informazione di quotidiani online e cartacei è pari a 15 milioni di individui, in diminuzione rispetto agli scorsi anni: la crescita del Web (in flessione rispetto agli scorsi anni) non riesce a contrastare la diminuzione della carta. 7 Lettori abituali di quotidiani cartacei (tra gli utenti Internet, in migliaia) 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500 6.000 6.500 7.000 2009 2011 2013 2015 2017 Lettori abituali di quotidiani sul Web (In migliaia) 8.000 9.000 10.000 11.000 12.000 13.000 14.000 15.000 2009 2011 2013 2015 2017 Base: totale campione utenti internet settimanali.
  8. 8. La domanda d’informazione testuale Lettori di quotidiani nella popolazione Internet – 2009/2018 I lettori abituali di quotidiani su App sono passati da poco meno di 2 milioni nel 2012 a 8,5 milioni nell’ultimo anno. La somma netta di domanda di informazione di quotidiani online, cartacei e via App sfiora i 18 milioni di individui, in crescita rispetto agli scorsi anni grazie al traino delle App e dell’online. 8 Lettori abituali di quotidiani via App (tra gli utenti Internet, in migliaia) 1.000 2.000 3.000 4.000 5.000 6.000 7.000 2012 2014 2016 2018 Utenti abituali di informazione «any channel» (In migliaia) Base: totale campione utenti internet settimanali. 12.000 13.000 14.000 15.000 16.000 17.000 18.000 2009 2011 2013 2015 2017
  9. 9. La fruizione da dispositivo mobile e il ruolo delle App d’informazione Dal 2012 ad oggi 9
  10. 10. Gli strumenti più indicati per alcuni bisogni di comunicazione Gestire un disservizio - Trend La grande maggioranza (94%) di chi utilizza dispositivi mobili per accedere al Web dichiara di aver installato delle App e, tra coloro che utilizzano regolarmente App sui dispositivi mobili, il 28% dispone di un’App dedicata all’informazione di attualità: si tratta in definitiva di 8,7 milioni di individui. Infine, poco più di 5 milioni di individui sono classificabili come lettori abituali di news in mobilità, attraverso almeno un’App d’informazione che utilizzano regolarmente su un dispositivo mobile. 10 Mobile users (Tablet o Smartphone): 31,1 milioni di individui (100%) Hanno installato App di Notizie sui dispositivi mobili: 8,7 milioni di individui (28,0%) Utilizzano abitualmente App sui dispositivi mobili: 26,6 milioni di individui (85,6%) Utilizzano con regolarità App di Notizie sui dispositivi mobili: 5,1 milioni di individui (16,5%) 8,5 milioni di lettori fedeli di news in mobilità Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi.
  11. 11. Base installata di App d’informazione su device mobile Incidenza sul totale degli utilizzatori di App d’informazione – Trend 2012-2017 La base delle percentuali del 2018 è composta da 8,7 milioni di individui cioè individui che hanno installato una App di informazione su un proprio device e che sanno citare spontaneamente almeno il nome di un’App di news. La stessa base nel 2012 era pari a 3,5 milioni e da quattro anni non mostra più segnali di crescita. 11 0% 4% 8% 12% 16% 20% La Repubblica TG Com Corriere Ansa Gazzetta dello Sport Google News Flipboard La Stampa Il Fatto Quotidiano Il Sole 24Ore [News e Meteo] News republic Feedly Leggo Rai News 24 2012 2014 2016 2018 Quali App per leggere le notizie hai installato sui tuoi dispositivi mobili? Base: utenti che citano spontaneamente il nome di almeno una App di news, 372 casi.
  12. 12. Carta, Web o App? La prova del divano 12 39% 21% 30% 10% Con l'app/ le apps dedicate che ho sul mio dispositivo mobile In formato cartaceo, tenendo in mano un quotidiano Consultando il sito/ i siti Web che preferisco Nessuna preferenza, mi vanno bene tutte le possibilità 2012 2014 2016 2018 Immagina di avere un po’ di tempo libero la sera per leggere le notizie della giornata. Potendo scegliere, preferiresti sfogliare le notizie… Le persone che fanno esperienza di lettura dei quotidiani nelle tre forme (via App, su carta e sul Web) possono indicare la soluzione preferita per leggere le notizie della giornata: la loro scelta ricade sempre più sulle App (39%) che sulla versione Web (30%). Dopo un calo iniziale, il favore verso la carta è leggermente cresciuto negli ultimi anni.= Base: utenti che citano spontaneamente il nome di almeno una App di news, 372 casi.
  13. 13. Le fonti informative nel caso di un evento straordinario L’analisi del caso ipotetico 2011 - 2018 13
  14. 14. Mezzi di informazione utilizzati in casi eccezionali La fonte informativa di riferimento in caso di eventi straordinari A quale fonte ci si rivolge in prima battuta per avere informazioni nel caso di un evento eccezionale? Un esercizio d’immaginazione proposto con la finalità di comprendere il mezzo di comunicazione Top of Mind in caso di necessità nel 2017. 14 Supponiamo che sia da poco avvenuta una cosa importantissima nel mondo e vuoi sapere di cosa si tratta. Cosa faresti come prima cosa per capire cosa è successo? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi.
  15. 15. Mezzi di informazione di riferimento Nel caso di un evento eccezionale – 2018 Il test misura i mezzi di riferimento per rispondere a un’esigenza informativa straordinaria, una sorta di Top of Mind dei mezzi di comunicazione in caso di bisogno. Più della metà degli individui partirebbe da Google per cercare informazioni su un evento di attualità di carattere eccezionale. Seguono la TV e i quotidiani online, a livelli ormai comparabili a quelli raggiunti da Facebook è e dalle App d’informazione sui dispositivi mobili. 15 23,3% 4,6% 51,9% 24,6% 12,9% 1,3% 2,9% 4,6% 19,3% 18,0% 0,0% Accenderei la Televisione Accenderei la Radio Cercherei su Google Andrei su un quotidiano online Andrei su un aggregatore /motore di ricerca di notizie Andrei su un blog Sentirei un amico/a Cercherei su Twitter Guarderei un’App di news sul telefono Cercherei su Facebook Farei un’altra cosa Supponiamo che sia da poco avvenuta una cosa importantissima nel mondo e vuoi sapere di cosa si tratta. Cosa faresti come prima cosa per capire cosa è successo? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi.
  16. 16. Tipologia di mezzi di informazione utilizzati Nel caso di un evento eccezionale – 2018 L’aggregazione delle diverse soluzioni per tipologia di mezzi presenta la centralità dell’online, nelle sue diverse forme. Google da solo si conferma il punto di riferimento: nel segmento di popolazione online l’associazione spontanea tra Google e la ricerca di informazioni sull’attualità è più forte di quella che si produce con i mezzi broadcasting (TV e Radio) e con i siti d’informazione online. 16 27,9% 51,9% 37,5% 23,8% 2,9% 0,0% 19,3% Radio e TV (Air) Motore di ricerca Aggregatori e siti di news Social Networks e Blog Amici e conoscenti Altre fonti App su device mobile Supponiamo che sia da poco avvenuta una cosa importantissima nel mondo e vuoi sapere di cosa si tratta. Cosa faresti come prima cosa per capire cosa è successo? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi.
  17. 17. Tipologia di mezzi di informazione utilizzati Nel caso di un evento eccezionale – Trend 17 Supponiamo che sia da poco avvenuta una cosa importantissima nel mondo e vuoi sapere di cosa si tratta. Cosa faresti come prima cosa per capire cosa è successo? 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Radio e TV (Air) Motore di ricerca Aggregatori e siti di news Social Networks e Blog Amici e conoscenti App su device mobile 2018 / 2017 = Gli ultimi 8 anni mostrano due «movimenti» negli equilibri di potere dei mezzi: la perdita di peso dei mezzi broadcasting (TV e Radio) e l’ascesa prima dei Social (Facebook in particolare) e poi delle App su dispositivo mobile. I siti dei quotidiani online (la voce principale della linea blu) perdono cinque punti percentuali in otto anni. Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. =
  18. 18. Le fonti informative nell’esperienza recente L’analisi del caso reale 2011 - 2018 18
  19. 19. Mezzi di informazione utilizzati in un caso reale La fonte informativa di riferimento A quale fonte ci si rivolge per l’informazione quotidiana, di tutti i giorni? Ripensando a una notizia di attualità recente e rimasta particolarmente impressa, l’intervista ha chiesto ai rispondenti di ricordare la prima fonte di informazione, quella da cui essi hanno appreso la notizia. 19 Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi.
  20. 20. Mezzi di informazione utilizzati La prima fonte di apprendimento di una notizia – per singolo mezzo 20 14.800 4.700 3.500 2.100 1.700 1.700 1.100 800 300 200 100 100 La Televisione Facebook Un quotidiano online Un'App su dispositivo mobile Google La Radio Amici e conoscenti (di persona) Un quotidiano cartaceo Twitter Un SMS/Whatsapp eMail Un blog Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Nel caso reale - di un’esperienza recente - il ruolo predominante di canale d’informazione spetta alla televisione. Facebook conquista il ruolo di secondo mezzo più importante con un’incidenza poco superiore a quella di tutto il sistema dei quotidiani online. Da notare, inoltre, la veloce affermazione delle App su dispositivo mobile e la bassa penetrazione di Google (che è invece la prima fonte di informazione nel caso ipotetico ed eccezionale).
  21. 21. Tipologia di mezzi di informazione utilizzati Nel caso di un evento eccezionale – Trend 21 0 1.000 2.000 3.000 4.000 5.000 6.000 7.000 8.000 9.000 10.000 11.000 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Quotidiano online Radio Facebook App su dispositivo mobile Google Amici e conoscenti (di persona) Televisione SMS/Whatsapp Blog Un'altra fonte Quotidiano cartaceo Twitter La TV mantiene il primato con valori di penetrazione costanti, intorno al 45% della popolazione. Le persone raggiunte dall’informazione televisiva crescono in termini assoluti a causa del costante aumento degli individui online, passati dai 24,4 milioni del 2012 ai 32,7 milioni del 2018. L’influenza dei quotidiani online rimane costante mentre cresce quella di Facebook: il Social Network è il secondo mezzo d’informazione per impatto sulla popolazione, dopo la TV e più di tutti i quotidiani online. Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. // 11.000 12.000 13.000 14.000 15.000 Migliaia di individui
  22. 22. Mezzi di informazione utilizzati La prima fonte di apprendimento di una notizia per tipologia di mezzo – Quota 2017 22 52,2% 22,8% 5,7% 16,3% Media tradizionali Testate online Passaparola Social Network Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Nell’analisi aggregata si nota anche il peso significativo del passaparola, sia di persona che mediato dalla comunicazione a distanza, e la conferma del ruolo ancora dominante dei mezzi tradizionali (in primis la TV). Quando si considera il caso reale, la dieta mediatica degli utenti Internet non è così influenzata dall’online di quanto si direbbe analizzando il solo caso ipotetico: in altre parole, chi utilizza l’online dispone di un più ampio ventaglio di strumenti d’informazione ma continua a essere prevalentemente raggiunto dalla comunicazione dei mezzi tradizionali. Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi.
  23. 23. Tipologia di mezzi di informazione utilizzati La prima fonte di apprendimento di una notizia per tipologia di mezzo – Trend della quota L’analisi di trend del «macro- mezzo» non mostra variazioni significative negli ultimi anni. 23 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Editori tradizionali Informazione online Social Network Passaparola Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi.
  24. 24. Mezzi di informazione di riferimento Confronto fra le citazioni riferite a un caso ipotetico e quelle del caso reale e recente 24 35,1% 52,9% 35,9% 20,5% 3,7% 0,4% 14,2% 50,2% 4,6% 12,7% 16,1% 6,6% 4,4% 4,9% Radio e TV (Air) Motore di ricerca Aggregatori e siti di news Social Networks e Blog Amici e conoscenti Altre fonti App su device mobile Caso ipotetico Caso reale Supponiamo che sia da poco avvenuta una cosa importantissima nel mondo e vuoi sapere di cosa si tratta. Cosa faresti come prima cosa per capire cosa è successo? Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Nel caso reale - di un’esperienza recente - il ruolo predominante spetta alla televisione: quasi metà degli intervistati ricorda di aver appreso una notizia rilevante da questo mezzo, un dato sostanzialmente identico a quello di cinque anni fa. Facebook conquista il ruolo di secondo mezzo più importante con un’incidenza poco superiore a quella di tutto il sistema dei quotidiani online. Da notare, inoltre, la veloce affermazione delle App su dispositivo mobile e i pochi punti percentuali di Google (che è invece la prima fonte di informazione nel caso ipotetico ed eccezionale). Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi.
  25. 25. Tipologia di mezzi di informazione utilizzati Nel caso di un evento eccezionale – Trend 25 Confronto tra l’incidenza delle citazioni dei mezzi nel caso reale di una notizia recente rispetto al caso ipotetico -60% -45% -30% -15% 0% 15% 30% 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Radio e TV (Air) Motore di ricerca Aggregatori e siti di news Social Networks e Blog Amici e conoscenti App su device mobile Gli ultimi 8 anni mostrano che i mezzi broadcasting (Tv e Radio) hanno un potere informativo più forte di quanto le persone gli attribuiscano e il divario tra potere presunto (il caso ipotetico) e potere effettivo (il caso concreto) tende a salire nel tempo. L’unico altro mezzo con potere informativo reale superiore a quello supposto è il passaparola, il cui valore tende a rimanere stabile nel tempo. Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Più ipotetico che reale Più reale che ipotetico
  26. 26. La fisionomia dell’informazione per tipologia di fonte Affinità tra fonti e argomenti dell’informazione di attualità 2017 26
  27. 27. Prima fonte di apprendimento: media tradizionali Categoria della notizia Affinità tra categoria della notizia e fonte di apprendimento 27 Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Disastri, Incidenti Politica Sociale Salute Giustizia, Criminalità Agitaz, Conflitti, Guerre Meteo Sport Economia, affari e finanza Storie, Curiosità Lavoro Ambiente Arte, cultura, intrattenim Tempo libero Media tradizionali Totale mezzi
  28. 28. Prima fonte di apprendimento: TV Categoria della notizia Affinità tra categoria della notizia e fonte di apprendimento 28 Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Disastri, Incidenti Politica Sociale Salute Giustizia, Criminalità Agitaz, Conflitti, Guerre Meteo Sport Economia, affari e finanza Storie, Curiosità Lavoro Ambiente Arte, cultura, intrattenim Tempo libero La Televisione Totale mezzi
  29. 29. Prima fonte di apprendimento: Radio Categoria della notizia Affinità tra categoria della notizia e fonte di apprendimento 29 Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Disastri, Incidenti Politica Sociale Salute Giustizia, Criminalità Agitaz, Conflitti, Guerre Meteo Sport Economia, affari e finanza Storie, Curiosità Lavoro Ambiente Arte, cultura, intrattenim Tempo libero La Radio Totale mezzi
  30. 30. Prima fonte di apprendimento: siti Web e App di testate quotidiane Categoria della notizia Affinità tra categoria della notizia e fonte di apprendimento 30 Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Disastri, Incidenti Politica Sociale Salute Giustizia, Criminalità Agitaz, Conflitti, Guerre Meteo Sport Economia, affari e finanza Storie, Curiosità Lavoro Ambiente Arte, cultura, intrattenim Tempo libero Quotidiani online Totale mezzi
  31. 31. Prima fonte di apprendimento: Google Categoria della notizia Affinità tra categoria della notizia e fonte di apprendimento 31 Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Disastri, Incidenti Politica Sociale Salute Giustizia, Criminalità Agitaz, Conflitti, Guerre Meteo Sport Economia, affari e finanza Storie, Curiosità Lavoro Ambiente Arte, cultura, intrattenim Tempo libero Google Totale mezzi
  32. 32. Prima fonte di apprendimento: passaparola (amici e conoscenti) Categoria della notizia Affinità tra categoria della notizia e fonte di apprendimento 32 Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Disastri, Incidenti Politica Sociale Salute Giustizia, Criminalità Agitaz, Conflitti, Guerre Meteo Sport Economia, affari e finanza Storie, Curiosità Lavoro Ambiente Arte, cultura, intrattenim Tempo libero Passaparola Totale mezzi
  33. 33. Prima fonte di apprendimento: Social Network Categoria della notizia Affinità tra categoria della notizia e fonte di apprendimento 33 Pensa a una notizia che hai sentito o visto, oppure hai letto o hai appreso da un’altra persona. Ricordi attraverso quale mezzo hai sentito per la prima volta parlare di questa notizia? Base: totale campione utenti internet settimanali, 1039 casi. Disastri, Incidenti Politica Sociale Salute Giustizia, Criminalità Agitaz, Conflitti, Guerre Meteo Sport Economia, affari e finanza Storie, Curiosità Lavoro Ambiente Arte, cultura, intrattenim Tempo libero Social Network Totale mezzi
  34. 34. La fiducia nei mezzi d’informazione La credibilità dell’informazione veicolata dai diversi mezzi 34
  35. 35. La rilettura critica Livello di credibilità associato all’informazione di attualità sui diversi mezzi Cita almeno un nome Base: totale campione, 460 casi 3% 6% 4% 10% 5% 3% 9% 9% 7% 12% 10% 8% 5,3% 6,7% 6,2% 9,1% 8,5% 12,9% 24,3% 18,6% 18,7% 29,7% 33,2% 26,9% 31,8% 37,4% 41,5% 44,1% 42,3% 46,4% 40,3% 44,3% 51,1% 42,6% 43,1% 45,4% 35,7% 32,5% 31,7% 25,0% 33,4% 29,3% 18,6% 21,0% 17,1% 10,5% 9,2% 15,8% 24,0% 17,3% 16,3% 11,7% 10,5% 8,6% 7,9% 7,0% 5,9% 4,9% 4,2% 4,0% Facebook Messaggi sul telefono eMail Twitter Blog Amici e conoscenti (di persona) Televisione App di notizie Google Quotidiani cartacei Radio Sito Web/ l'App di quotidiani No mai Quasi mai Qualche volta Abbastanza spesso Sì, spesso Ti capita di mettere in dubbio l’autenticità di una notizia che apprendi da… Commento
  36. 36. La rilettura critica Il sospetto sull’informazione di attualità sui diversi mezzi Cita almeno un nome Base: totale campione, 460 casi 7,0 4,6 3,9 3,2 2,4 1,9 1,0 0,9 0,8 0,6 0,4 0,3 Facebook Messaggi e servizi eMail Messaggi sul telefono Un blog Amici e conoscenti (di persona) Twitter Un'App di notizie sul telefono Google La Televisione Sito Web/ App di quotidiani online Un quotidiano cartaceo La Radio Ti capita di mettere in dubbio l’autenticità di una notizia che apprendi da… Facebook ha un problema di autorevolezza e attendibilità: per ogni persona che consulta il Social senza porsi domande sulla qualità dell’informazione che trova sul proprio feed, 7 persone se lo pongono. Il dato è il più elevato dei mezzi analizzati e non è una peculiarità dei social (Twitter, per esempio, ha un valore 3,5 volte più basso). I massimi livelli di affidabilità sono assegnati ai mezzi classici e ai quotidiani online, la versione Web o App dei quotidiani cartacei. Per ogni persona che non si pone il problema dell’affidabilità della fonte e della notizia, quanti, invece, se lo pongono quando consultano i mezzi elencati
  37. 37. Il profilo delle persone che si pongono in modo critico Analisi del segmento che più spesso si pone domande sulla provenienza e l’affidabilità dell’informazione Cita almeno un nome Base: totale campione, 460 casiTi capita di mettere in dubbio l’autenticità di una notizia che apprendi da… Le persone che rileggono con maggior spirito critico l’informazione di attualità sono in maggioranza uomini di età centrale, residenti nelle regioni del Nord e del Centro e nelle grandi città, benestanti. Le differenze più significative, però, emergono per il titolo di studio, per la frequenza di lettura di libri e la frequentazione di diversi social network: al crescere di queste caratteristiche cresce notevolmente l’atteggiamento di spirito critico nei confronti dell’informazione di attualità. 111 89 92 103 101 120 85 87 100 109 110 95 82 109 92 77 117 Un uomo Una donna Tra 18 e 24 anni Tra 25 e 34 anni Tra 35 e 44 anni Tra 45 e 54 anni Tra 55 e 64 anni Più di 65 anni Nordovest Nordest Centro Sud Isole Meno di 10mila Tra 10 e 30mila Tra 30 e 100mila Più di 100mila 92 94 146 141 86 94 164 107 114 120 136 130 86 89 0 Meno di 1 k€ Tra 1 e 2 k€ Tra 2 e 3 k€ Oltre 3 k€ Non lettori di libri Lettori sporadici di libri Lettori assidui di libri Quotidiani cartacei Quotidiani sul Web App d'informazione Frequentano diversi social Dottorato / Master post-laurea Laurea Scuola superiore Scuola media Nessuna scuola 234
  38. 38. La richiesta d’informazione di qualità Le caratteristiche distintive Cita almeno un nome Base: totale campione, 460 casi 41,7% 37,2% 35,6% 32,2% 29,7% 29,7% 25,6% 14,7% 7,4% 6,3% 4,6% 1,5% Aderenza ai dati e ai fatti Competenza sui temi trattati Oggettività Libertà da condizionamenti Accuratezza Tempestività Autorevolezza Essere gratis Rilettura critica Copertura mondiale Leggerezza Ironia Quali sono le tre caratteristiche più importanti che deve avere per te una fonte d’informazione? L’aderenza ai dati e ai fatti prevale su un insieme di sette aspetti che assumono particolare evidenza (sono selezionati da almeno un quarto del campione).
  39. 39. La richiesta d’informazione di qualità Le caratteristiche distintive per alcuni segmenti sociodemografici Base: totale campione, 460 casiQuali sono le tre caratteristiche più importanti che deve avere per te una fonte d’informazione? Alcuni esempi di come si modulano le top 3 richieste per un’informazione di qualità in determinati segmenti di popolazione. A completare il quadro si segnala che non si notano differenze sui top 3 item per sesso, area geografica e titolo di studio. Giovani 18 – 34 anni Incidenza Oggettività 40% Aderenza ai dati e ai fatti 38% Accuratezza 36% Non più giovani, 55+ anni Incidenza Aderenza ai dati e ai fatti 48% Competenza sui temi trattati 41% Libertà da condizionamenti 34% Residenti in grandi città Incidenza Competenza sui temi trattati 44% Aderenza ai dati e ai fatti 39% Oggettività 37% Lettori di quotidiani cartacei Incidenza Libertà da condizionamenti 37% Oggettività 37% Competenza sui temi trattati 36% Lettori di quotidiani sul Web Incidenza Aderenza ai dati e ai fatti 41% Libertà da condizionamenti 38% Competenza sui temi trattati 38% Lettori d’informazione via App Incidenza Tempestività 40% Libertà da condizionamenti 39% Aderenza ai dati e ai fatti 35%
  40. 40. Grazie per l’attenzione Contatti info@humanhighway.it www.humanhighway.it Human Highway srl Via Tortona 37, 20144 Milano 40

×