Informazione partecipata per coinvolgere e fidelizzare il lettore

1,737 views

Published on

Le slide della formazione effettuata ai componeneti della redazione di un quotidiano nazionale

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,737
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
738
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Informazione partecipata per coinvolgere e fidelizzare il lettore

  1. 1. Open Journalism
  2. 2. Giornalismo Partecipativo Il giornalismo partecipativo [detto anche giornalismo collaborativo o, in inglese, citizenjournalism o open journalism] è il termine con cui si indica la nuova forma di giornalismo che vede la "partecipazione attiva" dei lettori, grazie allanatura interattiva dei nuovi media e alla possibilitàdi collaborazione tra moltitudini offerta da Internet
  3. 3. Informazione Partecipata perCoinvolgere e Fidelizzare il Lettore
  4. 4. Da Media a Rete Sociale
  5. 5. Redazione Liquida
  6. 6. La Notizia NON Finisce nelMomento della Pubblicazione
  7. 7. NON Esiste IL Momento di Pubblicazione
  8. 8. Il Decalogo del Giornalismo Partecipativo ● Stimola la partecipazione. Invita a fornire e/o permette una risposta ● Non è una forma inerte di pubblicazione da noi a loro ● Stimola gli altri alla partecipazione al dibattito. Possiamo essere followers o leaders. Coinvolge l’altro nella pre-pubblicazione ● Aiuta a costruire comunità d’interesse su temi comuni, istante o persone ● E’ aperto al Web. Linka e collabora con altri materiali e fonti in Rete
  9. 9. Il Decalogo del Giornalismo Partecipativo ● Aggrega e/o edita ["cura"] il lavoro di altri ● Riconosce che i giornalisti non sono l’unica voce autorevole, esperta e rilevante ● Aspira ad ottenere ed a riflettere la diversità, così come a promuovere valori condivisi ● Riconosce che la pubblicazione può essere l’inizio e non la fine del processo giornalistico/informativo ● E’ trasparente e aperto alle sfide. Include la correzione, il chiarimento e l’integrazione, l’aggiunta
  10. 10. Futuro dellEcosistema dellInformazione
  11. 11. Ogni giorno ai lettori, alle persone viene mostrato e spiegato il pianoeditoriale coinvolgendoli nelle scelte http://www.guardian.co.uk/news/series/newsdesk-live
  12. 12. I lettori, le persone possono crearenuove applicazioni, nuove forme di fruizione dellinformazione http://www.guardian.co.uk/open-platform
  13. 13. Il Difensore del Lettorehttp://www.guardian.co.uk/theguardian/page/readerseditor
  14. 14. @GuardianTagBot servizio di ricerca social di contenuti effettuato via Twitter che fornisce unarisposta alla ricerca di contenuti, informazioni, notizie pubblicate dal quotidiano anglosassone
  15. 15. Futuro dellEcosistema dellInformazione
  16. 16. Una Case History Italiana
  17. 17. Esercitazione
  18. 18. Modalità● 2 gruppi● 1 ora di tempo● 1 portavoce per esposizione● Conclusioni collettive in plenaria
  19. 19. Obiettivi ● Scegliere un tema che non renda silenzioso giornale e lettore ● Definizione degli obiettivi ● Definizione della strategia social ● Scelta dei mezzi social e definizione ● Conclusioni
  20. 20. About Pier Luca Santoro: esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Sperimentatore e creativo nell’ambito dell’edutainment [education+entertainment] & ai mass communication games Contact Information: http://giornalaio.wordpress.com/pierlucasantoro [atnospam]@gmail.com

×