Le battaglie per il futuro di Internet 02

776 views

Published on

Rottamare la democrazia? (corso di Comunicazione Digitale e Multimediale, Università di Pavia, a.a. 2012-2013)

Published in: Education
1 Comment
2 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
776
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
187
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
1
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le battaglie per il futuro di Internet 02

  1. 1. Università di Pavia Le battaglie Comunicazione Innovazione Multimedialità per il futuroAnno Accademico 2012-2013 di Internet Paolo Costa
  2. 2. 2a lezioneROTTAMARE LA DEMOCRAZIA?
  3. 3. «AGLI INIZI DEL Lo scenario post-democratico:XXI SECOLO SI le occasioni di partecipazione si riducono e la comunicazione MANIFESTA politica si degrada UN’USCITA Colin Crouch, Postdemocrazia, DALLA Laterza, Roma-Bari, 2004 DEMOCRAZIA MODERNA» La democrazia diretta (C.ARLO GALLI, IL supportata dalla Rete è una DISAGIO DELLA risposta a questa crisi o è DEMOCRAZIA, 2011) causa della crisi stessa?
  4. 4. Il dibattito teorico
  5. 5. NARRAZIONI TECNO-DIGITALIChi fine fa la democrazia nell’era dei mediaelettronici?1) La visione apologetica (Pierre Lévy, Kevin Kelly, Derrick de Kerckhove)2) La reazione umanistica e apocalittica (Jean Baudrillard, Pierre Bourdieu, Paul Virilio)3) L’approccio mediattivista (Geert Lovink, Franco Berardi Bifo)
  6. 6. IL DETERMINISMO DI DE KERCKHOVE« Esiste nelle reti (e peruna qualità o unadelle tecnologie digitali) estensione nell’insiemeproprietà essenzialmente democratica? Sì,assolutamente. » Derrick de Kerckhove, Dalla democrazia alla ciberdemocrazia., in Derrick de Kerckhove, Antonio Tursi (a cura di), Dopo la democrazia?, Apogeo, Milano, 2006, 57-70
  7. 7. LA CIBERDEMOCRAZIA DI LÉVYIl virtuale come nuova sfera pubblicaLe agorà digitali come luogo della deliberazioneIl voto elettronico per elezioni e referendumLe reti di parlamenti trasparenti e connesseLa disponibilità online di servizi al cittadino Pierre Lévy, Cyberdémocratie., Odile Jacob, Paris, 2002
  8. 8. Le origini dell’utopia digitale
  9. 9. La narrazione della democraziaelettronica parte da lontano
  10. 10. La narrazione della democraziaelettronica parte da lontano
  11. 11. THE WELL E LE COMUNITÀ VIRTUALI« The virtual village of a few hundred people Istumbled upon in 1985 grew to eight thousand by 1993.It became clear to me during the first months of thathistory that I was participating in the self-design of anew kind of culture. I watched the communitys socialcontracts stretch and change as the people whodiscovered and started building the WELL in its firstyear or two were joined by so many others. Norms were »established, challenged, changed, reestablished,rechallenged, in a kind of speeded-up social evolution. Howard Rheingold, The Virtual Community, 1993
  12. 12. Fonte: RiesensourcesLa narrazione della democraziaelettronica parte da lontano
  13. 13. « Its more fun to be a pirate than tojoin the navy » . Steve Jobs
  14. 14. LA «CALIFORNIAN IDEOLOGY»Un’ideologia eclettica, che integra pensierolibertario, logica capitalista e cultura new ageNasce dall’incontro fra personalità di variamatrice: hacker, scrittori e imprenditoriLa base comune è una fiducia quasi religiosa nelpotenziale emancipatorio della tecnologiaÈ il sogno ambiguo di una nuova democraziaelettronica, in cui tutti sono liberi di esprimersi
  15. 15. Gli esiti attuali
  16. 16. Fonte: Falkvinge.netIl modello ibrido del Partito deiPirati: la democrazia liquida
  17. 17. Il «consensus» elettronico nelmodello di Occupy Wall Street Fonte: Media2work.net
  18. 18. David Graeber e la critica dellademocrazia occidentale
  19. 19. E-DEMOCRACY FRA SOGNO E REALTÀTante esperienze, di portata modesta e limitata:Your Voice in EuropeDEMO-NetDeliberative-Democracy.netE-Democracy.orgThe Center for Deliberative Democracy
  20. 20. « uccidere ladi Nulla rischiademocrazia piùche l’eccesso didemocrazia. » (N. Bobbio)

×