Le prime abitazioni

8,485 views

Published on

unità apprendimento

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
8,485
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
213
Actions
Shares
0
Downloads
64
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le prime abitazioni

  1. 1. Le prime abitazioni<br />
  2. 2. Storia Universale In principio la Terra era tutta sbagliata, renderla più abitabile fu una bella faticata. Per passare i fiumi non c’erano ponti. Non c’erano sentieri per salire sui monti. Ti volevi sedere? Neanche l’ombra di un panchetto. Cascavi dal sonno? Non esisteva il letto. Per non pungersi i piedi, né scarpe né stivali. Se ci vedevi poco non trovavi gli occhiali. Per fare una partita non c’erano palloni: mancava la pentola e il fuoco per cuocere i maccheroni, anzi a guardare bene mancava anche la pasta. Non c’era nulla di niente. Zero via zero, e basta. <br />G. Rodari<br />
  3. 3. Agli inizi<br />Agli inizi della sua storia l'uomo non aveva sviluppato le abilità che possiede adesso e non aveva compiuto le scoperte che sa utilizzare oggi. Egli era un UOMO PRIMITIVO che viveva un po' come vivono oggi le grandi scimmie: non aveva dimora, non aveva vestiti, non aveva attrezzi per lavorare, non sapeva usare i materiali che la natura gli offriva; non conosceva neanche il fuoco. Camminava quasi sempre alla ricerca del cibo. Si rifugiava sugli alberi in caso di pericolo; si riposava su giacigli o sulla nuda terra. Con il tempo, un lunghissimo tempo, vi furono uomini che impararono a proteggere i loro giacigli con muretti di pietra e frasche. Ammassavano le pietre una sull'altra, vi incastravano alla sommità rami frondosi e frasche. <br />
  4. 4.
  5. 5. Tanto tempo dopo<br />Dopo tanto tempo gli uomini occuparono le caverne. Gli uomini delle caverne sapevano costruire lance dalle punte aguzze indurite al fuoco,sapevano scagliare pietre taglienti che loro stessi affilavano e che utilizzavano per uccidere gli animali. Erano diventati cacciatori. Sapevano accendere il fuoco, si vestivano con le pelli degli animali uccisi, vivevano in piccoli gruppi. Nelle caverne abbiamo trovato le prime forme di pittura in quanto intere pareti, spesso, in luoghi bui e difficilmente accessibili, sono state dipinte con figure di animali, cervi, cavalli, bisonti, mammut e di uomini. Queste figure, frutto di un lavoro lungo, accurato e impegnativo facevano parte probabilmente di un rito magico per assicurarsi il successo della caccia, si credeva forse che colpire l'animale rappresentato durante il rito avrebbe favorito la sua cattura. <br />
  6. 6.
  7. 7. Le capanne dei pastori<br />  <br />Passarono migliaia di anni e impararono ad addomesticare gi animali : divennero pastori. I pastori erano nomadi. Utilizzando canne, ramaglie, paglia, sterpi e altro materiale costruivano capanne leggere che spesso ricoprivano con zolle di terra o con pelli di animali per renderle impermeabili alla pioggia e al vento. <br />
  8. 8.
  9. 9. Le capanne degli agricoltori   <br />In alcuni luoghi crescevano spontanei il grano e altri cereali selvatici, alcuni uomini impararono a coltivare la terra e divennero agricoltori, sedentari.Costruirono capanne più solide: piantarono pali, intrecciarono rami, rivestirono tutto con zolle e argilla. Poi addossarono le une alle altre le capanne e dettero vita ai primi villaggi. <br />  <br />
  10. 10.
  11. 11.
  12. 12.
  13. 13. Le case di mattoni, pietra e argilla <br />Risalgono all’età del Bronzo (3000-200 a.C.) le prime case costruite con mattoni crudi,pietra e argilla. A questo punto la casa dell’uomo non aveva più il semplice significato di riparo dal clima e dai predatori per cui era nata, ma era diventata luogo in cui accumulare le risorse alimentari e nutrirsi, riprodursi, proteggere e allevare la prole. Nel villaggio non vi erano strade; le case, rettangolari, erano addossate le une alle altre; non avevano porte , vi si entrava passando dal tetto. Per raggiungere i tetti gli abitanti si servivano di scale a pioli. Ogni casa era formata da due piccole stanze che fungevano da dispensa e da una grande stanza centrale, illuminata da lucerne di pietra e da una piccola finestra, nella stanza c' era sempre il focolare e il forno per il pane. Tra le case vi erano anche dei luoghi sacri, con le pareti decorate con pitture e teste scolpite di arieti e tori.<br />
  14. 14.
  15. 15.
  16. 16.
  17. 17. La casa dell’uomo di oggi, piena di tecnologia, comodità e sofisticati ornamenti sembra essere molto lontana dai motivi e dalle necessità per cui è nata. Essa è l’espressione della società moderna che oltre al rifugio, all’alimentazione, alla protezione della prole ha individuato nella casa una serie di funzioni nuove. La casa diventa così anche luogo in cui ritrovare se stessi, difendersi da ostilità emotive, sviluppare la personalità; essa rappresenta il “nostro posto” e ci appartiene tanto da riversare su di essa lati del nostro carattere. La casa, dunque, è espressione di chi la abita, di chi la vive, di chi la cura, è simbolo di valori e tradizioni.<br />
  18. 18.
  19. 19. Maria Concetta Pasquale<br />

×