Incontro con le educatrici

148 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
148
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Incontro con le educatrici

  1. 1. Incontro con tre educatrici del carcere “Due Palazzi” di Padova Gruppo: Ilaria Bano, Silvia Favero, Ambra Furlan, Giulia Gaburo, Sara Guerriero, Giulia Rizzoli Classe V I – Prof. Gabriella Peracchi
  2. 2. 12 dicembre 2012
  3. 3. Carcere “Due Palazzi” di Padova
  4. 4. Intervista alle tre educatrici
  5. 5. Lorena Orazi capo – area sezione educatori lavora nel carcere “Due Palazzi” di Padova da 23 anni
  6. 6. Annamaria lavora in questo carcere da 9 anni e Cinzia lavora in questo carcere da 3 anni e mezzo
  7. 7. Lo scopo di questo incontro è di conoscere la realtà carceraria dal punto di vista delle educatrici che hanno potuto fornirci anche gli aspetti psicologici che devono saper analizzare durante i colloqui con i detenuti. Questa intervista è stata fondamentale per avere una visione più complessa riguardo la tematica della rieducazione all’interno del “Progetto Carcere”.
  8. 8. Giulia R. Prima domanda chiede: “Per quale ragione avete scelto questo lavoro?”
  9. 9. Cinzia “Fin da piccola ero attratta dal lavoro sociale: aspiravo ad aiutare le persone in difficoltà e ho scritto alcune brevi riflessioni in un libretto scolastico riguardo il carcere. Ho studiato scienze della comunicazione e amo il mio lavoro perché lo considero gratificante, seppur molto impegnativo.” Annamaria “Io invece ho intrapreso questa scelta unicamente perché mi affascinava il lavoro che svolge l’educatrice e mi sono molto appassionata a questa professione.” Lorena “La mia storia è un po’ particolare perché sono stata casualmente trasferita a Padova da Roma, mia città natale. Ho vinto un concorso pubblico, ma non immaginavo che sarei diventata educatrice all’interno di un’Istituzione come il carcere. Ugualmente mi considero molto fortunata e soddisfatta del mio lavoro.”
  10. 10. Ilaria Seconda domanda chiede: “Quando e perché è nata la figura dell’educatore?”
  11. 11. Lorena “La figura dell’educatore nasce nel 1975. In quel periodo fu chiaro che, nonostante i detenuti scontassero la pena, una grandissima quantità di ex detenuti continuava a delinquere anche dopo la scarcerazione. Senza un processo di RIEDUCAZIONE, gli anni di detenzione risultavano inutili e privi di risultati positivi.” Cinzia “Noi tre educatrici però non lavoriamo solo con i detenuti. Spesso ci ritroviamo a sostenere colloqui anche con gli agenti di polizia, perché la realtà carceraria è opprimente e difficile da gestire a livello psicologico.”
  12. 12. Giulia G. Terza domanda chiede: “Quali sono le attività previste durante il processo di rieducazione?”
  13. 13. Annamaria Cinzia “Inizialmente esistevano attività come giardinaggio, informatica e pittura. “I finanziamenti sono molto scarsi, quindi gli interventi di rieducazione e risocializzazione vengono ridotti e la reintegrazione dei detenuti è compromessa.” Lorena “Le attività vengono definite “trattamentali” e forniscono al detenuto possibilità di formazione scolastica, universitaria e lavorativa. Significative sono le attività culturali e sportive. Esistono infatti appositi luoghi in cui i detenuti possono giocare a calcio. Oggi questo non è più presente. Esistono lavori minori come quelli del cuoco e del panettiere.” Inoltre il numero degli educatori non è proporzionale al numero dei detenuti. In Italia sono presenti solo 400 educatori a contatto con 67000 detenuti.”
  14. 14. Quarta domanda Ambra chiede: “Il percorso rieducativo si basa prevalentemente sul dialogo o sulle attività?”
  15. 15. Cinzia Annamaria o “Le attività e i colloqui sono elementi interscambiabili. Il processo rieducativo è basato principalmente su attività volte alla risocializzazione e alla rieducazione del detenuto. I dialoghi col detenuto, invece, fungono essenzialmente da valvola di sfogo.” “Il dialogo è fondamentale. I detenuti sono in grado di cogliere quando l’educatrice è spaventata, agitata o non a suo agio. Le educatrici devono quindi imparare a controllare le proprie emozioni per trovare quel giusto equilibrio tra un colloquio puramente professionale e un dialogo intimo.” Lorena ? “Il nostro compito consiste nel conoscere la storia dei detenuti , capire per quale ragione è stato commesso il reato, scoprire quale idea ha il detenuto di se stesso al di fuori del carcere, comprendere se esistono consapevolezza e pentimento. Durante i colloqui utilizziamo un quaderno nel quale annotiamo alcuni appunti, ma molto pochi (ciò potrebbe causare disagio al detenuto). Attualmente in questo carcere ogni educatrice segue 130 detenuti.”
  16. 16. Quinta domanda Silvia chiede: “Quali sono gli altri compiti che dovete svolgere in qualità di educatrici?”
  17. 17. Lorena “Noi siamo segretari tecnici di un’ èquipe di lavoro. Quando un detenuto deve avanzare una richiesta al Magistrato di Sorveglianza, l’educatore lo sostiene nell’elaborare la richiesta. Parte integrante del lavoro è inoltre il contatto con i parenti dei carcerati, che hanno bisogno di essere rassicurati e informati della situazione in carcere.” Annamaria “Le educatrici partecipano spesso ai processi dei detenuti per poterne poi discuter con loro. Il nostro lavoro comprende anche numerose riunioni con gli altri educatori e con il Magistrato di Sorveglianza.” Cinzia “Il nostro lavoro è costituito da molte emergenze che spetta a noi risolvere. Può capitare che muoia un familiare di un detenuto, che qualcuno tenti il suicidio, che un carcerato commetta atti gravi all’interno del carcere. Tali episodi sono emergenze che richiedono un contatto immediato con i detenuti interessati. L’area trattamentale educativa prevede 36 ore di lavoro settimanali, per quanto riguarda il tempo pieno.”
  18. 18. Sesta domanda Sara chiede: “Dal momento che sappiamo quanto sia difficile non lasciarsi influenzare dai luoghi comuni, voi vi reputate in grado di svolgere il vostro lavoro arginando stereotipi e pregiudizi?”
  19. 19. Cinzia Lorena NTERVISTA INE DELL’I F “Indubbiamente pregiudizi e stereotipi caratterizzano l’essere umano. Sono molti i tentativi di non farci influenzare dai luoghi comuni. Spesso però i giudizi risultano indispensabili ed è necessario realizzare una classificazione.” “Infatti non è possibile trattare indistintamente tutti i detenuti. Ognuno ha storie, bagagli culturali, esperienze diverse e non sarebbe corretto comportarsi nel medesimo modo con tutti i carcerati. Spesso le storie dei detenuti coinvolgono emotivamente, ma la professionalità non deve mai venire meno. I diritti e i doveri di un detenuto non vengono mai messi in discussione da parte dell’educatore.”
  20. 20. Commenti e riflessioni Le tre educatrici si sono dimostrate molto disponibili nei nostri confronti e soprattutto appassionate del loro lavoro. Amano la loro professione, il contatto umano con i detenuti, il sostegno che possono fornire a livello psicologico.
  21. 21. Nel corso dei nostri studi abbiamo appreso quanto “rieducazione” e “risocializzazione” siano processi E END fondamentali nell’istituzione carcere. TH Poter conoscere chi entra quotidianamente a contatto con questa realtà è stata un’esperienza molto formativa e gratificante.
  22. 22. Grazie per la visualizzazione!!
  23. 23. Ilaria Bano Ambra Furlan Sara Guerriero Silvia Favero Giulia Gaburo Giulia Rizzoli

×