Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Brand Jamming Franco Angeli, Stefano Sacchi Paolo Lucci,

514 views

Published on

un libro che offre nuovi spunti di business e comunicazione per innovare il made in italy

Published in: Marketing
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Brand Jamming Franco Angeli, Stefano Sacchi Paolo Lucci,

  1. 1. Un libro su heritage marketing, limited editions, capsule collections, co-branding, brand extension un libro che offre nuovi spunti di business per innovare il made in italy
  2. 2. LaDurée non è una pasticceria, ma un lifestyle brand
  3. 3. Steve mcQueen insieme a Barbour International è un co-branding “storytelling”
  4. 4. Carlsberg è “probably the best beer in the world”, ma in Italia è anche un marchio di sportswear
  5. 5. di cosa parla Qual è il processo evolutivo che trasforma una specialità come il "macaron" di LaDurée in un marchio? Perchè la moda vive di "edizioni limitate"? Dov'è il denominatore comune che unisce il lusso di Bulgari allo spirito sportivo degli All Blacks? E ancora: come ha fatto la birra Carlsberg a diventare un "lifestyle brand"? In un paese internazionalmente riconosciuto come culla dell'innovazione e della competenza stilistica, l'Heritage marketing e il Co-branding risultano tematiche approcciate molto spesso come sperimentazioni accidentali o esercizi di stile. Contrariamente a quanto avviene all'estero dove vengono trattati dalla letteratura di settore in lingua inglese, manca un punto di riferimento tutto "made in Italy" che dia forma ad un universo che ancora procede su binari empirici e che possa fungere da bussola per orientare le strategie di stile, prodotto e comunicazione, partendo dai valori statici e integrandoli con quelli dinamici del brand e giungendo a delineare le strategie evolutive. D'altro canto il "made in Italy" è un concetto che non ha eguali nè concorrenti, nessun altro ("made in France", "Swiss made") può racchiudere gli stessi valori di competenza ed eccellenza in maniera così ampia e trasversale. Presentiamo quindi due nuove strade percorribili nella comunicazione e nel marketing della moda: l'Heritage Marketing e il Co-branding: due modalità per raccontare i valori fondanti dei brand e per trasmettere una storia e una presentazione diversa e innovativa del marchio.
  6. 6. chi è interessato a leggerlo Imprenditori di aziende operanti nel settore moda, accessori, calzature, occhiali, … Manager commerciali – marketing, vendite Buyer della distribuzione organizzata Professionisti pubblicitari e Agenzie Agenzie di PR Studenti Accademici Giornalisti e comunicatori
  7. 7. di cosa parla Prefazione di Elio Fiorucci I Valori di un brand ed i suoi aspetti dinamici Trend e aspetti evolutivi del brand Evoluzione per rivalutazione del proprio archivio (heritage) e per aspetti esterni (co-branding) L ‘Heritage Marketing Cos’è e casi di studio Il Co-branding applicato al made in Italy Cos’è e casi di studio I 5 modi per fare co-branding: Super nicchia, Integrazione competenze Strane coppie, Affinita elettive, Storytelling Strategica commerciale, pianificazione, account management e comunicazione Postfazione di Giuseppina Sansone
  8. 8. gli autori Stefano Sacchi. Dopo esperienze nella formazione e nell'insegnamento, si confronta da 15 anni con pianificazione, processi di produzione, marketing e licensing nel settore moda. Oggi è CEO di una griffe internazionale associata alla Camera Nazionale della Moda Italiana. dove ha seguito personalmente il riposizionamento del brand tramite una strategia di Heritage marketing. Appassionato d'arte e di design, è autore con Andrea Balconi del saggio "Modaterapia" edito da Salani nel 2013. Paolo Lucci. Tra i maggiori esperti di licensing e brand extension in Italia, ha un background professionale che unisce marketing, comunicazione e vendita in Aziende come Ferrero, Armando Testa, Walt Disney . Direttore e fondatore del webmagazine BrandJam, dal 2001 applica con approccio strategico il modello di business di licensing con clienti come Ferrari, Warner Bros, Ariston-Indesit Company, Roberto Benigni, Unilever, Apple Corps – Beatles, Nestlè, Luxottica. http://www.francoangeli.it/Area_PDFDemo/100.822_demo.pdf

×