Introduzione Alla Ricerca Bibliografica

12,494 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
12,494
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
49
Actions
Shares
0
Downloads
124
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Introduzione Alla Ricerca Bibliografica

  1. 1. 08/06/09 Introduzione alla ricerca bibliografica Metodologia e strategie di ricerca Dai repertori cartacei alle banche dati on-line
  2. 2. Il lavoro di ricerca bibliografica <ul><li>Uso degli strumenti bibliografici: da quelli tradizionali ai nuovi supporti elettronici per l’informazione </li></ul><ul><li>Cosa cercare in Biblioteca e cosa consultare on-line </li></ul>
  3. 3. <ul><li>Consultazione e ricerca </li></ul><ul><li>Come si consultano </li></ul><ul><li>I Repertori </li></ul><ul><li>I Periodici </li></ul><ul><li>Il catalogo elettronico </li></ul><ul><li>I Siti free </li></ul><ul><li>Le Banche dati </li></ul>
  4. 4. I Repertori <ul><li>Che cosa sono </li></ul><ul><li>Dove sono reperibili </li></ul><ul><li>A cosa servono </li></ul><ul><li>Come si consultano </li></ul>
  5. 5. Definizione di repertori <ul><li>Sono le fonti bibliografiche relative all’informazione esistente sui documenti pubblicati. Sono raccolte bibliografiche aggiornate di riferimento </li></ul><ul><li>Le Fonti per il reperimento dell’informazione possono essere di natura: </li></ul><ul><li>bibliografica </li></ul><ul><li>catalografica </li></ul><ul><li>commerciale   </li></ul>
  6. 6. Bibliografie <ul><li>Una bibliografia è un elenco di titoli di libri o altro tipo di documenti che hanno una relazione tra di loro; si tratta di opere pubblicate indipendentemente dalla loro dislocazione e disponibilità. </li></ul><ul><li>Le bibliografie si dicono primarie se estraggono le notizie direttamente dal testo, secondarie se le riprendono dalle primarie, terziarie dalle secondarie. </li></ul>
  7. 7. Tipologie di bibliografie <ul><li>Bibliografie generali nazionali (correnti o retrospettive es: la BNI) </li></ul><ul><li>Bibliografie speciali aggiornate, di settori specializzati </li></ul><ul><li>Guide alla letteratura, come: trattati, lessici, dizionari, enciclopedie, introduzioni bibliografiche allo studio di una disciplina </li></ul><ul><li>Bibliografie di periodici </li></ul>
  8. 8. Cataloghi <ul><li>Il catalogo si riferisce a copie particolari di libri che si trovano all’interno di una raccolta: è un inventario di documenti conservati, e la sua funzione primaria è la localizzazione di questi </li></ul>
  9. 9. Tipologie di cataloghi <ul><li>compilazioni bibliografiche basate su cataloghi di biblioteche generali (es: il catalogo della biblioteca nazionale centrale di Firenze) o di settore specifico, di fondi speciali pubblici o privati relativi al campo di interesse </li></ul><ul><li>elenchi, bollettini commerciali, sono bibliografie basate su cataloghi di editori </li></ul>
  10. 10. Utilizzo dei repertori <ul><li>-identificare dei testi </li></ul><ul><li>- informare (documentare) sui soggetti </li></ul><ul><li>Chi consulta un repertorio deve: </li></ul><ul><li>chiedersi se l’oggetto del suo interesse è precisamente individuato </li></ul><ul><li>chiarirsi l’oggetto del suo interesse, circoscrivendo la materia gli estremi cronologici, linguistici geografici, di tipo di pubblicazione, livello di trattazione </li></ul>
  11. 11. Consultazione dei repertori <ul><li>Nel consultare i repertori dobbiamo fare attenzione: </li></ul><ul><li>alla suddivisione e alla tipologia degli indici, </li></ul><ul><li>alle indicazioni circa le sigle o abbreviazioni, </li></ul><ul><li>alle note per la lettura delle chiavi di ricerca negli ordinamenti a soggetto </li></ul><ul><li>Nei dizionari, nelle enciclopedie specializzate ogni termine è oggetto di una definizione e di un commento. </li></ul><ul><li>La definizione cerca di circoscrivere l’accezione del termine e il commento rappresenta la parte critica </li></ul>
  12. 12. I periodici <ul><li>i periodici producono un alto livello di aggiornamento soprattutto le ricerche e gli studi trovano ampio spazio: molto spesso l’imput di un lavoro più ampio viene anticipato in un articolo di rivista. </li></ul><ul><li>Qualora non esista uno spoglio delle riviste con schede che rimandino direttamente all’argomento che interessa, la loro consultazione avviene sfogliando l’indice dell’annata o altrimenti dei singoli fascicoli . </li></ul>
  13. 13. Esempi di Periodici di settore <ul><li>Area di Psicologia dell’educazione e dello sviluppo : </li></ul><ul><li>Età evolutiva </li></ul><ul><li>Psicologia dell’educazione e della formazione </li></ul><ul><li>Area di Psicologia clinica </li></ul><ul><li>Psicoterapia e scienze umane </li></ul><ul><li>Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza </li></ul><ul><li>Area di Psicologia del lavoro e applicata </li></ul><ul><li>Bollettino di psicologia applicata </li></ul><ul><li>Psicologia del lavoro </li></ul>
  14. 14. Il catalogo elettronico e L’OPAC della Biblioteca <ul><li>On Line Public Access Catalog della rete URBS </li></ul><ul><li>http://www.reteurbs.org/ </li></ul><ul><li>Ricerca in Internet : Siti free </li></ul><ul><li>L’Opac del Sistema Bibliotecario Nazionale SBN </li></ul><ul><li>http:// opac.sbn.it / </li></ul><ul><li>L’Opac Nazionale dei periodici </li></ul><ul><li>http:// acnp.cib.unibo.it </li></ul><ul><li>L’Opac della Library of Congress </li></ul><ul><li>http:// catalog.loc.gov / </li></ul>
  15. 15. Siti e cataloghi on-line specializzati <ul><li>http://www.serviziosociale.com/ </li></ul><ul><li>http://www.minori.it/ </li></ul><ul><li>http://www.osservatorionazionalefamiglie.it/ </li></ul>
  16. 16. Strategie di ricerca e operatori <ul><li>Per poter utilizzare con successo cataloghi e banche dati è utile conoscere le tecniche specifiche per il recupero dell’informazione (information retrieval) </li></ul><ul><li>Una ricerca ben strutturata infatti permette di avvicinarsi a un buon numero di risposte esatte </li></ul><ul><li>Richiamo - Precisione </li></ul>
  17. 17. Operatori booleani <ul><li>Tra i linguaggi di interrogazione on-line utilizzati nelle varie tipologie di archivi elettronici, che di volta in volta l’utente deve imparare vi sono delle funzionalità costanti ormai standardizzate: gli operatori booleani: </li></ul><ul><li>And </li></ul><ul><li>Or </li></ul><ul><li>Not </li></ul><ul><li>Xor </li></ul>
  18. 18. AND <ul><li>Intersezione (AND o +) </li></ul><ul><li>“ interpretazione AND sogni” </li></ul><ul><li>Si ottengono tutti i record che contengono sia la parola interpretazione sia quella sogni </li></ul>
  19. 19. OR <ul><li>Unione (OR) </li></ul><ul><li>“ interpretazione OR sogni” </li></ul><ul><li>Si ottengono tutti i record della banca dati che contengono la parola interpretazione, sogni ed entrambe </li></ul>
  20. 20. NOT <ul><li>Complemento (NOT oppure AND NOT) </li></ul><ul><li>“ sogni NOT interpretazione” </li></ul><ul><li>Si ottengono tutti i record che contengono la parola interpretazione tranne quelli che contengono la parola interpretazione tranne quelli che contengono anche quella sogni </li></ul>
  21. 21. XOR o NOR <ul><li>Esclusione (XOR or NOR) </li></ul><ul><li>“ interpretazione XOR sogni” </li></ul><ul><li>Si ottengono tutti i record che contengono la sola parola sogni o la sola parola interpretazione ma non quelle che le contengono entrambe </li></ul>
  22. 22. Operatori relazionali e di prossimità <ul><li>I primi rintracciano valori maggiori(>) </li></ul><ul><li>minori(<) o (=) </li></ul><ul><li>I secondi rintracciano i termini in qualsiasi ordine e distanza tra di loro purché siano nello stesso campo o sottocampo (SAME) </li></ul><ul><li>Oppure se presenti uno accanto all’altro o ad una determinata distanza tra di loro, nell’ordine dato (ADJ o WITH) o in qualsiasi ordine (NEAR) </li></ul>
  23. 23. Caratteri jolly <ul><li>* per sostituire un numero indeterminato di caratteri a destra e a sinistra della parola di troncamento </li></ul><ul><li>“ biblio*” </li></ul><ul><li>? Per sostituire un numero determinato di caratteri all’interno della parola </li></ul><ul><li>“ to?o” </li></ul>
  24. 24. Banche dati <ul><li>È un archivio digitale ospitato da uno o più grandi calcolatori (Host computer) accessibile di solito a pagamento </li></ul><ul><li>Vi sono banche dati “a testo completo” (di informazione primaria o full-text) e banche dati bibliografiche che sono costituite da riferimenti bibliografici, abstracts, o recensioni (review) </li></ul>
  25. 25. Banche dati bibliografiche <ul><li>http://apps.isiknowledge.com/WOS_GeneralSearch_input.do?product=WOS&search_mode=GeneralSearch&SID=W1AH95poCnF2A9jcko@&preferencesSaved=&highlighted_tab=WOS </li></ul><ul><li>http://www.infoleges.it </li></ul>
  26. 26. Periodici Elettronici <ul><li>Wiley/Blackwell Publisher </li></ul><ul><li>http://www3.interscience.wiley.com/cgi-bin/home?CRETRY=1&SRETRY=0 </li></ul>
  27. 27. Bibliografia essenziale <ul><li>CAROSELLA M.Pia, VALENTI Maria (a cura di), Documentazione e Biblioteconomia , 3.ed, Milano, F.Angeli, 1984 </li></ul><ul><li>ECO Umberto, Come si fa una tesi , Milano Bompiani, 1977, (Tascabili Bompiani) </li></ul><ul><li>METITIERI Fabio, RIDI Riccardo, Ricerche Bibliografiche in Internet , Milano, Apogeo, 1998 </li></ul><ul><li>PENSATO Rino, Corso di Bibliografia , 4. ed.,Milano, Editrice Bibliografica, 1995 </li></ul>

×