Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
1
S t u d i o B a t t a g l i a
w w w . c r e s c i t a p m i . i t
P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
2
w w w . c r e s c i t a p m i . i t...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
3
w w w . c r e s c i t a p m i . i t...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
4
w w w . c r e s c i t a p m i . i t...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
5
w w w . c r e s c i t a p m i . i t...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
6
w w w . c r e s c i t a p m i . i t...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
7
w w w . c r e s c i t a p m i . i t...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
8
w w w . c r e s c i t a p m i . i t...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
9
w w w . c r e s c i t a p m i . i t...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
10
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
11
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
12
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
13
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
14
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
15
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
16
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
17
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
18
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
19
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
20
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
21
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
22
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
23
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
24
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
25
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
26
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
27
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
28
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
29
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
30
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
31
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
32
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
33
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
34
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
35
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
36
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
37
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
38
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
39
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
40
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
41
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
42
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
43
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
44
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
45
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
46
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
47
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
48
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
49
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
50
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
51
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
52
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
53
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
54
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
55
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
56
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
57
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
58
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
59
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
60
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
61
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
62
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
63
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
64
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
65
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
66
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
67
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
68
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
69
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
70
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
71
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
72
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
73
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
74
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
75
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
76
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
77
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
78
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
79
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
80
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
81
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
82
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
83
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
84
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
85
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
86
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
87
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
88
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
89
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
90
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
91
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
92
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
93
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
94
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
95
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
96
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
97
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
98
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei
Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili
99
w w w . c r e s c i t a p m i . i ...
Paolo Battaglia Voluntary Disclosure Londra 10.07.15
Paolo Battaglia Voluntary Disclosure Londra 10.07.15
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Paolo Battaglia Voluntary Disclosure Londra 10.07.15

478 views

Published on

Le slide del mio intervento alla Conversazione di aggiornamento professionale di Ascheri & Partners - London (10 Luglio 2015)

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Paolo Battaglia Voluntary Disclosure Londra 10.07.15

  1. 1. 1 S t u d i o B a t t a g l i a w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Rientro dei capitali dall’estero Voluntary disclosure CONVERSAZIONE DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Londra - Venerdì 10 Luglio 2015 Paolo Battaglia Dottore Commercialista in Ragusa info@studiobattagliacommercialisti.it
  2. 2. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 2 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il D.L. 167/90 e il quadro RW • Nella sua formulazione iniziale, il D.L. 167/90 prevedeva l'obbligo di indicazione nella dichiarazione dei redditi degli investimenti all'estero, ovvero delle attività estere di natura finanziaria e patrimoniale, nonché l'ammontare dei trasferimenti effettuati nel corso dell'anno, di importo complessivo superiore a euro 10.000. • Tale indicazione doveva essere effettuata nell'apposito quadro RW in Unico (3 distinte sezioni) che consentiva all’Amministrazione finanziaria di effettuare il c.d. «monitoraggio fiscale». • Il quadro RW aveva, quindi, una funzione informativa e non rilevava al fine del calcolo del reddito imponibile e delle relative imposte.
  3. 3. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 3 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Gli scudi fiscali • SCUDO. Il D.L. 350 /2001 (c.d. “Scudo fiscale”) proponeva il rientro dei capitali e la sanatoria degli illeciti a condizioni non punitive (2,5%). In contropartita aggravava le sanzioni previste nell’art. 5 D.L. 167/90 per l’omissione del quadro RW, portandole dal 5% al 25% degli importi non dichiarati, con effetto dal 27 settembre 2001. • SCUDO BIS. Il D.L. 282 /2002 riaprì i termini di presentazione, elevando l’aliquota al 4% per poi riportarla al 2,5%. • SCUDO TER. Il D.L. 78/2009 art. 13 bis ripropose una nuova versione dello Scudo fiscale, raddoppiando le sanzioni RW portandole dal 10% al 50%, rafforzando nel contempo la funzione del quadro RW, perché era proprio la sua mancata compilazione a rendere possibile l’adesione allo Scudo 2009 Ulteriore appesantimento del sistema sanzionatorio: costituiscono reddito gli investimenti e le attività estere di natura finanziaria detenuti in paesi a regime fiscale privilegiato NON indicati in RW, rendendone ulteriormente decisiva la sua compilazione o omissione.
  4. 4. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 4 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o EU Pilot 1711/11/TAXU • L’8 settembre 2011 i servizi della Commissione europea avviano una procedura di pre-contenzioso (EU Pilot 1711/11) chiedendo chiarimenti circa l'utilità dell’ articolo 2 del decreto-legge n. 167 del 1990, che prevedeva l’indicazione nella dichiarazione dei redditi dei trasferimenti da o verso l’estero effettuati senza il tramite degli intermediari residenti, chiedendo di indicare le ragioni di interesse generale che avrebbero motivato l’obbligo di compilare il modello RW, PUR in presenza di strumenti meno onerosi per i contribuenti (quali lo scambio di informazioni e l’assistenza reciproca in materia fiscale).
  5. 5. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 5 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o EU Pilot 1711/11/TAXU • Inoltre, la Commissione rilevava come l’inosservanza degli obblighi dichiarativi RW prevedesse una sanzione non correlata all’effettiva esistenza di redditi non dichiarati (fino al 50% dei valori degli investimenti e delle transazioni finanziarie non dichiarate e confisca di beni di corrispondente valore detenuti in Italia) e non applicabile a soggetti residenti che effettuano analoghi investimenti in Italia.
  6. 6. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 6 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW dopo la Legge Europea n. 97/2013 Per evitare sanzioni comunitarie viene approvata la Legge comunitaria 2013 (L. 6 agosto 2013 n. 97 - GU 194 del 20 agosto 2013) che all’art. 9 comma 1 modifica profondamente il D.L. 167/1990 e l'obbligo di compilazione del quadro RW ai fini del monitoraggio fiscale, riscrivendo gli artt. 1, 2, 4, 5 e 6 del D.L. n. 167/1990: • è stata eliminata la soglia di € 10.000, poi reintrodotta per i soli c/c e depositi bancari a € 10.000 e oggi riportata a € 15.000 con la L.186/2014 (Voluntary Disclosure). • è stato eliminato il riferimento al 31.12 per lo stock degli investimenti e delle attività finanziarie estere; • è stato eliminato l’obbligo di dichiarare i trasferimenti • il monitoraggio ora interessa anche il "titolare effettivo" degli investimenti/attività estere • è stata revisionato il regime sanzionatorio applicando il principio del «favor rei»
  7. 7. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 7 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW dopo la Legge Europea n. 97/2013 • Per le sanzioni, oggi più leggere, si applica il principio del «favor rei»: Salvo diversa previsione di legge, nessuno può essere assoggettato a sanzioni per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce violazione punibile. Se la sanzione è già stata irrogata con provvedimento definitivo il debito residuo si estingue, ma non è ammessa ripetizione di quanto pagato. Se la legge in vigore al momento in cui è stata commessa la violazione e le leggi posteriori stabiliscono sanzioni di entità diversa, si applica la legge più favorevole, salvo che il provvedimento di irrogazione sia divenuto definitivo. Per le violazioni già commesse si applicano le nuove sanzioni più ridotte.
  8. 8. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 8 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La Voluntary Disclosure (L. 186/2014) • La voluntary disclosure italiana ricalca lo schema che hanno adottato gli Stati Uniti nel 2008 e prevede sconti sulle sanzioni, oltre che un regime di favore sul piano penale. • Non sarà un condono perché le imposte evase saranno esatte per intero. • Non sarà uno scudo fiscale perché i titolari dei capitali non rimarranno anonimi. • La VD regolarizzerà le violazioni fino al 30.09.2014 sul monitoraggio fiscale e le violazioni degli obblighi dichiarativi ai fini delle imposte sui redditi e relative addizionali, delle imposte sostitutive delle imposte sui redditi, dell’IRAP, dell’IVA e delle dichiarazioni dei sostituti d’imposta. • Non sono incluse nella sanatoria le imposte di successione e donazione.
  9. 9. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 9 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure • La disclosure è volontaria, irrevocabile e riguarda l’intero patrimonio del contribuente (non può essere parziale). • La domanda si presenta entro il 30.09.2015 con un modello di 2 pagine, attualmente presente in bozza sul sito dell’Ade. • Il contribuente dovrà indicare distintamente tutti gli investimenti e le attività finanziarie detenute all’estero, direttamente o indirettamente, fornendo all'amministrazione fiscale tutti i documenti e le informazioni necessari per la ricostruzione dei redditi. • Bisogna qui porre molta attenzione perché, in caso di false attestazioni, si rischiano da 1 anno e 6 mesi a 6 anni di carcere. • Ovviamente, lo scudo fiscale 2009 si rivelerà all’Ade.
  10. 10. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 10 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure • Nella domanda andranno indicano i dati del contribuente (se persona fisica), del rappresentante (se soggetto diverso dalle persone fisiche), del professionista e dei soggetti collegati: Se, ad esempio, un contribuente ha all’estero un conto cointestato da regolarizzare, se farà disclosure svelerà il nominativo dell’altro cointestatario. • L’accesso alla procedura sarà possibile SOLO SE la domanda verrà presentata PRIMA che un qualunque soggetto solidalmente obbligato in via tributaria o concorrente nel reato abbia avuto formale conoscenza di accessi, ispezioni, verifiche o dell’inizio di qualunque attività di accertamento amministrativo o di procedimenti penali per violazione di norme tributarie, relativi all’ambito oggettivo di applicazione della procedura di collaborazione volontaria.
  11. 11. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 11 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Esempio di documentazione da produrre: • Documenti relativi ai movimenti degli investimenti (estratti conto bancari, altre movimentazioni degli intermediari) • Documenti relativi ad immobili o altri investimenti detenuti all’estero (es. atti di acquisto di immobili o mobili rilevanti, contratti di locazione) • Documenti relativi al trasferimento o alla costituzione dei fondi esteri; • Documenti comprovanti il valore degli investimenti e delle attività finanziarie detenute all’estero • Documenti utili per determinare la produzione di reddito degli investimenti e delle attività finanziarie • Documenti relativi ai titolari effettivi delle attività e dei soggetti collegati, delegati, cointetatari, titolari di diritti reali. • Documenti riguardanti le attività detenute tramite soggetti interposti (trust o società), con l’indicazione delle persone fisiche che hanno la delega al prelievo sui conti. N.B.: la documentazione non potrà essere integrata successivamente alla chiusura della procedura, pena la compromissione dell’efficacia della procedura
  12. 12. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 12 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure • Dopo la presentazione della domanda, l’AdE esaminerà la domanda e la documentazione di supporto, eventualmente integrata durante la procedura e definirà il costo complessivo della regolarizzazione (imposte più sanzioni ridotte) ed emetterà un INVITO A COMPARIRE nei confronti del contribuente. • Questi, se non dovesse accettare i conteggi dell’Amministrazione, potrà proporre un’istanza di ACCERTAMENTO CON ADESIONE. • Il pagamento del dovuto potrà avvenire in un’unica soluzione o in 3 rate mensili. Il mancato pagamento di una delle rate comporterà il venir meno degli effetti della procedura. Questa la tempistica dei pagamenti: – Entro 15 giorni dalla data fissata per la comparizione – Entro 20 giorni dalla data dell’atto di accertamento con adesione – Entro il termine per la proposizione del ricorso avverso le sanzioni per il quadro RW in caso di atto di contestazione o irrogazione delle sanzioni
  13. 13. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 13 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure • Entro 30 giorni dall’effettuazione dei versamenti dovuti l’Agenzia delle Entrate comunicherà all’autorità giudiziaria competente la conclusione della procedura per l’utilizzo dell’informazione per la non punibilità prevista per i reati tributari e di riciclaggio ed autoriciclaggio. • Infatti, un elemento importante della “collaborazione volontaria” è la piena esimente della punibilità per i reati di: – Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti – Dichiarazione infedele – Omessa dichiarazione – Omesso versamento di ritenute certificate – Omesso versamento IVA – Riciclaggio e impiego di denaro, beni o utili di provenienza illecita – Autoriciclaggio • Rimangono sanzionabili: – Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti – Sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte (ad esempio: alienazioni simulate) • La voluntary disclosure impedirà alla Procura di sequestrare somme a garanzia del pagamento dell’imposta evasa.
  14. 14. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 14 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure • Se il contribuente inizierà la procedura senza poi ultimarla, l’AdE potrà notificare un avviso di accertamento e un nuovo atto con la rideterminazione delle sanzioni entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello di notificazione dell’invito a comparire o dell’avviso di accertamento emessi a seguito dell’avvio della procedura.
  15. 15. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 15 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure • La procedura comporta la segnalazione automatica alla Procura della Repubblica per evasione fiscale ogni volta che: – l’imposta evasa supera 50mila euro «per ogni singola imposta» – la somma sottratta a tassazione è superiore al 10% dell’attivo indicato nella dichiarazione dei redditi – l'evasione supera i 2 milioni di euro • Il pagamento dell’imposta e delle sanzioni, in accordo col Fisco, consente uno sconto di un terzo di pena, che aumenta se il contribuente patteggia la pena con il Pm.
  16. 16. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 16 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Il rimpatrio giuridico • Se ci sono cause che impediscono il rientro fisico (ad esempio, contenziosi con i gestori esteri o difficoltà legate al disinvestimento e alla liquidazione delle attività) o che suggeriscono al contribuente di non portarlo a termine, si riportano giuridicamente in Italia le disponibilità detenute all’estero mantenendole fisicamente in un Paese estero, dando mandato ad una fiduciaria residente. • Con il rimpatrio giuridico, già introdotto nel nostro Ordinamento con lo Scudo Fiscale 2009, la circolare n. 10/E del 13 marzo 2015, si considerano trasferite in Italia anche le attività per le quali, in alternativa al rimpatrio fisico, sia intervenuto o interverrà l’affidamento delle attività finanziarie e patrimoniali in gestione o in amministrazione agli intermediari residenti, sempre che i flussi finanziari e i redditi derivanti da tali attività vengano assoggettati a ritenuta o imposta sostitutiva dagli intermediari stessi. • In tal caso il trasferimento si considera eseguito nel momento in cui l’intermediario assume formalmente in amministrazione o gestione gli investimenti e le attività finanziarie detenute all’estero.
  17. 17. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 17 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Il rimpatrio giuridico • La procedura del rimpatrio giuridico, pur non comportando il trasferimento materiale delle attività in Italia, garantisce al contribuente gli stessi risultati del rimpatrio fisico. • In entrambi i casi i beni saranno custoditi, amministrati e gestiti da un intermediario finanziario italiano. A questo scopo, il contribuente deve conferire un mandato di amministrazione all’intermediario finanziario estero presso cui le attività sono detenute o trasferite, c.d. “waiver” con cui lo autorizza a trasmettere alle autorità finanziarie italiane richiedenti tutti i dati concernenti le attività oggetto di collaborazione volontaria. • Questa autorizzazione, controfirmata dall’intermediario finanziario estero, dovrà essere allegata alla documentazione da allegare alla domanda ed inviata per via telematica. • Dopo un periodo in cui gli operatori avevano creato autonomamente (con tutti i rischi relativi) il proprio modello di waiver, è finalmente disponibile dal 30 aprile sul sito dell’Agenzia delle Entrate la versione definitiva e ufficiale del modello di waiver, anche se ancora non v’è unità di impostazioni con quelli predisposti dalle banche estere (ad esempio con quelle svizzere).
  18. 18. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 18 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Gli anni accertabili • L’amministrazione finanziaria potrà risalire temporalmente fino a quanto consentito dai normali parametri degli accertamenti. • Ai sensi dell’art. 43 del dpr 600/73 gli avvisi di accertamento, ai fini reddituali, devono essere notificati entro il 31.12 del 4° anno successivo a quello in cui la dichiarazione è stata presentata. • Nei casi di OMESSA dichiarazione gli avvisi devono essere notificati entro il 5° anno. • Per le sanzioni sul monitoraggio fiscale si applica questo secondo termine (5 anni) anche in caso di presentazione della dichiarazione. • Secondo la normativa generale la annualità accertabili risalgono al 2010 in caso di dichiarazione infedele e al 2009 per dichiarazione omessa e per le sanzioni relative al quadro RW. • In caso di raddoppio dei termini di accertamento (black list e dichiarazioni fraudolente) si arriverà fino all’anno d’imposta 2006 per l’infedele dichiarazione e al 2004 in caso di dichiarazione omessa e per le sanzioni sul monitoraggio fiscale.
  19. 19. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 19 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Gli anni accertabili • Ai soli fini della VD, per la determinazione dei periodi d’imposta accertabili, non si applica il raddoppio dei termini qualora ricorrano congiuntamente le seguenti condizioni: a) stipula da parte dello Stato estero, entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge sulla VD di accordi che consentano un effettivo scambio di informaizoni anche su elementi riconducibili al periodo compreso tra la data della stipula e quella di entrata in vigore dell’accordo. b) rilascio dell’autore delle violazioni all’intermediario estero presso cui le attività sono detenute l’autorizzazione a trasmettere alle autorità finanziarie italiane richiedenti tutti i dati concenrnetni le attività oggetto di collaborazione volontaria. Tale autorizzazione deve essere controfirmata e allegata alla domanda di adesione alla procedura.
  20. 20. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 20 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Gli anni accertabili • La circolare 10/E del 2015 ha chiarito che per la procedura di collaborazione sia internazionale che nazionale, rimane sempre operativo il raddoppio dei termini di accertamento in presenza di infedeltà o omissioni che comportino l’obbligo di denuncia per un reato tributario (ai sensi del Dlgs 74/2000). Quindi varrebbe il raddoppio dei termini in materia di accertamento in presenza di reati penali: il raddoppio porta da 4 ad 8 anni i termini per l’accertamento (e da 5 a 10 in caso di omessa dichiarazione). • Però, se verrà approvato lo schema di decreto legge sulla certezza del diritto e sul raddoppio dei termini in materia penale, tale possibilità di raddoppio dei termini sarà di fatto ridotta ai casi in cui la notizia di reato sarà trasmessa dall’amministrazione finanziaria alla Procura entro il termine per l’accertamento ordinario: entro il quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione o entro il quinto anno in caso di omessa dichiarazione. • Quindi, se verrà approvata la bozza di decreto delegato, nei casi su citati, non potranno essere accertati i periodi d’imposta dal 2006 (2004, in caso di omessa dichiarazione) al 2009.
  21. 21. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 21 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Lo sconto sulle sanzioni • Le sanzioni per la violazione dell'obbligo di monitoraggio, già ridotte dalla L. 97/2013 vengono ulteriormente ridotte: – 1,5% o 3% (50% del minimo edittale) dell'importo non dichiarato: a) Se le attività vengono trasferite in Italia o in Stati membri dell’UE o SEE (white list) b) Se le attività trasferite in Italia o nei predetti Paesi erano o sono ivi detenute c) Se l’autore delle violazioni rilascia all’intermediario estero presso cui le attività sono detenute l’autorizzazione a trasmettere alle autorità finanziarie italiane richiedenti tutti i dati concenrnenti le attività oggetto di collaborazione volontaria e allega copia di tale autorizzazione alla richiesta di collaborazione volontaria. – 2,25% o 4,5% (minimo edittale ridotto di 1/4) dell’importo non dichiarato, nei casi di attività mantenute in paesi non white list. • Inoltre, in caso di definizioni agevolate delle sanzioni le sanzioni vengono ulteriormente ridotte ad 1/3: – 0,5% o 1% – 0,75% o 1,5%
  22. 22. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 22 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Lo sconto sulle sanzioni • Le sanzioni per le violazione in materia di imposte sui redditi, di relative addizionali, imposte sostitutive, IRAP, IVA e ritenute vengono ridotte al minimo edittale ridotto di 1/4: • Inoltre, in caso di definizioni agevolate delle sanzioni queste vengono ulteriormente ridotte ad 1/6.
  23. 23. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 23 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure La voluntary interna • La legge sulla VD consente la regolarizzazione dei maggiori imponibili anche non direttamente connessi alle attività finanziarie e patrimoniali detenute all’estero, perché realizzati in Italia e non dichiarati. Soggetti interessati • Persone fisiche, enti non commerciali, società, i contribuenti non tenuti agli obblighi di monitoraggio fiscale, i contribuenti tenuti al monitoraggio fiscale che non hanno violato gli obblighi. Cosa si sana • Violazioni degli obblighi di dichiarazione relativi a IVA, IRES/IRPEF, IRAP, ritenute fiscali, commesse fino al 30.12.2014
  24. 24. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 24 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure La voluntary interna Procedura • La domanda si presenta con lo stesso modello delle VD «esterna» e segue analoga procedura. Sanzioni • Il minimo edittale ridotto di 1/4 • I periodi di accertamento sono tutti i periodi d’imposta non ancora scaduti alla data di presentazione della domanda (con raddoppio in presenza di violazioni penali) • Se il contribuente definisce l’invito, tali sanzioni si riducono a 1/6. Se si sceglie la strada dell’adesione, la sanzione sarà ridotta a 1/3. La VD Interna è una facoltà, non un obbligo di chi presenta la VD esterna.
  25. 25. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 25 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosureVoluntary Disclosure Nuovo Ravvedimento RICHIESTA Si presenta all’Agenzia delle Entrate entro il 30 settembre 2015. Nessuna richiesta: si presenta la dichiarazione corretta. ATTIVITA’ DELL’AGENZIA Emette invito al contraddittorio in cui contesta le violazioni come emergenti dalla richiesta del contribuente. Nessuna attività: è il contribuente che liquida le sanzioni in base alle violazioni che ha sanato. SANZIONE Dichiarazione infedele: sanzione minima 100% ridotta di 1⁄4 (quindi 75%). Solo per sanzioni quadro RW: riduzione alla metà del minimo a determinate condizioni. In difetto, riduzione solo di 1⁄4 Dichiarazione infedele: sanzione minima 100% senza riduzione. Solo per sanzioni quadro RW: sanzione minima del 3% o del 6% a seconda se l’omessa dichiarazione riguarda asset presenti in Paesi collaborativi o non collaborativi. BENEFICIO 1/6 o 1/3 della sanzione sopra indicata (75%) a seconda che si aderisca all’invito al contraddittorio o all’accertamento. 1/8 del minimo, se la regolarizzazione avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione dell’anno in cui è stata commessa la violazione. 1/7 del minimo, se la regolarizzazione avviene entro il termine per presentare la dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in cui è stata commessa la violazione. 1/6 del minimo, se la regolarizzazione avviene oltre il termine per presentare la dichiarazione relativa all’anno successivo quello in cui è stata commessa la violazione.
  26. 26. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 26 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Voluntary Disclosure Nuovo Ravvedimento SOMMA DOVUTA 12,5% della sanzione minima in caso di adesione all’invito al contraddittorio 25% della sanzione minima in caso di adesione all’accertamento 12,5% della sanzione minima entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione. 14,28% della sanzione minima entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione (nuova norma). 16,67% della sanzione minima oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione (nuova norma). CAUSE OSTATIVE Accessi, ispezioni, verifiche, pendenza di procedimenti penali. Nessuna causa ostativa Non si può accedere a tale istituto se sono stati notificati atti di liquidazione o accertamenti compresi gli avvisi bonari. EFFETTI PENALI Non punibilità per artt. 2, 3, 4, 5, 10-bis, 10- ter del D.Lgs. n. 74/2000. Resta la punibilità per i reati di cui agli artt. 8 e 11 del D.Lgs n.74/2000. Riduzione della pena in caso di pagamento del debito tributario. PAGAMENTO Unica soluzione o in tre rate mensili su richiesta del contribuente. Non è ammessa la compensazione. Unica soluzione, ma è ammessa la compensazione.
  27. 27. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 27 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Vantaggi / Svantaggi • Le sanzioni per la violazione dell'obbligo di monitoraggio, già ridotti dalla L. 97/2013 vengono ulteriormente ridotti. • Non sana le imposte di successione e donazione. • È previsto un ombrello per i reati tributari correlati alle violazioni da regolarizzare quasi integrale e per il nuovo reato di autoriciclaggio • Per le attività finanziarie di piccolo importo (< € 2.000.000: conti «pocket») sarà possibile calcolare il loro rendimento a forfait, pagando il 27% sul 5% degli interessi presunti (l’1,35% del capitale): non sempre è conveniente. • Complessità e costo della predisposizione della documentazione (dossier titoli, c/c, ecc), con pene severe in caso di documenti non veritieri • Disvelarsi della propria situazione patrimoniale (mancanza di anonimato) ancor prima di poter decidere se aderire sulla base dei conteggi AdE (carenza di contraddittorio) • Impossibilità di non travolgere anche terzi nella procedura • Costo complessivo, in taluni casi elevatissimo: dal 4% al 90% del patrimonio stesso • Rateizzazione mensile in max 3 rate
  28. 28. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 28 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Può convenire? • Esiste già nella prassi della sperimentazione adottata dall’Ucifi l’utilizzo degli strumenti del procedimento di adesione a verbale di constatazione (decreto legislativo 218/1997): – possibilità di accedere alle sanzioni in misura ridotta, cioè 1/6 del minimo, per quanto concerne l’imposizione sui redditi. – pagamento di un importo pari a 1/3 della sanzione per adempimenti relativi al monitoraggio fiscale (in caso di violazione reiterata la sanzione sarà pari al 2% del capitale non indicato nel quadro RW). – la collaborazione del contribuente consente la possibilità di ridurre le precedenti sanzioni sino alla metà del minimo.
  29. 29. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 29 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure Fare un preventivo al cliente • Per valutare la convenienza del procedimento di Voluntary Disclosure, oggi, è necessario porsi le seguenti domande: o La condotta del soggetto che intende procedere alla regolarizzazione ha implicazioni penali e di che tipo? o Quali sono le violazioni tributarie non penali che accompagnano il debito di imposta? o Quanti sono gli anni accertabili? Quali le annualità non più accertabili? o Mi servono i capitali in Italia? o Come ho creato il patrimonio all’estero? o Il paese in cui è detenuto il patrimonio da regolarizzare è non white list? o A quanto ammonta il debito d’imposta?
  30. 30. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 30 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o La voluntary disclosure L’autoriciclaggio • Nel nostro ordinamento giuridico è stata introdotta una nuova figura di reato, l’autoriciclaggio di cui all’art. 648-ter del codice penale con cui, in materia di riciclaggio, viene estesa la punibilità anche all’autore del reato da cui proviene il denaro, mentre finora era perseguibile a titolo di riciclaggio soltanto chi non avesse commesso, o non avesse concorso a commettere, anche il reato presupposto. • Costituisce circostanza aggravante l’aver commesso il reato nell’esercizio di un’attività bancaria, finanziaria o di altra attività professionale. • È una circostanza attenuante l’essersi adoperato efficacemente per impedire conseguenze ulteriori delle condotte di sostituzione, trasferimento o impiego dei beni. • Non è punibile chi destina il sommerso all’autoconsumo.
  31. 31. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 31 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o V.D.: Il ruolo del professionista Concorso nel reato di esibizione di atti falsi e comunicazione dati non rispondenti al vero • Il contribuente che nell’ambito della procedura esibisca o trasmetta atti o documenti falsi, in tutto o in parte, ovvero fornisca dati e notizie non rispondenti al vero è punito con la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. • Il contribuente deve rilasciare al professionista che lo assiste nell’ambito della procedura una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con la quale attesta che gli atti o documenti consegnati non sono falsi e che i dati e notizie forniti sono rispondenti al vero. • Il professionista sarà punibile solo in caso contribuisca attivamente alla realizzazione della fattispecie criminosa. • Il professionista coinvolto nella procedura potrà richiedere all’Agenzia delle Entrate, senza svelare il nome del contribuente, solo informazioni generali, mentre, nell’interesse del proprio cliente, si troverà nelle condizioni di dover adempiere a tutte le verifiche e agli obblighi cui è tenuto dalla normativa antiriciclaggio.
  32. 32. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 32 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o V.D.: Il ruolo del professionista Antiriciclaggio Ai sensi dell’art. 18 del D.Lgs. 231/2007, gli obblighi di adeguata verifica della clientela consistono, sinteticamente, nelle seguenti attività: • identificare il cliente e verificarne l’identità sulla base di documenti, dati o informazioni ottenuti da una fonte affidabile e indipendente; • identificare l’eventuale titolare effettivo e verificarne l’identità; • ottenere informazioni sullo scopo e sulla natura prevista del rapporto continuativo o della prestazione professionale; • svolgere un controllo costante nel corso del rapporto continuativo o della prestazione professionale.
  33. 33. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 33 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o • La verifica del titolare effettivo deve essere effettuata contestualmente alla identificazione del cliente: le persone giuridiche, trust e soggetti giuridici analoghi devono adottare misure “adeguate e commisurate alla situazione di rischio” al fine di comprendere la struttura di proprietà e di controllo del cliente. • Il titolare effettivo è rappresentato: – dalla persona fisica per conto della quale è realizzata un’operazione o un’attività; – nel caso di entità giuridica, dalla persona o dalle persone fisiche che in ultima istanza: • possiedono o controllano tale entità • ne risultano beneficiari secondo i criteri di cui all’allegato tecnico. V.D.: Il ruolo del professionista
  34. 34. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 34 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Nelle Linee Guida del CNDCEC sono formulate alcune ipotesi per meglio identificare il Titolare Effettivo: • se il cliente persona fisica agisce in proprio e per proprio conto: non vi sono altri titolari effettivi; • se il cliente persona fisica agisce per conto di altra persona fisica titolare effettivo: deve fornire le complete generalità e gli estremi del documento di identificazione del titolare effettivo; • se il cliente è una società o un ente: la persona fisica che rappresenta la società o l’ente deve fornire le complete generalità dell’eventuale titolare effettivo ovvero della persona fisica o delle persone fisiche che, in ultima istanza, possiedano o controllino l’entità giuridica. V.D.: Il ruolo del professionista
  35. 35. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 35 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o • Le Linee Guida evidenziano altresì che, ove il cliente dichiari di non conoscere le generalità del titolare effettivo, il professionista dovrà valutare con attenzione la dichiarazione del cliente ai fini della determinazione del relativo livello di rischio. • Coloro i quali svolgono professionalmente l’attività di amministratore o dirigente di società sono soggetti agli obblighi di adeguata verifica (quindi all’identificazione della società e del titolare effettivo): in tal caso, avendo già dovuto questi provvedere all’identificazione della società e del titolare effettivo, l’amministratore o il dirigente non potrà dichiarare di non conoscere le generalità del titolare effettivo e dovrà fornire i relativi dati al professionista. V.D.: Il ruolo del professionista
  36. 36. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 36 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o • Se il cliente è una persona giuridica, un trust o un soggetto giuridico analogo, accanto all’obbligo del cliente di dichiarare il titolare effettivo è specificatamente previsto l’obbligo per il professionista di adottare misure adeguate e commisurate alla situazione di rischio per comprendere la struttura di proprietà e di controllo dello stesso cliente. • Il professionista che procede all’identificazione del titolare effettivo ha l’obbligo di analizzare la struttura di proprietà e di controllo del cliente sino a individuare la persona fisica o le persone fisiche che in ultima istanza controllano o possiedono il cliente. • In particolare, ai fini della determinazione della quota di possesso o di controllo, in via indiretta, occorrerà considerare l’intera catena di controllo. Potrebbe altresì verificarsi che, per effetto della catena di controllo, il titolare effettivo possieda meno del 25%, ma controlli ugualmente la società. • In questo caso, al momento dell’identificazione del titolare effettivo dovrà essere considerata anche l’esistenza di altri rapporti in base ai quali le persone fisiche esercitano il controllo sulla direzione del cliente (ad esempio: patti parasociali). V.D.: Il ruolo del professionista
  37. 37. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 37 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o • Il professionista, anche in base all’indice di rischio attribuito al cliente e alla sua prudente valutazione, dovrà valutare la modalità da adottare per l’identificazione del titolare effettivo decidendo (alternativamente o cumulativamente): – di far propria la dichiarazione responsabile del cliente; – di promuovere delle autonome verifiche facendo ricorso a pubblici registri, elenchi, atti o documenti, conoscibili da chiunque. Ai fini dell’identificazione e della verifica dell’identità del titolare effettivo, la norma prevede che i professionisti possano avvalersi delle risultanze dei pubblici registri, di elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque, nonché chiedere dati pertinenti ai propri clienti. V.D.: Il ruolo del professionista
  38. 38. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 38 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o • Nel caso in cui il professionista non sia in grado di espletare le attività di adeguata verifica della clientela, ovvero sospetti che una determinata operazione sia correlata a fenomeni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo, il professionista dovrà astenersi dall’eseguire operazioni o prestazioni professionali. • Ove la prestazione professionale sia già in essere, il professionista dovrà rinunciare a proseguire l’incarico, astenendosi dall’eseguire le operazioni per le quali sospetta vi sia una relazione con il riciclaggio o con il finanziamento del terrorismo. • In entrambi i casi, inoltre, egli dovrà valutare se effettuare una segnalazione alla UIF. V.D.: Il ruolo del professionista
  39. 39. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 39 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? • Gli artt. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano ad indicare nella dichiarazione dei redditi investimenti all'estero ovvero attività estere di natura finanziaria attraverso cui possono essere conseguiti redditi di fonte estera imponibili in Italia se residenti in Italia: – le persone fisiche – gli enti non commerciali – le società semplici (ed equiparate ai sensi dell'art. 5 del TUIR) – Sono altresì tenuti agli obblighi di dichiarazione i soggetti indicati nel precedente periodo che, pur non essendo possessori diretti degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria, siano titolari effettivi dell'investimento secondo quanto previsto dall'articolo 1, comma 2, lettera u), e dall'allegato tecnico del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231. In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo e l’obbligo di dichiarazione sussiste indipendentemente dal tipo di contabilità adottata.
  40. 40. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 40 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? La residenza fiscale • I soggetti interessati dagli obblighi di monitoraggio fiscale devono essere fiscalmente residenti nel territorio dello Stato. • A tal fine, con riguardo alle persone fisiche, si deve fare riferimento alla nozione contenuta nell’articolo 2, comma 2, del TUIR, in base alla quale si considerano residenti, le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta, ALTERNATIVAMENTE : sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente, o hanno il domicilio nel territorio dello Stato, o vi hanno la residenza ai sensi del codice civile.
  41. 41. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 41 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? La residenza fiscale • Il requisito della residenza si acquisisce ex tunc con riferimento al periodo d’imposta nel quale la persona fisica instaura il collegamento territoriale rilevante ai fini fiscali: soltanto alla fine dell’anno solare è possibile effettuare la verifica del requisito temporale della permanenza in Italia (183 o 184 giorni in caso di anno bisestile) per determinare la residenza fiscale della persona.
  42. 42. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 42 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? La residenza fiscale in paesi «non white list» • Come stabilito dal comma 2-bis dell’articolo 2 del TUIR, si considerano residenti, salvo prova contraria del contribuente, i cittadini italiani cancellati dalle anagrafi della popolazione residente e trasferiti in Stati o territori diversi da quelli individuati con decreto D.M. 4 maggio 1999 (perché emigrati in Stati o territori aventi una fiscalità considerata privilegiata, cosiddetti “non white list”). • Anche tali soggetti rientrano nell’ambito soggettivo di applicazione delle disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. • Sarà quindi il contribuente a doversi accollare l'onere di fornire tutti gli elementi necessari e sufficienti per convincere l'Amministrazione finanziaria che la perdita di residenza è effettiva e che, in realtà, si sono interrotti tutti i rapporti (economici ed affettivi) con il Paese di origine.
  43. 43. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 43 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? La residenza fiscale Si considerano, altresì, residenti nel territorio dello Stato: • le società semplici, le associazioni e gli enti non commerciali che per la maggior parte del periodo d’imposta hanno la sede legale o la sede dell’amministrazione o l’oggetto principale nel territorio dello Stato • i trust e gli istituti aventi analogo contenuto, istituiti in Stati o territori diversi da quelli inclusi nella cosiddetta “white list”, in cui almeno uno dei disponenti e almeno uno dei beneficiari del trust siano fiscalmente residenti nel territorio dello Stato • i trust quando, successivamente alla loro costituzione, ricevono da un soggetto residente un’attribuzione che importi il trasferimento di proprietà di beni immobili o la costituzione o il trasferimento di diritti reali immobiliari anche per quote, nonché vincoli di destinazione sugli stessi
  44. 44. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 44 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? La residenza fiscale in paesi «non white list» • Si considerano fiscalmente privilegiati, ai fini dell'applicazione dell'art.2, comma 2-bis del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, i seguenti Stati e territori:
  45. 45. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 45 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o I paesi «non white list» 1. Alderney 2. Andorra 3. Anguilla 4. Antigua e Barbuda 5. Antille Olandesi 6. Aruba 7. Bahamas 8. Bahrain 9. Barbados 10. Barbuda 11. Belize 12. Bermuda 13. Brunei 14. Cipro 15. Corea del Sud 16. Costa Rica 17. Dominica 18. Ecuador 19. Emirati Arabi Uniti 20. Filippine 21. Giamaica 18. Gibilterra 19. Gibuti 20. Grenada 21. Guatemala 22. Guernsey 22. Herm 23. Hong Kong 24. Isola di Man 25. Isole Cayman 26. Isole Cook 27. Isole Marshall 28. Isole Turks e Caicos 29. Isole Vergini Britanniche 30. Isole Vergini USA 31. Jersey 32. Kenya 33. Libano 34. Liberia 35. Liechtenstein 36. Macao 37. Malaysia 38. Maldive 39. Mauritius 40. Monaco 41. Montserrat 42. Nauru 43. Niue 44. Nuova Caledonia 45. Oman 46. Panama 47. Polinesia Francese 42. Portorico 43. Salomone 44. Samoa 45. San Marino 46. Sant’Elena 47. Sark 48. Seychelles 49. Singapore 50. Saint Kitts e Nevis 51. Saint Lucia 52. Saint Vincent e Grenadine 53. Taiwan 54. Tonga 55. Tuvalu 56. Uruguay 57. Vanuatu
  46. 46. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 46 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • La Legge Europea 2013 ha, oggi, esteso l'obbligo di monitoraggio fiscale anche ai soggetti (persone fisiche, enti non commerciali e società semplici ed equiparate residenti) che, pur non essendo possessori diretti degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria, siano comunque «titolari effettivi» dell'investimento secondo quanto previsto dall'articolo 1, comma 2, lettera u) e dall'allegato tecnico del D. Lgs. n. 231/2007 (Normativa Antiriciclaggio). in particolare…
  47. 47. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 47 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • Gli obblighi del monitoraggio fiscale riguardano anche i casi in cui le attività estere, pur essendo intestate a società o ad entità giuridiche diverse dalle società (ad esempio, fondazioni o trust), siano riconducibili a persone fisiche, ad enti non commerciali o a società semplici ed equiparate, in qualità di “titolari effettivi” delle attività stesse. • Sebbene la normativa antiriciclaggio si riferisca esplicitamente soltanto alle persone fisiche, ai fini dell’obbligo di compilazione del quadro RW lo status di “titolare effettivo” è riferibile anche agli altri soggetti tenuti agli obblighi di monitoraggio in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi, e cioè agli enti non commerciali e alle società semplici ed equiparate, residenti in Italia.
  48. 48. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 48 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Per titolare effettivo si intende: a) in caso di società: 1) la persona fisica o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedano o controllino un'entità giuridica, attraverso il possesso o il controllo diretto o indiretto di una percentuale sufficiente delle partecipazioni al capitale sociale o dei diritti di voto in seno a tale entità giuridica, anche tramite azioni al portatore (purché non si tratti di una società ammessa alla quotazione su un mercato regolamentato e sottoposta a obblighi di comunicazione conformi alla normativa comunitaria o a standard internazionali equivalenti). Tale criterio si ritiene soddisfatto ove la percentuale corrisponda al 25 per cento più uno di partecipazione al capitale sociale; 2) la persona fisica o le persone fisiche che esercitano in altro modo il controllo sulla direzione di un'entità giuridica.
  49. 49. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 49 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Per titolare effettivo si intende: b) in caso di entità giuridiche entità giuridiche quali fondazioni e istituti giuridici quali i trust, che amministrano e distribuiscono fondi: 1) se i futuri beneficiari sono già stati determinati, la persona fisica o le persone fisiche beneficiarie del 25 % o più del patrimonio di un’entità giuridica; 2) se le persone che beneficiano dell'entità giuridica non sono ancora state determinate, la categoria di persone nel cui interesse principale è istituita o agisce l'entità giuridica; (la circ. n. 38E del 2013 ha specificato che, non essendo possibile individuare un soggetto che sia titolare effettivo, questo criterio non è pertinente al monitoraggio fiscale. 3) la persona fisica o le persone fisiche che esercitano un controllo sul 25% o più del patrimonio di un'entità giuridica.
  50. 50. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 50 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo L’obbligo dichiarativo del TITOLARE EFFETTIVO riguarda i casi in cui le attività estere, pur essendo intestate a società (di qualsiasi tipo) o ad entità giuridiche diverse dalle società (ad esempio: fondazioni o trust), siano riconducibili a persone fisiche, ad enti non commerciali o a società semplici ed equiparate, in qualità di «TITOLARI EFFETTIVI» delle attività stesse. IN DEFINITIVA, PER TITOLARE EFFETTIVO si intende: la persona fisica per conto della quale è realizzata un'operazione o un'attività, ovvero nel caso di entità giuridica, la persona o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedono o controllano tale entità, ovvero ne risultano beneficiari
  51. 51. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 51 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • I Trust residenti rientravano anche precedentemente tra i soggetti obbligati alle norme sul monitoraggio fiscale. • Oggi l’obbligo di compilazione del quadro RW sussiste però non soltanto nei confronti del Trust ma anche, nel caso in cui le predette attività siano possedute dal contribuente per il tramite di interposta persona, nei confronti del titolare effettivo. • Si tratterebbe dunque, nel caso dei Trust residenti e dei Titolari Effettivi del Trust, quanto meno di una pesante duplicazione di adempimenti anche complessi.
  52. 52. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 52 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo La norma è evidentemente finalizzata ad individuare coloro che intendono celarsi dietro partecipazioni in entità giuridiche. Tuttavia, qualora il controllo e/o le partecipazioni siano facilmente conoscibili dall’Amministrazione finanziaria, l’applicazione di un’impostazione eccessivamente restrittiva potrebbe rilevarsi troppo gravosa per il contribuente, anche tenendo conto dell’art. 7 comma 1 lett. f) del DL 70/2011, in base al quale “i contribuenti non devono fornire informazioni che siano già in possesso del Fisco e degli enti previdenziali ovvero che da questi possono essere direttamente acquisite da altre Amministrazioni”. Secondo questa interpretazione, il monitoraggio fiscale a carico del Titolare Effettivo andrebbe attuato solo nel caso in cui la partecipazione rilevante sia detenuta in una società residente in un paese Non White List.
  53. 53. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 53 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • Nel caso di Trust, ogni qualvolta il trust sia un semplice schermo formale e la disponibilità dei beni che ne costituiscono il patrimonio sia da attribuire ad altri soggetti, disponenti o beneficiari del Trust (sia residente che non residente), il Trust deve essere considerato come un soggetto meramente interposto ed il patrimonio (nonché i redditi da questo prodotti) deve essere ricondotto ai soggetti che ne hanno l’effettiva disponibilità. • Al fine di individuare i casi in cui il trust deve essere considerato interposto si può fare riferimento alle fattispecie esemplificative indicate nella circolare 43/E dell'Agenzia delle Entrate del 10 ottobre 2009.
  54. 54. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 54 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • I casi previsti dalla norma sull’individuazione del “titolare effettivo” si riferiscono al possesso di partecipazioni o interessenze in società o altre entità ed istituti giuridici non fittiziamente interposti. • In presenza di soggetti che abbiano l’effettiva disponibilità di attività finanziarie e patrimoniali estere o italiane, formalmente intestate a soggetti meramente interposti, il patrimonio deve essere dichiarato dal socio o dal beneficiario indipendentemente dalla verifica del requisito del controllo. • Sulla base del nuovo assetto normativo, si possono verificare diverse ipotesi in cui sorge per il contribuente l’onere dichiarativo (circ. 38E / 2013):
  55. 55. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 55 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo 1. Qualora il contribuente detenga direttamente un investimento all’estero o attività estere di natura finanziaria, vi è l’obbligo di indicarli nella dichiarazione dei redditi, così come già previsto nella previgente disciplina in materia di monitoraggio fiscale. E’ il caso, ad esempio, dell’immobile detenuto all’estero o del conto corrente estero o della partecipazione in società estere, posseduti da persone fisiche, enti non commerciali e società semplici ed equiparate, senza alcuna interposizione. In questo caso, il contribuente è tenuto a valorizzare gli investimenti o le attività e ad indicarli nel quadro RW nonché ad indicare la propria quota di possesso espressa in percentuale.
  56. 56. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 56 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 1 Una persona fisica detiene un immobile all’estero del valore di 500.000 euro in comproprietà con altri 4 soggetti. In tal caso ciascun comproprietario (sempreché si tratti di persone fisiche, società semplici o enti commerciali) deve indicare nel quadro RW l’intero valore dell’immobile (500.000) riportando anche la percentuale di possesso (20%).
  57. 57. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 57 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Nella differente ipotesi in cui il contribuente detenga tali investimenti o attività per il tramite di società o altre entità giuridiche, si possono verificare distinte fattispecie a seconda del veicolo attraverso il quale si realizza o meno il requisito della TITOLARITA’ EFFETTIVA: 2. In caso di detenzione di attività estere per il tramite di società, il contribuente che abbia una partecipazione rilevante come definita dalla normativa antiriciclaggio (superiore al 25 %), in linea generale, deve indicare nel quadro RW il valore della partecipazione nella società estera (così come nel caso in cui detta partecipazione non sia rilevante) e, in aggiunta, la percentuale di partecipazione.
  58. 58. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 58 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 2 Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società estera localizzata in un Paese white list in misura pari al 26% la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria. In tal caso il contribuente deve indicare nel quadro RW il valore della partecipazione nella società estera (26%).
  59. 59. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 59 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo 3. L’obbligo dichiarativo in capo al “titolare effettivo” sussiste esclusivamente in caso di partecipazioni in società di diritto estero e non riguarda, invece, anche l’ipotesi di partecipazioni dirette in una o più società residenti che effettuano investimenti all’estero. In quest’ultimo caso, infatti, l’Amministrazione finanziaria può acquisire i dati e le notizie necessarie per l’accertamento dei redditi conseguiti dai soci attraverso l’analisi delle dichiarazioni delle società partecipate utilizzando gli ordinari strumenti consentiti dall’ordinamento interno.
  60. 60. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 60 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 3 Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società italiana in misura pari al 50 per cento che, a sua volta, detiene una partecipazione al capitale di una società estera in misura pari al 100 per cento la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria. In tal caso il contribuente non deve compilare il quadro RW.
  61. 61. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 61 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo 4. Rilevano, invece, le partecipazioni in società residenti qualora, unitamente alla partecipazione diretta o indiretta del contribuente in società estere, concorrano ad integrare, in capo al contribuente, il requisito di “titolare effettivo” di investimenti esteri o di attività estere di natura finanziaria. In quest’ultimo caso, occorre indicare il valore complessivo (%) della partecipazione nella società estera detenuta (direttamente e indirettamente) e la % di partecipazione determinata, tenendo conto dell’effetto demoltiplicativo relativo alla partecipazione indiretta.
  62. 62. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 62 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 4 Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società estera localizzata in un Paese white list in misura pari al 15% (partecipazione diretta), e una partecipazione in una società italiana nella misura del 50% che, a sua volta, detiene una partecipazione nella medesima società estera nella misura del 50% (partecipazione indiretta). In tal caso il contribuente integra il requisito di “titolare effettivo” nella società estera, sommando il 15 % della partecipazione diretta con il 25 % della partecipazione indiretta. Pertanto, deve indicare nel quadro RW il valore della partecipazione nella società estera (50%) e la percentuale di partecipazione (40%).
  63. 63. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 63 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo 5. DIVERSAMENTE, qualora il contribuente detenga una PARTECIPAZIONE RILEVANTE in una società residente o localizzata in Stati o territori diversi da quelli inclusi nella white list, occorre indicare, in luogo del valore della partecipazione, il valore degli investimenti detenuti all’estero dalla società e delle attività estere di natura finanziaria intestati alla società, nonché la percentuale di partecipazione posseduta nella società stessa. In tal modo, superando la mera titolarità dello strumento finanziario partecipativo, si deve dare rilevanza al valore dei beni di tutti i soggetti “controllati” situati in Paesi non collaborativi e di cui il contribuente risulti nella sostanza “titolare effettivo”. Tale criterio deve essere adottato fino a quando nella catena partecipativa sia presente una società localizzata nei suddetti Paesi e sempreché risulti integrato il controllo secondo la normativa antiriciclaggio.
  64. 64. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 64 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 5a Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società estera localizzata in un Paese non white list in misura pari al 26 per cento la quale detiene investimenti ed attività finanziarie in Italia. In tal caso il contribuente deve indicare nel quadro RW esclusivamente il valore della partecipazione nella società estera, posto che il contribuente in tal caso non è il titolare effettivo di attività estere.
  65. 65. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 65 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 5b Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società estera localizzata in un Paese non white list in misura pari al 26 % la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria. In tal caso il contribuente deve indicare nel quadro RW il valore complessivo degli investimenti e delle attività estere della società estera (obbligazioni, immobili e conti correnti) e la percentuale di partecipazione (26%).
  66. 66. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 66 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 5c Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società estera localizzata in un Paese non white list (Società A) in misura pari al 26 %, la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria, tra cui una partecipazione al 100 % in un’altra società estera localizzata in un Paese non white list (Società B) che detiene conti correnti esteri. In tal caso il contribuente deve indicare nel quadro RW il valore complessivo degli investimenti e attività detenuti per il tramite delle società A (nell’esempio, obbligazioni, immobili) nonché, in luogo della partecipazione nella società B, il valore del conto corrente detenuto dalla società B partecipata indirettamente, specificando che la percentuale di partecipazione nella società A è pari al 26 %.
  67. 67. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 67 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 5d Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società localizzata in un Paese non white list (società A) in misura pari al 15 % (partecipazione diretta), la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria (tra cui una partecipazione al 100% nella società estera B white list), nonché una partecipazione in una società italiana nella misura del 50 % che a sua volta detiene una partecipazione nella medesima società estera A nella misura del 50 % (partecipazione indiretta). In tal caso il contribuente integra il requisito di “titolare effettivo” nella società estera A, sommando il 15 % della partecipazione diretta con il 25 % della partecipazione indiretta. Pertanto, deve indicare nel quadro RW il valore complessivo degli investimenti ed attività estere della società A (obbligazioni, immobili e partecipazione in B) e la percentuale di partecipazione (40%). Non deve, invece, indicare le attività estere della società B, in quanto localizzata un Paese white list.
  68. 68. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 68 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 5e Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società estera localizzata in un Paese non white list (società A) in misura pari al 15 % (partecipazione diretta), la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria (tra cui una partecipazione nella società estera C white list), nonché una partecipazione in un’altra società estera localizzata in un Paese non white list (società B) nella misura del 20 % che, a sua volta, detiene una partecipazione nella società A in misura pari al 70 %. In tal caso, il contribuente integra il requisito di titolare effettivo (29%) nella società A sommando il 15 % della partecipazione diretta con il 14 % della partecipazione indiretta. Pertanto, deve indicare nel quadro RW il valore degli investimenti ed attività estere della società A (obbligazioni, immobili e partecipazione in C) e la percentuale di partecipazione nella misura del 29%, ed inoltre deve indicare il valore della partecipazione nella società B (e la percentuale di partecipazione nella misura del 20%) e non anche il valore degli investimenti non integrando nei confronti dei beni di quest’ultima la titolarità effettiva. Non deve, invece, indicare le attività estere detenute dalla società C in quanto localizzata in un Paese white list.
  69. 69. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 69 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 5f Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società estera localizzata in un Paese non white list in misura pari al 15 %, la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria, e il coniuge detiene una partecipazione al capitale sociale della medesima società in misura pari al 15 %. Entrambi i soggetti sono titolari effettivi degli investimenti e delle attività della società estera e, pertanto, ciascuno deve indicare nel proprio quadro RW il valore complessivo degli stessi e la percentuale di partecipazione nella società.
  70. 70. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 70 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo 6. Per esigenze di semplificazione, il contribuente indica nel quadro RW, per ciascuna società, il valore complessivo di tutte le attività finanziarie e patrimoniali di cui risulta essere il titolare effettivo, avendo cura di predisporre e conservare un apposito prospetto in cui devono essere specificati i valori delle singole attività. Detto prospetto deve essere esibito o trasmesso, su richiesta, all’Amministrazione finanziaria. Le partecipazioni in società estere quotate in mercati regolamentati e sottoposte a obblighi di comunicazione conformi alla normativa comunitaria o a standard internazionali equivalenti, vanno valorizzate direttamente nel quadro RW indipendentemente dalla partecipazione al capitale sociale che le stesse rappresentano in quanto è escluso in tal caso il verificarsi dello status di “titolare effettivo”.
  71. 71. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 71 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 6 Una persona fisica detiene una partecipazione al capitale sociale di una società estera quotata in misura pari al 26 per cento, la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria. In tal caso il contribuente deve indicare nel quadro RW il valore della partecipazione nella società estera, non integrando la titolarità effettiva di beni all’estero trattandosi di una società quotata.
  72. 72. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 72 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo 7. In caso di detenzione di attività estere per il tramite di entità giuridiche, diverse dalle società, quali fondazioni e di istituti giuridici quali i trust: • qualora non siano verificati i requisiti per l’esercizio del controllo di tali entità o istituti (ad esempio, se i beneficiari sono destinatari di una quota inferiore al 25 per cento del patrimonio), la fondazione o il trust sono tenuti a monitorare direttamente gli investimenti o le attività estere, sempreché si tratti di enti non commerciali residenti; • qualora siano, invece, verificati i predetti requisiti (ad esempio, se la percentuale di attribuzione del patrimonio o di controllo è pari o superiore al 25 %), il contribuente è tenuto a dichiarare il valore complessivo degli investimenti detenuti all’estero dall’entità e delle attività estere di natura finanziaria ad essa intestate, nonché la percentuale di patrimonio nell’entità stessa. In tale ipotesi rilevano, in ogni caso, sia gli investimenti e le attività estere detenuti da entità ed istituti giuridici residenti in Italia, sia quelli detenuti da entità ed istituti giuridici esteri, indipendentemente dallo Stato estero in cui sono istituiti e anche se il trust o la fondazione sono istituiti in un Paese collaborativo.
  73. 73. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 73 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • Si ricorda che i trust opachi e trasparenti residenti in Italia, non fittiziamente interposti, sono in linea di principio tenuti agli adempimenti di monitoraggio fiscale per gli investimenti all’estero e le attività estere di natura finanziaria da essi detenuti. • Relativamente ai trust trasparenti residenti – ossia quando il reddito o il patrimonio (o parte di esso) sono direttamente riferibili a beneficiari individuati ossia a soggetti titolari del diritto di pretendere dal trustee l’assegnazione degli stessi – gli obblighi di monitoraggio delle attività estere ricadono sul trust (sempreché sia un ente non commerciale) se i predetti beneficiari non rivestono la qualifica di “titolari effettivi” ai sensi della predetta normativa antiriciclaggio e, in ogni caso, con l’indicazione del valore delle attività estere e della percentuale del patrimonio non attribuibile ai “titolari effettivi” se presenti. • Qualora il beneficiario individuato sia il “titolare effettivo” delle attività estere detenute dal trust residente, lo stesso è tenuto ad indicare nel quadro RW il valore delle attività estere nonché la percentuale di patrimonio ad esso riconducibile.
  74. 74. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 74 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • Se sussistono titolari effettivi residenti dell’intero patrimonio dell’ente, quest’ultimo è esonerato dalla compilazione del quadro RW. • Con riferimento ai trust esteri con beneficiari individuati residenti in Italia, questi ultimi sono tenuti al monitoraggio delle attività detenute all’estero dal trust quando sono destinatari di una quota rilevante del patrimonio del trust secondo la normativa antiriciclaggio. • Il beneficiario di un trust estero che non è “titolare effettivo” deve indicare nel quadro RW il valore della quota di patrimonio del trust ad esso riferibile. • Non si ritiene che la titolarità effettiva del trust possa essere attribuita al trustee posto che quest’ultimo amministra i beni segregati nel trust e ne dispone secondo il regolamento del trust o le norme di legge e non nel proprio interesse.
  75. 75. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 75 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • Per i trust non è pertinente al monitoraggio il criterio utilizzato ai fini della disciplina dell’antiriciclaggio per individuare il “titolare effettivo” nel caso in cui i beneficiari dell’entità non siano ancora determinati. In tal caso, infatti, per “titolare effettivo” si intende la categoria di persone nel cui interesse principale è istituita o agisce l’entità giuridica. Considerato, infatti, che la dizione “categoria di persone” non consente di individuare puntualmente un soggetto tenuto all’obbligo di monitoraggio, il quadro RW deve essere compilato dall’entità giuridica stessa ricorrendone i presupposti. • Il “titolare effettivo” del trust deve indicare nel quadro RW le attività estere che l’entità giuridica “controllata” detiene direttamente e per il tramite di altri soggetti esteri situati in Paesi non collaborativi e fintantoché si configuri la titolarità effettiva degli investimenti.
  76. 76. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 76 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo • Per permettere ai “titolari effettivi” del trust di adempiere ai suddetti obblighi dichiarativi, il trustee è tenuto ad individuare i titolari effettivi degli investimenti e delle attività detenuti all’estero dal trust e comunicare agli stessi i dati utili per la compilazione del quadro RW: – la quota di partecipazione al patrimonio – gli investimenti e le attività estere detenute anche indirettamente dal trust – la loro valorizzazione – i dati identificativi dei soggetti esteri • Quanto precisato in ordine ai trust vale anche, in quanto compatibile, per le fondazioni ed istituti analoghi
  77. 77. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 77 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 7a Il beneficiario individuato di un trust trasparente è destinatario di una quota pari al 25 % del patrimonio detenuto all’estero dal trust. In tal caso, il contribuente, in qualità di titolare effettivo degli investimenti all’estero e delle attività estere di natura finanziaria del trust, deve indicare nel quadro RW il valore complessivo delle attività estere (obbligazioni, immobili e conti correnti) nonché la percentuale di patrimonio ad esso riconducibile (25%). Il trust, se ente non commerciale residente, deve indicare nel proprio RW il valore dei predetti investimenti ed attività e la percentuale del patrimonio non attribuibile al “titolare effettivo” (75%).
  78. 78. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 78 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 7b Il beneficiario individuato di un trust trasparente è destinatario di una quota pari all’80 % del patrimonio detenuto all’estero dal trust che detiene all’estero investimenti ed attività finanziarie, tra cui una partecipazione in misura pari al 50 % in una società estera localizzata in un Paese non white list che, a sua volta, detiene un conto corrente all’estero. In tal caso, il contribuente, in qualità di titolare effettivo degli investimenti all’estero e delle attività estere di natura finanziaria del trust, deve indicare nel quadro RW il valore complessivo dei predetti investimenti e attività (nell’esempio, obbligazioni, immobili) e del conto corrente detenuto dalla società, indicando la percentuale di patrimonio nel trust ad esso riconducibile (80%).
  79. 79. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 79 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo 8. Con riferimento agli organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR), non rilevano, ai fini dell’individuazione del “titolare effettivo”, le partecipazioni ad organismi istituiti in Italia che effettuano investimenti all’estero. In caso di partecipazione in un OICR di diritto estero, il partecipante è tenuto ad indicare nel quadro RW il valore della quota di partecipazione da esso detenuta, indipendentemente dall’entità della stessa. Tuttavia - al pari di quanto specificato con riferimento alle partecipazioni in società estere - qualora il contribuente detenga una quota rilevante, così come definita dalla disciplina antiriciclaggio, in un organismo istituito in Stati o territori diversi da quelli collaborativi, in luogo del valore della quota, deve indicare il valore complessivo degli investimenti e delle attività estere detenuti direttamente dall’organismo stesso e per il tramite di altri soggetti esteri situati in Paesi non collaborativi e fintantoché si configuri la titolarità effettiva degli investimenti.
  80. 80. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 80 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 8 Il partecipante ad un OICR (Organismo di Investimento Collettivo del Risparmio) istituito in un Paese non white list possiede una quota pari al 70 % del patrimonio dell’organismo che detiene all’estero investimenti ed attività finanziarie, tra cui una partecipazione in misura pari al 50 % in una società estera localizzata in Paese non white list che detiene un conto corrente all’estero. In tal caso, il contribuente, in qualità di “titolare effettivo” degli investimenti all’estero e delle attività estere di natura finanziaria dell’OICR, deve indicare nel quadro RW il valore complessivo dei predetti investimenti e attività (nell’esempio, obbligazioni, immobili) e del conto corrente detenuto dalla società, indicando la percentuale di patrimonio nell’organismo ad esso riconducibile (70%).
  81. 81. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 81 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo 9. Lo status di “titolare effettivo” potrebbe verificarsi anche nell’ipotesi in cui il contribuente abbia sottoscritto una polizza con una compagnia di assicurazione estera in cui le attività sottostanti siano rappresentate da partecipazioni rilevanti in società residenti o localizzate in Paesi non collaborativi. Verificandosi tali condizioni, devono essere riportati nel quadro RW anche il valore complessivo degli investimenti e delle attività estere intestate alla società estera di cui il contribuente risulti “titolare effettivo”.
  82. 82. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 82 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Chi è tenuto agli obblighi di «monitoraggio fiscale»? Il titolare effettivo Esempio n. 9 Una persona fisica stipula un contratto di assicurazione con una impresa di assicurazione di diritto estero i cui premi sono investiti in una partecipazione al capitale di una società estera localizzata in un Paese non white list in misura pari al 26 % la quale detiene all’estero investimenti e attività estere di natura finanziaria. In tal caso il contribuente deve indicare nel quadro RW, in luogo del valore della polizza, il valore complessivo degli investimenti e delle attività della società estera indicando la percentuale di partecipazione nella società estera (26%).
  83. 83. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 83 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Gli esoneri: • Sono esonerati dalla compilazione del quadro RW: o le società di capitali (Spa, Srl, Sapa, Cooperative) o gli enti commerciali o le società in nome collettivo e le società in accomandita semplice Non sono esonerate le società semplici.
  84. 84. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 84 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Gli esoneri: Le attività finanziarie date in gestione o amministrate da intermediari residenti In base a quanto stabilito dal nuovo comma 3 dell'art. 4 della Legge n. 167/1990 a partire dal 4 settembre 2013: «Gli obblighi di indicazione nella dichiarazione dei redditi ai fini del monitoraggio fiscale non sussistono per: • le attività finanziarie e patrimoniali affidate in gestione o in amministrazione agli intermediari finanziari residenti • i contratti comunque conclusi attraverso intermediari finanziari residenti • le attività finanziarie e patrimoniali i cui redditi siano riscossi da intermediari finanziari residenti A CONDIZIONE CHE: I redditi siano assoggettati a ritenuta o imposta sostitutiva dagli intermediari stessi
  85. 85. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 85 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Altri esoneri • Il quadro RW non deve, inoltre, essere compilato: a) dalle persone fisiche che prestano lavoro all’estero per lo Stato italiano, per una sua suddivisione politica o amministrativa o per un suo ente locale e le persone fisiche che lavorano all’estero presso organizzazioni internazionali cui aderisce l’Italia (ad esempio, ONU, NATO, Unione Europea, OCSE) la cui residenza fiscale in Italia sia determinata, in deroga agli ordinari criteri previsti dal TUIR, in base ad accordi internazionali ratificati. I lavoratori all’estero, per i quali non sussiste una specifica disposizione normativa che determini la residenza fiscale in Italia per presunzione, sono invece tenuti agli obblighi del monitoraggio fiscale ricorrendone i presupposti. L’esonero dagli obblighi di monitoraggio è giustificato da esigenze di semplificazione degli adempimenti tributari cui sono tenuti i predetti soggetti e, qualora questi mantenga, per qualsiasi motivo, le suddette disponibilità all’estero, si applica fintanto che questi ultimi prestano la propria attività all’estero e viene meno al rientro in Italia. Tale esonero si applica anche al coniuge, sempreché non eserciti una propria attività lavorativa, nonché ai figli ed ai minori a carico dei dipendenti pubblici. (Circ. n° 43/E del 10.10.2009)
  86. 86. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 86 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Altri esoneri b) dai contribuenti residenti in Italia che prestano la propria attività lavorativa in via continuativa all’estero in zone di frontiera ed in altri Paesi limitrofi con riferimento agli investimenti e alle attività estere di natura finanziaria detenute nel Paese in cui svolgono la propria attività lavorativa.
  87. 87. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 87 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Altri esoneri • L’obbligo di monitoraggio non è più dipendente dalla sussistenza all’estero degli investimenti e dalla detenzione delle attività estere di natura finanziaria ad una specifica data (finora 31 dicembre del periodo d’imposta). • Pertanto occorre verificare che la condizione di lavoratore all’estero sia stata realizzata per un numero complessivo di giorni maggiore a 183 nell’arco dell’anno (184 se bisestile), anche se non continuativi.
  88. 88. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 88 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Esonero dalla presentazione della dichiarazione dei redditi • In caso di presentazione del modello 730 ovvero nell’ipotesi di esonero dalla dichiarazione dei redditi, il quadro RW deve essere compilato in via autonoma unitamente al frontespizio del modello UNICO e presentato nei termini previsti per quest’ultimo modello.
  89. 89. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 89 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni • In base a quanto stabilito dall'art. 5 del D.L. n. 167/1990 come modificato dalla Legge Europea 2013, per la violazione degli obblighi di trasmissione della dichiarazione quadro RW all'Agenzia delle Entrate da parte degli intermediari, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria dal 10% al 25% dell'importo dell'operazione non segnalata. • Si tratta delle violazioni all'obbligo di monitoraggio dei trasferimenti, pari o superiori ai 15mila euro, oggetto di rilevazione ai sensi dell'articolo 36, comma 2, lettera b), del Dlgs 231/2007 (normativa antiriciclaggio), eseguite per conto o a favore dei soggetti obbligati al rispetto della disciplina sul monitoraggio. • Il database da cui gli intermediari estrarranno i flussi da trasmettere alle Entrate sarà costituita dall'Archivio unico informatico. La modifica è finalizzata anche ad allineare le comunicazioni sul monitoraggio fiscale a quelle antiriciclaggio.
  90. 90. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 90 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni • La violazione dell'obbligo di dichiarazione delle attività detenute in Paesi white list è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria dal 3% al 15% dell'ammontare degli importi non dichiarati. • La violazione dell'obbligo di dichiarazione delle attività detenute in Paesi non white list è, invece, punita con la sanzione amministrativa pecuniaria dal 6% al 30% dell'ammontare degli importi non dichiarati. • Infine, nel caso di dichiarazione tardiva, cioè presentata entro 90 giorni dal termine, si applica la sanzione di € 258.
  91. 91. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 91 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni • Prima della Legge Europea 2013, invece, le sanzioni erano molto più elevate: – 25% per la violazione degli obblighi di trasmissione da parte degli intermediari – dal 10% al 50% di quanto non dichiarato – il doppio per le attività detenute nei paesi non white list oltre alla confisca di beni di corrispondente valore.
  92. 92. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 92 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni In base al principio del "favor rei" di cui al D. Lgs. n. 472/1997, art. 3, commi 2 e 3: «Salvo diversa previsione di legge, nessuno può essere assoggettato a sanzioni per un fatto che, secondo una legge posteriore, non costituisce violazione punibile. Se la sanzione è già stata irrogata con provvedimento definitivo il debito residuo si estingue, ma non è ammessa ripetizione di quanto pagato.» -> Sezioni I e III RW e: «Se la legge in vigore al momento in cui è stata commessa la violazione e le leggi posteriori stabiliscono sanzioni di entità diversa, si applica la legge più favorevole, salvo che il provvedimento di irrogazione sia divenuto definitivo» -> Sezione II RW per le violazioni già commesse si applicano le nuove sanzioni più ridotte.
  93. 93. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 93 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni • Secondo la CM 180/1998 Sezioni I e II, il principio del favor rei trova un limite soltanto nell’intervenuto pagamento della sanzione, giacché colui che ha pagato non può chiedere la restituzione, mentre, anche in presenza di provvedimento definitivo, non è possibile la riscossione delle somme (ancora) dovute.
  94. 94. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 94 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni Per le sanzioni irrogate per la mancata o insufficiente compilazione delle sezioni I e III del quadro RW alla data del 4 settembre può essere che: (a) la sanzione non sia stata ancora irrogata > nessuna sanzione può essere irrogata (b) la sanzione sia stata irrogata, ma l’obbligato non ha ancora pagato alcuna somma > nessuna somma può essere pretesa. (c) l’obbligato abbia pagato in tutto o in parte la sanzione in dipendenza di un provvedimento non ancora definitivo > la somma versata va restituita. (d) l’obbligato abbia pagato in tutto o in parte la sanzione a seguito di provvedimento definitivo > la somma versata non può essere restituita. Su istanza di autotutela presentata dal contribuente, gli uffici dell'amministrazione finanziaria procederanno allo sgravio delle somme iscritte a ruolo, limitatamente alla parte che non è stata ancora versata.
  95. 95. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 95 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni Per le sanzioni irrogate per la mancata o insufficiente compilazione della sezione II del quadro RW alla data del 4 settembre, essendo stata introdotta una sanzione più mite rispetto a quella in vigore al momento della violazione, può accadere che: (a) la sanzione non sia stata ancora irrogata > dovrà essere irrogata la sanzione più mite. (b) la sanzione sia stata irrogata, ma il provvedimento non è ancora divenuto definitivo > la misura della sanzione dovrà essere ridotta in conformità alla previsione più favorevole, con diritto alla restituzione di quanto eventualmente già pagato in eccedenza. (c) la sanzione sia stata irrogata con provvedimento divenuto definitivo > gli uffici dell'amministrazione finanziaria non effettueranno alcuno sgravio, in quanto la sanzione che era stata irrogata secondo l'originaria previsione legislativa – che è meno favorevole – rimane dovuta anche attualmente
  96. 96. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 96 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni • Le violazioni relative al quadro RW sono di natura formale, cioè non collegate al versamento di un tributo. Troverebbe perciò applicazione il cumulo giuridico che è un regime agevolativo introdotto con il D.Lgs. 472 del 1997, che ha rinnovato il sistema delle sanzioni amm.ve tributarie. • Nel caso di violazione reiterata, la sanzione irrogata è incrementata del 50% (cumulo giuridico) rispetto alla sanzione prevista per la violazione più grave e comunque diverrebbe definibile nella misura di 1/3 (in adesione).
  97. 97. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 97 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni Ad esempio: • Per i Paesi white list la sanzione irrogabile per le violazioni in diversi anni potrebbe essere del 3% incrementata del 50%, per un totale del 4,5%, con possibilità di definizione nella misura di 1,5% (ossia un terzo). • Nel caso di Paesi non white list il tutto potrebbe essere definito in misura doppia.
  98. 98. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 98 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni. Termini. • L’art. 43 DPR 600 dispone che gli avvisi di accertamento devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. • Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazione nulla, l'avviso di accertamento può essere notificato fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata. • Per l’Iva, i termini per l’azione accertativa degli uffici sono disciplinati, con formulazione del tutto analoga, dall’art. 57, del D .P .R . 633 del 1972. • I termini concessi all’Ufficio per contestare la violazione dell’obbligo di compilare il quadro RW nel caso di attività in paesi non white list sono raddoppiati a partire dal 2010. • Nel caso della compilazione del quadro RW il termine decorre dall’anno di mancata compilazione: es. quadro relativo al 2008, si contano 5 o 10 anni a partire dal 2009.
  99. 99. S t u d i o B a t t a g l i a Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 99 w w w . c r e s c i t a p m i . i t P i a n i f i c a z i o n e | F i n a n z a | C o n t r o l l o Il quadro RW Le sanzioni. Il ravvedimento operoso • Le sanzioni in materia di monitoraggio fiscale, come precisato dall’agenzia delle entrate nella circolare n. 9 del 2002, hanno natura tributaria e dunque, con riferimento alle stesse, possono essere applicate le disposizioni in materia di ravvedimento operoso di cui all’articolo 13 del decreto legislativo n. 472 del 1997. Se il contribuente omette l’indicazione dei suoi investimenti all’estero, non avendo occultato ulteriori elementi al Fisco, non essendosi configurata evasione d’imposta, sussiste solo la violazione di irregolare compilazione della dichiarazione. • Con l’entrata in vigore della Legge Europea, è prevista la sanzione fissa di 258 euro per la presentazione o integrazione del Mod RW in Unico entro 90 giorni dalla scadenza della presentazione delle dichiarazioni (riducibile ad 1/8 con ravvedimento operoso). • Quindi il termine ultimo per Unico 2014 è stato il 30 dicembre 2014.

×