Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

OCP Paas_ultima

41 views

Published on

Caratteristiche della Paas di OCP e sistema di monitoring Iaas e Saas

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

OCP Paas_ultima

  1. 1. Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Architettura e caratteristiche della PaaS di OCP - Sistema di monitoring IaaS e SaaS
  2. 2. Che cosa ha fatto OCP in sintesi Contesto attuale  Servizi pensati e sviluppati in maniera «destrutturata» e decisamente «localizzata»: un server indipendente e un ambiente specifico per ogni servizio  In questo modo il più delle volte NON sono: • interoperabili • riutilizzabili • migrabili (indipendentemente dalla piattaforma utilizzata e dal sito erogatore) Generano lock-in e alti costi per la gestione e l’evoluzione Piattaforma cloud aperta per la PA che offre:  Sistema di gestione unitaria e ottimizzata di tutte le risorse hardware di un CED -> riduzione dei costi  Possibilità di attivazione automatica dei servizi  Accesso ai servizi multi-dominio, Integrazione SPID, Interoperabilità e composizione di servizi  Migrabilità Come è stato possibile raggiungere questi obiettivi:  Sfruttando le potenzialità del «private cloud aperto», basato su un Software Defined Data Center con automazione e self service dei servizi  Rendendolo facilmente collegabile con le maggiori soluzioni «public cloud» esistenti (Hybrid Cloud), per poter scalare e integrare risorse secondo necessità  Integrando prodotti open source secondo necessità
  3. 3. Comune Consumer Comune Consumer Regione Provider Comune Consumer Comune Consumer Comune Consumer Comune Consumer Architettura di riferimento L’architettura della piattaforma è stata disegnata considerando: • integrazione IaaS e PaaS • scalabilità • multilayer • interoperabilità • riuso delle componenti • robustezza Include al suo interno macro componenti particolarmente rilevanti: • modulo orchestrator/automation • modulo monitoring/billing • PaaS layer/services • IaaS layer/services • Open Data e Open Service Engine • Application Store e Toolkit Repository • Citizen’s Marketplace
  4. 4. La PaaS aperta nella piattaforma OCP • Offre automazione sia per l’attivazione, che per la successiva gestione dei servizi su IaaS diverse a livello di piattaforma - offerta agli sviluppatori di un ambiente di sviluppo arricchito da numerosi “reusable components” offerti as a service - supporto allo sviluppo e debug di nuove applicazioni • Elimina all’utente la necessità di gestire la complessità dei servizi infrastrutturali e delle configurazioni non solo per lo IaaS di OpenStack • L’utente/sviluppatore per attivare un servizio deve scrivere solo delle “ricette” che a breve supporteranno anche lo standard internazionale TOSCA e potranno quindi essere utilizzate in qualsiasi infrastruttura cloud che esponga l’interfaccia TOSCA • Focus sulle soluzioni Open Source leader di mercato ma garanzia della massima apertura all’utilizzo in modo trasparente di soluzioni cloud proprietarie ( es. VMware, Micorsoft Azure)
  5. 5. Panoramica dell’architettura PaaS • Workflow engine: JBPM 6.3 • Gestisce il ciclo di vita dei servizi PaaS e IaaS • Comunica con diverse soluzioni cloud di middleware: - Heat - Cloudify - Openshift • Supporta il concetto di multi- zona (es. installazioni differenti e/o regioni di OpenStack)
  6. 6. Comune Consumer Comune Consumer Regione Provider Comune Consumer Comune Consumer Comune Consumer Comune Consumer Requirement: possibilità per una PA di dotarsi di una piattaforma per l’erogazione di servizi secondo i paradigmi tipici del Cloud astraendo ed integrando le diverse componenti dell’architettura per consentire l’orchestrazione di processi complessi che coinvolgono elementi eterogenei. OCP -> PaaS & IaaS Orchestrator Engine OCP PaaS & IaaS Engine - Orchestratore di servizi e risorse Standard (e consorzi di standardizzazione): input TOSCA (OASIS consortium), interfacce HTTPS REST pubbliche (W3C), workflow BPMN (OMG consortium). Orchestratore: coordina i processi di erogazione dei servizi tra i diversi componenti dell’architettura. Utilizza i workflow per gestire le richieste dai layer superiori attuando opportune azioni sui singoli moduli, astraendo e generalizzando i layer sottostanti. Open/closed principle: oltre alle tecnologie Cloud «standard de facto» supportate, si è aperti alle estensioni verso nuovi use-cases (workflow) e/o prodotti (componenti) con una logica di sviluppo modulare (plug-in) senza modifica del core open source esistente.
  7. 7. Vantaggi della PaaS di OCP (1) • Opensource • Multitenancy • Autenticazione, autorizzazione e auditing delle azioni • Prodotti tecnologici si trasformano in servizi tecnologici con la logica «aaS» • Servizi creati attraverso container Docker • Facile integrazione di nuovi servizi containerizzati • Storage ad oggetti autenticato e crittografato (segregazione della vista dati per singolo utente) • Interfaccia user friendly rispetto alla IaaS • API autenticate per integrazione con i servizi esposti
  8. 8. • Le piattaforme PaaS selezionate e l’architettura disegnata consentono lo Scale up/down, scale out/in delle risorse impegnate • Un servizio scalabile garantisce: - la resilienza alle failure - incremento proporzionale delle prestazioni aumentando le risorse allocate in caso di necessità (aumento n° sessioni, CPU oltre soglia…) • Un’architettura software scalabile è indispensabile per trarre reale vantaggio da un’infrastruttura HW o virtuale scalabile: la scalabilità è necessaria ad ogni livello della piattaforma • L’utilizzo dei servizi di load-balancing + autoscaling offerti dagli strati IaaS e PaaS è una combinazione vincente per implementare sistemi fault-tolerant, scalabili e ad alte prestazioni. Vantaggi della PaaS di OCP (2) – Elasticità e alta affidabilità
  9. 9. Migrare servizi/applicazioni già esistenti nel cloud: es. Creazione VM da immagini disco Prototipare, sviluppare ed eseguire applicazioni nativamente in cloud: es. Combinando componenti a servizio (Database, Business Intelligence, etc) Iniziare ad adottare servizi cloud: Creazione VM (e altri servizi IaaS) e configurazione manuale Cloud Shift Cloud Native Vantaggi per gli sviluppatori e integrazioni Cloud Porting
  10. 10. Vantaggi per gli sviluppatori e integrazioni API REST (rispetto allo standard SOAP è molto più leggero, scalabile, performante)
  11. 11. I servizi tecnologici disponibili “as a service” • Console di gestione della piattaforma (anche IaaS) • Servizi di autenticazione, autorizzazione, auditing integrati • Servizi di monitoraggio e metering delle applicazioni • Servizi di Database (DBaaS) • Servizi di Business Process Management (BPMaaS) • Servizi di Business Intelligence (BIaaS) • Servizi per l’esecuzione delle applicazioni (APPaaS) • Servizi di messaggistica (SMSaaS, EmailaaS) • Servizi di Message Brokering (MQaaS) • Servizi di Certification Authority (CAaaS) • Servizi per l’ottimizzazione della Quality of Service • Servizi per la realizzazione di Application Store
  12. 12. Strumenti utilizzati
  13. 13. Bursting su Cloud pubblico con integrazione AWS e servizi per la PA
  14. 14. Smart Cities and Communities and Social Innovation Bando MIUR D.D. 391/Ric. del 5 luglio 2012 Monitoring IaaS e PaaS di OCP
  15. 15. Architettura Monitoring IaaS/PaaS 15 Openstack Zabbix Proxies IaaS ProxyMetrics ProxyWatcher Proxy Monitoring Pillar Zabbix Servers IaaS ServerMetrics ServerWatcher Server PaaS Zabbix wrapper Creazione Monitoraggio metriche e stato Layer di monitoraggio che si interfaccia con i server zabbix. Software per monitoring e metering. Tutte le informazioni vengono memorizate in questi server Server intermedio da tra le VM e i server Zabbix Livello infrastutturale, ospita le macchine virtuali creati tramite PaaS. Gli agent zabbix a bordo delle macchine comunicano lo stato dei servizi.
  16. 16. Funzionalità Monitoring IaaS/PaaS Controllo e gestione dell’intera piattaforma cloud:  Livello IaaS - Utilizzo di risorse delle macchine istanziate (CPU, Disco, Memoria, Reti, etc.) - Stato servizi VM (Avviata, Spenta, In errore) - Dati utilizzabili per effettuare billing  Livello PaaS - Stato componenti dei servizi PaaS (In funzione, In errore) - Dati utilizzabili per effettuare billing
  17. 17. Metriche Macchina Virtuale Raccolta di metriche delle VM presenti sulla PaaS (CPU, Ram, Disco, Network)
  18. 18. Esempio Monitoring PaaS – Stato Avviato Monitoraggio del servizio MySQL a bordo della macchina. Stato Avviato
  19. 19. Esempio Monitoring PaaS – Stato Avviato Monitoraggio del servizio MySQL a bordo della macchina. Stato Avviato. Gli agent zabbix mandano informazioni relativi al servizio MySQL presente a bordo della macchina virtuale, i server zabbix memorizzano lo stato del servizio e la PaaS aggiorna lo stato come avviato.
  20. 20. Esempio Monitoring PaaS – Stato Errore Monitoraggio del servizio MySQL a bordo della macchina. Stato in errore.
  21. 21. Esempio Monitoring PaaS – Stato Errore Monitoraggio del servizio MySQL a bordo della macchina. Stato in errore. Il servizio a bordo della macchina non funziona, gli agent di zabbix hanno comunicato ai server che il servizio non è funzionate; la PaaS viene aggiornata di conseguenza.
  22. 22. Comune Consumer Comune Consumer Regione Provider Comune Consumer Comune Consumer Comune Consumer Comune Consumer • Sito ufficiale di OpenCity Platform: http://www.opencityplatform.eu • OCP platform: https://infncloud.ponsmartcities-prisma.it • OCP platform support: https://support.ba.infn.it/redmine/projects/supporto-ocp • OCP tutorial: https://agenda.cnaf.infn.it/conferenceTimeTable.py?confId=738#20150930 • Contatti: http://www.opencityplatform.eu/contatti Riferimenti

×