11 ottobre-ottolini-3 a-def2 x sito

236 views

Published on

11 ottobre 2012
SMS Ottolini-3A-Rescaldina (MI)

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
236
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

11 ottobre-ottolini-3 a-def2 x sito

  1. 1. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO «A. OTTOLINI» RESCALDINA (MI)Milano, 11 ottobre 2012, «Ho toccato la storia!»
  2. 2. La storia sotto chiaveDall’archivio a Facebook
  3. 3. Per la 2°A siapre una porta dinuove esperienze
  4. 4. Impegnati ad individuarenei documenti leinformazioni più esplicite, ma anche, a scoprire quelle implicite e a dare un’interpretazione ad entrambe.
  5. 5. Abbiamo riflettuto sullavoro fatto in archiviodove ci siamo occupatidi decodificare idocumenti relativi allavita di Donato Ferrario
  6. 6. Dall’analisi deidocumentiricaviamo labiografia di uno deimercanti più famosie spregiudicati dellaMilano del 1400:Donato Ferrario
  7. 7. Renderle più vicine al nostro modo diapprendere informazioni su una persona creando il profilo facebook di Donato Ferrario
  8. 8. Nell’immagine del profilo: Il ritratto di Donato Ferrario conservato nella quadreria dell’Archivio Golgi- Redaelli.
  9. 9. Dall’analisi: del ritrattodel testamentodel libro delleregole della Scuoladella Divinità da luifondata
  10. 10. la città in cui vive,_____ lavora, fa politica la città in cui è nato
  11. 11. a cui Donato èmolto legatodal punto divistaaffettivo,socialee anchefinanziario
  12. 12. Poiché facebook consente di pubblicare soloistituti attualmente esistenti, ci siamoaccontentati di indicare l’ambito diconoscenze di Donato Ferrario, scegliendoun’Università milanese.
  13. 13. Per le informazioni non direttamente reperibili suidocumenti a nostra disposizione, abbiamo chiestoaiuto agli esperti dell’Archivio per formulare delleipotesi plausibili ad esempio su come DonatoFerrario passava il suo tempo libero.
  14. 14. Abbiamocreato ungruppo«Gruppo2A»
  15. 15. Abbiamo creato uno stemma per il nostrogruppo Facebook, così come DonatoFerrario ne aveva uno per la sua famiglia
  16. 16. Se Donato Ferrario vivesse ai giorni nostri userebbeFacebook?Probabilmente sì, come i moderni «mercanti» creerebbeuna pagina facebook per: far conoscere al mondo la sua attività restare in contatto con amici e clienti
  17. 17. 1. Alcuni «campi» previsti dal profilo facebook sono risultati troppo rigidi per le nostre esigenze. Per es: facebook non accetta:  che Donato sia nato nel 1370  che parli il volgare  che abbia studiato in un luogo diverso dalle attuali facoltà universitarie2. facebook richiede informazioni che non sono disponibili nei documenti perchè relative ad attività allora sconosciute  Es: film, musica, spettacoli, libri letti
  18. 18.  L’aiuto prezioso degli esperti dell’Archivio: per tutto l’anno siamo rimasti in contatto con Mira Montanari che ci ha aiutato a completare le nostre conoscenze Internet E un po’ di fantasia
  19. 19. Sì perché: conserva dati, documenti, lettere, messaggi anche se in formato digitale accetta qualsiasi tipo di informazione (vera o falsa che sia, scritta o iconografica)No perché: non è organizzato come un archivio in senso tradizionale non appartiene a un’istituzione
  20. 20. a capire che: la storia si fa sulle fonti facebook serve per comunicare, farsi conoscere, conservare si può fare storia in un altro modo
  21. 21. Chiedi l’amicizia a Donato 
  22. 22. Questo progetto è stato realizzato nell’anno scolastico 2011-2012 dalla classe2A della scuola secondaria di primo grado «Ottolini» di Rescaldina sotto la guida delle prof.sse Paola Tizzoni e Piera Ciceri nell’ambito del percorso proposto dall’Officina dello storico «Cultura sociale e attività assistenziali a Milano - Il sogno del mercante. Solidarietà eassistenza ai bisognosi nelle pergamene milanesi dei secoli XIV-XV» con la dott.ssa Mira Montanari. Contatti: Paola Tizzoni: nedo.vignati@vodafone.it Piera Ciceri: pieraciceri@alice.it

×