Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Ricordiamo Augusto Camera

1,121 views

Published on

In memoria del professor Augusto Camera
Liceo Carducci, 25 novembre 2015

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Ricordiamo Augusto Camera

  1. 1. . g R1’- Ricordiamo Augusto Camera ' Liceo Carducci F‘ 25 novembre 2015 s À, ‘
  2. 2. IÙ- -w-r'sv' " ‘l 4 I. - _’. — v L _ ‘ » . ’ -'. x n C‘ r. -. s . ‘v M‘ . .1? A . - . . "A.
  3. 3. Per rigore morale, passione etica e politica, onestà intellettuale, curiosità, humor e generosa umanità è stato un insegnante indimenticabile e un maestro di vita.
  4. 4. Per rigore morale, passione etica e politica, onestà intellettuale, curiosità, humor e generosa umanità è stato un insegnante indimenticabile e un maestro di vita.
  5. 5. I 1 : _. . r"_yî>fir n ha’); v n‘ "__ , L. n'a. .. '; 'J= ÎP. "Î'-'-' c". Siria’: - uÈ-‘Sfir PZXuVÉZ-îs‘ . 4 ’ l r ‘ ’- . u: . . . - v t ‘- . . . t. ' , - . . — ' , ‘u . .r . " 7.. _ 4, ’ . - 4 * , z , l «__» _. . ’ i r , . I, v» ‘.1 4 ‘ . ., _ —. ' _ » .
  6. 6. Ricordare Augusto Camera vuol dire confermare a noi stessi il valore dell’insegnare, ‘ deII’imparare, del mettersi in gioco e del saper pensare.
  7. 7. Ricordare Augusto Camera vuol dire confermare a noi stessi il valore dell’insegnare, delI’imparare, del mettersi in gioco e del saper pensare.
  8. 8. A. .. l. . o l . 56,. . w i. u. l . p . tu? n . .l r v . . . J. m . a . t 1. . . r 4,. » «lì .2 4t. .— . .. ..n. .. . _ . l _ . .. _ — 1 . .. . t i. . . . . r. “ . . . ., . .5. , .4. 4 fl . sul . _ u.
  9. 9. (Occorre edificare) una scuola “oggettivamente interessante”, ossia una scuola che fornisca gli strumenti necessari per capire la struttura e la dinamica dell’odierno mondo industriale e della filosofia che gli è implicita. (Augusto Camera, 1983)
  10. 10. (Occorre edificare) una scuola “oggettivamente interessante”, ossia una scuola che fornisca gli strumenti necessari per capire la struttura e la dinamica dell’odierno mondo industriale e della filosofia che gli è implicita. (Augusto Camera, 1983)
  11. 11. ’. L? - . 4o s --.
  12. 12. la modificazione essenziale, a mio parere, dovrebbe consistere nel metodo e nelle finalità: nel metodo del realismo critico e nella finalità di educare un uomo che non si rassegni a morire d’inedia entro i presunti “limiti dello sviluppo”, ma sappia ribaltare il mondo e conquistare gli spazi. (Augusto Camera, 1983)
  13. 13. la modificazione essenziale, a mio parere, dovrebbe consistere nel metodo e nelle finalità: nel metodo del realismo critico e nella finalità di educare un uomo che non si rassegni a morire d’inedia entro i presunti “limiti dello sviluppo”, ma sappia ribaltare il mondo e conquistare gli spazi. (Augusto Camera, 1983)
  14. 14. .. l"; &_, _
  15. 15. La guerra è come un’onda enorme, che si impadronisce di te e ti sbatte di qua e di là a suo arbitrio. E se si vuol fare un onesto bilancio finale, bisogna riconoscere che in quell’inferno non c’è posto per l’assoluta innocenza. (Augusto Camera, La mia guerra)
  16. 16. La guerra è come un’onda enorme, che si impadronisce di te e ti sbatte di qua e di là a suo arbitrio. E se si vuol fare un onesto bilancio finale, bisogna riconoscere che in quell’inferno non c’è posto per l’assoluta innocenza. (Augusto Camera, La mia guerra)
  17. 17. Il Croce, riferendosi alla morte aveva scritto fra l'altro “questa, che il volgo teme e chiama morte”, ma io lì, raggomitolato dietro le fascine in attesa del fatale suono di campanello, cui sarebbe seguito lo sfondamento della porta che avrebbe deciso del mio destino, pensavo: “Devo ben essere volgo, perché in realtà sto crepando di paura”. (Augusto Camera, La mia guerra)
  18. 18. Il Croce, riferendosi alla morte aveva scritto fra l’altro “questa, che il volgo teme e chiama morte”, ma io lì, raggomitolato dietro le fascine in attesa del fatale suono di campanello, cui sarebbe seguito lo sfondamento della porta che avrebbe deciso del mio destino, pensavo: “Devo ben essere volgo, perché in realtà sto crepando di paura”. (Augusto Camera, La mia guerra)
  19. 19. -. .a l ‘han. —v. - Jaiiuurggfl-J l_. ;.. ._. ‘x. "aww. a.uu—s cgàa-g-w-Ì wv-rur-ugur“. .. ,24.. . . . -5»- g- -. ... ... ... ._ , ,.4< o i .
  20. 20. Camus ha scritto: “Fin quando la i/ erità, fosse anche solo nella mente di un’unica persona, sarà accolta per quello che è e così com’è, ci sarà ancora spazio per la speranza”. E appunto per questo io continuo a sperare, (Augusto Camera, La mia guerra) . ::. -,<. ;—"i'-—o. _‘v‘__, .--; ... ._. ‘». )v».4auu— ùéiNi-afld; -nr-»—-. .,. ,_n_. ,_ g‘. .. . . _, ,u— g‘ -. ... ,, u. .- , .1?‘
  21. 21. L» Camus ha scritto: “Fin quando la l verità, fosse anche solo nella mente di un’unica persona, sarà accolta per quello che è e così com’è, ci sarà ancora spazio per la speranza”. E appunto per questo io continuo a sperare, (Augusto Camera, La mia guerra) ‘i553; i
  22. 22. x. . . . . , . ìèsb I0: , r, ÎT-sj; .0.. .) le. 4., 547. 1.14 . . . . n L. al s.
  23. 23. Elementi di s . ,_‘, "Lo 3 Glîc” q -. , b _ d , l " Il lviedioe E‘“‘“"" C‘ Roma l” ‘Wllll: llllllll
  24. 24. x. . . . . , . “Est I0: , r, ÎT-sj; .0.. .) è. 4., 55a‘. 1.14 . . . . n L. a s.
  25. 25. LV suggestione dei mass media è ' ambivalente, e può servire sia ad MAlSS MEDIA: La straordinaria capacità di comunicazione e di informare onestamente e a divulgare i più alti risultati della ricerca culturale, sia a deformare sistematicamente la verità e a lavare i cervelli mediante ideologie mistificatorie. (Elementi di storia)
  26. 26. MASS MEDIA: La straordinaria capacità di comunicazione e di suggestione dei mass media è ambivalente, e può servire sia ad informare onestamente e a divulgare i più alti risultati della ricerca culturale, sia a deformare sistematicamente la verità e a lavare i cervelli mediante ideologie mistificatorie. (Elementi di storia)
  27. 27. 1| w
  28. 28. LIMITI DELLO SVILUPPO. “La tesi neo-tolemaica dei limiti dello sviluppo è, nella sua sostanza, una colossale falsificazione. Come animale di cultura l’uomo è infatti attore e protagonista di un mondo storico inventato da lui, che non è naturalmente dato ed è quindi virtualmente i| |imitato. ” (Elementi di Storia)
  29. 29. LIMITI DELLO SVILUPPO. “La tesi neo-tolemaica dei limiti dello sviluppo è, nella sua sostanza, una colossale falsificazione. Come animale di cultura l’uomo è infatti attore e protagonista di un mondo storico inventato da lui, che non è naturalmente dato ed è quindi virtualmente ilIimitato. ” (Elementi di Storia)
  30. 30. LO STATO SOCIALE. i “Lo smantellamento del cosiddetto stato sociale, I che garantisce a tutti i I cittadini un minimo di assistenza medica, di istruzione e di benessere, . determinerebbe un inasprimento delle tensioni sociali e ci farebbe vivere in un clima di barbarie e di violenza crescenti. ” (Elementi di storia)
  31. 31. LO STATO SOCIALE. “Lo smantellamento del cosiddetto stato sociale, che garantisce a tutti i cittadini un minimo di assistenza medica, di istruzione e di benessere, _ determinerebbe un . t p. 1 _, inasprimento delle tensioni sociali e ci ‘ I farebbe vivere in un clima di barbarie e di violenza crescenti. ” (Elementi di storia)
  32. 32. . , .4-— i. u.
  33. 33. “Occorre dunque battere b in breccia noia e r‘ i i qualunquismo con la serietà si un impegno i etico-politico adeguato A . , i ' alle nostre effettive « ' - ' = possibilità di lavoro e di azione. ” (7 ottobre 1972)
  34. 34. i “Occorre dunque battere in breccia noia e qualunquismo con la serietà si un impegno etico-politico adeguato alle nostre effettive possibilità di lavoro e di azione. ” (7 ottobre 1972)
  35. 35. FONDAMENTALISMO ISLAMICO. “La semplicistica riduzione della lotta politica a ‘guerra santa’ del Bene contro il Male autorizza i ‘Buoni’ a combattere gli infedeli con qualsiasi mezzo: col terrorismo, con la cattura degli ostaggi e con altri metodi non meno ripugnanti. Malgrado tutto, però, non bisogna dimenticare che il fondamentalismo non è l’ineluttabile destino dei popoli arabo- isIamici. ” (Elementi di storia)
  36. 36. FONDAMENTALISMO ISLAMICO. “La semplicistica riduzione della lotta politica a ‘guerra santa’ del Bene contro il Male autorizza i ‘Buoni’ a combattere gli infedeli con qualsiasi mezzo: col terrorismo, con la cattura degli ostaggi e con altri metodi non meno ripugnanti. Malgrado tutto, però, non bisogna dimenticare che il fondamentalismo non è I’ineluttabiIe destino dei popoli arabo- isIamici. ” (Elementi di storia)
  37. 37. | l i1 l -, r. “ . .
  38. 38. LA SCIENZA E LA TECNICA. “II mondo preindustriale viveva sotto l’incubo della fame, della miseria e delle É -. .. pestilenze. Il progresso tecnico-scientifico f“ ha allungato la vita media degli uomini e ha messo a disposizione di masse sempre più numerose i beni necessari per la vita. ” (Elementi di storia)
  39. 39. la ‘ LA SCIENZA E LA TECNICA. “Il mondo preindustriale viveva sotto l’incubo della fame, della miseria e delle pestilenze. Il progresso tecnico-scientifico ha allungato la vita media degli uomini e ha messo a disposizione di masse sempre più numerose i beni necessari per la vita. ” (Elementi di storia)
  40. 40. m
  41. 41. 0-8- CRESCITA E DECRESCITA. “Sarebbe mostruoso che per evitare i pericoli della crescita, noi tentassimo di rifugiarci in un impossibile ritorno all’infanzia, comunque perduta. ” (Elementi di storia)
  42. 42. CRESCITA E DECRESCITA. “Sarebbe mostruoso che per evitare i pericoli della crescita, noi tentassimo di rifugiarci in un impossibile ritorno all’infanzia, comunque perduta. ” (Elementi di storia) l
  43. 43. ENERGIA E AMBIENTE. “Col passaggio dalle tecniche di fissione a quelle di fusione avremo a disposizione quantità di energia tali da consentirci , . di modificare un ambiente più vasto dello t» stesso pianeta in cui viviamo”. (Elementi di storia) ’
  44. 44. ENERGIA E AMBIENTE. “Col passaggio dalle tecniche di fissione a quelle di fusione avremo a disposizione quantità di energia tali da consentirci di modificare un ambiente più vasto dello stesso pianeta in cui viviamo”. (Elementi di storia)
  45. 45. 11 n: o1.v-t: ri: .to non hg. {(139410 di truvcutiti, m1; di xxlìcwti, c2»: ri; ."n, ":. nO ‘Irli Z3 ol xc l'« ‘.5. d; ll'l. cnu KÎÌOVIJÎÌÎJJ} c n01 gati runuc- r: o l‘w; ;co . » 1.10 urlo ; olo in ruanto c1 in)»; lt"t't'lO, m1‘ 01:1. co ttnrirw u. (3.441.. . xnllzx ‘(uiklu . .‘.1:: r- . ox1c: : uulit; .x: v;; i che suonano l non 017.230 d n Inc SOÈLÌÈLIUIÌUO rrlrz: cno‘; la: g«ni ‘JLIIiII-boli di una cul- tmxù: 1.'. ‘.ì. L‘Z‘Iî. iCC; , o porci‘; ‘l/ Ilrlilitnt‘: lnopoluxu, capace a1 z‘v_: .1'; ,rc1 nllu uolmiom u; ‘ìrobil-ui 21:11. ‘u? _. :-: .;. o po_—: _-i: :.. o c dobbi: ..zo àÎ re: il rcjlzo uione a ‘irnilor uio. 54 o/ r/«Òw. I”? par”; Lama“
  46. 46. Il DîO1FÈÌTiLtO non ha pico no di truvuut iti, ma di ullcuti, oh: ria nrnno ‘ali ltn 01 I0 l'r: L d ll'ucnu niovlnilu: c noi gli rnnuc— F: 0 l‘un: co . :.1o ‘rio colo in runnto ci iHhu‘H”flWOy HL! ora, co truìrw u. cuolh nvlln vunlu Llm yl. op1ca uullc . xw4i che guonnno ' u non crrzno -1 rn rnc ; o;;1zuunuo nlmcno‘nwxni o°uinho11 di una cul- tvra Luztnznca, « rwrcij vuruucnt; popolurg, cupncc 01 FL_LTiPCi nllu : ,:olu; .iom- u) ‘vrobivz’. I‘; . H11. IHL’ _; c;to po4;ia; o u dohbi.4o . :rc: il rc-to à{prcuflnuione c vaniloiuio. 54 0/45»: Il)? yjuy/ s/È LQ/ ÌWÒvK
  47. 47. m. z. . . _ _ Ì ' " rv r _; , - = . _" ‘ j
  48. 48. Ai fJIOYJHI diciamo ntllt), con uxxoluta lcrnlc/ Al, CIIL‘ prop: in I. . sostanziale validità dcl loro istinto c dcllc loro lIlIclI/ IOIII li ilnpc-gna . l rispctturc ogni slllgtìltl pcrsonll, pcrcllc o-Lzni singola pcrxolm, in quanto tulc, dcflcsscrc non già cmarginutu ma coinvolta ncl proccsso di lihcruitinc c di riscatto, CIC"CNL'I'L". IIUI. ;II; IL1 Crcxccrc c non fCxPInlJ c sollocatti come sc si trattussc di una quantità trztxcumhilc. Di qui nasce. ncl caso particolare, l'obbligo morulc c politico di non ncgurc u quci giovani che si crcdono lanciati (c chc pcr lo più >Un0 scmpliccmcnlc sviati dal baccano rìssoso di adulti malvissutil lo sptl/ IO umano c culturale che consenta loro di Crcsccrc c di matumrc. l Allarghiumo anzi questo spazio, pcr loro c pur tutti, invcntianlo pcr ‘ la nostra scuola una funziona creativa, stittraiunlola insicmc al PJÎICÙIÒ i dcllu noia, della routinuxdclla ripctizionc ITICCCJIIICLI, (ICIIII hUTUCFd/ IJ, c ulmcno sulla flhlrclltl pzlrtc dcl Irontc che ci Conìpclc potremo dirc dfincr i oncxtamcntc combattuto. » l Volantino. 27 novembre 1972
  49. 49. Ai pioxani dicialno xolo, con . l‘vxtìllll. l lLlllIc/ Ill, clic {Il l‘ ti lo xoxI. ln/ i.llt' Validità dcl loro ixtinto c dcllc loro llIIClI/ Itllll li lllll‘-. ‘}'ll. l u. rixpcltalc ogni xingulla pcrxona, pclcllc ogni xillglila purxulld. In qllurllo tlllc, dcVcxxcrc non più cmllrj-inxltzl ma coinvolta ncl proccxxl) di lìhclxuionc c di rixcatto. da ‘cxxcrc aiutata a crcxccrc c In ili rcxpillîd c hfllllltîllllt conlc 5c si trattaxxc di una tiuantila traxctlrahilc. Di qui nltxcc, ncI caso parlicolurc, l'obbligo moralc c politico di nlgrl ncgxlrc a quci «giovani chc si CYULIOHO Iaxcìxtì (c chc pur lo più smîlx) scmpliccnìcntc sviali dal baccano rìxxoxtl di adulti mah ixxutil lo >_t‘. :/li, umllnt) c culturale che conxcrlta loro di crcxccrc c di nlaturarc. Allargllilllllr) anzi (lllcsltì xpa/ itì, rcr loro c pgr tutti, im untiarllll pgr la noxtra xcuola una Iiln/ ionc crcatiul. xottrdialnlìla inxìcnlc al rtricohì dUlld nlìld. della TOIIIIHCJICIIÀI ripcti/ ionc lncccallica, dclla hllrocr. l/i. -._ c almcntl xulla rixtrctla parte dcl lrontc cll; ci comrztc plurcnlo dir: dfilx x oncxtarncrltc conlhatttltlì. Volantino, 27 novembre 1972 r -. -—7.fù_. _ ù--- .
  50. 50. ‘ a; .' i‘ -. "W- ‘ N __ 51h34 . “'54 . .. 33555435 - I‘. . ‘a i , vnfiîfiîàffifày 3t a anta
  51. 51. {I l [/1]! j. 7/
  52. 52. ENERGIA E AMBIENTE. “I sostenitori dei mulini _ ‘Ho ; ‘A"J' "- ' H v I fn-rr‘ ' "2 * v, ‘ {cui}, ‘ ' 2"? " l‘; 9. 23-. - nw-s‘ i, ‘ 323:‘, ‘e’, 5,2‘. ' g u l ' _ ‘t a vento pretendono ÎÎ-llafîu‘ . . '4Ì3‘3.ÈÎ%"“‘ i; sempre dl vuotare Il r; mare col bicchiere. ragyzgt-el (Ele , ' xl rifiuta:
  53. 53. ENERGIA E AMBIENTE. “I sostenitori dei mulini a vento pretendono sempre di vuotare il mare col bicchiere. (Elementi di storia)
  54. 54. t IL — hl . - _‘ 1* JÎW>I""I‘A: _
  55. 55. . _. l/ l c l . . fa. . . x. 5a à , h,. n» Il. u.
  56. 56. Ciao Augusto spirito indomito. Vivi nella memoria di tutti noi

×