Firenze, 24 novembre 2006 Depositi condivisi e servizi distribuiti: per una gestione sostenibile delle raccolte documentar...
<ul><li>LA TESI </li></ul><ul><li>emergenza conservazione </li></ul><ul><li>del patrimonio cartaceo e digitale </li></ul><...
Punti critici (storici) <ul><ul><ul><li>evoluzione dalla biblioteca magazzino  alla biblioteca open shelves </li></ul></ul...
Punti critici (emergenti) <ul><ul><ul><li>digitalizzazione massiva (accessibilità) / gestione originali </li></ul></ul></u...
Bibliometrica <ul><li>Valutazione delle collezioni e del loro uso come strumento di gestione </li></ul><ul><ul><ul><li>Gli...
Soluzioni cooperative <ul><ul><ul><li>Rilancio dei  depositi condivisi/ digitalizzazione massiva </li></ul></ul></ul><ul><...
Depositories and/or repositories   <ul><li>Proprietà delle collezioni   </li></ul><ul><li>a) rimane alle singole bibliotec...
FUNZIONI REPOSITORY ACQUISIZIONE INTEGRAZIONE CONSERVAZIONE ILL/EDD SELEZIONE DEDUPLICAZIONE CAT European University Insti...
Depositi cooperativi <ul><li>Caratteristiche e servizi : </li></ul><ul><li>Ambiente a norma per la conservazione materiale...
Finlandia <ul><li>National Repository of Finland Library  (FRL). </li></ul><ul><li>Costi a carico dell’Amm. Centrale: 1,3 ...
Australia <ul><ul><ul><li>CARM  (consorzio CAVAL, biblioteche universitarie) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>dal 1997:...
Francia <ul><li>Modello centralizzato </li></ul><ul><li>Basato sul CTLes (Centro Tecnico per il Libro dell’Educazione Supe...
Francia (cont.) <ul><li>Modello distribuito </li></ul><ul><li>Conservazione pubblicazione regionali </li></ul><ul><li>Il c...
Modelli della transizione <ul><li>CASS, Scozia </li></ul><ul><li>Progetto pilota, 6 università: Staff e locali della Bibl....
GRECIA <ul><ul><ul><li>Il caso della Grecia </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Contratto e-only periodici a tutte le univ...
Sull’Arno d’argento Scenario puramente immaginario <ul><ul><ul><li>Sviluppo deposito biblioteche SDIAF </li></ul></ul></ul...
Sull’Arno d’argento 2 <ul><ul><ul><li>impatto spazi biblioteche: inizio, riduzione tot. 80 km l.scaff. (superficie 9.000-1...
Sull’Arno d’argento 3 <ul><ul><ul><li>Associazione/consorzio </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Enti fondatori: Regione, ...
<ul><ul><ul><li>F I N E </li></ul></ul></ul>
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Strategie di conservazione e depositi condivisi

1,110 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,110
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
51
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Strategie di conservazione e depositi condivisi

  1. 1. Firenze, 24 novembre 2006 Depositi condivisi e servizi distribuiti: per una gestione sostenibile delle raccolte documentarie Incontro organizzato della Sezione Toscana dell’ Associazione Italiana Biblioteche European University Institute Library Strategie di conservazione e depositi condivisi Per una gestione dinamica del patrimonio delle biblioteche Tommaso Giordano
  2. 2. <ul><li>LA TESI </li></ul><ul><li>emergenza conservazione </li></ul><ul><li>del patrimonio cartaceo e digitale </li></ul><ul><li>ricerca di soluzioni sostenibili </li></ul><ul><li>basate sulla collaborazione e sulla condivisione è il metodo più efficace per affrontare il problema </li></ul>
  3. 3. Punti critici (storici) <ul><ul><ul><li>evoluzione dalla biblioteca magazzino alla biblioteca open shelves </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>la biblioteca open s. implica lo sfoltimento delle racolte </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>deficit di cooperazione: carenza di strutture condivise </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>raccolte per accumulazione: ridondanza e lacune </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>scarsa pratica di selezione - deselezione (attitudine burocratica) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>livelli di conservazione e priorità </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>scarso uso dei documenti posseduti (prestito/ILL/cons.) </li></ul></ul></ul>European University Institute Library
  4. 4. Punti critici (emergenti) <ul><ul><ul><li>digitalizzazione massiva (accessibilità) / gestione originali </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>patrimonio/uso/costi transizione </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>spazio utenti vs spazio per collezioni </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>e-only: transizione verso il digitale </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>investimenti per l’innovazione/riallocazione fondi </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>‘ giustificare’ la conservazione del cartaceo </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>restrizioni finanziarie </li></ul></ul></ul>European University Institute Library
  5. 5. Bibliometrica <ul><li>Valutazione delle collezioni e del loro uso come strumento di gestione </li></ul><ul><ul><ul><li>Gli studi Donald J. Urquhart (UK, 1950-60)): analisi statistica e probabilità applicata alla gestione delle collezioni </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>La regola 80/20 di R. L. Trueswell (USA, fine anni ‘60) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Rapporto Atkinson (UK, 1976): self renewing library (sulla gestione e lo sviluppo degli spazi per le collezioni); </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>valutazioni ridondanza (studi progetti digitalizzazione) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>studi aggregazione domanda/offerta (ILL/circulation) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>statistiche produzione libraria e acquisizioni biblioteche </li></ul></ul></ul>European University Institute Library
  6. 6. Soluzioni cooperative <ul><ul><ul><li>Rilancio dei depositi condivisi/ digitalizzazione massiva </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Modelli centralizzati : </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>la cura delle collezioni affidata ad un deposito gestito in cooperazione </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Modelli distribuiti : </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>ciascuna biblioteca assicura la copertura/ conservazione di soggetti/titoli secondo piani concordati </li></ul></ul></ul>European University Institute Library
  7. 7. Depositories and/or repositories <ul><li>Proprietà delle collezioni </li></ul><ul><li>a) rimane alle singole biblioteche ( collocazione separata) </li></ul><ul><li>b) viene trasferita al deposito </li></ul><ul><li>Depository </li></ul><ul><li>Condivisione del magazzino </li></ul><ul><li>Repository (last copy repository) </li></ul><ul><li>- condivisione delle raccolte </li></ul><ul><li>- la selezione cooperativa in una certa area/gruppo, deduplicazione </li></ul><ul><li>- completamento delle racolte (lacune ecc.), integrando anche con acquisti </li></ul><ul><li>- condivisione della proprietà / trasferimento della proprietà al deposito </li></ul><ul><li>- conservazione a lungo termine </li></ul>European University Institute Library
  8. 8. FUNZIONI REPOSITORY ACQUISIZIONE INTEGRAZIONE CONSERVAZIONE ILL/EDD SELEZIONE DEDUPLICAZIONE CAT European University Institute Library
  9. 9. Depositi cooperativi <ul><li>Caratteristiche e servizi : </li></ul><ul><li>Ambiente a norma per la conservazione materiale bibliografico </li></ul><ul><li>Attrezzatura adatta per l’immagazzinamento intensivo e robottizzato . </li></ul><ul><li>Accessionamento e collocazione </li></ul><ul><li>Pulizia e conservazione (alcuni con laboratorio) </li></ul><ul><li>Servizio di trasporto documenti tra le biblioteche </li></ul><ul><li>ILL - electronic delivery </li></ul><ul><li>Accesso sul posto agli utenti per casi speciali </li></ul><ul><li>Catalogo </li></ul><ul><li>Acquisto cooperativo per completare aggiornare le collezioni </li></ul><ul><li>Gestione diretta o in outsourcing </li></ul>European University Institute Library
  10. 10. Finlandia <ul><li>National Repository of Finland Library (FRL). </li></ul><ul><li>Costi a carico dell’Amm. Centrale: 1,3 M Euro anno </li></ul><ul><li>Trasferimento: secondo il mod. self renewing (crescita zero, metà scarto locale) </li></ul><ul><li>Proprietà trasferita al deposito </li></ul><ul><li>Crescita: 4-7 kml annui </li></ul><ul><li>Ricevuti 80 km di vol. in 13 anni, 48 km dopo deduplicazione. </li></ul><ul><li>Capacità: 15,5 ml x mq (uno dei più efficienti) </li></ul><ul><li>Sezione robotizzata : scaffali 14mh </li></ul><ul><li>Catalogo </li></ul><ul><li>Integrato nella rete nazionale (ILL ecc.) </li></ul>European University Institute Library
  11. 11. Australia <ul><ul><ul><li>CARM (consorzio CAVAL, biblioteche universitarie) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>dal 1997:2 ml di vol, copie meno usate e last copies </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>patrimonio alle biblioteche e/o trasferito al centro </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>servizio ILL/EDD, laboratorio restauro ecc. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>costruito con capitale biblioteche, proprietarie quota parte </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>le biblioteche che non proprietarie pagano per volume </li></ul></ul></ul>European University Institute Library
  12. 12. Francia <ul><li>Modello centralizzato </li></ul><ul><li>Basato sul CTLes (Centro Tecnico per il Libro dell’Educazione Superiore), dal 1994 </li></ul><ul><li>Missione a livello nazionale: collezione storico-scientifiche, università </li></ul><ul><li>Ente indipendente, condivide sito e alcuni servizi con BF </li></ul><ul><li>Costi op. 750.000 Euro a. </li></ul><ul><li>Capacità:80 kml (3M v.); crescita 5000 ml annui </li></ul><ul><li>50 % dei vol. proprietà delle biblioteche, l’altro 50 % trasferiti con donazione; 58 % formato da periodici </li></ul><ul><li>Collezioni catalogate in rete </li></ul><ul><li>Servizio ILL </li></ul>European University Institute Library
  13. 13. Francia (cont.) <ul><li>Modello distribuito </li></ul><ul><li>Conservazione pubblicazione regionali </li></ul><ul><li>Il caso più interessate: la Borgogna </li></ul><ul><li>Accordo: le biblioteche acquistano 2 copie di un certo soggetto/disciplina; una a disposizione del pubblico, una considerata copia di archivio </li></ul><ul><li>Modello conservazione periodici </li></ul><ul><li>cooperazione finanziata da stato e regioni, coordinate dalle SRL (strutture regionali) dalla federazione nazionale del mestiere del libro (FFFCB) </li></ul><ul><li>Centri di conservazione: biblioteche che assumono la funzione di conservare un certo titolo e mantenere l’abbonamento cartaceo corrente </li></ul><ul><li>Biblioteca membro: si impegna a non scartare le proprie collezioni senza aver sentito prima il centro responsabile per quel titolo </li></ul><ul><li>Stesso schema applicato alla conservazione di collezioni speciali, ad esempio la letteratura per ragazzi </li></ul>European University Institute Library
  14. 14. Modelli della transizione <ul><li>CASS, Scozia </li></ul><ul><li>Progetto pilota, 6 università: Staff e locali della Bibl. Nazionale, finanziamento dal centro </li></ul><ul><li>Prima fase: proprietà divisa, non deduplicazione </li></ul><ul><li>Principalmente periodici </li></ul><ul><li>Catalogo CASS in rete </li></ul><ul><li>Trasporto, prestito, e- delivery, servizio in 24h </li></ul><ul><li>Disponibili 6000 ml con possibilità di crescita fino a 12.000 </li></ul><ul><li>Finanziamento: contributo dal centro, le biblioteche pagano per ml di spazio prenotato + altri costi (trasporto ecc.) </li></ul><ul><li>Futuro: modello condivisione collezioni e licenze, conservazione a lungo termine carta e digitale </li></ul>European University Institute Library
  15. 15. GRECIA <ul><ul><ul><li>Il caso della Grecia </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Contratto e-only periodici a tutte le università consorziate </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Una solo copia cartacea per uso archivio </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Depositato in una biblioteca di Atene </li></ul></ul></ul>European University Institute Library
  16. 16. Sull’Arno d’argento Scenario puramente immaginario <ul><ul><ul><li>Sviluppo deposito biblioteche SDIAF </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>-50 biblioteche: 6 ml v. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>-40-50 % pubblicazioni post 1966- </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>-trasferibili 2.400.000 v. (pari al 40%) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>-deduplicazione 700.000 v.(30%) =1.700.000 </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>-deposito: capienza 2.500.000 (83 km lineari) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>-inizio: trasferiti 1.700.000 v. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>-trasferimento annuo: 50.000 v. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>- previsti 16 anni di crescita - </li></ul></ul></ul>
  17. 17. Sull’Arno d’argento 2 <ul><ul><ul><li>impatto spazi biblioteche: inizio, riduzione tot. 80 km l.scaff. (superficie 9.000-10.000 mq) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>trasferimento annuo:1600 ml scaff. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>conservazione differenziata (libro antico, pre-post 1966, ecc.) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>magazzino fuori zona inondazione </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>maggiore sicurezza e cura delle collezioni </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>migliore utilizzazione spazi biblioteche </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>costi iniziali: impianto, deselezione / aggiornamento cataloghi trasferimento raccolte </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>costi gestione: manutenzione impianto, sicurezza e custodia, servizi, amministrazione/gestione </li></ul></ul></ul>European University Institute Library
  18. 18. Sull’Arno d’argento 3 <ul><ul><ul><li>Associazione/consorzio </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Enti fondatori: Regione, Provincia; comuni, biblioteche </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>bilancio corrente: quote partners (biblioteche/archivi) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Bilancio: Regione - enti locali; biblioteche e organizzazioni aderenti secondo quota annuale in base all’uso del deposito; </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>sinergie con ‘piano nazionale conservazione’ - deposito legale </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>studio di fattibilità, progetto pilota </li></ul></ul></ul>European University Institute Library
  19. 19. <ul><ul><ul><li>F I N E </li></ul></ul></ul>

×