Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
I SETT PARAO-L                     LE SETTE PAROLESott a craoc gnaora gnaora,        Sotto la croce nera nera,Ca gia u fec...
Viet a tae! Viet a tae!          Beato te! Beato te,Ca t k-p chessa sort».           che hai scelto questa sorte».U nzulta...
A CRAO-C                                 LA CROCECrao-c gnaor, crao-c d d-lao-r,          Croce nera, croce di dolore,adda...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Poesie pasquali in dialetto nojano

1,047 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Poesie pasquali in dialetto nojano

  1. 1. I SETT PARAO-L LE SETTE PAROLESott a craoc gnaora gnaora, Sotto la croce nera nera,Ca gia u fec-r cr-c-fiss, che gia l‘avevano crocifisso,staev a Mamm du S-gnaor, stava la Mamma del Signore,saop a craoc iuocchie fiss. sulla croce gli occhi fissi.Tutti spein ng k-nda-v-n, Tutte le spine gli contava,tutti li-v-t di carn. tutti i lividi della carne.Ma cé paen ca pr-v~v! Ma che pena che provava!Sett sp-d trapassorn Sette spade passaronojind o piett, jind o caor. nel petto, nel cuore.Nan s maor d d-lao-r! Non si muore di dolore!Sett forn pao i paraol Sette furono poi le paroleCa da craoc saop a terr che dalla croce sulla terraasc-nnern assaol assaol scesero sole solep st-t-ie ogne guerr. per spegnere ogni guerra.«Padr, p-rduo-n chessa gent, «Padre, perdona questa gente,nan s-p cé ià ca f-c. non sa quello che fa.Famm m-rè k-ndent, Fammi morire contento.Ié tu cerk: “Dang a p-c”». Io telo chiedo: ‘Da’ loro la Pace! “».Cheda fe-m-n-, nu m-schidd, Quella donna, un moscerino,tutta quant arr-gg-ghiet, tutta quanta rattrappita,à v-dae-v asc-chitt Jidd la vedeva solo Luica già stae-v senza fie-t. che già stava senza fiato.M-n e piet acchia-m-nd-v Mani e piedi Lei guardavada na centr spra-gg-ll-t, da un chiodo squarciati,kssi l’alm s s-ndae-v così l’anima sentivanzie-m o Fìgghie già nghia-v-t. insieme ai Figlio inchiodata.Sein, u Figghie, u tr-sao-r! Si, il Figlio, il tesoro!Nan s maor d d- laor! Non si muore di dolore!Staev d peur Giuann, C’era li pure Giovanni,u chiù k-r d iameic. il più caro degli amici.A Marè ngiu rakkmann, A Maria lo raccomanda,ed a jid pao ce deic? e a lui poi che dice?«Caom a mamm t’à k-nzegn. «Come madre te la consegno.Quann iè nan ngi sta chieù, Quando io non ci sarò piùteu si l’u-n-k chiù degn, tu sei l’unico più degno,ngia p-nz’ asc-chitt teu». ci devi pensare solo tu».Di du ladr k-ndann-t Dei due ladri condannatiieun a ualt diss: «Citt! uno all’altro disse: «Taci!Neu e deu mà sbagl-t». Noi due abbiamo sbagliato».E u S-gnaor b-n-ditt: E il Signore benedetto:«Iaoscie stess, azzikk a mae, «Oggi stesso, vicino a me,Mbaraveis iè t p-r-t.. in Paradiso io ti porto.
  2. 2. Viet a tae! Viet a tae! Beato te! Beato te,Ca t k-p chessa sort». che hai scelto questa sorte».U nzulta -v–n i sol-d-t, Lo insultavano i soldati,fort ngie-l d-lam-b-v. forte in cielo lampeggiava.«Mio Dè, p-ccé m’à ban-d-n-t?» «Mio Dio, perche m’hai abbandonato?».Na capern c chia-m-v... Non capirono chi chiamava.Seul seul saop a craoc. Solo solo sulla croce.Tutt atturn iassassein. Tutti intorno gli assassini.Iedd asc-chitt dae-v vaoc Lei soltanto dava vocee v-lae-v scè v-cein. e voleva andargli vicino.«Baen mè, Figghie d’amaor! «Bene mio, Figlio d’amore! Nan s maor d d-laor!». Non si muore di dolore!».Pao da morta a sarseu-r, Poi della morte l’arsura,«Tengh sekk! Vogghie baev!>. «Ho sete! Voglio bere!».St’ u tiemb tutt ascheur: Sta it tempo tutto oscuro:fae-l e aceit ng p-rscea-v fiele e aceto gli porgevanu gendarm senza cao-r. un gendarme senza cuore.Nan s maor d d-laor! Non si muore di dolore!E’ ca-l-t l’ombr- da saer, E’calata l’ombra della sera,a m-ntagn s’è spakk-t. la montagna si è spaccata.«Cuss Dè iaer addavae-r! «Costui era Dio davvero!Cè m fatt, d-sgrazie-t?». Che abbiamo fatto, disgraziati? ».E’ f-rneut u pa - t ment, E’ finito il patimento,s’avvcein orm’ a mort, si avvicina ormai la morte,ma n-sceun chieù u sta sent ma nessuno più lo sta a sentiree s chiang a propria sort. e si piange solo la sua sorte.«E m-n tao stoggh, Padr!», «Nelle tue mani sono, Padre!»,diss. L’ul-t-m s-speir disse. L’ultimo respiro s p-rdaev mienz e ladr. si perdeva in mezzo ai ladri.E a Mamm su sta meir... E la Madre se lo guarda...«Na m-na trist u fiaor «Una mano malvagia il fioreuè sca-pp-t ca gramegn. lo ha strappato con l’erbaccia.Figghie bell! Figghie d’aor! Figlio bello! Figlio d’oro!Cr-c-fiss saop o legn! Crocifisso sudi un legno!Sett sp-t jjnd o caor, Sette spade nel cuore,nan s maor d d-laor!>. non si muore di dolore!».Ekk l’ultma paraol: Ecco l’ultima parola:«Conzu-m-t! E f-r-neut!». «Consumato! E finita!».E a k-p ca nan daol E il capo che non duolesaop o piett è cadeu-t. sul petto è caduto.Ià na nott d pagheur, E una notte di paure,tutt u munn nsangue-n--t... tutto il mondo insanguinato...A Madonn, d s-cheur, La Madonna, di sicuro,pao cu chiant uè la-v-t. poi col pianto l’ha lavato.
  3. 3. A CRAO-C LA CROCECrao-c gnaor, crao-c d d-lao-r, Croce nera, croce di dolore,addao-v fao nghia-v-t u S-gnao-r, dove fu inchiodato il Signore,pass chi M-stae-r da Passiao-n passi con i Misteri della Passioneda veit e da mort a prgg-ssiao-n. della vita e della morte in processione.Gesù Ca dei-c o Patrtern Dé: qesù che dice al Padre eterno iddio:«Iè tropp a-m-r cuss d-stei-n mé! «E troppo amaro questo destino mio!Aiu-t-m, na m scé pr-vann. Aiutami, non mi provare.Ma u sacc: asc-chitt Teu k-mmanm». Ma lo so: solo Tu puoi comandare».I ameic costrett all’aor di palm Gli amici intimi nell’ora delle palmealla pagheu-r s nga-nn-n l’alm. per la paura s ingannano l’anima.E m-n di g-dae abban-d-n-t, Nelle mani dei giudei abbandonato,i carn vei-v sott e ma-zz-t. nella viva carne flagellato.E alla k-p tra sangh e s-dao-r E al capo tra sangue e sudoreacheut acheut di spei-n d-d lao-r. acuto acuto delle spine il dolore.A str-d du Calvàrie ià d nghia-n-t, La strada del Calvario è in salita,nu pass rae-t a ualt, ca i sol-d-t un passo dopo l’altro, ché i soldatica frust nd-mesc-n: «Va’ nant!». con la frusta intimano: «Va’ avanti! »Senza k-mbassiao-n tutt quant Senza compassione tutti quantiacchiamend-n e pen-z-n e fatt iao-r guardano e pensano ai fatti lorofinché nan arrei-v chedda terz’ao-r, finché non arriva quella terz’ora,a l’ult-m ao-r, lao-r da l-c-nzie-t. l’ultima ora, l’ora della licenziata.Chiang-n a Matalae-n e a Ndolo-r-t. Piangono la Maddalena e l’Addolorata.Crao-c gnao-r, crao-c d d-lao-r, Croce nera, croce di dolore,addao-v fao nghia-v-t u S-gnao-r, dove fu inchiodato il Signore,pass teu e s’achieud a prgg-ssiao-n... passi tu e si chiude la processione...D leu-m e d Iangiue na k-rao-n Di lumi e di Angeli una coronaca Glorie deic: «Navenn pagheu-r! con il Gloria dice: «Non aver paura!Jind e m-n d Dé staem o s-cheu-r». Nelle mani di Dio stiamo al sicuro».

×