Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Introduzione corso editing e scritture editoriali

129 views

Published on

Introduzione al corso semestrale laurea informatica umanistica Università di Pisa in Editing e scritture editoriali 2017

Published in: Education
  • DOWNLOAD FULL BOOKS, INTO AVAILABLE FORMAT ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. doc Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. doc Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks ......................................................................................................................... Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult,
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

Introduzione corso editing e scritture editoriali

  1. 1. Nicoletta Salvatori - Editing e scrittura professionale Introduzione Viaggio tra diverse professionalità 
 legate all’editoria Informatica Umanistica - Laurea Magistrale - 6 crediti http://polo4.elearning.unipi.it/course/view.php?id=789
  2. 2. Perché faccio questo corso e perché credo sia utile seguirlo Simon Sinek, etnografo e docente di comunicazione strategica ha scritto “Start with Why”. Perché dopo 35 anni di esperienza nell’editoria cartacea e digitale, dopo averne vissute molte fasi compreso l’attuale crisi epocale penso che ancora qui possa giocarsi una sfida e che io possa dare qualcosa, un contributo per aiutare voi a reinventare questo settore se sarete abbastanza “folli e determinati” da tentare l’avventura. http://www.ted.com/talks/simon_sinek_how_great_leaders_inspire_action#t-235546
  3. 3. Perché faccio questo corso e perché credo sia utile seguirlo Simon Sinek, etnografo e docente di comunicazione strategica ha scritto “Start with Why”. Perché dopo 35 anni di esperienza nell’editoria cartacea e digitale, dopo averne vissute molte fasi compreso l’attuale crisi epocale penso che ancora qui possa giocarsi una sfida e che io possa dare qualcosa, un contributo per aiutare voi a reinventare questo settore se sarete abbastanza “folli e determinati” da tentare l’avventura. http://www.ted.com/talks/simon_sinek_how_great_leaders_inspire_action#t-235546
  4. 4. Perché faccio questo corso e perché credo sia utile seguirlo Simon Sinek, etnografo e docente di comunicazione strategica ha scritto “Start with Why”. Perché dopo 35 anni di esperienza nell’editoria cartacea e digitale, dopo averne vissute molte fasi compreso l’attuale crisi epocale penso che ancora qui possa giocarsi una sfida e che io possa dare qualcosa, un contributo per aiutare voi a reinventare questo settore se sarete abbastanza “folli e determinati” da tentare l’avventura. http://www.ted.com/talks/simon_sinek_how_great_leaders_inspire_action#t-235546 L’editoria è morta? La carta è finita? Le App sono un insuccesso? Gli ebook non decollano?… Capire il passato e soprattutto il presente può servire a cambiare il futuro
  5. 5. Comunicare oggi L’umanista informatico L’editoria è uno dei settori più fortemente influenzato , tartassato, trasformato dalla rivoluzione informatica Tutti i lavori che hanno a che fare con l’editoria oggi hanno anche a che fare con più o meno importanti competenze informatiche Editing, giornalismo, marketing editoriale, comunicazione strategica, sono oggi professioni in gran parte da reinventare ma per reinventarle bisogna conoscerle Ogni forma di comunicazione oggi veicola i propri contenuti attraverso di una pluralità di canali usando linguaggi diversi. Chi si occupa di editoria oggi ha a che fare con prodotti multimediali.
  6. 6. Innovation Innovation March 24, 2014 Il media e il messaggio ❖ Utilizzare strumenti innovativi con linguaggi tradizionali è il peccato mortale della comunicazione ❖ Credere che la tecnologia basti a se stessa senza contenuti è un altro errore inappellabile ❖ Non basta un tablet per fare un ebook, non basta creare un sito internet per fare il NYT on line edition, non basta un pdf per fare una digital edition…
  7. 7. Innovation Innovation March 24, 2014 Il media e il messaggio ❖ Utilizzare strumenti innovativi con linguaggi tradizionali è il peccato mortale della comunicazione ❖ Credere che la tecnologia basti a se stessa senza contenuti è un altro errore inappellabile ❖ Non basta un tablet per fare un ebook, non basta creare un sito internet per fare il NYT on line edition, non basta un pdf per fare una digital edition…
  8. 8. Tutto è più difficile - straordinariamente difficile Cambiare paradigma La cultura non è inutile La curiosità non è un’optional Non tutto si trova su Google Il nostro compito non è solo quello di aggiungere contenuti dentro scatole preparate da altri ma di favorire una evoluzione integrata ed efficace tra due mondi
  9. 9. How? - multitasking Lui poteva scrivere il suo articolo e lasciarlo al caposervizio in redazione c’erano 
 i correttori, 
 i redattori, 
 i grafici, gli impaginatori …
  10. 10. How? - multitasking Lui poteva scrivere il suo articolo e lasciarlo al caposervizio in redazione c’erano 
 i correttori, 
 i redattori, 
 i grafici, gli impaginatori … oggi ci siete solo voi
  11. 11. Troppe cose insieme? Tuttofare ma… specializzati Oggi il mondo del lavoro, in particolare l’editoria richiede contemporaneamente competenza e flessibilità. La sopravvivenza dei mestieri legati alla scrittura e al giornalismo, è profondamente legata alla capacità di rinnovarsi e di adattarsi alla tecnologia e ai nuovi metodi di lavoro da essa imposti. Nascono nuove professionalità che un tempo non esistevano quali il “Social Media Editor” o il “Data Journalist” Nelle piccole o medie redazioni/agenzie di comunicazione tutti operano su più fronti Servono i requisiti di sempre: curiosità, intuito,capacità di cogliere e raccontare, buona scrittura. Il tutto integrato con l’uso delle tecnologie. Nelle redazioni c’è sicuramente bisogno di professionisti flessibili che siano a loro agio con i video, le immagini, la multimedialità e le varie strategie di comunicazione lavorare su più piattaforme lavorare senza protagonismo, lavorare su/per testi di altri
  12. 12. Troppe cose insieme? Tuttofare ma… specializzati Oggi il mondo del lavoro, in particolare l’editoria richiede contemporaneamente competenza e flessibilità. La sopravvivenza dei mestieri legati alla scrittura e al giornalismo, è profondamente legata alla capacità di rinnovarsi e di adattarsi alla tecnologia e ai nuovi metodi di lavoro da essa imposti. Nascono nuove professionalità che un tempo non esistevano quali il “Social Media Editor” o il “Data Journalist” Nelle piccole o medie redazioni/agenzie di comunicazione tutti operano su più fronti Servono i requisiti di sempre: curiosità, intuito,capacità di cogliere e raccontare, buona scrittura. Il tutto integrato con l’uso delle tecnologie. Nelle redazioni c’è sicuramente bisogno di professionisti flessibili che siano a loro agio con i video, le immagini, la multimedialità e le varie strategie di comunicazione lavorare su più piattaforme lavorare senza protagonismo, lavorare su/per testi di altri L’arca di Noè è stata fatta da dilettanti, il Titanic da professionisti. Non abbiate paura di provarci!
  13. 13. Perché ne parliamo? Dall’editing 
 al content marketing ❖ Gestire e produrre contenuti significativi per la narrazione di un brand, di un prodotto, di una azienda è diventato uno degli sbocchi più interessanti delle digital humanities. ❖ I professionisti del marketing sono sempre stati cantastorie sfruttando spot televisivi, pubblicità, riviste o libri per spingere i loro messaggi. ❖ Oggi però ci sono molte più possibilità di coinvolgere 
 i consumatori/utilizzatori: ci sono più media, più opportunità e minore necessità di intermediari ❖ Il digitale ha cambiato le regole del gioco, i contenuti sono diventati liquidi, la diffusione capillare, multimediale, geo-referenziata, personalizzata. La definizione del 
 Content Marketing Institute: 
 Content marketing 
 is a strategic marketing approach 
 focused on creating 
 and distributing valuable, relevant and consistent content to attract 
 and retain a clearly-defined audience and, ultimately to drive profitable customer action http://contentmarketinginstitute.com/
  14. 14. Perché ne parliamo? Dall’editing 
 al content marketing ❖ Gestire e produrre contenuti significativi per la narrazione di un brand, di un prodotto, di una azienda è diventato uno degli sbocchi più interessanti delle digital humanities. ❖ I professionisti del marketing sono sempre stati cantastorie sfruttando spot televisivi, pubblicità, riviste o libri per spingere i loro messaggi. ❖ Oggi però ci sono molte più possibilità di coinvolgere 
 i consumatori/utilizzatori: ci sono più media, più opportunità e minore necessità di intermediari ❖ Il digitale ha cambiato le regole del gioco, i contenuti sono diventati liquidi, la diffusione capillare, multimediale, geo-referenziata, personalizzata. La definizione del 
 Content Marketing Institute: 
 Content marketing 
 is a strategic marketing approach 
 focused on creating 
 and distributing valuable, relevant and consistent content to attract 
 and retain a clearly-defined audience and, ultimately to drive profitable customer action http://contentmarketinginstitute.com/ “Per anni gli umanisti sono stati considerati 
 poco utili al mondo dell’impresa così come
 i contenuti sono stati ritenuti meno 
 importanti della forma, 
 ma ora le cosa vanno diversamente”. (L. Conti - C. Carriero 
 Content Marketing - Hoepli 2016)
  15. 15. Do or do not, there is no try - Yoda What ovvero
 le mani in pasta collaborare con le case editrici e i mass media. Le lezioni puntano ad una preparazione pratica alla cura di prodotti editoriali cartacei e digitali, e alla analisi critica e comprensione dei linguaggi dei diversi media. Alla fine si potrà: ❖ editare un libro ❖ progettare un prodotto editoriale, ❖ saper scrivere per una testata on line, ❖ realizzare un ebook, ❖ scrivere e organizzare una newsletter, un sito, una scheda libraia, un comunicato stampa, una recensione ❖ orizzontarsi nel mondo degli uffici stampa, del copy writing e del web marketing ❖ realizzare la presentazione di un progetto
  16. 16. Do or do not, there is no try - Yoda What ovvero
 le mani in pasta collaborare con le case editrici e i mass media. Le lezioni puntano ad una preparazione pratica alla cura di prodotti editoriali cartacei e digitali, e alla analisi critica e comprensione dei linguaggi dei diversi media. Alla fine si potrà: ❖ editare un libro ❖ progettare un prodotto editoriale, ❖ saper scrivere per una testata on line, ❖ realizzare un ebook, ❖ scrivere e organizzare una newsletter, un sito, una scheda libraia, un comunicato stampa, una recensione ❖ orizzontarsi nel mondo degli uffici stampa, del copy writing e del web marketing ❖ realizzare la presentazione di un progetto Cosa c’è sotto? compiti in itinere una frequenza caldamente consigliata un progetto finale da portare all’esame e tutto per soli 6 crediti John McIntyre (Loyola University Maryland): discorso di “avvertimento” agli studenti di editing.
  17. 17. Un corso in due parti ❖ La prima parte del corso sarà dedicata all’editing, all’analisi del testo letterario e alla cura redazionale e svilupperà anche nozioni legate all’editoria tradizionale (grafica e struttura di un libro) e digitale (realizzazione di un ebook). Terminerà con una prova in itinere (analisi di un testo letterario particolarmente “tosto” ma di piacevole lettura!) ❖ La seconda parte spazierà in alcuni settori collaterali del mondo editoriale (il marketing, l’ufficio stampa, il sito/catalogo, la newsletter eccetera..) e contemplerà lo svolgimento di alcuni compiti specifici.
  18. 18. Esame e prove in itinere Il progetto finale L'esame consisterà nella discussione di un progetto di tipo editoriale 
 concordato con il docente Durante la discussione verranno toccati i temi discussi durante le lezioni messi direttamente a confronto con le scelte operate dallo studente nel realizzare il suo progetto. 
 I progetti possono essere anche realizzati in gruppo (max 3 parsone) Devono essere consegnati almeno una settimana prima dell’appello. Testi d’esame: sono le slide, dispense e appunti presi a lezione, eventuali approfondimenti sono segnalati o consigliati nelle slide messe a disposizione. LA PROVA IN ITINERE 
 e compiti vanno fatti e consegnati 
 per accedere all’esame
  19. 19. Per concludere Quello che porterete nel mondo nel lavoro non coincide, 
 (non l’ha mai fatto), con il bagaglio conoscitivo 
 legato a conoscenze tradizionali acquisite una volta 
 per tutte nella scuola e nell'università e applicate 
 in modo standard. Hanno assunto sempre più importanza le "competenze": la capacità di mobilitare in maniera integrata risorse interne ed esterne, far fronte in modo efficace a situazioni spesso inedite. Sempre più importanti sono l'esercizio del pensiero critico, l'attitudine a risolvere i problemi, la creatività, la disponibilità nei confronti dell'innovazione, la capacità di comunicare in modo efficace, l'apertura alla collaborazione. Serve più cultura nel senso più largo del termine - perché non esiste nessuna barriera tra la cultura “umanistica" e “tecnico-scientifica" - su cui investire tempo, sforzi, curiosità, ricerca… Ed è un compito tutto vostro. http://www.repubblica.it/cultura/2016/11/16/news/cultura_mangiare-152119427/
  20. 20. Per concludere Quello che porterete nel mondo nel lavoro non coincide, 
 (non l’ha mai fatto), con il bagaglio conoscitivo 
 legato a conoscenze tradizionali acquisite una volta 
 per tutte nella scuola e nell'università e applicate 
 in modo standard. Hanno assunto sempre più importanza le "competenze": la capacità di mobilitare in maniera integrata risorse interne ed esterne, far fronte in modo efficace a situazioni spesso inedite. Sempre più importanti sono l'esercizio del pensiero critico, l'attitudine a risolvere i problemi, la creatività, la disponibilità nei confronti dell'innovazione, la capacità di comunicare in modo efficace, l'apertura alla collaborazione. Serve più cultura nel senso più largo del termine - perché non esiste nessuna barriera tra la cultura “umanistica" e “tecnico-scientifica" - su cui investire tempo, sforzi, curiosità, ricerca… Ed è un compito tutto vostro. http://www.repubblica.it/cultura/2016/11/16/news/cultura_mangiare-152119427/ "An investment in knowledge pays the best interest” Benjamin Franklin

×