Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Feindstrafrecht come chiave di lettura per il diritto penale dei migranti? (Immigration law as Enemy Criminal Law?)

398 views

Published on

Il diritto penale dei migranti si presta ad una lettura (provocatoria) secondo la teoria del diritto penale del nemico.

Published in: Law
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Feindstrafrecht come chiave di lettura per il diritto penale dei migranti? (Immigration law as Enemy Criminal Law?)

  1. 1. Feindstrafrecht come chiave di lettura per il diritto dei migranti? Avv. Nicola Canestrini “Immigrazione e poteri criminali. Il diritto ai confini dell’Europa” UNITN, 23 febbraio 2016
  2. 2. “Feindstrafrecht” autore nemico sicurezza limitazione diritti fondamentali neutralizzazione
  3. 3. “Feindstrafrecht” valore simbolico afflittività reale
  4. 4. … new kind of social defence going beyond the established order of liberal constitutionality. The exercise of power and force is legitimized through security, thus hiding its violent character, as the expulsion and elimination of the enemy should take place in the name of protecting the life of the people. Susan Krassmann
  5. 5. «l'intreccio tra i diversi rami dell'ordinamento - penale e amministrativo – e la contaminazione, o svilimento dei rispettivi principi; la politicità della materia ..., ossia quella pertinenza al potere esecutivo che si traduce nella centralità del ruolo dell'autorità di polizia e nella conseguente amministrativizzazione dei diritti fondamentali del migrante; la sterilizzazione dell'intervento della giurisdizione e la drastica semplificazione delle procedure» determinano «i profili del diritto speciale dei migranti ...(e) ricalcano, per tratti significativi, la fisionomia della condizione dello straniero disegnata dalla legge di polizia del 1931» (Caputo, 2004) diritto speciale dei migranti
  6. 6. il mito del selvaggio cattivo
  7. 7. “Rispetto all'irrazionale paura collettiva, nulla ha maggiore capacità di aggregazione (a buon mercato; e con il rischio di un populismo a sua volta aggregante) della minaccia di repressione penale: una risposta esemplare (tolleranza zero e risposte forti); simbolica (le leggi manifesto anche prescindendo dalla verifica dell'esistente normativo, magari mai attuato); emotiva (la repressione proclamata al di là e indipendentemente da ogni effettività di tutela). Fino ad arrivare ad elaborare un «diritto penale del nemico» che sostituisce il suo oggetto; quest'ultimo, in realtà, non è più il nemico, ma è l'emarginato sociale, l'escluso, lo straniero, il non cittadino in quanto tale, secondo categorie antropologiche che - eccentriche rispetto alla finalità (il "nemico", appunto) - risultano assai utili per esportare il conflitto sociale, individuando un soggetto esterno e così sublimando paura ed insicurezza sociale G.M. Flick, 2008.
  8. 8. “.. comportamenti pregressi dei soggetti non possono giustificare normative penali che attribuiscano rilevanza – indipendentemente dalla necessità di salvaguardare altri interessi di rilievo costituzionale – ad una qualità personale e la trasformino, con la norma considerata discriminatoria, in un vero “segno distintivo” delle persone rientranti in una data categoria, da trattare in modo speciale e differenziato rispetto a tutti gli altri cittadini” (Corte Cost. 249/2010) aggravante clandestinità
  9. 9. “.. il reato (di clandestinità) non serve e intasa i Tribunali, ma è anche vero che c'è una percezione di insicurezza per cui questo percorso di cambiamento delle regole lo faremo tutti insieme senza fretta”
  10. 10. “Or l’Etat de droit, est un équilibre fragile entre respect des droits fondamentaux et sauvegarde de l’ordre public, équilibre protégé et contrôlé par des garanties juridictionnelles. L’état d’urgence lui, a pour objet d’autoriser ce que l’Etat de droit interdit.”
  11. 11. “menace pour les libertés fondamentales” leggi sulla sicurezza? potenziamento strutture anti- terrorismo? stato di emergenza?limitazione dell’informazione?
  12. 12. tortura sequestri di persona detenzioni “amministrative” assenza controllo giurisdizionale “menace pour les libertés fondamentales” leggi speciali
  13. 13. de minimis dibattito pubblico (e parlamentare) applicazione temporanea (ma .. il temporaneo diventa permanente) obligo di rendicontazione alle autorità democratiche controllo giurisdizionale effettivo (presuppone difesa effettiva) considerare la permeabilitàdei sottosistemi
  14. 14. "Those who would give up essential Liberty, to purchase a little temporary Safety, deserve neither Liberty nor Safety." Benjamin Franklin, 1755

×