Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Tempa Rossa. Dieni (M5S): «Il Governo accusa la Regione Calabria»

356 views

Published on

Catanzaro. “Su Tempa Rossa il ministro dell’Ambente Gian Luca Galletti individua precise responsabilità in capo alla Regione Calabria e tutto questo non può che ridestare serie preoccupazioni sulla natura della tutela dell’ambiente nella nostra terra” con queste parole la deputata del Movimento 5 Stelle Federica Dieni commenta la risposta alla sua interrogazione sul filone di Tempa Rossa relativo al territorio calabrese.
“Il ministro Galletti nella sua risposta alla mia interrogazione evidenzia in modo chiaro le responsabilità delle amministrazioni territoriali, anzitutto relativamente alla ‘autorizzazioni’, ma anche ‘al controllo delle attività di gestione di rifiuti, ivi compreso anche l’accertamento delle violazione di cui alla parte quarta del d.lgs n. 152 del 2006’, ossia quella relativa alle norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati, che spetta ‘alle Province o alle Regioni alle quali tali poteri potrebbero essere stati trasferiti a seguito della riforma’. Quindi, se c’è stata omissione nei controlli, è responsabilità della Provincia di Reggio Calabria, ormai giunta al capolinea della sua esistenza, mentre per ciò che attiene alle mancate ‘prescrizioni tecniche tese a prevenire possibili inquinamenti di altri sistemi idrici ed ecosistemi’ la colpa è della Regione. Confido che almeno la supplementare azione del Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri per la prevenzione e minimizzazione degli eventuali impatti, garantita dal ministro nella sua risposta, possa servire ad accertare l’eventuale presenza di danni all’ambiente e alle persone, visto che, a quanto dimostra la triste esperienza di Tempa Rossa in Calabria, dei vertici delle nostre amministrazioni territoriali davvero non c’è da fidarsi”.

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Tempa Rossa. Dieni (M5S): «Il Governo accusa la Regione Calabria»

  1. 1. Il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare On. Dieni Federica On. Nesci Dalila On. Parentela Paolo Camera dei Deputati Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Rapporti con il Parlamento Ufficio III Segretariato Generale Camera dei Deputati Servizio Biblioteca Ufficio Banche Dati Parlamentari Camera dei Deputati Oggetto: Interrogazione parlamentare n. 4-12789 presentata dall’On. Dieni ed altri. Con riferimento all’interrogazione in oggetto, relativa agli illeciti nella gestione dei reflui petroliferi legati all’impianto estrattivo “Tempa Rossa”, si rappresenta quanto segue. Preliminarmente, si evidenzia che la competenza in materia di autorizzazione di impianti produttivi nonché di gestione dei rifiuti, è in carico alle Amministrazioni regionali per i casi di cui all’articolo 196, comma 1, lettere d) ed e) del d.lgs. n. 152 del 2006, e alla competente Direzione generale di valutazione di impatto ambientale del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nel caso di impianti di competenza statale ai sensi dell’articolo 7, comma 4-bis del citato Testo Unico ambientale. Inoltre, per quanto concerne il sistema di scarico nel sottosuolo, si fa presente che, ferma restando la competenza del Ministero dello sviluppo economico in materia di ricerca m_amte.GAB.REGISTRO UFFICIALE.USCITA.Prot.0013362.21-06-2016
  2. 2. e coltivazione di idrocarburi, lo scarico di tali acque può essere autorizzato, ai sensi dell’art. 104, comma 3, del d.lgs. n. 152 del 2006, recante la disciplina degli scarichi nel sottosuolo e nelle acque sotterranee, dalle Regioni nelle “unità geologiche profonde” da cui gli stessi idrocarburi sono stati estratti, ovvero in altre unità aventi le stesse caratteristiche. Le relative autorizzazioni sono rilasciate corredate delle necessarie prescrizioni tecniche tese a prevenire possibili inquinamenti di altri sistemi idrici ed ecosistemi. In merito alle attività di controllo è utile evidenziare, altresì, che ai sensi della normativa vigente in materia ambientale la competenza territoriale in ordine al controllo delle attività di gestione dei rifiuti, ivi compreso anche l’accertamento delle violazioni di cui alla parte quarta del d.lgs. n. 152 del 2006, spetta alla Province o alle Regioni alle quali tali poteri potrebbero essere stati trasferiti a seguito della riforma delle predette Province. Nell’ambito delle specifiche competenze, le Autorità locali sottopongono ad adeguati controlli periodici gli stabilimenti che smaltiscono rifiuti e, ai fini dell’esercizio di tali funzioni, possono avvalersi di organismi pubblici ivi incluse le Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente con specifiche esperienze e competenze in materia. Tanto premesso, con specifico riferimento allo sversamento dei rifiuti pericolosi denunciato dall’inchiesta “Tempa Rossa”, con particolare riguardo al filone calabrese della stessa, si fa presente che, ferme restando le indagini ancora in corso, la gestione illecita dei rifiuti sembrerebbe ascrivibile ad attività legate allo scarico nel sottosuolo di sostanze diverse dalle acque risultanti dall’estrazione di idrocarburi. In particolare, come riferito dal Ministero della Giustizia, in data 31 marzo 2016 sono stati eseguiti provvedimenti cautelari personali e reali da parte del G.I.P. Distrettuale di Potenza. I suddetti provvedimenti cautelari costituiscono l’esito di un approfondito e complesso percorso investigativo, le cui indagini traevano origine da una presunta attività di illecito smaltimento dei rifiuti liquidi prodotti dall’impianto petrolifero di proprietà ENI S.p.A. Ad ogni modo, si fa presente che ho richiesto al Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri (NOE) di fornire ogni possibile elemento utile per le conseguenti iniziative ministeriali di prevenzione e minimizzazione degli eventuali impatti anche potenziali nonché di contestazione, relativamente ai diversi profili della vicenda in argomento. A tale scopo, ferma restando ogni diversa competenza di carattere regionale o di altre istituzioni, sempre su mia iniziativa, è stato inoltre costituito uno specifico Gruppo di lavoro, a cui hanno partecipato il Comandante del Comando dei Carabinieri per la tutela
  3. 3. dell’ambiente, due rappresentanti dell’Ispra, e le competenti Direzioni generali del Ministero dell’ambiente. Tale Gruppo di lavoro ha già formulato delle proposte tecniche finalizzate anche a rafforzare le attività di controllo e monitoraggio. Si segnala inoltre che è in corso l’esame del provvedimento relativo all’istituzione del Sistema Nazionale per la protezione dell’ambiente, finalizzato ad armonizzare da un punto di vista qualitativo e quantitativo le attività delle agenzie sul territorio, nonché a realizzare un sistema integrato di controlli coordinati dall’Ispra. Le funzioni di indirizzo e di coordinamento tecnico dell’Ispra sono principalmente volte a rendere omogenee, attraverso norme tecniche vincolanti, le attività del Sistema Nazionale e a disciplinare i “livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali” (LEPTA). Si tratta di una riforma di cui si avverte una assoluta necessità, poiché appare opportuno ed urgente realizzare un coordinamento volto a garantire uniformità di valutazione e giudizio in tutto il Paese sulle delicate questioni ambientali. Per quanto di competenza, il Ministero continuerà a tenersi informato, nonché a svolgere un’attività di monitoraggio nei confronti dei soggetti territorialmente competenti. Gian Luca Galletti Firmato da Galletti Gian Luca

×