Unicas Social Network - Web 2.0 e nuovi media come risorse per la didattica

3,182 views

Published on

Il progetto Unicas Social Network vuole suggerire la rete Internet come “luogo” di continuazione e d’integrazione dell’attività didattica. In particolare, individua nelle applicazioni Web 2.0 esaminate gli strumenti in grado di contribuire alla realizzazione di quella “communitas” che si realizza attraverso la collaborazione e il confronto umano tra docenti e studenti. Un confronto basato sull’esercizio della creatività e dell’ingegno individuali e sulla condivisione del sapere.

Published in: Technology, Business
1 Comment
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
3,182
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
38
Actions
Shares
0
Downloads
46
Comments
1
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Unicas Social Network - Web 2.0 e nuovi media come risorse per la didattica

  1. 1. Università degli Studi di Cassino Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Lettere Moderne Unicas Social Network Web 2.0 e nuovi media come risorse per la didattica Anno Accademico 2006-2007 Relatore Chiar.mo Prof. Marco Fratoddi Candidato Christian Aletto Matr. 0001702
  2. 2. Unicas Social Network: un progetto nato da domande Perché? Per contribuire alla crescita della communitas docentium et studentium. Cos’è? È una piattaforma di social networking che impiega Internet e gli strumenti del Web 2.0 per la costruzione condivisa di significati. Come? Attraverso Blog Wiki Podcast
  3. 3. Non si può rinunciare a prendere coscienza del nesso che il particolare ha col tutto. E il tutto non è la somma algebrica di quello che noi sappiamo, ma un’altra cosa. Scoprire e riconoscere questo nesso è il lavoro più importante della vita, sia per chi siede dietro la cattedra sia per chi prende appunti seduto a un banco di Università. Questo lavoro non è solo imparare cose che dice un altro, ma imparare la propria stessa vita, attraverso la guida e la compagnia di un altro , più grande, che abbia già fatto dei passi. Fino a quando ci sarà la libertà di compiere questo lavoro, ci sarà anche l’Università. Card. Angelo Scola Patriarca di Venezia Universitas: communitas docentium et studentium comunità insegnare trasmettere docenti compagnia imparare studenti sapere l’origine universitas del sapere compagnia di ricerca rapporto tra maestro e allievo
  4. 4. Internet e Web 2.0: uno spazio universale di partecipazione e condivisione strumento di comunicazione tra la gente universalità del sapere conoscenza condivisa sinergia di forze cooperazione interazione creatività ricerca entrare in contatto gruppi di lavoro Tim Berners-Lee inventore del World Wide Web) Il Web è stato concepito per essere uno spazio universale d’informazione. Bisogna potersi collegare tanto con un’idea pazza buttata giù là per là quanto con un’opera d’arte meravigliosamente concepita. Il Web dovrebbe essere uno strumento di comunicazione tra la gente: comunicazione attraverso una conoscenza condivisa. La differenza sta nell'approccio con il quale gli utenti si rivolgono al Web: si passa dalla semplice consultazione alla possibilità di contribuire popolando e alimentando il Web con propri contenuti.
  5. 5. Unicas Social Network. Ciascuno è depositario e artefice di conoscenza Piattaforma di social networking Users Generated Contents Web 2.0 Pedagogia dell’ascolto Costruzione condivisa di significati Apprendimento collaborativo
  6. 6. Unicas Social Network. Gli strumenti blog gruppo podcast wiki my unicas
  7. 7. Unicas Social Network. A ciascuno il suo blog. Blog personale Portfolio Vetrina di un evento Agenda del ricercatore Bacheca della segreteria Comunicare da uno a molti Diario di bordo di un insegnamento
  8. 8. Unicas Social Network. Conclusioni Il progetto Unicas Social Network vuole suggerire la rete Internet come “luogo” di continuazione e d’integrazione dell’attività didattica. In particolare, individua nelle applicazioni Web 2.0 esaminate gli strumenti in grado di contribuire alla realizzazione di quella “communitas” che si realizza attraverso la collaborazione e il confronto umano tra docenti e studenti. Un confronto basato sull’esercizio della creatività e dell’ingegno individuali e sulla condivisione del sapere. È impossibile una dedizione alla scienza senza un’origine che ne metta in chiaro le ragioni. Perché faccio il medico? Per curare la gente . E perché? Per noi è importante partire dai concetti che ci sono cari di libertà di ricerca e di insegnamento, che consentano di reintrodurre la nozione di ‘universitas’ del sapere , come una compagnia di ricerca, come un rapporto tra maestro e allievo . Dentro la compagnia si può acquisire il senso della vita . Il rapporto è fattore di conquista dell’unità di sé. Giancarlo Cesana Professore ordinario di Medicina del lavoro presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca, direttore del DIMEC.

×