Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La valorizzazione del patrimonio culturale come matrice per lo sviluppo sostenibile del territorio

999 views

Published on

E' proprio tutto vero quello che si dice sul patrimonio artistico in italia? E poi davvero di cultura non si vive?Una breve riflessione per introdurre un argomento vasto e complesso, ma estremamente interessante per comprendere a fondo il valore, il potenziale e tutte le possibilità di un territorio, della sua storia e della sua cultura.

A cura di Sara Zugni, dott.ssa in Conservazione dei Beni Culturali, Referente responsabile settore cultura Neaterra

Presentato durante il Salone delle eccellenze dei Territori e Paesi in festa 2015, organizzato dall'Associazione Neaterra. Domenica 26 Aprile 2015 Presso il castello di Padernello di Borgo San Giacomo.
http://www.panesalamina.com/2015/33052-salone-delle-eccellenze-dei-territori.html

Published in: Marketing
  • Be the first to comment

La valorizzazione del patrimonio culturale come matrice per lo sviluppo sostenibile del territorio

  1. 1. La valorizzazione del patrimonio culturale come matrice per lo sviluppo sostenibile del territorio a cura di Sara Zugni, dott.ssa in Conservazione dei Beni Culturali, Referente responsabile settore cultura Neaterra
  2. 2. Sara Zugni Referente responsabile settore cultura per l’Associazione Neaterra. Mi occupo di storia dell’arte e valorizzazione del patrimonio storico- artistico e culturale. Docente di storia dell’arte dal 2006, nel 2014 ho fondato e gestisco un progetto web dedicato all’arte e ai percorsi culturali nei cimiteri monumentali. Sito Web - Linkedin Relatore del convegno
  3. 3. Il patrimonio culturale è valore
  4. 4. Barack Obama, durante la conferenza stampa conclusiva dei lavori mette la produzione cultrale al terzo posto tra gli elementi chiave che assicurano oggi la leadership americana, subito dopo l’economia e l’esercito. G20 di Londra 2009
  5. 5. La cultura rappresenta un fattore basilare per la vita e lo sviluppo di una società in quanto processo attivo dell’aspetto produttivo e partecipativo.
  6. 6. Conoscenza e consapevolezza per fare cultura
  7. 7. Dati oggettivi e non oggettivi
  8. 8. Italia: il 75% del patrimonio culturale mondiale
  9. 9. Non è assolutamente un dato realistico Facciamo chiarezza Vero è che l’Italia vanta la massima concentrazione mondiale di siti Unesco, la cui percentuale non supera comunque il 5% del totale dei beni riconosciuto dall’Unesco.
  10. 10. Siti Unesco in Italia Punti di partenza oggettivi per valorizzare i territori circostanti
  11. 11. L'Unesco ha accolto Crespi d'Adda nella Lista del Patrimonio Mondiale Protetto nel 1995 in quanto "Esempio eccezionale del fenomeno dei villaggi operai, il più completo e meglio conservato del Sud Europa".
  12. 12. Dal 1979 i tesori rupestri della Val Camonica fanno parte del Patrimonio Mondiale dell'Unesco, primo sito italiano ad entrare nella Lista.
  13. 13. Mantova e Sabbioneta, riconosciute "eccezionali testimonianze dell'architettura e dell'urbanistica del Rinascimento", le due città sono entrate nella lista Unesco nel luglio del 2008.
  14. 14. Dal 25 giugno 2011, il sito seriale "I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568–774 d.C.)" è nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Il complesso monastico di San Salvatore – Santa Giulia a Brescia.
  15. 15. Capitolium 2011
  16. 16. E chi non li ha?
  17. 17. 'Patrimonio statico' (siti Unesco) ma anche e soprattutto per il 'Patrimonio diffuso'
  18. 18. Le aree periferiche e rurali Presenza di un ricco patrimonio diffuso: chiese, monumenti, castelli, centri storici, palazzi d’epoca e opere d’arte.
  19. 19. Il romantico nel Basso Sebino
  20. 20. Anche i luoghi dove si svolgevano (o si svolgono) attività e mestieri che caratterizzano gli aspetti culturali di un’area legati a manifestazioni della vita materiale, sociale e spirituale: antichi acquedotti, fabbricati rurali e industriali di valore storico, botteghe artigiane, esercizi commerciali tipici. Patrimonio diffuso
  21. 21. Si tratta di un “patrimonio culturale minore” che si differenzia per lo stretto legame con il contesto ambientale di appartenenza e per le caratteristiche di localizzazione diffusa. Spesso esso non è neppure censito e deve la sua esistenza unicamente alla cura delle popolazioni che con esso entrano in relazione nella vita quotidiana.
  22. 22. Un problema urgente
  23. 23. Decreto “Valore Cultura” -DL 91/2013 cvt L. 112/2013; Piano “Destinazione Italia” - DL 145/2013; Decreto “Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo “ – DL 83/2014 cvt L. 175/20014) Programmi Nazionali di Riforma (PNR) costruiti secondo gli indirizzi derivanti dalle sfide della Strategia 2020 Programma Nazionale Operativo (PON) “Cultura e Sviluppo” dicembre 2014 Recenti misure governative per il rilancio e lo sviluppo economico competitivo del Paese
  24. 24. e la valorizzazione del territorio attraverso il patrimonio culturale.
  25. 25. Patrimonio culturale = continuità di arte, cultura e tradizioni diffusa sul territorio.
  26. 26. L’attenzione, quindi, va spostata dal singolo bene culturale che si vuole valorizzare alla risorsa “territorio”. I beni culturali come risorsa è necessario che essi facciano parte integrante di un processo di valorizzazione dell’intero contesto territoriale al quale essi appartengono.
  27. 27. Cosa fare?
  28. 28. 1. Identità e partecipazione
  29. 29. 2. Conoscere il territorio e identificare un tema
  30. 30. 3. Investimenti mirati
  31. 31. 4. Programmazione intersettoriale
  32. 32. 5. Valorizzare il bene dal punto di vista economico
  33. 33. Come farlo?
  34. 34. Censire Catalogare Salvaguardare Valorizzare
  35. 35. L’elemento fondamentale di ogni processo creativo e culturale di valorizzazione è l’innovazione, che avviene sempre rispetto a una tradizione riconosciuta e condivisa.
  36. 36. l’arte, la cultura e la creatività sono palestre naturali di innovazione. Questa è una delle possibili risposte alla crisi-economico sociale. Forse la via più virtuosa e lungimirante da perseguire.
  37. 37. Per maggiori info neaterra.it contatta l’Associazione 388/ 4288976 panesalamina.comSalone dei Territori

×