Bilancio 2009 Engineering Ingegneria Informatica Spa

2,746 views

Published on

Published in: Business, Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,746
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
23
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bilancio 2009 Engineering Ingegneria Informatica Spa

  1. 1. BILANCI0 0 9
  2. 2. 0 9
  3. 3. BILANCIO ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A. 110 Relazione della Società di revisione 112 Relazione sulla gestione al Bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2009 134 La situazione finanziaria patrimoniale 136 Conto economico 138 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto 139 Rendiconto finanziario 141 Note esplicative al Bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2009 193 Attestazione del Bilancio di esercizio 194 Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari 229 Relazione del Comitato per il controllo sulla gestione 234 Deliberazioni dell’Assemblea degli Azionisti
  4. 4. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA 110
  5. 5. RELAZIONE DELLA SOCIETà DI REVISIONE 111
  6. 6. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA RELAZIONE SuLLA GESTIONE AL BILANCIO D’ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 I. Organi Sociali Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione con delibera dell’Assemblea Ordinaria del 24 aprile 2009 e con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24 aprile 2009, è stato rinominato per il triennio 2009-2011, come segue: Michele Cinaglia Presidente Rosario Amodeo Vice Presidente Esecutivo Paolo Pandozy Amministratore Delegato Costanza Amodeo Consigliere Esecutivo Tommaso Amodeo Consigliere Esecutivo Giuliano Mari Consigliere Indipendente Dario Schlesinger Consigliere Indipendente Alberto De Nigro Consigliere Indipendente Massimo Porfiri Consigliere Indipendente Giancarlo Vitali Consigliere Indipendente Il sistema di governance c.d. “monistico” adottato da Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. prevede che il Comitato per il Controllo sulla Gestione, costituito all’interno del Consiglio di Amministrazione, sia formato da soli amministratori indipendenti. Segretario Armando Iorio Lead Independent Director Giuliano Mari Sovrintendente alla funzionalità del sistema di controllo interno Rosario Amodeo Comitato per il Controllo sulla Gestione Presidente Dario Schlesinger Membri del Comitato per il Controllo sulla Gestione Alberto De Nigro Massimo Porfiri Comitato per la Remunerazione Presidente Giuliano Mari Membri del Comitato per la Remunerazione Massimo Porfiri Giancarlo Vitali 112
  7. 7. RELAZIONE SuLLA GESTIONE Organismo di Vigilanza Presidente Stefano M. Bortone Società di Revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. Specialista Centrobanca Banca di Credito Finanziario e Mobiliare S.p.A. II. Corporate governance Nel corso del 2009 il sistema di corporate governante in atto in Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. e nel Gruppo societario che a essa fa capo ha continuato a mantenersi in linea con i principi contenuti nella nuova edizione del codice di autodisciplina delle società quotate italiane, promossa da Borsa Italiana e pubblicata nel mese di marzo 2006, nonché con le raccomandazioni formulate dalla Consob in materia e più in generale con la best practice riscontrabile in ambito internazionale. La Relazione annuale sulla Corporate Governance, che fornisce una descrizione generale del sistema di governo societario adottato dalla Società, è allegata integralmente al presente bilancio, ed è inoltre consultabile su sito internet www.eng. it (sezione investor relation). 113
  8. 8. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA III. Premessa e informazioni generali sull’attività Premessa Il bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2009 di Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. (di seguito denominata anche Engineering o Società) è stato redatto, a partire dal 2005, conformemente ai criteri di valutazione e di misurazione stabiliti dai principi contabili internazionali (IFRS) emanati dall’International Accounting Standards Boards ed adottati dalla Commissione Europea secondo la procedura di cui all’art. 6 del Regolamento (CE) N.1606/2002 del Parlamento Europeo e successivi aggiornamenti e nel rispetto delle disposizioni previste dal regolamento CONSOB n. 11971. La Società nel corso del 2009 ha attuato un processo di riorganizzazione che nasce dall’esigenza di razionalizzare alcune strutture del Gruppo. E’ stato quindi varato ed attuato il progetto di fusione per incorporare nella Capogruppo le controllate Nuova Trend S.p.A., Pro Value S.r.l., Xaltia S.p.A., Green Media S.r.l. e Engisud S.p.A.. Le valutazioni sono state operate nella prospettiva della continuazione dell’attività del Gruppo nel prevedibile futuro. Il progetto di riorganizzazione punta a sviluppare e utilizzare le sinergie della concentrazione in un unico complesso di produttività al fine di: • realizzare una gestione unitaria delle attività; • ottenere una maggiore flessibilità a livello operativo; • conseguire semplificazioni di carattere amministrativo; • migliorare le relazioni commerciali; • consolidare quelle esistenti attraverso lo stesso interlocutore; • attuare l’integrazione tra simili funzioni all’interno delle società ed ottenere economie di costi ed efficienza nelle attività tecniche, logistiche e amministrative. Le suddette operazioni modificano in modo consistente il dominio di riferimento per la formazione dei risultati di esercizio che, di conseguenza, non sono immediatamente confrontabili con i dati analoghi dell’esercizio precedente. Allo scopo di rendere maggiormente omogenea la comparazione, l’esposizione sarà supportata, laddove possibile, da ulteriori informazioni che consentano di individuare gli scostamenti rispetto all’esercizio precedente nell’ipotesi in cui fossero state già effettuate le fusioni. Questa modalità di esposizione sarà identificata con la dicitura “pro-forma”. La descrizione dettagliata delle definizioni contabili, assunzioni e stime adottate, è contenuta nelle note esplicative al bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2009, cui si rimanda. Nella presente relazione sono utilizzati alcuni indicatori alternativi di performance non previsti dai principi contabili IFRS, in linea con la raccomandazione CESR/05-178b pubblicata il 3 novembre 2005. In particolare l’Ebitda (margine operativo lordo) è determinato, con riferimento ai prospetti di conto economico, dal risultato operativo al lordo di ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni. L’Ebit coincide invece con il risultato operativo. 114
  9. 9. RELAZIONE SuLLA GESTIONE Ai fini della redazione del bilancio sono state effettuate alcune stime ed assunzioni, uniformemente a tutti i periodi intermedi presentati, che hanno effetto sui valori economici e patrimoniali. Se nel futuro tali stime e assunzioni, basate sulla miglior valutazione da parte del management, dovessero differire dalle situazioni effettive, sarebbero modificate nel periodo in cui le circostanze stesse variano. Le valutazioni sono state operate nella prospettiva della continuazione dell’attività della società nel prevedibile futuro. Informazioni generali sull’attività della società Engineering rappresenta una delle maggiori realtà italiane nei servizi di Information Technology con un posizionamento che la colloca tra i primi 3 operatori nazionali. Il modello di business è articolato su più linee che comprendono la system integration, la fornitura di consulenza organizzativa e di servizi specialistici, le soluzioni applicative proprie e l’application management. Il mercato della società è rappresentato da clienti pubblici e privati di medie e grandi dimensioni e distribuito su tutti i segmenti verticali: Pubblica Amministrazione (centrale, locale e sanità), Finance (banche, assicurazioni, SGR), Industria e Servizi, Telco & Media e Utilities. Progettare e realizzare architetture informative per clienti di medio-grandi dimensioni sono la mission della società che si concretizza in un portafoglio di oltre 200 clienti e nelle competenze di processo, tecnologiche e di business. 115
  10. 10. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA IV. Sintesi dei risultati aziendali (Importi in milioni di euro) 31/12/08 DELTA YOY DELTA PRO-FORMA Descrizione 31/12/09 31/12/08 PRO-FORMA Assoluto % Assoluto % Valore della Produzione 457,4 392,4 437,3 65,0 16,6% 20,2 4,6% Ricavi netti 433,7 375,2 420,5 58,5 15,6% 13,2 3,1% EBITDA 50,0 45,4 56,1 4,6 10,1% (6,1) -10,9% % sui ricavi netti 11,5 12,1 13,3 EBIT 33,8 38,7 42,2 (4,8) -12,5% (8,3) -19,8% % sui ricavi netti 7,8 10,3 10,0 utile netto 19,7 21,4 23,5 (1,7) -7,8% (3,8) -16,1% % sui ricavi netti 4,5 5,7 5,6 Patrimonio netto 248,5 223,7 231,3 24,8 11,1% 17,2 7,4% Disponibilità(indebitamento) (45,9) (36,4) (36,3) (9,5) 26,1% (9,6) 26,5% finanziario netto % indebitamento/mezzi propri 18,5 16,3 15,7 ROE % (u.N./P.N.) 7,9 9,5 10,2 (1,6) -17,0% (2,2) -21,9% ROI % (EBIT/C.I.N.) 11,5 14,9 15,8 (3,4) -22,7% (4,3) -27,1% N° dipendenti 3.680 3.122 3.512 558 17,9% 168 4,8% V. Andamento dei mercati Il contesto macroeconomico Il 2009 sarà ricordato per la più grave crisi economico-finanziaria del dopoguerra. Il PIL del 2009 ha fatto registrare un calo del 5,1%, il peggior risultato dal 1971 mentre il tasso di disoccupazione ha raggiunto l’8,5%. L’inflazione in Italia ed in Europa sembra essersi stabilizzata intorno all’1%. Nel 2009, a sostegno della crescita e del credito, la BCE ha portato il tasso di interesse principale all’1%, il più basso nella storia dell’euro. Dopo la fase acuta che ha colpito l’economia mondiale la velocità di caduta è rallentata e da più parti si ritiene di essere vicini ad una inversione di tendenza. La ripresa, dopo una fase di stabilizzazione, è attesa per la seconda metà del 2010, grazie agli effetti dei piani di stimolo adottati in tutte le principali economie per favorire consumi e nuovi investimenti. Le più recenti stime della UE indicano nei paesi avanzati un aumento del Pil per il 2010 intorno al 2%, per l’Italia è previsto lo 0,7% Il settore IT in Italia Per l’Information Technology italiana il 2009 è stato un anno di recessione, con una contrazione dell’8,1%. Il mercato italiano dell’informatica ha disinvestito 1.657 milioni di euro, passando dagli oltre 20.343 milioni di euro del 2008 ai 18.686 milioni di euro del 2009. Nel comparto dei servizi (-3,9%) la spesa è stata di 13.812 milioni di euro contro i 14.620 del 2008. La vendita di Hardware ha registrato un calo del -14,8%. Le previsioni per il 2010 indicano che il periodo sarà ancora caratterizzato da una forte incertezza con deboli segnali di ripresa che si alternano con fasi ancora negative che fanno prevedere un ulteriore calo del settore (-3,1%). 116
  11. 11. RELAZIONE SuLLA GESTIONE VI. Andamento dell’attività Il 2009 è stato per la società un anno positivo. In un mercato recessivo, caratterizzato da un eccesso di offerta con un conseguente calo delle tariffe professionali, la società si è confermata tra i protagonisti del settore dei servizi di informatica, registrando una crescita dei ricavi e la tenuta della redditività. Il valore della produzione si attesta a 457,4 milioni di euro in crescita del 4,6% rispetto al 2008 pro-forma (437,3 milioni di euro). L’Ebitda si attesta a 50,0 milioni di euro in crescita rispetto al 2008 (45,4 milioni di euro), contro i 56,1 milioni di euro del 2008 pro-forma, con una marginalità del 11,5% rispetto al 12,1% del 2008 (13,3% 2008 pro-forma). L’Ebit è stato pari a 33,8 milioni di euro, dopo ammortamenti e accantonamenti per un totale di 16,2 milioni di euro contro i 13,9 milioni di euro del 2008 pro-forma. L’Ebt registra un risultato di 36,9 milioni di euro contro i 42,3 del 2008 pro-forma. L’utile netto al 31 dicembre 2009, pari a 19,7 milioni di euro rispetto ai 21,4 milioni di euro del 2008, con un tax rate che si attesta al 46,6%. Al 31 dicembre 2009 gli ordinativi acquisiti ammontano a circa 440 milioni di euro, in crescita del 6,3% rispetto ai 414 milioni di euro dell’analogo periodo 2008. Conseguentemente il backlog, in presenza di ricavi netti per circa 433,7 milioni di euro, si attesta a circa 335 milioni di euro in crescita del 4,7% rispetto ai 320 milioni di euro registrati a dicembre 2008. La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2009 fissa il saldo complessivo a -45,9 milioni di euro rispetto ai – 36,4 milioni di euro del 2008. L’aumento dell’esposizione è dovuta in parte al rallentamento degli incassi nella pubblica amministrazione ed in parte alle acquisizioni strategiche effettuate nell’esercizio. 117
  12. 12. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA VII. Andamento economico Valore della produzione Gli eventi straordinari di cui in premessa fanno registrare notevoli scostamenti nei ricavi delle vendite e delle prestazioni rispetto all’esercizio precedente. Lo schema che segue presenta l’analisi dei ricavi ripartita per linee di business: (Importi in milioni di euro) 31/12/2008 Variazione% Descrizione 31/12/09 31/12/08 PRO-FORMA YOY PRO-FORMA Valore della Produzione System integration & Consultancy 266.888 61,5% 225.143 60,0% 241.303 57,4% +18,5 +10,6 Outsourcing 133.404 30,8% 115.783 30,9% 120.905 28,8% +15,2 +10,3 Licenze sw proprietarie e canoni di manutenzione 33.450 7,7% 34.310 9,1% 58.300 13,9% -2,5 -42,6 Ricavi netti 433.742 100,0% 375.236 100,0% 420.508 100,0% +15,6 +3,1 Altri ricavi 23.682 17.201 16.755 +37,7 +41,3 Totale Valore della produzione 457.424 392.437 437.263 +16,6 +4,6 La tabella sopra esposta evidenzia che la società si presenta al mercato con una qualificata gamma di servizi, ricca di competenza e soluzioni applicative. RICAVI PER LINEE DI BuSINESS Licenze software proprietarie 7,7% Outsourcing 30,8% 61,5% System Integration & Consultancy 118
  13. 13. RELAZIONE SuLLA GESTIONE Ricavi per settore di mercato La tabella che segue riassume la composizione dei ricavi per settore di mercato. (Importi in migliaia di euro) 31/12/08 Variazione% Descrizione 31/12/09 31/12/08 PRO-FORMA YOY PRO-FORMA Valore della Produzione Finanza 151.428 34,9% 115.070 30,7% 154.785 36,8% +31,6 -2,2 Pubblica Amministrazione 197.795 45,6% 182.343 48,6% 182.400 43,4% +8,5 +8,4 Industria Servizi e Utilities 71.362 16,5% 77.823 20,7% 72.857 17,3% -8,3 -2,1 Telco & Media 13.157 3,0% 0 0,0% 10.466 2,5% +25,7 Ricavi netti 433.742 100,0% 375.236 100,0% 420.508 100,0% +15,6 +3,1 Altri ricavi 23.682 17.201 16.755 +37,7 +41,3 Totale Valore della produzione 457.424 392.437 437.263 +16,6 +4,6 RICAVI NETTI Telco & Media 3,0 Industria Servizi e Utilities 16,5% 46,5% 34,9% Pubblica Amministrazione Finanza Finanza Il segmento rappresenta il 34,9% dei ricavi netti totali della società. Il settore ha registrato ricavi per 151,4 milioni di euro, in decremento del -2,2% sul 2008 pro-forma. Nel mercato che prima di ogni altro ha risentito della crisi, Engineering ha ulteriormente consolidato la propria leadership, grazie agli investimenti per l’evoluzione dei propri prodotti di punta e a quelli in aree particolarmente interessanti come i sistemi di pagamento, gli ERP e la gestione dei servizi di back office in aree ad alta specializzazione come i crediti e la finanza. Il 2009 è caratterizzato dalla fusione nella società delle Aziende dedicate alla finanza (Provalue e Nuova Trend); fusione non solo amministrativa ma soprattutto di offerta e di approccio al mercato con effetti estremamente positivi sulla competitività della nostra offerta. In particolare sono da ricordare gli investimenti effettuati in Nuova Trend nell’area delle segnalazioni di vigilanza con la suite “SISBA3”, nuova piattaforma per la gestione dell’operatività del C.F.O. delle banche; inoltre sono stati completati il nuovo sistema di controllo di gestione e la piattaforma per la gestione dei finanziamenti. Da non dimenticare ancora gli sforzi prodotti nel segmento dei confidi e in quello dei servizi integrativi previdenziali. 119
  14. 14. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Infine, l’espansione nei mercati esteri; con l’obiettivo di accrescere la nostra presenza fuori dal mercato domestico, è stata istituita una struttura dedicata che ha colto i primi successi in Belgio e in Francia e ha gettato le basi per la nostra espansione in Europa dell’est e in Brasile. Pubblica Amministrazione Il segmento rappresenta il 45,6% dei ricavi netti, in crescita del 8,4% rispetto ai 182,4 milioni di euro del 2008 pro-forma. Pubblica Amministrazione Centrale Nel corso del 2009, la Divisione ha confermato il proprio posizionamento sui principali Enti centrali dello Stato: gli Enti previdenziali,Il ministero dell’Economia , il Ministero degli Interni, il Ministero della Difesa, il Ministero di Giustizia e il Ministero dei beni Culturali. Tutto questo in un contesto fortemente competitivo dove l’eccellenza delle nostre proposte riesce a prevalere nonostante la presenza di un offerta concorrente spesso basata esclusivamente sul fattore economico. Il 2009 è stato anche un anno particolarmente significativo per le attività di consolidamento di Engineering nell’ambito della Comunità Europea. I risultati del progetto per la Direzione Generale Regional Policy acquisito a fine del 2008, dimostrano che le esperienze e le capacità che Engineering ha maturato nella PA italiana, sono spendibili con profitto anche sul mercato delle istituzioni comunitarie. Pubblica Amministrazione Locale e Sanità Nel 2009 si é consolidata la nostra presenza sulle amministrazioni locali e sulle strutture sanitarie pubbliche. Esempi significativi sono: • Il contratto di outsourcing dei sistemi della Regione del Veneto. • L’area amminstrazione e bilancio della Regione Toscana. • La gestione degli investimenti pubblici della Regione Calabria. • La gestione del data center regionale della Regione Emilia-Romagna e la creazione del Centro di Competenza per il dispiegamento dei progetti di e-government. • Il Comune di Bologna, capofila del sistema nazionale di gestione della fiscalità locale (Elisa), ci ha scelto per la realizzazione del sistema. Lo stesso cliente, con cui il rapporto è di partnership, ci ha confermato nel corso dell’anno il contratto di gestione applicativa dei suoi sistemi informativi estendendo, in questa occasione, le aree applicative di nostra competenza. Significativi per il settore della sanità pubblica il processo di informatizzazione di tutte le strutture sanitarie della Regione Sardegna mentre nella Regione Sicilia sono in via di realizzazione importanti progetti regionali tra i quali il sistema 118, il sistema di anagrafe centrale, il fascicolo sanitario elettronico e il CUP. In Regione Molise infine è in corso la realizzazione del sistema informativo regionale per il 118 e per il sistema Amministrativo-Contabile e del Personale. Sul fronte degli investimenti ricordiamo che nel 2009 è proseguito lo sviluppo della piattaforma Areas, che si è caratterizzato per il completamento del nuovo CUP, del Sistema Informativo Ospedaliero (Pronto Soccorso) e del nuovo Areas 118. Infine, nel corso del 2009 si è raggiunto l’obiettivo di affermarsi quali partner strategici di case di diagnostica per l’attività di interfacciamento strumenti. 120
  15. 15. RELAZIONE SuLLA GESTIONE Industria Servizi e utilities Il segmento rappresenta il 16,5% dei ricavi netti in diminuzione del 2,1% rispetto al 2008 pro-forma utilities Il mercato delle utilities ha risentito come gli altri della crisi generale con conseguenti tagli agli investimenti in ICT in particolare praticati dai due principali operatori di questo mercato (ENI ed ENEL) Engineering ha reagito puntando sulle proprie soluzioni con importanti investimenti per il completamento dei propri sistemi di billing e CRM. Questo ci ha consentito di confermare i nostri volumi di fatturato nel settore, ma soprattutto ha visto importanti affermazioni delle nostre soluzioni considerate un riferimento per tutto il mercato. Tra le tante affermazioni ricordiamo il progetto per ACEA che ci vede impegnati sul fronte dei sistemi di billing sia per l’Azienda di vendita che per quella di distribuzione in uno dei primi progetti di full unbundlig per Aziende del settore. Il 2009 ha visto poi i primi positivi riscontri della nostra offerta sui mercati internazionali, in particolare in Brasile dove sono in corso i primi test delle nostre soluzioni presso i principali operatori di quel paese. Telco & Media Con circa 13,2 milioni di euro di ricavi il settore delle Telecomunicazioni rappresenta il 3,0% dei ricavi netti. (+25,7% sul 2008 pro-forma). E’ un settore relativamente nuovo per la società, risultato della fusione per incorporazione di Xaltia e Green Media Costo della produzione I costi della produzione registrano complessivamente un aumento del 19,7% riconducibile essenzialmente alle incorporazioni effettuate nel corso dell’esercizio 2009 (+7,2 sul 2008 pro-forma). (Importi in migliaia di euro) 31/12/08 Variazione% Descrizione 31/12/09 31/12/08 PRO-FORMA YOY PRO-FORMA Costo del personale 187.063 158.493 177.337 +18,0 +5,5 Costo dei servizi da terzi 207.426 175.894 187.867 +17,9 +10,4 Costo materie prime e di consumo 11.173 11.150 14.223 +0,2 -21,4 Ammontamenti e accantonamenti 16.192 6.766 13.931 +139,3 +16,2 Altri costi 1.736 1.455 1.721 +19,3 +0,9 Totale Costi di produzione 423.590 353.756 395.080 +19,7 +7,2 In particolare: • Il costo del lavoro è ammontato a 187,1 milioni di euro con un incremento del 5,5% rispetto ai costi del 2008 pro-forma dovuto essenzialmente a crescita organica. • I costi da terzi sono ammontati a 207,4 milioni di euro con un incremento del 10,4% rispetto al 2008 pro-forma. A conferma della strategia volta a massimizzare ove possibile le flessibilità delle strutture produttive in modo da poter meglio rispondere alle variazioni della domanda, così come alle mutevoli esigenze della clientela. Questo costituisce un sicuro vantaggio competitivo, soprattutto in un mercato in cui perdura la presenza di contingenze sfavorevoli e di rigidità nel mercato del lavoro. • I costi di materie prime e di consumo si riferiscono all’acquisto di hardware, licenze d’uso e semilavorati destinati alla rivendita. • Gli ammortamenti e accantonamenti si incrementano di 2,3 milioni di euro per effetto delle immobilizzazioni materiali e immateriali provenienti dalle citate incorporazioni nonché per l’acquisto di licenze software per uso interno. • Gli Altri Costi ammontano a 1,7 milioni di euro, in linea con il 2008 pro-forma. 121
  16. 16. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA utile di periodo L’utile prima delle imposte si attesta a 36,9 milioni di euro rispetto ai 38,4 milioni di euro dell’esercizio 2008. (Importi in migliaia di euro) 31/12/08 Variazione% Descrizione 31/12/09 31/12/08 PRO-FORMA YOY PRO-FORMA Differenza tra valore 33.833 38.681 42.183 -12,5 -19,8 e costo della produzione Proventi e(oneri)finanziari netti (1.908) (2.206) (1.753) -13,5 +8,9 Proventi e(oneri)da partecipazioni 4.991 1.893 1.917 +163,6 +160,4 utile prima delle imposte 36.916 38.368 42.347 -3,8 -12,8 8,5% 10,2% 10,1% Imposte sul reddito 17.216 17.007 18.859 +1,2 -8,7 tax rate 46,6% 44,3% 44,5% utile netto 19.700 21.361 23.488 -7,8 -16,1 % sui ricavi netti +4,5 +5,7 +5,6 L’utile netto, dopo l’accantonamento di imposte sui redditi e sulle attività produttive per complessivi 17,2 milioni di euro, ammonta a 19,7 milioni di euro contro i 21,4 milioni di euro del 2008. 122
  17. 17. RELAZIONE SuLLA GESTIONE VIII. La situazione finanziaria e patrimoniale Il prospetto che segue riassume l’andamento dei flussi di cassa per la Società secondo il metodo indiretto. La posizione finanziaria netta registra un risultato di -2,2 milioni di euro rispetto ai 17,2 milioni di euro del 2008. (Importi in euro) Analisi del rendiconto finanziario 2009(**) 2008(**) Progr. dal 01/01 al Progr. dal 01/01 al Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. 31/12/09 31/12/09 Flussi monetari da attività operativa Autofinanziamento Utile d’esercizio 19.699.816 21.360.757 di cui parti correlate(*) (14.187.725) (15.969.986) Riserve di patrimonio (2.685.554) (2.962.968) Ammortamenti 14.146.375 5.491.237 Variazione dei fondi 1.524.137 (633.526) Variazione del T.F.R. 1.647.926 (694.610) I Totale Autofinanziamento 34.332.699 22.560.890 Variazione del capitale circolante Crediti commerciali e rimanenze (49.822.076) (40.975.467) di cui parti correlate(*) (14.178.072) (11.055.639) Altre attività correnti (4.498.681) 2.548.238 Debiti commerciali 32.954.819 26.766.350 di cui parti correlate(*) 3.532.223 (21.703.832) Altre passività correnti (5.277.771) 3.722.226 di cui parti correlate(*) 245.866 40.943 II Totale Variazione del capitale circolante (26.643.709) (7.938.653) A)=(I+II) Totale Flussi monetari da attività operativa 7.688.990 14.622.237 Flussi monetari per attività d’investimento Immobilizzazioni materiali (2.892.349) (3.365.796) Immobilizzazioni immateriali (18.551.576) (6.983.494) Immobilizzazioni finanziarie (2.858.006) 2.622.304 Cessione partecipazioni 10.779.859 244.608 Acquisizione partecipazioni (954.188) (47.026.000) B) Totale Flussi monetari per attività d’investimento (14.476.259) (54.508.378) Flussi monetari da attività di finanziamento Variazione di finanziamenti m/lt (10.506.775) 49.468.455 Distribuzione dividendi 0 (6.500.000) Variazioni capitale 0 0 C) Totale Flussi monetari da attività di finanziamento (10.506.775) 42.968.455 D)=(A+B+C) Variazione cassa e suoi equivalenti (17.294.044) 3.082.314 E) Disponibilità/(Indebitamento) finanziario netto a breve iniziale (***)15.075.665 14.070.472 F)=(D+E) Disponibilità/(Indebitamento) finanziario netto a breve finale (2.218.378) (***) 17.152.785 (*) I dettagli e i commenti alle parti correlate sono forniti al successivo paragrafo 43 del Bilancio d’esercizio e note esplicative. (**) Il presente rendiconto finanziario è stato predisposto mettendo a confronto il bilancio 2009 con il bilancio pro-forma 2008 determinato ipotizzando che le fusioni fossero già state effettuate al 31 dicembre 2008. (***) La differenza tra la disponibilità finanziaria netta a breve iniziale del 2009 e quella finale del 2008 è relativa alle disponibilità nette rivenienti dalle società fuse. 123
  18. 18. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Riconciliazione con la situazione patrimoniale finanziaria 31/12/09 31/12/08 Disponibilità liquide 31.607.285 49.439.614 Passività finanziarie correnti (33.825.664) (32.286.829) Disponibilità/(Indebitamento) finanziario netto a breve finale (2.218.378) 17.152.785 Rendiconto Finanziario I risultati del rendiconto finanziario proveniente dalla gestione operativa, confermano la capacità dell’azienda di autofinanziarsi, permettendole di far fronte totalmente alla gestione corrente. Nel dettaglio si evidenzia che: • Il cash flow da attività di esercizio registra un saldo attivo di 7,7 milioni di euro. • Il fabbisogno per le attività di investimento ammonta a -14,5 milioni di euro, costituito dal saldo risultante dalle immobilizzazioni materiali (-2,9 milioni di euro), immateriali (-18,6 milioni di euro) e finanziarie (+7,0 milioni di euro), per i dettagli delle quali si rimanda al successivo paragrafo XVII punto 4,5,6 e 7. • I flussi monetari da finanziamento sono pari a -10,5 milioni di euro costituiti essenzialmente essenzialmente dai rimborsi effettuati per le rate in scadenza del finanziamento acceso con Banca Intesa Sanpaolo. La posizione finanziaria netta a breve passa quindi dai +17,2 milioni di euro del 31 dicembre 2008 ai -2,2 milioni di euro del 31 dicembre 2009; analogamente la posizione finanziaria netta complessiva, come si evince dalla tabella che segue, passa dai -36,4 milioni di euro del 2008 ai -45,9 milioni di euro dell’esercizio 2009. (Importi in euro) Descrizione valore al 31/12/2009 valore al 31/12/2008 Cassa 24.953 18.787 Altre disponibilità liquide 31.582.332 49.420.827 Liquidità 31.607.285 49.439.614 Crediti finanziari correnti - 2.955.148 Debiti bancari correnti (4.970) (916.149) Parte corrente dell’indebitamento non corrente (27.094.673) (27.367.077) Altri debiti finanziari correnti (6.726.020) (6.958.751) Indebitamento finanziario corrente (33.825.663) (35.241.977) Posizione finanziaria corrente netto (2.218.378) 17.152.785 Indebitamento finanziario non corrente (42.618.099) (53.471.139) Altri debiti non correnti (1.061.570) (76.178) Indebitamento finanziario non corrente (43.679.669) (53.547.317) Posizione finanziaria netta (45.898.047) (36.394.532) 124
  19. 19. RELAZIONE SuLLA GESTIONE Tesoreria centralizzata L’adozione del cash-pooling assicura un’adeguata copertura dei fabbisogni finanziari attraverso la sottoscrizione di idonee linee di credito ed un’opportuna gestione delle eventuali eccedenze di liquidità. Si conferma l’andamento ciclico degli incassi che comunque è riuscito a stabilizzare l’esposizione a breve riconoscendo alle banche un tasso medio del 1,1263%. Anche il 2009 ha consentito alle società controllate più virtuose di ottenere circa 142 mila euro di interessi attivi dalla Capogruppo che sicuramente non sarebbero riuscite ad ottenere ai tassi di mercato, con l’ulteriore vantaggio che la liquidità è rimasta per la parte più consistente all’interno del Gruppo. Capitale circolante Il livello di capitale circolante operativo netto presenta un miglioramento rispetto al 31 dicembre 2008. Il capitale circolante netto raggiunge i 194,1 milioni di euro, in aumento di 51,5 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente come esposto nella seguente tabella: (Importi in migliaia di euro) Variazione Descrizione 31/12/09 31/12/08 Assoluta % Attivo circolante Rimanenze e lavori in corso 67.757 49.684 18.073 +36,4 Crediti commerciali 340.845 281.987 58.858 +20,9 Altri attività correnti 37.745 29.376 8.369 +28,5 Totale 446.347 361.046 85.300 +23,6 Passivo circolante Debiti commerciali (160.457) (132.606) (27.851) +21,0 Altri passività correnti* (91.810) (85.822) (5.988) +7 Totale (252.266) (218.428) (33.839) +15,5 Capitale circolante netto 194.080 142.618 51.462 +36,1 * con riferimento agli schemi della situazione patrimoniale finanziaria comprende le Altre passività correnti, i Debiti per imposte correnti ed i Fondi per rischi ed oneri correnti. L’ingresso delle società acquisite nel periodo di consolidamento ha influito sulle entità patrimoniali ma non ha sbilanciato i consueti trend di miglioramento. 125
  20. 20. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Situazione patrimoniale finanziaria La riclassificazione della struttura patrimoniale mostra una situazione economico-finanziaria molto solida dal punto di vista del rapporto tra fonti e impieghi in linea rispetto agli obiettivi fissati. La società conferma un buon equilibrio e registra un R.O.I. del 11,5%, riuscendo a finanziare in buona parte con fonti interne i propri investimenti. La dinamica patrimoniale consente di coprire completamente le scadenze di breve termine con l’attivo immediatamente disponibile facendo emergere un buon bilanciamento tra le componenti dell’attivo e del passivo corrente. (Importi in migliaia di euro) Variazione Descrizione 31/12/09 31/12/08 Assoluta % Immobili, impianti e macchinari 17.087 12.953 4.134 31,9 Attività immateriali 21.345 6.691 14.654 219,0 Avviamento 41.479 16.731 24.748 147,9 Investimenti in partecipazioni 61.791 109.797 (48.006) (43,7) Capitale immobilizzato 141.702 146.172 (4.470) (3,1) Attività a breve termine * 446.347 361.046 85.301 23,6 Passività a breve termine ** (252.266) (218.428) (33.838) 15,5 Capitale circolante netto 194.080 142.618 51.462 36,1 Altre attività non correnti *** 3.393 9.127 (5.734) (62,8) Trattamento di fine rapporto di lavoro (31.252) (27.135) (4.117) 15,2 Altre passività non correnti **** (13.519) (10.650) (2.869) 26,9 Capitale investito netto 294.404 260.132 34.272 13,2 Patrimonio netto 248.506 223.737 24.768 11,1 Totale patrimonio netto 248.506 223.737 24.768 11,1 (Disponib.) / indebitam. finanz. M/LT 43.680 53.547 (9.868) (18,4) (Disponib.) / indebitam. finanz. BT 2.218 (17.153) 19.371 (112,9) (Disponib.) / indebitam. finanz. netta 45.898 36.395 9.504 26,1 Totale Fonti 294.404 260.132 34.272 13,2 * con riferimento agli schemi della situazione patrimoniale finanziaria comprende i Lavori in corso su ordinazione, i Crediti commerciali e le Altre attività correnti. ** con riferimento agli schemi della situazione patrimoniale finanziaria comprende il Passivo corrente al netto delle Passività finanziarie correnti. *** con riferimento agli schemi della situazione patrimoniale finanziaria comprende i Crediti per imposte differite, Altre attività non correnti e Altre attività destinate alla vendita. **** con riferimento agli schemi della situazione patrimoniale finanziaria comprende i Debiti per imposte differite e i fondi per rischi e oneri non correnti. Alla copertura del capitale investito netto concorrono mezzi di finanziamento composti da patrimonio netto di 248,5 milioni di euro e dall’indebitamento finanziario netto per 45,9 milioni di euro. 126
  21. 21. RELAZIONE SuLLA GESTIONE IX. Attività di ricerca e sviluppo Da sempre le attività e gli investimenti di ricerca vengono considerati da Engineering Ingegneria Informatica S.p.A., uno dei valori principali della società, che attraverso di essi acquista tecnologie, competenze, visibilità ed, in definitiva, strumenti indispensabili per incidere con successo su mercati sempre più competitivi e creare così valore per gli azionisti. Per questi motivi le attività di ricerca e sviluppo sono proseguite anche nel 2009 con il consueto impegno d’investimento, ma anche con il successo ed i risultati che da sempre hanno contraddistinto questo comparto all’interno dell’Azienda. In termini numerici, nel corso del 2009, la Direzione Ricerca e Sviluppo è stata attiva su 27 progetti di ricerca per un valore complessivo di investimento nell’anno di circa 13 milioni di Euro. L’ Azienda ha proseguito con grande attenzione le attività all’interno nelle due importanti piattaforme tecnologiche europee: NESSI (Networked European Software and Services Initiative) per i servizi software e NEM (Networked and Electronic Media) per i Media Digitali. In particolare queste attività sono state consolidate nella creazione di una partnership pubblico privata denominata “Future Internet” e dedicata a capire e costruire a livello industriale l’internet del futuro. Engineering, infatti, ha firmato insieme ad altre 15 importanti aziende europee un protocollo di intesa per la definizione e la conduzione di questa futura importante iniziativa. La linea di ricerca sui motori di ricerca, si occupa di quelle tecnologie che consentono la ricerca di informazioni e dei contenuti sul web o su archivi privati, quali ad esempio quelli televisivi. Tali tecnologie (altrimenti dette search engine) sono ormai di grande visibilità e impatto sociale. Engineering è, inoltre, coinvolta e protagonista nell’area delle tecnologie ICT a supporto del risparmio energetico. In tale ambito, sono proseguite le attività operative sul progetto BeAware che sta sviluppando un sistema di monitoraggio dei consumi energetici residenziali. Tale sistema si basa sull’utilizzo di tecnologie di interazione ambientale e sulla metafora del gioco quale meccanismo sociale incentivante per indurre comportamenti individuali virtuosi nell’ottica del risparmio energetico. Infine, anche nel 2009, importanti risorse sono state dedicate alla predisposizione di nuove proposte progettuali presentate nell’ambito di programmi di ricerca sia nazionali che europei. In particolare, a livello Europeo, il nostro sforzo si è concretizzato nell’arco dell’anno in circa 40 proposte di cui 7 già approvate. Per quanto attiene i programmi nazionali, abbiamo presentato 9 proposte progettuali nell’ambito del programma “Made in Italy” gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico. 127
  22. 22. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA X. Il personale Organico e turnover Al 31 dicembre 2009 l’organico della Società risulta essere pari a 3.680 unità con un incremento rispetto alla stessa data del 2008 di circa il 15%. Il risultato è dovuto in parte alla fusione in Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. di Nuova Trend, Engisud, ProValue, Xaltia e Green Media. avvenuta alla fine del 2009. Se, al fine di valutare l’andamento occupazionale ed il turn over a parità di perimetro, analizziamo la sola Capogruppo, possiamo rilevare che fra il 31 dicembre 2008 e il 31 dicembre 2009 il numero dei dipendenti sarebbe cresciuto di 179 unità ( +5,7%). Tale crescita è esclusivamente crescita organica, frutto della differenza fra assunzioni e dimissioni. In particolare, sempre riferendoci allo stesso perimetro e al netto dei passaggi interni fra aziende del Gruppo, nel periodo si sono registrate 113 uscite. Dato che dimostra come il turnover complessivo si mantenga ancora molto moderato, Da segnalare infine che l’età media del personale si conferma di poco inferiore ai 38 anni, anche in conseguenza della prosecuzione della politica rivolta all’assunzione di giovani laureati, inseriti in azienda attraverso contratti di apprendistato. Al 31 dicembre del 2009 gli apprendisti in forza (riferiti al nuovo perimetro) risultano 364 a fronte dei 269 al 31 dicembre 2008. Mentre va segnalato che la quasi totalità dei contratti di apprendistato giunti a scadenza nel corso del 2009, sono stati trasformati in contratti a tempo indeterminato Formazione L’attività di formazione presso la Scuola ICT “Enrico Della Valle” di Ferentino ha registrato nel 2009 un ulteriore importante incremento rispetto all’anno precedente, confermando il trend di crescita delle iniziative finalizzate allo sviluppo e crescita delle competenze del Gruppo Engineering. Il consuntivo delle giornate uomo di formazione in aula è passato infatti dalle ottomila del 2008, alle dodicimila del 2009, con una crescita complessiva riferita all’ultimo biennio di quasi il 100%. La ragione principale di questa crescita risiede nell’estensione ai dipendenti di Engineering.IT delle prassi in uso nel gruppo in tema di formazione. Fra le molte iniziative, una particolare menzione merita l’avvio di una nuova edizione del Master aziendale, quest’anno ribattezzato MeM: Master Engineering in Management. Esso si pone l’obiettivo di completare la formazione di una sessantina di giovani dipendenti, manager o professional di elevata specializzazione, destinati ad assumere nel medio periodo responsabilità crescenti nel Gruppo. Il Master si articola in 9 moduli formativi, durerà dodici mesi complessivamente, e pone particolare attenzione ai temi della gestione delle risorse umane e degli aspetti macro e micro economici. Fra le altre attività ricordiamo: a) i corsi in area Project Management, finalizzati al conseguimento della certificazione PMP®, che hanno ottenuto l’importante risultato di accompagnare oltre 80 capi progetto del gruppo al conseguimento della prestigiosa certificazione. b) I corsi di riqualificazione professionale destinati al personale Engineering.it posto in Cassa Integrazione, che hanno interessato complessivamente 61 partecipanti distribuiti in nove differenti percorsi didattici tesi alla professionalizzazione in ambito tecnologico e funzionale, per un totale di 290 giornate di formazione in aula. c) La formazione a beneficio dei giovani assunti con contratto di apprendistato professionalizzante che, per la parte relativa alla formazione trasversale finalizzata principalmente alla diffusione della cultura “Engineering” ed allo sviluppo delle competenze comunicative, ha coinvolto 260 apprendisti per un totale di 1.054 giornate uomo. d) La formazione in aula destinata a supportare l’avvio del nuovo sistema informativo contabile del Gruppo, che ha coinvolto oltre 300 responsabili in 8 differenti edizioni di corso, svolte presso le principali sedi Engineering in Italia. 128
  23. 23. RELAZIONE SuLLA GESTIONE XI. Fatti di rilievo avvenuti durante l’esercizio Di seguito i principali eventi: • In data 15 gennaio 2009 Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha ceduto l’intera partecipazione al Gruppo Hera, pari al 40% del capitale sociale della società Famula On Line S.p.A.. È stato inoltre definito il proseguimento dalle attività mediante la sottoscrizione di un contratto biennale. • Il 4 febbraio 2009 la società Engineering Management Consulting S.p.A. ed Engiweb Security S.r.l., entrambe controllate al 100% da Engineering Ingegneria Informatica S.p.A., hanno deliberato nelle rispettive Assemblee Straordinarie, la fusione per incorporazione di Engineering Management Consulting S.p.A. in Engiweb Security S.r.l.. La conclusione di tale operazione si è risolta con la sottoscrizione dell’atto di fusione avvenuta il 4 giugno 2009. • Il 24 aprile del 2009 l’Assemblea Ordinaria di Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha deliberato in merito alla proposta riguardante l’acquisizione e l’alienazione delle azioni proprie. • Nel corso del mese di luglio 2009 Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha costituito le società denominata EngO S.p.A. mediante la sottoscrizione del 60% del capitale sociale (1 milione di euro). • Nel corso del mese di luglio 2009 Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha acquisito il 76% della società Engisud S.p.A.. Con questa operazione Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha acquisito il 100% del capitale sociale della società. • Nel corso del mese di settembre 2009 è stata costituita la società Engineering International Belgium S.A. con sede a Bruxelles ed è partecipata al 75% da Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ed al 25% da Engineering.IT S.p.A.. • Il 30 di settembre 2009 le rispettive assemblee straordinarie delle società Nuova Trend S.p.A., Xaltia S.p.A., Pro Value S.p.A., Green Media S.r.l. ed Engisud S.p.A., hanno deliberato la fusione per incorporazione in Engineering Ingegneria Informatica S.p.A.. L’ Atto di fusione si è tenuto il 17 dicembre 2009. • Nel corso del mese di ottobre 2009 Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha costituito la società Engineering International INC con sede legale a Delaware (Wilmington, DE). Il capitale sociale è interamente posseduto dalla Capogruppo. • Nel corso del mese di dicembre 2009, Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha acquistato un Ramo d’Azienda (con effetto 1 gennaio 2010) dalla società Metoda S.p.A. operante nel mercato dell’information Tecnology ed in particolare nello sviluppo del software indirizzato all’ambito sanitario. • Nel corso del mese di dicembre 2009 la società controllata Engineering.IT S.p.A. ha acquistato un Ramo d’Azienda dalla società Manutencoop Facility Management S.p.A., operante nel mercato dell’Integrated Facility Management. XII. Azioni proprie In data 24 aprile 2009 l’Assemblea dei Soci di Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha deliberato un piano di acquisto di azioni proprie fino ad un massimo di 2.500.000 azioni in un arco di tempo massimo di 18 (diciotto) mesi. Le azioni proprie presenti in portafoglio alla data del 31 dicembre 2009 ammontano a n. 103.937 per un controvalore di euro 2.817.771,07, iscritto nell’apposita voce del passivo patrimoniale come previsto dalle disposizioni introdotte dallo IAS 32, ad un prezzo medio di carico di 27,1104 euro per azione. Alla data di approvazione della presente relazione, il numero di azioni proprie detenute nel portafoglio della Società è rimasto invariato a n. 103.937. 129
  24. 24. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA XIII. Andamento del titolo Il titolo Engineering è quotato alla Borsa di Milano dal 12 Dicembre 2000 con codice Reuters ENG.MI e codice Bloomberg ENG.IM. È inserito nel segmento denominato FTSE Italia STAR che accoglie attualmente oltre 70 società e richiede, per esservi ammessi, caratteristiche ed impegni piuttosto vincolanti per le società che ne fanno parte, in particolare requisiti di traS.p.A.renza, liquidità del titolo e Corporate Governance. Dati e statistiche ANNO 2009 (in euro) Prezzo medio ponderato*: 21.34 Capitalizzazione corrispondente: 266.765.000 Prezzo massimo: 27.87 – registrato il 28.12.2009 Capitalizzazione corrispondente: 348.375.000 Prezzo minimo: 12.69 – registrato il 23.01.2009 Capitalizzazione corrispondente: 158.625.000 Volume medio transato giornalmente: 10.181 pz Valore medio transazioni giornaliere: 217.262 € Prezzo apertura anno 2009: 15.00 Prezzo chiusura anno 2009: 27.60 Performance FY2009: + 84% Performance da minimo (23.01.2009): + 117% Performance Listino di riferimento: + 28.5% Over-Performance Engineering vs STAR: + 294% Nel 2009 il titolo ha fatto registrare la miglior performance relativa (+117%) e il miglior risultato in confronto al benchmark del listino di riferimento (+294%). L’andamento delle quotazioni del titolo Engineering dimostra in questo contesto la consistenza di un modello di business solido, fondato su un’esperienza trentennale, ampiamente collaudato sul mercato. La regolarità con la quale gli obiettivi dichiarati sono stati confermati durante tutto il corso dell’anno, di trimestre in trimestre, ha permesso al titolo di mettere a segno una performance eccellente, tripla rispetto al listino di riferimento. 27,87 20,07 12,27 gen • 2009 apr • 2009 lug • 2009 ott • 2009 dic • 2009 130
  25. 25. RELAZIONE SuLLA GESTIONE XIV. Eventi significativi dopo la chiusura dell’esercizio Riportiamo di seguito i principali eventi: • Non si segnalano fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio. XV. Evoluzione prevedibile della gestione Per il 2010 le previsioni indicano una ulteriore contrazione della domanda di servizi IT. Il 2009 ha dimostrato che il modello operativo della società è in grado di competere con successo in contesti difficili dove Aziende meno strutturate o insufficientemente capitalizzate stentano a svilupparsi. Tra le migliori sicuramente Engineering che si presenta all’apertura del nuovo esercizio con accresciuta credibilità e solidità, in grado quindi di cogliere tutte le opportunità che si presenteranno al termine di questa fase recessiva. Grande impulso verrà dato alla ricerca, in particolare nell’area dei media digitali tra cui la TV digitale e l’IPTV, e nello sviluppo delle nostre piattaforme open source. XVI. Altre informazioni Documento programattico sulla sicurezza dei dati La Società ha provveduto all’aggiornamento delle procedure e del documento, inclusivo del piano di formazione del personale per l’anno 2009 così come previsto dal D.lgs. 196/03, entro i termini previsti dalla legge. Sono state inoltre confermate le prescrizioni di sicurezza attualmente adottate. Durante la seduta del Consiglio di Amministrazione del 14 febbraio 2009 è stato designato quale responsabile del trattamento dei dati personali Stefano Massimo Bortone. Certificazione CMM per il processo produttivo di Engineering Fin dal 1994 il Sistema Gestione Qualità di Engineering ha conseguito la certificazione ISO 9000; nel 2002 tale certificazione è stata aggiornata agli standard ISO 9001:2000- La Società al fine di migliorare ulteriormente la propria capacità di realizzare progetti complessi con elevati standard qualitativi, nel 2003 ha avviato, tra le prime aziende del settore, l’iter per il conseguimento della certificazione CMM. Allo scopo, all’inizio del 2003, Engineering ha affidato specifico incarico alla società ESI - European Software Institute di Bilbao, società autorizzata dal SEI per gli assessment e le certificazioni CMM. La certificazione ottenuta nel febbraio 2005, testimonia l’eccellenza raggiunta dal processo produttivo di Engineering e pone le basi per la definizione delle strategie ottimali per un progressivo consolidamento e miglioramento dello stesso. Successivamente l’Azienda ha deciso di proseguire nel percorso di miglioramento, allestendo all’interno una infrastruttura (metodologica, strumentale e organizzativa) che ha consentito di conseguire in ottobre 2007 il Livello 3 del modello CMM v.1.2.. 131
  26. 26. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Consolidato fiscale A decorrere dall’esercizio 2009 la società Engineering.it S.p.A. è entrata nel perimetro del “Consolidato fiscale nazionale” di cui agli articoli 117 e seguenti D.P.R. 917/86 (TUIR) della Capogruppo, Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. che consente di determinare l’IRES su una base imponibile corrispondente alla somma algebrica degli imponibili positivi e negativi delle singole società. Per Nuova trend non è stata esercitata l’opzione di rinnovo in vista della fusione per incorporazione di quest’ultima avvenuta nel mese di dicembre 2009. Rapporti con l’Amministrazione finanziaria Nel corso del primo semestre 2009 la società ha subito da parte della Direzione Regionale del Lazio – Ufficio Grandi Contribuenti - una verifica fiscale generale ai fini delle II.DD., dell’IRAP e dell’IVA per l’esercizio 2006. L’ispezione iniziata in data 06 maggio 2009 si è conclusa il giorno 09 luglio 2009 con la notifica del processo verbale di constatazione da cui non è emerso nessun rilievo meritevole di disamina. Gestione amministrativa Nel corso dell’anno 2009 il Gruppo ha avviato un nuovo sistema informativo amministrativo. Tale progetto ha comportato la completa revisione del Sistema Amministrativo Contabile ed ha previsto l’integrazione del nuovo sistema per la parte di gestione e redazione del bilancio con il sistema gestionale di produzione proprio della nostra Azienda. La scelta si inquadra nella esigenza, di dotare tutte le aziende del Gruppo di un sistema in grado di permettere la completa integrazione in ambito nazionale ed internazionale a fronte delle dimensioni raggiunte e delle strategie di mercato, nonché un supporto nell’ambito della Corporate Governance. Infatti, il nuovo sistema dispone di un insieme strutturato di procedure e attività di controllo tale da consentire con estrema affidabilità e certezza l’applicazione delle procedure e dei processi previsti nel Modello Organizzativo presente in azienda ai fini dell’applicazione del D. lgs 231 del 8/6/2001. Si prevede la completa conclusione del Progetto entro i primi sei mesi dell’anno 2010, con l’estensione alle società partecipate e l’implementazione dell’area inerente al Bilancio Consolidato del Gruppo. Principali rischi e incertezze La società è esposta ai medesimi rischi e incertezze riportati nella relazione sulla gestione del Gruppo, a cui si rimanda. 132
  27. 27. RELAZIONE SuLLA GESTIONE XVII. Conclusioni e proposte dell’Assemblea L’utile netto di esercizio è stato di 19.699.816 euro. Il Consiglio di Amministrazione in considerazione dei risultati raggiunti e di quanto esposto nella presente Relazione in merito ai programmi futuri, propone di destinare agli azionisti un dividendo unitario per azione pari ad euro 0,5646 per un ammontare complessivo di euro 7.000.000,00. Il dividendo unitario per azione tiene conto del numero di azioni proprie possedute dalla Società alla sera del 29 marzo 2010 che sono pari a 103.937. Se le proposte venissero integralmente accolte dall’assemblea dei soci, l’utile netto sarebbe così destinato: distribuzione di dividendi agli azionisti 7.000.000,00 euro a riserva per utili non distribuiti 12.699.816,00 euro Viene inoltre proposto di mettere in pagamento il dividendo a decorrere dal 17 giugno 2010 precisando che il titolo negozierà ex dividendo a decorrere dal 14 giugno 2010. Il Presidente Michele Cinaglia in nome del Consiglio di Amministrazione fa notare che il bilancio viene sottoposto a revisione contabile dalla società di revisione PricewaterhouseCooper S.p.A.. ALLEGATO 3C Partecipazioni degli amministratori, dei componenti del Comitato per il Controllo sulla Gestione, dei Direttori Generali e dei Dirigenti con responsabilità strategiche. Cognome e Nome Società partecipata N°azioni possedute N°azioni N°azioni N°azioni possedute alla fine dell’esercizio acquistate vendute alla fine dell’esercizio precedente in corso Cinaglia Michele Engineering Ingegneria 2.873.234 1.000 2.874.234 Informatica S.p.A. Amodeo Rosario* Engineering Ingegneria 555.743 3.000 558.743 Informatica S.p.A. Amodeo Costanza Engineering Ingegneria 1.992.856 1.992.856 Informatica S.p.A. Pandozy Paolo Engineering Ingegneria 52.378 52.378 Informatica S.p.A. Amodeo Tommaso Engineering Ingegneria 2.014.114 1.000 2.013.114 Informatica S.p.A. Schlesinger Dario Engineering Ingegneria 75 75 Informatica S.p.A. * Usufrutto su azioni dei figli Tommaso Amodeo n. 262.377 e di Costanza Amodeo n. 262.377 133
  28. 28. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Situazione Patrimoniale Finanziaria (Importi in euro) Situazione patrimoniale finanziaria - Attivo 31/12/2009 31/12/2008 Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. Note A) Attivo non corrente Immobili, impianti e macchinari 4 17.086.565 12.953.349 Attività immateriali 5 21.344.831 6.690.780 Avviamento 6 43.648.341 18.899.657 Investimenti in partecipazioni 7 61.791.294 109.797.183 Crediti per imposte differite 8 2.023.472 2.306.844 Altre attività non correnti 9 1.573.014 2.660.932 Totale attivo non corrente 147.467.516 153.308.744 B) Attivo non corrente destinato alla vendita 10 0 4.458.078 C) Attivo corrente Rimanenze 11 724.676 0 Lavori in corso su ordinazione 12 67.031.861 49.683.912 di cui da parti correlate (*) 2.713.615 235.002 Crediti commerciali 13 340.844.927 281.986.684 di cui da parti correlate (*) 41.299.343 29.599.884 Altre attività correnti 14 37.744.345 32.330.695 Disponibilità liquide 15 31.607.285 49.439.614 Totale attivo corrente 477.953.095 413.440.906 Totale attivo (A+B+C) 625.420.611 571.207.728 134
  29. 29. SITuAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA (Importi in euro) Situazione patrimoniale e finanziaria - Passivo Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. Note 31/12/2009 31/12/2008 D) Patrimonio netto Capitale sociale 17 31.609.961 31.620.329 Riserve 18 154.237.812 148.389.526 Utili (perdite) portati a nuovo 19 45.126.922 24.535.777 Utile (perdita) dell’esercizio 19.699.816 21.360.757 Totale patrimonio netto 16 250.674.511 225.906.390 E) Passivo non corrente Passività finanziarie non correnti 20 43.882.595 53.845.738 Debiti per imposte differite 21 12.018.962 10.650.307 Fondi per rischi ed oneri non correnti 0 0 Altre passività non correnti 22 1.500.000 0 Trattamento di fine rapporto di lavoro 23 31.252.489 27.135.283 Totale passivo non corrente 88.654.046 91.631.328 F) Passivo corrente Passività finanziarie correnti 24 33.825.664 35.241.974 Debiti per imposte correnti 25 16.387.785 17.571.771 Fondi per rischi ed oneri correnti 26 588.959 2.194.755 Altre passività correnti 27 74.833.043 66.055.652 di cui da parti correlate (*) 795.476 549.610 Debiti commerciali 28 160.456.604 132.605.859 di cui da parti correlate (*) 39.613.743 36.081.520 Totale passivo corrente 286.092.054 253.670.011 G) Totale passivo (E+F) 374.746.100 345.301.339 Totale patrimonio netto e passivo (D+G) 625.420.611 571.207.728 135
  30. 30. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Conto economico e prospetto di conto economico complessivo (Importi in euro) Conto economico 31/12/2009 31/12/2008 Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. Note A) VALORE DELLA PRODuZIONE Ricavi 433.741.800 375.236.441 Altri ricavi 30 23.681.789 17.201.029 Totale valore della produzione 29 457.423.590 392.437.469 di cui da parti correlate (*) 20.600.332 14.211.425 B) Costi della produzione Per materie prime e di consumo 32 11.173.270 11.149.513 Per servizi 33 207.426.015 175.893.548 Per il personale 34 187.063.496 158.492.513 Ammortamenti 35 14.146.375 5.491.237 Accantonamenti e svalutazioni 36 2.045.256 1.274.915 Altri costi 37 1.735.949 1.455.107 Totale costi della produzione 31 423.590.360 353.756.832 di cui da parti correlate (*) 35.065.835 30.114.210 C) Risultato operativo (A-B) 33.833.230 38.680.637 D) Proventi (oneri) finanziari netti 38 (1.908.624) (2.206.170) di cui da parti correlate (*) 277.778 (67.201) E) Proventi (oneri) da partecipazioni 39 1.071.022 1.893.386 F) Risultato prima delle imposte (C+D+E) 32.995.628 38.367.852 G) Imposte 40 17.120.073 17.007.095 utile (perdita)da attività operative in H) esercizio (F-G) 15.875.555 21.360.757 I) Utile (perdita) da attività operative cessate al 41 netto degli effetti fiscali 3.824.261 0 L) utile (perdita) dell’esercizio (H+I) 19.699.816 21.360.757 (*) i dettagli e i commenti alle parti correlate sono forniti al successivo paragrafo 43. 136
  31. 31. CONTO ECONOMICO (Importi in euro) Conto economico complessivo 31/12/2009 31/12/2008 Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. M) utile (perdita) dell’esercizio 19.699.816 21.360.757 Altre comp. del conto economico complessivo utile(perdite)attuariali dei piani a benefici definiti (1.991.538) (907.476) Variazioni di fair value della copertura di flussi finanziari 755.425 (1.273.594) Imposte sulle altre componenti del conto economico complessivo 339.931 599.794 N) Altre comp. del conto economico complessivo (896.182) (1.581.276) O) Totale utile(perdita)compless. dell’esercizio(M+N) 18.803.635 19.779.481 Gruppo Engineering 31/12/2009 31/12/2008 utile del periodo consolidato Utile base per azione 2,75 0,99 Utile diluito per azione 2,75 0,99 137
  32. 32. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Prospetto delle variazioni del patrimonio netto (Importi in euro) Totale Capitale Risultato Descrizione Riserve utili a nuovo Bilancio sociale d'esercizio Consolidato Saldi al 01/01/2008 31.768.389 106.578.933 16.373.575 15.880.200 170.601.096 Risultato dell’esercizio 21.360.757 21.360.757 Altre componenti del conto economico complessivo (1.581.276) (1.581.276) nette utile complessivo del periodo 0 0 (1.581.276) 21.360.757 19.779.481 Destinazione utile anno preced. 9.381.353 (9.380.200) 1.153 Distribuzione utili (6.500.000) (6.500.000) Incr./ decrem. azioni proprie (148.061) (1.234.761) (1.382.822) Operazioni (148.061) 0 8.146.592 (15.880.200) (7.881.669) con gli Azionisti Altri movimenti 41.810.594 1.596.887 43.407.481 Altri movimenti 0 41.810.594 1.596.887 0 43.407.481 Saldi al 31/12/2008 31.620.329 148.389.527 24.535.777 21.360.757 225.906.390 Risultato dell’esercizio 19.699.816 19.699.816 Altre componenti del conto economico complessivo (896.182) (896.182) nette utile complessivo del periodo 0 0 (896.182) 19.699.816 18.803.635 Destinazione utile anno preced. 21.360.757 (21.360.757) 0 Distribuzione utili 0 Incr./ decrem. azioni proprie (10.368) (44.641) 0 (55.009) Operazioni (10.368) 0 21.316.116 (21.360.757) (55.009) con gli Azionisti Altri movimenti 5.848.285 171.211 6.019.496 Altri movimenti 0 5.848.285 171.211 0 6.019.496 Saldi al 31/12/2009 31.609.961 154.237.812 45.126.923 19.699.816 250.674.511 138
  33. 33. RENDICONTO FINANZIARIO Rendiconto Finanziario Per quanto riguarda i flussi finanziari derivanti dalle acquisizioni avvenute nel corso dell’esercizio si rinvia all’informativa riportata nel paragrafo IX del presente documento. (Importi in euro) Analisi del Rendiconto finanziario 31/12/09 31/12/08 Flussi monetari da attività operativa Autofinanziamento Utile d’esercizio 19.699.816 21.360.757 di cui da parti correlate (*) (14.187.725) (15.969.986) Riserve di patrimonio (2.685.554) (2.962.968) Ammortamenti 14.146.375 5.491.237 Variazione dei fondi 1.524.137 (633.526) Variazione del T.F.R. 1.647.926 (694.610) I Totale Autofinanziamento 34.332.699 22.560.890 Variazione del capitale circolante Crediti commerciali e rimanenze (49.822.076) (40.975.467) di cui da parti correlate (*) (14.178.072) (11.055.639) Altre attività correnti (4.498.681) 2.548.238 Debiti commerciali 32.954.819 26.766.350 di cui da parti correlate (*) 3.532.223 (21.703.832) Altre passività correnti (5.277.771) 3.722.226 di cui da parti correlate (*) 245.866 40.943 II Totale Variazione del capitale circolante (26.643.709) (7.938.653) A)=(I+II) Totale Flussi monetari da attività operativa 7.688.990 14.622.237 Flussi monetari per attività d’investimento Immobilizzazioni materiali (2.892.349) (3.365.796) Immobilizzazioni immateriali e avviamento (18.551.576) (6.983.494) Immobilizzazioni finanziarie e altre attività (2.858.006) 2.622.304 Cessione partecipazioni 10.779.859 244.608 Acquisizione partecipazioni (954.188) (47.026.000) B) Totale Flussi monetari per attività d’investimento (14.476.259) (54.508.378) Flussi monetari da attività di finanziamento Variazione di finanziamenti m/lt (10.506.775) 49.468.455 Distribuzione dividendi 0 (6.500.000) Variazioni capitale 0 0 C) Totale Flussi monetari da attività di finanziamento (10.506.775) 42.968.455 D)=(A+B+C) Variazione cassa e suoi equivalenti (17.294.044) 3.082.314 Disponibilità/(Indebitamento) finanziario netto a breve E) iniziale (***) 15.075.665 14.070.472 Disponibilità/(Indebitamento) finanziario netto a breve F)=(D+E) finale (2.218.378) (***) 17.152.785 * I dettagli e i commenti alle parti correlate sono forniti al successivo paragrafo 43. ** Il presente rendiconto finanziario è stato predisposto mettendo a confronto il bilancio 2009 con il bilancio 2008 pro-forma ipotizzando che le fusioni fossero già state effettuate al 31 dicembre 2008. *** La differenza tra la disponibilità finanziaria netta a breve iniziale del 2009 e quella finale del 2008 è relativa alle disponibilità nette rivenienti dalle società fuse. 139
  34. 34. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA Riconciliazione con la situazione patrimoniale finanziaria Disponibilità liquide 31.607.285 49.439.614 Passività finanziarie correnti (33.825.664) (32.286.829) Disponibilità/(Indebitamento) finanziario netto a (2.218.378) 17.152.785 breve finale Posizione finanziaria netta Secondo quanto richiesto dalla comunicazione Consob del 28 luglio 2006 ed in conformità con la raccomandazione del CESR del 10 febbraio 2005 riportiamo di seguito la composizione della posizione finanziaria netta del Gruppo. (Importi in euro) Descrizione valore al 31/12/2009 valore al 31/12/2008 Cassa 24.953 18.787 Altre disponibilità liquide 31.582.332 49.420.827 Liquidità 31.607.285 49.439.614 Crediti finanziari correnti - 2.955.148 Debiti bancari correnti (4.970) (916.149) Parte corrente dell’indebitamento non corrente (27.094.673) (27.367.077) Altri debiti finanziari correnti (6.726.020) (6.958.751) Indebitamento finanziario corrente (33.825.663) (35.241.977) Indebitamento finanziario corrente netto (2.218.378) 17.152.785 Indebitamento finanziario non corrente (42.618.099) (53.471.139) Altri debiti non correnti (1.061.570) (76.178) Indebitamento finanziario non corrente (43.679.669) (53.547.317) Indebitamento finanziario netto (45.898.047) (36.394.532) Nella presente tabella i valori al 31 dicembre 2008 non contengono i dati delle società fuse al 31 dicembre 2009. 140
  35. 35. NOTE ESPLICATIVE NOTE ESPLICATIVE AL BILANCIO D’ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 1 Informazioni generali La società Engineering Ingegneria Informatica S.p.A con sede legale a Roma in Via San Martino della Battaglia, 56 rappresenta una delle maggiori realtà italiane nei servizi di Information Technology articolati su più linee di business che comprendono la system integration, la fornitura di consulenza organizzativa e di servizi specialistici, soluzioni applicative proprie e l’application management. Il mercato di Engineering S.p.A. è rappresentato da clienti di medie-grandi dimensioni su tutti i principali segmenti di mercato, sia privati (banche, assicurazioni, industria dei servizi, telecomunicazioni e utilities) che pubblici (pubblica amministrazione centrale e locale). Il titolo Engineering è quotato dal 12 dicembre 2000 presso la Borsa di Milano, dal 2004 nel settore ALLSTAR (cod. Reuters: ENG.MI, cod. Bloomberg ENG.IM); è inserito nel segmento FTSE ITALIA STAR che accoglie oltre 70 società e richiede requisiti di eccellenza. La pubblicazione del bilancio, per l’esercizio al 31 dicembre 2009, è stata autorizzata dal Consiglio di Amministrazione il 30 marzo 2010, e sarà oggetto di approvazione da parte dell’Assemblea degli Azionisti convocata per il 23 aprile 2010 in prima convocazione e, occorrendo, in seconda convocazione in data 26 aprile. Operazioni rilevanti Nel corso dell’esercizio 2009 la Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. ha effettuato una operazione di fusione per incorporazione di cinque società già interamente possedute dall’incorporante direttamente o indirettamente o per le quali era stata acquisita nel corso dell’esercizio la totalità del capitale sociale. Obiettivi dell’operazione sono la realizzazione di economie sui costi e l’ottimizzazione e l’efficientamento nelle attività tecniche, logistiche e amministrative. Le società incorporate sono: • Xaltia S.p.A. • Green Media S.r.l. • Nuova Trend S.p.A. • Pro Value S.r.l. • Engisud S.p.A. Per Engisud S.p.A. il controllo totalitario si è perfezionato in data 14 luglio 2009 a seguito dell’acquisizione del 76% del capitale sociale da parte della Engineering Ingegneria Informatica S.p.A., già proprietaria del residuo 24%. L’acquisizione è stata effettuata al valore corrispondente alla relativa quota di Patrimonio Netto. Il controllo del 100% del capitale sociale di Xaltia S.p.A., e di conseguenza della sua controllata al 100% Green Media S.r.l., si è perfezionato in data 24 luglio 2009 a seguito dell’acquisto dell’intero capitale sociale dalla controllata Engineering.IT S.p.A.. La data di efficacia della fusione è il 31 dicembre 2009 ma ai fini contabili le operazioni delle società incorporate sono state imputate al bilancio Engineering Ingegneria Informatica S.p.A. a decorrere dal 1 gennaio 2009, data in cui le fusioni hanno efficacia “reale” e da cui decorrono anche gli effetti fiscali. Questa operazione non ha comportato alcun effetto economico né l’emersione di maggiori valori rispetto a quelli risultanti dal bilancio consolidato ma ha determinato la convergenza del bilancio consolidato dell’incorporante, alla data di fusione, verso il bilancio individuale dell’incorporante post fusione, attuando il cosiddetto “consolidamento legale”. 141
  36. 36. ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA I dati di bilancio, per effetto di tali operazioni straordinarie, non sono facilmente confrontabili con quelli dell’anno precedente e pertanto, al fine di permettere una valutazione omogenea degli effetti, nella relazione sulla gestione sono state inserite informazioni Pro-forma che permettono di comparare i risultati del 2009 con quelli del 2008, determinati ipotizzando che le fusioni fossero state già effettuate. Tuttavia per una più chiara lettura delle note esplicative, di seguito si riportano i dati essenziali patrimoniali ed economici delle società incorporate confluiti nel bilancio dell’incorporante: (Importi in migliaia di euro) Dati essenziali patrimoniali Nuova Trend Xaltia Engisud Green Media Provalue Attività 69.097 11.014 5.433 513 4.344 Passività (13.870) (7.867) (2.121) (383) (3.185) Patrimonio netto (55.227) (3.147) (3.312) (130) (1.159) (Importi in migliaia di euro) Nuova Green Elisioni Effetto Dati economici Xaltia Engisud Provalue Trend Media interne Fusioni (a) Ricavi 30.447 10.487 6.843 709 5.091 (14.469) 39.109 (b) Costi (31.470) (9.237) (8.278) (723) (4.352) 13.246 (40.814) Differenza (a) + (b) (1.022) 1.250 (1.435) (15) 739 (1.223) (1.705) L’altra operazione di rilievo, effettuata nell’esercizio 2009, si riferisce alla cessione dell’intera partecipazione posseduta nella società Softlab S.p.A avvenuta nel mese di giugno. Il corrispettivo ricevuto è stato di 3.250 mila euro. Per maggiori dettagli si rimanda al paragrafo 41 della presente nota. 2 Forma, contenuto e principi contabili Il presente bilancio è stato predisposto in conformità ai principi contabili internazionali (IAS-IFRS) omologati dalla Commissione Europea ed alle relative interpretazione dell’IFRIC nonchè ai provvedimenti emanati in attuazione del comma 3 dell’art. 9 del Dlgs n. 38 del 28/2/2005. Il principio IAS 1, rivisto nel 2007, oltre ad introdurre alcune nuove denominazioni per i prospetti di bilancio, ha introdotto l’obbligo di presentare in un unico prospetto (denominato prospetto di conto economico complessivo) o in due prospetti separati (conto economico e prospetto di conto economico complessivo) le componenti che compongono l’utile/(perdita) del periodo e gli oneri e proventi rilevati direttamente a patrimonio netto per operazioni diverse da quelle poste in essere con i soci. Le transazioni posti in essere con i soci, insieme al risultato del conto economico complessivo, sono invece presentate nel prospetto delle variazioni del patrimonio netto. L’applicazione del principio non ha comportato variazioni nei criteri di valutazione adottati. La società, con riferimento al prospetto di conto economico complessivo, ha optato per la presentazione di due prospetti separati. Il bilancio è espresso in euro ed è costituito dalla situazione Patrimoniale Finanziaria, Conto Economico, Conto Economico Complessivo, Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto, Rendiconto Finanziario e dalle relative note di commento. Per la situazione patrimoniale finanziaria la classificazione dell’ attività e passività è effettuata secondo il criterio “correnti/non correnti” con specifiche separazioni delle attività e passività destinate alla vendita. Le attività correnti sono quelle destinate ad essere realizzate cedute o consumate nel normale ciclo operativo della società o nei dodici mesi successivi alla chiusura dell’esercizio. 142
  37. 37. NOTE ESPLICATIVE Le passività correnti sono quelle per le quali è prevista l’estensione nel normale ciclo operativo o entro i dodici mesi successivi alla chiusura del bilancio. Il conto economico è classificato in base alla natura dei costi mentre il rendiconto finanziario è presentato utilizzando il metodo indiretto. Gli schemi della situazione patrimoniale finanziaria, del conto economico e del rendiconto finanziario evidenziano le transazioni verso le parti correlate. Il bilancio è inoltre corredato dalla Relazione sulla Gestione, redatta dal Consiglio di Amministrazione nel rispetto del dettato dell’articolo 2428 del codice civile cui si fa rinvio per quanto riguarda una più dettagliata informativa in merito alle attività della società ed agli eventi significativi intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio. Uso di stime e valutazioni La redazione di un bilancio in conformità agli IFRS richiede anche l’utilizzo di stime ed assunzioni che si riflettono nel valore di bilancio delle attività e passività, dei costi e ricavi e nell’evidenziazione di attività e passività potenziali. Le stime e le assunzioni sono basate sulle migliori informazioni disponibili alla data di rendicontazione e sulle esperienze pregresse quando il valore contabile delle attività e passività non è facilmente desumibile da altre fonti. Le voci maggiormente influenzate dai processi di stima sono i lavori in corso, gli stanziamenti ai fondi rischi e oneri, i ricavi e la valutazione del trattamento di fine rapporto I risultati che si consuntiveranno potrebbero pertanto differire da tali stime. Le stime e le assunzioni riviste periodicamente e gli effetti delle variazioni sono riflessi immediatamente a conto economico. 3 Criteri di valutazione Le valutazioni delle voci di bilancio sono state effettuate nella prospettiva della continuazione dell’attività della società nel prevedibile futuro. Il presente bilancio è stato redatto utilizzando il criterio di valutazione in base al costo storico, fatta eccezione per la valutazione al fair value dello strumento finanziario derivato a copertura del rischio di variabilità dei flussi di interesse passivi relativa ad un finanziamento in essere. Di seguito sono indicati i criteri adottati nella redazione del presente bilancio. 3.1 Immobili, Impianti e Macchinari Gli immobili, impianti e macchinari sono costituiti da beni di uso durevole posseduti per essere impiegati nella produzione o nella fornitura di beni e servizi, per essere locati o per essere utilizzati per scopi amministrativi. Non rientrano in tale definizione le proprietà immobiliari possedute al fine principale o esclusivo di conseguire canoni di locazione o l’apprezzamento del capitale investito o entrambe le motivazioni (“Investimenti immobiliari”). Gli immobili, impianti e macchinari sono iscritti al costo di acquisizione. Il costo di acquisizione è rappresentato dal fair value del prezzo pagato e ogni altro costo direttamente imputabile e necessario alla messa in funzione del bene per l’uso per cui è stato acquistato. La capitalizzazione dei costi inerenti l’ampliamento, ammodernamento o miglioramento degli elementi strutturali di proprietà o in uso da terzi, è effettuata esclusivamente nei limiti in cui gli stessi rispondano ai requisiti per essere separatamente classificati come attività o parte di un’attività. Gli immobili, impianti e macchinari sono esposti al netto dei relativi ammortamenti accumulati e delle eventuali perdite di valore. Il valore da ammortizzare è rappresentato dal valore di iscrizione al lordo degli ammortamenti e al netto delle svalutazioni effettuate. Considerata l’omogeneità dei beni compresi nelle 143

×