Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
PER INSEGNARE L’ITALIANO AI BAMBINI STRANIERI
PRATTICA III PROFSSA. VESCONI
ALUNNA FRIAS
2015
QUALI SONO GLI OBIETTIVI
DELL’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO
COME LINGUA 2?
COME POSSO PROCEDERE?
ATTRAVERSO UNITÀ DIDATTICHE?
ATTRAVERSO LE SCHEDE CHE MI
PROPONE L’INSEGNANTE?
QUALI TECNICHE UTILIZZARE PER
INSEGNARE L’ITALIANO COME LINGUA
SECONDA?
QUALI SONO I FATTORI CHE
INFLUENZANO L’ACQUISIZIONE DI UNA
SECONDA LINGUA?
PERCHÉ INIZIALMENTE L’ALUNNO NON
PARLA? IL SILENZIO VA RISPETTATO?
FINO A CHE PUNTO?
COME CORREGGERE IL BAMBINO O IL
RAGAZZO?
COME POSSO INIZIARE CON CHI È
PROPRIO APPENAARRIVATO?
QUALI SONO GLI OBIETTIVI
DELL’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO
COME LINGUA 2?
GLI ALLIEVI STRANIERI HANNO DUE ORDINI DI
MOTIVAZIONE PER IMPARARE LA LINGUA
ITALIANA:
• MOTIVAZIONI STRUMENTALI CHE RIGUA...
DOVE SI COLLOCA, STANDO COSÌ LE
COSE, L’INTERVENTO DEL VOLONTARIO?
Secondo PAOLO BALBONI in un’ottica
d’insegnamento di L2 quando si parla di
alunni stranieri è difficilissimo generalizzare...
PROVENIENZA → che determina una
differente concezione di elementi a cui spesso
neanche pensiamo quali, ad esempio,
“determ...
LIVELLI DI COMPETENZA → Spesso
anche pregressi
MOTIVAZIONI AD APPRENDERE,
Spesso legate al progetto migratorio della
famiglia (le comunità cinesi continuano a
spostarsi,...
SITUAZIONI DIVERSIFICATE IN CUI
AVVIENE L’APPRENDIMENTO → C’è il
mediatore o c’è stato o ci sarà? C’è un
insegnante che in...
L’allievo deve arrivare a possedere una
COMPETENZA COMUNICATIVA, ciò
significa che egli deve/dovrà arrivare a:
a. Saper recepire, produrre, manipolare testi,
ovvero padroneggiare le abilità linguistiche;
Valutare prima di tutto le competenze di base su
cui è poi possibile lavorare. A volte, infatti, i
bambini arrivano in ita...
LE INDICAZIONI CHE QUI VENGONO
PROPOSTE DOVREBBERO TENDERE A:
OGNI TEMA POTREBBE ESSERE
IMPOSTATO IN QUESTO MODO:
Le prime parole apprese dai ragazzi (nomi,
aggettivi, verbi…) serviranno poi per agganciarvi
nuovi attributi ed espansioni...
ECCO COMUNQUE UNA POSSIBILE
LISTA DI TEMI:
Tali tematiche sono funzionali alle
ABILITÀ che si vuole vengano raggiunte
dal bambino in questa prima fase del lavoro.
Es...
ASCOLTO:
IMPARARE A COMUNICARE:
LEGGERE
SCRIVERE
PROPOSTE E PUNTI DI ATTENZIONE
SULL’ITALIANO COME LINGUA PER LA
COMUNICAZIONE
Non proporre subito l’italiano come lingua di
studio, ovvero non puntare subito sulla
grammatica, perché ciò richiederebbe...
Partire sempre da SITUAZIONI REALI:
in altri termini, il momento di laboratorio
deve servire al bambino per acquisire gli
...
Adattare la lingua alle capacità di comprensione
del bambino: ciò non significa “storpiare” la
lingua (“tu comprare quader...
CHE COSA FARE NELLA FASE DEL
SILENZIO?
• Capita molto spesso agli insegnanti di scontrarsi con il silenzio
iniziale dei pr...
Che cosa può fare l’insegnante per rispettare questa fase? Nella
propria programmazione è bene prevedere attività che non
...
HA SENSO LA CORREZIONE? COME
EFFETTUARLA?
• Ai fini dell'apprendimento, la correzione degli errori
non serve. Sono state c...
Un insegnante percepisce la correzione dei compiti come
uno dei suoi doveri primari, ma, frequentemente, è anche
l'allievo...
Per insegnare l’italiano ai bambini stranieri
Per insegnare l’italiano ai bambini stranieri
Per insegnare l’italiano ai bambini stranieri
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Per insegnare l’italiano ai bambini stranieri

6,002 views

Published on

Insegnare italiano. Materiale di lettura.

Published in: Education
  • Dating for everyone is here: ❤❤❤ http://bit.ly/2F90ZZC ❤❤❤
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Follow the link, new dating source: ❶❶❶ http://bit.ly/2F90ZZC ❶❶❶
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

Per insegnare l’italiano ai bambini stranieri

  1. 1. PER INSEGNARE L’ITALIANO AI BAMBINI STRANIERI PRATTICA III PROFSSA. VESCONI ALUNNA FRIAS 2015
  2. 2. QUALI SONO GLI OBIETTIVI DELL’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO COME LINGUA 2?
  3. 3. COME POSSO PROCEDERE? ATTRAVERSO UNITÀ DIDATTICHE? ATTRAVERSO LE SCHEDE CHE MI PROPONE L’INSEGNANTE?
  4. 4. QUALI TECNICHE UTILIZZARE PER INSEGNARE L’ITALIANO COME LINGUA SECONDA?
  5. 5. QUALI SONO I FATTORI CHE INFLUENZANO L’ACQUISIZIONE DI UNA SECONDA LINGUA?
  6. 6. PERCHÉ INIZIALMENTE L’ALUNNO NON PARLA? IL SILENZIO VA RISPETTATO? FINO A CHE PUNTO?
  7. 7. COME CORREGGERE IL BAMBINO O IL RAGAZZO?
  8. 8. COME POSSO INIZIARE CON CHI È PROPRIO APPENAARRIVATO?
  9. 9. QUALI SONO GLI OBIETTIVI DELL’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO COME LINGUA 2?
  10. 10. GLI ALLIEVI STRANIERI HANNO DUE ORDINI DI MOTIVAZIONE PER IMPARARE LA LINGUA ITALIANA: • MOTIVAZIONI STRUMENTALI CHE RIGUARDANO:
  11. 11. DOVE SI COLLOCA, STANDO COSÌ LE COSE, L’INTERVENTO DEL VOLONTARIO?
  12. 12. Secondo PAOLO BALBONI in un’ottica d’insegnamento di L2 quando si parla di alunni stranieri è difficilissimo generalizzare, in quanto sono tantissime le diversità nell’ambito di:
  13. 13. PROVENIENZA → che determina una differente concezione di elementi a cui spesso neanche pensiamo quali, ad esempio, “determinato/indeterminato” o anche “azione momentanea/azione continua” oppure diverse logiche alfabetiche.
  14. 14. LIVELLI DI COMPETENZA → Spesso anche pregressi
  15. 15. MOTIVAZIONI AD APPRENDERE, Spesso legate al progetto migratorio della famiglia (le comunità cinesi continuano a spostarsi, nelle famiglie che vengono dalla guerra c’è la nostalgia e la volontà di ricostruire laddove tutto è stato distrutto, e così via)
  16. 16. SITUAZIONI DIVERSIFICATE IN CUI AVVIENE L’APPRENDIMENTO → C’è il mediatore o c’è stato o ci sarà? C’è un insegnante che in momenti particolari si occupa del bambino?
  17. 17. L’allievo deve arrivare a possedere una COMPETENZA COMUNICATIVA, ciò significa che egli deve/dovrà arrivare a:
  18. 18. a. Saper recepire, produrre, manipolare testi, ovvero padroneggiare le abilità linguistiche;
  19. 19. Valutare prima di tutto le competenze di base su cui è poi possibile lavorare. A volte, infatti, i bambini arrivano in italia con un minimo di competenza orale, acquisita magari guardando la TV (pensiamo ai bambini albanesi), alle volte parlano una lingua simile all’italiano (pensiamo ai bambini di madrelingua portoghese), alle volte non conoscono assolutamente niente della nuova lingua.
  20. 20. LE INDICAZIONI CHE QUI VENGONO PROPOSTE DOVREBBERO TENDERE A:
  21. 21. OGNI TEMA POTREBBE ESSERE IMPOSTATO IN QUESTO MODO:
  22. 22. Le prime parole apprese dai ragazzi (nomi, aggettivi, verbi…) serviranno poi per agganciarvi nuovi attributi ed espansioni, per costituire un tessuto via via più complesso. L’ottica è quella di cercare di aggiungere sempre un elemento ignoto ad uno noto per facilitare la comprensione: es. Se il ragazzo conosce già il comando "prendi la penna" si può aggiungere "prendi la penna rossa" e poi "prendi la penna rossa sul banco" e così via.
  23. 23. ECCO COMUNQUE UNA POSSIBILE LISTA DI TEMI:
  24. 24. Tali tematiche sono funzionali alle ABILITÀ che si vuole vengano raggiunte dal bambino in questa prima fase del lavoro. Esse possono essere così suddivise:
  25. 25. ASCOLTO:
  26. 26. IMPARARE A COMUNICARE:
  27. 27. LEGGERE
  28. 28. SCRIVERE
  29. 29. PROPOSTE E PUNTI DI ATTENZIONE SULL’ITALIANO COME LINGUA PER LA COMUNICAZIONE
  30. 30. Non proporre subito l’italiano come lingua di studio, ovvero non puntare subito sulla grammatica, perché ciò richiederebbe uno sforzo cognitivo troppo grosso. L’organizzazione della seconda lingua verrà in una prima fase appresa progressivamente attraverso il lessico e i modi di dire senza ricorrere subito alla terminologia grammaticale.
  31. 31. Partire sempre da SITUAZIONI REALI: in altri termini, il momento di laboratorio deve servire al bambino per acquisire gli strumenti linguistici che gli permettano di inserirsi, nel più breve tempo possibile, nella normale vita di società.
  32. 32. Adattare la lingua alle capacità di comprensione del bambino: ciò non significa “storpiare” la lingua (“tu comprare quaderno!”), Ma:
  33. 33. CHE COSA FARE NELLA FASE DEL SILENZIO? • Capita molto spesso agli insegnanti di scontrarsi con il silenzio iniziale dei propri alunni, silenzio che sembra mettere in discussione la validità dell'intervento didattico. Questo periodo è assolutamente normale nei bambini che imparano una lingua: prima capiscono e poi parlano. Lo stesso succede quando si apprende in maniera naturale una seconda lingua: occorrono circa 1-3 mesi per avere le prime produzioni orali spontanee in L2. La durata di questo periodo silenzioso varia comunque molto da individuo a individuo: ci sono alcuni che si esprimono già dopo qualche giorno, altri dopo 6/7 mesi.
  34. 34. Che cosa può fare l’insegnante per rispettare questa fase? Nella propria programmazione è bene prevedere attività che non richiedono subito la produzione orale da parte dell’alunno. Il primo mese, in pratica, dovrebbe essere dedicato all’ascolto e alla comprensione della nuova lingua. Le attività saranno differenziate e dipendono chiaramente dall’età dell’allievo. Ma come verificare il livello di comprensione del ragazzo? Si possono accettare risposte scritte, sia in L1 che in L2 (o in una L3 comune all’alunno e all’insegnante), risposte orali in L1 oppure “risposte fisiche” (l’alunno, cioè, esegue le azioni indicate dall’insegnante)
  35. 35. HA SENSO LA CORREZIONE? COME EFFETTUARLA? • Ai fini dell'apprendimento, la correzione degli errori non serve. Sono state condotte alcune ricerche mettendo a confronto i risultati di due gruppi: uno con il quale veniva effettuata la correzione sistematica degli errori e un altro con il quale non era stata fatta alcuna correzione: fra i due gruppi non fu osservata alcuna differenza significativa, confermando ciò che gli insegnanti verificano continuamente in maniera empirica.
  36. 36. Un insegnante percepisce la correzione dei compiti come uno dei suoi doveri primari, ma, frequentemente, è anche l'allievo che chiede la correzione perché pensa che essa migliorerà i suoi risultati futuri. La correzione, inoltre, ha la funzione di controllo del processo di apprendimento e questo serve sia all'allievo sia all'insegnante. Alcune volte una correzione troppo severa degli errori può demotivare gli allievi anche perché spesso è accompagnata dal voto che etichetta le loro capacità. Può dunque succedere che i ragazzi finiscano per esprimersi poco perché temono di perdere la faccia.

×