Paolo e Luca Tanduo
Milano 19 Gennaio 2013
Laboratorio - Fede e vita.
Tra etica e bioetica
Movimento per la Vita Ambrosian...
Il Movimento per la Vita Ambrosiano
è una Associazione, basata sul volontariato, che opera a Milano nell'ambito
della dife...
I numeri dell’MPV
• 140.000 bambini nati in 30 anni grazie
all’MPV - 17.000 solo nel 2011
• 14.000 bambini nati col Proget...
I numeri dell’MPV
• Gestanti presentatesi
• Direttamente 26%
• Inviate da amici 28%
• Inviate dai consultori pubblici 7%
•...
I numeri dell’MPV
• ETA’ delle ragazze che si rivolgono ai
CAV
• Meno di 18 anni 2%
• Da 18 a 25 anni 24%
• Da 25 a 34 ann...
GLI ABORTI NEL MONDO
• 46.000.000 aborti all’anno
• 1 MILIARDO negli ultimi 20 anni
• In CINA 10 milioni di aborti ca
• In...
GLI ABORTI IN EUROPA
• 2,9 milioni di bambini non nati,
– 7.468 al giorno
– 327 ogni ora
– 1 ogni 11 secondi
• Un aborto s...
Il caso Regno Unito
Nel 2010 sono state 38.269 le
adolescenti che hanno interrotto la
gravidanza in Gran Bretagna.
•di que...
GLI ABORTI in ITALIA
• 5 MILIONI di aborti negli ultimi 30 anni
– 118.579 aborti nel 2009 (Dato ISTAT)
– 3817 aborti effet...
GLI ABORTI TRA LE
MINORENNI IN ITALIA
Più del 60% delle ragazze non consulta nessuno prima delle decisione di
abortire. Il...
LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO
NORLEVO – HRA PHARMA 1,5 mg
LEVONELLE – SCHERING 750 µg
In Italia
2006 320.000
2007 364.000 (+1...
LA PILLOLA DEI 5 GIORNI DOPO
consente di evitare la gravidanza
anche se assunta cinque giorni dopo il rapporto sessuale
ri...
Problematiche e osservazioni
• Mancanza del colloquio per prevenire l’aborto
• La gravidanza inizia dal concepimento
• Esi...
LA PILLOLA RU486
• La RU486 è un prodotto chimico che agendo sugli
ormoni femminili impedisce l’annidamento e provoca
l’es...
La crisi della Famiglia
• Gli ultimi dati Istat diffusi riferiti all’Anno 2007
confermano la situazione di difficoltà che ...
L'aborto nel CATECHISMO DELLA
CHIESA CATTOLICA
2270 La vita umana deve essere rispettata e
protetta in modo assoluto fin d...
Messaggio per la celebrazione della
XLVI Giornata della pace, Papa
Benedetto XVI
• “La Chiesa è convinta che vi sia l’urge...
• “Chi vuole la pace non può tollerare attentati e delitti
contro la vita. [..] Coloro che non apprezzano a
sufficienza il...
• “Non c’è futuro dell’umanità senza la famiglia; in particolare i
giovani, per apprendere i valori che danno senso all’es...
LETTERA ENCICLICA
CARITAS IN VERITATE
DEL SOMMO PONTEFICE
BENEDETTO XVI
L'apertura alla vita è al centro
del vero sviluppo.
22
•Paolo VI nella Populorum progressio vuole
comunicarci due grandi verità. La prima è che tutta
la Chiesa, in tutto il s...
23
L'apertura moralmente
responsabile alla vita è una
ricchezza sociale ed
economica.
24
•La concezione dei diritti e dei doveri nello
sviluppo deve tener conto anche delle
problematiche connesse con la cresc...
• Quando una società s'avvia verso la
negazione e la soppressione della vita,
finisce per non trovare più le motivazioni e...
26
•Per salvaguardare la natura il problema decisivo
è la complessiva tenuta morale della società. Se
non si rispetta il d...
Evangelium Vitae
N39. La vita dell'uomo proviene da Dio, è suo
dono, sua immagine e impronta, partecipazione
del suo soffi...
Evangelium Vitae
N57 L'uccisione diretta e volontaria di un essere umano
innocente è sempre gravemente immorale. Tale dott...
Evangelium Vitae
N101 Quando la Chiesa dichiara che il rispetto
incondizionato del diritto alla vita di ogni persona
innoc...
Embrione umano  2 cellule 15-20 ore  4 cellule
 morula (8cellule) 2-4gg  blastocisti (64-128cellule) 5gg
Ha un mese ma
il battito del suo
cuore può già
essere fissato
su un
elettrocardiogra
mma.
8
settimane:
la
formazione
di tutti i suoi
organi è
terminata
12 settimane: le labbra si aprono e si
chiudono, la fronte si raggrinza...
                                            
    
20 settimane:
si succhia il
dito, si
esercita per
quando
succhierà il
la...
Un bacio fra gemelli nella pancia della mamma.
L'eccezionale immagine, pubblicata dal Daily Mail,
è frutto di una tecnica ...
Nevaeh afferra il dito del medico
che la fa nascere
Nuove problematiche etiche
La fecondazione artificale e
la sperimentazione sugli
embrioni
CELLULE STAMINALI
Sono cellule scarsamente differenziate capostipite di una famiglia
da cui possono discendere tantissime ...
Le cellule staminali sono di 3 tipi
Totipotenti:possono dare origine a un nuovo embrione e a
tutti i tipi cellulari dell’o...
Le cellule staminali
EMBRIONALI
• Si crea un embrione in vitro
• Si fa sviluppare l’embrione fino allo stadio di
blastocis...
Le cellule staminali
ADULTE
• Sono estratte da tessuti,organi,cordone ombelicale
• Sono multipotenti e indirizzate verso l...
RISULTATI
• NESSUNA cura o
terapia è stata
ricavata dalle
cellule staminali
embrionali
• Moltiplice utilizzo
cellule stami...
Staminali adulte
• Nessun problema etico
• Risultati positivi gia’ raggiunti
• Autotrapianto-nessun problema di rigetto
IL FUTURO
« Cellule staminali pluripotenti indotte» «Ips»
• Scoperte dal giapponese Thomson e dal giapponese Yamanaka
sett...
FECONDAZIONE ARTIFICIALE
La Fertilità
uomo
donna
0
20
40
60
80
100
1 2 3 4 5
nati vivi
La Fecondazione Artificiale
risultati per n. di embrioni trasferiti
Diagnosi pre-impiantoDiagnosi pre-impianto
Aspirare 1 o 2 cellule allo stadio di 8 cellule
è efficace ed innocuo?
• Si pos...
Problematiche etiche
• E’ giusto fare ricerca con lo scopo di
selezionare chi far vivere?
• E’ giusto sacrificare la vita ...
LE PERCENTUALI
Dati ministero:
le percentuali di gravidanze ottenute sui prelievi passano dal 24,8%
del 2003 al 21,2% del ...
Problemi legati alla
FEC ETEROLOGA
• Genitori biologici e no  3 genitori??
• Problema consanguinei
• Problema salute donn...
Giovani del novarese: Tema dell’ ABORTO
risposte espresse dalla sola componente dei
«cattolici praticanti regolari»
14‐18 ...
 La «pillola del giorno dopo» è un normale metodo anticoncezionale
20,7% 31,1%
 L’utilizzo della «pillola del giorno dop...
Giovani del novarese: Tema della Sessualità
risposte espresse dalla sola componente dei
«cattolici praticanti regolari»
14...
Giovani del novarese: Tema Matrimonio
risposte espresse dalla sola componente dei
«cattolici praticanti regolari»
14‐18 an...
I GIOVANI E LA VITA - Risultati
• Più della metà delle giovani donne del novarese
afferma che potrebbe prendere la decisio...
Modelli Contraccettivi
per Ripartizione Geografica
0
5
10
15
20
25
30
35
40
Nord Centro Sud
Pillola
IUD
Preservativo
Coito...
Fine presentazione
• Torna alla Home-page
Laboratorio Fede e Vita
Laboratorio Fede e Vita
Laboratorio Fede e Vita
Laboratorio Fede e Vita
Laboratorio Fede e Vita
Laboratorio Fede e Vita
Laboratorio Fede e Vita
Laboratorio Fede e Vita
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Laboratorio Fede e Vita

2,414 views

Published on

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,414
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,810
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • 09/12/13
  • 09/12/13
  • 09/12/13
  • 09/12/13
  • 09/12/13
  • Laboratorio Fede e Vita

    1. 1. Paolo e Luca Tanduo Milano 19 Gennaio 2013 Laboratorio - Fede e vita. Tra etica e bioetica Movimento per la Vita Ambrosiano Pastorale Giovanile Diocesi di Milano
    2. 2. Il Movimento per la Vita Ambrosiano è una Associazione, basata sul volontariato, che opera a Milano nell'ambito della difesa del valore della vita. E' federato al Movimento per la Vita Italiano insieme ad altri 300 Movimenti locali, a oltre 300 Centri e servizi di Aiuto alla Vita e a oltre 60 Case di Accoglienza per mamme e bambini. I SUOI SCOPI •Informare su ciò che concerne la vita e la morte umana: amore, sessualita', procreazione responsabile, vita prenatale, adozione, famiglia, aborto, manipolazioni genetiche, eutanasia, fine vita. •Favorire, attraverso un forte impegno educativo, rivolto soprattutto ai giovani, la formazione di una mentalita' di accoglienza e di rispetto della vita •Promuovere il rispetto della vita umana dal concepimento, in tutte le sue esigenze e in tutto l'arco del suo sviluppo, fino al termine naturale
    3. 3. I numeri dell’MPV • 140.000 bambini nati in 30 anni grazie all’MPV - 17.000 solo nel 2011 • 14.000 bambini nati col Progetto Gemma • 450mila donne assistite dai CAV in 30 anni, 60.000 nel 2011 • 82% delle donne aiutate dal CAV sono state straniere (erano il 16% nel 1990) • Il 7% delle donne arrivate nei CAV aveva il certificato d’aborto, l’85% di esse ha proseguito la gravidanza. • Il 38% delle gestanti aspetta da meno di 90 giorni
    4. 4. I numeri dell’MPV • Gestanti presentatesi • Direttamente 26% • Inviate da amici 28% • Inviate dai consultori pubblici 7% • Inviate da parrocchie/associazioni 9% • Difficoltà prevalenti: economiche 46%
    5. 5. I numeri dell’MPV • ETA’ delle ragazze che si rivolgono ai CAV • Meno di 18 anni 2% • Da 18 a 25 anni 24% • Da 25 a 34 anni 53%
    6. 6. GLI ABORTI NEL MONDO • 46.000.000 aborti all’anno • 1 MILIARDO negli ultimi 20 anni • In CINA 10 milioni di aborti ca • In USA 1.200.000 di aborti ca • In INDIA 10 milioni di bambine abortite in 20 anni
    7. 7. GLI ABORTI IN EUROPA • 2,9 milioni di bambini non nati, – 7.468 al giorno – 327 ogni ora – 1 ogni 11 secondi • Un aborto su 7 (il 14.2%) nella Ue-27 è stato praticato su ragazze minori di 20 anni • Nel Regno Unito, nel 2008 hanno abortito 46.897 adolescenti, contro le 31.779 della Francia, le 14.939 della Spagna, le 14.316 della Romania e le 13.775 della Germania.
    8. 8. Il caso Regno Unito Nel 2010 sono state 38.269 le adolescenti che hanno interrotto la gravidanza in Gran Bretagna. •di queste ben 5.300 sono alla seconda esperienza, •485 ragazze alla terza, •57 l’hanno fatto per la quarta volta, In INGHILTERRA 182.000 aborti nel 2007 (erano 25.000 nel 1968) In FRANCIA 210.000 aborti nel 2004 (erano 134.000 nel 1976) In SPAGNA, nel 1996, il tasso di aborti per ragazze minori di 20 anni era del 4%, aumentato al 7,2% nel 2007 In CROAZIA e POLONIA gli aborti diminuiscono
    9. 9. GLI ABORTI in ITALIA • 5 MILIONI di aborti negli ultimi 30 anni – 118.579 aborti nel 2009 (Dato ISTAT) – 3817 aborti effettuati da minorenni nel 2009 (Dato ISTAT) pari al 3,2% • Nel 33% dei casi le donne sono straniere (38309 aborti nel 2009) • Nel 44% dei casi le cause sono quelle economiche • Donne con precedenti aborti 27% • 3% degli aborti è oltre I 90 giorni (circa 3000-3500) • Fra le donne italiane che hanno effettuato un’IVG, il 45.4% non aveva figli, così come il 33.4% delle straniere • l’11.9% delle IVG fra le italiane e il 22% fra le straniere riguardano donne disoccupate o in cerca di prima occupazione. • Riguardo allo stato civile, le IVG fra nubili e coniugate sono in percentuali simili
    10. 10. GLI ABORTI TRA LE MINORENNI IN ITALIA Più del 60% delle ragazze non consulta nessuno prima delle decisione di abortire. Il 37% solo la madre, meno dell’1% entrambi i genitori
    11. 11. LA PILLOLA DEL GIORNO DOPO NORLEVO – HRA PHARMA 1,5 mg LEVONELLE – SCHERING 750 µg In Italia 2006 320.000 2007 364.000 (+15,625%rispetto al 2006) (+ 59,5% rispetto al 2001 (55% < 20 anni) In Francia 2002 Libero commercio, gratuito a minorenni 2007 1.000.000 GB 2001 Libero commercio, gratuito a minorenni
    12. 12. LA PILLOLA DEI 5 GIORNI DOPO consente di evitare la gravidanza anche se assunta cinque giorni dopo il rapporto sessuale ritenuto fecondo. appartiene alla famiglia dei SPRM (Modulatori Selettivi del Recettore Progestinico) come il Mifepristone (RU486) Impedisce al progesterone di funzionare occupandone i recettori quando l’impianto è già avvenuto impedisce al progesterone di esercitare la sua azione pro-gravidanza: l’embrione muore, Ulipristal acetato Ellaone 30 mg
    13. 13. Problematiche e osservazioni • Mancanza del colloquio per prevenire l’aborto • La gravidanza inizia dal concepimento • Esiste il diritto all’obiezione di coscienza dei farmacisti • Banalizzazione della sessualità • La donna assume tutta la responsabilità • Si elimina consapevolezza sociale dell’aborto • Deresponsabilizzazione dei medici
    14. 14. LA PILLOLA RU486 • La RU486 è un prodotto chimico che agendo sugli ormoni femminili impedisce l’annidamento e provoca l’espulsione del feto. • Consiste nell’assunzione di due pillole, la prima serve per impedire l’annidamento o provocare il distacco dell’embrione dalla parete uterina, la seconda serve per indurre l’espulsione del feto, utilizza lo stesso principio dell’induzione del parto • E’ pericoloso per la salute della donna: per infezioni batteriche, emorragie e shock settici causati dall’uso della RU486, che danneggia il sistema immunitario della donna. • si sono registrati in questi anni diversi casi di morte, il tasso di mortalità nelle donne è dieci volte maggiore nell’aborto con l’uso della RU486
    15. 15. La crisi della Famiglia • Gli ultimi dati Istat diffusi riferiti all’Anno 2007 confermano la situazione di difficoltà che la famiglia vive in Italia. • Nel 2007 risultano complessivamente 81.359 separazioni (+1,2% rispetto al 2006) e 50.669 divorzi (+2,3%), pari rispettivamente a 273,8 e a 170,5 ogni 100.000 persone coniugate residenti. La durata media dei matrimoni è pari a 14 anni per quelli conclusi in separazione, e a 17 anni per le unioni coniugali terminate con la sentenza di divorzio. I figli coinvolti sono 100.252 nelle separazioni e 49.087 nei divorzi. • I dati Istat evidenziano un continuo calo dei matrimoni: nel 2007 sono stati celebrati in Italia 250.360 matrimoni, nel 1972 ne erano stati celebrati quasi 419 mila. • Ma la situazione è grave un po’ ovunque nelle società occidentali.
    16. 16. L'aborto nel CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA 2270 La vita umana deve essere rispettata e protetta in modo assoluto fin dal momento del concepimento. • « Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo, prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato » (Ger 1,5). • « Non ti erano nascoste le mie ossa quando venivo formato nel segreto, intessuto nelle profondità della terra » (Sal 139,15).
    17. 17. Messaggio per la celebrazione della XLVI Giornata della pace, Papa Benedetto XVI • “La Chiesa è convinta che vi sia l’urgenza di un nuovo annuncio di Gesù Cristo, primo e principale fattore dello sviluppo integrale dei popoli e anche della pace [..] La pace è principalmente realizzazione del bene comune delle varie società. […] Via di realizzazione del bene comune e della pace è anzitutto il rispetto per la vita umana, considerata nella molteplicità dei suoi aspetti, a cominciare dal suo concepimento, nel suo svilupparsi, e sino alla sua fine naturale."
    18. 18. • “Chi vuole la pace non può tollerare attentati e delitti contro la vita. [..] Coloro che non apprezzano a sufficienza il valore della vita umana e, per conseguenza, sostengono per esempio la liberalizzazione dell’aborto, forse non si rendono conto che in tal modo propongono l’inseguimento di una pace illusoria. […] Come si può, infatti, pensare di realizzare la pace, lo sviluppo integrale dei popoli o la stessa salvaguardia dell’ambiente, senza che sia tutelato il diritto alla vita dei più deboli, a cominciare dai nascituri? Ogni lesione alla vita, specie nella sua origine, provoca inevitabilmente danni irreparabili allo sviluppo, alla pace, all’ambiente”.
    19. 19. • “Non c’è futuro dell’umanità senza la famiglia; in particolare i giovani, per apprendere i valori che danno senso all’esistenza, hanno bisogno di nascere e di crescere in quella comunità di vita e di amore che Dio stesso ha voluto per l’uomo e per la donna”. • La struttura naturale del matrimonio va riconosciuta e promossa, quale unione fra un uomo e una donna, rispetto ai tentativi di renderla giuridicamente equivalente a forme radicalmente diverse di unione che, in realtà, la danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione, oscurando il suo carattere particolare e il suo insostituibile ruolo sociale. Questi principi non sono verità di fede, né sono solo una derivazione del diritto alla libertà religiosa. Essi sono inscritti nella natura umana stessa, riconoscibili con la ragione, e quindi sono comuni a tutta l’umanità. • Nessuno può ignorare o sottovalutare il ruolo decisivo della famiglia, cellula base della società dal punto di vista demografico, etico, pedagogico, economico e politico.
    20. 20. LETTERA ENCICLICA CARITAS IN VERITATE DEL SOMMO PONTEFICE BENEDETTO XVI L'apertura alla vita è al centro del vero sviluppo.
    21. 21. 22 •Paolo VI nella Populorum progressio vuole comunicarci due grandi verità. La prima è che tutta la Chiesa, in tutto il suo essere e il suo agire, quando annuncia, celebra e opera nella carità, è tesa a promuovere lo sviluppo integrale dell'uomo. •La seconda verità è che l'autentico sviluppo dell'uomo riguarda unitariamente la totalità della persona in ogni sua dimensione
    22. 22. 23 L'apertura moralmente responsabile alla vita è una ricchezza sociale ed economica.
    23. 23. 24 •La concezione dei diritti e dei doveri nello sviluppo deve tener conto anche delle problematiche connesse con la crescita demografica. • Considerare l'aumento della popolazione come causa prima del sottosviluppo è scorretto, anche dal punto di vista economico
    24. 24. • Quando una società s'avvia verso la negazione e la soppressione della vita, finisce per non trovare più le motivazioni e le energie necessarie per adoperarsi a servizio del vero bene dell'uomo. Se si perde la sensibilità personale e sociale verso l'accoglienza di una nuova vita, anche altre forme di accoglienza utili alla vita sociale si inaridiscono. • L'accoglienza della vita tempra le energie morali e rende capaci di aiuto reciproco
    25. 25. 26 •Per salvaguardare la natura il problema decisivo è la complessiva tenuta morale della società. Se non si rispetta il diritto alla vita e alla morte naturale, se si rende artificiale il concepimento, la gestazione e la nascita dell'uomo, se si sacrificano embrioni umani alla ricerca, la coscienza comune finisce per perdere il concetto di ecologia umana e, con esso, quello di ecologia ambientale. •È una contraddizione chiedere alle nuove generazioni il rispetto dell'ambiente naturale, quando l'educazione e le leggi non le aiutano a rispettare se stesse. Il libro della natura è uno e indivisibile
    26. 26. Evangelium Vitae N39. La vita dell'uomo proviene da Dio, è suo dono, sua immagine e impronta, partecipazione del suo soffio vitale. Di questa vita, pertanto, Dio è l'unico signore: l'uomo non può disporne. «Perché ad immagine di Dio Egli ha fatto l'uomo» (Gn 9, 6).
    27. 27. Evangelium Vitae N57 L'uccisione diretta e volontaria di un essere umano innocente è sempre gravemente immorale. Tale dottrina, fondata in quella legge non scritta che ogni uomo, alla luce della ragione, trova nel proprio cuore (cf. Rm 2, 14- 15) N95 Si deve cominciare dal rinnovare la cultura della vita all'interno delle stesse comunità cristiane. Troppo spesso i credenti, perfino quanti partecipano attivamente alla vita ecclesiale, cadono in una sorta di dissociazione tra la fede cristiana e le sue esigenze etiche a riguardo della vita.
    28. 28. Evangelium Vitae N101 Quando la Chiesa dichiara che il rispetto incondizionato del diritto alla vita di ogni persona innocente - dal concepimento alla sua morte naturale - è uno dei pilastri su cui si regge ogni società civile, essa vuole semplicemente promuovere uno Stato che riconosca come suo primario dovere la difesa dei diritti fondamentali della persona umana, specialmente di quella più debole.
    29. 29. Embrione umano  2 cellule 15-20 ore  4 cellule  morula (8cellule) 2-4gg  blastocisti (64-128cellule) 5gg
    30. 30. Ha un mese ma il battito del suo cuore può già essere fissato su un elettrocardiogra mma.
    31. 31. 8 settimane: la formazione di tutti i suoi organi è terminata
    32. 32. 12 settimane: le labbra si aprono e si chiudono, la fronte si raggrinza...
    33. 33.                                                   20 settimane: si succhia il dito, si esercita per quando succhierà il latte della mamma
    34. 34. Un bacio fra gemelli nella pancia della mamma. L'eccezionale immagine, pubblicata dal Daily Mail, è frutto di una tecnica innovativa che permette di avere una sorta di ecografia a quattro dimensioni. Si utilizzano onde sonore ad altissima frequenza, riferisce il quotidiano britannico, con le quali gli scienziati sono ora in grado di creare un'immagine molto dettagliata di quello che succede nell'utero materno. Qui, uno dei gemelli bacia la sorellina. Le dimostrazioni d'affetto così precoci sono fondamentali per la crescita e secondo gli scienziati contribuiscono a spiegare l'attaccamento dei gemelli una volta nati. I SENTIMENTI ELE EMOZIONI
    35. 35. Nevaeh afferra il dito del medico che la fa nascere
    36. 36. Nuove problematiche etiche La fecondazione artificale e la sperimentazione sugli embrioni
    37. 37. CELLULE STAMINALI Sono cellule scarsamente differenziate capostipite di una famiglia da cui possono discendere tantissime altre cellule anche di tipologia differente. Sono sempre giovani, sempre pronte a proliferare, hanno la capacità di riprodursi a lungo senza differenziarsi Sono capaci di differenziarsi cioè di dare origine a cellule progenitrici dalle quali discendono popolazioni di cellule differenziate di circa 250 tipi presenti nei vari organi . Sono cellule che sono all’origine di tutte le cellule differenziate e specifiche di un organismo adulto
    38. 38. Le cellule staminali sono di 3 tipi Totipotenti:possono dare origine a un nuovo embrione e a tutti i tipi cellulari dell’organismo umano (es zigote) Multipotenti: o tessuto specifiche, danno origine a tutte le cellule dell’organismo adulto Pluripotenti:presenti negli stadi successivi dell’embrione , nel feto nel neonato DOVE SI TROVANO: 1. NEI TESSUTI ADULTI E IN QUASI TUTTI GLI ORGANI 2. NEL CORDONE OMBELICALE 3. NELL’EMBRIONE CELLULE STAMINALI
    39. 39. Le cellule staminali EMBRIONALI • Si crea un embrione in vitro • Si fa sviluppare l’embrione fino allo stadio di blastociste 160-200 cellule • Si estraggono 30-40 cellule, questo impedisce che l’embrione si sviluppi e causa la distruzione dell’embrione • Le cellule così ottenute vengono messe in terreni di coltura per produrre linee cellulari capaci di moltiplicarsi e differenziarsi
    40. 40. Le cellule staminali ADULTE • Sono estratte da tessuti,organi,cordone ombelicale • Sono multipotenti e indirizzate verso la formazione di un tessuto specifico anche se alcune si possono transdifferenziare (es midollo osseo in cartilagini, muscoli) • Essendo già parzialmente differenziate sono immuni dal dare origine a tumori come invece sono quelle totipotenti • Sono le uniche a poter essere trapiantate o a essere utilizzabili per riparare il tessuto senza problemi di rigetto • Diminuiscono con l’invecchiamento • Sono più difficili da trovare perché sono in numero minore
    41. 41. RISULTATI • NESSUNA cura o terapia è stata ricavata dalle cellule staminali embrionali • Moltiplice utilizzo cellule staminali adulte
    42. 42. Staminali adulte • Nessun problema etico • Risultati positivi gia’ raggiunti • Autotrapianto-nessun problema di rigetto
    43. 43. IL FUTURO « Cellule staminali pluripotenti indotte» «Ips» • Scoperte dal giapponese Thomson e dal giapponese Yamanaka settembre 2008 • Ottenute dalla pelle umana • Le hanno stimolate con le coppie di quattro geni-chiave • Per inserire nella struttura delle cellule adulte i quattro geni e riattivarli è stato utilizzato un retrovirus come “vettore” • I geni hanno ringiovanito le cellule adulte fino a uno stato pressochè indistinguibile da quello embrionale. Le cellule così ottenute sono pluripotenti possono cioè trasformarsi nelle cellule di qualsiasi altro tessuto umano • In tutta la procedura non è stato utilizzato nessun embrione umano
    44. 44. FECONDAZIONE ARTIFICIALE
    45. 45. La Fertilità uomo donna
    46. 46. 0 20 40 60 80 100 1 2 3 4 5 nati vivi La Fecondazione Artificiale risultati per n. di embrioni trasferiti
    47. 47. Diagnosi pre-impiantoDiagnosi pre-impianto Aspirare 1 o 2 cellule allo stadio di 8 cellule è efficace ed innocuo? • Si possono diagnosticare solo alcune malattie su migliaia • Si può sbagliare diagnosi nel 5-7% dei casi • Morte dell’embrione nel 5% dei casi • Non c’è nessuno studio sugli esiti a distanza
    48. 48. Problematiche etiche • E’ giusto fare ricerca con lo scopo di selezionare chi far vivere? • E’ giusto sacrificare la vita di un embrione (essere umano piccolo ed indifeso) per guarire un altro essere umano? • La diagnosi deve portare alla cura della malattia o all’eliminazione del malato?
    49. 49. LE PERCENTUALI Dati ministero: le percentuali di gravidanze ottenute sui prelievi passano dal 24,8% del 2003 al 21,2% del 2005, - 3,6 % Se si considerano i soli centri presenti sia nel 2003 che nel 2005: le percentuali di gravidanze ottenute sui prelievi passano dal 25,4% del 2003 al 22,7% del 2005, - 2,7 % Come sono calcolati i cicli ? nel 2003 si ritentava con embrioni congelati? Età delle donne che hanno effettuato i cicli Donne sotto i 35 anni 2003 43,6% 2005 39,3% Probabilità aborto spontaneo 10% eta’ < 30 anni 18% eta’ 30-39 anni 34% eta’ > 40 anni Donne sopra i 35 anni 2003 56,4% 2005 60,7% 2007 65.1%
    50. 50. Problemi legati alla FEC ETEROLOGA • Genitori biologici e no  3 genitori?? • Problema consanguinei • Problema salute donne «donatrici» • Genitori nonni? • Diritto del bambino • Non parità nella coppia • Orfano di un genitore vivo • Selezione eugenetica
    51. 51. Giovani del novarese: Tema dell’ ABORTO risposte espresse dalla sola componente dei «cattolici praticanti regolari» 14‐18 anni 20,3% 19‐25 anni 18,8% risposte espresse dal campione totale Si può parlare di persona al momento del concepimento 64,2% 45,7% Se fossi incinta senz’altro potrei pensare di abortire 6,1% 16% Se fossi incinta forse potrei pensare di abortire 27,3% 39,8% Se la mia ragazza fosse incinta senz’altro potrei proporle di abortire 0,0% 11,1% Se la mia ragazza fosse incinta forse potrei proporle di abortire 35,5% 41,8%
    52. 52.  La «pillola del giorno dopo» è un normale metodo anticoncezionale 20,7% 31,1%  L’utilizzo della «pillola del giorno dopo » non è per niente grave 25,8% 44,7%  Abortire a causa di una gravidanza indesiderata non è per niente grave 7,5% 22,6%  Abortire per salvaguardare la salute della madre non è per niente grave 37,3% 48,5%  Abortire a causa di difficoltà economiche non è per niente grave 10,8% 24,4%  Abortire in caso di malattie o deformazioni del feto non è per niente grave 13,6% 26%  Abortire a seguito di una violenza sessuale non è per niente grave 31,8% 50,5%  Sono decisamente d’accordo che nessuno ha diritto di abortire 16,4% 9,6% -------------------------------------------------------------------------------------------  Fare ricorso all'eutanasia su richiesta di malati terminali non è per niente grave 22,7% 42%
    53. 53. Giovani del novarese: Tema della Sessualità risposte espresse dalla sola componente dei «cattolici praticanti regolari» 14‐18 anni 20,3% 19‐25 anni 18,8% risposte espresse dal campione totale Usare metodi anticoncezionali non è per niente grave 71,2 % 82,6% Fare ricorso alla fecondazione artificiale non è per niente grave 51,5% 68,1% Tradire il proprio partner non è per niente grave 1,5% 5,4% Il momento giusto per avere il primo rapporto sessuale è dopo il matrimonio 12,1% 2,9% Avere rapporti omosessuali non è per niente grave 21,2 % 37,7% Sono decisamente d’accordo che un figlio può avere 2 genitori dello stesso sesso 3,0% 9,6% Sono decisamente d’accordo che una donna sola ha il diritto ad avere un figlio se vuole 11,9% 17,4%
    54. 54. Giovani del novarese: Tema Matrimonio risposte espresse dalla sola componente dei «cattolici praticanti regolari» 14‐18 anni 20,3% 19‐25 anni 18,8% risposte espresse dal campione totale Sono decisamente d’accordo che il matrimonio è superato 6,0% 9,5% Sono abbastanza d’accordo che il matrimonio è superato 11,9% 11,5% Sono decisamente d’accordo che l’amore eterno non esiste, quindi meglio convivere 6,1% 8,6% Sono abbastanza d’accordo che l’amore eterno non esiste, quindi meglio convivere 7,6% 13,5% Sono decisamente d’accordo che prima di sposarsi è giusto fare una prova di convivenza 20,0% 33,4% Sono abbastanza d’accordo che prima di sposarsi è giusto fare una prova di convivenza 30,8% 35,6% Sono decisamente d’accordo che il divorzio è una possibilità normale 7,7% 18,7% Sono abbastanza d’accordo che il divorzio è una possibilità normale 24,6% 26%
    55. 55. I GIOVANI E LA VITA - Risultati • Più della metà delle giovani donne del novarese afferma che potrebbe prendere la decisione di abortire se aspettasse un bambino non voluto. Stessa percentuale per i giovani maschi propensi a consigliare la strada dell’aborto procurato nel caso in cui la propria fidanzata rimanesse incinta. • Per quasi la totalità degli intervistati non è un problema etico usare metodi anticoncezionali. Di poco inferiore il consenso per le tecniche di fecondazione artificiale. • Aperture in merito all’eutanasia e ai rapporti omosessuali.
    56. 56. Modelli Contraccettivi per Ripartizione Geografica 0 5 10 15 20 25 30 35 40 Nord Centro Sud Pillola IUD Preservativo Coito Int. Met. Naturali Nessuno
    57. 57. Fine presentazione • Torna alla Home-page

    ×